Gli Attributi della Comunicazione

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mar 29 Ott - 22:58

Il Distruttore Hara ha scritto:Comincio e se e quando rilevi un punto interessante ci soffermiamo un attimo

Il mio mondo è (era quando ho messo insieme quello che ho scritto) fatto di enti governativi della difesa,
questa credo sia comunicazione extraterrestre, non è esattamente il mio specifico mgreen immagino sia un delirio di competenze e di contrapposizioni.
Più seriamente ricordo un po' di letteratura in merito a servizi segreti, ai militari, ai poteri forti ecc, ma non so se possono applicarsi al caso, e non credo sia il caso di entrare nei dettagli...

Mi fermo un attimo per dire che così come si costruiscono automobili, aeroplani e navi si fanno anche RADAR, intercettori, sistemi di comando control comunicazioni computerizzati informazione intelligenza e sorveglianza (detti c4istar) che sostengo l PIL di un paese ma gli uomini che lo fanno girare nelle fasi di studio, costruzione e mercato sono gli stessi di ogni altra industria - lo dicevo perché poi vedi girare tutto questo, per esempio nel Golfo Persico poi basta fare un passo più avanti in alto e s'incontrano i vari Licio Gelli o anche quelli che prendono decisioni più grosse. Il rumore della comunicazione è lo stesso, solo che è un po' più complesso, non più difficile ma sicuramente più complesso.

Non sto parlando del controllo dell'informazione, riservatezza o dati sensibili - non so nulla di quello, nulla più di cose che si possono leggere nei giornali, per il resto invece non cambia ma somiglia alla realizzazione del ponte di Messina o la metropolitana di Dubai o città a emissioni zero.

Pensa che ci sono progetti come http://en.wikipedia.org/wiki/WeCU_Technologies che sono stati commissionati per leggere la mente umana, ci sono aeroporti che non necessitano di scanner tipo quelli di Fiumicino che ogni volta che vai ti irradiano 50 micro Rem - http://www.abovetopsecret.com/forum/thread532834/pg1


Dice; "Manda l'offerta e vediamo di fare un contratto", ma chissà quanti occhi vedranno l'offerta e venderanno l'informazione ad altri competitori per ridurre al minimo il prezzo e prendere il contratto - non t'immaginare che non ci sia tanto rumore della comunicazione.

Questo per il termine extraterrestre ed il suo equivalente appartenente alla teoria della cospirazione.

Voglio dire che si tratta di fare bene qualunque cosa si voglia o debba fare quindi anche la singola persona che sceglie un impianto fotovoltaico o termo solare - lo dico perché è una cosa che ho fatto ultimamente e abbiamo tutti applicato le nostre capacità, loro nel vendere ed io di selezionare e comprare.

Ora vedo il resto.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mer 30 Ott - 0:11

Il Distruttore Hara ha scritto:
responsabilità di gerarchia,
Questa crea problemi a non finire, spesso la mancanza di proattività direttiva è uno dei micidiali fattori,  terrore, confusione di  punteggiatura semantica, diciamo che bisognerebbe imparare a padroneggiare tale non limpidità..più facile a dirsi che a farsi.
Spesso le regole diventano tacite, e cambiano col cambiare dei peronaggi e dei rispettivi ruoli, il silenzioso accettare queste regole è sempre un errore, si dovrebbe sempre farle notare, esplicitarle al meglio, analizzarle.Che spesso ci si accorge che nascono da equivoci. Da cattiva comprenzione dellameta/paracomunicazione
Si viene certificati da un ente formale che assegna livelli di modelli di eccellenza nell'ambito delle aree di processo, il responsabile si comporta come un cliente qualsiasi che commissione un lavoro ed in questo caso c'è anche il mandato della società relativo agli aumenti, licenziamenti, mobilità - mai visto il capo che applica un comportamento paternalistico e poi promuove e penalizza dicendo di non essere colpevole - qui esiste la grande differenza di conduzione base amici e strutturale, nel primo caso ci sono gli "amici" che risolvono i problemi (tipo da noi) nell'altro la struttura dell'azienda (anglosassoni).

responsabilità di funzione, colleghi amici, giocatori su più tavoli, progetti che si basavano su commesse e/o altri da nuovi investimenti (detti prodotto da catalogo, io mi ero impegnato su questo fronte con passione).
O se cominciassimo a fare i muratori e sinili lavori non si starebbe meglio?
Qui si tratta di avere responsabilità ortogonali a livello del singolo progetto, chi fa assicurazione della qualità, chi le gestione della configurazione, chi l'amministrazione, chi la pianificazione, chi ingegneria (sono 22 aree di processo e ciascuna ha un responsabile) - significa che a livello paritetico il responsabile della funzione decide cosa fanno gli altri colleghi. Tu dici dei muratori ma anche il settore edile avrà le seu certificazioni, modelli di eccellenza e lo stesso rumore della comunicazione.

Dunque, può accadere che dall'interno venga data forza ad un competitore, che ha in comune con te qualche attività, per colpire ed affossare un progetto in modo da tirare dentro un secondo progetto simile di cui ha responsabilità un altro gruppo.
Oltre ad essere un problema di direzione e che c'entra pure l'amor proprio, si è pure clamorosamente dentro il gioco dei prigionieri.
E provo velocemente a spiegare in che senso seguendo la falsariga di W.
Un giudice accusa due uomini di rapina, ha poche prove e convoca i sospettati nel proprio ufficio, e spiega apertamente che per condannarli gi serve una confessione.
Se nessuno confessa li condannera entrambi per porto d'armi abusivo a 6 mesi.
Se entrambi confessano entrambi si beccheranno due anni.
La terza possibilità è disastrosa.
Se uno solo confessa verrà liberato e l'altro avrà l'ergastolo. Immediatamente i due vengono separati senza possibilità di comunicare tra loro...
Immaginati il dilemma, il pensiero sarà, se tuttie due non confessiamo è meglio, ma il mio compagnio starà pensando la stessa cosa quindi confesserà, quindi è meglio che
io confessi...ed avanti così. Il punto è che è un gioco dove non esiste una soluzione, puoi andare a sensazione o accettare il male minore.
Prova ad immesedimarti un attimo e dimmi se non è una situazione che ci capita sovente, nella coppia quanto sul lavoro. Soluzioni logiche e/o psicologiche ne sono state proposte, 'mbè tentar non nuoce, si dice.


Di nuovo mi scuso per la pessima sintesi, ma anch'io avrei bisogno di rinfrescarmi le idee in materia, che rischio di far confusione.

A presto
La cosa è un po' più semplice. Nell'ambito della stessa azienda A costruisce autovetture fuori strada e B veicoli per il lavoro pesante, nel contratto sono previsti i fuori strada ma B vuole convincere il cliente che i veicoli per il lavoro pesante sono più adatti - si muoverà prima internamente poi farà il suo gioco sporco fornendo soluzioni a tutti per i suoi interessi personali, A perde B vince, la società ha il contratto ed il cliente ha qualche vantaggio in più...

Ti ho descritto l'ambiente.

Il rumore della comunicazione è quello che ho indicato prima, confusione, paradosso, disinformazione, inganno fanno parte del pacchetto.

L'interdipendenza invece no, quella è una conseguenza o finalità come lo è la minaccia.

La comunicazione immaginaria può avvenire quando ci si trova davanti a dei poveri di spirito, non avviene, nemmeno quando c'è un raccomandato imbecille - so di un contratto di qualche TIR in cui il venditore ha piazzato una scorta di ruote impressionante - da allora c'è una clausola che in caso il venditore si impegna a ricomprare le parti di rispetto eccedenti. Insomma lo freghi una volta solo.

Comunque questo rumore della comunicazione è scientifico, un'arte dei venditori di illusioni all'interno dei prodotti del mercato, lotte tra commerciali, pubblicità negativa, cose per cui quelli che fanno relazioni pubbliche fanno corsi di specializzazione.

Da qui derivano delle capacità parasitarie come pianificare le proprie attività su ritardi degli altri, ho detto capacità ovvero scommettere sugli errori dei colleghi dei settori diversi. Esempio, il contratto dura 24 mesi, il mio lavoro 30 mesi ma so che il settore adiacente al mio non riuscirà a fare meno di 36 mesi... vado (i tizi A e B di cui sopra).

Il principale motivo di ciò è per l'uso del modello sociale che si basa sulle regole del mercato.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Mer 30 Ott - 7:13

SergioAD ha scritto:Si viene certificati da un ente formale che assegna livelli di modelli di eccellenza nell'ambito delle aree di processo, il responsabile si comporta come un cliente qualsiasi che commissione un lavoro ed in questo caso c'è anche il mandato della società relativo agli aumenti, licenziamenti, mobilità - mai visto il capo che applica un comportamento paternalistico e poi promuove e penalizza dicendo di non essere colpevole - qui esiste la grande differenza di conduzione base amici e strutturale, nel primo caso ci sono gli "amici" che risolvono i problemi (tipo da noi) nell'altro la struttura dell'azienda (anglosassoni).
Sul lavoro in equipe, modello orizontale, qualcosa ne so, non foss'altro che sono sommerso dalle autovalutazioni, che vanno elaborate al fine di essere poi inserite in modelli statistici.
Una forma di gigantismo che fa perdere all'operatore tempo e e lavoro, alla società, pubblica o privata che sia, soldi e risorse. 
a mio giudizio qualcosa andrebbe rivisto, che il tutto sta diventando un eccesso di burocrazia.

Qui si tratta di avere responsabilità ortogonali a livello del singolo progetto, chi fa assicurazione della qualità, chi le gestione della configurazione, chi l'amministrazione, chi la pianificazione, chi ingegneria (sono 22 aree di processo e ciascuna ha un responsabile) - significa che a livello paritetico il responsabile della funzione decide cosa fanno gli altri colleghi.
I miei migliori auguri ai responsabili, davvero, che nom si gestiscono funzionalità ma persone, per quanto professionali queste siano.

Tu dici dei muratori ma anche il settore edile avrà le seu certificazioni, modelli di eccellenza e lo stesso rumore della comunicazione. 
Quando devo chiamrli mi impiccio, voglio, per loro disgrazia, partecipare, al massimo mi mettono a fare il cemento e a buttare vis i calcinacci. Parllavo dell'operaio, minuscolo imprenditore di se stesso e magari di figli e di un cugino.
Qualche corso di sicurezza e se la cavano, per il resto c'è l'ingegnere o il geometra.

Dunque, può accadere che dall'interno venga data forza ad un competitore, che ha in comune con te qualche attività, per colpire ed affossare un progetto in modo da tirare dentro un secondo progetto simile di cui ha responsabilità un altro gruppo.
All'interno della stessa società, dall'interno del gruppo di lavoro stesso?
E comunque chi conduce tali "battaglie"?
Sono utili (ai fini societari)o no?

La cosa è un po' più semplice. Nell'ambito della stessa azienda A costruisce autovetture fuori strada e B veicoli per il lavoro pesante, nel contratto sono previsti i fuori strada ma B vuole convincere il cliente che i veicoli per il lavoro pesante sono più adatti - si muoverà prima internamente poi farà il suo gioco sporco fornendo soluzioni a tutti per i suoi interessi personali, A perde B vince, la società ha il contratto ed il cliente ha qualche vantaggio in più...  
Si il marketing sembra più semplice, anche se c'hanno tirato dentro ogni sorta di scienza, alla fine non  capisco se è un modo per incrementare altri settori connessi(mamma pubblicità?), o tali complicazioni sono davvero funzionali.
A mia esperienza, per quello che vale, il buon venditore ha un talento complesso, una dote.


La comunicazione immaginaria può avvenire quando ci si trova davanti a dei poveri di spirito, non avviene, nemmeno quando c'è un raccomandato imbecille - so di un contratto di qualche TIR in cui il venditore ha piazzato una scorta di ruote impressionante - da allora c'è una clausola che in caso il venditore si impegna a ricomprare le parti di rispetto eccedenti. Insomma lo freghi una volta solo.

La comunicazione immaginaria, come anche altre modalità, speso nasce da un cattivo uso della metacomunicazione e/o della paralinguistica (le faccine mgreen  pure)

Su questa mi riptometto di  annoiartici un po' alla prima occasione plausibile...

Buona giornata

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Mer 30 Ott - 7:21

Aggiungo

Da qui derivano delle capacità parasitarie come pianificare le proprie attività su ritardi degli altri, ho detto capacità ovvero scommettere sugli errori dei colleghi dei settori diversi.
Il dilemma dei prigionieri in una delle sue tante varianti. Oppure mi sbaglio?

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mer 30 Ott - 8:16

Siamo andando fuori tema ma ammetto che mi piace molto di più e nessuno ci obbliga ad essere ortodossi, poi qui ci sono svaccamenti peggiori! Ottimo Hara prendiamo il tuo ultimo messaggio come la scaletta delle intenzioni. Marco il sotto tema e dico quel che penso sotto, così non costringo il mio povero cervello a masturbarsi fuori dalla scatola cranica! Allora vado.
Il Distruttore Hara ha scritto:
SergioAD ha scritto:Si viene certificati da un ente formale che assegna livelli di modelli di eccellenza nell'ambito delle aree di processo, il responsabile si comporta come un cliente qualsiasi che commissione un lavoro ed in questo caso c'è anche il mandato della società relativo agli aumenti, licenziamenti, mobilità - mai visto il capo che applica un comportamento paternalistico e poi promuove e penalizza dicendo di non essere colpevole - qui esiste la grande differenza di conduzione base amici e strutturale, nel primo caso ci sono gli "amici" che risolvono i problemi (tipo da noi) nell'altro la struttura dell'azienda (anglosassoni).
Sul lavoro in equipe, modello orizontale, qualcosa ne so, non foss'altro che sono sommerso dalle autovalutazioni, che vanno elaborate al fine di essere poi inserite in modelli statistici.
Una forma di gigantismo che fa perdere all'operatore tempo e e lavoro, alla società, pubblica o privata che sia, soldi e risorse. 
a mio giudizio qualcosa andrebbe rivisto, che il tutto sta diventando un eccesso di burocrazia.


Qui si tratta di avere responsabilità ortogonali a livello del singolo progetto, chi fa assicurazione della qualità, chi le gestione della configurazione, chi l'amministrazione, chi la pianificazione, chi ingegneria (sono 22 aree di processo e ciascuna ha un responsabile) - significa che a livello paritetico il responsabile della funzione decide cosa fanno gli altri colleghi.
I miei migliori auguri ai responsabili, davvero, che nom si gestiscono funzionalità ma persone, per quanto professionali queste siano.

Tu dici dei muratori ma anche il settore edile avrà le seu certificazioni, modelli di eccellenza e lo stesso rumore della comunicazione. 
Quando devo chiamrli mi impiccio, voglio, per loro disgrazia, partecipare, al massimo mi mettono a fare il cemento e a buttare vis i calcinacci. Parllavo dell'operaio, minuscolo imprenditore di se stesso e magari di figli e di un cugino.
Qualche corso di sicurezza e se la cavano, per il resto c'è l'ingegnere o il geometra.

Dunque, può accadere che dall'interno venga data forza ad un competitore, che ha in comune con te qualche attività, per colpire ed affossare un progetto in modo da tirare dentro un secondo progetto simile di cui ha responsabilità un altro gruppo.
All'interno della stessa società, dall'interno del gruppo di lavoro stesso?
E comunque chi conduce tali "battaglie"?
Sono utili (ai fini societari)o no?

La cosa è un po' più semplice. Nell'ambito della stessa azienda A costruisce autovetture fuori strada e B veicoli per il lavoro pesante, nel contratto sono previsti i fuori strada ma B vuole convincere il cliente che i veicoli per il lavoro pesante sono più adatti - si muoverà prima internamente poi farà il suo gioco sporco fornendo soluzioni a tutti per i suoi interessi personali, A perde B vince, la società ha il contratto ed il cliente ha qualche vantaggio in più...  
Si il marketing sembra più semplice, anche se c'hanno tirato dentro ogni sorta di scienza, alla fine non  capisco se è un modo per incrementare altri settori connessi(mamma pubblicità?), o tali complicazioni sono davvero funzionali.
A mia esperienza, per quello che vale, il buon venditore ha un talento complesso, una dote.


La comunicazione immaginaria può avvenire quando ci si trova davanti a dei poveri di spirito, non avviene, nemmeno quando c'è un raccomandato imbecille - so di un contratto di qualche TIR in cui il venditore ha piazzato una scorta di ruote impressionante - da allora c'è una clausola che in caso il venditore si impegna a ricomprare le parti di rispetto eccedenti. Insomma lo freghi una volta solo.

La comunicazione immaginaria, come anche altre modalità, speso nasce da un cattivo uso della metacomunicazione e/o della paralinguistica (le faccine mgreen  pure)

Su questa mi riptometto di  annoiartici un po' alla prima occasione plausibile...

Buona giornata
Premesso che ottenere una certificazione non è finalizzata alla medesima.

Tu non esibisci il tuo titolo per la forma (ci risiamo ancora forma e sostanza) ma per la sostanza, offri capacità non colori, sei e non appari... enfatizzi il senso di apparire per essere.

Dietro a quella certificazione c'è lavoro, dispendio di energia, costi e tempo.

Ci sono degli obbiettivi e delle attività.

Anche io sono un esperto ma lo diventai per migliorare. Essere specialista nel proprio settore non basta più oggi, si deve essere dei specialisti nell'uso della strumentazione, nella sistema di archiviazione, nella metrica di verificare l'aderenza tra il prodotto ed il relativo contratto ed anche i processi siano aderenti al manuale di di assicurazione qualità.

Slogan "Descrivi quello che fai e fai come hai descritto", "diventa un problema per la competizione",

Potrei farla lunga (e mi piacerebbe) ma faccio un esempio.

Devi preparare un particolare documento.

Il tipo di carattere da usare, il formato, lo stile, l'impaginazione, insomma la struttura del documento nei minimi dettagli deve essere prestabilito e disponibile; il sistema di implementazione e mantenimento delle modifiche e revisione deve essere comune a tutti; tutto ciò che non è strettamente connesso allo scopo del documento è attività di altri.

Bada che all'atto di stimare lo sforzo il costo di questi servizi è 5% per il mantenimento della configurazione; 3% per l'assicurazione delle qualità sia del prodotto che dei processi relativi alla esecuzione.

Allora lo specialista, tu, usa il template (documento semilavorato di cui sopra) e usa tutta la sua capacità e fantasia per il motivo per cui gli è stata commissionata l'attività.

_______

Storia.

La DoD (department of defense) spendeva un sacco di soldi per mantenere il software (è nata li l'esigenza poi è stata usata negli altri campi, vedi negli ospedali) e questo cresceva solo, la documentazione era diventata illeggibile ed era impossibile aggiungere nuove funzionalità al punto che costava meno rifare tutto.

Ha chiamato la Carnegie Mellon (università) è gli ha commissionato la soluzione, si sono unite le maggiori aziende ed hanno definito le regole per lavorare. Capability Maturity Model - Integrated con 5 livelli di certificazione.

Chi pensa di lavorare per la DoD deve essere certificato per il livello 3 del CMMI.

questo per cosa si tratta
http://www.sei.cmu.edu/cmmi/

questo per semplice descrizione
http://atei.forumitalian.com/t2753p10-programmi-come-si-facevano-e-come-si-fanno#60439

questo per l'implementazione, cose fatte
http://atei.forumitalian.com/t3192-la-pseudoscienza#78466

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Mer 30 Ott - 8:27

Riguardo alla comunicazione immaginaria, attinente, almeno per capirci, è una versione del paradosso di Newcomb (un fisico delle particelle), che forse hai già incontrato nel suo contesto più proprio. (logico-matematico).
provo ad esporlo brevemente, che su internet ho trovato solo banalizzazioni dello stesso. 
Tieni presente che il paradosso non è nella situazione immaginari descritta, ma come noi reagiamo alla stessa.
Siempre da Watzlawick. 


Presupposti fondamentali da accettare:

a)Conosciamo une Demiurgo (D), forse perfetto.
Nel senso che, a quanto noi ne sappiamo, non ha mai sbagliato una previsione delle nostre scelte o di quelle di altri.

b)Che D eseguirà la sua scelta prima di quella di noi.

D ci presenta questo gioco.

Ci pone di fronte due scatole in cui o nella prima   ha già messo  mille dollari nella scatola 1 oppure ha messo un milione di euro nella scatola 2 e che solo dopo vi dice qual'è il gioco.

E limita a due le nostre opzioni :


a. Scegliamo ambedue le scatole

b. Scegliamo solo la 2

Il  fatto è che chi si imbatte in tale problema troverà logico scegliere a) o b) e che considererà insensato chi sceglie l'altra possibilità.

Chi sceglie a) argomenterà in questo modo:"E' probabile che D abbia di nuovo previsto correttamente la mia scelta, quindi se scelgo la soluzione a)  troverò vuota la scatola numero 2, quindi mi conviene scegliere la b)"

Chi sceglie b) argomenterà:"Il milione o è gia nella scatola 2, oppure non è, quindi se va bene becco un milione più mille dollari, se va male becco solo i mille"

"E no, scemo, - diranno chi sceglie la a)- D avrà previsto la tu scelta quindi se compi tale scelta la 2 sarà vuota"

E gli altri" Ma allora siete proprio duri! A prescindere dalla nostra decisione il milione sarà, o no, nella seconda scatola..."

Ecc.

E' stato dimostrato che il numero di persone del partiro a) e quelle del partito b) numericamente si divideranno al 50%, gioco da provare con amici, anche dopo che si conosce la soluzione.

Che è stata proposta nientepopò di meno che da Plank (mi dicono) come problema fantasmico legato alla nostra visione degli if/then:

If Tom è il padre di bob then bob è il figlio di tom(logica atemporale)

If premo questo tasto then il campanello suonerà (logica causale, quindi temporale)



Sono stato troppo sintetico, temo, e non ho spiegato che rilevanza possa avere in ciò di cui stiamo parlando.

Così creo un po' di suspence...wink..

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da SergioAD il Mer 30 Ott - 13:41

Ogni scelta sembra buona;

La scelta n° 1 è buona.

Sono rimasto a pensare perché il fuori tema, dopo 11 minuti. Non sembri interessato ah ah, hai ragione.

Vado un po'... salamat

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Mer 30 Ott - 14:27

Ho fatto casino tra i ragionamenti di che scegli la soluzione a)e di chi invece la b)

comunque ogni volta che lo affronto la vedo diversa, in questo momento mi sembra insensato scegliere la 1...carneval

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da holubice il Mer 30 Ott - 21:27

Anche io avevo la sensazione che nelle nostre latitudini si tenda a girarci intorno...



E, comunque, nello studio dell'inglese si ha l'impressione di avere a che fare con una sorta di formula matematica, piuttosto che con una frase, per quanto è scarna in fronzoli e squadrata.



holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Sab 2 Nov - 16:12

SergioAD ha scritto:Ogni scelta sembra buona;

La scelta n° 1 è buona.

Sono rimasto a pensare perché il fuori tema, dopo 11 minuti. Non sembri interessato ah ah, hai ragione.

Vado un po'... salamat
Shalom alecha, 


E' l'argomento che più mi interessa, ma è anche il più difficile da affrontare in questa sede (e non solo)
Ed è pure  un tema che può diventare"sensibile"

Comunque non ritengo di essere andato poi tanto OT. Che è' facile vedere(immaginarsi?) una sorta di demiurgo all'opera in ogni struttura gerarchizzata(e magari scazzare in famiglia o coi colleghi su come interpretarlo.) e inolter la comunicazione immaginaria riguarda un po' tutti i nostri ambiti esistenziali (volendo e un po' stiracchiando anche la musica, il cinema ecc vi rientrano),alcuni degli esempi di dialogo da te riportati vi rientrano.


Se ancora interessasse l'argomento, come ti avevo anticipato, indica tu il punto che ritieni più attinente e interessante.
Che il discorso va comunque delimitato perchè è imponente e altrimenti si finisce per capirci ancor meno.


Un affettuoso saluto.

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da delfi68 il Sab 2 Nov - 18:25

здоровье и мир

..trovo cosi indisponente, inutile e provocatorio saluti in ebraico, che mi stupisco tu sia ancora li a potificare della corretta comunicazione..

Siamo italiani e scriviamo in italiano, me lo spieghi cosa ti spinge a scrivere salutini in ebraico? ..noi non siamo ebrei, nemmeno israeliani..perchè ci saluti in lingua estera?

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Sab 2 Nov - 19:11

delfi68 ha scritto:..trovo cosi indisponente, inutile e provocatorio saluti in ebraico, che mi stupisco tu sia ancora li a potificare della corretta comunicazione..

Siamo italiani e scriviamo in italiano, me lo spieghi cosa ti spinge a scrivere salutini in ebraico? ..noi non siamo ebrei, nemmeno israeliani..perchè ci saluti in lingua estera?
Leggi

salam aleikum


significa pace a te(rivolto a un maschio) in arabo, e un uccellino  mi ha detto che  SergioAD conosce bene le lingue. scegliere una lingua  o un'altra non fa differenza, che uguale significato ed è evidente stesse quasi identiche radici

dopo questo dovuto chiarimento se vuoi  riformulare la domanda inerente la comunicazione...

Eppoi si capisce e si sa bene tutti il significato, a che scopo far finta di essere appena caduti dal pero?

No, grazie non me lo dire wink.. 


Shalom

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da delfi68 il Dom 3 Nov - 9:27

Ma figurati..so e sappiamo tutti cosa vuol dire..

Ma il tuo insistere SOLO con l'ebraico poi.. vuoi fare il fighetto che scrive in ammerrekano?..eh..va bene, allora giusto per fare il turbotrash scrivi una volta in ebraico..una in inglese..una in tedesco..

No, invece la tua insistenza a fare l'ebreo a tutti i costi, con il suo "carico historico" di olocausti e terre promesse..mm..sa proprio di poco..

Che te devo dire..saro' io eh..

ma a me fa venire in mente un po il Lando Turbominchia..che devo di...Shalom sta minchia pure a te!boxed

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da mix il Dom 3 Nov - 9:31

facciamo il thread del shalom?
parallelo a quello delle bestemmie?
salom 'nto'oku

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da delfi68 il Dom 3 Nov - 9:35

Shalomme' istk o' kibuzz!!

..mehs esc skazzat o Shalomme'!



ma che arte!!!


delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da delfi68 il Dom 3 Nov - 9:39

זונת מדונה

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da delfi68 il Dom 3 Nov - 9:40

aahh..opss dimenticavo:

SHALOMME'

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da mix il Dom 3 Nov - 9:43

scialamm e scialamm non c'è kyurestat'nkazz

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da delfi68 il Dom 3 Nov - 9:44

carneval 


oh..ma e' andato via???!!

..ma tornera' vero????eeeeeeek

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da delfi68 il Dom 3 Nov - 9:45

mix ha scritto:scialamm e scialamm non c'è kyurestat'nkazz
ahahahahahah

Mi ricorda questo


delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Dom 3 Nov - 10:03

delfi68 ha scritto:Ma figurati..so e sappiamo tutti cosa vuol dire..

Ma il tuo insistere SOLO con l'ebraico poi.. vuoi fare il fighetto che scrive in ammerrekano?..eh..va bene, allora giusto per fare il turbotrash scrivi una volta in ebraico..una in inglese..una in tedesco..

No, invece la tua insistenza a fare l'ebreo a tutti i costi, con il suo "carico historico" di olocausti e terre promesse..mm..sa proprio di poco..

Che te devo dire..saro' io eh..

ma a me fa venire in mente un po il Lando Turbominchia..che devo di...Shalom sta minchia pure a te!boxed
Anche  la supercazzola con scappellamento a destra antani per due se è per questo.



Ciao bambulè, che ve vò bene assaje.... ok

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da delfi68 il Dom 3 Nov - 12:08

ohhh questo si che e' un saluto!ok

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da mix il Lun 4 Nov - 6:40

Il Distruttore Hara ha scritto:
delfi68 ha scritto:Shalom sta minchia pure a te! boxed
Anche  la supercazzola con scappellamento a destra antani per due se è per questo.
queste battute, per stare sul tema del thread, ormai fanno ridere solo i vecchi pirla in smantellamento

shallomati amin kiam oxia

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da loonar il Sab 21 Dic - 14:03

sono stato bannato più volte per il mio linguaggio politically uncorrect
quello che forse è sfuggito e che non sono stato capace di comunicare...
(vedete prima il video seguente:

)

... è che emotivamente sono sempre stato corretto nei confronti dei miei interlocutori
e quando mi capita di far fatica ad esserlo, mi sforzo, di esserlo.
Ora sto provando di tramutarlo in un diverso modo di comunicare in maniera scritta questa modalità, che tende a non passare. Difficile e non sempre ci si riesce.
Un po' di pazienza avrebbe giovato e gioverà.
 wink.. 

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Attributi della Comunicazione

Messaggio Da mix il Dom 22 Dic - 0:13

loonar ha scritto:sono stato bannato più volte per il mio linguaggio politically uncorrect
quello che forse è sfuggito e che non sono stato capace di comunicare...
Una questione non indifferente in un contesto dove l'attività principale è la comunicazione.


(vedete prima il video seguente)
Bella tipa, mi piace.


... è che emotivamente sono sempre stato corretto nei confronti dei miei interlocutori
Qui c'è spazio di comprensione reciproca, perché le opinioni in merito possono essere differenti. Le percezioni dei riceventi possono essere diverse dalle intenzioni di chi trasmette, se c'è stata scarsa qualità comunicativa, soprattutto.
Proporrei di non personalizzare, osservando il passato nel farlo,
ma di focalizzare l'attenzione invece sulle questioni, guardando al futuro.
Sarebbe emotivamente intelligente.


e quando mi capita di far fatica ad esserlo, mi sforzo, di esserlo.
Ora sto provando di tramutarlo in un diverso modo di comunicare in maniera scritta questa modalità, che tende a non passare. Difficile e non sempre ci si riesce.
Un po' di pazienza avrebbe giovato e gioverà.
 wink.. 
Si percepisce una critica, qui.
Qual'è l'intento complessivo di questo post?
Può essere percepito come l'intenzione di fare una critica solamente.
Sarebbe un difetto di comunicazione se così fosse percepito?
Le intenzioni principali sono altre, invece?
Le frasi messe in fondo ad un post sono delicate.
Sono l'ultimo stimolo percepito da chi legge e potrebbe rispondere.
Un vantaggio oggettivo dell'ultimo stimolo sulla somma di tutti gli stimoli presenti in un messaggio.
Se non c'è uno stimolo preciso molto più forte degli altri, in un post, il rischio che un dettaglio acquisisca un'importanza non desiderata dallo scrivente è concreto.
Cosa se ne pensa?

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum