Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Pagina 1 di 24 1, 2, 3 ... 12 ... 24  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 15:22

Saremo i cinesi dei cinesi?



delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Paolo il Dom 22 Apr - 16:14

Questo è quanto ho scritto nel topic "Tasse" proprio adesso circa la crisi.

Non credo che esista "la soluzione". Servono un insieme di cose che coinvolgono tutti i settori sociali. Preciso che non voglio difendere banche o altri poteri forti che hanno contribuito in modo determinate a provocare l'attuale situazione. Però anche questi poteri hanno preso tutto lo spazio che è stato a loro concesso. Tanto quanto tutti gli altri poteri. Nè più nè meno. E così l'editoria, la televisioni, le telecomunicazioni, il settore energetico, e tanti altri settori. Le leggi e le regole esistono. Il problema è che le autorità adibite al controllo non lo fanno e non le fanno rispettare. E questo non solo con i poteri forti, ma con tante altre categorie sociali. Basti pensare alla politica, alla finanza, la borsa, alle industrie ecc.. Dovrebbero essere proprio loro addetti a fare e far rispettare le leggi, invece sono proprio loro i primi a fregarsene e a fare i loro interessi. Con questi presupposi non è certo pensabile che poi tutte le categorie, a scendere nella scala economico sociale, si preoccupino di farlo. Come è pensabile che il presidente dell'INPS abbia 24 incarichi e da ognuno percepisce un compenso. E che compenso!! Così per il presidente di Equitalia, della polizia....

La crisi ha avuto origine da errori della gestione finanziaria di tutti i paesi industrializzati però ha trovato maggiore effetto su nazioni come l'Italia perchè qui si è anche sommata una crisi della struttura produttiva che non si è adeguata, per tempo, ai mercati che si stavano aprendo e globalizzando. Da un lato l'individualismo che ci caratterizza, dall'altro il troppo basso livello tecnologico e qualitativo delle nostre aziende, il bassissimo livello culturale dei vari imprenditori, ha fatto si che le aziende italiane non siano più competitive. Io non ho dati relativi alla tipologia di aziende che chiudono o che falliscono, ma di sicuro si tratta di strutture vecchie, male organizzate, poco produttive e, principalmente, teologicamente poco competitive. Una realtà italiana manifatturiera che produce oggetti con poco valore aggiunto (vestiti, stoffe, bulloneria, utensileria, poste, rubinetti, maniglie ....) ovvero piccoli oggetti ove non è richiesta nè una grande tecnologia nè un alto livello di qualità. Oggi queste realtà non possono più competere con l'offerta di prodotti che arrivano principalmente dall'oriente, con prezzi molto bassi e con grandi quantità. Se tu ordini via internet un qualche oggetto in Cina in tre quattro giorni, tramite DHL, ti viene recapitato a casa. E a prezzi enormemente più bassi rispetto una ditta italiana, che è, magari, a qualche chilometro. Questo ha determinato la chiusura di un infinità di piccole o medie realtà produttive italiane. Inoltre c'è da tenere conto che l'apertura dei paesi ex comunisti sui nostri mercati ha fatto si che si potesse usufruire di sevizi come i trasporti o di stoccaggio e assemblaggio molto più efficienti dei nostri.

Io di tutto questo ritengo che i primi responsabili siano gli imprenditori stessi che negli anni buoni anziché investire nelle proprie aziende hanno preferito comprarsi case, ville, barche, bot, o portare i soldi in Svizzera.... Chi invece ha investito nella propria attività accontentandosi di un giusto profitto, aggiornando le strutture, gli impianti, la tecnologia, investendo sulle innovazioni e su sane politiche di vendita, oggi, anche con difficoltà, bene o male va avanti.

Poi sul fronte sociale de economico si sono fatti errori strategici, causati da una insensata demagogia e da una corruzione, che hanno provocato una crisi delle strutture pubbliche. Non si sono costruite centrali nucleari, strade, ferrovie, porti ecc... Oggi abbiamo un'energia, trasporti, logistica troppo cara e non riusciamo a competere con le altre realtà europee. La burocrazie asfissiante, il costo del lavoro, anche a causa una assurda tassazione e di regole antiquate, fa si che, non solo non ci sono imprenditori stranieri che vogliano investire in Italia, ma chi può trasferisce le produzioni in nazioni che offrono opportunità ben più interessanti.

E cosa fare? Io non ho idea. Non credo che esista una soluzione. Ritengo che le cose non cambieranno molto. Ci sarà una selezione darwiniana, dove i più deboli verranno spazzati via, con tutti i drammi umani che tutti i giorni leggiamo sui giornali, con suicidi, povertà, migrazioni. Poi col tempo le cose andranno migliorando, si creerà una nuova classe dirigente e una nuova classe politica e .....vedremo!

Read more: http://atei.forumitalian.com/t1658p50-tasse#ixzz1smo8g27l


Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 16:35

era sufficiente il link, ma ti confermo che stai sbagliando ancora una volta, come ogni volta che parli di politica..

La crisi italiana, quella politica, quella diversa da qualunque altra crisi del mondo e' causata dalla classe politica che sta al potere da oltre quarant'anni!!! e anche della classe politica d'opposizione..

Se grillo e iul M5S li spazzera' via tutti, qui diventeremo un paese almeno civile quanto la germania o l'olanda..et similia..

Io non ci credo che siamo cosi e basta!
Non e' vero..

Spero che li spazzino via tutti!!! non uno dei vecchi politici, non uno che e' stato per due volte eletto, deve ripresentarsi al parlamento..

Monti, la merda che era consigliere di Pomicino non e' meglio di Berlusconi, che era il prestanome di Craxi..

E da D'Alema a Bersani, passando per Occhetto alla Finocchiaro o ai radicali, tutti loro pure vanno spazzati fuori dal parlamento!!!

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Sally il Dom 22 Apr - 16:39

Quoto Delfi. L'unica speranza che abbiamo di farcela e' quella di buttare fuori dal parlamento tutti (TUTTI) i vecchi politici che hanno governato l'Italia fino ad adesso. Il solo motivo di avero "dovuto" istallare un governo tecnico e' rappresentativo del fatto che noi stiamo pagando una classe di politici eletti (e non eletti, tramite i finanziamenti ai partiti) e che questa schiera di persone non sono altro che parassiti della societa, totalmente incapaci di amministrare un paese (poiche' troppo impegnati ad amministrare i propri beni). Devono essere cacciati.

Sally
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4886
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 16:42

Se ne sbattiamo fuori almeno 350 o 400 tra senato e parlamento, gli altri dovranno solo scappare all'estero e le cose a cui siamo abituati, ossia "sponde" e connivenze tra politici che si reggono i giochi a vicenda finira'!!

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Sally il Dom 22 Apr - 17:01

Entri anche tu nell'attivismo politico?

Sally
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4886
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 17:13

Facciamoci da soli il nostro governo!!


delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Paolo il Dom 22 Apr - 17:13

delfi68 ha scritto:

era sufficiente il link...

Lo so, ma ritengo che il copia-incolla sia più efficacie dal punto di vista grafico, anche per facilitare la risposta.

delfi68 ha scritto:

La crisi italiana, quella politica, quella diversa da qualunque altra crisi del mondo e' causata dalla classe politica che sta al potere da oltre quarant'anni!!! e anche della classe politica d'opposizione..

Se grillo e iul M5S li spazzera' via tutti, qui diventeremo un paese almeno civile quanto la germania o l'olanda..et similia..

Si, però al parlamento poi ci dovresti mandare i tedeschi o gli olandesi! Allora i problemi li risolvi di sicuro. Poichè andranno ancora gli italiani sarà tutto come prima!!

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 17:16

Quelli che sono al parlamento da decenni e i professionisti della politica NON SONO GLI ITALIANI, ma sono degli italiani delinquenti, corroborati e spalleggiati da loro correi, e che hanno occupato il parlamento e il governo.,.

L'italia sta anbcora galleggiando, nosotante quei pezzi di merda, proprio perche' gli Italiani sono altro e altri..

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Paolo il Dom 22 Apr - 17:21

delfi! sei un illuso. Io ogni volta sento sempre dire le stesse cose. Prima tangentopoli adesso grillo. Poi tutto come prima. Io non ci credo più. Tu sogna pure ...io no!

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 17:28

Non e' questione di sognare, e' questione di fare, e non sentirsi sconfitti in quanto costretti alla considerazione che si deve CAMBIARE a votare e a pensare.

Smettere con i propri preconcetti politici, e ammettere di esserci sbagliati, non significa che la politica ha sbagliato e sbagliera' sempre, significa che NOI abbiamo sbagliato in continuazione..

Due legislature e poi fuori! ..niente pregiudicati, referendum propositivi, energie rinnovabili e recupero delle spesi assurde tra armi e imprese faroniche..


Tu a destra e io a sinistra abbiamo sbagliato! e adesso che stanno sconfiggendo le destre e le sinistre non dobbiamo fare il broncio e tirarci fuori, dicendo, io non gioco piu'!! Finche' vincevate voi, o vincevamo noi, non eravamo stufi eh!!???

..adesso si ammette tutti quanti che siamo stati degli emeriti stronzi, destre e sinistre, e SI SBATTONO FUORI 650 persone dal parlamento..semplice..

Il dopo fa parte del futuro..non del passato.

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da silvio il Dom 22 Apr - 18:01

Certo che se togliessimo una classe di corrotti, inetti, dal parlamento non sarebbe male, potremmo respirare e riprenderci.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 18:12

Guarda sul 3D dedicato al governo, sto scoprendo, piano piano, che molti di questo governo avevano legami con quello di Andreotti dell 89/93 ..da Monti, consulente di Pomicino...

E' una storia di classe politica che non molla l'osso..bisogna sradicarli...

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Paolo il Dom 22 Apr - 18:17

Delfi, io non sono mai stato di destra! Il fatto di dichiararmi anti-comunista non fa di me uno di destra. Io avevo votato all'inizio Lega perchè diceva le stesse cose, anche se in modo del tutto diverso, che i grillini dicono adesso. Poi sono da più di 15 anni che non voto più nessuno. Mi ero illuso che una forza nuova e trasversale, diciamo apartitica come si presentava allora la Lega poteva essere una soluzione. Poi sono andati anche loro a Roma, hanno iniziato una deriva razzista e populista e li ho abbandonati. Poi vedi come sono andate le cose.

Io non credo che un sistema si possa riformare dell'interno e in modo spontaneo. Il fatto di cambiare tutti i politici è sicuramente un passo avanti, ma nè risolutivo nè realizzabile. Siamo in uno stato democratico e i politici vengono eletti tramite le elezioni. E così ti ritrovi gli stessi politici di prima.

Io mi ero già espresso su questo. Penso che la burocrazia e lo statalismo stia soffocando le democrazie anche le più avanzate. Per me non c'è via d'uscita. Solo la selezione naturale. Ma una soluzione politica, anche con tutti i cambiamenti che vuoi, non ci sarà mai.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 18:19

..M5S e' a piu' del 20%..ma tenendo conto delle falsita' dei giornali, dovrebbe sfiorare il 25 o piu'..bisogna scardinare il sistema dei vecchi politici, senno' siamo complici, anche se non votiamo..

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Paolo il Dom 22 Apr - 18:26

Io sono d'accordo con Grillo sulla diagnosi, ma non sulle soluzioni che propone. Perciò non lo voterei. E come me ci saranno milioni di italiani che non lo approvano. Di conseguenza nel migliore delle ipotesi riuscirai a modificare di poco gli equilibri politici. Ma nulla di più.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da silvio il Dom 22 Apr - 18:27

Molti Italiani sono allo stremo in tutti sensi, compreso il senso morale, è naturale che Grillo susciti consensi, non è un fatto negativo, però bisogna anche comprendere se questo movimento è strutturato per una capacità di azione effettiva e competente.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 18:31

Quali soluzioni vorresti tu?

Dimmi quattro (non di piu') problemi e 4 soluzioni auspicabili dal tuo punto di vista..

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da silvio il Dom 22 Apr - 18:38

delfi68 ha scritto:



Quali soluzioni vorresti tu?

Dimmi quattro (non di piu') problemi e 4 soluzioni auspicabili dal tuo punto di vista..

primo : eliminare l'influenza della politica nell'economia, corruzione basta.

secondo: eliminare le grosse organizzazioni criminali, usura in primis.
terzo: dare respiro alle imprese in difficoltà, non soldi ma una riduzione fiscale e una dilazione importante nelle tasse da pagare.


Quarto: efficienza nella spesa pubblica



Ultima modifica di silvio il Dom 22 Apr - 18:58, modificato 1 volta

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da delfi68 il Dom 22 Apr - 18:41

http://www.beppegrillo.it/2012/04/programma_a_5_stelle/index.html?s=n2012-04-22


ECONOMIA
• Introduzione della class action
• Abolizione delle scatole cinesi in Borsa
• Abolizione di cariche multiple da parte di consiglieri di amministrazione nei consigli di società quotate
• Introduzione di strutture di reale rappresentanza dei piccoli azionisti nelle società quotate
• Abolizione della legge Biagi
• Impedire lo smantellamento delle industrie alimentari e manifatturiere con un prevalente mercato interno
• Vietare gli incroci azionari tra sistema bancario e sistema industriale
• Introdurre la responsabilità degli istituti finanziari sui prodotti proposti con una compartecipazione alle eventuali perdite

Impedire ai consiglieri di amministrazione di ricoprire alcuna altra
carica nella stessa società se questa si è resa responsabile di gravi
reati
• Impedire l’acquisto prevalente a debito di una società (es. Telecom Italia)
• Introduzione di un tetto per gli stipendi del management delle aziende quotate in Borsa e delle
aziende con partecipazione rilevante o maggioritaria dello Stato
• Abolizione delle stock option
• Abolizione dei monopoli di fatto, in particolare Telecom Italia, Autostrade, ENI, ENEL, Mediaset, Ferrovie dello Stato
• Allineamento delle tariffe di energia, connettività, telefonia, elettricità, trasporti agli altri Paesi europei

Riduzione del debito pubblico con forti interventi sui costi dello
Stato con il taglio degli sprechi e con l’introduzione di nuove
tecnologie per consentire al cittadino l’accesso alle informazioni e ai
servizi senza bisogno di intermediari
• Vietare la nomina di persone
condannate in via definitiva (es. Scaroni all’Eni) come amministratori
in aziende aventi come azionista lo Stato o quotate in Borsa
• Favorire le produzioni locali
• Sostenere le società no profit
• Sussidio di disoccupazione garantito
• Disincentivi alle aziende che generano un danno sociale

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da silvio il Dom 22 Apr - 19:01

Si ma sono cose che non arrivano ad aiutare gente come te e me e milioni di altri, che sono la realtà, il movimento deve partire da chi veramente è tagliato fuori, chi sta annegando nella indifferenza generale, le idee devono partire da chi sta nella merda per colpa di questo stato di cose.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Paolo il Dom 22 Apr - 19:05

delfi68 ha scritto:Quali soluzioni vorresti tu?

Dimmi quattro (non di piu') problemi e 4 soluzioni auspicabili dal tuo punto di vista..

Beh mi fai una domanda cui non ti so rispondere. So che è facile criticare e poi non proporre qualcosa di risolutivo o quanto meno di alternativo. E non è che non abbia delle idee, ma io per soluzione intendo una proposta che sia realizzabile. Inutile dire bisogna fare così...bisogna fare questo....bisogna mandare via questo o quello. Se poi sono proposte irrealizzabili non servono a nulla. La teoria non serve a nulla. Tutti siamo capaci a dire quello che sarebbe giusto fare, ma poi dire come realizzarlo è tutta un'altra cosa. Non dimentichiamo che in Italia il 90% della popolazione è cattolica. Già questo la dice lunga. Poi cè il Vaticano. Il sud non è governabile. Trovare una via d'uscita non è certo facile. Non quattro, non ne ho nemmeno una!! Come ti ho detto io non credo che esistano soluzioni. Saranno solo i fatti a imporre le cose.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da silvio il Dom 22 Apr - 19:07

Delfi deve poter aprire un'attività, senza essere taglieggiato dai vigili, dal comune, dall'asl, dal fisco, che beneficio ha la società dal lasciarlo nel limbo dei senza patria.

Delfi non è il solo, sono milioni così, che pure potrebbero dare un contributo alla pace e prosperità sociale di questo paese.

Chi ha i conti in banca a posto, un buon lavoro, non capisce i veri bisogni di un paese che naufraga perchè c'è una classe che si mangia tutto quello che può.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da PaperJack il Dom 22 Apr - 19:35

Silvio, il movimento che descrivi tù è già avvenuto decenni fa, guidato da un certo Lenin wink..

PaperJack
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 271
Età : 23
Località : Bulgaria, Sofia
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 08.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il terzo,ma forse secondo "partito"italiano

Messaggio Da Rasputin il Dom 22 Apr - 19:36

silvio ha scritto:Delfi deve poter aprire un'attività, senza essere taglieggiato dai vigili, dal comune, dall'asl, dal fisco, che beneficio ha la società dal lasciarlo nel limbo dei senza patria.

Delfi non è il solo, sono milioni così, che pure potrebbero dare un contributo alla pace e prosperità sociale di questo paese.

Chi ha i conti in banca a posto, un buon lavoro, non capisce i veri bisogni di un paese che naufraga perchè c'è una classe che si mangia tutto quello che può.

Bravo Silvio

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 24 1, 2, 3 ... 12 ... 24  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum