Alcune argomentazioni dei vegetariani

Pagina 1 di 29 1, 2, 3 ... 15 ... 29  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da Comune mortale il Sab 27 Ago - 10:44

Stavo pensando a quali potessero essere le argomentazioni che sostengono le tesi di chi si dice vegetariano. Ho parlato spesso con i vegetariani, i quali sostengono di essere vegetariani perché dietro una bistecca di carne c'è un animale morto. Sono vegetariani perché sono contrari all'uccisione degli animali. A questo punto sono da farsi due considerazioni e l'una esclude l'altra. Si può essere contrari all'uccisione degli animali perché emotivamente stiamo male a vedere un animale che soffre quando viene ucciso. Se ne deduce che se ci fosse un metodo per uccidere gli animali senza farli soffrire noi saremmo favorevoli. La seconda considerazione è inerente coloro che sono contrari in linea di principio all'uccisione degli animali (senza appellarsi agli effetti emotivi provocati a vederli soffrire). Queste persone sostengono che gli animali, in quanto tali, sono un valore assoluto. Tuttavia i problemi nascono quando la mentalità vegetariana attua due pesi e due misure: per il cavallo sostiene che è una vita certa e degna in sé che non va toccata, mentre alla natura, alle piante, non assegna alcun valore intrinseco e per questo possono essere toccate e distrutte.
wall2
avatar
Comune mortale
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 523
Età : 64
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da Rasputin il Sab 27 Ago - 10:51

Comune mortale ha scritto:Stavo pensando a quali potessero essere le argomentazioni che sostengono le tesi di chi si dice vegetariano. Ho parlato spesso con i vegetariani, i quali sostengono di essere vegetariani perché dietro una bistecca di carne c'è un animale morto. Sono vegetariani perché sono contrari all'uccisione degli animali. A questo punto sono da farsi due considerazioni e l'una esclude l'altra. Si può essere contrari all'uccisione degli animali perché emotivamente stiamo male a vedere un animale che soffre quando viene ucciso. Se ne deduce che se ci fosse un metodo per uccidere gli animali senza farli soffrire noi saremmo favorevoli.

Io andrei più in là: per coerenza, dovremmo essere favorevoli.

Comune mortale ha scritto:La seconda considerazione è inerente coloro che sono contrari in linea di principio all'uccisione degli animali (senza appellarsi agli effetti emotivi provocati a vederli soffrire). Queste persone sostengono che gli animali, in quanto tali, sono un valore assoluto. Tuttavia i problemi nascono quando la mentalità vegetariana attua due pesi e due misure: per il cavallo sostiene che è una vita certa e degna in sé che non va toccata, mentre alla natura, alle piante, non assegna alcun valore intrinseco e per questo possono essere toccate e distrutte.
wall2

Se fosse solo quello...spesso il valore assegnato è diverso anche tra cavalli e ratti.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50062
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da lupetta il Sab 27 Ago - 11:03

dimentichi che ci sono persone che gli animali li vogliono vivi, se ci fosse un metodo indolore per uccidere un agnellino, stai tranquillo che io non me lo mangerei ugualmente nè lo voglio morto a prescindere, voglio che cresca libero e felice, che mangi erba e che si goda la luce del sole.
ci sono animali che hanno un sistema nervoso che gli provoca dolore fisico e angoscia rispetto ad esempio all'insalata che non prova sentimenti e non ha un sistema nervoso.
poi si può tranquillamente torturare un essere umano fino a che non muore, con sana soddisfazione, o essere favorevoli alla pena di morte, senza provare nessuna pietà.
è una questione morale tutto qui.
avatar
lupetta
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 9606
Età : 42
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Dubitare
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 11.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da AteoCorporation il Sab 27 Ago - 11:17

lupetta ha scritto:ci sono animali che hanno un sistema nervoso che gli provoca dolore fisico e angoscia rispetto ad esempio all'insalata che non prova sentimenti e non ha un sistema nervoso.

Alcune ricerche hanno dimostrato che anche le piante sentono dolore ed hanno dei sentimenti, infatti alcune persone vogliono andare oltre, invece di essere vegetariane preferiscono mangiare solo la frutta, per cui chi è contrario a mangiare carne, dovrebbe essere contrario anche a ricevere un mazzo di rose, perché anche le piante sono esseri viventi con una propria intelligenza.

http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=75
avatar
AteoCorporation
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1066
Età : 28
Occupazione/Hobby : Scrittore, esponente dell'Axteismo e sostenitore dell'Ateologia.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.05.10

http://ateocorporation.webnode.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da Fux89 il Sab 27 Ago - 11:23

lupetta ha scritto:dimentichi che ci sono persone che gli animali li vogliono vivi, se ci fosse un metodo indolore per uccidere un agnellino, stai tranquillo che io non me lo mangerei ugualmente nè lo voglio morto a prescindere, voglio che cresca libero e felice, che mangi erba e che si goda la luce del sole.
Anche le povere zebre hanno diritto a crescere libere e felici. E pure i poveri leoncini, che sono tanto carini. Però le due cose non sono proprio compatibili...

Per essere più chiari: per sopravvivere bisogna mangiare, e per mangiare bisogna uccidere altri esseri viventi.
AteoCorporation ha scritto:Alcune ricerche hanno dimostrato che anche le piante sentono dolore ed hanno dei sentimenti
Magari mi sbaglio, ma a me pare una stronzata...

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da Paolo il Sab 27 Ago - 12:51

Quoto Fux! Anche per me è una stronzata.
Il problema è la catena alimentare. Non l'ha inventata l'uomo. Io sono un grandissimo amante degli animali. Ma capisco che la realtà non è quella che io vorrei, e non viviamo nell'Eden! Qui se il lupo non sbrana l'agnellino muore di fame. Perciò o l'uno o l'altro devono soffrire. Non c'è via d'uscita.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8694
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da maxsar il Sab 27 Ago - 13:30

Su alcuni cose hanno sicuramente ragione: facendo due conti la superficie richiesta per fare crescere un vitellino fino all'età adultà permetterebbe di sfamare molte più persone rispetto all'animale stesso (soprattutto con le tecniche di ora).
E' anche vero che come insegna Minamata, alcune sostanze tendono ad accumularsi ai livelli alti della catena alimentare ed essendo noi più o meno al vertice, ci devono essere dei controlli rigorosi.
http://en.wikipedia.org/wiki/Minamata_disease

Dall'altra parte, dal punto di vista nutrizionale (seppur le fibre e gli antiossidanti siano molto importanti) le proteine animali sono di qualità altissima; rimpiazzarle con altro non è così facile (quelle vegetali, rispetto alle prime molto-molto meno diffidente ), soprattutto nei vegani ed in particolari condizioni ( gravidanza fra tutte).

Sono del parere che gli animali debbano essere rispettati, ampi spazi, controlli rigorosi e la ricerca di soluzione per evitare ogni sofferenza inutile.
La natura è madre e matrigna come diceva qualcuno, gli erbivori finiscono sotto le zanne dei carnivori o se diventano troppo vecchi, in molte specie, malati e zoppicanti vengono abbondanti dal branco.

Sicuramente gli animali superiori (gli invertebrati la vedo molto dura che soffrano, in quanto la singola formica non è che una cellula di un gigantesca colonia/organismo) hanno emozioni, e chi ha avuto un cane/gatto o altro ne è pienamente consapevole.

A volte però si tende a veder i nostri comportamenti come riflessi in loro, il pericolo è l'umanizzazione di comportamenti che non è assolutamente detto siano paralleli ai nostri
avatar
maxsar
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1342
Età : 32
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da davide il Sab 27 Ago - 17:46

In Inghilterra, quanto meno nel sud dell'Inghilterra, le mucche pascolano felici in amplissimi campi verdi all'aria aperta.

Adesso ho il diritto di mangiarmi una cazzo di bistecca in santa pace senza che nessuno mi faccia la morale?

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da Comune mortale il Sab 27 Ago - 18:58

dimentichi che ci sono persone che gli animali li vogliono vivi, se ci fosse un metodo indolore per uccidere un agnellino, stai tranquillo che io non me lo mangerei ugualmente nè lo voglio morto a prescindere, voglio che cresca libero e felice, che mangi erba e che si goda la luce del sole.

Questa, Lupetta, è una concezione valoriale di tipo intrinseco ( gli animali in quanto animali non vanno uccisi e mangiati) proprio perche sono considerati come qualcosa che possiede valore in sè e a prescindere. Tuttavia questa considerazione rimanda ad una domanda ulteriore: perchè il vegetariano considera l'animale come qualcosa che ha valore in sè e nn ad esempio le piante o i vegetali ?



ci sono animali che hanno un sistema nervoso che gli provoca dolore fisico e angoscia rispetto ad esempio all'insalata che non prova sentimenti e non ha un sistema nervoso.

Sostenere che si è contrari al mangiare della bistecche solo perchè l'animale soffre quando viene ucciso implica sullo sfondo la possibilità ( in base a quello che scrivi ) che si possano mangiare le bistecche se si potesse uccidere un animale senza farlo soffrire.

Se invece adottiamo un criterio valoriale intrinseco per cui gli animali in quanto tali non vanno uccisi allora non si capisce perchè il vegetariano non adotta tale criterio valoriale per l'insalata o le patate. Si dirà che il vegetariano dovrà pure mangiare qualcosa per non morire di fame ma allora il criterio da valoriale diventa utilitaristico ( mangiare per sopravvivere ) che è lo stesso criterio del non vegetariano che mangia per sopravvivere.
avatar
Comune mortale
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 523
Età : 64
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da SergioAD il Sab 27 Ago - 19:11

Molti (tanti) indiani che ho conosciuto non mangano la carne perché dicono che non gli piace, se avete presente il rifiuto del maiale da parte dei degli ebrei e musulmani.

Altri (ancora tanti) indiani ne mangiano poca, dice quanto basta ed è veramente quello che per noi sarebbe un assaggio una o due volte alla settimana al massimo.

Infine, sempre in India, non ho mai conosciuto un vegetaliano (quelli che non mangiano nulla di origine animale). Niente latte, uova e formaggi sono solo in Europa.

E' la mia personalissima esperienza con ogni possibile svista. Intanto ho anche visto bambini cercare semi non digeriti negli escrementi delle mucche e dei buoi da tiro.

ho notato anche, sbirciando in un cortile davvero povero, che c'era una capra legata nel centro su in montarozzo dalla quale ognuno mungeva latte, sacra pure quella?

La gente comune è uguale dappertutto, sono usi e costumi, vi sarete certo accorti che nessun Cistiano è stato coerente con la religione, chiesa ed il messaggio di Gesù.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da maxsar il Sab 27 Ago - 19:18

Adesso ho il diritto di mangiarmi una cazzo di bistecca in santa pace senza che nessuno mi faccia la morale?

http://www.youtube.com/watch?v=TXTzGeN5lTc

12:58; Dave a fare la spesa ahahahahahah


avatar
maxsar
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1342
Età : 32
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da davide il Sab 27 Ago - 20:47

Non posso guardarlo max, sorry wink..

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da mecca domenico il Sab 27 Ago - 20:56

davide ha scritto:In Inghilterra, quanto meno nel sud dell'Inghilterra, le mucche pascolano felici in amplissimi campi verdi all'aria aperta.

Se non ricordo male, fu proprio in Inghilterra che davano (e forse ancora) mangimi a base proteica e il risultato fu "la mucca pazza".
Anche dalle mie parti le mucche pascolano in ampi spazi ma non quelle ad allevamento intensivo.

mecca domenico
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1796
Età : 70
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 31.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da lupetta il Sab 27 Ago - 22:11

Comune mortale ha scritto:
Questa, Lupetta, è una concezione valoriale di tipo intrinseco ( gli animali in quanto animali non vanno uccisi e mangiati) proprio perche sono considerati come qualcosa che possiede valore in sè e a prescindere. Tuttavia questa considerazione rimanda ad una domanda ulteriore: perchè il vegetariano considera l'animale come qualcosa che ha valore in sè e nn ad esempio le piante o i vegetali ?
Sostenere che si è contrari al mangiare della bistecche solo perchè l'animale soffre quando viene ucciso implica sullo sfondo la possibilità ( in base a quello che scrivi ) che si possano mangiare le bistecche se si potesse uccidere un animale senza farlo soffrire.

Se invece adottiamo un criterio valoriale intrinseco per cui gli animali in quanto tali non vanno uccisi allora non si capisce perchè il vegetariano non adotta tale criterio valoriale per l'insalata o le patate. Si dirà che il vegetariano dovrà pure mangiare qualcosa per non morire di fame ma allora il criterio da valoriale diventa utilitaristico ( mangiare per sopravvivere ) che è lo stesso criterio del non vegetariano che mangia per sopravvivere.
io penso che giochi molto il fattore "mi fa pena".
l'insalta non ha gli occhi, non ha il cuore, non ti guarda, non ti corre
incontro scodinzolando ecc...la verdura non fa pena, inoltre può
ricrescere, basta piantare i semi. io credo che alla base ci sia questo,
il senso di colpa che si prova nel pensare ad un essere vivente che
muore per soddisfare la tua fame.
comunque io non magerei un agnellino nemmeno se fosse morto per cause naturali, in modo del tutto indolore durante il sonno, non lo mangio perchè mi fa pena e non mi voglio cibare di un agnellino morto.
mi rendo perfettamente conto che è solamente una considerazione personale.
avatar
lupetta
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 9606
Età : 42
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Dubitare
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 11.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da Rasputin il Sab 27 Ago - 23:07

davide ha scritto:In Inghilterra, quanto meno nel sud dell'Inghilterra, le mucche pascolano felici in amplissimi campi verdi all'aria aperta.

Adesso ho il diritto di mangiarmi una cazzo di bistecca in santa pace senza che nessuno mi faccia la morale?

ok

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50062
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da SergioAD il Sab 27 Ago - 23:47

Questa sera 250 gr di spaghetti n.5, 400 gr di pelati, aglio, peperoncino poco olio (un po' di più) e poco prezzemolo (li spaghetti all'arrabbiata embe?)... filetto Pakistano, 5 o 6 ma erano di piccola sezione qui la carne è molto conveniente, con insalata ed il solito vino Sud Africano rosso. Un millefoglie...

Ho provato il Dr. Pepper... che schifo sembra liquirizia alla fragola e caramelle... Davide, dicono che piace tanto agli Americani.

Ora un whisky con un po' di soda... eh eh mi metto l'impermeabile... e vado a dormire, lo aprirò se sogno che sono dio va.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da Comune mortale il Dom 28 Ago - 9:16

Se si sostiene che si mangiano le pere perchè le pere non ci fanno soffrire e poi perchè noi le possiamo ripiantare, sosteniamo un sistema valoriale di tipo utilitarisico ( siccome non mi fanno soffrire le pere io le mangio )

Tale sistema utilitaristico tuttavia non riesce ad essere "più " morale di chi mangia la carne proprio perchè si basa, poggia, su un fattore squisitamente emotivo ( la pena che si prova per gli animali uccisi ) che è equivalente al fattore emotivo di chi invece prova diletto nell'uccidere un coniglio con le proprie mani ( come ho visto fare alla mia nonna ) per poi mangiarselo.

E allora le argomentazioni del vegetariano " emotivo " sono valide quanto quelle del carnivoro " emotivo " , e quindi le argomentazioni del vegetariano come del non vegetariano non possono convincere ma solo persuadere!

Ritengo che non possiamo dire, a rigor di logica, che la pietà ( fattore emotivo ) si basi sul riconosciuto valore intrinseco della vita del mondo animale, perchè le due cose sono differenti. Un fattore emozionale come il provare pietà o pena per l'uccisione degli animali non può basarsi sul riconoscimento della valorialità intrinseca del mondo animale!

A non mangia la carne perchè prova dei sentimenti di pietà nei confronti degli animali che vengono uccisi, ma questi sentimenti che prova proprio perchè sentimenti, emozioni, non sono qualcosa di dato una volta per tutte: possono con il tempo anche cambiare in base a determinate circostanze e quindi respingono l'idea che si possano fondare su principi assoluti e assolutizzanti come quello che dice che gli animali a prescindere non si mangiano.

avatar
Comune mortale
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 523
Età : 64
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da SergioAD il Dom 28 Ago - 9:29

Si - questo è l'uomo...

Notato l'ultimo spot per guidare con attenzione? 2 punti meno qua, meno 4 la, sorpassi, cinture, cellulari e... 4 vite meno.

Io sinceramente penso ai punti e... ogni tanto di averla scampata e non penso ai punti. Ah! Ricorda qualcosa non è vero?

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da davide il Dom 28 Ago - 17:41

SergioAD ha scritto:...

Ho provato il Dr. Pepper... che schifo sembra liquirizia alla fragola e caramelle... Davide, dicono che piace tanto agli Americani.

...
Confermo (non il sapore, non ho il coraggio di assaggiarla pazzo! ). Del resto li vedo la mattina, prima delle 8, con la lattina di coca cola o di fanta gia' aperta sulla scrivania doh

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da MattaHari il Gio 15 Set - 14:19

Credo che l'unico motivo valido per non mangiare la carne, senza appigliarsi a credi o questioni morali, sia la sostenibilità del nostro sistema attuale. Leggevo che per produrre un hamburger servono qualcosa come 2000 litri di acqua (dati WWF). Senza contare il costo economico e l'impatto degli allevamenti intensivi.

E' quindi ovvio che un hamburger non può costare 9 euro al chilo...

L'insostenibilità non è solo a livello ecologico, ma anche economico.

MattaHari
------------
------------

Femminile Numero di messaggi : 17
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da teto il Gio 15 Set - 14:38

se uno ritiene la vita degli animali uguale a quella degli uomini piò scegliere di essere vegetariano
avatar
teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da Tomhet il Gio 15 Set - 16:06

A me sembra che in fin dei conti il metro utilizzato per far valere le ragioni vegetariane sia un metro completamente soggettivo, in quanto non credo ci siano ragioni oggettive valide per non mangiare la carne.

Tomhet
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2672
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.08.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da SergioAD il Gio 15 Set - 16:27

Ma che ognuno mangi come preferisce, io oggi ho cenato con lenticchie rosse (siamo due ore verso sera rispetto a voi) viene una crema densa davvero buona, con un po' di umami sono andati due piatti fondi ed una baguette interna. Poi del dorée fritto dorato, tanto leggero che m'è tornata un po' di fame.

Se trovassi soddisfazione vegetariana potrei limitare la carne.

Domani facciamo barchette di melanzane con carne macinata e formaggio fuso, un po' di cumino tutto al forno. Il primo non lo sappiamo ancora.

Si provata la soya, la si mangia ma il sapore della carne e del pesce ancora non è sostituibile per noi. Che dire considerazione per i vegan? Si!

Stessa cosa il tofu, lo arricchisco cosi tanto che alla fine ci metto il parmigiano sopra allora continuo col parmigiano. Sono troppo debole ai sensi io.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da davide il Gio 15 Set - 20:38

Lo dico e lo ripeto: che mangino quello che gli pare, basta che non rompano i cosiddetti al sottoscritto.

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alcune argomentazioni dei vegetariani

Messaggio Da lupetta il Gio 15 Set - 21:26

però nemmeno voi dovete rompere ai vegetariani! mi sembra che dovete per forza fargli fare autogol, ognuno è libero di mangiare ciò che vuole, se io non voglio mangiare gli agnellini perchè mi fanno pena solo loro, fregandomene delle mucche, maiali e via dicendo, devo essere libera di farlo, senza essere messa sotto accusa perchè gli agnelli mi fanno pena e le mucche no, e do carne da magiare al mio cane.
ognuno fa quel che vuole
avatar
lupetta
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 9606
Età : 42
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Dubitare
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 11.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 29 1, 2, 3 ... 15 ... 29  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum