La libertà di religione è un diritto umano?

Pagina 34 di 36 Precedente  1 ... 18 ... 33, 34, 35, 36  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Minsky il Mer 1 Giu - 22:09

Boni! Cercate di evitare scambi di punzecchiature.

Questo è un thread di argomento serio e importante.

Gradirei che non venisse imbrattato. Grazie.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16467
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Rasputin il Mer 1 Giu - 22:16

marisella ha scritto:
Justine ha scritto:Il graaleggio quindi è pratica buona&giusta poiché confonde gli scrittori... E nel frattempo la gente guarisce, mi piace figo
Ho detto che Mark Twain scrive che i Cavalieri della Tavola Rotonda erano sempre in giro a graalare, a cercare il Graal, che era tanto difficile?

Mi scuso con sig.Ras, prima ho quotato senza scrivere perchè mi sono sbagliata.

Cretina viene da cristiana, siccome sono cristiana mi sta benissimo cretina, Sig Ras, da dove spunti?da dove nasci?roba dA NON CREDERCI QUELLO CHE SCRIVI.VAI CON I PARI TUOI, TIPO PEPERINO, DETTO ANCHE pRIM,eccetera ecetera.

Cretina? A parte qui dove lo ho scritto? ???

Minsk scusa mi trattengo (Tra l'altro il thread mi pare di averlo aprto io Embarassed )


Ultima modifica di Rasputin il Mer 1 Giu - 22:18, modificato 1 volta

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



I know I'm like a horse, I could kill myself exercising if I wanted to (Lionel Sanders)

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit. (La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente solo la dominazione della maggioranza).
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51388
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da marisella il Mer 1 Giu - 22:18

Minsky ha scritto:
ANSA ha scritto:Marijuana per meditare, scarcerato

Al giudice ha detto di essere seguace del 'rastafarianesimo'


Redazione ANSA BARI
01 giugno 2016 16:10


(ANSA) - BARI, 1 GIU - "Fumo marijuana per meditare". Lo ha dichiarato al giudice un tabaccaio 30enne di Toritto arrestato in flagranza con più di 50 grammi di droga e subito scarcerato anche sulla base delle sue spiegazioni. E' stato arrestato dalla Polizia ferroviaria perché trovato in possesso di 8 grammi di marijuana. Nella successiva perquisizione domiciliare gli agenti hanno sequestrato altri 60 grammi della stessa sostanza.
   Processato per direttissima il giorno dopo l'uomo ha detto al giudice di essere "cultore della religione rastafariana" e di avere in casa una stanza adibita alla meditazione, dove ascolta musica 'rasta' e fuma per meditare. Il rastafarianesimo, ha fra i suoi precetti l'utilizzo della marijuana come erba medicinale, ma anche meditativa, apportatrice di saggezza, ausilio alla preghiera. Tra le caratteristiche dei 'rasta' c'è la consacrazione del proprio capo, con l'astensione dalla tonsura e le celebri trecce. IL processo verrà discusso nel merito con rito abbreviato il 5 agosto prossimo.

È giusto, è giustissimo. La canne sono prescritte dalla sua religione, quindi lui deve essere lasciato in pace a farsi tutte le canne che vuole.
Gentile Minsky,
 no, non puo' essere lasciato in pace perchè poi chiamano i medici che casomai stanno in vacanza in barca e devono andare, perchè la cannabis da' tachicardia e ipotensione e far diminuire la tachicardia è pericoloso perchè diminuisce la portata cardiaca e va in shock,e quindi a qualcuno rompono le palle.

per Ras:la tua presunta superiorita' consiste solo nel dire parolacce, io dico che i re nel medioevo imponevano le mani sui malati, e tu dici che la chiesa spalmava di oli e grasso, rispondi senza nessuna logica, sai solo far vedere di essere superiore riempiendomi di parolacce, che bella roba.statti bene tu e prim, pigliatevi a parolacce a vicenda che vi scaricate, vado a vedere tv, a dopo. comq non mi va di essere seguita.
avatar
marisella
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1310
Età : 37
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Rasputin il Mer 1 Giu - 22:20

marisella ha scritto:
per Ras:la tua presunta superiorita' consiste solo nel dire parolacce, io dico che i re nel medioevo imponevano le mani sui malati, e tu dici che la chiesa spalmava di oli e grasso, rispondi senza nessuna logica, sai solo far vedere di essere superiore riempiendomi di parolacce, che bella roba.statti bene tu e prim, pigliatevi a parolacce a vicenda che vi scaricate, vado a vedere tv, a dopo. comq non mi va di essere seguita.

Dici? Qui ti si può seguire come si vuole, comunque quanto alla superiorità io adesso esercito l'unica che tu riconosci.

Riapriamo quando la moderazione lo decide.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



I know I'm like a horse, I could kill myself exercising if I wanted to (Lionel Sanders)

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit. (La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente solo la dominazione della maggioranza).
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51388
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Rasputin il Lun 6 Giu - 12:18

Rasputin ha scritto:[...]

Riapriamo quando la moderazione lo decide.

In leggera latitanza dei colleghi ho riaperto io, tanto al momento non pare esserci troppo pericolo

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



I know I'm like a horse, I could kill myself exercising if I wanted to (Lionel Sanders)

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit. (La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente solo la dominazione della maggioranza).
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51388
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Armok il Lun 6 Giu - 14:58

Non mi ricordo se ho già espresso la mia opinione a riguardo.
Comunque:

1- i diritti non esistono in senso universale, sono semplicemente delle convenzioni

2- tali convenzioni hanno comunque una loro utilità, del tutto strumentale, nell'aumentare la qualità della vita media

3- i paesi dove una religione viene imposta con la forza e i ( pochi ) paesi dove viene effettivamente imposto l'ateismo di stato sono posti dove si vive , tendenzialmente, male

Tutto qui.
avatar
Armok
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 610
Età : 31
Località : Veneto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 27.06.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da marisella il Lun 6 Giu - 15:50

Rasputin ha scritto:
Rasputin ha scritto:[...]

Riapriamo quando la moderazione lo decide.

In leggera latitanza dei colleghi ho riaperto io, tanto al momento non pare esserci troppo pericolo
Salve, abate Faria, non ce la facevi davvero piu' senza di me, vero?Mi sognavi di notte, di mattina, di pomeriggio, di sera, ero un'ossessione, ammettilo, con tutte quelle sciacquette e squinzie che hai avuto tra le mani io faccio una bella differenza. Ok, ci vediamo, devo uscire. imbarazzo..
avatar
marisella
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1310
Età : 37
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Minsky il Lun 6 Giu - 18:18


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16467
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Minsky il Mar 7 Giu - 8:42

marisella ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Rasputin ha scritto:[...]

Riapriamo quando la moderazione lo decide.

In leggera latitanza dei colleghi ho riaperto io, tanto al momento non pare esserci troppo pericolo
Salve, abate Faria, non ce la facevi davvero piu' senza di me, vero?Mi sognavi di notte, di mattina, di pomeriggio, di sera, ero un'ossessione, ammettilo, con tutte quelle sciacquette e squinzie che hai avuto tra le mani io faccio una bella differenza. Ok, ci vediamo, devo uscire. imbarazzo..
Questo è un richiamo ufficiale della moderazione. Riapro il thread avvisando che non sarà più tollerato alcun imbrattamento con puerili battibecchi e sciocchezze varie. Mi riservo di procedere alla cancellazione dei post insulsi.

Ricordo che non è ammesso rispondere ai richiami della moderazione in rosso nei thread. Chi ha osservazioni da fare o ricorsi da presentare può scrivere alla moderazione in MP oppure per email. La controversia sarà trattata riservatamente.

L'utente marisella è avvertita che alla prossima infrazione scatterà per lei il ban di 96 ore.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16467
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Minsky il Dom 10 Dic - 11:47

Parroco benedice cellulari a Marsala

Così si finisce garantendo diritti assurdi. Nell'assurdità.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16467
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da FdS il Dom 10 Dic - 14:44

Minsky ha scritto:Parroco benedice cellulari a Marsala

Così si finisce garantendo diritti assurdi. Nell'assurdità.
Ho letto di gente che "guariva" gli ammalati con una bella dose di insetticida, Minsky... Non penso possano esserci serbatoi di deliri più ampi delle comunità religiose ormai. Royales

Sostanzialmente, penso che la libertà di culto debba esserci per tutti, pur essendo io una ferma oppositrice delle religioni, ma soprattutto debba esserci diritto all'istruzione e all'informazione, insieme alla libertà di scelta: a tal proposito, trovo una piena violazione della libertà di culto (e di scelta) quel rito sciamanico del battesimo. Non ho mai scelto di farmi buttare dell'acqua pseudosacra in testa a pochi mesi di vita, con quale assurda pretesa si continua a fare questo schifo di rituale su dei bambini incapaci ancora di intendere e di volere? Va bene che ognuno creda in quel che vuole, ma appunto sarebbe molto utile un ridimensionamento delle religioni. Già il solo fatto che si parla di "diffusione del verbo" mi fa accapponare la pelle.
Lo so che fa parte del set di precetti cristiani questa storia del battesimo, ma è in netto contrasto con la libertà dell'individuo, così come lo è l'opera di indottrinamento nel suo complesso, sia cristiano sia relativo a qualunque altro culto. Il credente sarà pure convinto di fare del bene al miscredente/infedele che dir si voglia, ma bene non fa e non l'ha mai fatto questa serie di pratiche.

Tornando al punto dell'istruzione, è interessante notare che a una minore ignoranza corrisponde una maggiore indipendenza intellettuale, che può (ma non è detto) tradursi in una minore tendenza alla sottomissione. Si pensi a quelle masse di contadini pressoché analfabeti che hanno da sempre costituito la più ampia fetta di seguaci di una qualsiasi religione; con questo non intendo dire che dovrebbero diventare tutti brace per un mega falò, come qualcuno potrebbe malinterpretare travisando alla grande i miei post (e mi sono sinceramente rotta di dover fare discussioni per questi motivi del cazzo), bensì penso che sarebbe di gran lunga più utile e rispettoso dell'individuo evitare di suggestionarlo e fornirgli invece gli strumenti per lo sviluppo di un ragionamento critico e autonomo (le due cose sono in netta opposizionetra loro: se a un analfabeta racconti storie con grande impatto emotivo, quello difficilmente riuscirà a criticare autonomamente il tutto; se alla stessa persona fornisci con pazienza la dovuta istruzione, difficilmente si farà abbindolare dal primo pagliaccio che capita).
La dignità umana sopra ogni cosa, nella gerarchia dei valori umani, e secondo me questa dignità passa anche e soprattutto per la capacità di scegliere per sé. Le idiozie di cui leggiamo in questo e in altri thread io penso siano in larga parte il frutto di una cieca sottomissione, la totale rinuncia alla propria dignità intellettuale, anche se spesso attuata inconsapevolmente. E questo per me è terribile.
avatar
FdS
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 171
Età : 18
Località : A un paio di isolati dagli schemi
Occupazione/Hobby : In fase di definizione
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Rasputin il Dom 10 Dic - 15:32

Fds, io sono solito sintetizzare: il battesimo, o meglio, tecnicamente il pedobattesimo, ossia quello perpetrato su infanti incapaci di intendere e di volere, non solo è uno stupro della loro dignità umana, abuso di minori e circonvenzione di incapace, ma anche in palese contraddizione proprio con quella che il pretame proclama e strombazza ai quattro venti di difendere: la libertà di religione.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



I know I'm like a horse, I could kill myself exercising if I wanted to (Lionel Sanders)

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit. (La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente solo la dominazione della maggioranza).
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51388
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da FdS il Dom 10 Dic - 15:47

Rasputin ha scritto:Fds, io sono solito sintetizzare: il battesimo, o meglio, tecnicamente il pedobattesimo, ossia quello perpetrato su infanti incapaci di intendere e di volere, non solo è uno stupro della loro dignità umana, abuso di minori e circonvenzione di incapace, ma anche in palese contraddizione proprio con quella che il pretame proclama e strombazza ai quattro venti di difendere: la libertà di religione.
La capacità di sintesi è proprio una gran bella cosa. wink..
P.s.: come mai ti sbarella sempre l'avatar? Solo quando ti quoto leggo per intero i tuoi post... hihihihih
avatar
FdS
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 171
Età : 18
Località : A un paio di isolati dagli schemi
Occupazione/Hobby : In fase di definizione
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Rasputin il Dom 10 Dic - 16:04

FdS ha scritto:
Rasputin ha scritto:Fds, io sono solito sintetizzare: il battesimo, o meglio, tecnicamente il pedobattesimo, ossia quello perpetrato su infanti incapaci di intendere e di volere, non solo è uno stupro della loro dignità umana, abuso di minori e circonvenzione di incapace, ma anche in palese contraddizione proprio con quella che il pretame proclama e strombazza ai quattro venti di difendere: la libertà di religione.
La capacità di sintesi è proprio una gran bella cosa. wink..
P.s.: come mai ti sbarella sempre l'avatar? Solo quando ti quoto leggo per intero i tuoi post... hihihihih

Non riesco a capire nemmeno io, dioboia
Ora sono in clinica e su cellulare ma sono le stesse immagini che uso a casa da PC, e che tra l’altro non uso per la prima volta...adesso magari provo di nuovo wall2

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



I know I'm like a horse, I could kill myself exercising if I wanted to (Lionel Sanders)

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit. (La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente solo la dominazione della maggioranza).
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51388
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Rasputin il Dom 10 Dic - 16:07

Niente da fare porcodio

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



I know I'm like a horse, I could kill myself exercising if I wanted to (Lionel Sanders)

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit. (La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente solo la dominazione della maggioranza).
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51388
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Minsky il Dom 10 Dic - 18:30

Rasputin ha scritto:Niente da fare porcodio
Così dovrebbe essere a posto.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16467
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Rasputin il Lun 11 Dic - 14:04

Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:Niente da fare porcodio
Così dovrebbe essere a posto.

Azz
Grazie. Purtroppo temo che il problema si ripresenti ogni volta che tento di cambiare avatar...devo vedere da casa

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



I know I'm like a horse, I could kill myself exercising if I wanted to (Lionel Sanders)

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit. (La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente solo la dominazione della maggioranza).
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51388
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da SETH OTH il Mar 12 Dic - 17:38

Al netto di varie stronzate frapposte tra interventi intelligenti, mi sembra una discussione interessante.

Ripartirei da due interventi di Minsky (che erano tra quelli intelligenti, non credo fosse il caso di dirlo, ma sai mai):


Articolo 18 - corretto
Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero e di coscienza, e di essere difeso fino alla maggiore età da ogni indottrinamento religioso o superstizioso basato su credenze non empiricamente e scientificamente dimostrabili. Gli individui di maggiore età possono aderire a titolo personale alla dottrina religiosa di loro scelta, e praticarne i riti purché tali riti non comportino danno materiale o morale per il prossimo o violazione della legge.



Non me la sento ancora di avere una idea definita su questa questione, mi piace abbastanza il nuovo art.18, nel senso che anche a me piacerebbe che l'educazione del bambino prescindesse dalle stronzate clericali, però c'è un però. E cioè la pratica. Come immagini dovrebbe essere gestita l'applicazione di tale diritto?


C'è il diritto di scommettere? No. Nessuna legge sancisce che tu abbia diritto di scommettere. Ma puoi farlo se giochi in una lotteria legale. C'è il diritto di andare a puttane? No. Anzi, se ti fermi per strada con l'auto per contrattare la prestazione di una puttana in alcune località ti multano pesantemente. Ma puoi farlo adottando certe cautele. C'è il diritto di fumare? No. Anzi c'è il divieto nei locali pubblici, in certi ambiti in presenza di minori o donne incinte, anche in alcune zone all'aperto, per esempio i parchi giochi per i bambini. Ed è severamente proibito negli impianti petrolchimici, tanto per dire. Ma puoi farlo se sei a casa tua o dove non è vietato. C'è il diritto a bere alcoolici? No. Anzi se la polizia stradale ti trova alla guida di un veicolo dopo che hai bevuto alcoolici può multarti pesantemente, e addirittura se provochi un incidente da ebbro puoi essere condannato alla galera. Ma puoi farlo se poi te ne vai a dormire e non causi pericolo per nessuno. C'è il diritto a consultare astrologi? No. A parte che sei un coglione se paghi qualcuno per farti dire delle scemenze, nel caso potresti anche poi denunciarlo per frode. Ma puoi anche consultare un astrologo ed essere un coglione, se ti va, sono soldi tuoi. Ecco, il caso della religione compendia un po' tutti i casi visti sopra. È più chiaro adesso?


Tutto sta a mettersi d'accordo sul significato della parola diritto. I diritti che hai (o che hai in teoria) non sono solo quelli scritti nella dichiarazione.
Secondo la definizione corrente tu hai il diritto di fare tutte le cose da te citate, perchè nessun tuo pari può impedirti di farle, e la legge ti tutela. Il diritto, ad esempio, di fumare, consta del fatto che nessuno può importi di non fumare se sei in una situazione in cui la lagge ti permette di farlo. Il fatto che le leggi consentano l'esercizio di un diritto solo sotto determinate condizioni non significa che quel diritto non esista. Altrimenti non esisterebbe nessun diritto: ogni persona ha diritto alla vita [Art... non mi ricordo] ma sotto particolari condizioni la legge te ne priva.

Naturalmente il diritto alla religione è sancito e scritto perchè le persecuzioni per la propria religione rappresentano uno dei principali drammi nella storia dell'umanità, la persecuzione di chi consulta astrologhi no [anche perchè mi causerebbe una perdita delle entrate per il lavoro che vorrei fare da grande].
avatar
SETH OTH
-------------
-------------

Numero di messaggi : 770
Età : 100
Occupazione/Hobby : Divinità.
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.06.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Rasputin il Mar 12 Dic - 19:51

„Naturalmente il diritto alla religione è sancito e scritto perchè le persecuzioni per la propria religione rappresentano uno dei principali drammi nella storia dell'umanità, [...]“

Ehm, chi te l’ha detto?


_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



I know I'm like a horse, I could kill myself exercising if I wanted to (Lionel Sanders)

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit. (La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente solo la dominazione della maggioranza).
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51388
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Minsky il Mar 12 Dic - 20:50

SETH OTH ha scritto:Al netto di varie stronzate frapposte tra interventi intelligenti, mi sembra una discussione interessante.

Ripartirei da due interventi di Minsky (che erano tra quelli intelligenti, non credo fosse il caso di dirlo, ma sai mai):


Articolo 18 - corretto
Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero e di coscienza, e di essere difeso fino alla maggiore età da ogni indottrinamento religioso o superstizioso basato su credenze non empiricamente e scientificamente dimostrabili. Gli individui di maggiore età possono aderire a titolo personale alla dottrina religiosa di loro scelta, e praticarne i riti purché tali riti non comportino danno materiale o morale per il prossimo o violazione della legge.



Non me la sento ancora di avere una idea definita su questa questione, mi piace abbastanza il nuovo art.18, nel senso che anche a me piacerebbe che l'educazione del bambino prescindesse dalle stronzate clericali, però c'è un però. E cioè la pratica. Come immagini dovrebbe essere gestita l'applicazione di tale diritto?


C'è il diritto di scommettere? No. Nessuna legge sancisce che tu abbia diritto di scommettere. Ma puoi farlo se giochi in una lotteria legale. C'è il diritto di andare a puttane? No. Anzi, se ti fermi per strada con l'auto per contrattare la prestazione di una puttana in alcune località ti multano pesantemente. Ma puoi farlo adottando certe cautele. C'è il diritto di fumare? No. Anzi c'è il divieto nei locali pubblici, in certi ambiti in presenza di minori o donne incinte, anche in alcune zone all'aperto, per esempio i parchi giochi per i bambini. Ed è severamente proibito negli impianti petrolchimici, tanto per dire. Ma puoi farlo se sei a casa tua o dove non è vietato. C'è il diritto a bere alcoolici? No. Anzi se la polizia stradale ti trova alla guida di un veicolo dopo che hai bevuto alcoolici può multarti pesantemente, e addirittura se provochi un incidente da ebbro puoi essere condannato alla galera. Ma puoi farlo se poi te ne vai a dormire e non causi pericolo per nessuno. C'è il diritto a consultare astrologi? No. A parte che sei un coglione se paghi qualcuno per farti dire delle scemenze, nel caso potresti anche poi denunciarlo per frode. Ma puoi anche consultare un astrologo ed essere un coglione, se ti va, sono soldi tuoi. Ecco, il caso della religione compendia un po' tutti i casi visti sopra. È più chiaro adesso?


Tutto sta a mettersi d'accordo sul significato della parola diritto. I diritti che hai (o che hai in teoria) non sono solo quelli scritti nella dichiarazione.
Secondo la definizione corrente tu hai il diritto di fare tutte le cose da te citate, perchè nessun tuo pari può impedirti di farle, e la legge ti tutela. Il diritto, ad esempio, di fumare, consta del fatto che nessuno può importi di non fumare se sei in una situazione in cui la lagge ti permette di farlo. Il fatto che le leggi consentano l'esercizio di un diritto solo sotto determinate condizioni non significa che quel diritto non esista. Altrimenti non esisterebbe nessun diritto: ogni persona ha diritto alla vita [Art... non mi ricordo] ma sotto particolari condizioni la legge te ne priva.

Naturalmente il diritto alla religione è sancito e scritto perchè le persecuzioni per la propria religione rappresentano uno dei principali drammi nella storia dell'umanità, la persecuzione di chi consulta astrologhi no [anche perchè mi causerebbe una perdita delle entrate per il lavoro che vorrei fare da grande].
No, non esiste il "diritto di fumare". Semplicemente, tutto quello che non è espressamente vietato o che non determina situazioni di illegalità, danno a terzi etc. è implicitamente permesso. Da qui, alcune specifiche limitazioni per cose che non sempre sono permesse, come ho evidenziato con i miei esempi. In linea di principio, secondo il mio sentire sarebbe meglio che la religione fosse espressamente vietata, in quanto menzogna certa, falsità evidente e frode conclamata; ma è difficile applicare un simile divieto in un regime democratico, perché il confine tra religione e credenza stupida ma innocua è sempre sfumato e impreciso. Quindi, la religione dovrà rientrare tra le cose implicitamente non vietate, salvo particolari circostanze tra cui senza dubbio si possono annoverare l'indottrinamento ai minori e in generale ai deboli di mente.
Il problema qui, ciò che demarca la differenza tra consultare astrologi e praticare una religione, è quello della laicità. La laicità è un concetto impossibile per un vero credente, perché il vero credente non può ammettere che esista un'autorità inferiore al suo dio, la cui parola gli viene trasmessa dai preti / sciamani / maghi della sua religione, e quindi, se dipende da lui, obbedirà all'imam / papa / rabbino e non alle leggi dello Stato. Questo è inevitabile, obbedirà alle leggi dello Stato solo sotto minaccia di sanzioni, obtorto collo. Quindi il credente è per forza un cattivo cittadino, in uno stato laico. È un buon cittadino solo in una teocrazia. Infatti lo Stato non è laico, qui in Italia lo Stato è assoggettato alla teocrazia vaticana. Non si esce da questo impasse. I cittadini dovrebbero, tramite gli strumenti elettorali, cacciare a calci nel culo tutti i politici che esibiscono reverenza verso il clero, ma di fatto invece questi politici sono premiati dal favore elettorale. Perché la democrazia non funziona, e mentre i sudditi della teocrazia vanno compatti al voto, sentendosi ben rappresentati dai politici leccaculo del clero, tutti gli altri non trovando rappresentanza si astengono. In Italia i cittadini laici non hanno rappresentanza politica, oggi.
Dunque, riepilogando. Consultare astrologi non è un diritto, non è incluso nei diritti fondamentali della persona, e non ha ragione di esserlo. La religione ne dovrebbe essere esclusa perché essere imbecilli non è un diritto. È al limite una facoltà per la quale non si dovrebbe essere discriminati, purtroppo ora funziona tutto alla rovescia e gli imbecilli sono discriminati nel senso che sono favoriti nel raggiungere importanti cariche anche in seno all'amministrazione pubblica. Tutto ciò è un obbrobrio e richiede una radicale revisione. Si potrà fare? Non è questa la domanda giusta. Perché la risposta è: "si dovrà fare".

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16467
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da SETH OTH il Mar 12 Dic - 22:35

Minsky ha scritto:Dunque, riepilogando. Consultare astrologi non è un diritto, non è incluso nei diritti fondamentali della persona, e non ha ragione di esserlo. La religione ne dovrebbe essere esclusa perché essere imbecilli non è un diritto. È al limite una facoltà per la quale non si dovrebbe essere discriminati, purtroppo ora funziona tutto alla rovescia e gli imbecilli sono discriminati nel senso che sono favoriti nel raggiungere importanti cariche anche in seno all'amministrazione pubblica. Tutto ciò è un obbrobrio e richiede una radicale revisione. Si potrà fare? Non è questa la domanda giusta. Perché la risposta è: "si dovrà fare".
Ti ripeto che è solo una questione semantica.

Stando ai vocabolari, consultare astrologi oggi, qui, è un tuo diritto. In quanto, ti ripeto, ciò che hai diritto di fare non è solo quello che trovi scritto nella dudu.

Diritto:
la facoltà o pretesa, tutelata dalla legge, di un determinato comportamento attivo od omissivo da parte di altri.

Ciò che ogni cittadino può giustamente rivendicare di fronte alla comunità, secondo quanto stabilito dalla legge

Non hai diritto di essere biondo, alto, di avere il cellulare se non te lo puoi permettere, di fare il master alla Bocconi se non te lo puoi permettere, o di possedere uno yacht. Ma di andare dall'astrologo, sì, se puoi pagartelo. Nel senso che le leggi ti tutelano da chiunque voglia impedirtelo.

Il fatto che la discriminazione religiosa sia inserita nei diritti umani e quella astrologica no, deriva semplicemente dal fatto che milioni di morti sono stati fatti calpestando il diritto di libertà religiosa (se Rasputin ha problemi anche con la storia può sempre cercare su DuckDuck) mentre nessuno, credo, calpestando il diritto di rivolgersi ai ciarlatani o a credere alle scie chimiche.

La mia situazione utopica è uno stato con norme e leggi stabilite pensando al bene comune in cui la religione che non induca comportamenti che confliggano con tali leggi, è libera.
Poi su cosa questo "bene" comune sia basato è un discorso enorme, ma non influente per il topic. O almeno credo.
La religione, in questo stato, non è combattuta con l'imposizione o il divieto (anche perchè di esempi dove la toppa è stata peggio del buco ne conosciamo abbastanza) ma con la corretta informazione.
Quindi il cittadino ha il diritto di essere informato: quali sono le basi scientifiche e razionali della religione, dell'omeopatia, dell'ideologia nazista e del mostro di Ness. Prima di fare ciò, ha il diritto e il dovere di essere istruito, in quanto per utilizzare efficacemente l'informazione ricevuta c'è bisogno degli strumenti culturali che permettano di comprenderla. Ma come dicevo, appunto, la situazione è utopica. Per questo ti chiedevo come vedresti la messa in pratica (reale) del diritto dell'infante d'essere difeso da  ogni indottrinamento religioso o superstizioso basato su credenze non empiricamente e scientificamente dimostrabili
avatar
SETH OTH
-------------
-------------

Numero di messaggi : 770
Età : 100
Occupazione/Hobby : Divinità.
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.06.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Minsky il Ven 15 Dic - 8:22

SETH OTH ha scritto:
Minsky ha scritto:Dunque, riepilogando. Consultare astrologi non è un diritto, non è incluso nei diritti fondamentali della persona, e non ha ragione di esserlo. La religione ne dovrebbe essere esclusa perché essere imbecilli non è un diritto. È al limite una facoltà per la quale non si dovrebbe essere discriminati, purtroppo ora funziona tutto alla rovescia e gli imbecilli sono discriminati nel senso che sono favoriti nel raggiungere importanti cariche anche in seno all'amministrazione pubblica. Tutto ciò è un obbrobrio e richiede una radicale revisione. Si potrà fare? Non è questa la domanda giusta. Perché la risposta è: "si dovrà fare".
Ti ripeto che è solo una questione semantica.

Stando ai vocabolari, consultare astrologi oggi, qui, è un tuo diritto. In quanto, ti ripeto, ciò che hai diritto di fare non è solo quello che trovi scritto nella dudu.

Diritto:
la facoltà o pretesa, tutelata dalla legge, di un determinato comportamento attivo od omissivo da parte di altri.

Ciò che ogni cittadino può giustamente rivendicare di fronte alla comunità, secondo quanto stabilito dalla legge
Appunto. Qual'è la legge che stabilisce espressamente che hai il diritto di fumare, consultare astrologi, etc.?
Non c'è, non avrebbe senso elencare tutto quello che puoi fare solo perché non è vietato.
È una questione evidente di economia. E qui ci si potrebbe riallacciare al paradigma della MdM.

SETH OTH ha scritto:Non hai diritto di essere biondo, alto, di avere il cellulare se non te lo puoi permettere, di fare il master alla Bocconi se non te lo puoi permettere, o di possedere uno yacht. Ma di andare dall'astrologo, sì, se puoi pagartelo. Nel senso che le leggi ti tutelano da chiunque voglia impedirtelo.
Ma niente affatto. Non c'è proprio alcuna legge che tuteli i clienti degli astrologi nella facoltà di farsi abbindolare dagli astrologi. Caso mai al contrario, se qualcuno viene spennato da un astrologo lui o anche i suoi familiari possono rivolgersi alla magistratura per denunciare la truffa / circonvenzione d'incapace etc.

SETH OTH ha scritto:Il fatto che la discriminazione religiosa sia inserita nei diritti umani e quella astrologica no, deriva semplicemente dal fatto che milioni di morti sono stati fatti calpestando il diritto di libertà religiosa (se Rasputin ha problemi anche con la storia può sempre cercare su DuckDuck) mentre nessuno, credo, calpestando il diritto di rivolgersi ai ciarlatani o a credere alle scie chimiche.
Proprio perché milioni di morti sono stati fatti dai fanatici delle religioni - per calpestare il diritto di libertà religiosa altrui o semplicemente per calpestare e basta - ci sono ottimi motivi per cancellare il concetto di religione dall'ambito del diritto.

SETH OTH ha scritto:La mia situazione utopica è uno stato con norme e leggi stabilite pensando al bene comune in cui la religione che non induca comportamenti che confliggano con tali leggi, è libera.
Poi su cosa questo "bene" comune sia basato è un discorso enorme, ma non influente per il topic. O almeno credo.
La religione, in questo stato, non è combattuta con l'imposizione o il divieto (anche perchè di esempi dove la toppa è stata peggio del buco ne conosciamo abbastanza) ma con la corretta informazione.
Quindi il cittadino ha il diritto di essere informato: quali sono le basi scientifiche e razionali della religione, dell'omeopatia, dell'ideologia nazista e del mostro di Ness. Prima di fare ciò, ha il diritto e il dovere di essere istruito, in quanto per utilizzare efficacemente l'informazione ricevuta c'è bisogno degli strumenti culturali che permettano di comprenderla. Ma come dicevo, appunto, la situazione è utopica. Per questo ti chiedevo come vedresti la messa in pratica (reale) del diritto dell'infante d'essere difeso da  ogni indottrinamento religioso o superstizioso basato su credenze non empiricamente e scientificamente dimostrabili
La messa in pratica? Basta smettere di indottrinare i bambini con scemenze religiose. Ma non dovrebbe nemmeno essere necessaria alcuna norma specifica, il paradigma della protezione dell'infanzia dovrebbe già includere questo concetto. Cosa c'è di così difficile da capire?

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16467
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da marisella il Sab 16 Dic - 9:49

Minsky ha scritto:
SETH OTH ha scritto:
Minsky ha scritto:Dunque, riepilogando. Consultare astrologi non è un diritto, non è incluso nei diritti fondamentali della persona, e non ha ragione di esserlo. La religione ne dovrebbe essere esclusa perché essere imbecilli non è un diritto. È al limite una facoltà per la quale non si dovrebbe essere discriminati, purtroppo ora funziona tutto alla rovescia e gli imbecilli sono discriminati nel senso che sono favoriti nel raggiungere importanti cariche anche in seno all'amministrazione pubblica. Tutto ciò è un obbrobrio e richiede una radicale revisione. Si potrà fare? Non è questa la domanda giusta. Perché la risposta è: "si dovrà fare".
Ti ripeto che è solo una questione semantica.

Stando ai vocabolari, consultare astrologi oggi, qui, è un tuo diritto. In quanto, ti ripeto, ciò che hai diritto di fare non è solo quello che trovi scritto nella dudu.

Diritto:
la facoltà o pretesa, tutelata dalla legge, di un determinato comportamento attivo od omissivo da parte di altri.

Ciò che ogni cittadino può giustamente rivendicare di fronte alla comunità, secondo quanto stabilito dalla legge
Appunto. Qual'è la legge che stabilisce espressamente che hai il diritto di fumare, consultare astrologi, etc.?
Non c'è, non avrebbe senso elencare tutto quello che puoi fare solo perché non è vietato.
È una questione evidente di economia. E qui ci si potrebbe riallacciare al paradigma della MdM.

SETH OTH ha scritto:Non hai diritto di essere biondo, alto, di avere il cellulare se non te lo puoi permettere, di fare il master alla Bocconi se non te lo puoi permettere, o di possedere uno yacht. Ma di andare dall'astrologo, sì, se puoi pagartelo. Nel senso che le leggi ti tutelano da chiunque voglia impedirtelo.
Ma niente affatto. Non c'è proprio alcuna legge che tuteli i clienti degli astrologi nella facoltà di farsi abbindolare dagli astrologi. Caso mai al contrario, se qualcuno viene spennato da un astrologo lui o anche i suoi familiari possono rivolgersi alla magistratura per denunciare la truffa / circonvenzione d'incapace etc.

SETH OTH ha scritto:Il fatto che la discriminazione religiosa sia inserita nei diritti umani e quella astrologica no, deriva semplicemente dal fatto che milioni di morti sono stati fatti calpestando il diritto di libertà religiosa (se Rasputin ha problemi anche con la storia può sempre cercare su DuckDuck) mentre nessuno, credo, calpestando il diritto di rivolgersi ai ciarlatani o a credere alle scie chimiche.
Proprio perché milioni di morti sono stati fatti dai fanatici delle religioni - per calpestare il diritto di libertà religiosa altrui o semplicemente per calpestare e basta - ci sono ottimi motivi per cancellare il concetto di religione dall'ambito del diritto.

SETH OTH ha scritto:La mia situazione utopica è uno stato con norme e leggi stabilite pensando al bene comune in cui la religione che non induca comportamenti che confliggano con tali leggi, è libera.
Poi su cosa questo "bene" comune sia basato è un discorso enorme, ma non influente per il topic. O almeno credo.
La religione, in questo stato, non è combattuta con l'imposizione o il divieto (anche perchè di esempi dove la toppa è stata peggio del buco ne conosciamo abbastanza) ma con la corretta informazione.
Quindi il cittadino ha il diritto di essere informato: quali sono le basi scientifiche e razionali della religione, dell'omeopatia, dell'ideologia nazista e del mostro di Ness. Prima di fare ciò, ha il diritto e il dovere di essere istruito, in quanto per utilizzare efficacemente l'informazione ricevuta c'è bisogno degli strumenti culturali che permettano di comprenderla. Ma come dicevo, appunto, la situazione è utopica. Per questo ti chiedevo come vedresti la messa in pratica (reale) del diritto dell'infante d'essere difeso da  ogni indottrinamento religioso o superstizioso basato su credenze non empiricamente e scientificamente dimostrabili
La messa in pratica? Basta smettere di indottrinare i bambini con scemenze religiose. Ma non dovrebbe nemmeno essere necessaria alcuna norma specifica, il paradigma della protezione dell'infanzia dovrebbe già includere questo concetto. Cosa c'è di così difficile da capire?
Siccome siamo caduchi e transeunti, e non abbiamo mai avuto, neanche prima della Caduta, doni soprannaturali (grazia, virtù, doni infusi), o doni preternaturali: immunità dalla morte (immortalità), dal dolore (felicità), dalla concupiscenza disordinata (sottomissine dei moti istintivi alla ragione),  e dall'ignoranza ( scienza infusa), ecco che abbiamo bisogno della libertà religiosa e di un Dio che, alla fine di questo pellegrinaggio terreno, ci accolga nelle dimore eterne.
avatar
marisella
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1310
Età : 37
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Minsky il Sab 16 Dic - 10:18

marisella ha scritto:
Siccome siamo caduchi e transeunti, e non abbiamo mai avuto, neanche prima della Caduta, doni soprannaturali (grazia, virtù, doni infusi), o doni preternaturali: immunità dalla morte (immortalità), dal dolore (felicità), dalla concupiscenza disordinata (sottomissine dei moti istintivi alla ragione),  e dall'ignoranza ( scienza infusa), ecco che abbiamo bisogno della libertà religiosa e di un Dio che, alla fine di questo pellegrinaggio terreno, ci accolga nelle dimore eterne.
Un ragionamento consequenziale che non fa una grinza! Da una premessa fallace segue una conclusione fantasiosa.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16467
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Saku il Sab 16 Dic - 10:43

Il pellegrinaggio terreno si chiama vita. La dimora eterna si chiama morte. La libertà religiosa e di credere in un dio che ci accolga amorevolmente dopo la nostra dipartita, è ciò a cui si aggrappano con lacerante speranza coloro che non sanno accettare proprio questo: i limiti umani che ben ha elencato Marisella. Fra questi aggiungerei anche la mancanza di umiltà, nella fattispecie quella che contraddistingue coloro che, oltre a credere all'esistenza di dio, ritengono l'essere umano a sua immagine e somiglianza. Fosse vero, sempre supponendo solo per un secondo che dio esista, a me preoccuperebbe moltissimo.
avatar
Saku
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 105
Età : 56
Località : Treviso
Occupazione/Hobby : Complottista ?
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 20.01.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: La libertà di religione è un diritto umano?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 34 di 36 Precedente  1 ... 18 ... 33, 34, 35, 36  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum