Perché la scuola italiana fa così schifo?

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Perché la scuola italiana fa così schifo?

Messaggio Da holubice il Gio 15 Set - 14:10

Ah, a casa di mamma ho ancora qualcuno di quei sassi dipinti in giro per casa a fare da ferma carte. Tanti ne dipingemmo.

Se fosse ancora viva quella megera, e se la reincontrassi per strada, gliene tirerei sicuro qualcuno in testa...

;-)
avatar
holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6231
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Perché la scuola italiana fa così schifo?

Messaggio Da holubice il Gio 15 Set - 14:30

ivoavido1 ha scritto:
Fux89 ha scritto:
Andare all'estero.
Se tutti vanno all'estero, la situazione economico-sociale-politica italiana volgerà ancora al peggio in futuro. E' una soluzione individuale, ma di certo non possono farlo tutti.
Ti faccio notare che tu abiti in un Paese con 2.300 miliardi di buffi, in costate crescita. E che semmai troverai lavoro, con i tuoi contributi ti ritroverai a pagare le pensioni di tre ultra settantenni.

Nel tuo caso emigrare non é una opzione, ma una scelta obbligata...
avatar
holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6231
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Perché la scuola italiana fa così schifo?

Messaggio Da Minsky il Ven 3 Feb - 16:53




_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14961
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Perché la scuola italiana fa così schifo?

Messaggio Da Minsky il Ven 11 Ago - 19:46

«Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuole fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito?
Si accorge che le scuole di Stato hanno difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora il partito dominante segue un’altra strada (...). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. (...) Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di previlegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole , perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi,come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili,si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola previlegiata. (...)
L’operazione si fa in tre modi: ve l’ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico.
»

(Discorso di Piero Calamandrei, III congr. dell’Ass.ne Difesa Scuola Nazionale, Roma 11/2/1950)

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14961
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Perché la scuola italiana fa così schifo?

Messaggio Da Rasputin il Ven 11 Ago - 20:15

Minsky ha scritto:«Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuole fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito?
Si accorge che le scuole di Stato hanno difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora il partito dominante segue un’altra strada (...). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. (...) Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di previlegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole , perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi,come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili,si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola previlegiata. (...)
L’operazione si fa in tre modi: ve l’ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico.
»

(Discorso di Piero Calamandrei, III congr. dell’Ass.ne Difesa Scuola Nazionale, Roma 11/2/1950)

Vale per le scuole italiane immagino, ma a livello globale non credo

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50272
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Perché la scuola italiana fa così schifo?

Messaggio Da FdS il Sab 12 Ago - 0:11

Esperienza di liceale statale prossima al quinto anno: nonostante la scuola che io frequenti sia uno dei più rinomati licei scientifici della mia città, completo di laboratori abbastanza ben attrezzati (almeno così sembra a prima vista) e diverse aule multimediali, frequentandolo per 4 anni -anzi, per 3 anni dato che sto parlando della sede centrale; la succursale, dove ho fatto il primo anno, è un ex pastificio con computer freschi di anni '80, dove è stato trovato dell'amianto successivamente smaltito, con un "laboratorio" grande poco più di una classe standard e insegnanti di discutibile professionalità e/o status di salute mentale; per il prossimo anno sembra che la nuova sede della succursale sia una struttura che si possa più propriamente chiamare "scuola", e finalmente!- ho notato come invece ci sia un certo decadimento, non solo in termini strettamente materiali (per attrezzare le aule di informatica con più laptop pare ci abbiano messo una vita, gli strumenti dei laboratori di fisica e scienze sono vecchiotti ormai e non tutti in buono stato, c'è pure un prefabbricato che sembra sia destinato a restare tale per i prossimi 10 anni e sì, ospita classi separate tra loro da pannelli di plastica più che da "muri") ma anche per quanto riguarda gli standard dei docenti e soprattutto delle nuove generazioni di alunni: accanto a insegnanti di tutto rispetto trovo gente svampita che presumibilmente si è già scordata chi siamo una volta uscita dalla nostra classe dopo un'ora o due di lezione, certo ce li avranno avuti tutti i prof un po' fuori durante i tempi del liceo, però mi sa che stanno diventando troppi... Mi domando spesso con che criterio li assumano certi soggetti  boxed
A completare il tutto, il ricambio generazionale non promette affatto bene: come sopra, ce li avranno avuti tutti i compagni di classe/scuola con molta poca intenzione di far altro se non scaldare la sedia, ma anche in questo caso pare siano aumentati vertiginosamente... Anche se per questo si deve dare uno sguardo a come siano cambiati gli adolescenti in generale, però è evidente come se prima in questa scuola ci metteva piede (quasi) solo chi aveva il preciso scopo di studiare seriamente, ora è un ritrovo per emeriti idioti con ogni tanto qualche testa pensante che sbuca fuori... No
avatar
FdS
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 51
Età : 18
Località : A un paio di isolati dagli schemi
Occupazione/Hobby : In fase di definizione
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Perché la scuola italiana fa così schifo?

Messaggio Da Rasputin il Sab 12 Ago - 10:02

FdS ha scritto:Esperienza di liceale statale prossima al quinto anno: nonostante la scuola che io frequenti sia uno dei più rinomati licei scientifici della mia città, completo di laboratori abbastanza ben attrezzati (almeno così sembra a prima vista) e diverse aule multimediali, frequentandolo per 4 anni -anzi, per 3 anni dato che sto parlando della sede centrale; la succursale, dove ho fatto il primo anno, è un ex pastificio con computer freschi di anni '80, dove è stato trovato dell'amianto successivamente smaltito, con un "laboratorio" grande poco più di una classe standard e insegnanti di discutibile professionalità e/o status di salute mentale; per il prossimo anno sembra che la nuova sede della succursale sia una struttura che si possa più propriamente chiamare "scuola", e finalmente!- ho notato come invece ci sia un certo decadimento, non solo in termini strettamente materiali (per attrezzare le aule di informatica con più laptop pare ci abbiano messo una vita, gli strumenti dei laboratori di fisica e scienze sono vecchiotti ormai e non tutti in buono stato, c'è pure un prefabbricato che sembra sia destinato a restare tale per i prossimi 10 anni e sì, ospita classi separate tra loro da pannelli di plastica più che da "muri") ma anche per quanto riguarda gli standard dei docenti e soprattutto delle nuove generazioni di alunni: accanto a insegnanti di tutto rispetto trovo gente svampita che presumibilmente si è già scordata chi siamo una volta uscita dalla nostra classe dopo un'ora o due di lezione, certo ce li avranno avuti tutti i prof un po' fuori durante i tempi del liceo, però mi sa che stanno diventando troppi... Mi domando spesso con che criterio li assumano certi soggetti  boxed
A completare il tutto, il ricambio generazionale non promette affatto bene: come sopra, ce li avranno avuti tutti i compagni di classe/scuola con molta poca intenzione di far altro se non scaldare la sedia, ma anche in questo caso pare siano aumentati vertiginosamente... Anche se per questo si deve dare uno sguardo a come siano cambiati gli adolescenti in generale, però è evidente come se prima in questa scuola ci metteva piede (quasi) solo chi aveva il preciso scopo di studiare seriamente, ora è un ritrovo per emeriti idioti con ogni tanto qualche testa pensante che sbuca fuori... No

In generale, se leggi dall'inizio

http://atei.forumitalian.com/t3379-perche-la-scuola-italiana-fa-cosi-schifo

la tendenza è tagliare i costi, il che non fa certo bene. Qui è un po' meglio, ma si nota la differenza di infrastrutture ed attrezzature tra il pubblico ed il privato, ad evidente vantaggio del secondo.

Ma qui almeno non si finanzia la scuola privata con fondi pubblici.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50272
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum