PERICOLOSITA’ PSICHICA DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

PERICOLOSITA’ PSICHICA DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO

Messaggio Da Phoenix il Mar 13 Set - 16:03

TESI SULL’OGGETTIVA E PALESE
PERICOLOSITA’ PSICHICA
DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO



Intervista con Sergio Martella
Psicologo Psicoterapeuta
Docente presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Padova


Qual è il dato più inquietante che emerge dalla vostra ricerca sulla nocività psicologica della religione cattolica?

R.: L'idea di un rapporto sui danni della dottrina cattolica è recente nella forma di divulgazione popolare che si intende adottare. Stiamo cercando di coinvolgere nel progetto coloro che a buon diritto intendono mettere la loro professionalità al servizio di questo intento. Nella mia attività professionale e clinica ho avuto modo di verificare e raccogliere una serie di connessioni tra modalità formative che tendono a deprimere l'identità psico-affettiva nella costituzione evolutiva della persona e le inevitabili conseguenze nella determinazione del destino individuale e sociale dell'uomo.

Il mondo reale è, infatti, una rappresentazione di ciò che è stato impresso nella fase costituente dell'Io. Alice Miller, per esempio, ne "La persecuzione del bambino" cerca con ansia di mettere in guardia gli educatori dagli effetti della pedagogia nera della religione. Ma la stessa razionalità è utile solo se possiamo educare a riconoscere gli stili formativi che producono un accumulo di cattiveria, di distruttività e di infelicità nell'uomo.

L'insegnamento cristiano è falsamente improntato all'amore universale: basta guardare il simbolo genetico del cristianesimo, il crocifisso e ciò che esso rappresenta, per capire la componente di ambivalenza sadica e masochista che questo "amore" veicola nell'inconscio dei bambini.

Il sacrificio come premessa, l'esordio della vita nella colpa, l'inquietante percezione di un uso distorto dell'autorità del genitore, equiparato a dio, nell'espropriare il corpo del figlio e nel farne l'oggetto da distruggere per le proprie incarnazioni mistiche. Quale amore ha bisogno di sacrifici umani? Può la salvezza dell'umanità derivare dalla disgrazia procurata ad un incolpevole?

Si tratta di perversione, di cannibalismo affettivo e domestico! Come può accadere che una tale deviazione della coscienza si affermi in modo così radicale nella cultura dell'occidente? Perché l'intellettualità europea, salvo poche eccezioni, per lo più originate dall'ambiente di cultura ebraica, non sanno rilevare l'evidenza di una tale incongruità con i precetti fondamentali del rispetto umano?

Perché ci si ostina a ritenere degne di fede false acquisizioni razionali e a falsificare la storia stessa senza suscitare una opposizione netta tra coloro che si dicono laici?
Ho cercato di dare le risposte a questi quesiti in due saggi:
"Pinocchio eroe anticristiano. Il codice della nascita nei processi di liberazione", Edizioni Sapere, Padova, 2000.
"Il furore di Nietzsche. La nascita dell'eroe e della differenza sessuale",
Cleup, Padova, 2005.

Ora, con l'estendersi dell'interesse su questi temi, al di fuori della tradizionale banalità dell'ateismo che cercava di dimostrare la non esistenza materiale di dio, il gruppo dell'axteismo si è prefisso di registrare i danni della esistenza di dio come categoria della mente e dell'educazione di massa.

Dove era dio, si chiedono in tanti, mentre in Europa imperversavano i roghi crematori della shoa? Il dio cristiano e antigiudaico della tradizione era là! Logica conseguenza dell'odio che aveva seminato per secoli e anche, in quegli anni, sulle pagine dell'organo vaticano, la "Civiltà Cristiana".

Era assente solo sui banchi degli imputati a Norimberga, dove si è negata la verità inconfutabile che gli Ebrei sono stati perseguitati in quanto tali – Ebrei – da una identità culturale altra ed egemone: i Cristiani!

Mai il cristianesimo ha subito le conseguenze dei suoi insegnamenti ambigui, di un amore sadico, improntato alla sofferenza come valore e all'infelicità dell'esistenza reale. Da Anna Maria di Cogne, ai giovani assassini di satana, la cronaca registra le forme del disagio radicato nelle istanze della religione che continua impassibile a rivendicare per sé il diritto all'egemonia sull'etica e sulla morale.

E' invece evidente che la presenza dei valori cristiani (sopportazione, peccato, sangue e demonio) è stata l'unica istituzione sempre garantita nei luoghi del degrado umano ed economico, non solo non riuscendo ad apportare modifiche strutturali alle cause della sofferenza, ma legandosi in modo complementare ed ambivalente con le dinamiche stesse dell'ingiustizia e dell'ignoranza.


Che soluzioni proponete per porvi rimedio?

R.: Al di là di un auspicabile risveglio della ragione di fronte alle palesi deformità introdotte dalla religione cristiana, cattolica in particolare, nelle basilari nozioni di igiene degli affetti e del rispetto umano; al di là delle incredibilmente gravi (e in parte inesplorate) responsabilità storiche che un amore così immaturo ha inculcato nella soggettività dell'Occidente, resta ancora non risolto il nodo centrale della comprensione profonda di questo fenomeno.

Non è sufficiente contrapporre il darwinismo al conato del creazionismo nelle tendenze regressive del presente. E' necessario aprire gli armadi di una conoscenza così gravosa da recepire in termini estesi, da essere rifiutata largamente anche nelle fasce della popolazione "di sinistra" in Italia.

DIETRO LA RELIGIONE E I SUOI DETTAMI DI CRUDELTA' OGGETTIVA NEI RAPPORTI PEDAGOGICI TRA GENERAZIONI SI LEGITTIMA IL MOTORE STESSO DELL'ALIENAZIONE SESSUALE DELLA DONNA (quindi dell'intera umanità), LA SUA ESCLUSIONE DA UNA COMPLETA INDIVIDUAZIONE E RESPONSABILITA' SOCIALE.

La mistificazione di questo importantissimo tema è tale da riferire l'ambito delle discussioni unicamente al conflitto tra sessi. Niente di più sbagliato. Lo studio dell'esegesi analitica del mito, come accade con lo studio dei sogni e del simbolismo in generale applicato alla letteratura e all'arte, rivela nel racconto cristiano (eucaristia, spirito santo e pos-sesso sulla figlia Maria, negazione del ruolo del padre, incarnazione nel corpo dei figli con le stimmate sessuali femminili del sangue e del dolore) l'estensione in termini socializzati della psicologia della Grande Madre intesa nel senso junghiano (Erich Neumann, Storia delle origini della coscienza, Astrolabio).

L'alienazione della donna madre unitamente all'enorme potere neuro-affettivo che il mistero del parto-creazione comunque le conferisce (nella fisiologia dei mammiferi) connota l'identità dell'Eterna Fattrice di una attribuzione divina da sempre riconosciuta nelle culture di ogni epoca, a partire dalle più remote.

La religione in genere, in Occidente la religione cristiana, è esattamente l'espressione più coerente della psicologia della Grande Madre. Da qui deriva l'invisibilità e la radicale impunibilità delle istanze anche sadiche (ma ammantate di profonda affettività) del cristianesimo.

Da qui l'assoluta incongruenza tra buon senso, ragione e fede. La madre può sbagliare, essere immatura negli affetti, esigere tributi di sangue, e tuttavia conservare intatta la forza del suo potere che le deriva dall'aver "pettinato" i neuroni e l'identità affettiva dei nati da lei, uomini e donne.

Dalla natività di un essere destinato al rito di sangue e martirio, al controllo delle istanze sessuali e di generazione, alle perversioni mistiche del corpo martoriato esposte dalla ginecologia religiosa dell’arte sacra, la religione non è solo un’istanza del potere politico o culturale: essa è innanzitutto la realtà di una inveterata e radicata violenza domestica, una affezione profonda perseguita con tenacia anche da chi non si dice praticante e tuttavia, difende il cristianesimo nella sua essenza.

Per lo stesso motivo il cristianesimo ha resistito ad ogni critica razionale, anche se riconosciuta valida e dimostrata. Ma non è più lecito tollerare un uso anti-umano del potere degli affetti, diretto specialmente contro i bambini e la loro aspettativa di vita!

Alla base di tutto ciò, c'è un paradosso intrinseco alla natura sessuale dell’umanità che evidenzia come solo la figlia, in quanto femmina, può divenire più grande e potente del suo creatore, che è la madre. Unicamente lei, non il maschio vezzeggiato, può procreare e mettere in mora il ruolo di potere generazionale della madre!

Solo alla luce di questa premessa si possono comprendere i legami di senso che uniscono riti crudeli contro la giovane donna, che non è ancora madre, come l'infibulazione (rito di ingresso della giovane nel clan delle donne adulte), la cacciata con maledizione e colpa della figlia Eva dalla gratuità domestica per partorire con dolo e dolore, e, peggiore di tutte, lo spossessamento del corpo e della sessualità della figlia Maria da parte della madre spirito-santo, trinità cristiana che già incorpora il sistema intero di padre e figlio.

Alcuni lessici del linguaggio comune rivelano la natura matriarcale della chiesa: "Don" è contrazione di "donna", è anche il suono del batacchio sotto la gonna-campana, iconologia della madre che in sé trattiene il figlio-fallo, nella fattispecie il prete; "duomo" è la fusione di donna-uomo, i frati recano il cordone ombellicale ancora non reciso alla vita, le suore il velo placentale segno di possesso della madre; il divieto all'uso della sessualità sottolinea la centralità e l'obbedienza all'unico sesso della madre.

Nel caso del racconto dei vangeli la giovane donna semplicemente viene privata del diritto di succedere alla madre nel potere di una autonoma procreazione, l'infelicità che ne consegue si riverbera nel rapporto con l'uomo, nel masochismo congenito che la lega al persecutore, nella depressione post partum o sterilità.

Maria non ha sesso e non ha un amante, che invece la tradizione ebraica conferisce ad Eva. Lo stesso tema del conflitto tra matrigna e figlia viene trattato, ma risolto (!), nelle fiabe: Cenerentola, la Bella Addormantata, Biancaneve,...).

L'entità unica matriarcale proposta dal modello cristiano imperversa, invece, nell'illusione di vivere due esistenze in una: la sua e quella della figlia che le appartiene per diritto di invidia (individia). Il figlio Cristo, esito nella figlia di questa mancanza di riconoscimento della proprietà sessuale, prodotto di un tale spossessamento, nato per caso inopinato (per virtù dello spirito santo e non di una libera scelta), non può che essere un... povero cristo! E tale sarà il suo destino. Sul suo corpo reso femminile con la ferita nel costato (da cui era nata Eva) e dagli attributi di innocenza, passività ed esclusione convergono le istanze femminili irrisolte dell'infelicità e dell'immaturità affettiva.

Lo scarico sul corpo mistico dell'uomo femminilizzato e mestruato (Cristo, Che Guevara o Padre Pio,...) costituisce il punto di saldatura e di scarico emotivo della innaturale fusione tra madre e donna (ma-donna), sempre a scapito della giovane e del rinnovo di generazione. Ecco che Cristo ha una funzione lenitiva attraverso la rappresentazione della sua morte nel ma-sacro (sacralità materna). In questo modo il cerchio mistico dell’incesto cristiano si alimenta di dolore, perversione e controllo.

Mi permetta, che schifo!

Guai a toccare questa figura sanguinante, avvolta nel sudario della placenta sindone! Si tollera l'intollerabile pur di non riconoscere il conflitto tra generazioni al femminile!

Cosa si può fare, lei mi chiede, per porre rimedio a questa barbarie nella civiltà degli affetti? Provi lei a spiegare alle masse di credini (credenti passivi) e fedenti (credenti in cattiva fede) quali istanze innaturali e contrarie alla naturale emancipazione della sessualità si riproducono nella formazione pedagogica cristiana.

Ci dia una mano, noi da tempo combattiamo una battaglia impari contro le istituzioni alienate dello sfruttamento che conseguentemente e coerentemente con la disumanità del credo si sono stabilizzate in accordo e reciproco sostegno con la religione.

Non è forse vero che, in economia, ogni Azienda Madre Controlla e Possiede le Azioni delle sue Filiali? Non è forse vero che il Nazismo (primato di nascita e madre-patria) e il Razzismo fondino le loro ragioni sul diritto di sangue e di appartenenza forzata, che sono attributi del codice materno?

E i misfatti sanguinosi delle “nostre cose”, nella tragica epica di “cosa nostra”, non sono forse ascrivibili ad una affiliazione di mafia intorno al corpo centrale del “mammasantissima”? Non è semplice capire fino a che punto si estendano le implicazioni di una sub cultura matriarcale degli affetti al tempo stesso potente, disumana e incontrollata. Essa confonde uomini e donne in una esistenza crudele ed alienata.

Chi riporta danni psicologici in seguito ad una certa dottrina, può essere recuperato?

R.: Molto si può fare in questo senso. La mia pratica professionale di terapeuta dimostra che le connessioni analitiche e culturali, difficili da spiegare in termini scientifici, diventano di colpo comprensibili nella valutazione clinica della storia personale di ciascuno.

Di fronte al personale libro della vita e degli affetti familiari, ossia dinanzi al codice di relazioni che hanno determinato la nostra vita, risulta logico e facile distinguere la causa dall'effetto che governa la percezione di felicità o l'impotenza dolorosa del fallimento nel progetto di vita. I risultati si possono apprezzare in termini clinici. Ma ovviamente ciò non basta. Occorre mettere in atto strategie di recupero e di consapevolezza in larghi strati della popolazione.

Sempre Alice Miller dimostra la ineluttabile relazione tra formazione affettiva e qualità della vita. Tuttavia in Italia, non una sola ora di educazione alle ragioni della laicità è stata organizzata nei programmi scolastici nazionali!

Eppure lo Stato italiano è nato su criteri di latinità pre-cristiana, la scienza (Giordano Bruno, Galilei,...) si è costituita intorno ad un nucleo anticristiano, il Rinascimento è stato possibile solo grazie alla riscoperta dei classici greci, l'antifascismo e la liberazione non ha visto il vaticano attivo contro i regimi, bensì schierato dall'altra parte.

Il meglio prodotto in Italia (compresa l'arte sacra, che non era certo frutto di stinchi di santo) è stato ispirato da una visione laica e democratica della vita e del corpo.

Proporre la necessaria questione della emarginazione del cristianesimo nel novero delle opzioni del privato incontra oggi una resistenza fortissima. In tutti i settori. Nella migliore delle ipotesi si tende a sminuire il problema e a lasciare intatte le contraddizioni.

Non si pensi tuttavia che questa è una battaglia di retroguardia: è la prima volta che si pone in modo cosciente e radicale la proposta concreta di rendere visibile al largo pubblico le responsabilità, non solo storiche, ma formative e causali del cristianesimo. In questo senso dobbiamo agire.

Il problema è la fede in sé o l'apparato che ogni religione monoteista costruisce intorno al proprio credo?


R.: Il credo monoteista sta ad indicare la centralità del ruolo sessuale della madre (anche se incarna corpi maschili) nel costruire la dinamica degli avvenimenti della realtà. Perfino la storia recente dimostra che la religione è più efficace della politica nel determinare gli eventi, per questo è importante che si voglia sapere dei reali contenuti trasmessi.

Di per sé la religiosità è un fattore umano compatibile con la civiltà, a patto che si sia consapevoli delle istanze che si veicolano nel racconto di fede che poi diviene prescrizione e istanza morale.

Sarebbe altresì necessario che le rappresentazioni religiose e rituali rimanessero tali, ossia distinte dall'imposizione di un credo che confonde il simbolico con il reale. Per esempio, il fatto di celebrare la festa della nascita a dicembre con il rito dei doni da parte di Babbo Natale non deve imporre la necessità dell'inganno sulla reale esistenza di un personaggio della fantasia come se fosse reale!

Una cosa è la naturale progressione che i bambini attuano nel distinguere la fantasia dalla realtà, altra cosa è la pelosa e deleteria attitudine degli adulti di vedere realizzate le proprie istanze di insoddisfazione infantile facendo credere per forza l'esistenza del falso. Forse che non si può giocare o godere di un rito gioioso sapendo che è un rito in quanto tale?

Le religioni monoteiste non sono uguali negli effetti delle istanze da esse inoculate fin dalla più tenera età. Non sempre è facile riconoscere, nel confronto, il grado di pericolosità; infatti, concorrono altri fattori nelle società a influenzare gli effetti del credo.

In Occidente la cultura laica e razionalista ha attenuato enormemente gli effetti già deleteri del cristianesimo (oltre alla secolare reclusione e sterminio degli Ebrei, si pensi all'analogo scempio attuato nelle Americhe: è un vizio congenito al cristianesimo la crudeltà!); nel paesi arabi l'islamismo non si giova di una analoga progressione sociale.

L'ebraismo ha invece individuato le corrette radici del problema proponendosi in termini di patto (akedà) tra generazioni. Sempre la madre si pone nel ruolo di dio (l'appartenenza ebraica è matrilineare), ma conferisce il potere della legge terrena (Dio verso Mosè) al ruolo paterno.

L'esatto opposto della regressione cristiana che rimanda il padre nella vacuità dei cieli o nel pleonasmo di un vecchio e sterile sposo. Nell'ebraismo la madre ideale è colei che è disposta a separarsi dal figlio purché egli viva (il giudizio di Salomone).

Nel cristianesimo la madre è entità globale, indistinta, inglobante e distruttiva, come la grande madre del clan o gregge pre-sociale.

Ogni religione rimane comunque una opzione implicita della coscienza su temi che invece sono alla portata della comprensione umana. Meglio sarebbe una civiltà fondata sulla capacità di rappresentare, senza obbligo di fede, tutte le istanze dell'animo umano. La tradizione dei Greci in questo è maestra.

Lei ritiene che in Italia, oggi, sia possibile affrontare questi temi e dibatterne pubblicamente?


R.: E' necessario in tutti i casi. Personalmente non esito a rischiare attacchi personali o scomuniche di varia natura, poiché ritengo una battaglia di assoluta civiltà rendere visibili gli effetti dell'ignoranza e della malafede. Bisogna battersi in tutti i campi della società per affermare una civiltà ed una igiene degli affetti. So per certo che è possibile. Se qualcuno vuole reagire con la consueta violenza già riscontrata nella storia di fronte agli avanzamenti della coscienza e della società, è avvisato, noi siamo pronti.

Esiste una minoranza numerica di individui che è già maggioranza qualitativa nel distinguere e rendere visibili i fantasmi dell'inconscio retaggio di una aggressività non risolta. Si tratta di individuare i percorsi di una emancipazione ulteriore per adeguare la consapevolezza umana allo sviluppo della tecnologia e all'inedito potere che essa conferisce all'uomo.

Le nuove potenzialità richiedono una dilatazione della coscienza per far sì che ciò che abbiamo costruito non sia rivolto contro di noi, ma a vantaggio di una integrazione con la natura, di cui siamo e restiamo una cosciente emanazione.
http://www.cristianesimo.it/danni.htm
avatar
Phoenix
-----------
-----------

Femminile Numero di messaggi : 2058
Età : 46
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.10

https://twitter.com/PhoenixEclipse1

Tornare in alto Andare in basso

Re: PERICOLOSITA’ PSICHICA DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO

Messaggio Da AteoCorporation il Mar 13 Set - 16:16

Questa è una sua intervista del 2007.





avatar
AteoCorporation
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1066
Età : 28
Occupazione/Hobby : Scrittore, esponente dell'Axteismo e sostenitore dell'Ateologia.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.05.10

http://ateocorporation.webnode.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: PERICOLOSITA’ PSICHICA DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO

Messaggio Da SergioAD il Mar 13 Set - 16:51

I DANNI PRODOTTI NELLE PERSONE DALLA CATECHESI RELIGIOSA NELLE SCUOLE ELEMENTARI di Daniele Sollo

Presentazione
Il presente documento non rappresenta il punto di vista di chi è semplicemente "bastian contrario" e quindi di chi non vuole, per partito preso, accettare dei dogmi seguiti dalla stragrande maggioranza delle persone. Inoltre, esso non vuole nemmeno essere un oggetto per avanzare semplicemente delle affermazioni atte a offendere la sensibilità altrui in merito a questioni di carattere "etico", "morale" e "religioso". Il riferimento alla religione cristiano-cattolica è fatto poiché questa è la confessione religiosa maggiormente diffusa in Italia. Pertanto, non si intende affermare, nel documento, che quella cristiano-cattolica sia "peggiore" di altre confessioni religiose, e che, in generale, esistano religioni "migliori" di altre. Infatti, Daniele Sollo, architetto che ha sperimentato su se stesso la VTC, mostrerà come le diverse religioni (cristiano-cattolica, lamaismo tibetano, islamismo sciita.) rappresentino un mezzo per piegare la volontà di uomini e donne, specie se esse non vengono più diffuse per mezzo di dogmi da accettare nel nome della fede in cui si crede, ma quando vengono propinate come tesi aventi valore scientifico. Farà riferimento, con cognizione di causa, al ruolo che la religione cristiano-cattolica ha nelle scuole (di ogni ordine e grado) italiane, analizzando poi, nel dettaglio, gli effetti nocivi che essa ha sui bambini che frequentano le scuole elementari. L` impostazione siffatta del problema non è casuale. Infatti, si mostrerà come l` insegnamento della religione ha degli effetti notevoli specie in età infantile, e come tali effetti notevoli siano ulteriormente amplificati quando la famiglia intera di un bimbo che frequenta le scuole elementari italiane sia stata og¬getto della medesima "educazione". Infine, diversi saranno i riferimenti alla vegeto terapia carattero-analitica, nonché all` analisi e all` opera di Wilhelm Reich, e di come certi modelli educativi proposti dallo scienziato austriaco possano risolvere la questione, tuttora di enorme importanza.
Napoli, 26 gennaio 2010-01-26
Nicola Glielmi

Fonte: http://www.glielmi.it/news.php

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: PERICOLOSITA’ PSICHICA DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO

Messaggio Da Phoenix il Gio 15 Set - 12:15

il Crocefisso è la rappresentazione di un uomo morto durante una terribile tortura.
Ma qualcuno mi può spiegare, cosa ce di educativo in questo ?
Facciamo di tutto per impedire ai bambini ogni immagine crudele e poi li trasciniamo nella chiesa o nella scuola per spaventarli a morte con questo orrore
avatar
Phoenix
-----------
-----------

Femminile Numero di messaggi : 2058
Età : 46
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 13.01.10

https://twitter.com/PhoenixEclipse1

Tornare in alto Andare in basso

Re: PERICOLOSITA’ PSICHICA DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO

Messaggio Da lupetta il Gio 15 Set - 21:12

ricordo che anni fa in una trasmissione condotta da gianfranco funari in una rete locale romana intervenne uno psicologo, del quale non ricordo affatto il nome, mi sembra però che si trattasse di un personaggio di rilievo tipo il presidente dell'associazione psicologi, insomma non un pincopallo qualunque e disse chiaramente che la religione, in particolare quella cattocristiana perchè parlava dell'italia procurava gravi danni alla salute mentale umana, ma che gli era stato impedito si parlarne nelle tv rai e mediaset.
io stessa sono una vittima di danni morali provocati (anche) dall'educazione cattolica.
avatar
lupetta
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 9606
Età : 42
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Dubitare
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 11.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: PERICOLOSITA’ PSICHICA DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO

Messaggio Da doctor Faust il Sab 17 Set - 19:01

In effetti tutta la mitologia dovrebbe essere appannaggio degli adulti e i bambini risparmiati da qualsiasi favola con funzione dottrinale, plagiante e manipolativa.

I miti sono invenzioni di adulti che possono alterare la percezione del mondo nei fanciulli, come già messo in luce da Rousseau nell'Emilio.

Queste favole mitologiche, che sono letteratura, dovrebbero essere affontate solo quando la mente sa valutarle per quello che sono: cultura tradizionale dei popoli.

Diversamente comprimono ed espropiano la libertà di coscienza dei bambini, che non sono ne proprieta' di genitori imbevuti di dottrine, ne di comunita' chiuse e autoreferenziali, ne di stati teocratici e contrari all'autodeterminazione personale, secondo il diritto positivo vigente.

Ovviamente questo vale per tutte le culture, e non solo per quella cristiano-cattolica.

doctor Faust
-------------
-------------

Numero di messaggi : 157
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 22.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum