Gli Attributi della Comunicazione

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Dom 10 Giu - 19:20

Per non andare fuori tema dove per ora l'argomento sembra un po' disallineato, anche per colpa mia, tra ciò che volevo dire, ciò che s'è capito ed i tentativi falliti di rimettere i messaggi in linea con l'argomento, ho pensato di aprire questo thread seguendo dalla nota del Raspa.
Rasputin ha scritto:
SergioAD ha scritto:
Hei! Non formate il branco contro la mie incapacità espressive - Non lo fate. Se non vi piace giocare con me semplicemente rinunciate.

Però Sergio, il fatto è che quando vuoi ti fai capire benissimo...non riesco a capire che cosa ti costa farlo, non dico sempre (Anche i giochetti vanno bene) ma almeno un po' più spesso boh

Intanto sono contento che non s'è formato il branco e vi ringrazio.

Faccio una breve premessa in modo da orientare la discussione.

Questa roba l'ho già descritta qui più di una volta.

Sergio ha scritto:Quando diciamo una cosa è perché vogliamo essere compresi eppure, qualche volta influenziamo l'interpretazione con diverse forme di “rumore”.

Utilizziamo le interferenze definite “rumore di comunicazione” che sono precise tecniche per provocare interpretazioni sbagliate all'interlocutore.

I rumori nella comunicazione possono essere psicologici, fisici o semantici. È possibile facilmente neutralizzare le capacità di comunicatori competenti.

Il rumore psicologico si applica usando idee preconcette, pregiudizi, insinuazioni sulla reputazione allo scopo di creare/evidenziare conflitti e controversie.

Il rumore fisico si basa sulla stimolazioni ambientale con distrazioni, interruzioni, rumori di sottofondo o mostrandosi interessati a segnali esterni.

Il rumore semantico si basa sull'ambigua decodifica del linguaggio, attraverso la grammatica oppure dei termini tecnici si creano incertezze e malintesi.

Queste tecniche si possono notare durante i dibattiti televisivi ma si vede anche qui da noi ma, c'è da dire che può anche non essere consapevole.

Poi c'è la "psicologia delle folle" che è anche un titolo di una importante opera di Gustave Le Bon, antropologo, psicologo e sociologo e che istruisce gli oratori a controllare le folle. Questo è per dire che esiste tanta altra roba.

Poi c'è anche la comunicazione contestualizzata.

SergioAD ha scritto:
... Io la lingua italiana l'ho iniziata a praticare a 16 anni...

Un conto è innestare gli argomenti attraverso relazioni di correlazione che è il mio divertimento che implica una certa complicità con gli interlocutori, ed un altro è fare insinuazioni (bada è ciò che mi hanno insegnato per capire l'italiano anni fa, all'interno di un corso specifico, non è farina del mio sacco, poi nel mio lavoro è indispensabile visto che Indiani, Arabi e Sud Americani sono tutti "high context"). Nella figura sottostante si vede come una lingua è costruita intorno all'informazione e l'altra intorno al contesto.


...

Dunque fare rivoli con la dialettica o fare rivoli coi concetti?

Questo foro è pieno di frittate roteate e ramificazioni dialettiche che quasi nessun argomento arriva alla morte naturale.

Volendo qui abbiamo anche sentito accuse di conoscitori di arte rivolte ai gusti personali per il solo mancato consenso (che discussione era quella!).

Avevo descritto più volte il significato di rumore della comunicazione, la contestualizzazione, le correlazioni/associazioni e non appena vedo (naturalmente dal mio punto di vista) questi riccioli linguistici allora faccio quello che so fare, non bene che io non scrivo romanzi.

Ma nei forum dico nei symposium non si tira si/no/si/no, ci si comprende per il motivo per cui si è entrati o si va a discutere un attimo in privato.

Perché preferire la divagazione dialettica rispetto ai ragionamenti contestualizzati. Un po' come la distinzione che faccio spesso tra metodo e merito.

Come può uno sgrammaticato innestarsi nelle disquisizioni dialettiche quando può relazionarsi con dei concetti? A parità di neuroni non fa molta differenza mentre nel primo caso c'è disparità della pratica linguistica.

Non dico che non saprei essere meticolosamente dettagliato in fondo nei thread relativi alla ateologia, pseudoscienza, astronomia, il complesso di Edipo, esempi di soluzioni ingegneristiche lo sono stato eppure se non fosse stato per la bontà di un paio di amici... sono morti comunque troppo presto per le mie aspettative.

Ma io vedrò di partecipare meglio con tanto piacere tutte le volte che si resterà in tema altrimenti per me la frittata resta in piedi, basta che pochi capiscano in quel caso.

Se volete parlarne di questa comunicazione che rizza i peli e allarga gli orizzonti - ah ah a me datemi un orif.. ops orizzonte.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Akka il Dom 10 Giu - 19:41

ma la domanda alla fin fine qual è? se è giusto cedere alle divagazioni dialettiche? se è questa, per me ovvio che si, in generale si parla solo per parlare, in un forum poi è ancora più evidente, si scrive e si comunica per gioco, per vedere cosa ti rispondono gli altri, non per arrivare ad un punto definitivo su una questione, se lo scopo fosse questo sarebbe necessari argomentare molto molto molto di più e più seriamente, inoltre si dovrebbe essere più o meno tutti in possesso delle stesse conoscenze preliminari per capirsi vicendevolmente, se no ci si parla senza capire effettivamente cosa intendano gli altri, ed effettivamente succede, l' unica soluzione, in assenza di un apparato comune di conoscenze, sarebbe scrivere in logica simbolica, così eviteremmo ogni fraintendimento e non-senso, ma ovviamente su u forum mi pere difficile

si potrebbe lanciare la proposta che tutti gli utenti leggessero un paio di manuali di logica simbolica per poi utilizzarla al posto del linguaggio dialettico e divagatorio, ma è una cosa che richiederebbe un certo impegno

Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 116
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da anteo il Lun 11 Giu - 15:56

io chiacchero e voi intendee, diceva la mi' nonna

(non c'è il linguaggio, ci sono i linguaggi: perciò si può credere di parlare la stessa lingua, anziché no)

anteo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 473
Località : Firenze (prov)
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Avalon il Lun 11 Giu - 16:27

Sergio.

Ho apprezzato molto questo tuo post.

Avalon
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 7619
Età : 42
Località : Cagli
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 22.02.10

http://www.avalon451.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mar 12 Giu - 6:31

Grazie Avalon! ... anche per essere come sei.

Quando si dice che dietro ad un avatar o ad un nickname ci può essere chiunque è per allertare chi è se stesso!

Il piacere di essere se stessi da senso e significato alle interpretazioni delle emozioni che se ci sono sono reali.


SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mar 12 Giu - 7:20

SergioAD ha scritto:
Q ha scritto:
A ha scritto:
Tutti rispondono sulla base di come comprendono ed avrai notato quante divagazioni avvengono malgrado la chiarezza dei messaggi postati - chi è grammaticalmente più bravo vince e con me è scontato
con te è scontato che si vince? in pratica contro di te?
non vedo perché si debba porre ORA la questione sul vincere/perdere. non l'ho capito, semplicemente.
A ha scritto:
S'intende che alcune persone giocano con la dialettica più che sui contenuti che qualche volta passano in secondo piano - un malinteso resta incompreso finché è possibile aprire un nuovo fronte sui termini. Io non sono in grado (in realtà on sarei interessato) per i miei limiti.

Inoltre, se una risposta è sbagliata o non risponde a ciò che avrei chiesto posso sia continuare che spiegarmi meglio.

Ruotare la dialettica a me risulta più difficile che descrivere concetti eppoi nessuno chiede chiarimenti sulle parole e si continua a "frittare la girata" coi concetti si sale di ordine.

Con salire di ordine intendo aumentare l'astrazione o contestualizzare di più mentre con scendere intendo togliere barriere interpretative o formalizzazioni dove sono però sono più facili le divagazioni sui termini che si vorrebbe evitare.

Quando viene trasferito ad un concetto il termine di un altro, con associazioni o analogie dovrebbe essere più difficile giocare con la dialettica inoltre serve uno sforzo cognitivo maggiore.

L'espressione massima di questo concetto è la metafora che però nello specifico, se evidente non va bene. Si tratta di tenere in pedi l'argomento con onestà, discutendo a favore di un'idea.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Sabre03 il Mar 12 Giu - 8:22

Sergio….

Io sono ehm, “perfettamente” bilingue (non esiste chi lo sia perfettamente e non ti dirò la mia lingua madre…). Vivo in Italia, ma quando mi capita di “calarmi” troppo spesso ed a lungo nell’altra realtà (film, face book con parenti ed amici, libri, tele satellitare…) ho difficoltà non solo a scrivere in un italiano comprensibile (che la costruzione della frase è diversa), ma perfino a trovare i termini giusti nel parlato usuale corrente (e viceversa).

Il fatto che alcuni tuoi interventi sono criptici dipende a mio avviso dal fatto che anche tu, come me paghi lo scotto…. Se qualcuno ti dice di non comprenderti non fartene un cruccio.

Prova a scrivere a parte i tuoi interventi e rileggili a mente fredda….poi correggili. Ma anche così facendo quando a distanza di tempo rileggo alcuni miei post spesso mi dico: “ho scritto io sta roba?”

Sabre03
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 683
Età : 55
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da mix il Mar 12 Giu - 13:19

@SergioAD, leggo ora questo tuo contributo, ne ero all'oscuro prima, non l'avevo notato
OK

devo ottimizzare il mio sistema di supervisione dei thread su questo forum, che non mi soddisfa pienamente; consigli?

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Rasputin il Mar 12 Giu - 13:47

mix ha scritto:@SergioAD, leggo ora questo tuo contributo, ne ero all'oscuro prima, non l'avevo notato
OK

devo ottimizzare il mio sistema di supervisione dei thread su questo forum, che non mi soddisfa pienamente; consigli?

Beh puoi attivare la notificazione automatica delle risposte anche su thread nei quali non hai scritto ma che ti interessano, basta cliccare in fondo a destra di una pagina qualsiasi sotto i quadratini con l'elenco delle pagine c'è una scritta "Controllare le risposte di quest'argomento" che è un pulsante attivo.

La disattivi nello stesso modo, ed a prescindere se in quel thread hai scritto o meno.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da mix il Mar 12 Giu - 14:10

Rasputin ha scritto:
mix ha scritto:@SergioAD, leggo ora questo tuo contributo, ne ero all'oscuro prima, non l'avevo notato
OK

devo ottimizzare il mio sistema di supervisione dei thread su questo forum, che non mi soddisfa pienamente; consigli?

Beh puoi attivare la notificazione automatica delle risposte anche su thread nei quali non hai scritto ma che ti interessano, basta cliccare in fondo a destra di una pagina qualsiasi sotto i quadratini con l'elenco delle pagine c'è una scritta "Controllare le risposte di quest'argomento" che è un pulsante attivo.

La disattivi nello stesso modo, ed a prescindere se in quel thread hai scritto o meno.
grazie
in pratica forse quello che sto facendo ora; in questo caso è necessario il palleggiamento tra casella della posta e forum, sbaglio?
era proprio sapere se ci sono sistemi alternativi a questo
in altro forum sono abituato a trovare i 3D freschi già raccolti solidamente in una pagina apposta
forse qui lo stesso fa la pagina "leggere i tuoi messaggi" ma credo parzialmente; mi stai dicendo che vanno lì anche le discussione che marcherò come hai detto sopra?magari rispondimi in PM se ritieni che stiamo prolungando troppo qui
grazie ancora e scusate l'OT

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Rasputin il Mar 12 Giu - 14:35

Non è un problema, in un certo senso stiamo parlando di comunicazione.

Oltre alle mail di notifica, le quali contengono un link che ti porta non sull'ultimo messaggio del thread ma sull'ultimo a partire dalla tua ultima visita, se si tratta di un thread molto attivo puoi magari trovarti con varie pagine da leggere, ci sono pulsanti simili a quello descritto sotto la testata della pagina di ingresso al forum:


Leggere i messaggi dall'ultima visita • Leggere i tuoi messaggi • Leggere i messaggi senza risposta Segnare tutti i forum come letti


Read more: http://atei.forumitalian.com/#ixzz1xacKSV5q

Puoi ad esempio usare il primo a sinistra e ti si apre una lista tipo questa:

http://atei.forumitalian.com/search?search_id=newposts

se usi "Leggere i tuoi messaggi", invece ti da una lista di tutti i thread nei quali hai scritto.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da mix il Mar 12 Giu - 14:49

Rasputin ha scritto:Non è un problema, in un certo senso stiamo parlando di comunicazione.

Oltre alle mail di notifica, le quali contengono un link che ti porta non sull'ultimo messaggio del thread ma sull'ultimo a partire dalla tua ultima visita, se si tratta di un thread molto attivo puoi magari trovarti con varie pagine da leggere,
e questo sistema m'ha portato in passato a fare un errore di risposta involontaria inserita dopo uno STOP di moderazione ancora non letto
ora guardo meglio se ci sono simili ipotesi, ma il pericolo è sempre in agguato

Rasputin ha scritto:ci sono pulsanti simili a quello descritto sotto la testata della pagina di ingresso al forum:


Leggere i messaggi dall'ultima visita • Leggere i tuoi messaggi • Leggere i messaggi senza risposta Segnare tutti i forum come letti


Read more: http://atei.forumitalian.com/#ixzz1xacKSV5q

Puoi ad esempio usare il primo a sinistra e ti si apre una lista tipo questa:

http://atei.forumitalian.com/search?search_id=newposts

se usi "Leggere i tuoi messaggi", invece ti da una lista di tutti i thread nei quali hai scritto.
ho pensato a questa soluzione: metterò un post semivuoto nelle discussioni che voglio seguire così mi vanno nella pagina "Leggere i tuoi messaggi"
anzi, secondo me, potrebbe essere approntata un emoticon apposita, giusto per segnalare che ci si interessa in silenzio della cosa, tipo Question
che ne pensi/pensate?
EDIT: anche allungare verticalmente l'area dinamica "ULTIMI ARGOMENTI" non sarebbe male

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mar 12 Giu - 17:36

Sabre03,

Mi fa molto piacere il tuo interessamento ed è certo che ne tengo conto. Ci sarebbero due tipi di osservazione intervento sulla interpretabilità delle espressioni.

Come effettiva richiesta di rendere più fluido di quello che scrivo, normalmente si accompagna con qualche battutaccia, insomma come possono fare gli amici e serve anche per togliere le ambiguità e consentire la partecipazione dell'interlocutori.

Come dialettica negativa, fa da contrappunto facendo risaltare l'incomprensione come può essere la tipica girata di frittata operata per sminuire la persona. Sono tatticismi dialettici per distrarre dall'argomento o riproporre vecchi rancori.

In questo caso, asseconda del carattere e personalità individuali e dallo stato di evoluzione sociale che prevede l'indebolimento degli istinti a favore del modello di cultura applicato, possono cambiare per sempre i rapporti tra le persone.

Quindi va evitato per la salute della comunità del foro.

Biforcazione: Nell'ambito della gestione farei mettere una specie di segnalatore meteorologico, regolato dalla moderazione, che indichi il livello delle perturbazioni in ogni argomento tipo, calma, nuvoloso, pioggia, tempesta per tenere un grafico dell'andamento tra argomento, nickname, provocazione, responsabilità, pacificazione, etc... verrebbero fuori degli indici da indicatori degli umori, etc...

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Rasputin il Mar 12 Giu - 17:43

[quote="SergioAD"]
Biforcazione: Nell'ambito della gestione farei mettere una specie di segnalatore meteorologico, regolato dalla moderazione, che indichi il livello delle perturbazioni in ogni argomento tipo, calma, nuvoloso, pioggia, tempesta per tenere un grafico dell'andamento tra argomento, nickname, provocazione, responsabilità, pacificazione, etc... verrebbero fuori degli indici da indicatori degli umori, etc...

L'idea mi pare ottima ma non so se/non credo sia tecnicamente realizzabile...

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mar 12 Giu - 20:34

Default verde, il moderatore in caso di bisogno o interviene e/o commuta il colore tra verde giallo e rosso.

Dal verde potrà essere possibile transitare al giallo oppure direttamente al rosso.

Dal rosso o chiude l'argomento o transita al giallo, poi alle condizioni normali.

Vantaggi:

1. è possibile che nessuno sappia chi è moderatore figlio di puttana

2. l'utente vede lo stato di allerta

3. è possibile registrare automaticamente chi diceva cosa

Ovviamente si potrebbe registrare gli eventi correlati off topic, flame, guru non umile, esaltazione di dialettica negativa, formazione del branco, etc...

Basta avere la leva per cambiare colore al segnalatore ottico, una casella drop down per selezionare gli eventi correlati ed il cursore elettronico (mouse) per cliccare sull'utente coinvolto per prelevare il nome.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Avalon il Mar 12 Giu - 21:09

...e poi con radiocomando si manda un drone a beccargli il coppetto...

Avalon
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 7619
Età : 42
Località : Cagli
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 22.02.10

http://www.avalon451.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da loonar il Mar 12 Giu - 21:14

Avalon ha scritto:...e poi con radiocomando si manda un drone a beccargli il coppetto...
Se fra 50 minuti sono ancora on line ti do' un verde ok

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mar 12 Giu - 21:54

In realtà per l'operatore è facile, questi sono requisiti per un'eventuale analisi...
Avalon ha scritto:...e poi con radiocomando si manda un drone a beccargli il coppetto...
Le uniche differenze da come è adesso sono i vantaggi per la conduzione e la possibilità fare analisi. Qui non c'è la privacy hai una mole di dati già adesso e si possono raccogliere osservazioni e raccomandazioni per fare e gestire forum. Chissà quanti si saranno scaricato tutto il sito

Ricordo che qualcuno c'era rimasto male per il sospetto di fare da cavia a qualche studio sul comportamento umano eppure chissà quante tesi sono state fatte leggendo dai forum, in effetti con la disponibilità di questa mole di dati non serve perdere tempo per intervistare persone.

L'industria culturale, ha prodotto la standardizzazione che ha annullato e sostituito la creatività ma il progresso continua ed offre queste che oggi sembrano aberrazioni ma chissà se davvero non saremo più contenti dopo. Durante i cambiamenti spesso sembra drammatico.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da loonar il Mar 12 Giu - 22:30

Darrow ha scritto:
Avalon ha scritto:...e poi con radiocomando si manda un drone a beccargli il coppetto...
Se fra 50 minuti sono ancora on line ti do' un verde ok
Alla fine l'ho dato a Sergio! M'ha convinto! mexican

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da ------rwed il Mar 12 Giu - 23:33

SergioAD ha scritto:Sabre03,

Mi fa molto piacere il tuo interessamento ed è certo che ne tengo conto. Ci sarebbero due tipi di osservazione intervento sulla interpretabilità delle espressioni.

Come effettiva richiesta di rendere più fluido di quello che scrivo, normalmente si accompagna con qualche battutaccia, insomma come possono fare gli amici e serve anche per togliere le ambiguità e consentire la partecipazione dell'interlocutori.

Come dialettica negativa, fa da contrappunto facendo risaltare l'incomprensione come può essere la tipica girata di frittata operata per sminuire la persona. Sono tatticismi dialettici per distrarre dall'argomento o riproporre vecchi rancori.

In questo caso, asseconda del carattere e personalità individuali e dallo stato di evoluzione sociale che prevede l'indebolimento degli istinti a favore del modello di cultura applicato, possono cambiare per sempre i rapporti tra le persone.

Quindi va evitato per la salute della comunità del foro.

Biforcazione: Nell'ambito della gestione farei mettere una specie di segnalatore meteorologico, regolato dalla moderazione, che indichi il livello delle perturbazioni in ogni argomento tipo, calma, nuvoloso, pioggia, tempesta per tenere un grafico dell'andamento tra argomento, nickname, provocazione, responsabilità, pacificazione, etc... verrebbero fuori degli indici da indicatori degli umori, etc...

SergioAD secondo me scrivi benissimo e riesco sempre a intenderti, sara' che conosco l'inglese come seconda lingua piuttosto bene, ho studiato francese, capisco un po' il tedesco, masticavo l'ungherese (ho abitato la', ma l'ho perso parecchio)... insomma la costruzione delle tue frasi mi sembra fatta molto bene, mi piace molto quello che scrivi e pensavo tu fossi italiano.

pero' credo che le tue proposte di moderazione in fatto di "perturbazioni" siano esose, e' pur sempre un forum, ci vorrebbe uno staff pagato per tenere traccia di tutte le imperfezioni dei post, e' impossibile e INOLTRE dipende dal grado di comprensione del moderatore di turno, che dovrebbe interpretare quello che qualcun altro scrive. in sostanza si andrebbe a creare un collo di bottiglia in cui sono i moderatori che rielaborano quanto scritto dagli utenti e questo mi sembra veramente inutile e controproducente.

------rwed
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 449
Occupazione/Hobby : libero pensatore non credente
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mer 13 Giu - 7:43

Si rwed e ti ringrazio di cuore,

Non mi preoccupo moltissimo delle mie insufficienze espressive, quando faccio come dice Sabre e rileggo ciò che scrivo, correggo gli errori di trascrizione e grammaticali ma comprendo. Tutte le opinioni sono valide e sono in ordine diverso di attenzione ed importanza. Avevo parlato di industria della cultura perché chi ne sa qualcosa potesse fare qualche collegamento.

Non metto in dubbio che si possa giocare a scacchi contemporaneamente su tantissimi tavoli eppure devono essere pochi a fare bene dappertutto pensando così tanto velocemente. Il foro io lo assocerei al simposio, tendente alla cultura erudita contro quella di massa (spesso si sente dire e si vuole proprio questo da noi). Chi non lo sapesse si tratta del rapporto Qualità/Quantità >= 1.

Osservando la colonnina scorrevole degli ultimi interventi qualche volta si può notare un'alta densità di interventi postati da una singola persona in un tempo relativamente breve e ciò è quello che intendevo sopra citando il rapporto Qualità/Quantità e le partite a scacchi contemporanee. Nel momento in cui non sono tutti a "misinterpretare" almeno il sospetto c'è sia comprensibile.

La malvagità va a segno o no? Ma si che va proprio a segno e lo dico con piacere questo perché significa aver compreso sia messaggio che ciò che gli sta intorno. Accidenti se è interessante perché gli istinti sono stati incorporati all'interno del modello culturale d'appartenenza e mentre la parte "nascosa" delle persone le vedono gli analisti della mente quella contestualizzata è chiara per tutti.

I romani che mi hanno fatto sentire uno di loro, dico al Testaccio, avrebbero detto... ma ando cazzo vai? lassa sta! fai du fatiche! Il romanesco è meno pungente del toscanaccio ma c'ha anch'esso il potere di parlare a secondi ordini ed io andavo a piazza Vittorio solo per sentire quelle battute incredibili. Una ve la devo dire perché carina e questa volta ogni riferimento è davvero casuale.

Eravamo ad un banco di frutta ed aspettavamo il nostro turno quando una signora da dietro di noi ha infilato una mano, s'è presa una prugna ed è andata via. Abbiamo visto che la "fruttarola" s'è fermata e guardava allontanarsi la signora mentre masticava la prugna - ha atteso tanto e nessuno capiva però alla distanza giusta parti chiaro e forte la battuta in perfetto accento pacato, "Te la sei magnata la susina? Si? Te potesse non uscire dal buscio der culo!" e rivolgendosi a noi piano "guarda si che gente ce deve sta".

Tempo, tono, messaggio e contesti mica male!


SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mer 13 Giu - 7:53

Ah! ah c'è poco tempo anche per fare azioni correttive!
SergioAD ha scritto:Si rwed e ti ringrazio di cuore,

Non mi preoccupo moltissimo delle mie insufficienze espressive, quando faccio come dice Sabre e rileggo ciò che scrivo, correggo gli errori di trascrizione e grammaticali ma comprendo. Tutte le opinioni sono valide e sono in ordine diverso di attenzione ed importanza. Avevo parlato di industria della cultura perché chi ne sa qualcosa potesse fare qualche collegamento.

Non metto in dubbio che si possa giocare a scacchi contemporaneamente su tantissimi tavoli eppure devono essere pochi a fare bene dappertutto pensando così tanto velocemente. Il foro io lo assocerei al simposio, tendente alla cultura erudita contro quella di massa (spesso si sente dire e si vuole proprio questo da noi). Chi non lo sapesse si tratta del rapporto Qualità/Quantità >= 1.

Osservando la colonnina scorrevole degli ultimi interventi qualche volta si può notare un'alta densità di interventi postati da una singola persona in un tempo relativamente breve e ciò è quello che intendevo sopra citando il rapporto Qualità/Quantità e le partite a scacchi contemporanee. Nel momento in cui non sono tutti a "misinterpretare" almeno il sospetto che sia comprensibile c'è.

La malvagità va a segno o no? Ma si che va proprio a segno e lo dico con piacere questo perché significa aver compreso sia messaggio che ciò che gli sta intorno. Accidenti se è interessante perché gli istinti sono stati incorporati all'interno del modello culturale d'appartenenza e mentre la parte "nascosa" delle persone le vedono gli analisti della mente quella contestualizzata è chiara per tutti.

I romani che mi hanno fatto sentire uno di loro, dico al Testaccio, avrebbero detto... ma ando cazzo vai? lassa sta! fai du fatiche! Il romanesco è meno pungente del toscanaccio ma c'ha anch'esso il potere di parlare a secondi ordini ed io andavo a piazza Vittorio solo per sentire quelle battute incredibili. Una ve la devo dire perché carina e questa volta ogni riferimento è davvero casuale.

Eravamo ad un banco di frutta ed aspettavamo il nostro turno quando una signora da dietro di noi ha infilato una mano, s'è presa una prugna ed è andata via. Abbiamo visto che la "fruttarola" s'è fermata e guardava allontanarsi la signora mentre masticava la prugna - ha atteso tanto e nessuno capiva però alla distanza giusta parti chiaro e forte la battuta in perfetto accento pacato, "Te la sei magnata la susina? Si? Te potesse non uscire dal buscio der culo!" e rivolgendosi a noi piano "guarda si che gente ce deve sta".

Tempo, tono, messaggio e contesti mica male!


SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Mar 29 Ott - 17:44

Sergio ha scritto:Quando diciamo una cosa è perché vogliamo essere compresi eppure, qualche volta influenziamo l'interpretazione con diverse forme di “rumore”.

Utilizziamo le interferenze definite “rumore di comunicazione” che sono precise tecniche per provocare interpretazioni sbagliate all'interlocutore.

I rumori nella comunicazione possono essere psicologici, fisici o semantici. È possibile facilmente neutralizzare le capacità di comunicatori competenti.

Il rumore psicologico si applica usando idee preconcette, pregiudizi, insinuazioni sulla reputazione allo scopo di creare/evidenziare conflitti e controversie.

Il rumore fisico si basa sulla stimolazioni ambientale con distrazioni, interruzioni, rumori di sottofondo o mostrandosi interessati a segnali esterni.

Il rumore semantico si basa sull'ambigua decodifica del linguaggio, attraverso la grammatica oppure dei termini tecnici si creano incertezze e malintesi.

Queste tecniche si possono notare durante i dibattiti televisivi ma si vede anche qui da noi ma, c'è da dire che può anche non essere consapevole.
Se ho capito bene.

Si sta parlando, anzi deire stavi parlando, di cose leggermente diverse tra loro:

a)La confusione, cioè il tradimento di senso che avviene, in buona o cattiva fede, dove siamo soggetti a traduzione e/o interpretazione. Cioè quasi sempre. Vi sono anche vantaggi nella confusione (confusione sperimentale od orientata) ma questo è ancora un altro discorso.
b)Il paradosso, che riportato in un contesto significativo, ed un forum secondo me non dovrebbe esssere tale, diviene doppio legame, come pensi, senti agisci sbagli. Pericolo! Blocco!
c)Disinformazione, in diverse forme, che poi è una applicazione di a)
d)L'interdipendenza, della quale sui forum abbiamo continui esempi, siamo nel "dilemma dei prigionieri".http://www.matematicamente.it/giochi/teoria_giochi/4.dilemma_prigioniero.pdf
d)La minaccia, che è implicita o no in d)
e)L'inganno,nel gioco del"io penso che lui pensa che io penso..."fornire informazioni sbagliate.
f)La comunicazione immaginaria,vedi la nostra conversazione sui "diavoletti", condita da una esibizione di emotività.

Mi rendo conto di essere stato poco chiaro, se interessa posso cercare di spiegare con esmpi i vari punti.

Intanto un abbraccio.

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mar 29 Ott - 18:50

Intanto ti ringrazio per esser intervenuto, finalmente il discorso si amplia. Il mio mondo è (era quando ho messo insieme quello che ho scritto) fatto di enti governativi della difesa, responsabilità di gerarchia, responsabilità di funzione, colleghi amici, giocatori su più tavoli, progetti che si basavano su commesse e/o altri da nuovi investimenti (detti prodotto da catalogo, io mi ero impegnato su questo fronte con passione).

Dunque, può accadere che dall'interno venga data forza ad un competitore, che ha in comune con te qualche attività, per colpire ed affossare un progetto in modo da tirare dentro un secondo progetto simile di cui ha responsabilità un altro gruppo.

Non so, bisogna che mi metta a verificare, se l'elenco che hai fatto tu include oppure è parte dell'elenco che ho fatto io. Comunque se ti va di continuare mi entusiasma e questo argomento non ha avuto seguito da nessuna parte non per mancanza di interesse, penso ma per la sua complessità e perché si fa tanto nei fora, ah ah.

Ricambio con molto piacere l'abbraccio! Ma sempre anche senza averlo detto! (dopo i primissimi messaggi di marcamento del territorio).

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Mar 29 Ott - 20:21

Comincio e se e quando rilevi un punto interessante ci soffermiamo un attimo

Il mio mondo è (era quando ho messo insieme quello che ho scritto) fatto di enti governativi della difesa,
questa credo sia comunicazione extraterrestre, non è esattamente il mio specifico mgreen immagino sia un delirio di competenze e di contrapposizioni.
Più seriamente ricordo un po' di letteratura in merito a servizi segreti, ai militari, ai poteri forti ecc, ma non so se possono applicarsi al caso, e non credo sia il caso di entrare nei dettagli...

responsabilità di gerarchia,
Questa crea problemi a non finire, spesso la mancanza di proattività direttiva è uno dei micidiali fattori,  terrore, confusione di  punteggiatura semantica, diciamo che bisognerebbe imparare a padroneggiare tale non limpidità..più facile a dirsi che a farsi.
Spesso le regole diventano tacite, e cambiano col cambiare dei peronaggi e dei rispettivi ruoli, il silenzioso accettare queste regole è sempre un errore, si dovrebbe sempre farle notare, esplicitarle al meglio, analizzarle.Che spesso ci si accorge che nascono da equivoci. Da cattiva comprenzione dellameta/paracomunicazione

responsabilità di funzione, colleghi amici, giocatori su più tavoli, progetti che si basavano su commesse e/o altri da nuovi investimenti (detti prodotto da catalogo, io mi ero impegnato su questo fronte con passione).
O se cominciassimo a fare i muratori e sinili lavori non si starebbe meglio?

Dunque, può accadere che dall'interno venga data forza ad un competitore, che ha in comune con te qualche attività, per colpire ed affossare un progetto in modo da tirare dentro un secondo progetto simile di cui ha responsabilità un altro gruppo.
Oltre ad essere un problema di direzione e che c'entra pure l'amor proprio, si è pure clamorosamente dentro il gioco dei prigionieri.
E provo velocemente a spiegare in che senso seguendo la falsariga di W.
Un giudice accusa due uomini di rapina, ha poche prove e convoca i sospettati nel proprio ufficio, e spiega apertamente che per condannarli gi serve una confessione.
Se nessuno confessa li condannera entrambi per porto d'armi abusivo a 6 mesi.
Se entrambi confessano entrambi si beccheranno due anni.
La terza possibilità è disastrosa.
Se uno solo confessa verrà liberato e l'altro avrà l'ergastolo. Immediatamente i due vengono separati senza possibilità di comunicare tra loro...
Immaginati il dilemma, il pensiero sarà, se tuttie due non confessiamo è meglio, ma il mio compagnio starà pensando la stessa cosa quindi confesserà, quindi è meglio che
io confessi...ed avanti così. Il punto è che è un gioco dove non esiste una soluzione, puoi andare a sensazione o accettare il male minore.
Prova ad immesedimarti un attimo e dimmi se non è una situazione che ci capita sovente, nella coppia quanto sul lavoro. Soluzioni logiche e/o psicologiche ne sono state proposte, 'mbè tentar non nuoce, si dice.


Di nuovo mi scuso per la pessima sintesi, ma anch'io avrei bisogno di rinfrescarmi le idee in materia, che rischio di far confusione.

A presto

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum