Ipersessualità e tossicodipendenza

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da Rasputin il Mar 9 Ago - 20:44

mecca domenico ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Dom qui non si tratta che piaccia il sesso o meno (Cosa buona e giusta), ma di una psicopatologia ben definita, è differente.

Forse, la ipersessualità a mio modo di vedere non è una malattia, potrebbe diventare una malattia l'opposto e cioè quando si incomincia a calare

Magari tra 15 anni la penso così anch'io mgreen

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49863
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da mecca domenico il Mar 9 Ago - 21:27

Rasputin ha scritto:
Magari tra 15 anni la penso così anch'io

Due sono le cose che dico sempre quando vedo persone un po' giù (persone che conosco e non).
1) Finchè ci vediamo va tutto bene.
2) Finchè tira va ancora meglio.

mecca domenico
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1796
Età : 70
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 31.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da Paolo il Mar 9 Ago - 21:41

Ehhh Mecca, fin che c'è Viagra c'è speranza. Tranquillo!! mgreen
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da Rasputin il Mar 9 Ago - 21:49

Paolo ha scritto:Ehhh Mecca, fin che c'è Viagra c'è speranza. Tranquillo!! mgreen

Beh viagra senza figa...c'è anche chi non ha le tue stesse possibilità economiche eh vecchio puttaniere carneval
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49863
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da chef75 il Mar 9 Ago - 21:55

mecca domenico ha scritto:
SergioAD ha scritto:Al quesito di Lud io dico di si - il sesso può provocare dipendenza. Poi come al solito sono andato a cercare conferme ed ecco qui sotto il mio contributo.

L'ipersessualità o dipendenza sessuale o sex addiction è un disturbo psicologico e comportamentale nel quale il soggetto esperisce una necessità patologica ossessiva di avere rapporti sessuali o comunque di pensare al sesso, ed ha quindi una dipendenza dall'attività sessuale (identica a quella che si può avere per un qualsiasi tipo di droga) che, presto o tardi, in misura maggiore o minore, può essere causa di malessere.
...Continua

______________________________________________________________________
Questo dice wikipedia. L'articolo infine conclude dicendo che, "le associazioni di aiuto usano il programmi di recupero ideati dagli Alcolisti Anonimi e riadattati e utilizzati anche da altri gruppi simili, come i Mangiatori Compulsivi, in Inglese Overeaters Anonymous (O.A.), gruppi di sostegno per persone affette da disturbi alimentari, nonché Narcotici Anonimi (N.A.) e Al-Anon/Alateen.


Quante cazzate.
Se ad uno piace il sesso non va ad aggredire ma cerca di abbordare.
Il sesso è nel nostro DNA punto

Per niente cazzate...leggere bene prima di scrivere certe cose.

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed ineguagliabile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7647
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da chef75 il Mer 10 Ago - 3:55

Riassumendo:

L'ipersessualità o dipendenza sessuale o sex addiction è un disturbo
psicologico-comportamentale nel quale il soggetto ha l' ossessione
patologica di avere rapporti sessuali o comunque di pensare al sesso,
sviluppando, quindi, una dipendenza dal sesso identico a quella che si
può avere per un qualsiasi tipo di droga
.

Fonte

http://www.iltuopsicologo.it/ipersessualit%C3%A0_ninfomania_e_satiriasi.asp

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed ineguagliabile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7647
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da Paolo il Mer 10 Ago - 7:54

Rasputin ha scritto:
Paolo ha scritto:Ehhh Mecca, fin che c'è Viagra c'è speranza. Tranquillo!! mgreen

Beh viagra senza figa...c'è anche chi non ha le tue stesse possibilità economiche eh vecchio puttaniere carneval


Centrato, colpito ed affondato !!!!!!!! ahahahahahah

avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da Ludwig von Drake il Mer 10 Ago - 17:44

chef75sp ha scritto:Riassumendo:
L'ipersessualità o dipendenza sessuale o sex addiction è un disturbo psicologico-comportamentale nel quale il soggetto ha l' ossessione patologica di avere rapporti sessuali o comunque di pensare al sesso, sviluppando, quindi, una dipendenza dal sesso identico a quella che si può avere per un qualsiasi tipo di droga.
Fonte
http://www.iltuopsicologo.it/ipersessualit%C3%A0_ninfomania_e_satiriasi.asp
Eppure, leggo dal medesimo sito:

L'ipersessualità e conosciuta, popolarmente come ninfomania per le donne e satiriasi per gli uomini. La ninfomania e la satiriasi non sono elencate come malattie nel DSM-IV (Manuale diagnostico e statistico dei disordini mentali) perché nella comunità scientifica e specialistica non si è raggiunto il consenso sul fatto che la dipendenza sessuale esista effettivamente e su come descrivere il fenomeno.
http://www.iltuopsicologo.it/ipersessualit%C3%A0_ninfomania_e_satiriasi.asp

Senza approfondire ulteriormente l'eventuale posizione del sito (che non è una review e non mi sembra, a primo sguardo, che fornisca una bibliografia adeguata all'articolo), questo credo sia il punto essenziale, la discordia degli uomini di scienza in materia. Con questo non intendo affermare che tale dipendenza non esista, ma non si hanno ancora dati sufficienti al riguardo per poterne affermare con sufficiente certezza l’esistenza.

Vorrei, inoltre, ricordare un’altra cosa, ovvero la differenza sostanziale tra gli effetti negativi diretti, sul fisico, delle sostanze legate alla tossicodipendenza e di quelli, normalmente non esistenti, del sesso.
Infine, credo sia bene sottolineare il modo diverso in cui le due eventuali dipendenze possono impattare sulla popolazione:

a. Una percentuale rilevante di persone non affette da disturbi psicologici può diventare dipendente dalle droghe in seguito al loro utilizzo;
b. Normalmente, solo persone con disturbi psicologici di base giungono a soffrire di ipersessualità compulsiva.
avatar
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4723
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da mecca domenico il Gio 11 Ago - 21:45

Niente viagra per carità.
In genere i farmaci fanno bene da un lato ma possono rovinare.

mecca domenico
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1796
Età : 70
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 31.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da maxsar il Sab 13 Ago - 12:52

Bhe una personalità è un bel mosaico di tratti.
Presi da una determinata angolazione, alcuni possono tendere ad una patologia (in una personalità normale), ma la sommatoria ci mostra la variabilità che intercorre nei comportamenti.

Rispetto alla clinica (dove c'è un po' il problema opposto), forse la psichiatria ha sempre un po' faticato a descrivere una determinata situazione.
Nei casi evidenti è palese, ma nei casi intermedi-lievi?
Che parametri si usano?
Come si diagnostica (dopo un mese o almeno due mesi di comportamenti "anomali")?
Si va a vedere la personalità nel suo insieme o si tende a vedere solo il tratto?
Quanto è forte il desiderio (inconscio) di trovare la patologia?

Diverse risposte a queste domande hanno dato luogo a famiglie di scuole diverse, scuole (e correnti interni maggioritarie, minoritarie, semieritiche e ritenute eretiche).
Diventa difficile anche solo provare a dare una risposta tenendo conto di tutto; probabilmente un classico come il DSM è una buona risposta, ma è da considerare l'incipit di prima (almeno a mio parere).

Dal fondo a salire, fatto bene:
http://disordinedeimedici.blogspot.com/search/label/Dipendenza%20dal%20sesso
avatar
maxsar
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1342
Età : 32
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da SergioAD il Sab 13 Ago - 14:04

Sospetto che si tratta di ricerca di equilibrio. Non sono molto divertenti, questo argomento e quello sui "drogati" perché l'opinione non esperta, come la mia, non aggiunge ne toglie nulla a quelli che forse ne soffrono oppure ne hanno sofferto in passato per qualche motivo. Questa è una affermazione di rispetto e simpatia.

Il comportamento compulsivo, ossessionante e maniacale esiste sia negli uomini che negli animali. Che elenco potrei fare, il quadro, lo zerbino, il filo del telefono, i colori, le matite, le penne... ah ah break!

Io i paragrafi tendo di farli della stessa dimensione per non scrivere troppo, nessuno legge tutto a meno che non sia indispensabile, insomma se non è scorrevole deve almeno esser breve... /ah ah break!

Siccome vedo davvero tanta gente avere questi comportamenti "speciali", la moda, il mangiare, le catenine che girano - dunque avendo a disposizione materiale per mangiare e fare sesso, i due istinti!

Mi viene in mente che manca il peccato mortale relativo alle ossessioni cibarie, forse allora non c'erano problemi di anoressia, bulimia, obesità o altri disturbi alimentari. Ieri ho letto che ci si droga mangiando.

Non sono eccezioni il cibo ed il sesso, la ninfomania ed il satirismo è roba vecchia ed erano caratterizzati da una forte accentuazione quantitativa della sessualità di natura psicologica, questo sapevo.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da Paolo il Dom 14 Ago - 8:52

Io non capisco come si possa in qualche modo discutere o comunque paragonare l'utilizzo di droghe con qualsiasi altra forma patologica o biologica. Forse si potrebbe discutere sul perchè uno ne faccia uso. La droga, in tutte le sue forme, è una violenza fisica che uno fa sul suo corpo. Più o meno piacevole, ma sempre violenza. Non ha giustificazioni al mondo.

Io non condanno chi ne fa uso. Avevo già detto a Rasp che per conto mio uno può anche fumare il catrame, sniffare il gesso e iniettarsi trielina. Sono affari suoi. Ma non confrontiamo i due fenomeni. Uno è una alterazione volutamente effettuata da una persona sul suo sistema nervoso. Il resto sono attività più o meno patologiche del nostro vivere. L'autolesionismo non può in alcun modo essere assimilato ad una forma patologica o psichica. Se con sostanze chimiche vai ad alterare il nostro sistema neuronale è equivalete a bruciarti i neuroni con l'elettro shock. Di droga si muore. Di sesso no!!!
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da Rasputin il Dom 14 Ago - 9:45

Paolo ha scritto:Io non capisco come si possa in qualche modo discutere o comunque paragonare l'utilizzo di droghe con qualsiasi altra forma patologica o biologica.

Veramente mi pare che si stesse parlando dei denominatori comuni, il più evidente dei quali è la dipendenza, la quale in sè è, scusa il gioco di parole, indipendente dal fatto che si faccia uso si sostanze o meno. Un altro fattore comune sono i sintomi da astinenza, in certi casi molti simili, tra quelli causati dall'uso di sostanze stupefacenti anche tossiche e quelli causati da una dipendenza che può essere originata praticamente da qualsiasi altra cosa, mi pare di avere citato tempo fa il caso di una donna che ne aveva sviluppata una da zucchero a velo, il medico se ne è accorto dopo un po' di tempo perché quella ingrassava a dismisura e non si capiva il perchè (Fino a quando non ha scoperto che lei se ne mangiava fino a 2kg al giorno).

Paolo ha scritto:Forse si potrebbe discutere sul perchè uno ne faccia uso.

Nei casi più "Sani", per piacere personale e/o per divertimento. O non ti sei mai preso una sbronza?

Paolo ha scritto:La droga, in tutte le sue forme, è una violenza fisica che uno fa sul suo corpo. Più o meno piacevole, ma sempre violenza. Non ha giustificazioni al mondo.

Dissento, mi pare che abbiamo un concetto diverso di autoviolenza (Ma c'è anche chi gode a farsi frustare, e sono cavolacci suoi). Inoltre, quanto alle giustificazioni, proprio qui sotto le dai tu stesso col semplice principio di autodeterminazione.

Paolo ha scritto:Io non condanno chi ne fa uso. Avevo già detto a Rasp che per conto mio uno può anche fumare il catrame, sniffare il gesso e iniettarsi trielina. Sono affari suoi. Ma non confrontiamo i due fenomeni. Uno è una alterazione volutamente effettuata da una persona sul suo sistema nervoso. Il resto sono attività più o meno patologiche del nostro vivere. L'autolesionismo non può in alcun modo essere assimilato ad una forma patologica o psichica. Se con sostanze chimiche vai ad alterare il nostro sistema neuronale è equivalete a bruciarti i neuroni con l'elettro shock. Di droga si muore. Di sesso no!!!

Le alterazioni, volontarie o meno, del sistema nervoso, non mi pare siano necessariamente legate all'uso di sostanze; quanto all'autolesionismo (Che è diverso dal masochismo), equequà:

http://it.wikipedia.org/wiki/Autolesionismo#Disturbi_mentali

come vedi una certa patologia c'è. Quanto al paragone droga/sesso, mi pare un po'grossolano, comunque praticamente qualsiasi cosa può essere mortale se portata agli estremi (Vedi appunto sadomasochismo).

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49863
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ipersessualità e tossicodipendenza

Messaggio Da Paolo il Dom 14 Ago - 16:55

Rasp, io non sono contro l'uso delle droghe. Per me è assurdo che oggi in Italia sia un reato il semplice utilizzo. Il vero problema è difendere i minori, diciamo i giovani, e far si che chi usa droghe non sia pericoloso per gli altri. Poi io liberalizzerei l'utilizzo.

Circa la dipendenza, la differenza è che quella della droga, al di la dei sintomi, te la crei tu volontariamente. Di per se non esiste. Tu alteri un equilibrio, e poi, per soddisfare un bisogno inesistente che ti sei creato tu con le tue mani, sei obbligato a continuare. E questo vale anche per il fumo e l'alcol. La conosci la sega cinese? Ecco la soddisfazione è la stessa. E' un effetto al negativo. Questo tanto più per il fumo o l'alcol.

Mi dispiace ma per me i motivi che spingono qualcuno ad usare fumo, alcol o droghe sono incomprensibili. Io sono praticamente astemio, (al massimo birra e sprite 50/50% !!) e non fumo. E non perchè sono virtuoso ma solo perchè non mi piace. Il fumo non lo sopporto e tutti gli alcolici non mi piacciono. Crearsi una dipendenza solo per avere la soddisfazione poi di soddisfarla per me rimane un fatto del tutto incomprensibile.

Pratiche sado-maso portate agli estremi non hanno nulla a che fare con il sesso. Sono patologie vere e proprie. L'utilizzo di sostanze che sai benissimo che danneggiano il tuo corpo è una forma, probabilmente inconscia, di auto lesionismo. Ma, come ti ho detto, io non condanno nessuno. Io sono della idea che ognuno è libero di usare il proprio corpo come meglio vuole. Per me l'indisponibilità di se stessi sancita dalla legge italiana e dalla morale cristiana è del tutto assurda.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum