10 Domande per Atei (e non)

Pagina 4 di 12 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da maxsar il Ven 19 Ago - 11:17

Noi chiediamo perdono delle cose cattive che facciamo, perchè sappiamo cosa è bene e cosa è male ma spesso e volentieri ci pesa il culo rinunciare alle comodità, o la tentazione di fare qualcosa che ci porti beneficio a discapito di qualcun'altro è troppo forte, questo è il significato del peccato originale, non Adamo che ha mangiato una mela un sacco di secoli fa.
Allora il problema è un bug nel software, non imputabile alle creature.
Per dirtene una il caccia di superiorità aerea assoluta statunitense, un po' di anni fa, ha rischiato di andare a fondo durante il passaggio sulla linea di cambio data.
Un bug del sistema....è colpa dei caccia?
L'onnipotenza divina postula anche il suo essere fuori dal tempo indi avrebbe dovuto sapere cosa sarebbe successo (anche col caccia, ma mi soffermerei di più pero sul pecc originale ora)
Da li si arguisce che deliberatamente (seguendo il ragionamento protortodosso cattolico) se ne è sbattuto del bug, anzi usandolo poi (per buona parte della teologia) per non ammettere dei suoi "figli" al regno dei cieli.
Come disse qualcuno: "fuori da me non c'è salvezza", ovvero se non hai la firma digitale niente festino.

L'onnipotenza poi toppa clamorosamente contro il libero arbitrio, in più passi si parla di libro della vita; si dice che già nel grembo materno ci conosceva ed ha un progetto per ognuno di noi...
Indi si sa già come andrebbe a finire, non esiste alcun libero arbitrio in quanto una scelta (per voi) porta inevitabilmente alla graticola, ma già al momento della creazione sapeva chi sarebbero stati i futuri carbonai (e quindi che senso ha lo show di incarnazione e co?).

Sul rispetto la vedo nello stesso identico modo: nell'AT chiede un genocidio (uccidere fratelli e sorelle) a persone ree di aver adorato un idolo, accetta sacrifici umani, uccide popoli o persone quasi per capriccio.
Stermina praticamente l'intera umanità per l'iniquità degli umani (eppure avrebbe dovuto vedere le conseguenze della creazione....ah i capri espiatori) ed annichilisce due città piene comunque di bambini.
Qualcuno quando disse non serviam aveva visto bene il cuore del tizio barbuto sulle nuvole.
avatar
maxsar
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1342
Età : 32
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da SergioAD il Ven 19 Ago - 11:23

Balz,

Non sarebbero spicce ma sicuramente non sono così importanti da doverle spiegare. In effetti non è il caso che mi abbassi inutilmente.

Mi basta che hai capito la parte finale, allora abbandona la provocazione e fai qualcosa di cristiano che è lì che andrà la coscienza atea.

L'evoluzione naturale del cristianesimo è proprio l'ateismo, che si chiama la nuova novella e che è diversa dalle altre divinità abramitiche.

Ti ringrazio per il tuo ultimo pensiero - non è il migliore dei miei momenti ma va bene dai. Qui è il mese del digiuno e forse piacerebbe a te.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da SergioAD il Ven 19 Ago - 11:43

Balz,

Ancora un paio di cose, se ti va, perché non compili il tuo punto di vista ma anche descrivendo quella tua di percezione di Dio, clicca sul colore in evidenza.

Anche lì ci sono le risposte strane ma fai un po' te.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Baalzefon il Ven 19 Ago - 12:19

[quote="AteoCorporation"]
Baalzefon ha scritto:
1) Per il semplice fatto che non ci sono prove oggettive sulla sua esistenza, ed è un fatto incontestabile, non a caso potete parlare solo di "fede", "rivelazione", non di fatti o prove, lo stesso vale per le altre credenze, se esistessero prove oggettive non ci sarebbe bisogno della fede e Dio non sarebbe una credenza.

2) Senza mostrarsi chiaramente, Dio non fa altro che confondere l'uomo, il quale ha creato molte religioni, testi sacri e divinità, e sempre per queste religioni scoppiano guerre, ci sono persecuzioni, morti, imposizioni, sofferenze di ogni genere, tutto perché Dio vuole dare una libertà che invece non esiste, se voleva darmi la libertà avrebbe dovuto innanzitutto chiedermi se volevo nascere in un mondo del genere, invece mi ha fatto nascere di sua iniziativa in un mondo creato secondo le sue leggi.

Non mi piace il fatto che milioni di bambini nascano solo per soffrire e poi morire per malattie o catastrofi naturali, non mi piace il fatto che la nostra vita è una continua lotta per sopravvivere, che basta un nonnulla per morire o ritrovarsi ad essere un vegetale, non mi piace il fatto che Dio, essendo onnipotente, potrebbe migliorare la situazione in ogni istante, invece non lo fa e alla fine pretende anche delle cose da noi, quando a nessuno ha dato la possibilità di scegliere se venire al mondo oppure no.

"Nonostante tutti i tentativi e i sofismi di sant’Agostino, la responsabilità del mondo e di tutte le sue sventure ricade comunque su Dio, il quale ha creato tutto, assolutamente tutto, e sapeva come sarebbero andate le cose."
(Arthur Schopenhauer).

1) No, ma ci sono tanti indizi che lasciano pensare il contrario. Sono quelli che gli scienziati buoni chiamano "fatti inspiegabili", e non c'è neanche bisogno che ti faccia una lista. In compenso tu non hai una benemerita prova oggettiva e definitiva del contrario, quindi dovremmo essere pari.

Spoiler:

Anche io le so mettere le citazioni :) :
  • All'inizio e alla fine abbiamo il mistero. Potremmo dire che abbiamo il disegno di Dio. A questo mistero la matematica ci avvicina, senza penetrarlo. (Ennio De Giorgi)
    Come potremmo vivere in una dimensione totalmente razionale, quando siamo circondati di mistero da tutte le parti? Si dirà: ma la scienza mette in fuga il mistero... Falso. La scienza non fa che spostare il mistero sempre più in là, alza la soglia... (Carlo Sgorlon)
    Come si può mettere la Nona di Beethoven in un diagramma cartesiano? Ci sono delle realtà che non sono quantificabili. L'universo non è i miei numeri: è pervaso tutto dal mistero. Chi non ha il senso del mistero è un uomo mezzo morto. (Albert Einstein)
    Con tutto quello che vediamo, a occhio nudo o con i mezzi tecnici, siamo arrivati a non vedere più prodigi; con tutto quello che sappiamo o che crediamo di sapere, il mondo non ha più misteri. È la realtà che si è spogliata dei suoi incantesimi? Sì e no, più che la realtà si è spogliato il nostro sguardo che sembra aver perso la capacità di vedere, insieme alle cose date, anche lo sfondo immenso del possibile fino al bordo dell'impossibile, senza il quale io credo che crediamo di vedere le cose, ma sono pezzi scorporati. (Luisa Muraro)

2) Certo che confonde, altrimenti avremmo tutti finito e se Dio si mostrasse tu non saresti ateo, e saresti condannato ad un fantastica vita da credente controvoglia. O molto probabilmente te ne sbatteresti le palle e faresti i porci comodi tuoi moralizzando il tutto con qualche scusa sotto forma di ragionamento filosofico.

Spoiler:
Ecco allora che il problema del male si connette con quello della libertà umana. Se l'uomo non fosse libero, egli non avrebbe meriti, né colpe. Il dilemma che si pone con questa affermazione è se esista il libero arbitrio oppure la predestinazione, problema che si è venuto a creare in seguito al peccato originale:
Dio, che è onnisciente e conosce il futuro, ha dato piena libertà all'uomo, ma sa che, lasciandolo libero, questi peccherà. Dio potrebbe anche intervenire per impedirglielo, ma non lo fa per non interferire col suo libero arbitrio;
l'uomo, così peccando, ha commesso il peccato originale, con cui ha compromesso la propria libertà, volgendola contro se stessa. Sebbene egli sia divenuto indegno di ricevere la salvezza, Dio, conoscendo le sue possibili scelte verso il male o verso il bene, dona ad alcuni, con la Grazia, la possibilità di salvarsi, mentre ad altri lascia la libertà di dannarsi; tuttavia, questa non è una scelta divina arbitraria, ma è semplicemente la prescienza di Dio che, nell'eternità (cioè oltre il tempo), vede coloro che possono ricevere la Grazia e coloro che non possono. Questi ultimi anche se la ricevessero non solo non si salverebbero, ma si dannerebbero ancor più.

Le guerre, le persecuzioni, i morti, le imposizioni, e le sofferenze di ogni genere ci sono grazie ad una razza di animali che io chiamo scimmie non perchè Dio ha fatto scrivere diversi libri sacri. Hai mai trovato un libro sacro con su scritto uccidi che è bene?
Ti sei mai chiesto, prima di dare la colpa a Dio, perchè milioni di bambini nascono per e soffrono? E perchè la vita è una lotta continua? Perchè non mi fai un esempio così te ne faccio uno anche io.
In più ti rivelo un segreto importante: Dio non si occupa (salvo in determinati casi specifici) di questo piano, non gliene frega un cazzo di farti la vita più comoda e più felice, di farti cadere soldi dal cielo, di trovarti il lavoro e di farti una bella casa, anche perchè ha creato un posto apposito. Infatti se osservi attentamente l'aiuto di Dio c'è, è molto palese e funziona sempre ma non è riferito mai a questo piano o al corpo, è un'aiuto per l'anima. Qui sei tu che devi rimboccare le maniche, con l'aiuto di Dio.
Quando ti accorgi di tutto questo e puoi sentire la parte spirituale, allora comincia a sentire il suo aiuto.

Ciao Maxsar, il perchè Dio, nonostante sappia chi sale e chi scende, ci fa vivere lo stesso qui l'ha scritto lo ha scritto in modo veramente figo S Agostino, e c'è nel mio secondo spoiler. Poi uno ci può credere o no, ma secondo me il discorso fila. E non a caso fila anche col discorso della Kowalska, riempiendone un buchetto. (ribadisco la Kowalska non perchè sia un suo grande fan, ma semplicemente perchè tutte le persone che dicono di aver visto l'inferno lo descrivono in maniera molto simile, e la visione della Kowalska si trova facilmente su internet).

Su su Sergio tutto si sistema, e tranquillo...non prego per te :) Ci avevo dato un occhiata alla discussione, ma onestamente non saprei cosa scrivere. Finirei per sminuire Dio coprendolo con qualche filosofismo greco, che per queste cose erano dei gran fighi. :)
avatar
Baalzefon
-------------
-------------

Numero di messaggi : 527
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da AteoCorporation il Ven 19 Ago - 12:40

Baalzefon ha scritto:
1) No, ma ci sono tanti indizi che lasciano pensare il contrario. Sono quelli che gli scienziati buoni chiamano "fatti inspiegabili", e non c'è neanche bisogno che ti faccia una lista. In compenso tu non hai una benemerita prova oggettiva e definitiva del contrario, quindi dovremmo essere pari.

Ecc.



Niente affatto, anche i terremoti, i fulmini, le eclissi e migliaia di altre cose erano "fatti inspiegabili" in passato, ma di certo non lo erano in quanto opere di Dio, sei tu che di tua iniziativa metti in mezzo Dio come risposta, proprio come si faceva un tempo.

Il fatto che la scienza non può dimostrare certe cose, dimostra solo che ci sono ancora tante cose che non sappiamo, non dimostra nulla su Dio.

Non sia affatto pari, perché l'onere della prova spetta a chi afferma e non a chi nega, se affermo che a casa mia esistono i fantasmi e gli elfi devo essere io a portare prove, non posso dire "tu non puoi dimostrarmi il contrario e quindi siamo pari", e sappi che dal punto di vista scientifico non si può dimostrare l'inesistenza di questi esseri, quindi o ci credi per fede oppure accetti la realtà dei fatti: non ci sono prove concrete sulla loro esistenza.

Tutto quello che hai aggiunto non cambia la realtà dei fatti: io non ho chiesto di nascere, è stato Dio a farmi nascere di sua iniziativa, in un mondo basato sulle sue regole, dove si muore e si soffre perché lo ha deciso lui, le religioni non servono a un bel niente per il semplice fatto che nessuna dimostra l'esistenza di Dio, e infatti voi credenti da milleni non fate altro che ammazzarvi e dividervi per imporre quella "Verità" che è solo vostra, anche questo è un fatto concreto, ma dubito che tu voglia accettare la realtà.
avatar
AteoCorporation
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1066
Età : 28
Occupazione/Hobby : Scrittore, esponente dell'Axteismo e sostenitore dell'Ateologia.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.05.10

http://ateocorporation.webnode.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Muriel il Ven 19 Ago - 12:45

uff, che argomentazioni stantìe e ammuffite... ma non si stancano mai di ripetere sempre le solite asinerie che si confutano da sole? Rolling Eyes

Baalzefon ha scritto:In più ti rivelo un segreto importante: Dio non si occupa (salvo in
determinati casi specifici) di questo piano, non gliene frega un cazzo
di farti la vita più comoda e più felice, di farti cadere soldi dal
cielo, di trovarti il lavoro e di farti una bella casa, anche perchè ha
creato un posto apposito.
urca quante cose sai, mi inchino a 90 di fronte a tante certezze su cose indimostrabili e inconoscibili... anzi ti dirò, mi viene quasi il sospetto che dietro il tuo nick ba(a)lzano ci sia dio in persona

Muriel
-----------
-----------

Femminile Numero di messaggi : 1760
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 30.12.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da kalab99 il Ven 19 Ago - 13:39

1) Quanti anni hai?



22


2) Verso che età hai capito di essere Ateo?



Sempre stato ateo a parte una piccola finestra fra la prima e la terza elementare.


3) Quanto ha influito la cultura dominante sulla tua posizione?



Non ne ho idea. Ho avuto sicuramente due grandi influenze: quella cristiano cattolica e quella atea. Credo di aver scelto liberamente, che la mia intelligenza mi abbia spinto per l'alternativa più verosimile, ma potrebbe benissimo essere una mia suggestione.


4) Credi che un giorno potresti credere in Dio?



In un Dio trascentente no, almeno finchè conserverò la lucidità mentale. Ogni tanto mi capita di crearmi qualche feticcio (un'idea, una ragazza, una sensazione), che in fondo è come se fossero dei.


5) Credi nell'oroscopo e nelle altre credenze più comuni?



No, mi irritano.


6) Pensi che un Ateo possa essere anche superstizioso?



Si, ma per gioco.


7) Se alla tua morte incontrerai Dio, lo accetterai?



Un morto non può accettare un bel niente, non avendo un cervello funzionante.


8) Fai tranquillamente amicizia con chi crede molto in Dio?



Si, con alcuni mi faccio grasse risate.


9) L'Ateismo può diventare una corrente filosofica?



Lo è.


10) Immagina di essere al cospetto di Dio, cosa gli diresti?



Oh, mi è già capitato di avere visioni mistiche, sotto l'effetto di funghi allucinogeni. Di fronte a questo Dio panteista, non ho detto niente, mi sono goduto l'estasi e basta.
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 28
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da SergioAD il Ven 19 Ago - 14:12

Muriel ha scritto:uff, che argomentazioni stantìe e ammuffite... ma non si stancano mai di ripetere sempre le solite asinerie che si confutano da sole? Rolling Eyes

Baalzefon ha scritto:In più ti rivelo un segreto importante: Dio non si occupa (salvo in
determinati casi specifici) di questo piano, non gliene frega un cazzo
di farti la vita più comoda e più felice, di farti cadere soldi dal
cielo, di trovarti il lavoro e di farti una bella casa, anche perchè ha
creato un posto apposito.
urca quante cose sai, mi inchino a 90 di fronte a tante certezze su cose indimostrabili e inconoscibili... anzi ti dirò, mi viene quasi il sospetto che dietro il tuo nick ba(a)lzano ci sia dio in persona
Avevo pensato di non intervenire più ma una considerazione la voglio fare. Il punto di vista di Balz, espresso sopra non è "Cristiano" che invece ha un messaggio semplicissimo e disarmante. Per noi è diverso in quanto non abbiamo una coscienza "atea" ma asseconda della nostra personalità, educazione, esperienza, etc...

Ah ah, Baal-Zefon era un santuario pagano all'estremità orientale del delta del Nilo, altrove è il "signore del nord" da qualche parte in Siria e lancia fulmini come Zeus ma il nostro lo avevo nominato "guardiano dei cancelli degli inferi". Ah ah, non sono riuscito nemmeno a farmi censurare "accipicchia"! Quando si dice il "SuperIo".

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da wendell p. bloyd il Ven 19 Ago - 14:18

Ma insomma questo baalsefon cosa vuole?
Dimostri incontrovertilmente l'esistenza di dio se ci riesce.
La dimostrazione deve essere a prova di controesempi e non può essere una congettura.
Può anche usare il metodo sperimentale ma l'esperimento deve essere ripetibile, oppure, formalizzare una teoria e allora questa deve essere falsificabile.
Senno la smetta di trolleggiare

wendell p. bloyd
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 849
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 24.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Werewolf il Ven 19 Ago - 18:10

Muriel ha scritto:
Rasputin ha scritto:Capito. È evidente che mi sono spiegato male, in effetti se l'ateismo dovesse diventare una corrente filosofica io non ci potrei far nulla a parte esprimere il mio dissenso.

Concordo col lupo sull'opinione che non dovrebbe diventarlo.
uhm, mi sa che uno di noi ha interpretato male l'opinione di werewolf allora
io avevo capito che era andrea apateista a dire che non dovrebbe diventarlo, e che werewolf metteva in dubbio questa affermazione...
Per correttezza: la mia opinione è che l'ateismo possa diventare una corrente filosofica. A mio parere, è difficile che lo diventi, perché solitamente l'ateismo è il frutto di una riflessione e di un percorso più o meno lungo, e solitamente personale, per quanto alcuni aspetti siano abbastanza comuni. Il 'credo di sapere la risposta' al perché, secondo Andrea, non debba diventare una corrente filosofica si riferiva al fatto che, dato che l'ateismo è appunto qualcosa che deriva da un percorso personale, e che rappresenta quindi e sempre in un certo senso un'affermazione di indipendenza rispetto a qualsiasi sistema dogmatico, quale può anche essere (ma non è detto che lo sia) un sistema filosofico, diventare una corrente filosofica rappresenterebbe un tradimento dello spirito stesso dell'ateismo, incatenandolo in una prigione speculativa che, oltre a toglierne lo slancio di indipendenza, n toglierebbe la dimensione personale, che ne è invece il cuore pulsante(oltre che, da un punto di vista meramente numerico logistico, il più grande difetto, che fa sì che non decolli mai). Ma forse mi sbaglio è la risposta di Andrea non sarebbe stata questa, e con tutta probabilità non con questi esatti termini. mgreen
avatar
Werewolf
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 3357
Età : 28
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Studente a vita.. c'è sempre da imparare no?
SCALA DI DAWKINS :
68 / 7068 / 70

Data d'iscrizione : 24.03.10

http://werewolf-wolfsden.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Baalzefon il Ven 19 Ago - 19:37

AteoCorporation ha scritto:
Niente affatto, anche i terremoti, i fulmini, le eclissi e migliaia di altre cose erano "fatti inspiegabili" in passato, ma di certo non lo erano in quanto opere di Dio, sei tu che di tua iniziativa metti in mezzo Dio come risposta, proprio come si faceva un tempo.

Il fatto che la scienza non può dimostrare certe cose, dimostra solo che ci sono ancora tante cose che non sappiamo, non dimostra nulla su Dio.

Non sia affatto pari, perché l'onere della prova spetta a chi afferma e non a chi nega, se affermo che a casa mia esistono i fantasmi e gli elfi devo essere io a portare prove, non posso dire "tu non puoi dimostrarmi il contrario e quindi siamo pari", e sappi che dal punto di vista scientifico non si può dimostrare l'inesistenza di questi esseri, quindi o ci credi per fede oppure accetti la realtà dei fatti: non ci sono prove concrete sulla loro esistenza.

Tutto quello che hai aggiunto non cambia la realtà dei fatti: io non ho chiesto di nascere, è stato Dio a farmi nascere di sua iniziativa, in un mondo basato sulle sue regole, dove si muore e si soffre perché lo ha deciso lui, le religioni non servono a un bel niente per il semplice fatto che nessuna dimostra l'esistenza di Dio, e infatti voi credenti da milleni non fate altro che ammazzarvi e dividervi per imporre quella "Verità" che è solo vostra, anche questo è un fatto concreto, ma dubito che tu voglia accettare la realtà.

l'onere della prova spetta a chi afferma e non a chi nega
Cazzo che palle, altro che evoluzione, siete usciti e continuate ad uscire da uno stampino. Di cosa siete fatti? Di liquido della fabrica dei mostri? Ora mi invento un gioco: mi segno ogni qualvolta dite le medesime frasi, comprese di virgole, così apriamo una discussione sull'indottrinamento.
Io non parlo di quei fatti naturali e inspiegabili per gli uomini primitivi, dove in ogni caso te fai il loro stesso errore: "La scienza non l'ha ancora spiegato, ma in futuro lo spiegherà"...che cazzo significa? Allora Gesù Cristo (che già c'è stato) tra qualche anno tornerà e toglierà ogni dubbio. Si va sempre a procedere con cose che non sappiamo. Ti sembra una cosa razionale (per non dire intelligente)???
Le religioni non devono dimostrare l'esistenza di Dio, le religioni non dimostrano niente. Sono vie, percorsi che ti portano da Dio. In compenso ci si ammazza per questioni politiche, che fanno leva sulla fede, ma vengono promosse da uomini che della fede non gli frega un cazzo. (prima ti ho chiesto di portarmi esempi, tralasciando le domande a cui non hai voluta rispondere).
Cmq mi sorge spontanea una domanda: allora se non ti sta bene un cazzo, al posto di lamentarti perchè non ti impicchi?

SergioAD ha scritto:
Muriel ha scritto:uff, che argomentazioni stantìe e ammuffite... ma non si stancano mai di ripetere sempre le solite asinerie che si confutano da sole? Rolling Eyes

Baalzefon ha scritto:In più ti rivelo un segreto importante: Dio non si occupa (salvo in
determinati casi specifici) di questo piano, non gliene frega un cazzo
di farti la vita più comoda e più felice, di farti cadere soldi dal
cielo, di trovarti il lavoro e di farti una bella casa, anche perchè ha
creato un posto apposito.
urca quante cose sai, mi inchino a 90 di fronte a tante certezze su cose indimostrabili e inconoscibili... anzi ti dirò, mi viene quasi il sospetto che dietro il tuo nick ba(a)lzano ci sia dio in persona
Avevo pensato di non intervenire più ma una considerazione la voglio fare. Il punto di vista di Balz, espresso sopra non è "Cristiano" che invece ha un messaggio semplicissimo e disarmante. Per noi è diverso in quanto non abbiamo una coscienza "atea" ma asseconda della nostra personalità, educazione, esperienza, etc...

Ah ah, Baal-Zefon era un santuario pagano all'estremità orientale del delta del Nilo, altrove è il "signore del nord" da qualche parte in Siria e lancia fulmini come Zeus ma il nostro lo avevo nominato "guardiano dei cancelli degli inferi". Ah ah, non sono riuscito nemmeno a farmi censurare "accipicchia"! Quando si dice il "SuperIo".

Scusami Muriel, ma appena mi diranno qualcosa di un pò più interessante alzeremo il tiro.

Sergio il mio punto di vista è moooolto Cristiano, perchè mai non dovrebbe esserlo? Chi crede il contrario vuol dire che non ha capito nulla delle scritture, e che continua a pregare come Totò per avere i numeri del superenalotto. Questo è stupido oltre che non Cristiano.
avatar
Baalzefon
-------------
-------------

Numero di messaggi : 527
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da AteoCorporation il Ven 19 Ago - 20:00

Baalzefon ha scritto:Cmq mi sorge spontanea una domanda: allora se non ti sta bene un cazzo, al posto di lamentarti perchè non ti impicchi?

Io sto criticando ciò che ha fatto e che invece potrebbe fare un ipotetico Dio onnipotente, quello che non mi va giù è che per ogni cosa positiva volete mettere in mezzo Dio, ma non lo criticate mai per le cose negative, infatti se una scuola elementare crolla e si salvano solo due bambini, voi ringraziate Dio per averli miracolati, ma non lo criticate per aver fatto morire tutti gli altri, questa è pura ipocrisia.

Ma da come ti esponi si capisce che non sei una persona seria e che non vuoi nemmeno ammettere che l'onere della prova spetta a chi afferma, quindi non ti ponderò più, perché quella che mi offri è una discussione assai superficiale.
avatar
AteoCorporation
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1066
Età : 28
Occupazione/Hobby : Scrittore, esponente dell'Axteismo e sostenitore dell'Ateologia.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.05.10

http://ateocorporation.webnode.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Werewolf il Ven 19 Ago - 20:03

Cazzo che palle, altro che evoluzione, siete usciti e continuate ad uscire da uno stampino. Di cosa siete fatti? Di liquido della fabrica dei mostri? Ora mi invento un gioco: mi segno ogni qualvolta dite le medesime frasi, comprese di virgole, così apriamo una discussione sull'indottrinamento.
Se la logica per te è un'optional, libero di scrivere quello che vuoi, ma dopo non puoi non lamentarti se la gente ti dice che sei illogico. E non è questione di essere fatti con lo stampino, è il fatto che tu voglia procedere in maniera illogica che fa sì che tu riceva sempre la stessa risposta. In definitiva, ogni qualvolta che si è arrivati al dunque, ti sei sempre rifiutato di portare prove dell'esistenza di Dio. Ora, come in qualsiasi altro campo, l'onere della prova spetta a chi afferma. Tu affermi l'esistenza di Dio, tu ne devi portare le prove. che, siccome non ci sono prove dell'inesistenza di Ganesha, allora Ganesha esiste?
Io non parlo di quei fatti naturali e inspiegabili per gli uomini primitivi, dove in ogni caso te fai il loro stesso errore: "La scienza non l'ha ancora spiegato, ma in futuro lo spiegherà"...che cazzo significa? Allora Gesù Cristo (che già c'è stato) tra qualche anno tornerà e toglierà ogni dubbio. Si va sempre a procedere con cose che non sappiamo. Ti sembra una cosa razionale (per non dire intelligente)???
E' una semplice constatazione: la scienza è riuscita e tuttora riesce a spiegare cose che prima non si capivano, contrariamente peraltro alla religione. Ergo, se dobbiamo utilizzare un metodo per conoscere il mondo, non utilizziamo la religione, che ha fallito miseramente nel tentativo, ma il metodo scientifico. Io, per organizzare una squadra di calcio, metto come attaccante uno che qualche gol l'ha fatto, non uno che ha sempre sbagliato i tiri.

Le religioni non devono dimostrare l'esistenza di Dio, le religioni non dimostrano niente. Sono vie, percorsi che ti portano da Dio. In compenso ci si ammazza per questioni politiche, che fanno leva sulla fede, ma vengono promosse da uomini che della fede non gli frega un cazzo. (prima ti ho chiesto di portarmi esempi, tralasciando le domande a cui non hai voluta rispondere).
Sono sempre i soliti, e abbiamo(ho) già risposto a giulio altrove su questo. Urbano II e le crociate. Innocenzo III e l'Inquisizione(per non parlare dei vari seguiti). Per non dire che persino il tuo caro Tommaso D'Aquino era perfettamente d'accordo nel bruciare gli eretici. E questo per rimanere al Medioevo. Inutile ricordare che il rappresentante principale della Chiesa Cattolica, ovvero il Papa, abbia fatto concordati con l'Italia fascista la Germania nazista. Vado avanti? Ora, se davvero vuoi affermare che le azioni di questi papi siano state fatte per questioni politiche, che fanno leva sulla fede, ma vengono promosse da uomini che della fede non gli frega un cazzo, allora abbiamo un piccolo problema: lo Spirito Santo(detto anche SS) ha veramente uno strano modo per guidare la chiesa e per far eleggere il capo della Chiesa, un modo che io non esisterei a definire immorale. Ma questo in pratica l'hai detto tu, non io. Io da ateo, vedo la chiesa come una qualsiasi altra associazione umana, dedita al potere e al denaro, con nessun vero interesse per la spiritualità.
In ogni caso, sempre il solito discorso, tu affermi che Dio esiste, tu devi portare prove della tua affermazione. Altrimenti sono libero di metterla da parte, e già che ci siamo prenderti per il culo perché alla tua età senti il bisogno di amici immaginari.
Cmq mi sorge spontanea una domanda: allora se non ti sta bene un cazzo, al posto di lamentarti perchè non ti impicchi?
Forse perché, oltre a lamentarsi cerca di fare qualcosa per migliorare la situazione, a differenza dei credenti come te, a cui invece, proprio perché continuano a trovare giustificazioni e scusanti al loro Dio, le cose stanno benissimo così. Sai, c'è chi si rimbocca le maniche e fa qualcosa, qualunque cosa, e c'è invece chi continua a piangersi addosso e a non muovere un dito(o facendo finta di muoverlo, facendo quella cosa inutile, che si configura come perdita di tempo, che è la preghiera).

Edit: Mossa saggia AC, ma secondo me qui c'è da divertirsi.
Avverto altresì gli altri utenti più recenti che Baalzefon è una vecchia conoscenza e che le probabilità che sia semplicemente un troll sono molto alte, come potete capire leggendo i suoi vecchi post. Giocate, ma "con moderazione"! mgreen
avatar
Werewolf
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 3357
Età : 28
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Studente a vita.. c'è sempre da imparare no?
SCALA DI DAWKINS :
68 / 7068 / 70

Data d'iscrizione : 24.03.10

http://werewolf-wolfsden.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Rasputin il Ven 19 Ago - 21:42

Baalzefon ha scritto:
AteoCorporation ha scritto:
Niente affatto, anche i terremoti, i fulmini, le eclissi e migliaia di altre cose erano "fatti inspiegabili" in passato, ma di certo non lo erano in quanto opere di Dio, sei tu che di tua iniziativa metti in mezzo Dio come risposta, proprio come si faceva un tempo.

Il fatto che la scienza non può dimostrare certe cose, dimostra solo che ci sono ancora tante cose che non sappiamo, non dimostra nulla su Dio.

Non sia affatto pari, perché l'onere della prova spetta a chi afferma e non a chi nega, se affermo che a casa mia esistono i fantasmi e gli elfi devo essere io a portare prove, non posso dire "tu non puoi dimostrarmi il contrario e quindi siamo pari", e sappi che dal punto di vista scientifico non si può dimostrare l'inesistenza di questi esseri, quindi o ci credi per fede oppure accetti la realtà dei fatti: non ci sono prove concrete sulla loro esistenza.

Tutto quello che hai aggiunto non cambia la realtà dei fatti: io non ho chiesto di nascere, è stato Dio a farmi nascere di sua iniziativa, in un mondo basato sulle sue regole, dove si muore e si soffre perché lo ha deciso lui, le religioni non servono a un bel niente per il semplice fatto che nessuna dimostra l'esistenza di Dio, e infatti voi credenti da milleni non fate altro che ammazzarvi e dividervi per imporre quella "Verità" che è solo vostra, anche questo è un fatto concreto, ma dubito che tu voglia accettare la realtà.

l'onere della prova spetta a chi afferma e non a chi nega
Cazzo che palle, altro che evoluzione, siete usciti e continuate ad uscire da uno stampino. Di cosa siete fatti? Di liquido della fabrica dei mostri? Ora mi invento un gioco: mi segno ogni qualvolta dite le medesime frasi, comprese di virgole, così apriamo una discussione sull'indottrinamento.
Io non parlo di quei fatti naturali e inspiegabili per gli uomini primitivi, dove in ogni caso te fai il loro stesso errore: "La scienza non l'ha ancora spiegato, ma in futuro lo spiegherà"...che cazzo significa? Allora Gesù Cristo (che già c'è stato) tra qualche anno tornerà e toglierà ogni dubbio. Si va sempre a procedere con cose che non sappiamo. Ti sembra una cosa razionale (per non dire intelligente)???
Le religioni non devono dimostrare l'esistenza di Dio, le religioni non dimostrano niente. Sono vie, percorsi che ti portano da Dio. In compenso ci si ammazza per questioni politiche, che fanno leva sulla fede, ma vengono promosse da uomini che della fede non gli frega un cazzo. (prima ti ho chiesto di portarmi esempi, tralasciando le domande a cui non hai voluta rispondere).
Cmq mi sorge spontanea una domanda: allora se non ti sta bene un cazzo, al posto di lamentarti perchè non ti impicchi?

SergioAD ha scritto:
Muriel ha scritto:uff, che argomentazioni stantìe e ammuffite... ma non si stancano mai di ripetere sempre le solite asinerie che si confutano da sole? Rolling Eyes

Baalzefon ha scritto:In più ti rivelo un segreto importante: Dio non si occupa (salvo in
determinati casi specifici) di questo piano, non gliene frega un cazzo
di farti la vita più comoda e più felice, di farti cadere soldi dal
cielo, di trovarti il lavoro e di farti una bella casa, anche perchè ha
creato un posto apposito.
urca quante cose sai, mi inchino a 90 di fronte a tante certezze su cose indimostrabili e inconoscibili... anzi ti dirò, mi viene quasi il sospetto che dietro il tuo nick ba(a)lzano ci sia dio in persona
Avevo pensato di non intervenire più ma una considerazione la voglio fare. Il punto di vista di Balz, espresso sopra non è "Cristiano" che invece ha un messaggio semplicissimo e disarmante. Per noi è diverso in quanto non abbiamo una coscienza "atea" ma asseconda della nostra personalità, educazione, esperienza, etc...

Ah ah, Baal-Zefon era un santuario pagano all'estremità orientale del delta del Nilo, altrove è il "signore del nord" da qualche parte in Siria e lancia fulmini come Zeus ma il nostro lo avevo nominato "guardiano dei cancelli degli inferi". Ah ah, non sono riuscito nemmeno a farmi censurare "accipicchia"! Quando si dice il "SuperIo".

Scusami Muriel, ma appena mi diranno qualcosa di un pò più interessante alzeremo il tiro.

Sergio il mio punto di vista è moooolto Cristiano, perchè mai non dovrebbe esserlo? Chi crede il contrario vuol dire che non ha capito nulla delle scritture, e che continua a pregare come Totò per avere i numeri del superenalotto. Questo è stupido oltre che non Cristiano.

Mamma che massa di stronzate. Ma ti vedi?

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da wendell p. bloyd il Ven 19 Ago - 21:51

Ma questo baal ecc. ecc. o ha contravvenuto la bossi-fini facendo uso smodato di droghe pesanti, oppure si diverte a trolleggiare oppure tutt'e
due le cose.

wendell p. bloyd
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 849
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 24.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da chef75 il Ven 19 Ago - 21:51

Baalzefon ha scritto:
Chi crede il contrario vuol dire che non ha capito nulla delle scritture..

Ma per scritture intendi quelle 4 cagate di vangeli o quella stronzata della bibbia (antico testamento) ?

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7695
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da SergioAD il Sab 20 Ago - 14:03

Fabulazioni e leggende prive di fondamento efficaci solo sulle coscienze deboli.

Mica abbiamo detto droga dei popoli per parlare solo, la verità è che mentre essi attingono la loro capacità di sopravvivenza da fuori noi non dobbiamo dimenticare che l'abbiamo dentro di noi questa forza. Non è poco.

Se ci fossero dei fuori tema basterebbe creare un argomento sulle controversie e spostare lì queste osservazioni alcune sterili ed altre meno.


SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da franco il Dom 21 Ago - 19:26

penso di avere nuna posizione piuttosto radicale





1) Quanti anni hai?

64

2) Verso che età hai capito di essere Ateo?

17
3) Quanto ha influito la cultura dominante sulla tua posizione?

scelta autonoma razionale
4) Credi che un giorno potresti credere in Dio?

piuttosto nei puffi
5) Credi nell'oroscopo e nelle altre credenze più comuni?

altra forma di assenza di autonomia intellettuale.
6) Pensi che un Ateo possa essere anche superstizioso?

impossibile!
7) Se alla tua morte incontrerai Dio, lo accetterai? è impossibile!

dio è un'invenzione umana, l'anima non esiste con annessi e connessi e dopo la morte l'hardware si guasta ed il software non può girare senza l'hardware proprietario
8) Fai tranquillamente amicizia con chi crede molto in Dio?
basta che non mi coinvolga nelle sue paranoie.

9) L'Ateismo può diventare una corrente filosofica?

non ha ragione neanche di esistere un'idea che neghi cose inesistenti.
10) Immagina di essere al cospetto di Dio, cosa gli diresti?

non è possibile, ma la tentazine di fare una battuta è forte..."vai ad affliggere qualcun altro!"



franco
avatar
franco
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 94
Località : pe
Occupazione/Hobby : tiro a segno-pesca
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 21.08.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Rasputin il Dom 21 Ago - 20:00


Uelà Franco!

franco ha scritto:l'anima non esiste con annessi e connessi e dopo la morte l'hardware si guasta ed il software non può girare senza l'hardware proprietario
franco


quoto.. ok

Abbiamo anche una sezione dedicata alle presentazioni wink..

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Paolo il Dom 21 Ago - 20:33

Ciao Balzen, mi fa piacere leggerti!! Se non altro sei un credente affezionato e ti ricordi sempre di noi !!

Io ti ho posto tante volte una semplice domanda cui tu ti sei sempre guardato bene dal rispondermi. Te la formulo nuovamente. Come riesci a conciliare l'esistenza del dio che tu postuli, tanto più dio amoroso, con la sofferenza inflitta a chi è totalmente innocente?

Sforzati di darmi una risposta che stia in piedi, non il solito disegno imperscrutabile o che avrà le sue ragioni! Quelle non sono certo delle spiegazioni.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8776
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Rasputin il Dom 21 Ago - 20:47

Baalz è fuori 5 giorni per doppio (Per quanto ne sappiamo) account:

http://atei.forumitalian.com/t2161p10-dei-delitti-e-delle-pene#79440

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da franco il Dom 21 Ago - 21:19

Rasputin ha scritto:
Uelà Franco!

franco ha scritto:l'anima non esiste con annessi e connessi e dopo la morte l'hardware si guasta ed il software non può girare senza l'hardware proprietario
franco


quoto.. ok

Abbiamo anche una sezione dedicata alle presentazioni wink..
scusatemi l'imbranatezza!!......
devo aver combinato un casino informatico....ho impiegato due ore a scrivere un papiro di presentazione, non lo ho salvato, e lo ho spedito chissà dove......ora le prime parole compaiono nella striscia in alto a destra del forum e non so come recuperarlo. wall2
avatar
franco
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 94
Località : pe
Occupazione/Hobby : tiro a segno-pesca
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 21.08.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Rasputin il Dom 21 Ago - 21:22

scrivi meno ah ah ok

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da SergioAD il Dom 21 Ago - 21:25

Franco prendilo da qui sotto, poi cancelliamo questo post... Benvenuto!

Salve! mi presento: sono Franco. attualmente sono malato (una bronchite da sudata, con febbre, tosse ed ulteriori sudate, nel periodo più caldo dell'anno, tosta da andare via anche con potentissimi antibiotici...ma sono fatti miei)... dicevo (Franco).

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Andrea apateista il Mar 23 Ago - 5:43

Werewolf ha scritto:
Muriel ha scritto:
Rasputin ha scritto:Capito. È evidente che mi sono spiegato male, in effetti se l'ateismo dovesse diventare una corrente filosofica io non ci potrei far nulla a parte esprimere il mio dissenso.

Concordo col lupo sull'opinione che non dovrebbe diventarlo.
uhm, mi sa che uno di noi ha interpretato male l'opinione di werewolf allora
io avevo capito che era andrea apateista a dire che non dovrebbe diventarlo, e che werewolf metteva in dubbio questa affermazione...
Il 'credo di sapere la risposta' al perché, secondo Andrea, non debba diventare una corrente filosofica si riferiva al fatto che, dato che l'ateismo è appunto qualcosa che deriva da un percorso personale, e che rappresenta quindi e sempre in un certo senso un'affermazione di indipendenza rispetto a qualsiasi sistema dogmatico...e con tutta probabilità non con questi esatti termini. mgreen
esatto!! carneval il rischio di ricadere nello stesso errore-orrore dal quale si usciti sarebbe troppo alto..
(bella lettura wolf wink.. )

Muriel ha scritto:
Rasputin ha scritto:Scusa Muriel non vedo la contraddizione (Il che non vuol dire che non ci sia eh)
beh, werewolf al contrario di te ha scritto che non esclude che l'ateismo possa essere una corrente filosofica, e ha chiesto il perchè della sua affermazione ad andrea che invece sembra del parere opposto. dato che tu e andrea avete più o meno la stessa opinione, perchè ora nutri gli stessi dubbi di werewolf sulla sua affermazione?

ATTENZIONE: con "non deve" non intendo "non può". Ma che sono contrario al suo presumibile sviluppo! !
avatar
Andrea apateista
-------------
-------------

Numero di messaggi : 346
Età : 28
Occupazione/Hobby : piccolo imprenditore XD
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 10.06.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 Domande per Atei (e non)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 12 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum