Siti bloccati dalla censura

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Mer 10 Dic - 20:36

Trasportarlo su un sito del Deep Web, mi pare...
Sì, è possibile ed anche gratuitamente, se ci sono contenuti semplicemente testuali (altrimenti sforiamo il limite di GB, per ora piuttosto compresso, e tocca pagare). Io fino a poco tempo fa avevo un blog hostato su Freedom Hosting, poi mi sono scocciata ed ho chiuso. Tuttavia non è complesso gestire un sito di piccole/medie dimensioni sul DW, a maggior ragione se si tratta di dumpare i contenuti lì e non fare altro ._.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Minsky il Mer 10 Dic - 20:47

Justine ha scritto:Trasportarlo su un sito del Deep Web, mi pare...
Sì, è possibile ed anche gratuitamente, se ci sono contenuti semplicemente testuali (altrimenti sforiamo il limite di GB, per ora piuttosto compresso, e tocca pagare). Io fino a poco tempo fa avevo un blog hostato su Freedom Hosting, poi mi sono scocciata ed ho chiuso. Tuttavia non è complesso gestire un sito di piccole/medie dimensioni sul DW, a maggior ragione se si tratta di dumpare i contenuti lì e non fare altro ._.
Bhé, anche Freedom Hosting ha chiuso. E in malo modo: http://punto-informatico.it/3890398/PI/News/freedom-hosting-mezzo-fbi.aspx

Comunque, riguardo agli anonimizzatori tipo TOR riporto l'opinione di uno stimatissimo amico: sono pieni di "buchi" come la spugna di Menger.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14748
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Mer 10 Dic - 20:49

E' tornato ;) E' alla versione 3, come Cipolla (il principale forum italiano Deep Web).

Mah, l'idea del sito onion è che si può cambiare frequentissimamente URL, l'offuscamento si fa con quello: non appena iniziano (le "autorità") ad esaminare un nome di dominio, subito i proprietari passano ad un altro. Infatti pochi rimangono legati sempre allo stesso indirizzo...

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Minsky il Mer 10 Dic - 20:59

Justine ha scritto:E' tornato ;) E' alla versione 3, come Cipolla (il principale forum italiano Deep Web).

Mah, l'idea del sito onion è che si può cambiare frequentissimamente URL, l'offuscamento si fa con quello: non appena iniziano (le "autorità") ad esaminare un nome di dominio, subito i proprietari passano ad un altro. Infatti pochi rimangono legati sempre allo stesso indirizzo...
È una corsa agli armamenti destinata purtroppo ad essere perdente per i "pirati", secondo me. I rudimentali ma micidiali robot stile facebook potrebbero presto sostituire gli umani impegnati a scandagliare la rete, vanificando con la loro tremenda rapidità ogni tentativo di rimpiattino.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14748
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Mer 10 Dic - 21:02

Vero ;) Mi chiedo sempre se sia più forte la capacità di trovare exploit o quella di saperli tamponare.
Sono due forze parallele che corrono lungo binari che vengono a formarsi secondo dopo secondo... Chi può dire quale si fermerà per prima? :D

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Rasputin il Gio 11 Dic - 8:28

ho risposto in zona riservata poi se la mod lo decide può spostarvi l'intero thread

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50143
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Minsky il Gio 11 Dic - 16:33

WIRED ha scritto:Google news chiude per divieto di link: la Spagna rinuncia al web e alla libertà di espressione

Massimo Russo Direttore

Pubblicato dicembre 11, 2014


Dalla prossima settimana la Spagna andrà a fare compagnia alla Cina come uno dei paesi in cui Google ha deciso di chiudere alcuni dei propri servizi. In questo caso si tratta di Google News, che cesserà di esistere dal 16 dicembre. Dove non ha colpito la censura autoritaria, è bastata una legge del libero, democratico e sovrano parlamento iberico. La norma sulla proprietà intellettuale, approvata lo scorso ottobre, dal primo gennaio 2015 impone a chi aggrega e punta a siti che producono contenuti di pagare i diritti d’autore anche qualora non richiesti e pure se la citazione riguardi solo titolo e sommario.

Insomma, una gabella sui link, che oltre a chiudere il web spagnolo alle grandi piattaforme digitali (che farà Yahoo?), nega l’essenza stessa di internet, l’idea di rete come collegamento di siti. Nel cuore dell’Europa continentale, un paese decide di rimettere indietro l’orologio della storia e di riportare i propri cittadini a 25 anni fa, a prima che Tim Berners Lee inventasse il world wide web.

La Spagna, dove già era nato il procedimento che la scorsa primavera ha portato alla discussa sentenza della Corte europea di giustizia sul diritto all’oblio, segna un nuovo episodio nella battaglia dell’Europa continentale contro le piattaforme digitali americane. In Francia si è proibito ad Amazon di abbassare i prezzi degli e-book. In Germania già era stato riconosciuto agli editori un diritto ancillare sulla copia degli snippet, i brevi sommari di testo che accompagnano i link, provvedimento assai discusso da numerosi esperti auditi dalla commissione parlamentare tedesca per l’agenda digitale. In Belgio una disputa tra Google ed editori era arrivata a una transazione, mentre in Francia era stata prevenuta attraverso un accordo economico. Il parlamento europeo, solo una quindicina di giorni fa, aveva adottato una risoluzione in cui chiedeva alla Commissione di valutare la separazione tra la ricerca web e altri servizi commerciali.

Non importa che Google News porti agli editori spagnoli dal 10 al 30% del loro traffico, non serve nemmeno ricordare come il servizio non ospiti pubblicità e dunque non realizzi ricavi diretti. Inutile sottolineare che qualsiasi sito non voglia comparire in Google News possa chiedere di essere rimosso. Di fronte all’obbligo di pagare un corrispettivo che non ritiene dovuto, la società americana – come era già stato previsto – chiude News.google.es.

“Siamo veramente dispiaciuti di annunciare“, fa sapere Simona Panseri,  direttore Comunicazione e Public Affairs di Google per Italia, Spagna, Portogallo e Grecia, “che, a causa di recenti cambiamenti nella legge spagnola sulla proprietà intellettuale, saremo costretti a rimuovere gli editori spagnoli da Google News e chiudere Google News in Spagna. I cambiamenti avverranno a partire dal 16 dicembre. Google News è un servizio apprezzato da molti utenti e crea valore per gli editori, portando lettori sui loro siti. Tuttavia, la nuova legge impone agli editori di far pagare Google News per mostrare anche piccole porzioni del loro testo, indipendentemente dal fatto che gli stessi editori vogliano farsi pagare o no. Dal momento che Google News non contiene pubblicità e non genera ricavi, questo approccio semplicemente non è sostenibile“.

“Nonostante questi cambiamenti“, conclude Panseri, “continueremo a collaborare con gli editori spagnoli per aiutarli ad aumentare i loro lettori e incrementare il loro fatturato online”. Google infatti ha numerosi contratti di collaborazione pubblicitaria con i principali editori spagnoli che proseguiranno regolarmente.

I primi a essere danneggiati da quanto accaduto saranno gli utenti. Perché perdono un servizio utile, e perché dovranno subire l’effetto collaterale di una legge tanto miope: il soffocamento dell’innovazione. Quasi che disconnettere la Spagna dalla contemporaneità potesse bastare a salvare un modello di business – quello dei giornali e delle televisioni tradizionali – comunque in crisi. Non per l’avvento di internet, ma per non aver saputo adattarsi al cambiamento dei tempi. Google sopravvivrà anche senza il proprio aggregatore in spagnolo. Ma inventare nuovi servizi digitali, in un paese dove un ordine amministrativo può chiudere un sito solo sulla base di una presunta violazione del copyright, diventerà sempre più difficile. La stessa autorità per la concorrenza spagnola si era pronunciata contro la legge, criticando la natura irrinunciabile del compenso. Nulla da fare. Con tanti saluti alla libertà d’espressione.

http://www.wired.it/attualita/media/2014/12/11/goole-news-chiude-per-divieto-link-spagna-rinuncia-web-liberta-espressione/

La Stampa ha scritto:Google spegne il servizio News in Spagna

La decisione di Mountain View dopo l’approvazione della legge che impone una tassa a chi pubblica contenuti coperti da diritto d’autore. E ora si teme l’effetto domino

Dal 16 dicembre gli utenti internet spagnoli non potranno più informarsi sulle ultime news con il servizio di Google. La mossa a sorpresa della società di Mountain View arriva dopo l’approvazione di una nuova legge sul copyright votata dal parlamento spagnolo che «obbliga» chi pubblica anche solo un titolo, al pagamento di una royalty all’autore dell’articolo. Per Google, che ogni giorno aggrega milioni di notizie al giorno reindirizzando poi l’utente alla testata proprietaria la lettura, si tratterebbe di sborsare cifre spropositate.  

«La nuova normativa - scrive Richard Gingras, responsabile di Google News in una nota - obbliga ogni pubblicazione spagnola a imporre una tariffa per mostrare le proprie notizie, anche se non vogliono. Google News non ha benefici da questa attività e la nuova normativa rende insostenibile il servizio».

Un vero e proprio terremoto sul web che rischia di innescare un effetto domino. A poche settimane dal voto del Parlamento Ue sulla proposta di dividere le attività commerciali da quelle del motore di ricerca, arriva la notizia che anche la Gran Bretagna ha annunciato la propria versione di una «Google tax». Chi sarà il prossimo Paese?

http://www.lastampa.it/2014/12/11/tecnologia/google-spegne-il-servizio-news-in-spagna-ShmVtkcz3bgJJe4ohApBIJ/pagina.html

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14748
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Minsky il Gio 11 Dic - 20:11

Il Sole 24 ore ha scritto:Facebook ti protegge: un software impedirà di postare foto imbarazzanti

11 dicembre 2014

Facebook è più saggio di te, Facebook ti protegge da te stesso, un giorno non molto lontano tu utente dovrai dire grazie alla social media company che ha rivoluzionato il web degli ultimi dieci anni. Mentre si dibatte sulla privacy online, chi vi rinuncia (noi), chi la usa (le aziende), come la si vìola (cookies, azioni di hackers ecc), il social network più popolare decide di diventare più protettivo nei confronti dei suoi iscritti. Facebook sta infatti lavorando a un software che impedirà a noi tutti di fare una cosa molto stupida e potenzialmente dannosa per la vita lavorativa se non per quella personale : postare tue foto sconvenienti e/o imbarazzanti.

Il programma allo studio combina riconoscimento dell’immagine e l’intelligenza artificiale (si sa che Mark Zuckerberg è molto interessato alla macchina che pensa e sta finanziando generosamente aziende californiane del settore, Google idem). Il programma sarà in grado di distinguere una foto da sobrio da una da ubriaco e prima che tu la posti ti chiederà: «Sei proprio sicuro di volere che il tuo capo o tua madre vedano questa foto?»

Il progetto è stato spiegato da Yann LeCun, capo del laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale di Facebook, a Wired Magazine. Sarà una specie di nostro assistente digitale, una vocina di buonsenso nel flusso di spontaneità che è il nostro agire da utente.
Questo software-segretaria aiuterà a identificare chi ha caricato foto senza il nostro permesso: è questa un’evoluzione del riconoscimento dell’immagine che già l’azienda usa quando permette di taggare altri utenti in modo appropriato.
«Noi usiamo già Artificial Intelligence - spiega LeCun - quando verifichiamo i corretti contenuti per i news feeds. Naturalmente l’evoluzione della tecnologia applicata ai social network e ai contenuti è sempre un terreno scivoloso e lo diventerà sempre di più: il prossimo passo - spiega LeCun - sarà avere un software che analizza il testo postato e ti suggerisce un hashtag», il che pone problemi di condizionamento del discorso digitale, nel senso che sarà un programma a decidere o comunque a suggerirci parole chiave e di conseguenza a veicolare la discussione. I timori aumentano quando nell’intervista a Wired, il manager di Facebook accenna a un assistente digitale intelligente che «media l’interazione con i tuoi amici», forse non un grande fratello ma un piccolo suggeritore. Non è detto che lasciare la scelta di attivare questi servizi (servizi opt-in) invece che proporla di default sia la via d’uscita per mettere a tacere i critici. (an. man.)

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-12-11/facebook-ti-protegge-softwar-impedira-postare-foto-imbarazzanti--190749.shtml

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14748
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Ven 12 Dic - 9:11

Discutibile, se consideriamo che per certi sottotesti ancora difficilmente comprensibili dai sw di riconoscimento (certo, non sarà così per sempre, prima o poi ci arriveranno) anche foto apparentemente innocenti possono avere il loro carico di improbabilità

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Rasputin il Ven 12 Dic - 17:06

Secondo me questi tentativi di tenere la rete sotto controllo sono futili.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50143
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Ven 12 Dic - 17:17

Onestamente non so chi stia esattamente vincendo a questo tiro alla fune (vedi i ripetuti arresti avvenuti per via di Silk Road così come centinaia di altri casi del Deep)

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Rasputin il Ven 12 Dic - 17:24

Justine ha scritto:Onestamente non so chi stia esattamente vincendo a questo tiro alla fune (vedi i ripetuti arresti avvenuti per via di Silk Road così come centinaia di altri casi del Deep)

Ovviamente è difficile azzardare una stima, ma rimango del parere che per uno che ne ammazzano ne saltano fuori altri 10...almeno spero wink..

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50143
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Ven 12 Dic - 17:53

Yup. Intendevo in termini relativi di sicurezza, per il resto è chiaro che come nel caso Pirate Bay si deve sempre risorgere dalle ceneri, fino a quando non la imparano.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Rasputin il Ven 12 Dic - 18:05

Justine ha scritto:Yup. Intendevo in termini relativi di sicurezza, per il resto è chiaro che come nel caso Pirate Bay si deve sempre risorgere dalle ceneri, fino a quando non la imparano.

Si potrebbe dire che l'invenzione del web è stata uno dei più disastrosi autogol del potere. Io spero di vivere abbastanza per vederne la conferma.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50143
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Ven 12 Dic - 18:46

Tim Berners-Lee è incazzato per via del diritto all'oblio in Rete. Io l'ho sempre sostenuto, ed in questo caso ancora di più.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Rasputin il Ven 12 Dic - 18:56

Justine ha scritto:Tim Berners-Lee è incazzato per via del diritto all'oblio in Rete. Io l'ho sempre sostenuto, ed in questo caso ancora di più.

Lo so ho letto e concordo

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50143
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Ven 12 Dic - 19:10

E pure Facebook sta per compiere una deficienza delle sue... Sembra stia studiando un metodo per implementare i dislike (letto su BBC World News ed altre due fonti)
Potenzialmente significherebbe l'autodistruzione del network costringendo a ripensamenti, autocensure e amicizie e rapporti rotti a migliaia. Che hanno in mente, povera me?
Oh, poi non dovrei essere così preoccupata- magari nascerà un network un poco più serio e Google Plus recupererà, dopo aver cassato Mark Monte di zucchero Zuckerberg

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Rasputin il Ven 12 Dic - 19:28

Justine ha scritto:E pure Facebook sta per compiere una deficienza delle sue... Sembra stia studiando un metodo per implementare i dislike (letto su BBC World News ed altre due fonti)
Potenzialmente significherebbe l'autodistruzione del network costringendo a ripensamenti, autocensure e amicizie e rapporti rotti a migliaia. Che hanno in mente, povera me?
Oh, poi non dovrei essere così preoccupata- magari nascerà un network un poco più serio e Google Plus recupererà, dopo aver cassato Mark Monte di zucchero Zuckerberg

Le risse vendono creano traffico e l'ebreo lo sa bene

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50143
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Ven 12 Dic - 20:03

Uhm, ci sono già molti che stanno depopolando il network per via dell'insopportabile flusso di narcisisti... Se ci mettiamo anche la rivalità esplicita in mezzo a quelli timorati, mi sa che il traffico un po' se ne andrà al largo... ._.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Minsky il Ven 12 Dic - 20:13

Justine ha scritto:Uhm, ci sono già molti che stanno depopolando il network per via dell'insopportabile flusso di narcisisti... Se ci mettiamo anche la rivalità esplicita in mezzo a quelli timorati, mi sa che il traffico un po' se ne andrà al largo... ._.
Concordo. Io uso facebook come (scomoda) posta elettronica per tenere i contatti con alcune persone che hanno la mania di usarlo, ma poi devo sempre in parallelo inviare le email in broadcast a tutta la compagnia. Ad altro non serve, è un marasma disarticolato e confuso che dà la nausea.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14748
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Ven 12 Dic - 20:42

Sì, è abbastanza terrificante. Quando ancora chattavo con le tre persone per cui lavoravo da casa usavo Hangout; adesso vado di mail (tanto le ricevo in tempo reale su smartphone) e basta. FB è abbandonabile per me, di tanto in tanto torno a dare un'occhiata alle pagine pubbliche su scienza e informatica, ma rimane tutto lì, perché bisogna sorbirsi tra i commenti l'immaturità di almeno 2-3 generazioni di persone.
Si vede che al di fuori dei forum non sono una grande comunicatrice :D

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Rasputin il Sab 13 Dic - 9:11

Justine ha scritto:Uhm, ci sono già molti che stanno depopolando il network per via dell'insopportabile flusso di narcisisti... Se ci mettiamo anche la rivalità esplicita in mezzo a quelli timorati, mi sa che il traffico un po' se ne andrà al largo... ._.

Minsky ha scritto:
Justine ha scritto:Uhm, ci sono già molti che stanno depopolando il network per via dell'insopportabile flusso di narcisisti... Se ci mettiamo anche la rivalità esplicita in mezzo a quelli timorati, mi sa che il traffico un po' se ne andrà al largo... ._.
Concordo. Io uso facebook come (scomoda) posta elettronica per tenere i contatti con alcune persone che hanno la mania di usarlo, ma poi devo sempre in parallelo inviare le email in broadcast a tutta la compagnia. Ad altro non serve, è un marasma disarticolato e confuso che dà la nausea.

Tranquilli che con l'abbondanza di imbecilli in giro FB continuerà a prosperare

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50143
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Sab 13 Dic - 9:33

La cosa deprimente è che anche nei network considerati più elitari ci sono deficienti a palate. Mi chiedo se ne esista uno completamente neutro, con qualche sciocchezza ogni tanto ma serietà di fondo

Forse Quora. Forse.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Minsky il Dom 14 Dic - 17:59

(Non metto il link diretto)

KEIN PFUSCH ha scritto:

domenica 14 dicembre 2014




Se google ti stacca la spina.




Sono passati si e no tre giorni da quando [ho scritto su Google News e governo spagnolo], ed ecco il clamoroso coretto di piagnucolanti coglioni , [QUI] e [QUI] , che si accorgono ora di quante visite portasse loro google news. Ed ecco che si accorgono di quanto avevo gia' detto: se non hai il TUO google, ti devi tenere il LORO google. L'associazione degli editori spagnoli sta andando a piagnucolare dal governo di Madrid perche' la chiusura di Google News gli fa tanta bua sul sederino.

Che cosa e' successo?

Diverse cose. Per prima cosa vediamo di chiarire quali erano i conticini che si erano fatti i "furbetti del quartierino" a Madrid.


  1. La Spagna e' troppo importante e non puo' essere sostituita o persa. I fessi credevano che google volesse a tutti i costi rimanere in Spagna, ed erano cosi' convinti di essere importanti, speciali, insostituibili, centrali, che non avevano neppure messo il conto il fatto che quello di google news fosse un servizio GRATUITO. Ovvero, che Google non ci guadagna niente. La Spagna, cioe', non conta un cazzo e puo' essere persa.
  2. Google ci dara' le palanche e noi vivremo un'altra notte. La logica dei paesi stupidi e' sempre quella: fermiamo la competizione facendo cartello, e se la competizione arriva dall'estero, chiediamo agli amici del governo di fermarla. Cosi' tutto rimarra' come prima e non cambiera' nulla. Peccato che Google non abbia pagato.
  3. Abbiamo sempre vissuto senza modernita', possiamo ancora farne a meno. I giornali sono in crisi per colpa della modernita', di internet e di google. Se riusciamo a fermare la modernita', siamo a cavallo e continueremo tutto come prima. 


che cosa e' successo in realta'?
E' successo che qualcuno si e' messo a misurare i referer, e ha avuto lo stesso risultato che ha ottenuto Alex Sprenger in Germania: l' 80% del traffico e' generato da google, facebook e twitter. Se consideriamo solo google news e i "mi piace" su Facebook, anche essi soggetti a tassa (twitter no perche' la dimensione del twit e' sotto i limiti della legge spagnola) , i giornali spagnoli rischiano di perdere il 60% del traffico.
Il guaio e' che il 60% del traffico in meno per i giornali spagnoli e' mortale: significa che da domani la quantita' di pubblicita' che riusciranno a piazzare sara' crollata del 60% , e con essa gli introiti.
Adesso che succedera'? Che i pubblicitari di google andranno dai clienti dei giornali spagnoli online, a dire "senza google, la pubblicita' su quei giornali non e' efficace. Passate da noi, da Google stessa, perche' noi i clienti li abbiamo". E di conseguenza, adesso stanno piovendo le disdette per le campagne pubblicitarie ai giornali spagnoli.
Adesso che cosa fanno gli editori spagnoli? Stanno andando , patetici e cialtroni pifferai, a lamentarsi col governo perche' OBBLIGHI Google News a rimanere in Spagna, e ovviamente a pagare la tassa. Non hanno capito che la tassa sul link sia senza senso: hanno pensato che la tassa ha senso - hanno disperato bisogno di soldi per non chiudere - ma non gli sta bene di rimanere a bocca asciutta perche' google se ne va.

Leggete quanto patetici siano, , [QUI] e [QUI]

“Of course they are free to close their business, but one thing is the closure of Google News and quite another the positioning in the general index.” (trad: un conto e' se chiudono, un conto e' se rimaniamo in braghe di tela)
 “we’re not asking Google to take a step backwards, we’ve always been open to negotiations with Google” but, she said: “Google has not taken a neutral stance”. (trad: ci aspettavamo che google ci offrisse dei soldi per trovare un compromesso. Invece niente soldi! Ma si puo?)

Per curiosita', poi, potete rendervi conto degli effetti sull'ecosistema spagnolo: se rende la vita difficile a google, la rende IMPOSSIBILE a qualsiasi cosa simile a Google News ( https://www.thespainreport.com/13174/closing-google-news-spain-thermonuclear-option-says-meneame-founder-ricardo-galli/ )

Invece di mettersi a strisciare in ginocchio come fanno i perdenti, che fanno? Tornano dall'amico al governo a chiedere di obbligare google ad offrire quel servizio in Spagna.
OOOLEEEE!


Adesso ovviamente il problema sara' di convincere google a tornare sui suoi passi. Non so quanto costasse a Google, in termini di operations, tenere su quel servizio per la Spagna.  Il punto e' che probabilmente costa qualcosa rimetterlo in piedi. 
Se Google non tornera' sui suoi passi entro dopodomani, succedera' quello che i giornali spagnoli temono: google rimarra' al proprio posto con gmail, plus ed altro, continuando a fare raccolta pubblicitaria in Spagna, ma i giornali spagnoli  non avranno lo stesso traffico di prima, vedendo tagliate  le loro visite, ovvero gli introiti pubblicitari.
Morale della storia?
SE UNA NAZIONE EUROPEA VUOLE ANDARE CONTRO GLI OTT
AMERICANI, DEVE AVERE QUALCOSA DI ANALOGO IN CASA.

Adesso la speranza e' che se la UE intera facesse una cosa simile, allora google sarebbe costretto a cedere.

Ma e' vero? Non proprio.
La distribuzione di news su internet avviene per lingua. Le lingue piu' parlate su internet dipendono principalmente dal numero di persone che le parlano, dal numero di persone che accedono ad internet e dallo sviluppo di internet come servizi news in una determinata zona , mediata dall'alfabetizzazione.
Le lingue piu' parlate al mondo sono:

  1. Inglese ~2Bn di persone.
  2. Spagnolo ~1.7Bn di persone.
  3. Cinese ~1.5Bn di persone.
  4. Indu ~1.1Bn di persone.
  5. Arabo ~1Bn di persone.
  6. Hurdu ~0.9Bn di persone.
  7. ....
  8. ...
  9. ...
  10. ...
  11. Russo: 170 milioni di persone.
  12. Francese: 130 milioni di persone.
  13. Italiano: 110 milioni di persone.
  14. Tedesco: 90 milioni di persone.
  15. ...
  16. ...
  17. Olandese: ~20 milioni di persone.

ora, capite abbastanza bene un concetto: se la Spagna blocca google, non e' che Google non abbia piu' utenza ispanofona. Ha perso si e no il 6% del suo bacino in spagnolo. Ma puo' sopravvivere bene senza.
Se andiamo a vedere gli altri paesi europei, ed escludiamo la Russia che ha i propri OTT, (Vkontakte, Yandey, Mail.ru, http://www.odnoklassniki.ru/ (ok.ru) e compagnia) , scopriamo che anche messi insieme, NON arrivano ad un conglomerato linguistico sufficiente ad essere davvero rilevante.
Tedesco, danese, polacco ,olandese fiammingo , sono lingue parlate da pochi milioni di persone. Anche escludendole tutte, intaccano pochissimo il grande traffico della rete, che avviene in ALTRE lingue.
E come se non bastasse, ripeto, Google News NON porta introiti a Google.
L'UNICO MODO CHE AVETE DI CONTRASTARE IL GOOGLE AMERICANO E' 

DI AVERE UN GOOGLE EUROPEO.

solo che qui andiamo al solito gioco dei veti incrociati. Partiamo da una UE dove si discute se stampare soldi per comprare carta straccia, ma non di stampare soldi per creare un'industria IT europea. Il massimo e' "creare un mercato digitale unico", modo per dire "prepariamo il campo per l'invasione straniera, sgombrandolo di ostacoli governativi".
La UE, del resto, si e' sempre curata piu' del pomodorino  e del pate de fois gras che dell'industria informatica. Quando una Monsanto volesse vendere semi di Rucola OGM in Europa, sarebbe uno scandalo e ci sarebbero leggi per bloccarlo.
Una Apple che ha distrutto l'industria europea vendendo telefonini fatti col sangue degli schiavi cinesi morti di fatica, invece, andava bene. Nessuna voce contraria. OGM= male, schiavitu' = bene.
Quando si rischia di togliere lavoro a 10 agricoltori francesi, la UE diventa irremovibile. Se si rischia la distruzione completa di Nokia, con 10.000 persone a casa, va bene tutto. Quindi, gia' la UE non e' la sede giusta per discutere di industria informatica. Si occupano solo di pomodorini e di OGM, e di garantire che il parmigiano reggiano sia stato fatto a pochi passi da un'autostrada inquinatissima. Piombo, ma emiliano. Mica seghe, non mangiate mica piombacci cinesi, eh.
Ma in secondo luogo, chi dovrebbe farlo questo google europeo? Se si parlasse anche di Londra, i francesi si opporrebbero perche' devono salvare il francese, comoda scusa per dire che come inglese parlato i francesi sono messi 10 volte peggio degli italiani. E ho detto tutto.
Se si parlasse di Germania, ovviamente sarebbe il quarto reich dell'informatica, tutti a strillare contro l'egemonia tedesca. Se nascesse in Italia, figuriamoci , francesi, spagnoli e tedeschi e slavi tutti contro: "agli italiani no".
Insomma, difficilmente nascera' qualcosa del genere.
E cosi', adesso aspetto il prossimo, prevedibile passo: che qualcuno convinca il parlamento europeo a fare la stessa cosa degli spagnoli, portando Google a chiudere google news su tutta europa.
Sapete cosa farete quando sara' chiuso google news?
Andrete nell'unico aggregatore del continente che abbia la capacita' di reggere tutti gli utenti europei:
http://news.mail.ru/

"Novosti, mail, ru".
Andrete a chiedere aiuto all'unico governo nel continente europeo ad essere stato abbastanza lungimirante da non cadere nelle amorose mani degli OTT americani, favorendo la crescita dei "campioni" locali.
Oh, certo. I social media russi sono censurati. Se scrivo qualcosa su vkontakte contro Pootin, probabilmente nessuno lo leggera'.
Invece dei social media europei non si puo' dire lo stesso. Essi non sono censurati. Semplicemente non esistono.
E a volte ho il severo dubbio che non esistano per una specifica ragione: l'unico modo di mettere a tacere un media senza censurarlo e' di non permettergli di aprire.

ma questo e', ovviamente, solo un mio sospetto.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14748
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siti bloccati dalla censura

Messaggio Da Justine il Lun 15 Dic - 20:40

Di tanto in tanto fanno demenzialità, ma oggi e in altri casi (vedi la vendetta per lo shutdown di Megaupload) li amo

http://www.techworm.net/2014/12/anonymous-revenge-take-pirate-bay-hacking-swedish-government-email-accounts.html

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum