Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da SergioAD il Sab 28 Apr - 11:45

Credete che succeda spesso di non capire quello che dicono gli altri ma anche di non essere compreso mentre pensate di dire cose triviali e vi annoiate?

Qualcuno di voi cambia discorso per rendere la vita più semplice a quelli che non capiscono, dare ragione quando c'era da fare ulteriori precisazioni.

Avete aperto dei thread per le espressioni idiomatiche per i strafalcioni e pure li dentro c'è qualche perdita di attenzione che poteva essere evitata.

Ma si tratta di superficialità oppure è così che vanno le cose quotidianamente. Quando si allunga un argomento è per farsi capire? È noioso o no?

Il secondo filmato è per avere una veloce idea di cosa sto parlando. Il video qui sotto invece è davvero interessante. Siamo sempre in uno dei due ruoli?




C'è tanto da discutere dipende da quale parte vediamo l'apprendimento.

afro

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Paolo il Sab 28 Apr - 12:11

Io di questo ne so qualcosa perchè, anche se non mai accertato, soffro di dislessia. E questo mi ha creato non pochi problemi da piccolo anche perchè allora non penso fosse nemmeno conosciuta e tanto meno da maestre o professori.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8776
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da anteo il Dom 29 Apr - 16:15

dislessia, tutti handicap e nessun vantaggio?
avatar
anteo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 473
Località : Firenze (prov)
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Paolo il Dom 29 Apr - 19:45

anteo ha scritto:dislessia, tutti handicap e nessun vantaggio?

Non ho idea. Quello che ti posso dire è che io riesco a riconoscere e leggere rapidamente le parole perchè le ho memorizzate nel loro insieme e non lettera per lettera. Le parole nuove le devo analizzare e memorizzare, perciò mi serve il tempo necessario. Lo stesso per i numeri. Se non metto il punto ogni tre cifre faccio fatica a capire la cifra. Se poi c'è una serie di numeri tutti uguali (00000000000 o 7777777777 o 555555 ...) mi è impossibile contarli a vista.

Se vi siano dei vantaggi non nè ho idea. Quello che posso dirti che a scuola mi ha creato non pochi problemi!! Me la sono sempre cavata ma con non poche difficoltà.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8776
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da anteo il Lun 30 Apr - 16:04

Paolo ha scritto:
Non ho idea. Quello che ti posso dire è che io riesco a riconoscere e leggere rapidamente le parole perchè le ho memorizzate nel loro insieme e non lettera per lettera. Le parole nuove le devo analizzare e memorizzare, perciò mi serve il tempo necessario. Lo stesso per i numeri. Se non metto il punto ogni tre cifre faccio fatica a capire la cifra. Se poi c'è una serie di numeri tutti uguali (00000000000 o 7777777777 o 555555 ...) mi è impossibile contarli a vista.

Se vi siano dei vantaggi non nè ho idea. Quello che posso dirti che a scuola mi ha creato non pochi problemi!! Me la sono sempre cavata ma con non poche difficoltà.

Per me tutte le parole sono così. Sillabare è il metodo (oggi superato) con cui ho imparato a leggere. Ora sono di un lento...

Poi, scivendo, ti capita di saltare la successione di parole o numeri?
avatar
anteo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 473
Località : Firenze (prov)
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Paolo il Lun 30 Apr - 18:01

anteo ha scritto:
Paolo ha scritto:
Non ho idea. Quello che ti posso dire è che io riesco a riconoscere e leggere rapidamente le parole perchè le ho memorizzate nel loro insieme e non lettera per lettera. Le parole nuove le devo analizzare e memorizzare, perciò mi serve il tempo necessario. Lo stesso per i numeri. Se non metto il punto ogni tre cifre faccio fatica a capire la cifra. Se poi c'è una serie di numeri tutti uguali (00000000000 o 7777777777 o 555555 ...) mi è impossibile contarli a vista.

Se vi siano dei vantaggi non nè ho idea. Quello che posso dirti che a scuola mi ha creato non pochi problemi!! Me la sono sempre cavata ma con non poche difficoltà.

Per me tutte le parole sono così. Sillabare è il metodo (oggi superato) con cui ho imparato a leggere. Ora sono di un lento...

Poi, scivendo, ti capita di saltare la successione di parole o numeri?

A me capita di invertire l'ordine delle lettere all'interno della parola senza accorgermi. Se poi la parola è lunga non riesco a trovare l'errore ed è per me molto più semplice scriverla di nuovo. Con i numeri non ho dei reali problemi, a parte la lettura di lunghe serie di numeri uguali.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8776
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da SergioAD il Mar 1 Mag - 8:56

Come si può osservare non siamo tutti uguali ma non siamo nemmeno soli.

Ho conosciuto un musulmano integralista che ha fatto questa affermazione: Il tempo dei profeti è finito, ora sappiamo e non abbiamo scuse per non comportarci bene.

Il messaggio non era rivolto agli ignoranti, i popoli che non hanno avuto l'occasione di conoscere l'Islam ma a quelli che pur sapendo non si comportano come dovrebbero.

Sono cose scontate e non serviva fra cazzo da velletri per questa perla, ma i miei amici figli di puttana vogliono citazioni come non fossimo in grado di pensare da soli.

L'argomento è difficoltà d'apprendimento partendo dalla dislessia. Facciamo che una lineetta rappresenti una matita. Il 95% di noi la vede in queste 5 inclinazioni _\|/_.

Il restante 5% di noi oltre l'oggetto matita deve decodificare la domanda, elaborare il contesto prima di rispondere. Una fase addizionale rispetto agli altri e serve tempo.

Il 95% "vede" la risposta e 5% decodifica la domanda per identificarsi coi bambini, che c'è un oggetto da scoprire e che è nella mano della istruttrice, grosso modo.

Allora vale anche per la p, la sua speculare q e rispettive rovesciate b e d che per quel 5% possono essere la stessa cosa. La domanda "Bambini! Cos'è questo?"

Non è una malattia. Molti VIP hanno difficoltà d'apprendimento e sono esempi di successo. Leonardo Da Vinci, Einstein, Churchill, J.F Kennedy, W. Disney, T. Cruise.

Qualcuno dice che la dislessia è legata a eruzioni di genialità. Ah ah! Allora siamo alle solite, il problema lo provocano gli altri, quelli che sarebbero i gioiosi "normali".

No no, sono un bastardo anche io! Per ora mi accontento di accorgermi e di cercare di assumere la necessaria amichevolezza in ogni circostanza, nel limite del possibile.

Ieri il guardiano, che non mi conosceva, prima di alzare barra ha chiesto "dove andate?"! "a casa!", rispondo io e dopo una breve pausa ho detto il nome della via.

Dal mio tono ha capito la contro sfida ed ha alzato la barra. Conclusione, lui poteva essere ineducato ma io non dovevo essere stronzo, ah ah, chissà se lo rifà? Io no!

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da mix il Mar 1 Mag - 11:21

grazie SergioAD, il video da te proposto è molto interessante e mi fa rimettere in discussione alcuni miei comportamenti spontanei, che non tengono conto di fattori come questi.
lo ritengo uno stimolo culturale di alto valore.
da diffondere tutte le volte che avrò l'occasione di farlo.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Steerpike il Mar 1 Mag - 16:09

SergioAD ha scritto: _\|/_
A me fa pensare ad un'esplosione.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da SergioAD il Mar 1 Mag - 16:36

Steerpike ha scritto:
SergioAD ha scritto: _\|/_
A me fa pensare ad un'esplosione.

Intendi che hai letto la frase che segue...
Facciamo che una lineetta rappresenti una matita. Il 95% di noi la vede in queste 5 inclinazioni _\|/_.
e la figura _\|/_ come primo impatto ti abbia fatto pensare ad una esplosione da dover rileggere la frase?

Nel filmato Lavoie mostra una penna tenuta in verticale e poi mettendola dice che tenendola in orizzontandole il dislessico avrebbe difficoltà a riconoscerla. Dice che mentre il 95% di noi preleva l'informazione dove l'aveva depositata 5% spende più tempo a trovare il percorso e difatti farebbe un'altra associazione.

Da qui per chi ha difficoltà d'apprendere sono necessari alcuni trucchi che secondo me aumentano le sue capacità cognitive.

Ma leggi la frase e vedi un'esplosione? Oppure ti viene in mente anche l'esplosione? Il sole che nasce, due occhi socchiusi e arrabbiati, etc...

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Steerpike il Mar 1 Mag - 16:46

Mi è saltata agli occhi prima di leggere la frase sovrastante, in quanto sequenza anomala di caratteri, e ho pensato ad un'esplosione. Successivamente, dopo aver letto la frase, riconosco che sembra molto vagamente anche una matita.
Potrebbe essere anche il sole che sorge, anche se le linee dovrebbero convergere.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da SergioAD il Mar 1 Mag - 18:05

Sto scherzando.

Comunque per tornare in tema se chiedo di fare finta che la lineetta rappresenti una matita io mi aspetto che non sia vagamente.

Altrimenti avrei dovuto preparare una sequenza di immagini con varie inclinazione di questa matita per spiegare quello che volevo dire.

La differenza tra la prima e la seconda è il tempo che avrei dovuto spendere e nel caso fossi un istruttore la mia professionalità.

In una scuola normale l'insegnate si rifiuta di dedicare più tempo ad un bambino solo per non fare un torto agli altri bambini che segue.

Come dire che se un bambino si sente male per non fare torti agli altri la maestra lo ignora. C'è un errore di fondo da qualche parte.

Ovvio che la cosa si replica in diverse situazioni.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da silvio il Mar 1 Mag - 18:19

Sto seguendo mio figlio che fa il primo scientifico, Fisica, nulla di difficilissimo, ma in ogni caso richiede impegno e tanta pazienza.

Apprendere è una sfida continua, poi vi sono persone portate e altre meno.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da SergioAD il Mar 2 Ott - 2:24

Da qualche giorno si legge una bizzarria che però è normale.

Ciò che va e viene dal cervello, passa attraverso processi di correlazione/ associazione tra dati e informazioni immagazzinate. Ogni volta che il dato viene "toccato" dalla sua locazione di memoria è possibile che l'informazione venga alterata e depositata in altre locazioni di memoria.

La bizzarria dice che più ci ricordiamo di una cosa e più la cambiamo o meglio è possibile che venga alterata come ho detto qui sopra. Allora riprendo cose che ho già detto, quando la mia capacità espressiva non era tanto messa in evidenza così come anche alcune capacità di comprensione.

Qui ho inserisco un collegamento che semplicemente sollecita l'inconscio a produrre interesse. http://atei.forumitalian.com/t2622-la-botola#55761

Qui ho spiegato il processo di cui sopra.

SergioAD ha scritto:Credo di capire il tuo punto di vista ed a me appare come il tempo che non viene percepito da alcune persone. Vorrei ridurre la cosa e vorrei parlare di un forno.

Attraverso la scala graduata l'utente vede una rappresentazione della temperatura, bada che non è reale ma rappresentata eppure l'utente medio non se ne rende conto.

Nella scala graduata non è necessario che l'utente sappia come avviene la conversione della temperatura al movimento dell'ago all'interno della scala graduata.

Non è nemmeno necessario che sappia che alcuni materiali all'interno del forno abbiano raggiunto la temperatura prima di altri oppure che avvengono delle variazioni.

...

La mia è un'opinione insignificante se sostengo che la persuasione subliminale aumenta le vendite e viene utilizzata in ogni spot pubblicitario per regolare la nostra vita.

Io l'ho compresa (credo), attraverso due processi distinti. Osservazione, il sensore che cattura i dati e Orientamento, l'elaborazione che converte i dati in informazione.

Se ricordo noi siamo il risultato di una continua mediazione tra come ci si chiede di essere, come saremmo stati e come effettivamente ci mostriamo agli altri.

Durante la cattura dei dati vengono coinvolti i sensori e le zone dove questi vengono immagazzinati attraverso la distribuzione, condizionata con la periodica di campionamento cosciente X e, non condizionata con la periodica di campionamento subcosciente >X. Siamo in uno stato di ricezione in ogni caso.

Durante l'elaborazione dell'informazione vengono coinvolte ancora zone dove sono immagazzinati i dati e informazioni antecedenti, questo fa si che l'informazione corrente subisca delle correzioni, alcune di queste sono causate dai dati e informazioni subliminali, lo stato di conoscenza contiene un subconscio/imprevedibile, dalle stimolazioni casuali.

Con il cosiddetto “bombardamento subliminale”, 200.000 ripetizioni, iniziamo a rispondere a precise stimolazioni, siamo condizionati intenzionalmente, lo stato di conoscenza contiene il subconscio/prevedibile, dalla stimolazione specifica. Il cervello legge sottosopra, all'incontrario e da destra a sinistra...

Restano altri due processi che sono la conseguenza dei due citati sopra, Decisione, l'elaborazione converte l'informazione in consapevolezza della conoscenza e Azione, il fine dei processi precedenti.

...

L'argomento era stato iniziato da Comune mortale qui http://atei.forumitalian.com/t2622-la-botola#55706 non so se smise di interessarsi oppure preferì lasciare perdere ma almeno ci eravamo detti qualcosa ed era sembrato un foro.

Sono 7 discrete pagine con alcuni collegamenti esterni interessanti.

Se la nostra vita si basa sulla percezione degli eventi esterni, fittizi o reali, allora che siano emulati, simulati o reali non cambia molto.

Tutto va bene finché non si tirano le conclusioni.

Per esempio l'autistico può sembrare più un sordo che avere capacità intellettive inferiori e comunque non ha nulla a che fare con il pensiero degli esperti ma è vero che alla fine sono le regole socioculturali che determineranno lo stato di accettazione all'interno della società.

Il condizionamento ambientale.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Milden il Mar 2 Ott - 4:54

Io debbo essere in quel 5%, perché mai capisco quando si fanno queste cose in clase....

Io ho l'iperlessia.

Non posso leggere a voce alta, se lo faccio non capisco.

Un'altra diffiotá dell'apprendimento é la Sindrome da deficit di attenzione e iperattività, molto comune...anche c'é la disgrafia....i disturbi della comunicazione, e i disturbi generalizzati dello sviluppo

I professori non sono preparati per laborare con questi bambini e ragazzi....
avatar
Milden
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 21
Età : 21
Località : Nella mia testa
Occupazione/Hobby : Fare cose autistiche, pazze, e escrivere male.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 29.09.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da SergioAD il Mar 2 Ott - 6:28

Qui probabilmente non ci sono degli esperti ma qualcuno che ha vissuto esperienze che potrebbero essere accomunate nel calderone delle particolarità dell'apprendimento.

Nel seguente video alla fine parla degli "altri", quelli che giudicano e noterai che sono tanti e sembrano concentrarsi ovunque ci si trova. Ovunque si va c'è chi sa e giudica.

Nel video successivo poi, per chi proprio non comprende, si vede Ron Davis che ha capito di essere una persona, un essere umano e questo fa vincere ed è stato così per Ron!




Chi si esprime fuori dal comune senso è un soggetto, viene deriso apertamente o con insinuazioni oppure con delle paternali. Sentirsi offesi per questo è l'ultima cosa da fare.

Se guardi come scrivo io noterai che è più complesso rispetto alla norma ma non è difficile. La differenza è proprio il comune senso, ho scoperto gli amici i nemici e gli altri.

Anche in questo c'è differenza, con i nemici e gli altri per dibattere si scende in arena mentre con gli amici si va nel forum. Il mio caso è un caso particolare che ti dirò brevemente.

Costantemente sono apparso uno straniero per le origini famigliari, i luoghi di nascita dei nonni, dei genitori, mio, luoghi di crescita, di religione, le lingue ed infine le culture.

Ho sempre dovuto lottare per essere accettato poi, come ha fatto Ron sopra, ho deciso di non cercare di essere capito ma di accontentarmi di quelli che mi capiscono.

Crescendo ho imparato il senso dell'amichevolezza e mi sono trovato magicamente contornato di gente che ha la mia stima e comprensione - questo è un processo di benessere.

Così, qualche volta ho tempo perfino per curare degli innesti, metafore o la metrica di quello che scrivo. In questo messaggio non ci sono metafore ma solo innesti e la metrica.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Milden il Mar 2 Ott - 6:46

Qui probabilmente non ci sono degli esperti ma qualcuno che ha vissuto esperienze che potrebbero essere accomunate nel calderone delle particolarità dell'apprendimento.

Io non sono uno esperto, ma ma il mio intersse ossesivo e compulssivo mi a fatto racogliere molta informazione sui diversi tipi di disturbi a livello mentale.

Ora debo andare al Liceo, ma dopo finiró questo mensaggio.

Magari ti potrebbe interessare leggere sulla sindrome di asperger, sembrano ragazzi normali ma hanno un disturbo autistico, Ma sono verbali, e quindi, normalmente sono visti come ragazzi maleducati mentre hanno un disturbo delle habilitá sociali....e quindi, non vengono aiutati ne compresi a scuola e soffrono molto.



Scusati per gli errori, non ho tempo per prendere il vocabolari, me ne devo andare subito
avatar
Milden
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 21
Età : 21
Località : Nella mia testa
Occupazione/Hobby : Fare cose autistiche, pazze, e escrivere male.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 29.09.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Rasputin il Mar 2 Ott - 7:07

Milden ha scritto:Magari ti potrebbe interessare leggere sulla sindrome di asperger, sembrano ragazzi normali ma hanno un disturbo autistico, Ma sono verbali, e quindi, normalmente sono visti come ragazzi maleducati mentre hanno un disturbo delle habilitá sociali....e quindi, non vengono aiutati ne compresi a scuola e soffrono molto.

Eccone uno:


_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da SergioAD il Mar 2 Ott - 7:23

A dopo allora!

Errori? Ah ah! Sono una fonte di sapere e se si sta della parte giusta ovvero amichevolezza allora anche di grande rispetto.

Posterò un bellissimo video sulla sindrome di asperger... anche io vado in ufficio ora.

Si conferma quello che penso dei giovani! Sono grandi!

Ricordatevi di crescete mantenendo le vostre caratteristiche di ragazzo!

Ah ah! Aspettavo Raspa!

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Sabre03 il Mar 2 Ott - 7:54

Mi rendo conto solo ora, leggendo questo 3D che ho sempre parlato di mio figlio e dell’autismo solo in chiave relazionale…. “ha difficoltà nel relazionarsi con gli altri” è ciò che dico spesso a chi mi chiede cosa sia un bimbo affetto da autismo. Purtroppo c’è di più. Un bimbo autistico deve “imparare ad imparare”….

Esempio

Se butto una palla ad un bimbo normale egli la afferra e compie istintivamente tutto ciò che io ho fatto per rilanciarmela. Può farlo più o meno bene, questo si, ma il suo cervello non ha difficoltà a ricomporre la sequenza delle azioni.

Mio figlio semplicemente restava immobile, e se raccoglieva la palla non capiva di dovermela rilanciare… inutile gesticolare, inutile anche dirgli “ridammela“… Non solo il suo cervello non gli suggeriva l’azione uguale e contraria ma non capiva neanche ciò che gli chiedessi, come se parlassi una lingua a lui sconosciuta….

Un bimbo autistico è (anche) uno zero assoluto su cui lavorare…..
avatar
Sabre03
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 683
Età : 56
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Sabre03 il Mar 2 Ott - 8:00

considerando il fatto che 1 bimbo su 168 può dirsi oggi affetto da autismo forse riuscite a capire l'emergenza enorme a cui la società deve far fronte.... e che sistematicamente ignora trincerandosi dietro l'apparente razionalità del non fare.....
avatar
Sabre03
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 683
Età : 56
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Sabre03 il Mar 2 Ott - 8:08

Un altro esempio

Mio figlio, oggi ha 6 anni, non sa ancora andare in bicicletta. O pedala, o sterza, o frena.... non coordina le azioni a seconda delle situazioni.

Probabilmente fra qualche hanno sarà come l'amico F. di 15 anni. Lui in bicicletta sa andarci anche bene MA reclama il suo spazio... "vengo sempre con voi.... voglio andar da solo....."

Tutto bene? si se non fosse che è assolutamente (la testardaggine degli autistici è una roba che non ci si crede....) convinto di avere sempre e comunque la precedenza; anche con lo stop, anche col rosso...

Non vi dico la faccia del padre quando inopinatamente lo ha visto partir via col rosso mentre eravamo tutti fermi ad aspettare....
avatar
Sabre03
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 683
Età : 56
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Sabre03 il Mar 2 Ott - 8:17

Insomma F. (15 anni) non arriva a cogliere il pericolo associato al gesto/azione che compie. Bisogna insegnarli a cogliere il pericolo che il suo cervello "non ci arriva" ma anche così, essendo gli autistici molto spesso persi nei loro pensieri..... le probabilità di un incidente sono altissime.

Non si tratta semplicemente di "imparare a"..... ma di imparare ad imparare a..... il suo cervello deve cioè essere messo nella condizione di poter fare SEMPRE quelle semplici associazioni che un cervello normale compie.
avatar
Sabre03
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 683
Età : 56
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Milden il Mar 2 Ott - 14:22

Per me é stato molto utile rendermi conto delle mie differenze e quindi, studiare, leggendo e racogliendo informazione, su come mi dovrei comportare o su quale é il comportamento sperato/desiderato.

Ma, comunque, svaglio continuamente e sono quasi completamente cieco a cose molto evidenti per gli altri.

Ieri mi rési conto che rispondere 'musica' quando ti domandano 'Cosa ascolti?" non he una buona risposta....
avatar
Milden
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 21
Età : 21
Località : Nella mia testa
Occupazione/Hobby : Fare cose autistiche, pazze, e escrivere male.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 29.09.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da SergioAD il Mar 2 Ott - 16:32

Vi avevo promesso un bel video, poi vi dirò la mia opinione e questa volta sarà davvero dell'uomo della strada che tratterà l'argomento come un requisito di ingegneria però anticipo che è proprio da uno che ne sa poco.

Ragazzi questo è Daniel Tammet, ha la Sindrome di Asperger e spiegherà il suo modo diverso di percepire gli stimoli esterni. Le percezioni sensoriali sono straordinarie, è autore del libro "Nato in un giorno azzurro". Affascinante davvero!

Daniel è anche omosessuale, capiate "l'insieme" nella nostra società... le critiche ed i pregiudizi - forse in Inghilterra sarà stato più facile.

Dice che i suoi mondi di parole e numeri si intersecano coi colori, emozioni e personalità. Solo a sentire cose così...











Ora voglio dire questo. Avete presente quei film dove il regista riprende lunghi viaggi, musiche, inquadrature di dettagli? Qualcuno ci vede dell'arte ma io li chiamo tempi morti perché altrimenti il film sarebbe durato poco e 90 o 120 minuti vanno riempiti con qualunque qualcosa.

Nella vita reale chi è in macchina guarda il paesaggio, i bambini catturano, correlano ed associano ovvero, l'adulto può partecipare poco i questa cosa mentre i bambini impareranno di certo qualcosa, la musica se la radio è accesa, gli odori, i colori, i rumori, i dialoghi adulti...

Tutto questo non avviene coi bambini autistici e allora ci dobbiamo pensare noi. La distrazione e la noia devono essere messe in secondo piano rispetto ai giochi ed il bombardamento continuo di tutto ciò che riesce a catturare la sua attenzione, immagino evitando le manie.

Immagino che va capito quando diviene maniacale, se è per l'apprendimento o per comportamenti compulsivi ed in caso affermativo va spostata l'attenzione su un altro argomento. Finché il bambino non si crea il metodo di acquisizione non va lasciato solo in questi tempi morti.

Come ha detto Milden, si è reso conto che rispondere "musica" alla domanda "Cosa ascolti?" non era una buona risposta - riconoscere l'errore o meglio che avrebbe potuto dare una risposta più appropriata, ha ipotizzato di applicare l'azione correttiva, ma tutti facciamo questo!

Dopo vi porterò degli esempi di interventi che hanno uno scopo diverso rispetto a quello che dicono e secondo me hanno la stessa origine - partono da un errore - solo non viene riconosciuto ed anch'essi cadono nel di giudizio degli utenti, se giusto o sbagliato passa in secondo piano.

Sabre03, lo so che potrei dire una marea di cazzate ma ho letto delle cose che per me erano scontate. Questo argomento l'ho iniziato dopo che un mio collega mi ha parlato di sua figlia... lui ha preparato del SW didattico specifico ma la scuola si è rifiutata di usarlo e di seguire la bambina.

Allora ha portato via la figlia da quella scuola, ha cambiato casa e ora hanno perfino una specialista assegnata alla bambina come prevede la legge. Incredibile come vanno le cose da noi! Ci sono un sacco di notizie ed un denominatore comune, questi bambini vanno continuamente stimolati.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Difficoltà d'apprendimento nella nostra epoca?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum