Decrescita o cos'altro?

Pagina 1 di 8 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 18:21

Allora, io anarchico, io febbricitante, io non credente nei complotti ho pensato:
cosa c'è che non va nel mondo? Il sistema politico!
Non c'è scelta, ce lo vendono come "democratico" ma semmai lo fosse stato da quando Milton Friedman ha contaminato con le sue teorie la politica mondiale capitalista, successivamente vincente sul fallimentare comunismo reale, non c'è più stato scampo.
Tutto! Tutto il mondo si è uniformato, si è globalizzato. Così ora dappertutto regna incontrastato la mercatocrazia. Cioè il potere del libero mercato. La fiducia, il credo che il mercato da solo può riparare ogni cosa, ogni problema, anzi! Siano benvenute le crisi, gli shock, le tragedie (di qualunque tipo: umane o naturali), perchè l'uomo quando ha paura è disposto ad accettare cose che non accetterebbe in nessun caso.[A tal proposito un'immagine spiega meglio di tanti discorsi]

A "hate" potete sostituire o aggiungere anche "money" e "power".

Come se ne esce? Be' cambiando sistema, non c'è altro verso.
Il comunismo ha fallito, l'anarchia è utopia, il feudalesimo è peggio che andar di notte, allora come lo sostituiamo questo feticcio, questo Mammona che fagocita uomini e caga denaro?
Io proverei con il destinatario degli sforzi che ognuno fa per stare sulla terra: cioè il benessere psico-fisico dell'uomo e della donna, ovvio!
Come farlo? Qua si fa difficile, ma la decrescita (se non fosse per il suo poco o niente accattivante nome, e si sa quanto contino questi particolari all'apparenza insignificanti) mi sembra una delle poche se non l'unica via percorribile.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da teto il Sab 21 Gen - 18:27

il comunismo sovietico ha fallito, gli altri tipi di comunismo no

teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 18:27

teto ha scritto:il comunismo sovietico ha fallito, gli altri tipi di comunismo no
Quali ad esempio?

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da teto il Sab 21 Gen - 18:31

Darrow ha scritto:
teto ha scritto:il comunismo sovietico ha fallito, gli altri tipi di comunismo no
Quali ad esempio?

Era per dire che anche se il comunismo sovietico ha fallito non vuol dire che tutti i comunismi debbano fallire, comunque secondo me l'unica alternativa è radunarsi in un sito, arrivare a 1 milione e chiedere all'ONU di darci uno stato autonomo, ora che l'occidente sta fallendo il testimone sta passando all'oriente, per non parlare che gli stati africani sono tutti corrotti e al posto di crescere e produrre reddito pensano solo a commerciare, mah, penso che l'umanità si estinguerà a seguito di un disastro ambientale causato da questo sistema liberal-capitalistico

teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 18:43

teto ha scritto:
Darrow ha scritto:
teto ha scritto:il comunismo sovietico ha fallito, gli altri tipi di comunismo no
Quali ad esempio?

Era per dire che anche se il comunismo sovietico ha fallito non vuol dire che tutti i comunismi debbano fallire
Azz... mi avevi fatto prendere un colpo! Mi stavi quasi facendo credere che "un altro comunismo è possibile!" mgreen ahahahahahah

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da holubice il Sab 21 Gen - 19:05

Il comunismo è uno. Ed uno solo.
Quello del lardo fritto a colazione, pranzo e cena.
E bastonate.

Questo è il Comunismo Reale.

Tutti gli altri sono i comunismi immaginari.






holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6100
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da Tomhet il Sab 21 Gen - 19:33

A me mi viene difficile trovare qualcosa che non sia utopico e che sia tanto meglio della merdosa situazione attuale, sarò pessimista e poco informato, ma boh...

Tomhet
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2672
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.08.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da silvio il Sab 21 Gen - 19:35

Darrow ha scritto:
Come se ne esce? Be' cambiando sistema, non c'è altro verso.
Il comunismo ha fallito, l'anarchia è utopia, il feudalesimo è peggio che andar di notte, allora come lo sostituiamo questo feticcio, questo Mammona che fagocita uomini e caga denaro?

Esiste solo la dura legge della natura, vinca il più forte, il capitalismo si allinea bene a questa dura realtà, c'è sempre stato, muove dalla propensione a sopravvivere, accumulare, far fruttare, il resto fa parte dell'idealismo umano, cosa che in un mondo animale è difficile da spiegare, al capitale si oppone la necessità di togliere ricchezza per redistrubuirla e sopravvivere, una lotta continua, vince il più forte, siamo impotenti, perchè siamo natura.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 19:49

silvio ha scritto:
Darrow ha scritto:
Come se ne esce? Be' cambiando sistema, non c'è altro verso.
Il comunismo ha fallito, l'anarchia è utopia, il feudalesimo è peggio che andar di notte, allora come lo sostituiamo questo feticcio, questo Mammona che fagocita uomini e caga denaro?

Esiste solo la dura legge della natura, vinca il più forte, il capitalismo si allinea bene a questa dura realtà, c'è sempre stato, muove dalla propensione a sopravvivere, accumulare, far fruttare, il resto fa parte dell'idealismo umano, cosa che in un mondo animale è difficile da spiegare, al capitale si oppone la necessità di togliere ricchezza per redistrubuirla e sopravvivere, una lotta continua, vince il più forte, siamo impotenti, perchè siamo natura.
Sembra un buon argomento il tuo, Silvio, cioè che capitalismo equivale alla legge della natura, ma...Ma allora prima del capitalismo? Che c'era? Sistemi economici contro-natura?
Io penso che il capitalismo ha solamente spostato il fulcro dell'economia dal soddisfacimento dei bisogni dei potenti (quello che succedeva nel medioevo) a quello dei bisogni del mercato. Ma "spostamento" di paradigma c'è stato! Eppure nel medioevo quel sistema sembrava il più "naturale" possibile!

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da BestBeast il Sab 21 Gen - 20:18

Il rosso te l'ho dato io. Queste generalizzazioni mi dispiace ma non le accetto da chi non le accetta quando si dice che la religione, spregiativamente, è una e una sola.

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da silvio il Sab 21 Gen - 20:40

Darrow ha scritto:
Sembra un buon argomento il tuo, Silvio, cioè che capitalismo equivale alla legge della natura, ma...Ma allora prima del capitalismo? Che c'era? Sistemi economici contro-natura?
Io penso che il capitalismo ha solamente spostato il fulcro dell'economia dal soddisfacimento dei bisogni dei potenti (quello che succedeva nel medioevo) a quello dei bisogni del mercato. Ma "spostamento" di paradigma c'è stato! Eppure nel medioevo quel sistema sembrava il più "naturale" possibile!

Nel passato il denaro aveva meno valore che oggi, ma non penso che certi termini siano cambiati, il denaro si è affiancato alle merci di scambio, spesso le ha addirittura sorpassate.
Rimangono però i fondamenti su cui si basa il capitalismo, cioè creare un capitale e metterlo a frutto, poi che siano pecore, soldi, azioni, oro non fa molta differenza.

Se non è un guadagno è sicuramente una perdita.
Quanto appena detto implica che non esiste la possibilità di andare in “pari”: se vai in pari economico sei andato in perdita di tempo…
Avere come obiettivo la ricerca dell’equilibrio economico porta a un’inevitabile perdita;
Muoversi senza un fine porta a una perdita;
Se non si può valutare il fine in tutte le sue componenti, si prende il rischio di muoversi nella direzione sbagliata e quindi di andare in perdita;
Il tempo vale molto più del denaro, perché non è riproducibile;


Questo porta alla diseguaglianza sociale perchè non tutti sono capaci di essere efficienti in termini economici, poi la natura non lo consente, c'è un limite oggettivo.
E' terribile è una legge da cui non si sfugge, come la morte.


silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 21:03

Silvio, non ho capito.
La scelta è semplicissima:
1-andare avanti col capitalismo e mettere fine alla civiltà umana sul pianeta terra
2-cambiare metodo e mettere al centro dell'economia l'umanità e non il mercato e provare a sopravvivere.

Che sia natura o meno mi frega poco. Io non penso che si debba seguire la natura, se no staremmo a seguire il pensiero religioso, che come abbiamo visto è anch'esso frutto dell'evoluzione naturale dell'uomo.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da Avalon il Sab 21 Gen - 21:05

Crocetta sulla due - e non è natura.

Avalon
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 7619
Età : 42
Località : Cagli
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 22.02.10

http://www.avalon451.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da Rasputin il Sab 21 Gen - 21:24

Darrow ha scritto:
teto ha scritto:il comunismo sovietico ha fallito, gli altri tipi di comunismo no
Quali ad esempio?

solo uno, kibbutz

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da silvio il Sab 21 Gen - 21:27

Darrow ha scritto:
La scelta è semplicissima:
1-andare avanti col capitalismo e mettere fine alla civiltà umana sul pianeta terra
2-cambiare metodo e mettere al centro dell'economia l'umanità e non il mercato e provare a sopravvivere.

Che sia natura o meno mi frega poco. Io non penso che si debba seguire la natura, se no staremmo a seguire il pensiero religioso, che come abbiamo visto è anch'esso frutto dell'evoluzione naturale dell'uomo.

Io intendo dire che non possiamo fuggire dalla Natura perchè siamo la natura, o meglio parte di essa, il capitalismo è una legge naturale e serve a sopravvivere a danno di altri.
Ci abbiamo provato a superarlo ma non ci siamo riusciti, si ripropporrà in forme divese perchè segue le logiche della sopravvivenza e si adatta.
Mettere al centro l'Umanità significa reintrodurre un'Etica Metafisica, Idealista, Astratta, non religiosa, ma al di fuori delle stringenti regole fisiche.
E' possibile ?

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da Avalon il Sab 21 Gen - 21:33

Noi è un secolo e mezzo che lo facciamo...

Avalon
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 7619
Età : 42
Località : Cagli
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 22.02.10

http://www.avalon451.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da silvio il Sab 21 Gen - 21:38

Avalon ha scritto:
Noi è un secolo e mezzo che lo facciamo...

Infatti !

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 21:38

silvio ha scritto:
Darrow ha scritto:
La scelta è semplicissima:
1-andare avanti col capitalismo e mettere fine alla civiltà umana sul pianeta terra
2-cambiare metodo e mettere al centro dell'economia l'umanità e non il mercato e provare a sopravvivere.

Che sia natura o meno mi frega poco. Io non penso che si debba seguire la natura, se no staremmo a seguire il pensiero religioso, che come abbiamo visto è anch'esso frutto dell'evoluzione naturale dell'uomo.

Io intendo dire che non possiamo fuggire dalla Natura perchè siamo la natura, o meglio parte di essa, il capitalismo è una legge naturale e serve a sopravvivere a danno di altri.
Ci abbiamo provato a superarlo ma non ci siamo riusciti, si ripropporrà in forme divese perchè segue le logiche della sopravvivenza e si adatta.
Mettere al centro l'Umanità significa reintrodurre un'Etica Metafisica, Idealista, Astratta, non religiosa, ma al di fuori delle stringenti regole fisiche.
E' possibile ?
Silvio metti sul tavolo tante di quelle affermazioni agghindate come apodittiche che è difficile starti dietro.
Dove sta scritto che il capitalismo è una legge di natura?
Cosa sono le leggi di natura?
Chi ha detto che le leggi di natura sono immutabili?
L'umanità esula dalle leggi fisiche?
L'Umanità è innaturale?

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da Paolo il Sab 21 Gen - 21:49

Rispondendo alla domanda se è decrescita io sono della idea che ci troviamo in una fase evolutiva mondiale che coinvolge anche l'Italia. Metà mondo, ovvero miliardi di persone, si sta evolvendo e uscendo da una situazione di povertà per conquistare un meritato benessere. Le cose sono molto cambiate sia con la globalizzazione dei mercati sia per le migrazioni di milioni di persone dai paesi del terzo mondo verso quelli sviluppati. E l'Italia è nel mezzo di questi cambiamenti. In pratica dobbiamo cambiare e adeguarci alla nuova realtà. E, volenti o nolenti, lo dobbiamo fare.

Circa possibili forme di governo alternativo io penso che la democrazia rimanga la forma migliore tra quelle possibili. E mi sembra inutile che si voglia cercare una soluzione ai problemi di gestione al di fuori del sistema stesso. La soluzione è nelle persone, nei cittadini. E' la mentalità e la maturità dei cittadini che fanno la qualità e validità di una nazione, non le forme di governo. L'ho detto già molte volte. Le democrazie dei paesi del nord europa ne sono un chiaro esempio. Non serve cercare altro. E' inutile ...siamo noi italiani che non vanno bene. Presenti esclusi mgreen

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da silvio il Sab 21 Gen - 21:51

Il capitalismo è una attività umana naturale, guadagnare e non perdere, che significa non morire, alla natura non gliene fraga nulla di questa necessità ma per l'individuo si.
Anche gli animali seguono questo modello ma non hanno la nostra raffinatezza.
L'URSS è caduta nel confronto con gli USA perchè il concetto del guadagno non era nei suoi piani, la Cina comunista invece ha sposato questa linea ed è sopravvissuta e vincente.
Una economia di pura sussistenza non funziona, porta alla morte, vedere il terzo mondo.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 22:04

Paolo ha scritto:Rispondendo alla domanda se è decrescita io sono della idea che ci troviamo in una fase evolutiva mondiale che coinvolge anche l'Italia. Metà mondo, ovvero miliardi di persone, si sta evolvendo e uscendo da una situazione di povertà per conquistare un meritato benessere. Le cose sono molto cambiate sia con la globalizzazione dei mercati sia per le migrazioni di milioni di persone dai paesi del terzo mondo verso quelli sviluppati. E l'Italia è nel mezzo di questi cambiamenti. In pratica dobbiamo cambiare e adeguarci alla nuova realtà. E, volenti o nolenti, lo dobbiamo fare.

Circa possibili forme di governo alternativo io penso che la democrazia rimanga la forma migliore tra quelle possibili. E mi sembra inutile che si voglia cercare una soluzione ai problemi di gestione al di fuori del sistema stesso. La soluzione è nelle persone, nei cittadini. E' la mentalità e la maturità dei cittadini che fanno la qualità e validità di una nazione, non le forme di governo. L'ho detto già molte volte. Le democrazie dei paesi del nord europa ne sono un chiaro esempio. Non serve cercare altro. E' inutile ...siamo noi italiani che non vanno bene. Presenti esclusi mgreen
Il titolo del thread si riferisce ad una possibile soluzione a quella che non è una crisi momentanea, ma un sistema dannoso perenne (il capitalismo).
La decrescita dovrebbe essere adottata come soluzione. Oppure avete altre soluzioni possibili?
La situazione italiana certo mi interessa, ma non è basilare, direi che è piuttosto marginale, anche se emblematica nel mostrarci come vengono affrontati i problemi che coinvolgono il popolo (demos in greco), facendolo risolvere al mercato. Lo so bene anche io che la democrazia è il migliore dei sistemi "politici" possibili, ma come ho già detto, la politica (democratica o no) sono servi del mercato, perciò parlo di mercatocrazia globale.
Per cui Paolo o mi sono spiegato male io, o non ho capito cosa intendevi tu. Bho?

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da silvio il Sab 21 Gen - 22:13

Insomma escludendo le deviazioni criminali del Capitalismo, i principi economici che ne sono fondamento devono essere non superati ma applicati con efficienza.
Lo scopo delle società occidentali è quello di arrivare a non sprecare più nulla e ottimizzare tutto, (cosa non successa in passato per la nostra predominanza economico militare) e riuscire a mantenere i diritti conquistati ed il banessere ai nostri popoli.


Ultima modifica di silvio il Sab 21 Gen - 22:15, modificato 1 volta

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 22:14

silvio ha scritto:Il capitalismo è una attività umana naturale, guadagnare e non perdere, che significa non morire, alla natura non gliene fraga nulla di questa necessità ma per l'individuo si.
Anche gli animali seguono questo modello ma non hanno la nostra raffinatezza.
L'URSS è caduta nel confronto con gli USA perchè il concetto del guadagno non era nei suoi piani, la Cina comunista invece ha sposato questa linea ed è sopravvissuta e vincente.
Una economia di pura sussistenza non funziona, porta alla morte, vedere il terzo mondo.
Spiegami allora perchè i potenti si sottomettono alla pratica innaturale del voto (che è una farsa, lo so, ma rimane comunque innaturale e fuori dalle leggi fisiche, che tu sembri dire, dominino i destini umani).
Non dovrebbe essere più ovvio comandare a forza di testate missilistiche, di colpi di fucile? Chi glielo fa fare a Romney di sottostare alla farsa delle elezioni quando potrebbe riunire i suoi elettori (lobby NRA in testa) e marciare contro Obama al suono del sibilo delle pallottole?
Mi sa che 'sta storia del capitalismo connaturato all'uomo vada contestualizzata e spiegata un po' più nei dettagli. Anche perchè a quanto mi risulta il capitalismo anche se sembra non sottosta alla legge del più forte ma alle regole del mercato.
Ora non dovrebbe essere messo in secondo piano il fatto che senza l'umanità, non ci sarebbero state nemmeno le leggi del mercato. Sono leggi umane fatte ovviamente dall'uomo.
L'uomo è immutabile, così come le sue leggi?

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da loonar il Sab 21 Gen - 22:19

silvio ha scritto:Insomma escludendo le deviazioni criminali del Capitalismo, i principi economici che ne sono fondamento devono essere non superati ma applicati con efficienza.
Lo scopo delle società occidentali è quello di arrivare a non sprecare più nulla e ottimizzare tutto, (cosa non successa in passato per la nostra predominanza economico militare) e riuscire a mantenere di diritti conquistati ed il banessere ai nostri popoli.
Il capitalismo non ha nessuna "deviazione" criminale, i suoi atti criminali sono perfettamente funzionali al sistema. Il capitalismo liberista in particolar modo (quello della teoria Friedman) è basato sull'assioma dell'assoluta indipendenza del mercato dalla politica e della sudditanza di questa al mercato.
Il capitalismo ante-Friedman ammetteva l'intervento dello Stato, e la possibilità della Politica di arginare il mercato e di porvi limiti e freni. Ora questo non accade più e i politici sono essi alla mercè del mercato.
Vedi la situazione italiana attuale in cui il mercato stesso è sceso in campo per dettare direttamente le sue leggi senza porre in mezzo dei rappresentanti fasulli.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Decrescita o cos'altro?

Messaggio Da silvio il Sab 21 Gen - 22:26

Questo perchè la politica portava al fallimento con conseguenze incontrollabili, i poteri capitalistici sono intervenuti con Monti, Napolitano e compagnia.
La cosa può essere vista in due modi opposti, in uno la Politica ha fallito e si è fatta sostituire con danno alla società, nell'altro con beneficio, staremo a vedere.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 8 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum