Democrazia Atea

Pagina 9 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Justine il Mer 11 Mag - 19:57

Minsky ha scritto: almeno loro non sono e non saranno mai ammanicati con il clero

"Breaking news: il clero si professa pubblicamente ateo per contrapporsi, per puro 'spirito' di contraddizione, a quest'ultima categoria..." ahahahahahah

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Zeno il Mer 11 Mag - 21:31

Minsky ha scritto:
Zeno ha scritto:se si chiamasse democrazia laica sarebbe già più ragionevole, ma un nome come democrazia atea è escludente e priori e sarebbe ingenuo persuadersi che determinate persone possano sentirsene rappresentate  no!
Io mi sento rappresentato, per quel che è possibile, mille volte di più da Democrazia Atea che da qualsiasi altro partito o movimento politico. Se proprio devo scegliere, almeno loro non sono e non saranno mai ammanicati con il clero. La forza del nome sta nell'irrevocabilità del mandato.

Cyrano ha scritto:Il problema é la carica culturale che la parola "ateo" si porta dietro dopo millenni di teismo, lo stigma di qualcosa che non "é", ma "é contro"

Invece dire "democrazia atea" é come dire "democrazia onesta", "democrazia normale", "democrazia responsabile"...perché l'ateismo é lo stato normale delle cose, sono le credenze ad essere anormali

Purtroppo é come se invece di dirci onesti, fossimo costretti a dirci "non disonesti"...
Esatto!  ok

Rasputin ha scritto:Esattissimissimo. È come se si fosse costretti a dichiararsi non collezionisti di francobolli.
Sì. Sarebbe ora di proporre un nuovo lemma che indicasse in modo più netto che l'ateismo non è la semplice indifferenza alla religione, così sono buoni tutti ad essere atei.
puoi sentirti ultrarappresentato ma non puoi illuderti che la maggior parte degli altri possano esserlo
avatar
Zeno
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 849
Età : 34
Località : Rieti
Occupazione/Hobby : scrivere
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 04.02.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Mer 11 Mag - 21:35

Zeno ha scritto:
puoi sentirti ultrarappresentato ma non puoi illuderti che la maggior parte degli altri possano esserlo
"La maggior parte degli altri" chi?

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Zeno il Mer 11 Mag - 21:41

Minsky ha scritto:
Zeno ha scritto:
puoi sentirti ultrarappresentato ma non puoi illuderti che la maggior parte degli altri possano esserlo
"La maggior parte degli altri" chi?
degli aironi cinerini è chiaro  baby
avatar
Zeno
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 849
Età : 34
Località : Rieti
Occupazione/Hobby : scrivere
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 04.02.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Mer 11 Mag - 21:45

Zeno ha scritto:
Minsky ha scritto:
Zeno ha scritto:
puoi sentirti ultrarappresentato ma non puoi illuderti che la maggior parte degli altri possano esserlo
"La maggior parte degli altri" chi?
degli aironi cinerini è chiaro  baby


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Justine il Gio 12 Mag - 5:01


_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Sab 25 Giu - 19:36



TUTTI A MESSA

Il primo atto pubblico di un Sindaco è significativo.

Alemanno come primo gesto dopo l’insediamento, mandò un saluto deferente al monarca vaticano.
La Raggi, come primo atto da Sindaco, con la fascia tricolore, non si è limitata al telegramma di deferenza ma ha partecipato ad un evento giubilare organizzato presso la Pontificia Università Lateranense, poi si è recata in pompa magna presso la basilica di San Giovanni in Laterano ed ha assistito ad una messa, e poi è passata attraverso la Porta Santa, esibendosi, nella sua veste pubblica e sempre con la fascia tricolore, in un rituale magico secondo il quale, attraversando determinate porte si cancellano tutti i comportamenti negativi e in conflitto con la morale cattolica.
In una recente dichiarazione la Raggi aveva affermato che “il vento sta cambiando”.
Di certo, in punto di laicità nessun cambiamento epocale, perché neanche la Raggi ha dimostrato di comprendere che le manifestazioni del culto della sua setta non appartengono a tutti.
Con la fascia tricolore lei rappresenta tutti i cittadini di Roma e la ritualità della sua setta la può seguire come privata cittadina e non come Sindaco di atei, ebrei, islamici, buddisti e pastafariani, non credenti, evangelici, testimoni di Geova, ortodossi o comunque seguaci di decine di altri culti diversi da quello cattolico.
La Raggi si conferma come esponente di punta di un partito che, deficitario di ideologie, non conosce il principio di laicità.
Non sarà sufficiente colmare questa grave lacuna con la dichiarata intenzione di far pagare le tasse sugli immobili al Vaticano, perchè la motivazione sottesa non sarà l'affermazione di un principio fondante dei sistemi democratici, quanto piuttosto un mero obiettivo di cassa.

Carla Corsetti
Segretario Nazionale di Democrazia Atea

http://www.democrazia-atea.it

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Gio 28 Lug - 12:44



DOVE C'È PEDOFILIA C'È CHIESA

Bergoglio è un gesuita e sapere che un suo fidato collaboratore è un pedofilo, a quanto pare non gli procura il minimo imbarazzo.

Il suo consigliere economico Pell fino ad ora era stato accusato di aver ripetutamente coperto preti pedofili.
Secondo il diritto canonico coprire dei pedofili è imposto dalla direttiva crimen sollicitationis che Bergoglio si guarda bene dall'abrogare.
E siccome la pedofilia nel diritto canonico è tutelata, Bergoglio ha mantenuto Pell in carica e ha fatto finta di niente.
Ora Pell è accusato di essere stato anche lui un predatore sessuale seriale negli anni '70.
E Bergoglio, che di certo lo ha saputo prima della stampa italiana, continua a mantenerlo tra i suoi consiglieri.
Sapere che un proprio collaboratore ha coperto degli stupratori di bambini metterebbe in imbarazzo chiunque.
Sapere che non solo ha protetto e coperto degli stupratori ma è stato anche lui un predatore sessuale seriale, farebbe rabbrividire chiunque, ma non Bergoglio.
Continueranno anche domani mattina a pregare insieme per lo stesso dio, il dio denaro.
Ribrezzo infinito.


http://www.democrazia-atea.it

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Mar 23 Ago - 7:39



RISULTATO AVVILENTE


A qualcuno sfugge che Democrazia Atea è l'unico partito in Italia che ha chiesto pubblicamente di dichiarare fuorilegge la Dichiarazione Islamica dei Diritti dell'Uomo firmata a Parigi nel 1981 perchè incompatibile con la Dichiarazione per la Salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà Fondamentali.

A qualcuno sfugge che Democrazia Atea è l'unico partito che denuncia i capitali del Qatar in Italia come quelli dell'Arabia Saudita.

A qualcuno sfugge che abbiamo contestato sdegnati la copertura dei nostri capolavori quando è venuto in Italia quel misogino sessuofobico di Rouani davanti al quale Renzi ha steso tappeti rossi.

A qualcuno sfugge che Democrazia Atea è stato l'unico partito che quando i fratelli mussulmani insieme con Morsi sono stati arrestati, pur non esprimendo posizioni esaltanti verso l'esercito, ha dichiarato legittima la protesta contro quelli che in Egitto erano ormai chiamati i Brothers Terrorist, e in quell'occasione abbiamo ricevuto numerose contestazioni circa il nostro livello democratico perchè, secondo i nostri detrattori, Morsi era stato legittimamente eletto.

Noi siamo contro le ingerenze teocratiche, da qualunque religione provengano, e purtroppo sappiamo che nessuno le combatterà perchè i soldi, come diceva qualcuno, per molti non hanno odore.

È più facile scagliarsi contro le donne anzichè offrirgli una alternativa percorribile, ma sanzionandole sapendo che il risultato non sarà la dismissione del burkini, ma l'impossibilità di andare in spiaggia. A noi sembra un risultato avvilente.


http://www.democrazia-atea.it

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Gio 8 Set - 13:01



DIRITTI

Che manchi una alternativa a sinistra è un dato di fatto.

Democrazia Atea, ad esempio, è una alternativa ideologica ma non elettorale e questo è un problema.

A ben vedere tutti i partiti di sinistra sembra che non abbiano chance elettorali. Se la Costituzione del 1948 riusciremo a salvarla, ci sarà una possibilità che a sinistra si formi una alternativa alla destra.

Se passa la deforma anche questa potenzialità sarà vanificata. Avremo solo ed unicamente partiti di destra, ultra capitalisti e ultra liberisti. La prospettiva anticapitalista sarà definitivamente sepolta.

Salvare la Costituzione non significherà avere una alternativa immediata e automatica a sinistra, ma avere una possibilità di ricostruirla una alternativa a sinistra, arginando il debordante capitalismo che già sta soffocando, manco a dirlo, ogni sostegno ai diritti sociali e, a nostro avviso, anche politici.


http://www.democrazia-atea.it

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Lun 12 Set - 6:50


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Sab 22 Apr - 6:56



CARLA CORSETTI A VENEZIA 22 APRILE ALBERGO AMADEUS ORE 17.30

È più di un fattaccio, è un orrore, è una violenza sui bambini, è la pedofilia. Fa sempre male, ed è un male che può maturare e degenerare nel tempo senza consentire alla vittima di guarire mai completamente dall’offesa subita.
Se poi chi fa del male è una persona autorevole, stimata dalla società, il danno è ancora più grave perché il bambino non riesce più a orientarsi e non capisce se il dolore che prova è in qualche modo necessario oppure se è causato dalla propria esigenza di accettazione. E purtroppo succede anche che chi è oggetto di violenza possa ritrovarsi a replicarla.
Carla Corsetti, avvocato, segretario nazionale di Democrazia Atea, autrice del libro “Perché i preti sono pedofili”, affronterà senza ipocrisie il problema della pedofilia nella chiesa cattolica.
L'ingresso è libero.
L'albergo si trova a pochi metri dal Ponte della Costituzione (Calatrava), dalla stazione dei treni di Venezia, in Lista di Spagna sulla sinistra prima del Campo san Geremia (Rai) e del ponte delle Guglie.

http://www.democrazia-atea.it

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Rasputin il Sab 22 Apr - 12:15

Minsky ha scritto:
CARLA CORSETTI A VENEZIA 22 APRILE ALBERGO AMADEUS ORE 17.30

È più di un fattaccio, è un orrore, è una violenza sui bambini, è la pedofilia. Fa sempre male, ed è un male che può maturare e degenerare nel tempo senza consentire alla vittima di guarire mai completamente dall’offesa subita.
Se poi chi fa del male è una persona autorevole, stimata dalla società, il danno è ancora più grave perché il bambino non riesce più a orientarsi e non capisce se il dolore che prova è in qualche modo necessario oppure se è causato dalla propria esigenza di accettazione. E purtroppo succede anche che chi è oggetto di violenza possa ritrovarsi a replicarla.
Carla Corsetti, avvocato, segretario nazionale di Democrazia Atea, autrice del libro “Perché i preti sono pedofili”, affronterà senza ipocrisie il problema della pedofilia nella chiesa cattolica.
L'ingresso è libero.
L'albergo si trova a pochi metri dal Ponte della Costituzione (Calatrava), dalla stazione dei treni di Venezia, in Lista di Spagna sulla sinistra prima del Campo san Geremia (Rai) e del ponte delle Guglie.

http://www.democrazia-atea.it

Sono curioso di sapere eventuali reazioni, contestazioni effetti collaterali ecc.

Tienici per favore al corrente sugli sviluppi, tanto il 22 è oggi

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50735
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Sab 22 Apr - 13:38

Rasputin ha scritto:

Sono curioso di sapere eventuali reazioni, contestazioni effetti collaterali ecc.

Tienici per favore al corrente sugli sviluppi, tanto il 22 è oggi
ok

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Rasputin il Sab 22 Apr - 18:24

Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Sono curioso di sapere eventuali reazioni, contestazioni effetti collaterali ecc.

Tienici per favore al corrente sugli sviluppi, tanto il 22 è oggi
ok

Tornato?

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50735
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Sab 22 Apr - 20:55

Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Sono curioso di sapere eventuali reazioni, contestazioni effetti collaterali ecc.

Tienici per favore al corrente sugli sviluppi, tanto il 22 è oggi
ok

Tornato?
Yes eccomi qui.

Conferenza molto interessante e buona affluenza di pubblico, nella quasi totalità aderenti UAAR.

Presenti anche i Pastafariani rappresentati dal Pastriarca di Venezia Luigi Lui.

Le copie disponibili del libro di Carla Corsetti "Perché i preti sono pedofili" sono andate esaurite in pochi istanti e purtroppo non essendo stato pronto, finita la conferenza, a scattare verso la bancarella, non sono riuscito ad averne neppure una. Dovrò aspettare la ristampa perché erano le ultime copie, anche online sono già esaurite: https://tempestaeditore.it/shop/volumi-doccasione/perche-i-preti-sono-pedofili/

In estrema sintesi, la tesi esposta da Carla Corsetti è che i preti e in generale le gerarchie ecclesiastiche usino la pedofilia come strumento di sottomissione e conquista. Ha fatto inizialmente l'esempio delle truppe di un esercito invasore che usano lo stupro per sottomettere la popolazione conquistata. Inoltre lo stupro dei minori da parte dei preti avrebbe una caratteristica "rituale", in quanto gesto di affermazione del potere sui soggetti stuprati, e per estensione sulle loro famiglie - ciò che si concretizza nella fase del "processo canonico" in cui le vittime vengono costrette al silenzio e obbligate a rinunciare ad ogni pretesa di giustizia.
Il discorso si è poi sviluppato verso aspetti più tecnici indicando infine come obiettivo minimo ma fattibile l'abrogazione dell'art. 7 del concordato.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Rasputin il Sab 22 Apr - 21:09

Minsky ha scritto:[...]

In estrema sintesi, la tesi esposta da Carla Corsetti è che i preti e in generale le gerarchie ecclesiastiche usino la pedofilia come strumento di sottomissione e conquista. Ha fatto inizialmente l'esempio delle truppe di un esercito invasore che usano lo stupro per sottomettere la popolazione conquistata. Inoltre lo stupro dei minori da parte dei preti avrebbe una caratteristica "rituale", in quanto gesto di affermazione del potere sui soggetti stuprati, e per estensione sulle loro famiglie - ciò che si concretizza nella fase del "processo canonico" in cui le vittime vengono costrette al silenzio e obbligate a rinunciare ad ogni pretesa di giustizia.
Il discorso si è poi sviluppato verso aspetti più tecnici indicando infine come obiettivo minimo ma fattibile l'abrogazione dell'art. 7 del concordato.

Ok

come immaginerai - e forse sai - ho le mie opinioni in merito, ti rispondo però con calma ora sto guardandomi Selby fare spezzatino di Xiao carneval

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50735
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Mar 30 Mag - 18:14



SCHERZI DA PRETE

La Commissione bilancio ha dato il via libera a strumenti di regolamentazione delle prestazioni di lavoro occasionali che ricalcano i voucher appena abrogati.
La destra PD è ormai impermeabile a valutazioni politiche sulla precarizzazione e soprattutto sul fatto che queste modalità di assunzione, seppur brevi e occasionali, determinano un concetto generalizzato di mercificazione che, ad onta della emersione del nero, modificano i rapporti di forza nel mondo del lavoro in senso peggiorativo.
Gli strumenti legislativi danno forma e sostanza alle strutture sociali, più di quanto non si veda, e una società che consente a taluni di dare solo un valore economico e non più sociale ad una prestazione lavorativa, è una società che fa del disvalore umano una sua peculiarità.
Ma nel caso in questione, tuttavia, le finalità sottese alla reintroduzione dei voucher, sembrano essere altrove.
Renzi vuole andare al voto ad ottobre.
Però non può fare a Gentiloni lo stesso scherzetto che ha fatto a Letta.
Allora prepara un piattino per gli avversari e ottiene più risultati con una sola mossa.
Fa approvare la reintroduzione dei voucher in Commissione bilancio dopo aver impedito agli italiani di bocciarli con un referendum, e in tal modo sbeffeggia l’elettorato che voleva abrogarli nelle urne referendarie.
Fa una prima verifica di fedeltà con Forza Italia per accertarsi se è disposta ad un governo con il PD dopo le elezioni.
Fa infuriare gli ex PD che minacciano la sfiducia a Gentiloni, così Renzi potrà dare a loro la “colpa” della caduta del Governo e delle elezioni anticipate.
La destra democristiana è maestra in queste manovre.
Letta, dopo che Renzi lo aveva cacciato dal Governo quasi a spintoni, è rimasto nel PD, figuriamoci se Gentiloni non resterà anche lui fedele a Renzi dopo che lo avrà fatto cadere.
Sono democristiani doc, si scambiano amabilmente scherzi da prete, e agli italiani basterà qualche bugia a reti unificate per tranquillizzarsi e tornare dagli chef in tv.
E nel frattempo l’art.1 della Costituzione lo avranno di nuovo calpestato, e la destra renzusconiana si conferma in continuità con chi non riesce proprio a favorire chi investe sul lavoro, ma su chi vuole soltanto speculare.


http://www.democrazia-atea.it

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Rasputin il Mer 31 Mag - 11:56

Che la DC continuasse ad esistere lo sospettavo  da un pezzo, solo non riuscivo a capire sotto quali (Mentite) spoglie...

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50735
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Lun 17 Lug - 6:40



SINARCHIA

Paolo Ferrero, già Segretario di Rifondazione Comunista, pubblica una lettera sul Manifesto.

Le riflessioni sui disastri neoliberisti della ex sinistra (D'Alema, Bersani, Pisapia...) possono anche essere politicamente condivisibili.
Ma poi Ferrero, in un capolavoro di auto-delegittimazione politica, dice che una coalizione a sinistra dovrebbe essere capeggiata dal Papa.
Dopo essere stato a capo di un partito che poneva nella difesa dei diritti sociali e nelle tutele del mondo del lavoro la propria priorità, dopo essersi fatto "scippare" la classe operaia finanche dalla Lega Nord, nel fallimento della propria parte politica, si declina al sacro.
Ma qui si va ben oltre la deriva teocratica perchè nella consapevolezza dei propri limiti, Ferrero auspica che la classe dirigente del nuovo cartello elettorale a sinistra, incapace di essere riferimento per le masse, debba degenerare nella sottomissione ad una casta sacerdotale, di cui il Bergoglio è il capo.
Noi di Democrazia Atea auspichiamo la riaffermazione dei diritti democratici, di cui il clero non è mai stato interprete, né potrà esserlo un gesuita talmente abile da far credere che la lucida prospettiva imperialista del suo Stato possa addirittura essere interpretata come contrasto alle politiche da lui stesso attuate.
Il processo di sottomissione al clero iniziato con Togliatti trova oggi il suo completamento, nel momento Ferrero si spinge ben oltre la teocrazia e propone addirittura, forse senza rendersene conto, una sinarchia.
Che pena.

Carla Corsetti
Segretario nazionale di Democrazia Atea


http://www.democrazia-atea.it

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Lun 17 Lug - 6:42



UNO SPETTRO SI AGGIRA PER L’EUROPA, LA TEOCRAZIA


Anche Peter Gomez è caduto nella trappola gesuitica e anche lui propone, in un editoriale, il governo di Bergoglio, anche lui auspica una teocrazia.
L’apoteosi suicidaria della alternativa borghese approda anche per lui al governo della casta sacerdotale.
Gomez crede addirittura che Bergoglio voglia modificare la sua chiesa e crede che quella massa di mantenuti milionari si stia effettivamente opponendo ad una fantomatica riforma della chiesa che il loro capo mostra di volere attuare.
Sarebbe come credere che un generale in guerra voglia trasformare tutte le sue truppe in disertori.
E’ vero che l’etica di un popolo si modifica se si modificano le sue strutture religiose, ma è pur vero che l’etica dell’Italia è la sintesi perfetta dell’etica cattolica, e si stenta a credere che si auspichi addirittura una maggiore cattolicizzazione della società e delle istituzioni.
La struttura stessa dell’irresponsabilità individuale e politica degli italiani trae origine dall’ ”ego me absolvo”, dalla modalità assolutoria e perdonista che quella religione attua da secoli.
La cattolicizzazione delle istituzioni ha avuto quali effetti tangibili, che la solidarietà sociale è stata sostituita con la cattolica carità, l’insegnamento critico e autonomo è stato sostituito con il nozionismo e con la catechizzazione cattolica, la morale collettiva è stata modellata attorno all’opportunismo, più o meno delinquenziale, che si nasconde dietro la maschera del moralismo cattolico, il diritto al lavoro è stato sostituito con la “concessione” o con la “raccomandazione” ovvero con meccanismi verticistici attraverso i quali le tutele legislative non valgono quanto l’intercessione del santo del giorno.
La corruzione è parte strutturale della chiesa cattolica, è la modalità consolidata che garantisce l’irrinunciabile privilegio.
Bergoglio è stato abile nel coprire il piano organizzativo e di penetrazione delle istituzioni, vero fulcro della teocratizzazione progressiva, con il piano, legittimo, della spiritualità, a tal punto che tutti, ottenebrati dal secondo, hanno addirittura negato l’esistenza del primo.
Ha fatto credere di voler combattere la pedofilia modificando il codice penale, ma si è guardato bene dal modificare il codice canonico, perché vuole mantenere a tutti i costi la protezione giudiziaria sui suoi pedofili, sa bene che il potere clericale ha il suo punto di forza nello stupro sistematico dei minori, la più potente arma per mantenere l’intera popolazione nel timore reverenziale verso la casta sacerdotale.
Del resto continuare a tenersi come stretto collaboratore Pell sapendo già da due anni di cosa era accusato, vuol dire che Bergoglio non alcun imbarazzo nel frequentare chi è accusato di pedofilia e ha continuato a tenerselo nel suo più ristretto entourage, come se nulla fosse.
C’è un passaggio assai grave e preoccupante nell’editoriale di Gomez: “Pensate come sarebbe una repubblica dove chi sbaglia venisse perdonato, ma solo dopo aver ammesso e riparato il proprio errore.”
Gomez descrive il meccanismo del reato come se fosse quello del peccato, con la sequenza confessione-espiazione-perdono che, nella sua aspirazione ideale, dovrebbe sostituire quella del processo-condanna-riabilitazione.
Accettare la sovrapposizione reato=peccato reca in sé una pericolosissima degenerazione che ha visto nella teocratizzazione delle società, l’accettazione della equazione successiva peccato=reato, per cui la mancata adesione alle regole morali della religione dominante comporta punizioni e restrizioni alla propria libertà, proprio come accadeva da noi con il tribunale dell’inquisizione e come accade oggi nei paesi islamici.
Insomma il medioevo dell’umanità.
Gomez dimentica che Bergoglio è un gesuita e che non farà mai ciò che dice, dimentica che è un reazionario che vuol far credere di essere progressista, dimentica che si è appropriato di un significante (Francesco) per modificare la struttura del significato (adesione alla povertà) perché il potere economico è l’unica strada possibile per mantenere in piedi la sua chiesa, e dispone di una capacità comunicativa non comune per dare ad intendere il contrario.
Francesco De Sanctis ha descritto magistralmente il lavoro che hanno fatto i gesuiti di cui Bergoglio è senza dubbio l’esponente più rappresentativo che ci sia mai stato: “la morale gesuita è riuscita ad abbassare la morale del popolo, ad avvezzarlo all’ipocrisia, a contentarsi dell’apparenza, negligendo la sostanza”.
Da Peter Gomez ci aspettavamo maggior sostanza.


http://www.democrazia-atea.it


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Dom 30 Lug - 11:24


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Rasputin il Dom 30 Lug - 11:34

Minsky ha scritto:

eh già, è quella che io chiamo differenza tra laico e laido carneval

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50735
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Gio 7 Set - 16:02


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Democrazia Atea

Messaggio Da Minsky il Dom 17 Set - 20:16




_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15644
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 9 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum