Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da davide il Mar 25 Set - 11:47

L'unica cosa che vedo io in comune e' che sono entrambe solenni minchiate....

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da giulio76 il Mar 25 Set - 13:42

Steerpike ha scritto:
don alberto ha scritto:certo, la ricerca è importante, perché i primi danneggiati dalle truffe, che avolte si scoprono sono proprio i credenti.


però per correttezza reciproca sarebbe bene smetterla con la storia della tissotropia
Perché? Hai delle argomentazioni scientifiche che smentiscono questa ipotesi? Potresti esporle?

Scusate l'intrusione dopo la mia lunga assenza, ogni tanto vi leggo e non posso stare fermo sulla sedia. Non sono un tifoso del miracolo del sangue di San Gennaro, ma quando vedo venerare grandiosi imbroglioni come Garlaschelli (il grande truffatore che ha detto di aver replicato la Sindone) non posso stare in silenzio. Le soluzioni trissotropiche hanno una durata massima di due anni, ben lontani da quella che è dentro l'ampolla per più di 700 anni. Inoltre dentro l'ampolla da un esame spettroscopico ne è risultato esserci dell'emoglobina. Quindi bisogna trovare un'altra prova per dimostrare che non esiste Dio ;-)

http://www.uccronline.it/2010/05/04/13194/
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Fux89 il Mar 25 Set - 13:59

giulio76 ha scritto:ma quando vedo venerare grandiosi imbroglioni come Garlaschelli (il grande truffatore che ha detto di aver replicato la Sindone)
Nessuno qui venera nessuno.

Garlaschelli non è un truffatore.
Le soluzioni trissotropiche hanno una durata massima di due anni
Citazione necessaria.
Inoltre dentro l'ampolla da un esame spettroscopico ne è risultato esserci dell'emoglobina.
Citazione necessaria.
Quindi bisogna trovare un'altra prova per dimostrare che non esiste Dio
Non c'è alcun bisogno di "prove dell'inesistenza di Dio". L'idea di dio in sé è ridicola, ed è chi vuole sostenerla che deve fornire delle prove.
uccronline

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Steerpike il Mar 25 Set - 14:32

Fux89 ha scritto:
giulio76 ha scritto:ma quando vedo venerare grandiosi imbroglioni come Garlaschelli (il grande truffatore che ha detto di aver replicato la Sindone)
Nessuno qui venera nessuno.

Garlaschelli non è un truffatore.
Le soluzioni trissotropiche hanno una durata massima di due anni
Citazione necessaria.
Inoltre dentro l'ampolla da un esame spettroscopico ne è risultato esserci dell'emoglobina.
Citazione necessaria.
Quindi bisogna trovare un'altra prova per dimostrare che non esiste Dio
Non c'è alcun bisogno di "prove dell'inesistenza di Dio". L'idea di dio in sé è ridicola, ed è chi vuole sostenerla che deve fornire delle prove.
uccronline
Mi hai anticipato.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da giulio76 il Mar 25 Set - 14:47

Fux89 ha scritto:
giulio76 ha scritto:ma quando vedo venerare grandiosi imbroglioni come Garlaschelli (il grande truffatore che ha detto di aver replicato la Sindone)
Nessuno qui venera nessuno.

Garlaschelli non è un truffatore.
Le soluzioni trissotropiche hanno una durata massima di due anni
Citazione necessaria.
Inoltre dentro l'ampolla da un esame spettroscopico ne è risultato esserci dell'emoglobina.
Citazione necessaria.
Quindi bisogna trovare un'altra prova per dimostrare che non esiste Dio
Non c'è alcun bisogno di "prove dell'inesistenza di Dio". L'idea di dio in sé è ridicola, ed è chi vuole sostenerla che deve fornire delle prove.
uccronline

Le citazioni le trovi nel link sotto lasciato da me. Per quanto riguarda la prova "dell'inesistenza di Dio" era detto ironicamente, visto la faccina lasciata alla fine forse dovevo mettere questa wink..
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Sabre03 il Mar 25 Set - 14:49

Ma non c'e bisogno di tante congetture....
Si cambia l'ampolla ogni anno. La truffa e' fatta a fin di bene per non deludere milioni di persone sul sangue di un santo che il papa stesso proclamo' non esistente.
E' un comportamento lecito per la chiesa cattolica. Una volta si uccideva a difesa della chiesa senza stare a vedere chi fosse innocente o colpevole (dio riconoscerà i suoi). Cosa sarà mai una ....bugia.... 
avatar
Sabre03
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 683
Età : 55
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Fux89 il Mar 25 Set - 14:54

giulio76 ha scritto:Le citazioni le trovi nel link sotto lasciato da me.
Le ho viste, e non sono in alcun modo sufficienti. Servono riferimenti scientificamente attendibili (i.e. articoli su riviste con peer review).

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da davide il Mar 25 Set - 14:58

Appunto, che cacchio ci vuole a sostituire cio' che e' contenuto in un'ampolla??
Ah no, anche in questo caso e' piu' probabile il miracolo...

BTW, risposta di Garlaschelli all'osservazione sui 2 anni di durata del suo gel:
"Circa la durata del nostro gel: Non mi sono mai preoccupato della stabilità nel tempo del gel stesso. So che alcuni campioni hanno resitito per dieci anni. Altri durano molto meno. Non ho mai trovato un esperto di colloidi che mi desse dei suggerimenti. Ma del resto, mi sono anche preoccupato poco, addirittura, di sigillare in modo perfetto i miei boccettini." (http://it.wikipedia.org/wiki/San_Gennaro)
Risposta sulla presunta presenza di emoglobina:
" I risultati di quella spettroscopia non sono stati sottoposti al giudizio di referee di una rivista scientifica; la loro qualità, nella più favorevole delle ipotesi, richiede troppo il contributo dell'interpretazione di chi li osserva, per costituire un argomento convincente. Inesplicabilmente è stato impiegato uno spettrometro a prisma, invece di un moderno spettrometro elettronico. Più spettri, ottenuti a qualche minuto di distanza l'uno dall'altro vengono interpretati come rivelatori ognuno di un diverso derivato dell'emoglobina, e spiegati con un miracolo in progresso, mentre, si noti bene, la sostanza era da tempo in fase liquida, e non in liquefazione." (Stessa fonte).

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da giulio76 il Mar 25 Set - 15:03

Fux89 ha scritto:
giulio76 ha scritto:Le citazioni le trovi nel link sotto lasciato da me.
Le ho viste, e non sono in alcun modo sufficienti. Servono riferimenti scientificamente attendibili (i.e. articoli su riviste con peer review).

Bè allora, il dott. Bollone non mi pare uno sprovveduto. In ogni caso neanche io ho visto in questo topic articoli su riviste con peer review nel quale si attesta che il sangue di "Sanginnaro" è una soluzione isotropica, invece almeno abbiamo una spettrometria che conferma presenza di emoglobina. Mi pare che questo confermi un dato di fatto ovvero che, fino a prova contraria, lì dentro in quell'ampolla ci sia presenza di sangue e non di ferrite.
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da davide il Mar 25 Set - 15:04

Gia' risposto su quella spettrometria Royales

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Minsky il Mar 25 Set - 15:05

giulio76 ha scritto:Scusate l'intrusione dopo la mia lunga assenza, ogni tanto vi leggo e non posso stare fermo sulla sedia. Non sono un tifoso del miracolo del sangue di San Gennaro, ma quando vedo venerare grandiosi imbroglioni come Garlaschelli (il grande truffatore che ha detto di aver replicato la Sindone) non posso stare in silenzio. Le soluzioni trissotropiche hanno una durata massima di due anni, ben lontani da quella che è dentro l'ampolla per più di 700 anni. Inoltre dentro l'ampolla da un esame spettroscopico ne è risultato esserci dell'emoglobina. Quindi bisogna trovare un'altra prova per dimostrare che non esiste Dio ;-)

http://www.uccronline.it/2010/05/04/13194/

  1. Il fluido tissotropico contenuto nell'ampolla di S.Gennaro molto probabilmente è stato preparato nel XIV secolo utilizzando materiali e tecniche già disponibili all'epoca. L'ipotesi più verosimile è che si sia utilizzata una soluzione acquosa di un sale di ferro, il cloruro ferrico, che esisteva in abbondanza sul Vesuvio (come minerale detto Molisite), con l'aggiunta di carbonato di calcio (che era comunemente usato dai pittori come pigmento bianco). Ne risulta una soluzione colloidale bruno scura di idrossido di ferro che deve essere purificata. Per fare questo si sarebbe potuto impiegare un sacchetto di pergamena (o vescica o budello animale), lasciato immerso in acqua per qualche giorno. Alla fine aggiungendo una piccola quantità di cloruro di sodio (sale comune) si sarebbe ottenuta una sostanza tissotropica che, lasciata a riposo per alcune ore, assume la consistenza di una gelatina molto densa, ma che torna perfettamente liquida se il contenitore in cui si trova riceve piccoli urti o scosse, e che allora sembra simile in tutto e per tutto al sangue.
  2. Il preparato descritto sopra contiene esclusivamente sostanze inorganiche e non è soggetto ad alterarsi nel tempo, a meno di essere sottoposto a temperature estreme. Può benissimo durare centinaia o migliaia di anni.
  3. Una contaminazione di emoglobina nel preparato potrebbe anche provenire da sangue, aggiunto forse ingenuamente allo scopo di rendere più verosimile il feticcio.
  4. L’atto di maneggiare la reliquia, durante la cerimonia, rovesciandola più volte per controllarne lo stato (nella prima fase) e per mostrarne la consistenza ai fedeli (nella seconda fase) può fornire l’energia necessaria ad innescare la liquefazione. Qualcuno potrebbe obbiettare che, se questa teoria fosse vera, non si spiegherebbe il perché della mancata liquefazione. Obiezione giusta che però può essere smentita dal fatto che basta maneggiare delicatamente la reliquia per non farle subire le sufficienti sollecitazioni meccaniche alla liquefazione. A sostegno di ciò si sono registrati casi di liquefazioni improvvise, senza cerimonia e senza folla, quando l’ampolla è stata mossa, per esempio in occasione di restauri della teca.


P.S.: Tutto questo non prova che dio non esiste, ma prova che esistono gli imbroglioni in nome di dio.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14655
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da giulio76 il Mar 25 Set - 16:01

Minsky ha scritto:
[*]Il fluido tissotropico contenuto nell'ampolla di S.Gennaro molto probabilmente è stato preparato nel XIV secolo

Premetto sempre che a me il miracolo di "Sangginaro" non fa ne caldo e ne freddo, mi chiedo, anzi ti chiedo: con che probabilità il contenuto dentro l'ampolla è stato preparato nel XIV sec.? Quali sono le prove di questa teoria? lo so sono una scassakazzi, ma se si insinua una cosa si dovrebbero portare prima le prove inconfutabili, metterli sul banco degli imputati, decretare un giudizio oggettivo e definitivo. Sennò siamo sempre nel campo delle ipotesi e delle illazioni.


Minsky ha scritto:utilizzando materiali e tecniche già disponibili all'epoca. L'ipotesi più verosimile è che si sia utilizzata una soluzione acquosa di un sale di ferro, il cloruro ferrico, che esisteva in abbondanza sul Vesuvio (come minerale detto Molisite), con l'aggiunta di carbonato di calcio (che era comunemente usato dai pittori come pigmento bianco). Ne risulta una soluzione colloidale bruno scura di idrossido di ferro che deve essere purificata. Per fare questo si sarebbe potuto impiegare un sacchetto di pergamena (o vescica o budello animale), lasciato immerso in acqua per qualche giorno. Alla fine aggiungendo una piccola quantità di cloruro di sodio (sale comune) si sarebbe ottenuta una sostanza tissotropica che, lasciata a riposo per alcune ore, assume la consistenza di una gelatina molto densa, ma che torna perfettamente liquida se il contenitore in cui si trova riceve piccoli urti o scosse, e che allora sembra simile in tutto e per tutto al sangue.
[*]Il preparato descritto sopra contiene esclusivamente sostanze inorganiche e non è soggetto ad alterarsi nel tempo, a meno di essere sottoposto a temperature estreme. Può benissimo durare centinaia o migliaia di anni.
[*]Una contaminazione di emoglobina nel preparato potrebbe anche provenire da sangue, aggiunto forse ingenuamente allo scopo di rendere più verosimile il feticcio.
[*]L’atto di maneggiare la reliquia, durante la cerimonia, rovesciandola più volte per controllarne lo stato (nella prima fase) e per mostrarne la consistenza ai fedeli (nella seconda fase) può fornire l’energia necessaria ad innescare la liquefazione. Qualcuno potrebbe obbiettare che, se questa teoria fosse vera, non si spiegherebbe il perché della mancata liquefazione. Obiezione giusta che però può essere smentita dal fatto che basta maneggiare delicatamente la reliquia per non farle subire le sufficienti sollecitazioni meccaniche alla liquefazione. A sostegno di ciò si sono registrati casi di liquefazioni improvvise, senza cerimonia e senza folla, quando l’ampolla è stata mossa, per esempio in occasione di restauri della teca.
[/list]

Grazie della tua spiegazione lo avevo già sentito più volte nei diversi documentari dell'imbrogli......hemm di Herry Garlaschelli, il problema è sempre quello: siamo sicuri che dentro l'ampolla ci sia la mistura ideata da Herry Garlaschelli? a quanto pare c'è sicuramente del sangue. Poi mi dovresti spiegare, come è possibile che nella mistura è presente sangue, anche se in minor parte, e questo non si coagula? A quanto pare ad Herry Garlaschelli non è venuto in mente di mettere del sangue dentro la sua mistura; forse perché si sarebbe comunque coagulato, rendendo fallace la sua magica mistura?

Minsky ha scritto:P.S.: Tutto questo non prova che dio non esiste, ma prova che esistono gli imbroglioni in nome di dio.

Esistono anche gli imbroglioni nel nome del laicismo (l'illustre che ho citato in precedenza che ha detto di aver replicato la Sindone) ma siamo sempre lì, senza delle prove concrete si dovrebbe almeno sospendere il giudizio, tranne se non si voglia per forza trovare la truffa, dove truffa non c'è.
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Fux89 il Mar 25 Set - 16:13

giulio76 ha scritto:lo so sono una scassakazzi, ma se si insinua una cosa si dovrebbero portare prima le prove inconfutabili, metterli sul banco degli imputati, decretare un giudizio oggettivo e definitivo.
Come fate voi credenti quando difendete il vostro dio o i miracoli?
siamo sicuri che dentro l'ampolla ci sia la mistura ideata da Herry Garlaschelli?
Irrilevante. Hai completamente mancato il punto.
a quanto pare c'è sicuramente del sangue.
"Sicuramente" un par di palle.
Esistono anche gli imbroglioni nel nome del laicismo (l'illustre che ho citato in precedenza che ha detto di aver replicato la Sindone)
Falso. Non è quello che ha affermato.
ma siamo sempre lì, senza delle prove concrete si dovrebbe almeno sospendere il giudizio, tranne se non si voglia per forza trovare la truffa, dove truffa non c'è.
Siamo al completo ribaltamento della realtà. Come se spettasse a chi nega l'esistenza di eventi miracolosi dimostrarlo, e non a chi sostiene il miracolo provare che di miracolo si tratta...

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Tomhet il Mar 25 Set - 16:21

giulio76 ha scritto:ma siamo sempre lì, senza delle prove concrete si dovrebbe almeno sospendere il giudizio, tranne se non si voglia per forza trovare la truffa, dove truffa non c'è.

Tomhet
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2672
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.08.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Steerpike il Mar 25 Set - 16:25

avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Minsky il Mar 25 Set - 16:49

giulio76 ha scritto:Premetto sempre che a me il miracolo di "Sangginaro" non fa ne caldo e ne freddo, mi chiedo, anzi ti chiedo: con che probabilità il contenuto dentro l'ampolla è stato preparato nel XIV sec.? Quali sono le prove di questa teoria? lo so sono una scassakazzi, ma se si insinua una cosa si dovrebbero portare prima le prove inconfutabili, metterli sul banco degli imputati, decretare un giudizio oggettivo e definitivo. Sennò siamo sempre nel campo delle ipotesi e delle illazioni.
Il contenuto dell'ampolla originariamente è stato sicuramente preparato nel XIV secolo, visto che abbiamo documenti storici che attestano l'esistenza dell'ampolla e del "miracolo" in quell'epoca. La possibilità di preparare una miscela adatta esisteva ed è stata documentata. Non possiamo sapere invece se il contenuto attuale sia quello originario: è pure del tutto possibile che in altra epoca sia stato rinnovato o sostituito. Ma se anche fosse quello originale, funzionerebbe ancora perfettamente.
I nostri vecchi sì che sapevano fare cose durevoli! Non come adesso con queste porcherie cinesi!

giulio76 ha scritto:Grazie della tua spiegazione lo avevo già sentito più volte nei diversi documentari dell'imbrogli......hemm di Herry Garlaschelli, il problema è sempre quello: siamo sicuri che dentro l'ampolla ci sia la mistura ideata da Herry Garlaschelli?
No, potrebbe esserci una miscela di diversa composizione, come precisato sopra.
In epoca più recente il trucco potrebbe essere stato perfezionato utilizzando un procedimento migliore.

giulio76 ha scritto:a quanto pare c'è sicuramente del sangue. Poi mi dovresti spiegare, come è possibile che nella mistura è presente sangue, anche se in minor parte, e questo non si coagula?
Se la spettroscopia è corretta, nella miscela ci sarebbe emoglobina, che è solo uno dei componenti del sangue. Si può estrarre l'emoglobina dal sangue anche abbastanza semplicemente per mezzo di solventi. L'emoglobina non coagula, infatti la coagulazione è causata dall'aggregazione delle piastrine, non dei globuli rossi, che contengono l'emoglobina. Inoltre in assenza dei fattori di attivazione tissutali il sangue non completa la coagulazione perché non si forma la fibrina. Il sangue lasciato all'aria diventa prima viscoso e poi secco, ma non propriamente coagulato.

giulio76 ha scritto:A quanto pare ad Herry Garlaschelli non è venuto in mente di mettere del sangue dentro la sua mistura; forse perché si sarebbe comunque coagulato, rendendo fallace la sua magica mistura?
Se avesse aggiunto una piccola percentuale di emoglobina alla miscela avrebbe migliorato la colorazione senza compromettere l'efficacia dell'effetto tissotropico.

giulio76 ha scritto:Esistono anche gli imbroglioni nel nome del laicismo (l'illustre che ho citato in precedenza che ha detto di aver replicato la Sindone) ma siamo sempre lì, senza delle prove concrete si dovrebbe almeno sospendere il giudizio, tranne se non si voglia per forza trovare la truffa, dove truffa non c'è.
La truffa invece è palese, ma su una cosa sono d'accordo con te: la questione del miracolo di S.Gennaro è insignificante, un piccolo raggiro, un imbroglio alla Totò minuscolo e quasi innocuo, a fronte dell'enorme danno che tutta l'Umanità ha subito nei secoli e continua a subire a causa della Grande Truffa del dio cristiano.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14655
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da giulio76 il Mar 25 Set - 17:03

Fux89 ha scritto:
Irrilevante. Hai completamente mancato il punto.

No, forse sei tu che hai mancato il punto del 3d, dove sta scritto come titolo "Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche", che a mio parere significa che si discute su cosa sta dentro quell'ampolla. Per voi ci sta la mistura di Herry Gargamella, per me ci sta sangue come per altro dimostra la spettroscopia. Sicuramente dalle prove in nostro possesso, anche se da una vetusta spettroscopia, si sa che c'è emoglobina e quindi sangue. Non c'è di sicuro la "herry gargamella mistura". Partiamo da questo assunto.


a quanto pare c'è sicuramente del sangue.
"Sicuramente" un par di palle.

E cosa c'è dentro? datemi lumi.


Esistono anche gli imbroglioni nel nome del laicismo (l'illustre che ho citato in precedenza che ha detto di aver replicato la Sindone)
Falso. Non è quello che ha affermato.

A si?? e questo cosa significa?

In occasione dell’XI Congresso del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), che si terrà ad Abano Terme il 9, 10 e 11 ottobre prossimi, il dott. Luigi Garlaschelli, chimico dell’Università di Pavia, terrà una relazione dal titolo “La Sindone si può riprodurre: ecco come”.

avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Steerpike il Mar 25 Set - 17:07

giulio76 ha scritto:
In occasione dell’XI Congresso del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), che si terrà ad Abano Terme il 9, 10 e 11 ottobre prossimi, il dott. Luigi Garlaschelli, chimico dell’Università di Pavia, terrà una relazione dal titolo “La Sindone si può riprodurre: ecco come”.
Non è esattamente quello che ha fatto?
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da giulio76 il Mar 25 Set - 17:20

Minsky ha scritto:
Il contenuto dell'ampolla originariamente è stato sicuramente preparato nel XIV secolo, visto che abbiamo documenti storici che attestano l'esistenza dell'ampolla e del "miracolo" in quell'epoca. La possibilità di preparare una miscela adatta esisteva ed è stata documentata. Non possiamo sapere invece se il contenuto attuale sia quello originario: è pure del tutto possibile che in altra epoca sia stato rinnovato o sostituito. Ma se anche fosse quello originale, funzionerebbe ancora perfettamente.
I nostri vecchi sì che sapevano fare cose durevoli! Non come adesso con queste porcherie cinesi!

D'accordo con la manifattura cinese, ma non c'è un documento storico che affermi che il contenuto dell'ampolla sia stato fabbricato ad hoc nel XIV secolo, quindi toglierei quel sicuramente e metterei un "secondo me".


No, potrebbe esserci una miscela di diversa composizione, come precisato sopra.
In epoca più recente il trucco potrebbe essere stato perfezionato utilizzando un procedimento migliore.

Potrebbe anche esserci il composto fatto da un extraterrestre, che nel XIV secolo è sceso sulla terra, ha fatto la mistura con del sangue umano aggiungendo un composto chimico con elementi di provenienza del pianeta Marte e poi lo ha lasciato in eredità. Con il "potrebbe", possiamo inserire qualunque ipotesi.


Se la spettroscopia è corretta, nella miscela ci sarebbe emoglobina, che è solo uno dei componenti del sangue. Si può estrarre l'emoglobina dal sangue anche abbastanza semplicemente per mezzo di solventi.

Pensi che nel XIV secolo erano così bravi da estrarre l'emoglobina dal sangue? la cosa si complica un pò thinkthank forse è più verosimile ipotizzare un miracolo.



Se avesse aggiunto una piccola percentuale di emoglobina alla miscela avrebbe migliorato la colorazione senza compromettere l'efficacia dell'effetto tissotropico.

Sempre se nel XIV secolo si aveva dell'emoglobina isolata, cosa che mi risulta difficile da credere.

avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da giulio76 il Mar 25 Set - 17:20

Steerpike ha scritto:
giulio76 ha scritto:
In occasione dell’XI Congresso del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), che si terrà ad Abano Terme il 9, 10 e 11 ottobre prossimi, il dott. Luigi Garlaschelli, chimico dell’Università di Pavia, terrà una relazione dal titolo “La Sindone si può riprodurre: ecco come”.
Non è esattamente quello che ha fatto?

no. ha fatto un "pacco napoletano"
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Fux89 il Mar 25 Set - 17:29

giulio76 ha scritto:No, forse sei tu che hai mancato il punto del 3d,
No, caro. Tu chiedevi se siamo sicuri che nell'ampolla ci sia proprio quella sostanza prodotta da Garlaschelli (o chi per lui). Il che è del tutto irrilevante, perché lo scopo di Garlaschelli (o chi per lui) era dimostrare che si poteva facilmente produrre una sostanza con caratteristiche simili a quella contenuta nell'ampolla, non dimostrare che nell'ampolla c'è proprio quella specifica sostanza (che può essere dimostrato semplicemente analizzandola in laboratorio). Quindi, non siamo sicuri che nell'ampolla ci sia proprio quella sostanza (anzi, probabilmente non c'è esattamente quella), ma è del tutto irrilevante, per il motivo che ho spiegato. Quindi tu hai completamente mancato il punto centrale della questione.
Per voi ci sta la mistura di Herry Gargamella,
No.
per me ci sta sangue come per altro dimostra la spettroscopia.
No, non dimostra nulla del genere, e ti è già stato spiegato dettagliatamente il perché.
Sicuramente dalle prove in nostro possesso, anche se da una vetusta spettroscopia, si sa che c'è emoglobina e quindi sangue.
Non sequitur. Emoglobina!=sangue.
a quanto pare c'è sicuramente del sangue.
"Sicuramente" un par di palle.

E cosa c'è dentro? datemi lumi.
Non lo so e non me ne frega un cazzo.
A si?? e questo cosa significa?

In occasione dell’XI Congresso del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), che si terrà ad Abano Terme il 9, 10 e 11 ottobre prossimi, il dott. Luigi Garlaschelli, chimico dell’Università di Pavia, terrà una relazione dal titolo “La Sindone si può riprodurre: ecco come”.

Significa che è possibilissimo riprodurre un'immagine simile alla Sindone utilizzando metodi conosciuti all'epoca in cui essa è stata fabbricata (1260-1390 e.v., come dimostrato dalle analisi effettuate, i cui risultati sono stati pubblicati su Nature), per cui non c'è alcuna ragione per tirare in ballo stronzate relative al tuo amico immaginario preferito. Non significa che necessariamente la Sindone sia stata prodotta con quel metodo preciso.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Minsky il Mar 25 Set - 17:42

giulio76 ha scritto:
Minsky ha scritto:
Il contenuto dell'ampolla originariamente è stato sicuramente preparato nel XIV secolo, visto che abbiamo documenti storici che attestano l'esistenza dell'ampolla e del "miracolo" in quell'epoca. La possibilità di preparare una miscela adatta esisteva ed è stata documentata. Non possiamo sapere invece se il contenuto attuale sia quello originario: è pure del tutto possibile che in altra epoca sia stato rinnovato o sostituito. Ma se anche fosse quello originale, funzionerebbe ancora perfettamente.
I nostri vecchi sì che sapevano fare cose durevoli! Non come adesso con queste porcherie cinesi!

D'accordo con la manifattura cinese, ma non c'è un documento storico che affermi che il contenuto dell'ampolla sia stato fabbricato ad hoc nel XIV secolo, quindi toglierei quel sicuramente e metterei un "secondo me".
La prima notizia relativa alla liquefazione del sangue di S.Gennaro risale al 1389.
È ragionevole pensare che l'epoca della fabbricazione sia quella o di poco anteriore.

giulio76 ha scritto:Potrebbe anche esserci il composto fatto da un extraterrestre, che nel XIV secolo è sceso sulla terra, ha fatto la mistura con del sangue umano aggiungendo un composto chimico con elementi di provenienza del pianeta Marte e poi lo ha lasciato in eredità. Con il "potrebbe", possiamo inserire qualunque ipotesi.
Le ipotesi meno stravaganti di solito sono quelle veritiere. Forse tu sei abituato a credere a quelle più strane, eccentriche, bislacche e strampalate? Qualcosa tipo dottrina cristiana?

giulio76 ha scritto:Pensi che nel XIV secolo erano così bravi da estrarre l'emoglobina dal sangue? la cosa si complica un pò forse è più verosimile ipotizzare un miracolo.
Sì, basta un solvente alchilante che si può ottenere dalla senape. Niente scienza aerospaziale. Altrimenti, anche un miracolo avrebbe funzionato benissimo, come giustamente osservi tu. Dieci minuti di fervida preghiera in ginocchio sui ceci di fronte all'ampolla, e l'emoglobina si separa.

giulio76 ha scritto:
Minsky ha scritto:Se avesse aggiunto una piccola percentuale di emoglobina alla miscela avrebbe migliorato la colorazione senza compromettere l'efficacia dell'effetto tissotropico.

Sempre se nel XIV secolo si aveva dell'emoglobina isolata, cosa che mi risulta difficile da credere.
Si stava parlando dell'esperimento di Garlaschelli, non della preparazione del XIV secolo. Non fare il finto tonto, non ti fa guadagnare punti. Per il XIV secolo vedi sopra.


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14655
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Rasputin il Mar 25 Set - 17:54

giulio76 ha scritto:Le soluzioni trissotropiche hanno una durata massima di due anni, ben lontani da quella che è dentro l'ampolla per più di 700 anni.

Chiedo scusa non ho letto le due pagine seguenti a questo intervento, ma come sai che quella è dentro l'ampolla per più di 700 anni?

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50060
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da giulio76 il Mar 25 Set - 18:28

Rasputin ha scritto:
giulio76 ha scritto:Le soluzioni trissotropiche hanno una durata massima di due anni, ben lontani da quella che è dentro l'ampolla per più di 700 anni.

Chiedo scusa non ho letto le due pagine seguenti a questo intervento, ma come sai che quella è dentro l'ampolla per più di 700 anni?

Lo immagino come voi immaginate che non ci sia del sangue ma una mistura del XIV secolo.
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sangue di San Gennaro e le sostanze tissotropiche

Messaggio Da Fux89 il Mar 25 Set - 18:34

giulio76 ha scritto:
Rasputin ha scritto:
giulio76 ha scritto:Le soluzioni trissotropiche hanno una durata massima di due anni, ben lontani da quella che è dentro l'ampolla per più di 700 anni.

Chiedo scusa non ho letto le due pagine seguenti a questo intervento, ma come sai che quella è dentro l'ampolla per più di 700 anni?

Lo immagino come voi immaginate che non ci sia del sangue ma una mistura del XIV secolo.
Che non ci sia del sangue e basta è un dato di fatto, non serve alcuna immaginazione: basta constatare che il sangue non ha un comportamento simile alle sostanze tissotropiche.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum