Treni e fermodellismo

Pagina 10 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... , 9, 10, 11  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Gio 27 Giu - 14:17

Rasputin ha scritto:Mi pare che la linea sudafricana sia quella con i treni più lunghi al mondo, ma vado a memoria
Se la vede alla pari con una in Australia (quella australiana ha trazione Diesel).
Non so la "rivale" da dove a dove vada, ma usano di solito sette locomotive, distribuite lungo il treno.
Se è la linea di Pilbara, pare stiano anche sperimentando un sistema driverless: non basta che un macchinista comandi 7 macchine, facciamo anche a meno di quel uno...eeeeeeek
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da silvio il Gio 27 Giu - 22:03

Una volta avevo un gioco per pc tipo train simulator veramente carino, lo avevo preso per mio figlio che aveva la fissazione dei treni.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Ven 28 Giu - 18:43

MSTS non l'ho mai osato provare, è piuttosto pesante.
Rasputin ha scritto:Mi pare che la linea sudafricana sia quella con i treni più lunghi al mondo, ma vado a memoria
Trovato quella australiana che se la vede alla pari con quella sudafricana.
La linea è quella di Mount Newman e appartiene alla BHP Iron Ore. Normalmente circolano treni fra 3 e 4 km, ma la linea è la metà di quella sudafricana. Hanno fatto loro il treno più lungo del mondo (7 km) con 8 locomotive unite a coppie e distribuite lungo il treno, di solito ne mettono sei, tre davanti e tre dietro.

avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da ocelot il Lun 8 Lug - 22:33

The Pilot ha scritto:In Europa (vista la statalizzazione delle ferrovie) queste intersezioni a raso sono scomparse: c'era fino a una trentina d'anni fa la Linea dei Bivi di Mestre, ma lì le rotaie "secondarie" erano sopraelevate per non tagliare le rotaie della linea principale (le ruote passavano "lavorando" coi bordini). Non so se trovo qualche foto perchè non saprei come cercare.



E qui un po' di storia
avatar
ocelot
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 610
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 23.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Mar 9 Lug - 17:03

Oh, belle. Non si nota troppo la forma delle rotaie ma si può capire. La 740 nella seconda foto è sul binario "continuo", quelli intersecanti hanno le rotaie rialzate.
Qui si vede meglio (è o era sulla Trento-Malè, ancora tale).
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da ocelot il Mar 9 Lug - 17:41

La linea con le rotaie non interrotte è la Venezia-Treviso-Udine.
In caso di intersezioni le rotaie che venivano interrotte erano quelle della linea -tra le due- con meno transito.

I convogli che dovevano attraversare l'intersezione sulle rotaie tagliate dovevano transitare ad una velocità massima di 6 km/h. Questo avevo letto -con tanto di tabella di marcia- sul forum di solotreni.net (ora perito).

Interessante anche l'intersezione delle linee aeree.
avatar
ocelot
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 610
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 23.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Mar 16 Lug - 11:22

ocelot ha scritto:La linea con le rotaie non interrotte è la Venezia-Treviso-Udine.
In caso di intersezioni le rotaie che venivano interrotte erano quelle della linea -tra le due- con meno transito.

I convogli che dovevano attraversare l'intersezione sulle rotaie tagliate dovevano transitare ad una velocità massima di 6 km/h. Questo avevo letto -con tanto di tabella di marcia- sul forum di solotreni.net (ora perito).

Interessante anche l'intersezione delle linee aeree.
Non ho capito se lì era fatta con la placca quadra o con i fili ausiliari.
Sul tipo di intersezioni "a raso non a raso", ho sentito un ex ferroviere, ex macchinista, e a suo parere questo genere di intersezioni non esistono proprio più, anche se forse la norma in merito è ancora prevista*. Deve ancora sentire qualche ex collega un po' più giovane che lavori ancora.
Non è che di ferrovieri ne conosca tanti: oltre a questo, un altro in pensione e uno solo ancora attivo (dirigente movimento). Ne conoscevo ancora un altro ma è morto da qualche anno.

*ha riso anche lui della scomparsa della normativa sul segnalamento delle tratte a cremagliera vent'anni dopo la scomparsa fisica dell'ultima tratta... mgreen 
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Sab 27 Lug - 20:05

Tempo fa avevo postato la mia intenzione di recuperare un telaio di una vecchia locomotiva a vapore di cui non ho la cassa costruendola "cabinata": per farla breve, una locomotiva a vapore con la cabina lunga quanto l'intera caldaia. E col tender, visto che la meccanica deve stare lì. Ho finito il disegno delle varie parti basandomi sul disegno dello spazzaneve rotativo DRG: riportato in N, ha quasi le stesse dimensioni, solo sul frontale ci saranno portellone della camera a fumo e organi di aggancio invece della fresa. Per mettere mano alla realizzazione aspetto almeno settembre.
Intanto farò qualche "esercizio di riscaldamento": qualcuno ha presente i carri italiani tipo F, FF e Hg, poi Ghkkms, Ghks e Ims? Si possono costruire abbastanza facilmente, sono piuttosto "spigolosi", sul telaio di kit della Peco adeguatamente allungati. Ho già provato tempo fa con uno, il lavoro era decente, si poteva proseguire. Solo che faccio qualcosa di più: ne costruirò una decina! Probabilmente due FF (essendo a passo lungo, il rischio che risultino fragili è più alto), due Hg (molto difficili per il doppio tetto, lamiera sotto e legno sopra) e forse un carro P (poi K), per container o altro; gli altri F semplici. Erano atti al traffico internazionale, quindi non ci sono grossi problemi nel non avere una locomotiva di casa nostra.
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da Rasputin il Sab 27 Lug - 21:08



Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi Pilota, poi ti passo io quello che mi ha detto un amico ingegnere presso la DB wink.. 

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50055
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da vnd il Sab 27 Lug - 22:28

Rasputin ha scritto:

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi Pilota, poi ti passo io quello che mi ha detto un amico ingegnere presso la DB wink.. 


Mah... io ho sentito che il macchinista ha ammesso da subito di essere andato troppo forte.
Pare che su faceboock se la tirasse una cifra e che si vantasse per sbattesene dei limiti impostigli.
(Questa la devo ancora verificare....)

Non so....
In questo caso è quasi una sfiga che sia ancora vivo, per lui....
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da vnd il Dom 28 Lug - 5:14

vnd ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi Pilota, poi ti passo io quello che mi ha detto un amico ingegnere presso la DB wink.. 


Mah... io ho sentito che il macchinista ha ammesso da subito di essere andato troppo forte.
Pare che su faceboock se la tirasse una cifra e che si vantasse per sbattesene dei limiti impostigli.
(Questa la devo ancora verificare....)

Non so....
In questo caso è quasi una sfiga che sia ancora vivo, per lui....


http://www.leggo.it/NEWS/ESTERI/treno_santiago_macchinista_foto_facebook/notizie/308587.shtml
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da Rasputin il Dom 28 Lug - 7:33

Secondo le mie informazioni, per ragioni di costi il sistema di limitazione della velocità usato era quello spagnolo ASAF in luogo dello standard europeo ETCS

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50055
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Dom 28 Lug - 12:33

Immaginavo saltasse fuori l'incidente spagnolo.
Non ne so molto perchè non conosco i sistemi di sicurezza di quel paese. Anzitutto non vi è una sola causa, ce ne devono essere almeno due per disastri di quel genere.
Ipotizzo: si è detto che, a differenza di quello di RFI, il sistema di controllo RENFE non dia segnali quando si passa da un tipo di ripetizione all'altro e men che meno tolga la trazione al veicolo finchè il conducente non dia un "ricevuto". Quando il treno è uscito dalla linea veloce (dove poteva andare a 180 e aveva la ripetizione ERTMS) ed è passato su quella normale (dove si usa una ripetizione discontinua chiamata ASFA), non ha avuto nessuna segnalazione. Il macchinista poteva essersi distratto, questo sì, specie se si fosse fidato della sua anzianità di servizio su quella linea, e non essersi accorto del campo di ripetizione in cabina. E il treno NON ha staccato da solo. Forse può esserci stato un altro guasto.
Insomma, una "falla di sistema".
Che il macchinista fosse un bullo è tutto da vedere, pare che le foto su faccialibro mostrassero scenari di normale attività dove fosse perfettamente regolare quanto mostrato.
Inoltre il mezzo era un veicolo ibrido, il primo mezzo saltato fuori dalle rotaie non era l'unità di testa ma il veicolo ausiliario Diesel (si spiega l'incendio) che viene usato sulle linee non elettrificate, molto pesante e col baricentro molto più alto degli altri. Se è vero che il treno pareva ancora in spinta (non ho capito dove e chi abbia tirato fuori questa storia) quando è sviato, potrebbe darsi che l'unità di coda fosse ancora in trazione, ma può essere semplicemente un effetto delle forze d'inerzia dovuto alla massa dell'unità posteriore rispetto a quella delle vetture.

Il solo ferroviere ancora in servizio che conosco mi ha riferito che il sistema RFI pecca del problema opposto: spesso il sistema non permette neppure di mettere in servizio un mezzo di trazione o perfino un treno intero, spiegando così perchè ci siano treni che partano già in ritardo anche senza problemi in linea.
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da Rasputin il Sab 3 Ago - 10:24

Pilota, ma per quel che ne so io il gasolio non è infiammabile ??? 

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50055
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Sab 3 Ago - 10:41

Di locomotive Diesel distrutte dalle fiamme ce ne sono state parecchie. Bastano 40/50°C per innescarlo. Poi dipende anche da cosa ci sta attorno. I bruciatori a gasolio per usi domestici e piccolo-industriali si accendono grazie ad una scintilla, basta che il combustibile si adeguatamente disperso. E con quegli sbattimenti potrebbe essersene disperso.
Ad ogni modo non è stato un grosso incendio (ho visto locomotive incendiate ridotte peggio).

Tornando al disastro, sembra che nella transizione da ERTMS a SCMT su RFI i circuiti di trazione si stacchino*, nella transizione fra ERTMS e ASFA no. E non c'è nulla che avvisi il macchinista in caso di distrazione. A quanto pare la causa inziale, il "seme" del disastro, è stato proprio quello.


 *ancora adesso il sistema è spesso causa di ritardi, e critiche, perchè alla messa in servizio deve essere "riarmato" anzichè inserirsi all'attivazione dei circuiti di trazione, con le conseguenti perdite di tempo e partenze in ritardo.
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Mar 6 Ago - 7:08

Qualcuno avrà sentito parlare del sistema di distribuzione a valvole "Caprotti": dava un buon rendimento ma richiedeva una manutenzione specializzata.
Non è facile descriverne il funzionamento, ho un'istruzione tecnica di circa 300 pagine, ma un gruppo ha aperto un meccanismo e lo ha fatto girare (con un motore non reversibile, però)...

Spostando la leva che si vede essere azionata a scopo dismostrativo, oltre la metà corsa il motore (a vapore) girerebbe all'inverso.

Qui una descrizione più semplificata e, si spera, comprensibile. La trovate già in PDF:
http://www.adriavapore.it/download/valvole%20Caprotti.pdf
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Sab 10 Ago - 12:42

La si vede male, ma qui appare una delle poche locomotive con distribuzione Caprotti ancora utilizzabile (al momento è ferma, il video è del 1992), la FCL 402.

Sembra che Adriavapore cerchi di rimettere in funzione la 625.308, unica Caprotti di quel tipo rimasta (e sarebbe l'unica utilizzabile a scartamento normale), ma al momento sono senza schei... pianto2 pianto2
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Mar 20 Ago - 17:14

Siccome sono stato pagato per un lavoro (quello precedente, non quello finito ieri sera), mi sono preso il modello di una di queste:


Pare assurdo: eccetto la Class 08 (ci ho dedicato una compilation diversi post fa), i modelli in mio possesso che abbiano minimo da manovra sono tutti locomotive di linea.

Non che la Class 66 non riesca a tenere al vero quei minimi (e lo fa anche il modello):


Notare come a norma britannica i treni merci abbiano acceso solo un fanale basso: lo fa anche il modello.

Questi sono i rumori quando se ne mette in funzione una:
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da Rasputin il Mar 20 Ago - 20:31

The Pilot ha scritto:[...]
Inoltre il mezzo era un veicolo ibrido, il primo mezzo saltato fuori dalle rotaie non era l'unità di testa ma il veicolo ausiliario Diesel (si spiega l'incendio) che viene usato sulle linee non elettrificate, molto pesante e col baricentro molto più alto degli altri. Se è vero che il treno pareva ancora in spinta (non ho capito dove e chi abbia tirato fuori questa storia) quando è sviato, potrebbe darsi che l'unità di coda fosse ancora in trazione, ma può essere semplicemente un effetto delle forze d'inerzia dovuto alla massa dell'unità posteriore rispetto a quella delle vetture.[...]
Hmmm...interessante, mi era sfuggito il particolare thinkthank

Allora c'era un altro macchinista?

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50055
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Mer 21 Ago - 12:16

Peggio: un comando non funzionante che avrebbe lasciato accesa la seconda unità mentre la prima era già fuori dalle rotaie.
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Mer 21 Ago - 21:14

Spero di non fare un torto a nessuno facendo hotlinking del segnalamento di testa dei treni inglesi.
Li ho presi da qui: http://myweb.tiscali.co.uk/gansg/3-sigs/bellhead.htm
Qui il pre-1923 (o pre-grouping)



E qui lo schema dell segnalamento luminoso post-1923 (all'epoca delle Big Four e forse in gran parte ancora valido:
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Ven 23 Ago - 18:33

Qualcuno vuol vedere un servizio ferroviario "come una volta"?
In Bosnia forse lo fanno ancora (almeno: l'anno scorso ancora lo facevano):


Notare in apertura il segnale austroungarico "a prova di bora", con le ali traforate.
La locomotiva è la diffusissima Baureihe 52, la famosa Kriegslokomotive, ne hanno fatte circa 6000: anche se spartane (o forse proprio per questo), essendo macchine concepite durante e per la guerra, ne sono sopravvissute molte nei paesi dove i tedeschi le hanno portate e poi abbandonate durante le loro ritirate. Non è da escludersi che in qualche paese dotato di un'industria capace di costrure locomotive il modello sia stato addirittura replicato.
Qui un video di propaganda che ne mostra a grandi linee la costruzione.

Non so se il committente del filmato (J.G. probabilmente) sapeva che un paese nemico poteva fare molto, ma molto, di più...
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Sab 31 Ago - 12:24

Un sistema di trazione quasi ignorato dai più (ad esempio, in Italia ha avuto solo applicazioni para-tranviarie) è quello elettrico ad accumulatori. In Germania è stato usato fino al 1995, con le automotrici 515
In questo video si vede uno degli ultimi servizi svolti con esse (è quasi certamente un servizio regolare, dalla distorsione che compare in basso, il video parrebbe provenire da un VHS).


Una chicca gli apparati centrali meccanici, altrove già il più delle volte spariti (in Italia forse, dico forse, ce n'è qualcuno sulle ex calabro-lucane).
Ci sono altri video in cui una ETA (ElektroTriebwagen Akkumulatoren) è mostrata anche dentro, ma non si riesce ad inserirli. Questo è un altro ricordo di quei mezzi.

Metto i link diretti ad alcuni altri, su queste automotrici, che non si inseriscono ma sul "tubo" si vedono bene:
http://www.youtube.com/watch?v=9FFDnSiXGaQ
http://www.youtube.com/watch?v=rOXKV8X4yws
http://www.youtube.com/watch?v=VrWZfhD_ax0
http://www.youtube.com/watch?v=bnMDo4He0Lk
Buon tuffo nel passato (no, sono tutti d'epoca: la sponsorizzazione di Nokia è stata fatta nel 1994). saluto... 

Volevo prendermene una: in H0 ne aveva fatta, e molto bene, anche la Lima ancora oltre 30 anni fa, ma in N esiste solo il modello Kato/Lemke che costa una follia, non l'ho trovato a meno di 180 euri...

Che strano: i tedeschi hanno rispetto di chi si interessa di cose simili. Qui se va bene li considerano ritardati o perfino pericolosi (di persone diffidate ex legge 1423/1956 per l'interesse verso le ferrovie senza essere ferrovieri ne ho conosciuti ben due!).
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da The Pilot il Mar 10 Set - 15:05

Forse Rasp potrebbe chiedere se oggi ce ne siano ancora, ma almeno due anni fa, una delle mie locomotive elettriche preferite (la "bifrequenza"* BR 181 serie 2) era ancora in servizio.





Certe volte la si vede con il pantografo anteriore alzato perchè hanno due dimensioni diverse: per la Germania serve uno strisciante di 1950 mm, per la Francia e il Lussemburgo uno di soli 1450 (teoricamente con quello stretto potrebbero circolare anche in Svizzera, ma probabilmente non sono attrezzate a livello di sicurezze).
Eccola col pantografo largo davanti:


*le chiamano "bifrequenza" perchè possono funzionare sia a 15 kV 16,7 Hz che a 25 kV 50 Hz ma non in continua.
avatar
The Pilot
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 901
SCALA DI DAWKINS :
50 / 7050 / 70

Data d'iscrizione : 17.07.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Treni e fermodellismo

Messaggio Da Rasputin il Mer 11 Set - 10:15

The Pilot ha scritto:Forse Rasp potrebbe chiedere se oggi ce ne siano ancora, ma almeno due anni fa, una delle mie locomotive elettriche preferite (la "bifrequenza"* BR 181 serie 2) era ancora in servizio.
Ho chiesto, attendo evtl. risposta ok 

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50055
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 10 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... , 9, 10, 11  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum