domande sulla materia

Pagina 9 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 8, 9, 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da loonar il Mar 15 Mag - 10:11

Primo: la sindrome del pene piccolo ce l'ha chi sta sempre a misurarselo!
Secondo:
Delfino ha scritto:Stiamo tentando di fare delle traduzioni
be' scusate ma traducete peggio dei copisti biblici! Fate passare la voglia di saperne di più di fisica, sembrate i vecchietti dei muppets che discutono di quanti e raggi laser! wink..
La capacità divulgativa è un talento raro, e mi dispiace dirvelo, voi non l'avete! boh


loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Mar 15 Mag - 10:14

Com'e' quella della volpe e dell'uva??

La capacità divulgativa è un talento raro, e mi dispiace dirvelo, voi non l'avete!

Read more: http://atei.forumitalian.com/t3860p200-domande-sulla-materia#ixzz1uvqWIqt1

mi pare che ionvece tra alcuni di noi ci capiamo benissimo, forse perche' non abbiamo complessi di inferiorita' da far valere?

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da loonar il Mar 15 Mag - 10:16

Vai! Altro verde per il nostro Delfino Intelligentino!

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Mar 15 Mag - 10:17

uff...

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da mix il Mar 15 Mag - 13:12

Darrow ha scritto:Primo: la sindrome del pene piccolo ce l'ha chi sta sempre a misurarselo!
Secondo:
Delfino ha scritto:Stiamo tentando di fare delle traduzioni
be' scusate ma traducete peggio dei copisti biblici! Fate passare la voglia di saperne di più di fisica, sembrate i vecchietti dei muppets che discutono di quanti e raggi laser!
La capacità divulgativa è un talento raro, e mi dispiace dirvelo, voi non l'avete!

però sicuramente non è un'operazione facile:

partire da una rappresentazione (inevitabilmente) semplificata della realtà sottostante a complesse (molto complesse!) analisi matematiche è comunque un'operazione di grande delicatezza;
una sola parola sostituita può inficiare il senso di tutto un ragionamento per analogia;
poi la pretesa di un'acquisizione di consapevolezza fondata su tali "semplificazioni" dialettiche, senza considerare i limiti, i vincoli, le forzature introdotte per poter rappresentare ad un livello di parole ed idee visualizzabili, le relative realtà "rappresentate" dalle complesse equazioni matematiche è operazione alquanto opinabile

però se si è consapevoli del gioco che si sta giocando, allora non vedo grossi problemi in questa operazione: tanto non si è in un forum di fisici sperimentali e non si disturba perciò nessuno, sostanzialmente.

poi immagino nessuno se ne esca, con le idee formate su questo ambito, nel proporre considerazioni azzardate in contesti dove le affermazioni possano essere valutate e giudicate sul serio in base ad un background di conoscenze più solido.

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da uoz il Mar 15 Mag - 13:51

Darrow ha scritto:L'impressione dell'uomo della strada:
"Ma se siete tutti dottori o professori di Fisica, e avete bisogno di ripassarvela su un forum, facendo a chi ha l'ampiezza d'onda più lunga, che Fisica avete imparato o insegnate all'Università?/E' proprio vero che la ricerca e anche solo lo studio in Italia è messo da ridere!"

Beh sai, non so che visione possa avere tu, da 'uomo della strada', della fisica. Tuttavia quello che uno può imparare all'università e anche quello su cui si può in seguito specializzare è solo un pezzetto dello scibile. E' come se tu ti stupissi perchè un professore di lingue non parla il Pakistano, quando magari insegna Greco, Sanscrito ed Etrusco. Quello che lo studio della fisica può darti è una visione generale, un modo di pensare e di porti i problemi e alcune nozioni di base sulle quali andare poi a costruire il tuo lavoro nel ramo che ti interessa. (Ma comunque hai ragione, la ricerca e lo studio sono messi da ridere, e in fase di peggioramento oltretutto).

Il fatto è che in questo thread sono saltate fuori le cose più disparate e, per un certo verso, anche più "di punta" nel panorama fisico moderno. Quando un Assenzio mi cita gli orchestrali e la musica del vuoto, si riferisce a teorie la cui struttura matematica è gestibile veramente da poche persone sulla faccia della terra. Allora i casi sono due: o lui ha una preparazione vera in quel campo, ha studiato stinghe, topologia, spazi compatti, indici di avvolgimento di funzioni olomorfe, teorie dei gruppi & compagnia cantante - ma studiato nel senso che sa cosa queste robe vogliano dire mettendo su un foglio numeri e formule - e allora mi pare che le mie domande siano del tutto giustificate e che lui dovrebbe sapere rispondermi senza alcun problema, per lo meno indirizzandomi ad una soluzione, oppure quelle cose (come credo) le ha lette in un qualche libro di divulgazione per l' 'uomo della strada', si è fatto un quadro genereale di come stanno le cose basandosi su informazioni che ha ottenuto dalle letture discorsive scritte da chi quelle cose le sa, ma le mani in pasta non ce le ha mai messe. E allora posso capire che le mie domande possano non trovare risposta. Il problema, in questo secondo caso, è che tutto dipende da quale libro di divulgazione ti capita tra le mani. Ce ne sono di buoni (Weinberg di solito, ad esempio) e di pessimi (Hawking di solito, ad esempio, non perchè lui sia un pessimo fisico, ma perchè, probabilmente è così dentro la sua materia da non rendersi conto del livello di coloro ai quali parla, per cui l'effetto di un 'uomo della strada' che legge un 'dal big bang ai buchi neri' è solitamente quello di capire tutt'altro rispetto a come le cose stanno davvero), questi cercano di spiegare, a parole, le complicate conquiste ottenute in decenni di lavoro, qualcuno sapendo dove andare a parare, qualcun altro mettendo giù un minestrone sensazionalistico senza molte speranza di spiegare davvero qualcosa, ma solo di introdurre paroloni impressionanti. Il punto è che per capire se sono buoni o no, dovresti già conoscere a grandi linee quello di cui parlano. E la fisica, a differenza di altre discipline, necessita di una preparazione verticale: non puoi capire cosa vuol dire quark-gluon plasma senza avere delle conoscenze di cromodinamica, e per capire la cromodinamica ti serve prima studiarti meccanica quantistica e relatività, per farlo ti serve conoscere algebra tensoriale e famiglie spettrali, e quindi ancora prima avrai dovuto studiarti spazi di Hilbert, spazi vettoriali, varietà, operatori autoaggiunti, prima ancora calcolo matriciale, autovalori, basi lineari, spazi di funzioni, metrica, che si baseranno a loro volta su misure, integrazione, analisi funzionale e avanti così fino alle tabelline. E veniamo quindi alle risposte di Delfi.
Allora, i link che mi hai dato c'entrano nulla con quello che avevo chiesto (e agli autori avrei ben poco da contestare)
No, Uoz, se tu ti disponi a cercare un aiuto a rileggere in chiave sintattica delle teorie fisiche io una mano te la do..e pure assenzio.
Pero' devi tenere presente che sono tutti assunti di fisica di autori competenti, non idee nostre. E quindi no devi fare polemiche con noi, ma eventualmente confutare gli autori.
Ok, allora dimmi dove questi autori dicono quello che tu hai tradotto e vedrò di contestare loro e non te. Siccome sei tu che porti avanti queste idee (e sembri disposto a crederci) intanto contesto te (o meglio, ti ho chiesto di dare un senso reale a quello che avevi scritto). Oppure pensi che la prossima volta che il Balzefone di turno approda su questi lidi sarà corretto anche per lui avvalersi della facoltà di rimandare l'interlocutore alle sacre scritture?

Tradurre in termini grammaticale teorie fisiche e' un grande problema, e non si dovrebbe nemmeno fare, tanto il risultato e' approssimativo!
E' in effetti un bel problema, ma per tradurre bisognerebbe conoscere molto bene la lingua di arrivo e anche quella di partenza. Invece qui mi pare tu stia dicendo di conoscerne solo una.
Quindi fai solamente incazzare la gente che, in buona fede vuole aiutarti e auto aiutarsi esponendosi a facili contestazioni, che uno in buona fede non dovrebbe fare!!!!Ecco perche' trovi questo atteggiamento nei tuoi confronti.
Cioè la gente si incazza perchè chiedo spiegazioni alle quali non sa rispondere? non mi pare un criterio tanto corretto. Per andare d'amore e d'accordo con te e Assenzio dovrei far finta di capire e ammirare le spiegazioni anche quando non vi trovo alcun senso?
Invece, anche su quello che hai scritto in seguito ci sono molte cose che non mi quadrano, ti faccio degli esempi:

Il collasso di funzione d'onda e' un fatto. Non una teoria.
No. Il collasso di una funzione d'onda è un effetto facente parte di una teoria matematica che cerca di spiegare dei fatti osservati. E come dovresti ben sapere se hai studiato quanto dici, l'interpretazione di questo effetto è molto dibattuta e crea ancora molti problemi, uno su tutti quello della modifica degli stati senza che vi sia interazione con alcunchè.

L'esperimento piu' semplice per fartelo visualizzare e' quello delle due fessure nel pannello.
[...]Scoprirari che sul muro compiaono a seconda, delle strisce o della luce diffusa.
Ah! Giusto per curiosità: quante volte l'hai realizzato? Perchè per come lo descrivi non può funzionare.

Invece esperimenti di chimica possono introdurti ai concetti di trasformazione della materia in energia. Ossia processi chimici che producono emissione di calore. (piu' semplice che seguire mentalmente processi di fissione nucleare).
Sei in grado di misurare una variazione di massa in energia da un processo chimico??? Forse ho capito male. Comunque nessuno avrebbe avuto niente da dire se aveste scritto qualcosa sulla conservazione dell'energia (pur non avendo definito cosa ancora sia questa energia che invece usate come steste parlando del pane) ma come leghi quello che dici ora con questo?:
Le particelle sono fatte di energia, l'energia è una funzione d'onda. Una funzione d'onda è una perturbazione dello spazio-tempo dal quale emerge. Quindi la materia, in sostanza, potrebbe definirsi "la musica del vuoto".
Read more: http://atei.forumitalian.com/t3860p180-domande-sulla-materia#ixzz1uwdCr38e
e cosa vuol dire che una trasformazione chimica è un modo di visualizzare il collasso di funzione d'onda? In che modo entra il collasso di qualche funzione d'onda in una reazione che dal acido cloridrico e zinco mi sputa idrogeno?

Ossia, a causa e per effetto dell'indeterminazione delle misurazioni, si preferisce assumere valori probabilistici di posizione nel caso di maggiore precisione di misurazioni della velocita', e viceversa.
Ecco appunto. E qui comincia a cascare il palco. Questa, come l'hai scritta, è del tutto sbagliata.
Qui staimo cercando di fare traduzione e divulgazione. O collabori a migliorare i termini semantici, oppure non ha senso tentare di confutare il principio..te capi??
Traduzione, non Trattazione. Se sbagliamo a tradurre ben venga il tuo contributo, se contesti il trattato, fallo in termini matematici, non ideali..non ha senso..
Io non contesto per principio, contesto il fatto che cerchiate di calare un po' dall'alto delle informazioni che hanno l'aspetto di verità rivelate, senza peraltro poterle comprendere appieno non avendo, come immagino -visto che credo che nella vita facciate altro- la preparazione per farlo. Altra cosa sarebbe stata rispondere "tizio dice che, secondo caio succede questo o quest'altro", smontando quest'aura di certezza assoluta che si viene a creare attorno ai termini sconosciuti o poco noti. Tanto più che alcune delle teorie alle quali gli autori dai quali avete pescato gli interventi fanno riferimento, sono ben (MA BEN) lontane dall'essere considerate soddisfacenti, vere, e anzi, addirittura da molti, teorie.
Se, come ti dicevo, agli occhi di un 'uomo della strada' come Darrow le cose un po' enigmatiche ed esotiche che scrivete possono avere l'aspetto di qualcosa di complesso e magico, ai miei occhi (di fisico) appaiono, così come sono scritte, prive di significato reale, a meno che questo significato non lo si vada a spiegare. Questo è il punto.

uoz
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 777
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Mar 15 Mag - 13:56

Fai e ritieni un po come ti pare..

Comunque l'esempio degli orchestrali e' di V. Stenger.

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da uoz il Mar 15 Mag - 16:53

delfi68 ha scritto:Fai e ritieni un po come ti pare..

Comunque l'esempio degli orchestrali e' di V. Stenger.

Lo so, l'avete già detto un tot di volte. Non importa di chi è, importa cosa vuol dire (anche se già un libro che vorrebbe divulgare fisica e parla di Dio - o viceversa- non ha delle buone premesse), e in questo caso, appunto, parla di teorie che da molti neanche vengono considerate tali.

uoz
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 777
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Mar 15 Mag - 18:23

Allora Uoz.

La teoria prescrive che l'energia attuale, quella che misuriamo e constatiamo, e un'entita' che rispetta delle proporzioni, delle metriche..non so come dire, ma l'energia di cui abbiamo conoscenza ha una proprieta' tale che puo' essere codificata! Segue un codice..

Noi la percepiamo perche' e' cosi. Perche' ha delle proprieta' che la rende "incastrabile" tra di essa e rispetta delle regole.

L'energia oscura invece no. Non ha un codice che per noi e' intellegibile.
Non rispetta delle regole fisse, non ha delle caratteristiche che ci consente di codificarla ed elaborarla, quindi per noi e' il "nulla"

Alcuni fisici, postulando arbitrariamente ma logicamente, che questa energia oscura e' in perenne movimento e mutamento, in tutto questo suo mutare assume anche delle caratteristiche regolari. Assume una "forma" che rispetta delle regole di "incastro"

Questo postulato rispetterebbe l'obbligo della conservazione dell'energia. Ovvero non si crea dal nulla ma muta.

Adesso e' richiesto uno sforzo mentale:

Primo esempio:
Un deficit della cognizione, causato da una piccolissima ischemia, rende la corteccia visiva inservibile. Ok?
Ma e' provato che invece il cervello continua a vedere attraverso un sistema visivo risalente al cervello atavico, antico, per mezzo di nervi e centri ricettivi.

Ma il cieco, pur vedendo, NON VEDE. vede nero..buio..(se poi vuoi ti cito quali esperimenti lo confermano)

Questo esempio e' solo strumentale per far capire come la percezione sia tanto delicata quanto fallace.

Secondo esempio:
Noi, abbiamo un cervello che e' predisposto a cogliere solo, e solamente cio' che rispetta delle regole fisse.
Possiamo concepire l'energia, solo sotto la forma che attualmente percepiamo.
Se l'energia fosse differente, non la percepiamo per nulla. Vediamo Nero.."nulla"


Quindi, ricapitolando, l'energia che percepiamo e concepiamo, non e' l'unica che esiste. Ma per noi tutto cio' che non e' codificabile secondo certe specifiche non esiste.
L'energia "oscura" o che non rispetta certi codici, c'e', ma non la percepiamo e nemmeno la concepiamo.

Come il cieco la luce.

Tuttavia, certi calcoli, dimostrano indirettamente che c'e' un'energia e una massa "mancante"..che per noi non esiste, ma influisce sul mondo. Quindi c'e'.

Per far rientrare le osservazione e le previsioni, quindi, i fisici riescono a far conincidere certi calcoli, assumendo che l'energia subisce una mutazione di stato.

Con questo, in modo "matematicamente elegante" si rispettano molte cose: Che l'energia non compare dal "nulla" ma e' una mutazione del "nulla" (che nulla non e'). Si riesce a far stare l'intera massa della materia visibile entro la misura di Plank, e da li si espande in modo da rispettare i calcoli dei fisici.

No si sa: che forma abbia l'energia oscura e il perche' si trasformi (si postula una statistica probabilistica su un tot infinito di mutazioni)


Per esemplificare, Stenger ha assimilato l'energia oscura ad un orchestrale, e l'energia ordinaria nella musica che puo' esprimere. E che noi viviamo solo nel mondo delle note di quella musica. Un mondo che e' una combinazione orchestrale di quella musica.

Va meglio cosi?

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da uoz il Mar 15 Mag - 20:17

Dichiaro resa.

uoz
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 777
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da loonar il Mar 15 Mag - 20:28

L'uomo della strada torna in strada a farsi una passeggiata, buon proseguimento!

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Mer 16 Mag - 8:00

uoz ha scritto:Dichiaro resa.

Scusa..allora e' colpa mia...

Senti, in "Dio un ipotesi sbagliata" di V. Stenger ci sono ampie spiegazioni forse molto meglio formulate..se vuoi puoi dargli una letta, e poi mi dici dove sbagliavo a spiegarlo..sorry.

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da teto il Gio 17 Mag - 17:58

è vera sta cosa?

http://www.youtube.com/watch?v=COl5i7Il0dY&feature=relmfu

(ultimi 15 secondi di questo video)

http://www.youtube.com/watch?v=-_iyv9ooJvI&feature=relmfu

(fino al minuto 1:50 di questo)

teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Gio 17 Mag - 18:32

Il concetto e' questo, attento bene.

Lo stato ordinario, in questa realta', e' normato fondamentalmente da 4 forze. ( http://it.wikipedia.org/wiki/Interazioni_fondamentali )
Ed e' il risultato di una rottura di simmetria di uno stato in cui le forze erano unificate in un una sola. La rottura di quella simmetria ha dato origine a una nuova simmetria composta da 4 dimensioni, tre spaziali e una temporale, dove a seconda degli ambiti di grandezza agiscono distintamente. Ma assieme in una loro globalita'.

La causa della divisione di quest'unica forza in 4, e' secondo Hawking, Hartle, Stenger e Wilczek e' la trasformazione dell'energia da uno stato caotico a uno ordinato. (se ti viene da dire impossibile, pensa al vapore acqueo che si trasforma in cristallo complesso senza consumare energia, bensi grazie a un calo di energia!). Uno stato semplice che si trasforma in complesso e simmetrico (asimmetria geometrica del cristallo di neve) solo abbassando la temperatura..

Quindi..stato ordinario di un universo, big cruch e ritorno di tutta la materia in uno spazio talmente piccolo da essere inferiore a quello di Plank ( http://it.wikipedia.org/wiki/Lunghezza_di_Planck ) e susseguente big bang...una specie di clessidra dove nel collo la sabbia smette addirittura di essere sabbia ma diventa, chesso' liquido..

Questo e' un tunnel attraversabile. Previsto e calcolato (in il cosmo comprensibile di Stenger ci sono tutte le formule in linguaggio matematico di quello che ti sto scrivendo)

Quei tunnel di cui parlano sono solo speculazioni, e il perche' lo capisci da te: Il transito in un tunnel del genere prevede una compressione tale dell'energia da costringerla in un stato talmente caotico che le forze della fisica si unificano in un unica forza o stato, e tutto cio' che possiamo concepire con una sua struttura svanisce.

Il buco nero, dovrebbe arrivare a uno stato simile, ma senza prevedere un'uscita. Il buco nero e' una sorta di pozzo. Il big bang l'uscita di un tunnel.

Nulla che rispetta le simmetrie di una fisica quadridimensionale puo' transitare all'interno di uno stato del genere..e comunque immagina la forza che si dovrebbe governare e generare per riuscire a schiacciare l'energia fino a quel punto..

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da teto il Gio 17 Mag - 19:54

grazie delfi, io intendevo il fatto che nei buchi neri grandi non avviene la spaghettificazione quindi un'ipotetica sonda se entrasse dentro un buco nero potrebbe "sopravvivere" per qualche ora, però non ho capito il perchè non può inviare segnali dentro un buco nero

teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Gio 17 Mag - 21:19

Allora, guarda se fai attenzione e io sono bravo, scoprirai perche' e' impossibile tutto cio'.


Il buco nero attira tutto, ok? Bene..

Ma avrai letto che quando un oggetto, entra, c'e' un'emissione di raggi gamma,X e particelle. (non emessa dal buco nero, ma da cio' che varca la soglia, e nel momento in cui la varca!)
http://www.nationalgeographic.it/scienza/2011/06/20/news/e_il_buco_nero_divora_la_stella-383851/

Perche'?

Okkio:

Il lampo di energia e' dovuto al fatto che l'accellerazione di gravita di un oggetto che supera la soglia dell'orizzonte degli eventi (cit.) e' talmente forte e violenta che un atomo, nel superare quella soglia e solo per meta' di se stesso (ossia quando mezzo atomo e' di la e meta' ancora di qua) la meta' dell'atomo entrata accellera cosi rapidamente che si strappa via la meta' che resta fuori! ..da qui emissione di raggi e particelle sub atomiche (protoni..neutroni..o quel che resta di essi)

..ora fatti due conti.

Quanto e' il raggio di un atomo. Prendine meta'. In quello spazio immagina un'accellerazione di gravita' talmente veloce da imprimere una forza superiore alle forze di interazione che tengono coeso un atomo!!

Un po come se una automobile avesse un'accellerazione talmente potente che l'avantreno e mezza macchina schizzano via, strappandosi alle spalle la restante meta' di autovettura. Accellerazione di gravita' piu' forte delle forze di coesione.

Ma dell'atomo!!!! non di una macchina o di una sonda.

Quindi sono cose da Voyeger quelle di immaginarsi un oggetto che resti integro oltre l'orizzonte del buco nero.

Oltretutto immagina che un buco nero, tiene unita e in rotazione intere galassie..e si divora stelle ciclopiche come fossero zucchero filato..immagina bene che forze sono, e poi riflettiamo sulle stupiderie che propinano alla gente che non mastica di astrofisica..

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da teto il Gio 17 Mag - 21:25

delfi68 ha scritto:Allora, guarda se fai attenzione e io sono bravo, scoprirai perche' e' impossibile tutto cio'.


Il buco nero attira tutto, ok? Bene..

Ma avrai letto che quando un oggetto, entra, c'e' un'emissione di raggi gamma,X e particelle. (non emessa dal buco nero, ma da cio' che varca la soglia, e nel momento in cui la varca!)
http://www.nationalgeographic.it/scienza/2011/06/20/news/e_il_buco_nero_divora_la_stella-383851/

Perche'?

Okkio:

Il lampo di energia e' dovuto al fatto che l'accellerazione di gravita di un oggetto che supera la soglia dell'orizzonte degli eventi (cit.) e' talmente forte e violenta che un atomo, nel superare quella soglia e solo per meta' di se stesso (ossia quando mezzo atomo e' di la e meta' ancora di qua) la meta' dell'atomo entrata accellera cosi rapidamente che si strappa via la meta' che resta fuori! ..da qui emissione di raggi e particelle sub atomiche (protoni..neutroni..o quel che resta di essi)

..ora fatti due conti.

Quanto e' il raggio di un atomo. Prendine meta'. In quello spazio immagina un'accellerazione di gravita' talmente veloce da imprimere una forza superiore alle forze di interazione che tengono coeso un atomo!!

Un po come se una automobile avesse un'accellerazione talmente potente che l'avantreno e mezza macchina schizzano via, strappandosi alle spalle la restante meta' di autovettura. Accellerazione di gravita' piu' forte delle forze di coesione.

Ma dell'atomo!!!! non di una macchina o di una sonda.

Quindi sono cose da Voyeger quelle di immaginarsi un oggetto che resti integro oltre l'orizzonte del buco nero.

Oltretutto immagina che un buco nero, tiene unita e in rotazione intere galassie..e si divora stelle ciclopiche come fossero zucchero filato..immagina bene che forze sono, e poi riflettiamo sulle stupiderie che propinano alla gente che non mastica di astrofisica..

Si infatti, sarà stato solo un'esercizio mentale, i buchi neri al centro delle galassie vengono da supernovae?

teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Gio 17 Mag - 21:42

..Tecnicamente ogni buco nero dovrebbe essere cio' che resta di una supernova di una stella con certe caratteristiche.

Da una S.N puo' restare una stella di neutroni, una nana bruna..oppure in casi particolari di stelle davvero grandi, cio' che resta dell'esplosione, ricade verso il centro di gravita' della ex stella con una tale potenza da innescare quel processo di collasso che e' un buco nero..non tutte le supernova divenrano buchi neri..per fortuna..

Attualmente si crede che all'interno di molte galassie (non tutte, ad esempio le nebulose planetarie) ci siano mostruosi buchi neri..alcuni sono stati verificati, altri teorizzati.

Personalmente sto leggendo molto sulla questione, quando avro' le idee piu chiare, casomai ne butto giu' due righe..ma vedi, il problema e' che si tratta di accettare che in uno spazio superiore a quello determinato dalla misura di plank l'energia si disponga in modo totalmente entropico e secondo una simmetria che esula quella ordinaria (quadridimensionale). Una gravita' cosi forte da riunificare tutte le 4 forze fondamentali su una massa (del buco nero) tanto grande!..uhm..non tutti i calcoli tornano alla perfezione sai..

Hawking e Penrose si sono gia' rimangiati una volta i loro assunti. Onore a loro eh! ..quindi diciamo che e' una faccenda che non ha ancora messo tutti daccordo..

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Steerpike il Ven 18 Mag - 12:03

I buchi neri intermedi sembrano essersi originati più dal collasso di nubi di gas primordiale, che dal collasso di stelle.

Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Ven 18 Mag - 16:46

Steerpike ha scritto:I buchi neri intermedi sembrano essersi originati più dal collasso di nubi di gas primordiale, che dal collasso di stelle.

Mi passi la fonte..grassssie!

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Steerpike il Sab 19 Mag - 17:28

delfi68 ha scritto:
Steerpike ha scritto:I buchi neri intermedi sembrano essersi originati più dal collasso di nubi di gas primordiale, che dal collasso di stelle.

Mi passi la fonte..grassssie!
http://www.lescienze.it/archivio/articoli/2012/03/01/news/buchi_neri_intermedi-880608/
http://arxiv.org/abs/0707.2617

Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da teto il Mer 23 Mag - 13:07

Ogni corpo deforma lo spazio-tempo ma cosa sarebbe esattamente quest'ultimo?

teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Assenzio il Mer 23 Mag - 16:44

teto ha scritto:Ogni corpo deforma lo spazio-tempo ma cosa sarebbe esattamente quest'ultimo?

Assenzio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 543
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Mer 23 Mag - 17:11

Tecnicamente, almeno io l'ho inteso cosi, e' quella dimensione dove la cinematica non vale per la luce e fornisce un sistema di riferimento universale per la definizione delle velocita'.
http://it.wikipedia.org/wiki/Covarianza_di_Lorentz\
http://www.scienzaeconoscenza.it/articoli/la-teoria-di-lorentz.php

In pratica e' il sistema di riferimento principale, rispetto al quale e' possibile determinare una velocita' universale.

Es.
Se su un treno che va a 100 km/h e un passaggiero cammina in senso di marcia a 5Km/h, la sua velocita' per un osservatore in stazione e' 105 km/h..e via dicendo a seconda se l'osservatore sia in una posizione X. Se fosse fermo, relativamente alla terra, tipo in orbita geostazionaria farebbe 300km/s + 105km/h e via..

Invece lo spazio tempo, sul quale la luce scorre sempre a velocita' costante, puo' far misurare le velocita' in rifeimeto alla luce e indipendentemente alla posizione o velocita' dell'osservatore..
http://www.astronomia-online.com/relativit%C3%A0%20speciale.htm

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da teto il Gio 24 Mag - 8:42

un'altra domanda: il campo magnetico cosa sarebbe? (intendo le linee di campo del campo magnetico)

teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 9 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 8, 9, 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum