Religione per sempre?

Pagina 1 di 9 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Religione per sempre?

Messaggio Da Borghese_Nero il Ven 15 Lug - 15:09

Mi chiedo spesso se le religioni c'è le porteremo dietro finchè la nostra razza esisterà.

Arrivo alla conclusione pensando che le religioni, trattandosi tutte di storie di fantasia, possano adattarsi a tutto ciò che gli conviene pur di salvarsi: ad esempio 600 anni fa una persona che dichiarava che la terra era tonda, noi giravamo intorno al sole e non eravamo al centro dell'universo questa persona veniva torturata, bruciata...insomma la chiesa si divertiva.
Nei secoli successivi, quando la scienza ha iniziato a mostrare la verità delle cose, la chiesa e la religione si è adattata evitando cosi di stare nel torto e "scusandosi".


Altre volte penso che, in un futuro spero non troppo lontano, le religioni possano avere un drastico declino dovuto all'avanzamento tecnologico, ad un nuovo modo di pensare e vedere il tutto. Dopotutto da alcuni secoli a questa parte, c'è stato un fortissimo abbandono della fede e risveglio della mente.



Secondo voi?
avatar
Borghese_Nero
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 551
Età : 26
Occupazione/Hobby : Imprenditore
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 26.06.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da AteoCorporation il Ven 15 Lug - 15:16

Ritengo che le religioni ci saranno sempre, basta pensare alle innumerevoli superstizioni che sono diffuse ancora oggi e che, a differenza dell'illusione di Dio, non vengono nemmeno imposte e diffuse come le religioni.

Inoltre, la religione ha la funzione di dare una speranza dopo la morte, e siccome l'uomo morirà sempre, probabilmente avrà sempre bisogno di una speranza, che come si dice è sempre l'ultima a morire.

Forse arriveremo al punto che ci saranno più Atei e Agnostici che Credenti, ma dubito fortemente che la favola di Dio scomparirà del tutto.
avatar
AteoCorporation
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1066
Età : 28
Occupazione/Hobby : Scrittore, esponente dell'Axteismo e sostenitore dell'Ateologia.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.05.10

http://ateocorporation.webnode.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Borghese_Nero il Ven 15 Lug - 15:27

Mmmh spero che tu ti possa sbagliare...
In ogni caso, quali possono essere le prove che possano negare l'esistenza del dio cristiano? L'anello mancante? Extraterrestri?
avatar
Borghese_Nero
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 551
Età : 26
Occupazione/Hobby : Imprenditore
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 26.06.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da teto il Ven 15 Lug - 15:33

dipende, se tra 4000 anni grazie al progresso scientifico e tecnologico l'uomo avrà un corpo non biologico ma robotico e sarà immortale, se si potrà andare su Marte o su Giove credo che le religioni scomparirannno, se ci saranno guerre catastrofiche che riporteranno l'uomo all'età della pietra non scompariranno, dipende da moltissimi fattori
avatar
teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Werewolf il Ven 15 Lug - 15:56

Per rispondere a questa domanda bisognerebbe capire da dove salta fuori la religione e le ipotesi sono tante(e in questo forum esistono svariati thread a riguardo). Se il motivo di esistenza della religione fosse quello di dire la verità sulla realtà, allora avrebbe abdicato da tempo, e ce ne saremmo liberati da un bel pezzo.
Se invece la religione esiste soprattutto come stampella emotiva, credo che assisteremo(e di fatto sta già avvenendo) ad una rarefazione del religioso e della sua portata epistemologica e morale. Ormai coloro che credono nelle ipotesi delle religioni riguardanti la realtà sono una miserrima minoranza, e ancor meno sono quelli che ne seguono le norme morali. Certo, sono minoranze agguerrite, ma sempre minoranze rimangono. E man mano che la secolarizzazione avanzerà, sempre più piccole saranno. Piccole, ma non scomparse: c'è bisogno di una rivoluzione morale molto forte perché la gente comprenda che la propria stampella emotiva è soltanto una stampella, e che non ne ha bisogno. Ma la gente, come si dice, ama essere viziata e vezzeggiata, e la religione fa parte di quei vizi difficili da perdere.
avatar
Werewolf
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 3357
Età : 27
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Studente a vita.. c'è sempre da imparare no?
SCALA DI DAWKINS :
68 / 7068 / 70

Data d'iscrizione : 24.03.10

http://werewolf-wolfsden.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Feynman il Ven 15 Lug - 16:07

Quando gli esseri umani raggiungeranno l'immortalità non avranno più bisogno della religione.
Quando la specie umana si estinguerà non ci sarà più bisogno di religione.

Scegliete voi. Ci sarà comunque da aspettare. wink..
avatar
Feynman
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 956
Età : 42
Località : Settore galattico ZZ9 Plurale Z Alfa
Occupazione/Hobby : Musicante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 30.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Paolo il Ven 15 Lug - 16:22

Limitiamoci ad ipotizzare un futuro in cui l'essere umano esiste ancora e più o meno è come siamo noi oggi. Per valutare come potrebbe evolvere il concetto religioso o penso che abbia ragione Were. Bisogna capire quale è l'origine del credere. Io ho più volte sostenuto che derivi da un bisogno ancestrale di avere un capo. Un bisogno che deriva dal nostro essere animali. E gli istinti ancestrali diminuiscono man mano che aumenta la capacità di ragionare in modo autonomo. Poiché è sicuro che l'uomo stia evolvendo sempre più verso forme più avvanzate e mature di razionalità, penso che la religione, quanto meno come oggi la pensiamo, in tempi anche non troppo lunghi sia destinata a sparire del tutto. Ma di sicuro noi, anche i più giovani, non ne avranno il tempo per vedere questo cambiamento.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8629
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da teto il Ven 15 Lug - 16:39

Paolo ha scritto:Limitiamoci ad ipotizzare un futuro in cui l'essere umano esiste ancora e più o meno è come siamo noi oggi. Per valutare come potrebbe evolvere il concetto religioso o penso che abbia ragione Were. Bisogna capire quale è l'origine del credere. Io ho più volte sostenuto che derivi da un bisogno ancestrale di avere un capo. Un bisogno che deriva dal nostro essere animali. E gli istinti ancestrali diminuiscono man mano che aumenta la capacità di ragionare in modo autonomo. Poiché è sicuro che l'uomo stia evolvendo sempre più verso forme più avvanzate e mature di razionalità, penso che la religione, quanto meno come oggi la pensiamo, in tempi anche non troppo lunghi sia destinata a sparire del tutto. Ma di sicuro noi, anche i più giovani, non ne avranno il tempo per vedere questo cambiamento.

quindi diventeremo Atei e Anarchici carneval carneval
avatar
teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Paolo il Ven 15 Lug - 16:45

Bh in un certo senso penso e spero di si. Se facciamo riferimento alle nazioni che sono socialmente più avanzate risulta evidente che la necessità di un controllo è sempre meno necessario. Se l'uomo è razionale ed equilibrato ha sempre meno bisogno di regole e leggi per convivere. Oggi è una pura utopia, così come pensare all'uomo che sia in grado di affrontare i propri problemi senza dover ricorrere alle favole sia della religione che di maghi, cartomanti... Ma in un futuro potrebbe essere possibile. Però è una ipotesi che oggi non ha alcun fondamento. Poco più di una fantasia.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8629
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da teto il Ven 15 Lug - 16:53

Paolo ha scritto:Bh in un certo senso penso e spero di si. Se facciamo riferimento alle nazioni che sono socialmente più avanzate risulta evidente che la necessità di un controllo è sempre meno necessario. Se l'uomo è razionale ed equilibrato ha sempre meno bisogno di regole e leggi per convivere. Oggi è una pura utopia, così come pensare all'uomo che sia in grado di affrontare i propri problemi senza dover ricorrere alle favole sia della religione che di maghi, cartomanti... Ma in un futuro potrebbe essere possibile. Però è una ipotesi che oggi non ha alcun fondamento. Poco più di una fantasia.

quoto..
avatar
teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Andrea apateista il Ven 15 Lug - 18:26

NO
avatar
Andrea apateista
-------------
-------------

Numero di messaggi : 346
Età : 27
Occupazione/Hobby : piccolo imprenditore XD
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 10.06.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Andrea apateista il Ven 15 Lug - 18:38

il numero di atei cresce a pari passo con la scienza
avatar
Andrea apateista
-------------
-------------

Numero di messaggi : 346
Età : 27
Occupazione/Hobby : piccolo imprenditore XD
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 10.06.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da chef75 il Mar 19 Lug - 0:02

Andrea apateista ha scritto:il numero di atei cresce a pari passo con la scienza

Non lo sò
La scienza ha già dato da anni le risposte ai quesiti sull'esistenza,ma non mi sembra che il numero degli atei sia andato di pari passo.
Penso che esistano piu fattori,forse,l'informazione da una parte e il raziocinio dall'altra.

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed ineguagliabile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7640
Età : 41
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Feynman il Mar 19 Lug - 9:51

Andrea apateista ha scritto:il numero di atei cresce a pari passo con la scienza

Più verosimilmente, con la sua divulgazione tramite i mass media.
tsè! Se almeno ne facessero.
avatar
Feynman
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 956
Età : 42
Località : Settore galattico ZZ9 Plurale Z Alfa
Occupazione/Hobby : Musicante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 30.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da niko95py il Mar 12 Feb - 16:36

Finchè ci sarà gente stupida ci saranno anche le religioni.
Scherzi a parte, penso che il problema più grande sia l'indottrinamento dei bambini, perchè sono facili da illudere. La maggior parte degli adulti(non indottrinati) probabilmente rifiuterebbe la religione.
avatar
niko95py
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 94
Età : 22
Località : Bari
Occupazione/Hobby : Studente
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 18.01.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Sorel1980 il Mar 12 Feb - 17:39

Non sparirà, per le seguenti ragioni:
1) Più la scienza avanza più lascia l'uomo senza alcuna guida. La scienza non sa cosa aspetti dopo la morte dell'uomo e quindi non gli promette di rivedere i suoi cari... la religione invece sì.
2) La scienza non riesce a mantenere un saldo controllo sulle menti altrui, la religione sì. L'uomo semplice che non ama lo studio, non è in grado di comprendere la scienza, ma è in grado di comprendere la religione. La religione ti dice: comportati secondo questi elementari dettami, o otterrai la vita eterna (o comunque non incorrerai nella sanzione sociale). L'uomo iperoccupato negli affari non ha tempo di consumarsi sui libri, mentre avrà sempre il tempo di andare a messa o chi per essa.
3) Il criminale e il deviante non hanno nella scienza alcuna risorsa, mentre nella religione sì... la religione offre il perdono a bassissimo costo, ed è la cosa che maggiormente serve.

Sorel1980
-------------
-------------

Numero di messaggi : 188
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da mix il Mar 12 Feb - 17:52

Sorel1980 ha scritto:3) Il criminale e il deviante non hanno nella scienza alcuna risorsa, mentre nella religione sì... la religione offre il perdono a bassissimo costo, ed è la cosa che maggiormente serve.
... in un mondo di criminali e devianti.
certo.
non ci sono dubbi.

ed in un mondo di persone mediamente egoiste ed altruiste? vale allo stesso modo?


ma poi, scriverlo utilizzando strumenti di comunicazione altamente tecnologici, non è un po' contraddittorio? boh
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da iosonoateo il Mar 12 Feb - 18:24

Sorel1980 ha scritto:Non sparirà, per le seguenti ragioni:
1) Più la scienza avanza più lascia l'uomo senza alcuna guida. La scienza non sa cosa aspetti dopo la morte dell'uomo e quindi non gli promette di rivedere i suoi cari... la religione invece sì.
2) La scienza non riesce a mantenere un saldo controllo sulle menti altrui, la religione sì. L'uomo semplice che non ama lo studio, non è in grado di comprendere la scienza, ma è in grado di comprendere la religione. La religione ti dice: comportati secondo questi elementari dettami, o otterrai la vita eterna (o comunque non incorrerai nella sanzione sociale). L'uomo iperoccupato negli affari non ha tempo di consumarsi sui libri, mentre avrà sempre il tempo di andare a messa o chi per essa.
3) Il criminale e il deviante non hanno nella scienza alcuna risorsa, mentre nella religione sì... la religione offre il perdono a bassissimo costo, ed è la cosa che maggiormente serve.
questi punti li dici da credente o da ateo? non ho ben chiaro il tuo orientamento "religioso" (se sei ateo non hai completato la scala di dawkins)
avatar
iosonoateo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4086
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 02.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da *Valerio* il Mar 12 Feb - 19:30

iosonoateo ha scritto:
Sorel1980 ha scritto:Non sparirà, per le seguenti ragioni:
1) Più la scienza avanza più lascia l'uomo senza alcuna guida. La scienza non sa cosa aspetti dopo la morte dell'uomo e quindi non gli promette di rivedere i suoi cari... la religione invece sì.
2) La scienza non riesce a mantenere un saldo controllo sulle menti altrui, la religione sì. L'uomo semplice che non ama lo studio, non è in grado di comprendere la scienza, ma è in grado di comprendere la religione. La religione ti dice: comportati secondo questi elementari dettami, o otterrai la vita eterna (o comunque non incorrerai nella sanzione sociale). L'uomo iperoccupato negli affari non ha tempo di consumarsi sui libri, mentre avrà sempre il tempo di andare a messa o chi per essa.
3) Il criminale e il deviante non hanno nella scienza alcuna risorsa, mentre nella religione sì... la religione offre il perdono a bassissimo costo, ed è la cosa che maggiormente serve.
questi punti li dici da credente o da ateo? non ho ben chiaro il tuo orientamento "religioso" (se sei ateo non hai completato la scala di dawkins)

Non hai letto nessuno dei mila thread sull'agnosticismo?
No, altrimenti lo sapresti.
Invece di farti le seghe, leggi qualche topic! mgreen

uahh

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 43
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Sorel1980 il Mar 12 Feb - 19:34

Diciamo per persone mediamente altruiste ed egoiste valgono comunque i punti 1) e 2)
In ogni caso anche i non delinquenti hanno bisogno di espiare, di essere perdonati, o comunque di sapere che esiste un principio che potrà farlo dopo la morte...
Iosonoateo per quanto mi riguarda il mio punto di vista è un ateismo rigoroso, che però cerca di comprendere le ragioni e l'utilità della religione cristiana e della religione in particolare.

Sorel1980
-------------
-------------

Numero di messaggi : 188
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Masada il Mar 12 Feb - 19:51

Borghese_Nero ha scritto:possano adattarsi a tutto

Secondo voi?

resta sempre un margine di paura e di incertezza: il futuro.
anche solo scavando nel pozzo del destino-libertà ne avranno ancora per molto.
forse in una ipotetica utopia (e forse non auspicabile) futura in cui l'uomo abbia già un futuro scritto e magari senza morte, allora forse la religione non avrà più anfratti in cui annodarsi.

ultima precisazione: moriranno molto prima le religioni istituzionalizzate, e forse, solo molto dopo, la religiosità, il rito, il sacro, il soprannaturale, le psicosi collettive e private, il bisogno di senso...
avatar
Masada
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1559
Occupazione/Hobby : havanagloria e refusismo
SCALA DI DAWKINS :
36 / 7036 / 70

Data d'iscrizione : 17.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Sally il Mar 12 Feb - 20:08

Masada78 ha scritto:
resta sempre un margine di paura e di incertezza: il futuro.
anche solo scavando nel pozzo del destino-libertà ne avranno ancora per molto.
forse in una ipotetica utopia (e forse non auspicabile) futura in cui l'uomo abbia già un futuro scritto e magari senza morte, allora forse la religione non avrà più anfratti in cui annodarsi.

ultima precisazione: moriranno molto prima le religioni istituzionalizzate, e forse, solo molto dopo, la religiosità, il rito, il sacro, il soprannaturale, le psicosi collettive e private, il bisogno di senso...

Basterebbe accettare il determinismo (ma cio' significherebbe anche rinunciare all'idea di liberta' che tanto ci piace...).

Sally
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4886
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Masada il Mar 12 Feb - 20:33

Diva ha scritto:
Masada78 ha scritto:
resta sempre un margine di paura e di incertezza: il futuro.
anche solo scavando nel pozzo del destino-libertà ne avranno ancora per molto.
forse in una ipotetica utopia (e forse non auspicabile) futura in cui l'uomo abbia già un futuro scritto e magari senza morte, allora forse la religione non avrà più anfratti in cui annodarsi.

ultima precisazione: moriranno molto prima le religioni istituzionalizzate, e forse, solo molto dopo, la religiosità, il rito, il sacro, il soprannaturale, le psicosi collettive e private, il bisogno di senso...

Basterebbe accettare il determinismo (ma cio' significherebbe anche rinunciare all'idea di liberta' che tanto ci piace...).

esatto.
avatar
Masada
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1559
Occupazione/Hobby : havanagloria e refusismo
SCALA DI DAWKINS :
36 / 7036 / 70

Data d'iscrizione : 17.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Rasputin il Mar 12 Feb - 20:36

Diva ha scritto:
Masada78 ha scritto:
resta sempre un margine di paura e di incertezza: il futuro.
anche solo scavando nel pozzo del destino-libertà ne avranno ancora per molto.
forse in una ipotetica utopia (e forse non auspicabile) futura in cui l'uomo abbia già un futuro scritto e magari senza morte, allora forse la religione non avrà più anfratti in cui annodarsi.

ultima precisazione: moriranno molto prima le religioni istituzionalizzate, e forse, solo molto dopo, la religiosità, il rito, il sacro, il soprannaturale, le psicosi collettive e private, il bisogno di senso...

Basterebbe accettare il determinismo (ma cio' significherebbe anche rinunciare all'idea di liberta' che tanto ci piace...).

Accettalo tu. Io continuo a stare libero.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickock)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49705
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Religione per sempre?

Messaggio Da Sally il Mar 12 Feb - 20:39

Anche se non lo accetti, esso continua ad agire su di te e sul resto del mondo. L'unica liberta' sta nella inconsapevolezza (leggi non-accettazione nel tuo caso).

Sally
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4886
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 9 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum