Considerazioni sulla Bibbia

Pagina 5 di 19 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 12 ... 19  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Valenkhs il Dom 10 Ott - 20:04



La prossima volta che parlo con un sacerdote gli porrò alcune di queste domande! XD
avatar
Valenkhs
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 73
Età : 27
Località : Napoli
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 26.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da mecca domenico il Dom 10 Ott - 21:18

La prossima volta che parlo con un sacerdote gli porrò alcune di queste domande!

Povero illuso! probabilmente ti sentirai rispondere: è un mistero che si può capire solo con la fede.
A suo tempo anch'io avevo provato a farli parlare e a sentirmi dare queste risposte ho preferito cercare le risposte in me stesso e non mi sono sentito mai tanto ma tanto bene.

mecca domenico
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1796
Età : 70
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 31.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da davide il Dom 10 Ott - 22:56

@Valerio: l'avevo ricevuta via mail qualche tempo fa: uno spasso! ahahahahahah

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da holubice il Lun 11 Ott - 11:03

Quella lettera, originariamente, è stata pubblicata sulla stampa americana ed indirizzata (mi sembra) ad una fervente predicatrice (l'omologa di Fanzaga a stelle e strisce).
Qui c'è l'originale. E qui potete prendere ispirazione direttamente dai suoi sermoni.

avatar
holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6218
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Valenkhs il Ven 15 Ott - 20:44

mecca domenico ha scritto:

Povero illuso! probabilmente ti sentirai rispondere: è un mistero che si può capire solo con la fede.
A suo tempo anch'io avevo provato a farli parlare e a sentirmi dare queste risposte ho preferito cercare le risposte in me stesso e non mi sono sentito mai tanto ma tanto bene.

Temo che tu abbia ragione XD
Anche la mia catechista mi rispondeva sempre in quel modo...
avatar
Valenkhs
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 73
Età : 27
Località : Napoli
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 26.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Juls il Mer 20 Ott - 19:19

Sono bellissime queste domande xD
Anche a me piacerebbe usarle, ma ho già avuto un'esperienza simile con un prete. Gli ho chiesto: "ma se Adamo ed Eva hanno avuto solo figli maschi, come facciamo noi ad essere qui? E anche se avessero avuto figlie femmine, fratelli e sorelle avrebbero dovuto procreare fra di loro? Non sarebbe incesto?" E mi ha risposto che non devo prendere in esame la Bibbia come verità assoluta, ma devo vederla come una guida.
Cioè quindi quando li metti in difficoltà e non sanno più cosa risponderti loro ti dicono: "la risposta è nelle Sacre Scritture". Poi quando si rendono conto che conosci le Sacre Scritture meglio di loro, non sanno più cosa risponderti.

Juls
------------
------------

Femminile Numero di messaggi : 15
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.10.10

http://gimpworld.forumfree.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da nellolo il Gio 21 Ott - 14:05

Juls ha scritto: ...mi ha risposto che non devo prendere in esame la Bibbia come verità assoluta, ma devo vederla come una guida...

chissà se Giordano Bruno o Galileo hanno provato a dare questa risposta all'Inquisizione
avatar
nellolo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1290
Età : 55
Località : Ragusa
Occupazione/Hobby : geologo
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 26.05.10

http://nellolomonaco.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Phoenix il Gio 21 Ott - 14:10

nellolo ha scritto:
Juls ha scritto: ...mi ha risposto che non devo prendere in esame la Bibbia come verità assoluta, ma devo vederla come una guida...

chissà se Giordano Bruno o Galileo hanno provato a dare questa risposta all'Inquisizione
bella questa...hahahahah voglio vedere quando il navigatore pieno zeppo di difetti lo guida verso il polo nord invece alla farmacia più vicina ...che pagliacci sti'preti
avatar
Phoenix
-----------
-----------

Femminile Numero di messaggi : 2058
Età : 46
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.10

https://twitter.com/PhoenixEclipse1

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Multiverso il Gio 21 Ott - 15:12

Juls ha scritto:Sono bellissime queste domande xD
Anche a me piacerebbe usarle, ma ho già avuto un'esperienza simile con un prete. Gli ho chiesto: "ma se Adamo ed Eva hanno avuto solo figli maschi, come facciamo noi ad essere qui? E anche se avessero avuto figlie femmine, fratelli e sorelle avrebbero dovuto procreare fra di loro? Non sarebbe incesto?" E mi ha risposto che non devo prendere in esame la Bibbia come verità assoluta, ma devo vederla come una guida.
Cioè quindi quando li metti in difficoltà e non sanno più cosa risponderti loro ti dicono: "la risposta è nelle Sacre Scritture". Poi quando si rendono conto che conosci le Sacre Scritture meglio di loro, non sanno più cosa risponderti.

Quando i graduati della Chiesa Cattolica si trovano in difficoltà su palesi assurdità o incongruenze della Bibbia, tirano fuori dalla manica l'asso della interpretazione non letterale del testo.

Beh, in primo luogo dovrebbero spiegarmi in base a quale criterio certo e assoluto si deve ricorrere talvolta all'interpretazione letterale e talaltra a quella libera.

In secondo luogo quella stessa Chiesa fino a non molto tempo fa era assolutamente convinta della verità letterale del sacro testo, e insegnava al suo gregge di pecoroni a credere proprio in quella.

La terza riflessione, infine, è una diretta conseguenza di quest'ultima, e cioè che l'allargamento delle conoscenze scientifiche toglie crescenti fette di potere e proprietà privata al buon Dio.

Dio, quell'espediente nato dalla mente umana, utile a giustificare tutto ciò che l'uomo non riusciva e non riesce a comprendere o non vuole accettare, creato come un immenso contenitore vuoto in cui ognuno da sempre ci può gettare tutto quello che vuole, un po' come la visione di una stella cadente a cui ognuno lega il desiderio a cui tiene di più.
Un ottimo placebo mentale che sta subendo, con l'inarrestabile progresso della specie homo, crescenti metamorfosi restringenti che un giorno lo renderanno non più utile e, come tale, degno di una bella voltata di spalle, questa volta tutta umana.
avatar
Multiverso
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1413
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da nellolo il Gio 21 Ott - 15:21

ottimo Multiverso, concordo; purtroppo non sono però così ottimista sul fatto che la ragione possa sconfiggere l'irrazionale bisogno del soprannaturale che, appunto, essendo irrazionale fa parte della mente umana
avatar
nellolo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1290
Età : 55
Località : Ragusa
Occupazione/Hobby : geologo
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 26.05.10

http://nellolomonaco.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Multiverso il Gio 21 Ott - 16:11

nellolo ha scritto:ottimo Multiverso, concordo; purtroppo non sono però così ottimista sul fatto che la ragione possa sconfiggere l'irrazionale bisogno del soprannaturale che, appunto, essendo irrazionale fa parte della mente umana
Anche io, caro Nello, sono convinto che la ragione difficilmente possa sconfiggere il bisogno di Dio, a mio avviso legato all'inevitabile evento morte che va contro lo stesso istinto di sopravvivenza dell'uomo. Se gli animali possedessero facoltà mentali simili a quelle dell'uomo, e quindi percepissero anche loro il problema morte, creerebbero anch'essi un dio personale utile a sconfiggere psicologicamente il trauma-morte.

Tuttavia se la ragione difficilmente può eliminare l'idea di dio, la scienza con i suoi inarrestabili progressi ne sta smontando un pezzo dopo l'altro. Basti pensare alla spiritualità dell'uomo primitivo e alla divinizzazione di ogni evento incomprensibile, che rendeva dio padrone dei venti, delle piogge, dei terremoti e di tutto quello che l'uomo temeva e non comprendeva, o gli era semplicemente utile alla sopravvivenza. Quel dio è profondamente distante da quello attuale, era un dio che dominava ogni accadimento umano e che oggi ci fa sorridere per tanta ingenuità, perchè la scienza odierna ci ha spiegato che le cariche elettriche differenziate sono all'originie di lampi e fulimini, o che non sono mai esistiti Adamo ed Eva e che siamo figli dell'evoluzione per selezione naturale.
Il Dio attuale è un Dio "moderno", profondamente distante da quello ancestrale, e proprio questo inarrestabile progresso scientifico lo renderà sempre più nudo e meno potente, per cui un giorno, forse neppure troppo lontano, non sarà più possibile, con tutta la buona volontà, credere in Dio esattamente come oggi non è più possibile credere in Nettuno che con il tridente in mano si diverte ad agitare i mari e a provocare tsunami a piacimento.
avatar
Multiverso
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1413
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Feynman il Gio 21 Ott - 16:19

Attento a quello che affermi Multi... Dio è in ascolto!

Scherzi a parte. Ciò che tu prospetti è una mia profonda speranza, denudare dio della sua livrea di onnipotenza ed onnipresenza.
avatar
Feynman
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 956
Età : 42
Località : Settore galattico ZZ9 Plurale Z Alfa
Occupazione/Hobby : Musicante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 30.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da delfi68 il Gio 21 Ott - 16:20

..e un buon modo e' l'ilarita'..sfottere e deridere la divinita' riconduce a cio' che essa e'..un gioco di fantasia.
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Rasputin il Gio 21 Ott - 16:26

nellolo ha scritto:ottimo Multiverso, concordo; purtroppo non sono però così ottimista sul fatto che la ragione possa sconfiggere l'irrazionale bisogno del soprannaturale che, appunto, essendo irrazionale fa parte della mente umana

Dissento. Per me il "bisogno del soprannaturale" è unicamente causato da fattori esterni, comunque ormai su questo argomento ci devono essere 2 o 3 thread aperti

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50060
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da nellolo il Gio 21 Ott - 18:45

per fattori esterni, intendi non collegati alla mente individuale del credente, ma indotti diciamo in mala fede?
avatar
nellolo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1290
Età : 55
Località : Ragusa
Occupazione/Hobby : geologo
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 26.05.10

http://nellolomonaco.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Paolo il Gio 21 Ott - 18:56

Ha ragione Rasp! Di questo argomento ne abbiamo già discusso più volte. Una sola battuta: il nostro cervello non è in grado di inventare nulla. Può solo idealizzare o astrare un fatto o fenomeno reale e che viene percepito dai sensi. E anche il sentimento del divino non sfugge a questa regola.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8694
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da SergioAD il Gio 21 Ott - 19:14

L'Italiano non è la mia madre lingua e perciò fatico un po di più rispetto a voi, però il termine inventare se non lo associo al cervello non capisco a che cosa associarlo.

Mentre l'idealizzazione e l'astrazione vanno d'accordo con le divinità e le relative sacre scritture.

La divinità senza l'imprinting, comprese le moralità, è una variabile.

La Bibbia? Per alcuni (politicamente corretto) psichiatri si deve bruciare.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Paolo il Gio 21 Ott - 19:59

Sergio, mi sembra che tu abbia una ottima padronanza dell'italiano!!!Non fare il falso modesto . Il termine inventare l'ho utilizzato nel senso di creare qualcosa con la mente. E la mente umana può elaborare dei concetti o delle idee ma in ogni caso sempre e solo utilizzando elementi che derivano e ricadono sotto i nostri sensi. Non esiste nessun concetto che non abbia la sua origine da elementi del mondo che ci circonda. Perciò dato questo presupposto, ci si può domandare da dove abbia origine il concetto del metafisico o del divino. Da quale elemento fisico deriva?
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8694
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Rasputin il Gio 21 Ott - 20:01

nellolo ha scritto:per fattori esterni, intendi non collegati alla mente individuale del credente, ma indotti diciamo in mala fede?

Non solo, anche sociali. Credenti non si nasce, in altre parole.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50060
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da nellolo il Ven 22 Ott - 6:46

credenti non si nasce ok, si diventa per fattori sociali ok, siamo d'accordo
avatar
nellolo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1290
Età : 55
Località : Ragusa
Occupazione/Hobby : geologo
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 26.05.10

http://nellolomonaco.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da holubice il Ven 22 Ott - 15:14

Multiverso ha scritto:
Anche io, caro Nello, sono convinto che la ragione difficilmente possa sconfiggere il bisogno di Dio, a mio avviso legato all'inevitabile evento morte che va contro lo stesso istinto di sopravvivenza dell'uomo. Se gli animali possedessero facoltà mentali simili a quelle dell'uomo, e quindi percepissero anche loro il problema morte, creerebbero anch'essi un dio personale utile a sconfiggere psicologicamente il trauma-morte.

Vorrei citarti il celebre passo della lettera di Epicuro sulla felicità:
"La morte, il più atroce dunque di tutti i mali, non esiste per noi. Quando noi viviamo la morte non c'è, quando c'è lei non ci siamo noi. Non è nulla né per i vivi né per i morti. Per i vivi non c'è, i morti non sono più. Invece la gente ora fugge la morte come il peggior male, ora la invoca come requie ai mali che vive."
Insomma, ragionandoci un po' su, l'uomo dovrebbe trovare da solo la maniera di farsene una ragione.
Multiverso ha scritto:
Il Dio attuale è un Dio "moderno", profondamente distante da quello ancestrale, e proprio questo inarrestabile progresso scientifico lo renderà sempre più nudo e meno potente, per cui un giorno, forse neppure troppo lontano, non sarà più possibile, con tutta la buona volontà, credere in Dio esattamente come oggi non è più possibile credere in Nettuno che con il tridente in mano si diverte ad agitare i mari e a provocare tsunami a piacimento.
Per me non sei lontano dalla verità. E siamo in due a scommetterci:
Spoiler:
Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?
avatar
holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6218
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Multiverso il Dom 24 Ott - 14:15

holubice ha scritto:Vorrei citarti il celebre passo della lettera di Epicuro sulla felicità:
"La morte, il più atroce dunque di tutti i mali, non esiste per noi. Quando noi viviamo la morte non c'è, quando c'è lei non ci siamo noi. Non è nulla né per i vivi né per i morti. Per i vivi non c'è, i morti non sono più. Invece la gente ora fugge la morte come il peggior male, ora la invoca come requie ai mali che vive."
Insomma, ragionandoci un po' su, l'uomo dovrebbe trovare da solo la maniera di farsene una ragione.
Perdonami ma non ho ancora capito se ci fai o se ci sei...
Hai scritto bene, ragionandoci un po' su il problema morte è filosoficamente risolto già da millenni, ma ciò che ti sfugge è che la ragione è davvero poca cosa al cospetto della parte emozionale e istintiva del cervello.
Esempio banale: ti molla la ragazza perchè se ne va con un altro, e tu ripeti a te stesso che non ti meritava, che è stato meglio da fidanzati e non da sposati, che la tua vita con lei sarebbe stato un inferno, e tante altre sacrosante verità che la ragione ti suggerisce quale lenitivo all'enorme sofferenza interiore che stai vivendo. Ebbene, tutto quello che ripeti a te stesso per non soffrire serve, in realtà, a non farti soffrire? Risposta: no, continui a piangere e ad essere emotivamente vulnerabile.
Per lo stesso motivo, quando l'uomo ripete a se stesso che non deve temere la morte poichè quando è vivo non c'è e quando invece c'è non sarà più vivo, come due linee parallele che non si potranno mai incontrare, riesce effettivamente a non avere più paura della morte e a reagire nel medesimo modo alla notizia che ha l'influenza o il cancro? Risposta: no, motivo per cui deve ricorrere all'autoinganno attraverso il placebo-dio il quale, fornendogli l'illusione che la morte spalancherà alla propria coscienza le porte di una vita migliore, riesce a fargli meglio accettare l'idea della propria fine e di quella delle persone a lui care. Del resto, guarda caso, non esiste religione che non prometta una vita dopo la morte, attraverso paradisi vari o reincarnazioni in altri corpi, e il vero successo delle religioni è racchiuso tutto lì, perchè delle varie dottrine e parabole in realtà non se ne fotte nessuno, se dietro non ci fosse la promessa del ricco premio finale.

holubice ha scritto:
Multiverso ha scritto:
Il Dio attuale è un Dio "moderno", profondamente distante da quello ancestrale, e proprio questo inarrestabile progresso scientifico lo renderà sempre più nudo e meno potente, per cui un giorno, forse neppure troppo lontano, non sarà più possibile, con tutta la buona volontà, credere in Dio esattamente come oggi non è più possibile credere in Nettuno che con il tridente in mano si diverte ad agitare i mari e a provocare tsunami a piacimento.
Per me non sei lontano dalla verità. E siamo in due a scommetterci:
Spoiler:
Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?
Per me invece tu sei molto lontano dalla verità, soprattuto quando continui a spegnere il cervello per continuare a ingoiare con il naso tappato e gli occhi chiusi la pillola-dio, ottimo placebo per eventi inevitabili, da prendere ogni momento del giorno e per tutta la vita, sotto forma di frasi evangeliche e lettere apostoliche. Unica controindicazione: la ragione, facoltà mentale incompatibile con i principi attivi del farmaco, che ne inibisce l'effetto terapeutico basato sull'autosuggestione fideistica.
avatar
Multiverso
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1413
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da Paolo il Dom 24 Ott - 15:26

Multi! Perdonalo, non sa quello che dice. Non so se lo sai, ma è arrivato a scrivere che lui ha sempre comprato le Fiat !!!!! e cosa ancora più tragica, è che continuerà ad acquistarle!!! E' un uomo perso, peggio di così ... ahahahahahah ahahahahahah mgreen
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8694
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da arcadio il Dom 24 Ott - 19:07

ciao multiverso .
i tuoi discorsi sono più tosto ragionevoli e forse anche io se non avessi letto la bibbia sarei della stessa idea .
neanche a farti la domanda che per te la bibbia è falsa ,ma una spiegazione al fatto che è stata scritta da più scrittori nel corso dei millenni ,ogni profeta ha scritto il suo libro e tutti i libri insieme hanno un collegamento cronologico,
che ne parlano della venuta di cristo ancora prima che nascessi,e che formano un solo libro che parla dello stesso Dio ,tu l'avresti??
se mi dai una risposta soddisfacente (convincente) ,da questa sera sono ateo
avatar
arcadio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 188
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 01.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla Bibbia

Messaggio Da *Valerio* il Dom 24 Ott - 19:16

arcadio ha scritto:ciao multiverso .
i tuoi discorsi sono più tosto ragionevoli e forse anche io se non avessi letto la bibbia sarei della stessa idea .

Ehm,ma lui la bibbia l'ha letta.
Come puoi pensare che parli senza cognizione di causa?

neanche a farti la domanda che per te la bibbia è falsa ,ma una spiegazione al fatto che è stata scritta da più scrittori nel corso dei millenni ,ogni profeta ha scritto il suo libro e tutti i libri insieme hanno un collegamento cronologico,
che ne parlano della venuta di cristo ancora prima che nascessi,e che formano un solo libro che parla dello stesso Dio ,tu l'avresti??
se mi dai una risposta soddisfacente (convincente) ,da questa sera sono ateo

Vai Multi,l'occasione e' unica

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 44
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 19 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 12 ... 19  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum