domande sulla materia

Pagina 4 di 12 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Gio 26 Apr - 7:16



Comunque..ottima intuizione sugli usi di una migliorata performance di penetrazione dimensionale..

L'esempio di un sistema di riferimento dei gemelli, puo' essere il salto sul treno.

Se salti a treno fermo, se salti a treno in moto accellerato uniforme, se salti a treno fermo e poi quello si muove durante la tua permanenza in salto..eccetera..

L'esempio dei gemelli funziona solo perche' i due gemelli erano parte di un sistema comune in moto relativo rispetto ad altri sistemi. Quindi la differenza torna nota come nel caso del salto sul treno in moto, tu salti e mentre salti il treno frena: riatteri un paio di metri piu' in avanti nel corridoio..(se accellera un paio di metri piu' indietro)

Se il gemello non tornasse mai piu' sulla terra, conserverebbe comunque il moto del suo tempo, come se conservasse un movimento cinetico inerziale. Il tempo e' legato alla massa! E al movimento. Ma non solo tra sistemi, ma anche del moto atomico della materia stessa.
Ecco perche' il gemello comunque muore dopo 90 anni della sua vita. Anche se su altri sistemi i suoi 90 anni dovessero essere 9000 o 9 secondi.

Quindi il tempo e' relativo tra i sistemi, ma coerente in un sistema. Il paradosso, che paradosso non e', e' la pretesa di riconfrontare la relativita' del tempo tra i sistemi e discutere su chi abbia ragione tra gli osservatori di fronte a eventi per entrambi veri!

(esempio dei giocatori di ping pong, sul treno in movimento, l'osservatore in stazione, e la pallina che si illumina ad ogni tocco di racchetta. Tutti hanno ragione nella descrizione tra lo spazio percorso tra un lampo e l'altro..2 metri glu uni e 50 metri per l'altro in stazione)

Il tempo e' un paradosso se lo si assume come distaccato dalla massa, ma invece e' del tutto coerente se inteso come parte inegrate e inscindibile dalla massa. E da essa influenzato e modulato.
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Gio 26 Apr - 7:29

capisco che delfi 68 è molto afferrato in fisica e non pretendo minimamente di contestarlo.

Read more: http://atei.forumitalian.com/t3860p70-domande-sulla-materia#ixzz1t846Q3XR

Assolutamente! ..devi anzi informarti il piu' possibile e ogni contestazione pertinente e giustificata non fara' altro che arrichire entrambi!

Ma fai attenzione a una cosa. Se cerchi dio, non puoi che assumerti l'onere di capire la realta'.
Io non sono diventato ateo per convinzione, ma lo sono diventato per necessita'. Un giorno ho voluto una prova su dio. E piu' l'ho cercata piu' mi sono imbattuto in infiniti universi, tutti, fin'ora coerenti tra loro e senza bisogno di un dio per funzionare, che ne giustificasse un fine, e che ne regolasse le leggi per questo o quel motivo privilegiato (uomini inclusi)

Anzi, l'universo e gli universi, sono quanto di piu' avverso alla vita umana che si possa immaginare!
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da teto il Gio 26 Apr - 7:36

Tutti questi universi multidimensionali si troverebbero incastonati tra di loro, "galleggiano" su qualcosa?
avatar
teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Gio 26 Apr - 7:47

Questa e' la domanda che in generale, mi causa la vertigine..non ho trovato nessuno che ne trattasse con logica e competenza.
Tutto poi finisce nei postulati sull'infinito tra Barrow, Cantor e altri che si addntrano nei meandri delle ipotesi sull'infinito..

Ma cosi come addestro il mio cervello a ragionare su coerenze controintuitive, immagino che devo cominciare a prevedere la possibilita' dell'infinito, o del nulla.

Per ora non ci riesco e cosi mi gira la testa..e' gia' tanto che riesco a cogliere, non sempre e solo da leggermente "fatto", la multidimensionalita' della realta' e di come esse possano interagire e d influenzarsi lasciando labili tracce che possiamo seguire..
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Paolo il Gio 26 Apr - 8:00

Si potrebbe fare un esempio su cosa possa essere un'altra dimensione che, pur esistendo, noi non ci rendiamo conto esista, se non tramite un ragionamento.

Si dice comunemente che i sensi siano cinque, ovvero vista, tatto, udito, gusto e olfatto. Tralasciano la sensibilità sia al dolore che al calore che tutti ben sappiamo cosa sia, vi è un altro senso, senza il quale non potremmo muoverci, che è la propriocezione.

Da wiki:

La propriocezione è la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio e lo stato di contrazione dei propri muscoli, anche senza il supporto della vista.
È resa possibile dalla presenza di specifici recettori, sensibili alle variazioni delle posture del corpo e dei segmenti corporei, che inviano i propri segnali ad alcune particolari aree encefaliche.
La propriocezione assume un'importanza fondamentale nel complesso meccanismo di controllo del movimento. Le alterazioni della propriocezione determinano sul piano clinico i sintomi dell'atassia.
Il più grande ricettore è quello del labirinto. Questi recettori sono posizionati in posizioni specifiche a seconda della funzione che rivestono.


Ritengo che poche persone si siano mai accorte di avere questo fondamentale senso, e, se non si compie un ragionamento non si riesce a capire cosa sia. Ritengo che anche una realtà a più dimensioni sia un concetto assimilabile a questo, in quanto lo puoi capire non istintivamente ma solo tramite un ragionamento più complesso.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8629
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Gio 26 Apr - 11:25

L'esperimento dell'entaglement ci dice qualcosa del genere..

L'esempio dell'elefante che cammina a mezzacqua e chi vive solo sulla superficie dell'acqua vede come 6 grandi macchie (zampe, pancia e proboscide) correlate tra loro ma perfettamente distaccate.
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Fux89 il Gio 26 Apr - 11:39

SauroClaudio ha scritto:Pertanto quoto in pieno anche Fux89, non c'è bisogno di nessun sistema di riferimento,
Non ho mai detto nulla del genere. Ho detto che non esiste alcun sistema di riferimento preferenziale.
perchè l'universo in toto, rappresenta un sistema di riferimento assoluto.
Ho l'impressione che tu non abbia ben chiaro il significato di "sistema di riferimento"...

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_di_riferimento
Rasputin ha scritto:Io da perfetto profano non riesco a capire perché l'esempio dei gemelli debba impiegare proprio due gemelli, non mi pare che ce ne sia bisogno.

Bastano due persone, e nemmeno serve che siano coetanei.
Beh, quello dei gemelli è un "esperimento mentale" che serve a rendere bene l'idea (due gemelli sono identici, è risulta facile vedere la differenza di invecchiamento tra i due). È utile per spiegare intuitivamente il concetto. Ma non è necessario utilizzare due gemelli. Non è nemmeno necessario utilizzare due persone: l'effetto è stato verificato sperimentalmente utilizzando orologi atomici, ad esempio. O, ancora, è stato osservato misurando il tempo di decadimento dei muoni.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da SauroClaudio il Sab 28 Apr - 10:05

Fux89 ha scritto:
SauroClaudio ha scritto:Pertanto quoto in pieno anche Fux89, non c'è bisogno di nessun sistema di riferimento,
Non ho mai detto nulla del genere. Ho detto che non esiste alcun sistema di riferimento preferenziale.
perchè l'universo in toto, rappresenta un sistema di riferimento assoluto.
Ho l'impressione che tu non abbia ben chiaro il significato di "sistema di riferimento"...

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_di_riferimento
Rasputin ha scritto:Io da perfetto profano non riesco a capire perché l'esempio dei gemelli debba impiegare proprio due gemelli, non mi pare che ce ne sia bisogno.

Bastano due persone, e nemmeno serve che siano coetanei.
Beh, quello dei gemelli è un "esperimento mentale" che serve a rendere bene l'idea (due gemelli sono identici, è risulta facile vedere la differenza di invecchiamento tra i due). È utile per spiegare intuitivamente il concetto. Ma non è necessario utilizzare due gemelli. Non è nemmeno necessario utilizzare due persone: l'effetto è stato verificato sperimentalmente utilizzando orologi atomici, ad esempio. O, ancora, è stato osservato misurando il tempo di decadimento dei muoni.

Ora ti riferisco il mio pensiero in quanto non credo di essere stato sufficentemente chiaro:
"Adesso
consideriamo un astronave che si trovi lontanissima da qualsiasi sistema
stellare, la più lontana possibile dalle galassie, poniamo che
acceleri, risentirà ugualmente della inerzia in relazione alla sua
massa, e coloro che ci stanno sopra sentiranno una forza che li preme
verso i sedili esattamente come se ci fosse un sistema di riferimento,
ma in questo caso abbiamo detto che non c'è nessun sistema di
riferimento.
Però avvicinandosi l'astronave alla velocità della luce
, risentirà comunque della legge della relatività e cioè una
dilatazione dello spazio ed una contrazione del tempo.
Ed allora
quale sarà in questo caso il sistema di riferimento? Sarà lo spazio
stesso, che non è un vuoto ma un pieno, non è un nulla ma è un principio
di realtà.
Ed è nello spazio stesso che riscontriamo determinate
caratteristiche; è lo spazio che conferisce alla luce quella determinata
velocità, è lo spazio che conferisce ai corpi il principio dell'inerzia
in relazione alla massa.
La velocità della luce non è superabile ,
perchè a quella velocità l'inerzia diventa infinita. Per questo i
neutrini ed i neutralini non possono superarla, perchè hanno un minimo
di massa, la quale diventerebbe infinita se raggingessero la velocità
della luce.
E' pertanto probabile se non certo che viaggino
qualcosina sotto a tale velocità . Non possono violare le leggi dello
spazio, pertanto nell'esperimento del Gran Sasso c'è stato sicuramente
un errore.
Quanto ho detto non è confutabile se non a rischio di arrampicarsi sugli specchi con delle assurde teorie.
Lascio comunque ad Fux89 la possibilità di confutarle.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Sab 28 Apr - 11:30

Bè, ma l'universoin cui viviamo ha una sua energia oscura, ovvero non intelligibile o codificabile dall'osservatore sapiens, ma è empiricamente dimostrato che esiste.

Ciò che noi chiamiamo vuoto assoluto, è in realtà una diversa forma di energia, totalmente entropica e quindi priva di informazioni utilizzabili per la sua codifica.

Quindi è evidente che il "supporto" su cui "galleggiano le galassie e scorrono i fotoni della luce abbia un suo attributo, anche se a noi non noto.

Questa "trama" dell'universo la si riscontra anche osservando le geodetiche percorse dalla luce in prossimità delle masse..

Da quseta "trama" di energia oscura emergerebbe anche l'energia ordinaria e simmetrica, infatti l'universo si espande in ogni direzione e a partire da qualunque punto, proprio come se emergesse da qualche cosa.

Il nobel per la fisica Frank Wilczek. citato più indietro, infatti ha già trasmutato la questione da: cos'è il nulla? in il nulla si trasforma.
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da teto il Sab 28 Apr - 12:27

Un'altra cosa che mi fa pensare è se esistono universi totalmente differenti dal nostro, non intendo universi dove la velocità della luce è diversa da quella del nosto ma universi che hanno diverse "impostazioni" dal nostro ovvero non sono "composti" da particelle, atomi, molecole, pianeti, stelle, galassie ma da altro. Se la nostra realtà é il risultato del passaggio dal nulla alla materia ordinaria perchè il nulla è diventato proprio materia ordinaria e non altro? Boh...quante seghe mentali
avatar
teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 24
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da SauroClaudio il Sab 28 Apr - 14:09

delfi68 ha scritto:Bè, ma l'universoin cui viviamo ha una sua energia oscura, ovvero non intelligibile o codificabile dall'osservatore sapiens, ma è empiricamente dimostrato che esiste.

Ciò che noi chiamiamo vuoto assoluto, è in realtà una diversa forma di energia, totalmente entropica e quindi priva di informazioni utilizzabili per la sua codifica.

Quindi è evidente che il "supporto" su cui "galleggiano le galassie e scorrono i fotoni della luce abbia un suo attributo, anche se a noi non noto.

Questa "trama" dell'universo la si riscontra anche osservando le geodetiche percorse dalla luce in prossimità delle masse..

Da quseta "trama" di energia oscura emergerebbe anche l'energia ordinaria e simmetrica, infatti l'universo si espande in ogni direzione e a partire da qualunque punto, proprio come se emergesse da qualche cosa.

Il nobel per la fisica Frank Wilczek. citato più indietro, infatti ha già trasmutato la questione da: cos'è il nulla? in il nulla si trasforma.

Ma certamente, Carlo Rubbia dice che l'energia oscura rappresenterebbe il 95% del nostro universo. Le principali particelle che la compongono sono i neutrini caldi ed i neutralini freddi. Ogni secondo, ogni cm3 del nostro organismo viene attraversato da migliardi di queste particelle, che intereagiscono poco con la materia (secondo la fisica attuale) tanto che attraversano la terra senza alcuna difficoltà. Però essi potrebbero costituire la base per la trasmissione delle onde elettromagnetiche.
In sostanza il vecchio etere di una volta che avevamo buttato dalla finestra, rientra dalla porta, e da ragione a molti fatti fisici che prima non erano spiegabili.
Ed è anche per questo che lo spazio è un pieno e può essere preso come punto di riferimento (per la famosa astronave che viaggia quasi alla velocità della luce)
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da SauroClaudio il Sab 28 Apr - 14:12

teto ha scritto:Un'altra cosa che mi fa pensare è se esistono universi totalmente differenti dal nostro, non intendo universi dove la velocità della luce è diversa da quella del nosto ma universi che hanno diverse "impostazioni" dal nostro ovvero non sono "composti" da particelle, atomi, molecole, pianeti, stelle, galassie ma da altro. Se la nostra realtà é il risultato del passaggio dal nulla alla materia ordinaria perchè il nulla è diventato proprio materia ordinaria e non altro? Boh...quante seghe mentali

Potrebbe essere ma credo che non ci sarà dato mai saperlo. Intanto pensa, ogni uomo è un universo a se stante.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Sab 28 Apr - 14:53

E' una questione nota e molto ponderata in fisica.

In linea teorica non c'e' nessun motivo per il quale l'energia potrebbe avere una simmetria differente da quella che ha nel nostro universo.

E probabilmente esistono MIliadri di miliardi di universi, e solo in universi con caratteristiche di simmetria XY si sviluppano osservatori che possono porsi la domanda.

Qeullo che vediamo nel nostro universo e' esattamente quello che si vedrebbe in universo con queste caratteristiche leggi fisiche.

Non e' un giochino di parole, ma significa esattamente cio' che descrive. In tutti gli universi in cui non ci sono simmetrie e leggi fisiche adatte nessuno sara' li a ponderarne la faccenda..

L'energia ordinaria e' simmetrica: che significa?

Significa che assume una forma che rispetta delle regole. Immagina che l'energia totalmente entropica sia come una grande quantita' di scatoloni di cartone, assolutamente appiattiti, ossia una mega catasta di fogli di cartone.
Invece l'energia ordinaria siano gli stessi fogli di cartone ma "montati"..ossia cubi, parallelepipedi, piramidi, esagoni solidi di varie forme.
Ebbene si intuisce che degli scatoloni di diverse forme, ma con caratteristiche di simmetria (lati, angoli, superfici..) si disporranno dentro a un magazzino, seguendo necessariamente i vincoli dettati dalle loro forme.

Il cubo e' un muone, la piramide un quark up, la sfera un quark down..eccetera, ogni forma e' una particella fondamentale della materia, e da quinsi costruiscono gli immensi palazzi atomici, cattedrali delle molecole fino alle immensita' del costrutto materiale del nostro mondo..

Il nostro universo ' una sorta di magazzino in cui i "cartoni" smettono di essere appiattiti e senza vincoli di forma, in scatoloni che si ammonticchiano seguendo delle leggi!

Altri universi/magazzini, immaginali con cartoni che assumono delle forme, diverse dalla massima entropica, ma non simmetrica. Pensiamo agli scatoloni ma tutti spiegazzati, sfondati, in parte crollati..chesso'.."pestati come delle palle di carta"
..ecco, altri universi con un energia diversamente simmetrica o non sufficientemente simmetrica danno origine a volumi caotici che non hanno abbastanza regole per sviluppare una sufficiente complessita' che porti alla comparsa di osservatori.

Anche nel nostro universo, le singolarita' dei buchi neri, o situazioni prossime al vuoto assoluto, quindi energia totalmente entropica,ci suggeriscono che la materia puo' organizzarsi in un modo caotico sebbene non totalmente entropico, da rendere uno spazio non idoneo alla presenza di leggi fisiche compatibili con la complessita' necessaria a degli osservatori.
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Sab 28 Apr - 15:03

Però essi potrebbero costituire la base per la trasmissione delle onde elettromagnetiche.
In
sostanza il vecchio etere di una volta che avevamo buttato dalla
finestra, rientra dalla porta, e da ragione a molti fatti fisici che
prima non erano spiegabili.
Ed è anche per questo che lo spazio è un
pieno e può essere preso come punto di riferimento (per la famosa
astronave che viaggia quasi alla velocità della luce)

Read more: http://atei.forumitalian.com/t3860p80-domande-sulla-materia#ixzz1tLbwOjhd

Quoto! ..e' cosi che possiamo immaginarci il vuoto.
Un pieno totalmente illegibile dai nostri mezzi di codifica, in quanto e' una forma totalmente entropica o non sufficientemente complessa da contenere e trasmettere informazioni attraverso la sua simmetria.
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da SauroClaudio il Sab 28 Apr - 16:20

delfi68 ha scritto:E' una questione nota e molto ponderata in fisica.

In linea teorica non c'e' nessun motivo per il quale l'energia potrebbe avere una simmetria differente da quella che ha nel nostro universo.

E probabilmente esistono MIliadri di miliardi di universi, e solo in universi con caratteristiche di simmetria XY si sviluppano osservatori che possono porsi la domanda.

Qeullo che vediamo nel nostro universo e' esattamente quello che si vedrebbe in universo con queste caratteristiche leggi fisiche.

Non e' un giochino di parole, ma significa esattamente cio' che descrive. In tutti gli universi in cui non ci sono simmetrie e leggi fisiche adatte nessuno sara' li a ponderarne la faccenda..

L'energia ordinaria e' simmetrica: che significa?

Significa che assume una forma che rispetta delle regole. Immagina che l'energia totalmente entropica sia come una grande quantita' di scatoloni di cartone, assolutamente appiattiti, ossia una mega catasta di fogli di cartone.
Invece l'energia ordinaria siano gli stessi fogli di cartone ma "montati"..ossia cubi, parallelepipedi, piramidi, esagoni solidi di varie forme.
Ebbene si intuisce che degli scatoloni di diverse forme, ma con caratteristiche di simmetria (lati, angoli, superfici..) si disporranno dentro a un magazzino, seguendo necessariamente i vincoli dettati dalle loro forme.

Il cubo e' un muone, la piramide un quark up, la sfera un quark down..eccetera, ogni forma e' una particella fondamentale della materia, e da quinsi costruiscono gli immensi palazzi atomici, cattedrali delle molecole fino alle immensita' del costrutto materiale del nostro mondo..

Il nostro universo ' una sorta di magazzino in cui i "cartoni" smettono di essere appiattiti e senza vincoli di forma, in scatoloni che si ammonticchiano seguendo delle leggi!

Altri universi/magazzini, immaginali con cartoni che assumono delle forme, diverse dalla massima entropica, ma non simmetrica. Pensiamo agli scatoloni ma tutti spiegazzati, sfondati, in parte crollati..chesso'.."pestati come delle palle di carta"
..ecco, altri universi con un energia diversamente simmetrica o non sufficientemente simmetrica danno origine a volumi caotici che non hanno abbastanza regole per sviluppare una sufficiente complessita' che porti alla comparsa di osservatori.

Anche nel nostro universo, le singolarita' dei buchi neri, o situazioni prossime al vuoto assoluto, quindi energia totalmente entropica,ci suggeriscono che la materia puo' organizzarsi in un modo caotico sebbene non totalmente entropico, da rendere uno spazio non idoneo alla presenza di leggi fisiche compatibili con la complessita' necessaria a degli osservatori.

Quello che dici è molto suggestivo ed anche molto bello ma io credo che non ne avremo mai la certezza assoluta.
Comunque anche a me piace pensare che sia così.
Già il nostro universo dicono che abbia 13,7 miliardi di anni, ma oltre l'espansione cosa c'è? Dicono che con l'espansione dal nulla si formi il vuoto, ma questa mi sembra un ipotesi un po assurda. Nulla ci autorizza a non credere che a distanza a noi inimmaginabili esistano altri universi, con altre leggi con altri parametri fisici.

Comunque in questa discussione voglio creare una piccola parentesi:






Come vedere le macchie solari con un sistema molto semplice


Da bambino giocavo con gli amici a fare la guerra, che poi
tutto si risolveva in lancio di palline con le cerbottane. Eravamo costituiti
in diversi gruppi rivali, ed il mio gruppo aveva la prerogativa di essersi
impossessato di una piccola baita, costruita come deposito legna, ma costruita
completamente di lamiera . li potevamo rifugiarci nei momenti “difficili” ben
nascosti dagli altri. Dentro questa baita o meglio casotto, regnava il buio più
assoluto intervallato da qualche piccolo foro della lamiera.
Ebbene ho fatto la scoperta che se mettevo un vetro smerigliato poco distante
dal foro vedevo tutte le scene esterne anche se capovolte e con una buona
risoluzione.
Quindi potevo vedere anche i nemici che si avvicinavano.
Questa soluzione del miniforo è un sistema che si può utilizzare anche per
costruire un telescopio per vedere il sole. Un foro anche piccolissimo funziona
bene per una fonte luminosissima come il sole.
Se in cima ad un tubo di due metri mettiamo una carta nera e facciamo un buco
di un decimo di millimetro, si formerà a due metri di distanza, e cioè
dall’altra parte del tubo un immagine di poco più di 1 cm con una buona
risoluzione, che se ingrandita con un oculare vi permetterà di vedere le
macchie senza bisogno di filtri affumicati.
Per reperire il tubo è sufficiente andare in un magazzino di edilizia, dove
troverete già dei tubi di due metri di lunghezza di plastica e quindi leggeri.
Poi per il resto dovrete industriarvi per poter fissare l’oculare dall’altra
parte.


L’oculare deve essere costituito da due lenti di buona convessità,
e cioè due lenti di ingrandimento, la prima è quella che si posta all’occhio ,
la seconda la porrete a distanza ravvicinata dalla prima, in tal modo otterrete
un ampio campo visivo. Potrete costruire il tutto con un tubicino che abbia il
diametro della lente.


Le lenti di ingrandimento le troverete facilmente anche
sulle bancherelle dei marocchini, oppure potrete utilizzare l’oculare di un
binocolo in disuso che avete in casa e questa sarebbe la soluzione ideale.
Rispetto alla lente il piccolo buco non ha bisogno della messa a fuoco per far
scorrere l’oculare.


Pertanto questo dovreste cercare di fissarlo in modo
corretto dall’altra parte del tubo (rispetto al foro)
Anche il buco di un millimetro è sufficiente per ottenere una discreta
risoluzione.
Poi dovrete industriarvi nel creare un supporto al tubo in modo che si possa
orientare come si vuole.


Mi è sempre piaciuta l’astronomia ed a 18 anni sono riuscito
a costruire un cannocchiale lungo un metro e quaranta. Mi ero comprato una grossa lente di 12 cm in
un negozio di Verona ed era una lente a due strati antiriflesso apposta per cannocchiali.


Si vedevano stupendamente gli anelli di Saturno, i satelliti
di Giove, i crateri lunari sembravano li a poca distanza, oltre alle stelle che
si vedevano stupendamente.


Dentro il piccolo carro delle Pleiadi avevo contato 47
stelle.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da delfi68 il Sab 28 Apr - 16:41

WOW..

Bravo, a te Galieleo ti fa una pippa!!
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Fux89 il Sab 28 Apr - 16:43

SauroClaudio ha scritto:"Adesso
consideriamo un astronave che si trovi lontanissima da qualsiasi sistema
stellare, la più lontana possibile dalle galassie, poniamo che
acceleri, risentirà ugualmente della inerzia in relazione alla sua
massa, e coloro che ci stanno sopra sentiranno una forza che li preme
verso i sedili esattamente come se ci fosse un sistema di riferimento,
ma in questo caso abbiamo detto che non c'è nessun sistema di
riferimento.
Questa frase non ha alcun significato. Un sistema di riferimento è semplicemente un insieme di coordinate che servono ad identificare la posizione di un punto nello spazio. Non è che stabilendo un sistema di riferimento per fare i calcoli si generino gli effetti delle forze...
Ed allora
quale sarà in questo caso il sistema di riferimento?
Puoi scegliere il sistema di riferimento che ti pare, ad esempio puoi sceglierne uno solidale con l'astronave, e in tale sistema di riferimento l'astronave è ferma.
Sarà lo spazio
stesso, che non è un vuoto ma un pieno, non è un nulla ma è un principio
di realtà.
Ed è nello spazio stesso che riscontriamo determinate
caratteristiche; è lo spazio che conferisce alla luce quella determinata
velocità, è lo spazio che conferisce ai corpi il principio dell'inerzia
in relazione alla massa.
Con scappellamento a destra?
La velocità della luce non è superabile ,
perchè a quella velocità l'inerzia diventa infinita. Per questo i
neutrini ed i neutralini non possono superarla, perchè hanno un minimo
di massa, la quale diventerebbe infinita se raggingessero la velocità
della luce.
Neutralini? Che cazzo sono?
E' pertanto probabile se non certo che viaggino
qualcosina sotto a tale velocità . Non possono violare le leggi dello
spazio, pertanto nell'esperimento del Gran Sasso c'è stato sicuramente
un errore.
Che ci sia stato un errore l'hanno detto gli stessi ricercatori che hanno condotto l'esperimento, non è che hai fatto una gran scoperta... In ogni caso, che nessuna particella dotata di massa possa raggiungere una velocità pari a c deriva dalla teoria della relatività. Se fosse stato verificato sperimentalmente che i neutrini possono viaggiare più veloci di c, vorrebbe dire che la relatività è "sbagliata". Per dirla con Feynman: It doesn't matter how beautiful your theory is, it doesn't matter how smart you are. If it doesn't agree with experiment, its' wrong. Ovviamente, le cose non sarebbero state così semplici, perché la relatività predice correttamente un sacco di fenomeni, ed è sempre stata in accordo con gli esperimenti.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da SauroClaudio il Sab 28 Apr - 17:35

Fux89 ha scritto:
SauroClaudio ha scritto:"Adesso
consideriamo un astronave che si trovi lontanissima da qualsiasi sistema
stellare, la più lontana possibile dalle galassie, poniamo che
acceleri, risentirà ugualmente della inerzia in relazione alla sua
massa, e coloro che ci stanno sopra sentiranno una forza che li preme
verso i sedili esattamente come se ci fosse un sistema di riferimento,
ma in questo caso abbiamo detto che non c'è nessun sistema di
riferimento.
Questa frase non ha alcun significato. Un sistema di riferimento è semplicemente un insieme di coordinate che servono ad identificare la posizione di un punto nello spazio. Non è che stabilendo un sistema di riferimento per fare i calcoli si generino gli effetti delle forze...
Ed allora
quale sarà in questo caso il sistema di riferimento?
Puoi scegliere il sistema di riferimento che ti pare, ad esempio puoi sceglierne uno solidale con l'astronave, e in tale sistema di riferimento l'astronave è ferma.
Sarà lo spazio
stesso, che non è un vuoto ma un pieno, non è un nulla ma è un principio
di realtà.
Ed è nello spazio stesso che riscontriamo determinate
caratteristiche; è lo spazio che conferisce alla luce quella determinata
velocità, è lo spazio che conferisce ai corpi il principio dell'inerzia
in relazione alla massa.
Con scappellamento a destra?
La velocità della luce non è superabile ,
perchè a quella velocità l'inerzia diventa infinita. Per questo i
neutrini ed i neutralini non possono superarla, perchè hanno un minimo
di massa, la quale diventerebbe infinita se raggingessero la velocità
della luce.
Neutralini? Che cazzo sono?
E' pertanto probabile se non certo che viaggino
qualcosina sotto a tale velocità . Non possono violare le leggi dello
spazio, pertanto nell'esperimento del Gran Sasso c'è stato sicuramente
un errore.
Che ci sia stato un errore l'hanno detto gli stessi ricercatori che hanno condotto l'esperimento, non è che hai fatto una gran scoperta... In ogni caso, che nessuna particella dotata di massa possa raggiungere una velocità pari a c deriva dalla teoria della relatività. Se fosse stato verificato sperimentalmente che i neutrini possono viaggiare più veloci di c, vorrebbe dire che la relatività è "sbagliata". Per dirla con Feynman: It doesn't matter how beautiful your theory is, it doesn't matter how smart you are. If it doesn't agree with experiment, its' wrong. Ovviamente, le cose non sarebbero state così semplici, perché la relatività predice correttamente un sacco di fenomeni, ed è sempre stata in accordo con gli esperimenti.

Non sai Fux89 cosa sono i neutralini. Ti riporto un sito:



http://www.scienzagiovane.unibo.it/darkmatter/6-dark-ricerche.html


I neutralini sarebbero particelle elementari supersimmetriche
neutre:potrebbero essere una delle componenti principali della materia
oscura. I neutralinipotrebbero collidere con i nuclei atomici di un
corpo celeste, come la terra o il sole, e potrebbero rimanere intrappolati al
loro centro tramite la forza gravitazionale.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Rasputin il Sab 28 Apr - 17:57

Sauro clicca sul tuo link in rosso Royales

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49722
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da SauroClaudio il Sab 28 Apr - 21:11

Rasputin ha scritto:Sauro clicca sul tuo link in rosso

Si, ho riportato una frase del sito che mi sembrava la più significativa.
Non ho inteso commentarla perchè si commentava da sola.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Rasputin il Dom 29 Apr - 8:58

SauroClaudio ha scritto:
Rasputin ha scritto:Sauro clicca sul tuo link in rosso

Si, ho riportato una frase del sito che mi sembrava la più significativa.
Non ho inteso commentarla perchè si commentava da sola.

Non hai cliccato sul tuo link in rosso, la parola "Supersimmetriche". Provaci

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49722
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da SauroClaudio il Dom 29 Apr - 14:39

Rasputin ha scritto:
SauroClaudio ha scritto:
Rasputin ha scritto:Sauro clicca sul tuo link in rosso

Si, ho riportato una frase del sito che mi sembrava la più significativa.
Non ho inteso commentarla perchè si commentava da sola.

Non hai cliccato sul tuo link in rosso, la parola "Supersimmetriche". Provaci

Ho cliccato, ma non capisco perchè mi venga fuori il Forum di Atei Italiani, nonostante il sito appartenga a Scienza Giovane dell'Università di Bologna

Forse Scienza Giovane ed Atei Italiani sono supersimmetrici

Qualcuno esperto di informatica mi spieghi.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da alberto il Dom 29 Apr - 15:06

Fux89 ha scritto:
Neutralini? Che cazzo sono?

SauroClaudio ha scritto: Non sai Fux89 cosa sono i neutralini.

certo Fux che sei ignorante come una capra! allora, se non sai neanche discettare su particelle solo IPOTIZZATE sei davvero un asinaccio. carneval

ma costa davvero troppo divertirsi (certo!) a immaginare, congetturare, sognare persino, rimanendo però serenamente collegati ai FATTI?




alberto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2604
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 26.12.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da Rasputin il Dom 29 Apr - 17:24

SauroClaudio ha scritto:
Rasputin ha scritto:
SauroClaudio ha scritto:
Rasputin ha scritto:Sauro clicca sul tuo link in rosso

Si, ho riportato una frase del sito che mi sembrava la più significativa.
Non ho inteso commentarla perchè si commentava da sola.

Non hai cliccato sul tuo link in rosso, la parola "Supersimmetriche". Provaci

Ho cliccato, ma non capisco perchè mi venga fuori il Forum di Atei Italiani, nonostante il sito appartenga a Scienza Giovane dell'Università di Bologna

Forse Scienza Giovane ed Atei Italiani sono supersimmetrici

Qualcuno esperto di informatica mi spieghi.

Io direi che più che altro ti conviene dare un'occhiata qui

http://atei.forumitalian.com/t2360-piccolo-manuale-per-l-uso-del-forum#45937

wink..

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49722
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: domande sulla materia

Messaggio Da SauroClaudio il Dom 29 Apr - 21:25

Proviamo:

http://www.scienzagiovane.unibo.it/darkmatter/6-dark-ricerche.html

E cosa cambia?
Volete che commenti il testo?
Lo faccio con calma, ma domani.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 12 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum