Supervulcano

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Supervulcano

Messaggio Da davide il Mar 4 Gen - 21:38

Tutto è iniziato con uno sciame di mille piccoli terremoti che hanno fatto ondeggiare la terra sotto ai marciapiedi di Napoli. Come scrive il quotidiano inglese Daily Mail, le ventole per l’aria condizionata sono crollate dai lati degli edifici e le piastrelle sono scivolate giù dalle pareti. All’interno del centro di controllo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, una serie di schermi indicano che i terremoti non sono stati generati dal Vesuvio. Queste scosse stanno provenendo da qualcosa di molto più grande, da uno dei più ampi e pericolosi vulcani del mondo. I Campi Flegrei, dove si trova il "supervulcano", si trovano a nord ovest del capoluogo campano. Il significato greco del nome vuol dire proprio "campi che bruciano": questo perché sin dall'antichità soggetti a fenomeni vulcanici. I Campi Flegrei in realtà si estendono fin sotto al mare, verso le isole di Capri e Ischia. Il problema è proprio questo: quando magma e acqua si uniscono, si hanno conseguenze disastrose molto più potenti di quelle che si hanno con una normale eruzione. In grado di distruzione centinaia di volte più devastante di quella che causò il Vesuvio durante l'eruzione che distrusse Pompei. Addirittura, una eruzione di questo supervulcano potrebbe distruggere l'intera Europa.

In soldoni, il supervulcano partenopeo avrebbe una potenza di duecento volte superiore a quella del vulcano islandese Eyjafjallajökull che tanti problemi procurò all'intera Europa l'anno scorso.

L'ultima eruzione del supervulcano risale a 39mila anni fa (una decisamente minore si ebbe anche nel 1538) quando si formò il territorio collinare su cui poggia oggi la città di Sorrento. Se una eruzione analoga dovesse accadere oggi, l'Italia meridionale cesserebbe di esistere, mentre le nuvole di ceneri provocate dall'eruzione coprirebbero i raggi solari e abbasserebbero di conseguenza la temperatura di vaste aree del pianeta. L'intera Europa ne subirebbe le
conseguenze: coperta dalle nuvole di cenere, per il nostro continente si aprirebbe un'era di inverno perpetuo. Un team composto di studiosi e ricercatori inglesi sta lavorando sul posto per capire quante siano le possibilità che questa eruzione mostruosa possa davvero accadere. Negli ultimi trent'anni si è assistito a un fenomeno di continua sollevazione del suolo del zona dovuto ai fenomeni del cosiddetto bradisismo provocati dal vulcano sotterraneo; dalla fine del 1984 è iniziata una fase discendente. È da notare come nel biennio 1982-84 siano stati rilevati circa 10.000 terremoti, qualche centinaio avvertiti anche dalla popolazione. Per il professor Chris Kilburn, dell'università di Londra, da circa vent'anni residente a Napoli, questo fenomeno potrebbe durare ancora una sessantina d'anni, nel corso dei quali si potrebbe approfittare per studiare in modo esaustivo le possibilità di una futura esplosione dir magmatica. Come? Perforando il terreno e procedendo con gli studi sotterranei. Ma non tutti sono d'accordo: perforare una tale zona magmatica potrebbe risvegliare il "mostro" prima del tempo.
Se la possibile eruzione del supervulcano campano desta paura, ne desterà ancora di più sapere che sparsi per il mondo ce ne sono di anche più vasti e quindi in grado di eruzioni ancor più devastanti. Ad esempio quello sito nel parco di Yellowstone, Wyoming, negli Stati Uniti. Si tratta di una lunga serie di supercaldere, formatesi sopra il magma proveniente dal mantello della crosta. La successione delle caldere nel tempo fa vedere il movimento della placca nordamericana al di sopra del pennacchio da quando 15 milioni di anni fa incominciò l'attività: all'epoca il pennacchio era sotto l'odierno Idaho. Sempre negli Stati Uniti c'è la Long Valley Caldera, tra la California e il Nevada. Questa caldera ha causato, 760.000 anni fa, la produzione dei Bishop Tuffs, che raggiungono i 200 metri di spessore. La maggior parte degli altri supervulcani sono invece ben inquadrabili nel classico meccanismo dei vulcani di arco magmatico, in cui i magmi sono uno degli effetti della dinamica di due zolle che si scontrano: per esempio, il vulcano Toba, in Indonesia. Si calcola che 75.000 anni fa abbia emesso quasi 3.000 chilometri cubici di materiale lavico.

FONTE

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da Rasputin il Mar 4 Gen - 21:54

La fine del mondo è vicina.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50757
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da davide il Mar 4 Gen - 22:02

Meno di 2 anni a dicembre 2012...

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da SergioAD il Mer 5 Gen - 0:22

Ieri, non so dove, ho visto un servizio sul vulcano stromboli, dice che è il vulcano più controllato del mondo.

Com'è che non si sono accorti? L'unica notizia che ho letto è questa, "Noi campani stamm letteralment nguaiat"

Poi più nulla!

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da pistacchio il Gio 15 Nov - 15:22

Al di là del nome che portano, pare che per i supervulcani non sia così facile arrivare ad attività disastrose.

Sarebbe molto più pericoloso il "risveglio" di un Vesuvio
avatar
pistacchio
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 700
Località : VENEZIA
Occupazione/Hobby : TELECOMUNICAZIONI/ ANIMALI, CIBO
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 31.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da The Pilot il Mer 21 Nov - 22:12

Anzitutto il termine "supervulcano" non è scientifico.
Secondo alcuni vulcanologi, sarebbe accettabile per un vulcano così potente da non riuscire a costruirsi un "edificio" (non avrebbe la classica forma troncoconica). Il che rende la definizione dipendente dalle dimensioni: se sono piccole, l'indice di esplosività vulcanica (VEI) potrebbe essere anche basso ma rendere lo stesso impossibile la formazione di un edificio vulcanico.
Poi esistono dei vulcani che non sono super ma per le loro caratteristiche non hanno un gran edificio. Famoso il Laki islandese*, che però fece con l'ultima eruzione (1784) più morti di altre eruzioni normalmente viste come catastrofiche.

Se ci fosse un "supervulcano" nei Campi Flegrei e scoppiasse, penso che il botto e la colonna di polveri li percepirei fino qui da me (ca. 1000 km). Potrebbe esserci, come già accennato, un'eruzione "freatomagmatica", se l'acqua marina entrasse nella camera magmatica. Allora sì che sarebbero cazzi, per il cloro che si libererebbe dall'acqua salata... In tal caso: mettere la testa fra le cosce e dire addio al mondo (confrontare con le ultime due istruzioni di questa: era affissa in una postazione ICBM della Malmstrom AFB ).

*viene definito un vulcano a fessura (fissure vent), una spaccatura più o meno lineare, senza un vero e proprio cratere.
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da Guin il Gio 22 Nov - 6:55

The Pilot ha scritto:
Se ci fosse un "supervulcano" nei Campi Flegrei e scoppiasse, penso che il botto e la colonna di polveri li percepirei fino qui da me (ca. 1000 km). Potrebbe esserci, come già accennato, un'eruzione "freatomagmatica", se l'acqua marina entrasse nella camera magmatica. Allora sì che sarebbero cazzi, per il cloro che si libererebbe dall'acqua salata... In tal caso: mettere la testa fra le cosce e dire addio al mondo
Conosci il Monte Marsili? Molti ne ignorano l'esistenza ma se lo conoscessero non dormirebbero sonni tranquilli, altro che Vesuvio e Campi Flegrei.
avatar
Guin
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 958
Località : Asgard
Occupazione/Hobby : Fancazzista
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 30.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da The Pilot il Gio 22 Nov - 11:08

Loki ha scritto:
The Pilot ha scritto:
Se ci fosse un "supervulcano" nei Campi Flegrei e scoppiasse, penso che il botto e la colonna di polveri li percepirei fino qui da me (ca. 1000 km). Potrebbe esserci, come già accennato, un'eruzione "freatomagmatica", se l'acqua marina entrasse nella camera magmatica. Allora sì che sarebbero cazzi, per il cloro che si libererebbe dall'acqua salata... In tal caso: mettere la testa fra le cosce e dire addio al mondo
Conosci il Monte Marsili? Molti ne ignorano l'esistenza ma se lo conoscessero non dormirebbero sonni tranquilli, altro che Vesuvio e Campi Flegrei.

Io sì. Ce n'è anche un altro che potrebbe indurre a seguire quelle istruzioni che ho segnalato: il Vavilov, che se ricordo bene non è neppure distante dal Marsili (se fanno il botto entrambi...)
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da mix il Gio 22 Nov - 14:30

interessante, (e mettere 2 link non costa molto ....)
Marsili
Vavilov
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da Guin il Gio 22 Nov - 15:13

Si Masili e Vavilov fanno parte della stessa porzione di crosta e sono attaccati, però da quel che sapevo il Vavilov dovrebbe essere spento al contrario del Marsili. Certo che se quella cosa si sveglia (e prima o poi lo farà), metà Italia salta con le chiappe all'aria, e l’altra metà si becca lo Tsunami. mgreen
avatar
Guin
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 958
Località : Asgard
Occupazione/Hobby : Fancazzista
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 30.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da mix il Gio 22 Nov - 15:39

Loki ha scritto:Si Masili e Vavilov fanno parte della stessa porzione di crosta e sono attaccati, però da quel che sapevo il Vavilov dovrebbe essere spento al contrario del Marsili. Certo che se quella cosa si sveglia (e prima o poi lo farà), metà Italia salta con le chiappe all'aria, e l’altra metà si becca lo Tsunami. mgreen
da una lettura veloce dei link pare che il pericolo risieda in un possibile maremoto che interesserebbe le coste sul mar Tirreno
la cima del monte sta 450 metri sotto il livello del mare
dubito che nulla di non subatomico possa attraversare uno strato così spesso e denso e essere "lanciato" distante centinaia di chilometri
un metro quadro di superficie con 450 metri di colonna d'acqua ha sopra di se 450 tonnellate di peso (quasi)
credo che qualsiasi fuoruscita di magma o gas preferisca la discesa lungo il crinale verso le profondità marine oppure la dispersione se elemento galleggiante

se è confermato questo assunto, è meglio limitarsi ai pericoli reali, già abbastanza terribili da soli, senza aggiungere pericoli irreali: non dobbiamo fare scoop giornalistici ad effetto e ce ne sono già troppi per doverne aggiungere in sovrappiù.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da pistacchio il Gio 22 Nov - 16:05

The Pilot ha scritto:
Se ci fosse un "supervulcano" nei Campi Flegrei e scoppiasse, penso che il botto e la colonna di polveri li percepirei fino qui da me (ca. 1000 km). Potrebbe esserci, come già accennato, un'eruzione "freatomagmatica", se l'acqua marina entrasse nella camera magmatica. Allora sì che sarebbero cazzi, per il cloro che si libererebbe dall'acqua salata... In tal caso: mettere la testa fra le cosce e dire addio al mondo (confrontare con le ultime due istruzioni di questa: era affissa in una postazione ICBM della Malmstrom AFB ).

Non è che c'è un supervulcano nei campi flegrei, sono i campi flegrei stessi a costituire il supervulcano. Come nello yellowstone, non c'è un supervulcano nel parco, è il parco ad essere un supervulcano. Non c'è edificio vulcanico classico, perchè è la caldera stessa ad essere il vulcano.... di più nin zo

anzi si qualcosa di più lo so
avatar
pistacchio
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 700
Località : VENEZIA
Occupazione/Hobby : TELECOMUNICAZIONI/ ANIMALI, CIBO
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 31.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da The Pilot il Ven 23 Nov - 11:45

mix ha scritto:
Loki ha scritto:Si Masili e Vavilov fanno parte della stessa porzione di crosta e sono attaccati, però da quel che sapevo il Vavilov dovrebbe essere spento al contrario del Marsili. Certo che se quella cosa si sveglia (e prima o poi lo farà), metà Italia salta con le chiappe all'aria, e l’altra metà si becca lo Tsunami.
da una lettura veloce dei link pare che il pericolo risieda in un possibile maremoto che interesserebbe le coste sul mar Tirreno
la cima del monte sta 450 metri sotto il livello del mare
dubito che nulla di non subatomico possa attraversare uno strato così spesso e denso e essere "lanciato" distante centinaia di chilometri
un metro quadro di superficie con 450 metri di colonna d'acqua ha sopra di se 450 tonnellate di peso (quasi)
credo che qualsiasi fuoruscita di magma o gas preferisca la discesa lungo il crinale verso le profondità marine oppure la dispersione se elemento galleggiante

se è confermato questo assunto, è meglio limitarsi ai pericoli reali, già abbastanza terribili da soli, senza aggiungere pericoli irreali: non dobbiamo fare scoop giornalistici ad effetto e ce ne sono già troppi per doverne aggiungere in sovrappiù.
Se la pressione del Marisli sale oltre i 45 bar (che non è molto, certe caldaie marine o industriali "fanno di più"), lo scoppio può arrivare in superficie. Bisogna anche vedere se l'eruzione sia effusiva o esplosiva. Se effusiva, con fuoriuscita di sola lava, va in basso, se esplosiva... lo lascio immaginare. Nel 1958 fu condotto il test Hardtack Wahoo, scoppio di 9 kt a circa 1000 metri di profondità, quindi doppia del Marsili, e lo scoppio emerse in superficie e molto bene. E un vulcano esplosivo fa apparire una "9 kiloton" come un petardo.
E anche se il Vavilov è spento, sicuramente un'eruzione del Marsili farebbe crollare una parte del Vavilov, con un bel maremoto in sovrappiù. Io forse non dovrei mettere la testa fra le cosce, ma... quanta gente abita fra Civitavecchia e Alcamo?
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da Minsky il Ven 23 Nov - 12:58

The Pilot ha scritto:Se la pressione del Marsili sale oltre i 45 bar (che non è molto, certe caldaie marine o industriali "fanno di più"), lo scoppio può arrivare in superficie. Bisogna anche vedere se l'eruzione sia effusiva o esplosiva. Se effusiva, con fuoriuscita di sola lava, va in basso, se esplosiva... lo lascio immaginare. Nel 1958 fu condotto il test Hardtack Wahoo, scoppio di 9 kt a circa 1000 metri di profondità, quindi doppia del Marsili, e lo scoppio emerse in superficie e molto bene. E un vulcano esplosivo fa apparire una "9 kiloton" come un petardo.
E anche se il Vavilov è spento, sicuramente un'eruzione del Marsili farebbe crollare una parte del Vavilov, con un bel maremoto in sovrappiù. Io forse non dovrei mettere la testa fra le cosce, ma... quanta gente abita fra Civitavecchia e Alcamo?
In effetti non è affatto necessario che la pressione del vulcano superi la pressione statica dell'acqua, perché gli effetti dell'esplosione arrivino in superficie. Lo spessore d'acqua non rappresenta uno schermo! Non dimentichiamo che il suono si propaga benissimo in acqua, e il suono non è altro che un'onda di pressione. Quindi l'onda d'urto dell'esplosione arriverebbe in superficie diffusa su un'area ampia, ma con energia praticamente intatta. Solleverebbe un'onda (marina) di proporzioni titaniche.
Senza contare appunto gli effetti dovuti agli eventuali crolli. L'esplosione del Krakatoa (Indonesia) del 27 agosto 1883 per esempio, è stata stimata avere una potenza tra i 200 e i 500 megatoni; sollevò un'onda di 40 m di altezza alla velocità di 1100 km/h e fu udita a 5000 km di distanza. L'onda d'urto fece 7 volte il giro completo della Terra e le polveri arrivarono sino all'America settentrionale. L'eruzione fece oltre 36.000 vittime (si tenga conto che all'epoca la regione era molto meno popolata: oggi sarebbero almeno 20 volte tante).
La caldera del Krakatoa ha un diametro di circa 10 km.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15685
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da pistacchio il Ven 23 Nov - 13:15

Minsky ha scritto: L'esplosione del Krakatoa (Indonesia) del 27 agosto 1883 per esempio, è stata stimata avere una potenza tra i 200 e i 500 megatoni; sollevò un'onda di 40 m di altezza alla velocità di 1100 km/h e fu udita a 5000 km di distanza. L'onda d'urto fece 7 volte il giro completo della Terra e le polveri arrivarono sino all'America settentrionale. L'eruzione fece oltre 36.000 vittime (si tenga conto che all'epoca la regione era molto meno popolata: oggi sarebbero almeno 20 volte tante).

Stando ai libri, pare che quella di Santorini, sia stata ancora più potente. La caldera invece se non sbaglio è più piccola di quella del krakatoa... anche se nei libri la spacciano per la più grande del pianeta
avatar
pistacchio
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 700
Località : VENEZIA
Occupazione/Hobby : TELECOMUNICAZIONI/ ANIMALI, CIBO
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 31.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da mix il Ven 23 Nov - 13:17

@The Pilot: se preferisci i bar alle tonnellate/metro quadro ti faccio la conversione = 450 bar
siamo daccordo sul pericolo maremoto, forse anche su quello "scossa sismica"
sarei molto cauto invece per l'emissione in atmosfera di solidi oppure gas. che ne pensi?

come immaginavo il test da te citato è un'esplosione nucleare (se metti il link agevoli tutti)
ora: una delle variabili nella potenza di un'esplosione, negli effetti che produce è il tempo di durata dell'evento
è complicato e probabilmente scorretto sotto tutti i punti di vista confrontare una reazione termonucleare di una piccola massa ipercritica che dura frazioni di secondo (una supernova rimane invece luminosissima per giorni, settimane o mesi grazie all'enorme quantità di materia coinvolta, neppure lontanissimamente paragonabile ad una bomba H)
con una fuoruscita di magma e gas ad alta (relativa) pressione che richiede tempi nell'ordine dei giorni per la natura stessa del fenomeno
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da BestBeast il Ven 23 Nov - 13:37

Mi sembra pochissimo anche 450 bar. I serbatoi delle auto a metano in circolazione, contengono gas a 220 bar, nella rete viaggia ad 80, nella camera di combustione dei motori disel, la pressione arriva a 1000 bar. Sicuri solo 450?

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da mix il Ven 23 Nov - 13:51

BestBeast ha scritto:Mi sembra pochissimo anche 450 bar. I serbatoi delle auto a metano in circolazione, contengono gas a 220 bar, nella rete viaggia ad 80, nella camera di combustione dei motori disel, la pressione arriva a 1000 bar. Sicuri solo 450?
NO, ho pure sbagliato!
sono 10 metri di colonna d'acqua che equivalgono (circa) a un bar
quindi correggo: 450 metri di profondità sono 45 bar

però l'acqua ha una densità circa mille volte più alta di quella dell'aria, perciò che del materiale la attraversi è molto più impedito che nel caso di vulcani sulla superficie

anche il Krakatoa ha fatto le sue vittime principalmente a causa dei maremoti conseguenti, poche (più di un migliaio su 36.000) avvelenate dalle sostanze emesse.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da PaperJack il Ven 23 Nov - 18:12

45 bar è la pressione dell'aria quando soffi da una cannuccia. E' una misura di energia presente in un tot d'area. Cioè, 1 litro d'aria a 45 bar non è un granche... ma migliaia di tonnellate di gas tossici a 45 bar? L'energia racchiusa lì dentro è enorme...
avatar
PaperJack
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 271
Età : 24
Località : Bulgaria, Sofia
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 08.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da mix il Ven 23 Nov - 23:36

PaperJack ha scritto:45 bar è la pressione dell'aria quando soffi da una cannuccia. E' una misura di energia presente in un tot d'area. Cioè, 1 litro d'aria a 45 bar non è un granche... ma migliaia di tonnellate di gas tossici a 45 bar? L'energia racchiusa lì dentro è enorme...
forse c'è un errore o due
il bar è un'unità di misura della pressione, che esprime una forza su un'unità di superficie (un area)

se hai un soffio a 45 bar puoi gonfiare le gomme dell'auto, anche del camion, anche di un caterpillar 797 da 40.000 euro/pneumatico, senza bisogno di pompe o compressori e dovresti pure stare attento a non farle esplodere all'istante

poi per comprimere 1 litro d'aria a 45 bar c'è bisogno di spendere una certa quantità di energia
l'energia connessa con fenomeni naturali di enorme potenza è incomparabilmente maggiore
l'idea è corretta, ma nel post quotato è stata espressa con termini scorretti

e comunque i gas devono sempre attraversare 450 metri di sostanza liquida: non è una passeggiata.
come già detto il pericolo è molto più legato allo spostamento repentino della massa d'acqua (maremoto o tsunami che dir si voglia) e non all'emissione di materiale solido o gassoso, che per lo più resterà concentrato in prossimità del luogo dell'evento, a 150 Km dalle coste
e poi si disperderà abbassando proporzionalmente la sua concentrazione, nel caso di gas: non sarà un toccasana, ma neppure troppo pericoloso, presumibilmente, a centinaia di chilometri di distanza dall'epicentro della fuoriuscita
il magma resterà in prossimità del punto di fuoruscita oppure scenderà verso il fondo del mare, essendo più pesante dell'acqua
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Supervulcano

Messaggio Da The Pilot il Dom 25 Nov - 13:18

Anche se i gas devono attraversare 450 m d'acqua, e con 45 bar la loro pressione statica è in equilibrio, perchè non dovrebbero essere pericolosi se sfogano di colpo?
L'equivalente di 9000 t di tritolo è più pericoloso* di un vulcano capace di scaricare diecimila volte questa energia, magari nello stesso tempo? Un'esplosione vulcanica non è che sia tanto più lenta di una nucleare.


*radiazioni a parte.

Questo filmato mostra i due test Hardtack subacquei: Wahoo è il primo, quello con scoppio a circa 1000 m, il secondo è Umbrella, con scoppio a circa 40 m.



Immaginate il primo più grosso e potente e vi fate una pallida idea di cosa significherebbe l'esplosione di un vulcano sottomarino; ovviamente il vulcano potrebbe eruttare ma non esplodere, ma siamo sicuri che sia il caso del Marsili?
Che l'acqua "scolori", da diversi libri di geologia si trova associato anche a eruzioni sottomarine.
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum