La "chiamata di dio"

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Spica il Ven 6 Apr - 10:49

Poi tutti i nostri incontri erano incentrati sul capire cosa dio vuole da noi e come “sentire la sua voce” e, nonostante tutte le cose già dette, nonostante tutte le esagerazioni che io riconducevo anche alla debolezza umana di preti e suore, è su questo punto, sull’illusione che dio ci parli che si fonda tutto il venire meno della mia fede. Non le esagerazioni delle persone, non i loro errori, nè le numerose incoerenze con la logica e la scienza che comunque riconoscevo, ma il venir meno proprio del rapporto con dio e il non sentirlo mi ha fatto capire che non esiste.

Perché già avrete notato che chi crede, anche senza essere suora o prete, basa la sua fede sul “sentire dio e il suo amore”. Giusto per dire cosa rende tanto felici le suore da rinunciare a tanto (non dico tutto perché dietro il voto di povertà ci sta sempre il fatto che stanno in ville, conventi con stanze enormi e quadri.. ) bisogna fare una premessa, cioè che si deve credere fermamente, senza ombra di dubbio: allora quando si prega non ci si annoia perché si crede davvero di parlare a un dio misericordioso che è sempre con te, che ti capisce, che ti ama. dio, più che un padre, diventa un amico perfetto. Forse direte che un amico risponde però, ma la gioia intensa che si prova è dovuta al fatto che dio è quasi dentro di te. Cioè: viene a mancare la distanza che ci separa dagli altri e ci fa sentire soli. È quasi estasi. È perfetto. E poi molti si accontentano come prova proprio del fatto che si sentono meglio e con più forze.

Quando dicevo il rosario stavo meglio e credevo di aiutare quelli per cui pregavo. Col tempo ho capito che non importa che esista dio, l’oggetto della tua felicità per essere felici, ma basta che tu creda che questo esista. E ho capito cosa è realmente la preghiera:
1) Autosuggestione per eccellenza, quasi effetto placebo: prego – credo che dio mi ascolti – sto già meglio. Ma ha mai risposto? Naturalmente no. Se si trova la soluzione a un problema non è dio che ce lo ha detto ma noi che col ragionamento, essendo alle strette, abbiamo scoperto la soluzione. Soprattutto quando ho smesso di credere non è stato immediato, a momenti credevo e in altri no: quando credevo dio lo sentivo, quando non credevo non più, e poi ricredevo e lo risentivo e smettevo di credere e di nuovo il nulla e silenzio. Allora ho capito che ero io ad autosuggestionarmi.
2) Effetto sfogo: quando si scrive su un diario segreto nessuno legge, talvolta già si sta meglio. Il solo fatto di arrabbiarsi con dio, permette di sfogarsi.
3) Amico immaginario: chi prega molto di solito è solo e triste o ha problemi vari…
4) Un monologo: in realtà si parla al muro perché non c’è mai risposta. Il mio EX-direttore spirituale disse a un certo punto: “Non ti scandalizzare: ma noi preghiamo sempre IN dio: se noi preghiamo è perché Egli è già dentro di noi”. Dunque chi prega e non sente nulla, chi prega persino senza credere per chiedere a dio di ridonarci la fede, chi prega solo per disperazione e per solitudine, ospiterebbe dio dentro di sè! Io non ho mia preteso quando pregavo che mi esaudisse, perché nella logica cristiana è la sua volontà che si fa. Come tutti pregavo solo per aver la forza di superare le situazioni. Ma potrebbe rispondere in modo chiaro, no? O altrimenti non deve pretendere che lo preghiamo! Poi il direttore diceva pure che dio ha già risposto!?! E sta a noi capire cosa



Ripenso ad alcuni esempi, tra i tanti, di inutilità della preghiera:
- dio, che tanto non esiste, non ascolta nemmeno le suore: una mia amica ha sofferto per tutta la vita e c’era una suora che pregava per lei e, quando vedeva che la situazione non migliorava, diceva che tirava le orecchie a Gesù
- le suore da cui andavo pregavano per la mia serenità, ma io stavo molto male anche perché iniziavo a capire che dio è solo un’invenzione della mente. Risultato: se sono qui è perché le loro preghiere non hanno funzionato
- spesso si dice che non accade nulla quando si prega, ma aggiungo che anche quando non si prega non cambia nulla. Non è che ti accadono sciagure e maledizioni quando smetti di pregare, solo il silenzio, il vuoto e il nulla restano
avatar
Spica
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 239
Età : 31
Località : Roma
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Rasputin il Ven 6 Apr - 10:57

Spica tra le altre cose hai esposto esaurientemente un semplice concetto che un apprezzato utente di questo forum un giorno sintetizzò cosí: al credente in realtà non interessa se esista oggettivamente o meno un dio, tutto quello che vuole è strafarsi della sua relidroga.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickock)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49701
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da loonar il Ven 6 Apr - 11:40

Rasputin ha scritto:Spica tra le altre cose hai esposto esaurientemente un semplice concetto che un apprezzato utente di questo forum un giorno sintetizzò cosí: al credente in realtà non interessa se esista oggettivamente o meno un dio, tutto quello che vuole è strafarsi della sua relidroga.

Ma dire qualcosa di tuo e di originale ti riesce difficile senza fare apologia del nazismo, vero?

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Steerpike il Ven 6 Apr - 12:27

Diva ha scritto:... esatto. Il problema e' che loro si giocano comunque la carta della "scelta personale", quando di personale non ha proprio niente. L prova di questo e' il fatto che io devo combatte tutti i giorni per non ritrovarmi con una figlia farcita di certe idiozie. Perche' purtroppo questa malattia mentale e' non solo accettata, ma anzi promossa dalla societa'. Quindi anche quella che a noi puo' sembrare una scelta personale non lo e' perche' le persone, fin da piccole, sono martellate da parenti, amici, scuola, istituzioni, che insegnano come la religione sia cosa buona e giusta. Una sorta di allucinazione collettiva di cui e' facilissimo cadere vittime, dove di libero arbitrio ce n'e' ben poco.
Scusate (e scusa Spica se vado un po' OT), ma in questi giorni mi sto rendendo conto sempre piu' di come la religione sia tutt'altro che una questione che si puo' pensare di relegare tranquillamente alla sfera privata... La religione e' il medioevo delle menti, dovrebbe essere proibita in una societa' che vuole avanzare. E' ridicolo che nel 2012 ancora spaccino per verita' certe superstizioni dei beduini del deserto di 2000 anni fa, infarcite di violenza, ingiustizia, diseguaglianza sociale. In una socita' che si possa
definire evoluta si dovrebbe promuovere il pensiero razionale, la diginta' della persona, l'amore per il sapere... Che tristezza tutto questo.
Parole sante.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Spica il Mar 10 Apr - 9:51

C’è un altro aspetto che riguarda il sentire dio. I preti insistono sul silenzio per poter sentire dio: il direttore spirituale mi disse che San Francesco si alzava per fare il volere di dio e mi ha fatto un esempio. Il santo si era guardato attorno chiedendosi “dio cosa desideri da me?”. Ha visto la basilica tutta logorata e ha capito che dio voleva che la risistemasse. Questo sarebbe dio che parla?? Io ho contestato dicendo che era una cosa che aveva pensato lui, non che dio gliela aveva detto. Il direttore ha insistito invece dicendo che era dio che ha parlato al suo cuore, ma io non mollavo e lui alla fine ha confessato stizzito: “Vabbè è ovvio che poi lo ha pensato lui”.

Altro esempio. Sempre il mio EX-direttore disse spiegandomi la Lectio Divina: “Dopo aver letto due volte un brano del Vangelo, bisogna chiudere gli occhi, stare in silenzio e ascoltare cosa dio ha da dirci”. Sarebbe la meditazione cristiana. Per me è più una semplice riflessione a cui inevitabilmente si arriva a delle conclusioni, cui noi arriviamo col ragionamento.

Inoltre molti individuano la voce di dio nella coscienza: a parte che non tutti hanno un certo senso etico, la coscienza dipende anche dall’educazione ricevuta. Per esempio non tutti hanno i sensi di colpa se fanno certe cose non socialmente accettate.

Per me dio non parla, non si sente! E la prova sta nel fatto che se io sto davvero in ascolto di dio, quindi senza pensare, questo non si sente! Ho praticato un po’ la meditazione buddista: dopo un primo passo molto difficile in cui vedi i tuoi pensieri passare e ti poni quindi come testimone esterno, è relativamente più semplice giungere a uno stato in cui la mente è vuota (ma davvero tanti mesi dopo). Questo, per me, è il silenzio dei pensieri. Quando ho incontrato il direttore spirituale già conoscevo un po’ di meditazione buddista e quindi quando mi ponevo in silenzio vero, in ascolto dio non si sentiva. Oltretutto, quando aspettate la risposta di un amico con cui state parlando, pensate ad altro? Quando lo ascoltate pensate ad altro? Così io cercavo di sentire dio e non anteporre il mio pensiero, ma niente! La meditazione cristiana è più una riflessione.

Invece chi crede pensa davvero di sentire dio, quindi è facilissimo confondere i propri pensieri con “la voce di dio”. Voglio solo dire che a questo punto non c’è da stupirsi se sono state fatte guerre in nome di dio. Spesso ci si chiede come è possibile fare cose orrende per dio. Beh, credo che quello che ho detto sulla riflessione cristiana spieghi abbastanza: si riflette, naturalmente condizionati dai propri interessi, e si crede che sia dio che ci parla, che sia la sua volontà.
avatar
Spica
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 239
Età : 31
Località : Roma
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da delfi68 il Mar 10 Apr - 9:57

Altro esempio. Sempre il mio EX-direttore disse spiegandomi la Lectio Divina: “Dopo aver letto due volte un brano del Vangelo, bisogna chiudere gli occhi, stare in silenzio e ascoltare cosa dio ha da dirci”. Sarebbe la meditazione cristiana. Per me è più una semplice riflessione a cui inevitabilmente si arriva a delle conclusioni, cui noi arriviamo col ragionamento.

Read more: http://atei.forumitalian.com/t4007p20-la-chiamata-di-dio#ixzz1rdCQHja9

Una sorta di Autoipnosi..
Sembra il tossico anziano che insegna al novello tossico come farsi l'inniezione di eroina..

Come se io mi guardo "profondo rosso" poi sto in silenzio a occhi chiusi. Non ci sarebbe da stupirsi se mi rivedo qualche scena del film..

avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da delfi68 il Mar 10 Apr - 10:02

Ho praticato un po’ la meditazione buddista: dopo un primo passo molto difficile in cui vedi i tuoi pensieri passare e ti poni quindi come testimone esterno, è relativamente più semplice giungere a uno stato in cui la mente è vuota

Read more: http://atei.forumitalian.com/t4007p20-la-chiamata-di-dio#ixzz1rdD0zLcX

Ho provato anch'io con la meditazione, ma dopo un po..o cominciavo a russare, o mi veniva fame e mi toccava mettere su una trippa coi fagioli..altre volte mi ritornavano in mente le tette di una mia ex..altre mi ricordavo di avere qualche "schicchera" di coca e allora mi veniva voglia di tirarmela su subito..poi, a furia di meditare mi passavano davanti agli occhi le bollette di stoporcoddidio di affitto..

Insomma meditare, per me, era una vera faticaccia..poi ci vuole anche fisico..star li fermo come un pollo congelato mi faceva sempre formicolare qualcosa..o una gamba, o una chiappa..ecchediamine, una tortura!!

Sono necessariamente ateo per esigenze improrogabili!!
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Spica il Mar 10 Apr - 10:09

Ah ah, si infatti non capisco proprio perché dovrebbe essere comoda la posizione del loto! Beh, da stabilità, si ma un male cane. Tanto che io assumevo quella di un quarto di loto (quindi senza i piedi incrociati).

E poi appena inizi a meditare il flusso di pensieri diventa ancora più grande all'inizio e si sentono pure un casino di pruriti ovunque....
avatar
Spica
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 239
Età : 31
Località : Roma
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Spica il Mar 10 Apr - 11:10

Ah ecco cosa mi viene in mente: prima di iniziare il “percorso spirituale” andai a confessarmi perché per anni avevo dubitato. Temevo anche che il prete me ne dicesse due e invece disse: “dio è sempre a braccia aperte che ci attende, noi ci allontaniamo ma lui attende”. Il bello è che tra i peccati c’è persino il dubbio, quindi lo stesso dubbio fa venire i sensi di colpa. Per questo molte persone che hanno i dubbi vanno subito dal prete quasi a farsi fare il lavaggio del cervello. Essendo il dubbio un peccato, credono che allontani solo dalla verità e non magari che porti ad essa. Si ha ancora più bisogno del perdono di dio. E quanto è buono a perdonarci (per loro) anche se non abbiamo creduto!! È un circolo vizioso!! Dal dubbio alla decisione di non credere c’è un abisso.

Oltretutto per chi è suora o aspirante suora perdere dio è perdere tutto! Quando avevo i dubbi mi dicevo “Se dio non esiste allora siamo già tutti all’inferno” (perché l’inferno è proprio l’assenza di dio, il non senso, il vuoto). E mi dicevo pure: “Preferirei andare all’inferno per non aver creduto anziché sapere che davvero dio non esiste”. Lo so che sono cose estreme, beh così potete ben valutare come il raccontare cose bellissime ma false può distruggere una persona un volta che questa scopre la verità.

In questo ambiente, di preti e suore è tutto estremo. Per esempio, riguardo al male o all’indifferenza di dio, per chi crede fermamente, in particolare per chi vuol farsi suora, è importante la cosiddetta “imitazione di Cristo”. Cioè ci si carica di una croce come Gesù, per la salvezza di ogni uomo. Pensate che c’era una suora da poco santificata che disse: “Ogni giorno senza sofferenza è un giorno perso”. Lo so, è esagerato (anche perché così come aiuti gli altri?). Ma rende l’idea. Si usa spesso l’argomento della sofferenza per dire che dio non c’è, invece (questo comunque lo sapevo dai tempi del catechismo) è la sofferenza che avvicina e innalza a dio.
avatar
Spica
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 239
Età : 31
Località : Roma
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Minsky il Sab 13 Set - 15:40


Pronto... Spica?...

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14220
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Justine il Sab 13 Set - 16:01

Ma qualcuno ha poi avuto idea sul perché un elemento a suo dire onnipotente abbia così bisogno degli umani, sviluppando una dipendenza verso di essi al limite dell'imbarazzante?
Chiamate, risposte, lungo i millenni... Sembra quasi una relazione disfunzionale plurisecolare

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da ToninoScalzo il Sab 13 Set - 16:19

Loki ha scritto:Ma qualcuno ha poi avuto idea sul perché un elemento a suo dire onnipotente abbia così bisogno degli umani, sviluppando una dipendenza verso di essi al limite dell'imbarazzante?
Chiamate, risposte, lungo i millenni... Sembra quasi una relazione disfunzionale plurisecolare
Spica è un simpaticone! Ha solo voluto dimostrare che i discorsi dei religiosi non sono dettati dall’incoscienza, ma li può fare anche un ateo ...
Basta solo avere un po’ di fantasia!
avatar
ToninoScalzo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 558
Età : 50
Località : Mantova
Occupazione/Hobby : Impiegato
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Justine il Sab 13 Set - 16:29

Ovvio, ma la domanda era... Profondamente sentita, comunque. ok

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da ToninoScalzo il Sab 13 Set - 16:38

Loki ha scritto:Ovvio, ma la domanda era... Profondamente sentita, comunque. ok
Beh ... allora io evito di risponderti!
Sai, solo chi conosce di persona il trascendente potrebbe spiegarti che ...
Come puoi tu – umile mortale –  sapere se Dio (l'onnipotente) ha o meno bisogno di te?
ahahahahahah
avatar
ToninoScalzo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 558
Età : 50
Località : Mantova
Occupazione/Hobby : Impiegato
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Justine il Sab 13 Set - 17:00

Chi conosce di persona il trascendente è chi lo immagina, per cui credo sia una domanda aperta praticamente a chiunque dell'immaginazione abbia il dono...

Chiediamo a 4000 trascendentalisti... Se otteniamo medesima risposta è perché è venuta meno, laddove ne servirebbe... La fantasia stessa.

Forse si dovrebbe essere più derridiani di fronte a certi tipi di immaginazione...

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da ToninoScalzo il Sab 13 Set - 17:35

In matematica esistono i numeri trascendenti ed è proprio quell’idea di trascendenza che ha innescato la fantasia di certe persone in direzioni apparentemente strampalate. Un po’ come gli astrologi che fanno perno su qualche concetto astronomico per meglio turlupinare i propri clienti.

Pur tuttavia, non bisogna mai dimenticare il valore positivo della nostra fantasia …
Einstein ha scritto: I concetti della fisica sono libere creazioni dello spirito umano, e non sono, nonostante le apparenze, determinati unicamente dal mondo esterno.
avatar
ToninoScalzo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 558
Età : 50
Località : Mantova
Occupazione/Hobby : Impiegato
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Justine il Sab 13 Set - 17:38

Cosa si intende per esterno, se pure l'immaginario (come dimostrano recenti esperimenti di imaging e ricostruzione del pensiero, oltre alla telepatia realizzata con stimolatori transcraniali) può essere decodificato?

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Minsky il Sab 13 Set - 18:37

ToninoScalzo ha scritto:
Spica è un simpaticone! Ha solo voluto dimostrare che i discorsi dei religiosi non sono dettati dall’incoscienza, ma li può fare anche un ateo ...
Basta solo avere un po’ di fantasia!

Spica è una ragazza, che a suo tempo ha rischiato di cadere nel tunnel della vocazione religiosa, e si è salvata grazie a questo forum. Purtroppo non è stato un salvataggio definitivo, e non ne abbiamo più notizia da parecchio tempo. Temo il peggio.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14220
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Justine il Sab 13 Set - 18:42

Comunque è spiacevole vedere così tanti utenti volatilizzati (notando i thread passati si vede quanti se ne siano andati col tempo).

D'altronde tutte scelte personali e insindacabili...(anche se anch'io, come Minsky, tendo a pensare il peggio, se ci si iscrive su forum atei per quietare una temporanea incertezza o scacciare un pungolo a cui non si sa dar nome... E che poi sfortunatamente finisce per essere identificato con la fede)

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Minsky il Sab 13 Set - 19:05

Loki ha scritto:Comunque è spiacevole vedere così tanti utenti volatilizzati (notando i thread passati si vede quanti se ne siano andati col tempo).
Già. Ma Spica non è banalmente il caso di un utente che si è stufato e ha preferito un altro passatempo.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14220
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Justine il Sab 13 Set - 19:16

Ok, allora taccio onde non parlare di cose di cui non so  wink..

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Minsky il Sab 13 Set - 19:35

Loki ha scritto:Ok, allora taccio onde non parlare di cose di cui non so  wink..
Bhé, c'è questo thread che racconta un po' della storia. L'ho tirato su col pretesto del maiale al telefono proprio perché mi piacerebbe che ragionassimo dell'argomento.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14220
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Justine il Gio 18 Set - 14:53

Ancora mi domando come si distingua la chiamata di un dio particolare. Se chiama Odino mi immagino si percepisca Asgard con le sue panoramiche vedute

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Minsky il Gio 18 Set - 15:05

Loki ha scritto:Ancora mi domando come si distingua la chiamata di un dio particolare. Se chiama Odino mi immagino si percepisca Asgard con le sue panoramiche vedute
Questa è un'ottima osservazione.

Come si fa a capire qual'è il dio che ci sta chiamando?

Per dire, Anubi per esempio, chiamerebbe abbaiando?



_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14220
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "chiamata di dio"

Messaggio Da Hara2 il Gio 18 Set - 15:13

Ma infatti ai vecchi tempi dio prima di tutto si presentava "Io sono il Dio di tuo padre, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe"
è che mo dovrebbe farla troppo lunga: "Io sono il Dio di tuo padre, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe, io sono l'unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato dalla stessa sostanza del padre e sono pure lo Spirito Santo che è Signore e dà la vita e procede dal Padre e dal Figlio....."


Ultima modifica di Hara2 il Gio 18 Set - 15:22, modificato 2 volte
avatar
Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1763
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum