10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Pagina 10 di 14 Precedente  1 ... 6 ... 9, 10, 11, 12, 13, 14  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da BestBeast il Lun 8 Ott - 15:13

Vedi Beast Beast, io non credo alle "prove" di Dio.
Io credo in Dio.
Il solo fatto che non ci siano prove, per me non significa che Dio, quel Dio, non esista.
Per te non è così. Ti capisco sinceramente. Hai bisogno di prove per credere ad una Cosa tanto grossa. Perchè se ci fosse la PROVA dell'esistenza di quel Dio, sarebbe una cosa veramente grossa da stravolgerci la vita.
Ma va bene così. Ti bastano le risposte che già ti dai e vivi, spero, serenamente, anche senza Dio.
Amen

Ok, cominci a sembrare ragionevole, possiamo discuterne, ed in realtà lo staremmo già facendo se tu non schivassi specifiche domande.
La prima considerazione è che anche tu "credi" esclusivamente davanti a prove, ma fai solo una eccezione, per questo siamo molto simili.
La cosa curiosa è che fai la stessa eccezione che hanno fatto i tuoi genitori/educatori, e tutti gli altri come te. Strano, no?
Hai mai ragionato su questo punto? Ti sei mai raccontato una storia nella quale tu, nato in India, ti trovavi in età adulta a percepire e sentire profondamente Ganesh dentro di te?

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da jillo il Lun 8 Ott - 15:17

Werewolf ha scritto:

Sant'Agostino ti fucilerebbe, se potesse....


mettiamoci anche Plotino...




Werewolf ha scritto:

accosta e metti il freno a mano. Che sia esistito un Gesù, va bene, okay. Che fosse un invasato religioso, anche. Che facesse guarigioni, se ne può discutere. Che il tizio fosse Dio... storicamente, è da escludere. Controllare le fonti, prego. Con un po' di metodologia critica, possibilmente.
No, certo. il Gesù storico documentato è quello lì. Ma non è documentato che fosse Dio. Questo lo sappiamo che non lo si ricava nè dalle fonti storiche nè dalle prove scientifiche.

Werewolf ha scritto:

Eeeeeh, no, sorry. Non finché tu e tutta la tua compagnia di masnadieri continuerà a cercare di imporre leggi basate sulla vostra morale sulla nostra testa, no.


La mia compagnia? L'utente scrivente si chiama Jillo. Jillo scrive per proprio conto e a Jillo si risponde se se ne ha voglia. Non sono un ambasciatore del Vaticano io.

Werewolf ha scritto:

EDIT: Ah, un'altra cosa, non si prova l'assenza di nulla. Tu affermi, tu devi portare le prove. (Con questo credo abbiamo raggiunto la 10000ma volta che viene detto nel forum)

Lo so cosa affermo. e quello che si scrive sul forum per me non è Vangelo e non tutto quello che viene qui detto lo condivido.

jillo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1832
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.08.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da *Valerio* il Lun 8 Ott - 15:21

jillo ha scritto:[...] Se bestemmi e non succede nulla cosa pensi di aver provato?

Spero non te ne abbia male se estrapolo dal contesto (se mai vi fosse)

Se preghi e non ottieni nulla cosa pensi che si possa provare?
Te lo dico io: Che non serve a niente, che la fede nella preghiera e' superstizione, che vale tanto quanto portarsi in giro un ferro di cavallo o il cornetto napoletano.

Ti diro' di piu', che la preghiera non serve a un cazzo e' anche scientificamente provato, in barba a certi passi del vangelo. (se vuoi linko eh mgreen )



(Matteo 7, 7 - 11)
Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto; perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. Chi tra di voi al figlio che gli chiede un pane darà una pietra? O se gli chiede un pesce, darà una serpe? Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano!

Marco 11:24 Perciò vi dico: Tutte le cose che voi domanderete pregando, crediate che le avete ricevute, e voi le otterrete.

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 44
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da renus il Lun 8 Ott - 15:22

jillo ha scritto:
Werewolf ha scritto:

EDIT: Ah, un'altra cosa, non si prova l'assenza di nulla. Tu affermi, tu devi portare le prove. (Con questo credo abbiamo raggiunto la 10000ma volta che viene detto nel forum)

Lo so cosa affermo. e quello che si scrive sul forum per me non è Vangelo e non tutto quello che viene qui detto lo condivido.
non lo si scrive per gusto ma per logica e per evitare di dover passare la vita a cercare dimostrare la non esistenza di qualunque non-cosa.

rispondi alla mia domanda? se la logica non ti interessa, perché sei su questo forum?


Ultima modifica di renus il Lun 8 Ott - 15:23, modificato 1 volta
avatar
renus
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1642
Località : Venezia
Occupazione/Hobby : musicista-audio/video editor
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

http://www.nossaalma.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da mix il Lun 8 Ott - 15:23

in conseguenza di questa discussione sarebbe da proporre l'introduzione di una regola vincolante per postare nel forum:
visto che tutti sappiamo benissimo che è impossibile logicamente dimostrare l'inesistenza di una qualsiasi entità caratterizzata solo da un nome (Dio: in principio era la Parola .... dove principio va meglio inteso come "metodo" non come "inizio") ma da nessuna caratteristica data univocamente senza continui aggiustamenti successivi una volta falsificata l'esistenza di tale entità per una caratteristica proposta,

propongo che venga posta come regola fondante il divieto di tale approccio
l'applicazione potrebbe essere questa: una volta notato l'utilizzo di tale metodologia argomentativa un rinvio alla lettura di questa regola vincolante, una richiesta di definizione più completa (relativamente, ovvio!) delle caratteristiche di tale entità immaginaria/immaginata/immaginabile se la si vuole spacciare per esistente e da considerare nel mondo reale e nel proseguo della discussione.
in caso di riottosità: ban del fanatico di turno, a questo punto perfettamente motivato.
ecchecazzo anche una comunità di atei si può dare regole arbitrarie confacenti alla mentalità comunemente posseduta, non possiamo essere più realisti del Re solo noi mentre dall'altra parte fanno qualsiasi porcata gli suggerisca la fantasia tanto il loro dio li garantisce di essere nel giusto
o NO? (una rilassante bestemmia gigantesca!)
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Gian dei Brughi il Lun 8 Ott - 15:26

jillo ha scritto:[...]Ti capisco sinceramente. Hai bisogno di prove per credere ad una Cosa tanto grossa.
Controsenso illogico. Varrebbe la pena rispolverare un pochino l'italiano.
Si crede a qualcosa in termini religiosi proprio in mancanza di prove, proprio perché le prove non ci sono si può credere religiosamente. In presenza di prove il concetto stesso di "credere religiosamente" viene meno.

Se le prove dell'esistenza di qualcosa esistessero, tipo la tua divinità di riferimento piuttosto che i dinosauri, gli unicorni, il pianeta Marte, allora si tratterebbe semplicemente di prendere atto dell'esistenza di quella cosa. E il senso stesso di credervi in termini religiosi verrebbe meno.
Nel caso della mia lista ad esempio si prende atto dell'esistenza di Marte e dei dinosauri (in tempi passati e/o in tempi recenti, vedi gli uccelli, gli unici dinosauri sopravvissuti). Senza particolari sconvolgimenti, se non un maestoso senso di stupore e una leggiadra affascinazione.
Per gli unicorni e la tua divinità di riferimento invece, in totale assenza di prove, si è liberi di credervi religiosamente e, se la propria sensibilità lo richiede, compiere pure vari riti misterici dedicati a siffatte entità.

jillo ha scritto:Perchè se ci fosse la PROVA dell'esistenza di quel Dio, sarebbe una cosa veramente grossa da stravolgerci la vita.
Niente di sconvolgente quindi nel prendere atto che una cosa esiste.
Anzi, ciò permette di fare la scelta migliore e la più libera: la cosiddetta scelta informata.
Se la tua divinità si palesasse oggettivamente, oltre a non esserci la necessità di crederci (non avrebbe più alcun senso) si potrebbe decidere in tutta libertà e piena consapevolezza se seguire i suoi dettami da despota o meno.

Essa invece a quanto dici preferisce invece starsene nascosta.
Forse perché data la sua onnipotenza, onniscenza, infinita bontà, eccetera si vergogna, a ragione, dell'immane quantità di sofferenza gratuita non dipendente dagli Homo sapiens di cui è l'unica responsabile.

jillo ha scritto:Ma va bene così. Ti bastano le risposte che già ti dai e vivi, spero, serenamente, anche senza Dio.
Sì, è assolutamente possibile vivere in totale serenità la propria vita senza avere fede religiosa in qualsivoglia divinità.
In molti casi si è pure più sereni rispetto al credente medio.

jillo ha scritto:Amen.


Ultima modifica di Gian dei Brughi il Lun 8 Ott - 15:28, modificato 1 volta
avatar
Gian dei Brughi
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 693
SCALA DI DAWKINS :
66 / 7066 / 70

Data d'iscrizione : 16.10.09

http://www.voki.com/php/viewmessage/?chsm=3bd2a5fdf25e9ddf482aa5

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da jillo il Lun 8 Ott - 15:27

BestBeast ha scritto:
Vedi Beast Beast, io non credo alle "prove" di Dio.
Io credo in Dio.
Il solo fatto che non ci siano prove, per me non significa che Dio, quel Dio, non esista.
Per te non è così. Ti capisco sinceramente. Hai bisogno di prove per credere ad una Cosa tanto grossa. Perchè se ci fosse la PROVA dell'esistenza di quel Dio, sarebbe una cosa veramente grossa da stravolgerci la vita.
Ma va bene così. Ti bastano le risposte che già ti dai e vivi, spero, serenamente, anche senza Dio.
Amen

Ok, cominci a sembrare ragionevole, possiamo discuterne, ed in realtà lo staremmo già facendo se tu non schivassi specifiche domande.
La prima considerazione è che anche tu "credi" esclusivamente davanti a prove, ma fai solo una eccezione, per questo siamo molto simili.
La cosa curiosa è che fai la stessa eccezione che hanno fatto i tuoi genitori/educatori, e tutti gli altri come te. Strano, no?
Hai mai ragionato su questo punto? Ti sei mai raccontato una storia nella quale tu, nato in India, ti trovavi in età adulta a percepire e sentire profondamente Ganesh dentro di te?

Ma certo che a pesare sulle mie scelte di fede, se non hanno inciso i miei genitori, sicuramente ha avuto peso (seppur non determinante) la mia nazionalità di origine.
Grazie a Dio sono cattolico. L'esserlo è un privilegio, nel senso che già in questo mondo, nel momento in cui accolgo il Vangelo, sono consapevole a cosa ogni uomo è destinato. Quindi non solo io credente. Potenzialmente anche l'indiano e il cinese.
Fossi nato in Iran, probabilmente sarei un mussulmano felice e avrei sperato di essere ottemperante, caritatevole verso i bisognosi, mite (come aimè non sono) misericordioso e innamoarto del prossimo.
Il Dio cristiano, il mio Dio e Dio di tutti, non avrebbe mica fatto lo schizzinoso nel giorno del giudizio verso quel Jillo mussulmano!
anzi chissà quanti me ne passeranno davanti di mussulmani e induisti...

jillo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1832
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.08.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da jillo il Lun 8 Ott - 15:30

Gian dei Brughi ha scritto:
jillo ha scritto:[...]Ti capisco sinceramente. Hai bisogno di prove per credere ad una Cosa tanto grossa.
Controsenso illogico. Varrebbe la pena rispolverare un pochino l'italiano.
Si crede a qualcosa in termini religiosi proprio in mancanza di prove, proprio perché le prove non ci sono si può credere religiosamente. In presenza di prove il concetto stesso di "credere religiosamente" viene meno.

Se le prove dell'esistenza di qualcosa esistessero, tipo la tua divinità di riferimento piuttosto che i dinosauri, gli unicorni, il pianeta Marte, allora si tratterebbe semplicemente di prendere atto dell'esistenza di quella cosa. E il senso stesso di credervi in termini religiosi verrebbe meno.
Nel caso della mia lista ad esempio si prende atto dell'esistenza di Marte e dei dinosauri (in tempi passati e/o in tempi recenti, vedi gli uccelli, gli unici dinosauri sopravvissuti). Senza particolari sconvolgimenti, se non un maestoso senso di stupore e una leggiadra affascinazione.
Per gli unicorni e la tua divinità di riferimento invece, in totale assenza di prove, si è liberi di credervi religiosamente e, se la propria sensibilità lo richiede, compiere pure vari riti misterici dedicati a siffatte entità.

[/quote]

Si ok. i puntini maestrini sulle "i".
Bene.

jillo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1832
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.08.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da renus il Lun 8 Ott - 15:34

jillo ha scritto:

Ma certo che a pesare sulle mie scelte di fede, se non hanno inciso i miei genitori, sicuramente ha avuto peso (seppur non determinante) la mia nazionalità di origine.
Grazie a Dio sono cattolico. L'esserlo è un privilegio, nel senso che già in questo mondo, nel momento in cui accolgo il Vangelo, sono consapevole a cosa ogni uomo è destinato. Quindi non solo io credente. Potenzialmente anche l'indiano e il cinese.
Fossi nato in Iran, probabilmente sarei un mussulmano felice e avrei sperato di essere ottemperante, caritatevole verso i bisognosi, mite (come aimè non sono) misericordioso e innamoarto del prossimo.
Il Dio cristiano, il mio Dio e Dio di tutti, non avrebbe mica fatto lo schizzinoso nel giorno del giudizio verso quel Jillo mussulmano!
anzi chissà quanti me ne passeranno davanti di mussulmani e induisti...
panta Dei
avatar
renus
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1642
Località : Venezia
Occupazione/Hobby : musicista-audio/video editor
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

http://www.nossaalma.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Gian dei Brughi il Lun 8 Ott - 15:39

jillo ha scritto:
Spoiler:
Gian dei Brughi ha scritto:
jillo ha scritto:[...]Ti capisco sinceramente. Hai bisogno di prove per credere ad una Cosa tanto grossa.
Controsenso illogico. Varrebbe la pena rispolverare un pochino l'italiano.
Si crede a qualcosa in termini religiosi proprio in mancanza di prove, proprio perché le prove non ci sono si può credere religiosamente. In presenza di prove il concetto stesso di "credere religiosamente" viene meno.

Se le prove dell'esistenza di qualcosa esistessero, tipo la tua divinità di riferimento piuttosto che i dinosauri, gli unicorni, il pianeta Marte, allora si tratterebbe semplicemente di prendere atto dell'esistenza di quella cosa. E il senso stesso di credervi in termini religiosi verrebbe meno.
Nel caso della mia lista ad esempio si prende atto dell'esistenza di Marte e dei dinosauri (in tempi passati e/o in tempi recenti, vedi gli uccelli, gli unici dinosauri sopravvissuti). Senza particolari sconvolgimenti, se non un maestoso senso di stupore e una leggiadra affascinazione.
Per gli unicorni e la tua divinità di riferimento invece, in totale assenza di prove, si è liberi di credervi religiosamente e, se la propria sensibilità lo richiede, compiere pure vari riti misterici dedicati a siffatte entità.


Si ok. i puntini maestrini sulle "i".
Bene.
Deduco quindi che per te le parole e i concetti non siano importanti. Non è una sorpresa questa. In questo sei assolutamente in linea con il non-rigore di molti credenti su cui si basa molta fuffo-esegesiteologica.
Sì lo so, è difficile dichiarare di aver scritto una castronata e trovarsi con una argomentazione smontata.
Il mio post era ricco di spunti e contenuti. Ti sei soffermato, sbeffeggiandola, su una sola precisazione per quanto importante, anzi cruciale.
So che non è semplice avere l'onestà intellettuale di dire: ho sbagliato.
Sicuramente ti avrebbe dato lustro, e tanto.

Si è semplicemente trasformata in qualcosa di molto banale: un'occasione persa.
wink..
avatar
Gian dei Brughi
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 693
SCALA DI DAWKINS :
66 / 7066 / 70

Data d'iscrizione : 16.10.09

http://www.voki.com/php/viewmessage/?chsm=3bd2a5fdf25e9ddf482aa5

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Ospite il Lun 8 Ott - 15:43

jillo ha scritto:Grazie a Dio sono cattolico. L'esserlo è un privilegio, nel senso che già in questo mondo, nel momento in cui accolgo il Vangelo, sono consapevole a cosa ogni uomo è destinato.
Che presunzione...
Il Dio cristiano, il mio Dio e Dio di tutti
Ora non t'allargare. Il tuo amico immaginario non è "di tutti". Mio non è di certo.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da renus il Lun 8 Ott - 15:48

Fux89 ha scritto:
jillo ha scritto:Grazie a Dio sono cattolico. L'esserlo è un privilegio, nel senso che già in questo mondo, nel momento in cui accolgo il Vangelo, sono consapevole a cosa ogni uomo è destinato.
Che presunzione...
Il Dio cristiano, il mio Dio e Dio di tutti
Ora non t'allargare. Il tuo amico immaginario non è "di tutti". Mio non è di certo.
che lo andasse a dire a un musulmano, magari ce lo togliamo dalle palle.

comunque l'arroganza della verità che rinfacciano agli atei è esattamente implicita nella loro posizione, abbracciando un dio dichiarano falsi tutti gli altri.
avatar
renus
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1642
Località : Venezia
Occupazione/Hobby : musicista-audio/video editor
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

http://www.nossaalma.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da BestBeast il Lun 8 Ott - 15:49

jillo ha scritto:
BestBeast ha scritto:
Vedi Beast Beast, io non credo alle "prove" di Dio.
Io credo in Dio.
Il solo fatto che non ci siano prove, per me non significa che Dio, quel Dio, non esista.
Per te non è così. Ti capisco sinceramente. Hai bisogno di prove per credere ad una Cosa tanto grossa. Perchè se ci fosse la PROVA dell'esistenza di quel Dio, sarebbe una cosa veramente grossa da stravolgerci la vita.
Ma va bene così. Ti bastano le risposte che già ti dai e vivi, spero, serenamente, anche senza Dio.
Amen

Ok, cominci a sembrare ragionevole, possiamo discuterne, ed in realtà lo staremmo già facendo se tu non schivassi specifiche domande.
La prima considerazione è che anche tu "credi" esclusivamente davanti a prove, ma fai solo una eccezione, per questo siamo molto simili.
La cosa curiosa è che fai la stessa eccezione che hanno fatto i tuoi genitori/educatori, e tutti gli altri come te. Strano, no?
Hai mai ragionato su questo punto? Ti sei mai raccontato una storia nella quale tu, nato in India, ti trovavi in età adulta a percepire e sentire profondamente Ganesh dentro di te?

Ma certo che a pesare sulle mie scelte di fede, se non hanno inciso i miei genitori, sicuramente ha avuto peso (seppur non determinante) la mia nazionalità di origine.
Grazie a Dio sono cattolico. L'esserlo è un privilegio, nel senso che già in questo mondo, nel momento in cui accolgo il Vangelo, sono consapevole a cosa ogni uomo è destinato. Quindi non solo io credente. Potenzialmente anche l'indiano e il cinese.
Fossi nato in Iran, probabilmente sarei un mussulmano felice e avrei sperato di essere ottemperante, caritatevole verso i bisognosi, mite (come aimè non sono) misericordioso e innamoarto del prossimo.
Il Dio cristiano, il mio Dio e Dio di tutti, non avrebbe mica fatto lo schizzinoso nel giorno del giudizio verso quel Jillo mussulmano!
anzi chissà quanti me ne passeranno davanti di mussulmani e induisti...

Aspetta un attimo.
O "grazie a dio sono cattolico, si fottano tutti gli altri" oppure
"le religioni sono false, basta credere per ottenere salvezza".
Si escludono a vicenda, scegline una e discutiamone.

Alla prima non avresti risposto comunque, nascendo in Iraq avresti detto: "grazie ad allah, sono musulmano", ed il discorso sul perchè lo sei non sarebbe cambiato.

La seconda invece è chiama in causa la vecchia e non valida, scommessa di Pascal.
Sai che Shiva vuole che tu giri con un serpente al collo?
Altro che benevolente, se non fai quello che ha scritto, brucerai all'inferno.
Stessa cosa il tuo dio. Se fosse bastato credere per ottenere la salvezza, non sarebbero esistite le religioni. Oltretutto non si "crede" a comando.

Che mi racconti?

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da mix il Lun 8 Ott - 15:57

jillo ha scritto:Posso avere discussioni più o meno accese con qualcuno (ovviamente lo so di non giocare in casa e di avere vita dura qui), ma sino ad oggi non ho mai pensato di inserire nessuno in nessuna ignore list...
diciamo che per ogni intervento che faccio subito ne seguono altri otto e dato il mio tempo a disposizione per navigare spesso leggo post saltando un pò qua e là.
Non ho invece capito bene quando ti avrei citato e quale mio intervento stati citando tu ora.
posso darti un esempio di pazienza NON cristiana:
mi hai citato nel primo post della pagina 19, oggi alla 14,34, non giorni fa.
jillo ha scritto:
mix ha scritto:
...utilizzando un linguaggio fumoso, impreciso, quanto più indefinito, quanto più allegorico, metaforico, retorico possibile
così
ci si può poi arrabbattare a piacimento prendendo i riferimenti più
comodi ed opportuni di volta in volta, tra l'intera gamma di quelli così
propalati strumentalmente ...

[size=12]Il
linguaggio fumoso e impreciso è quello che gli scienziati nel corso dei
secoli hanno utilizzato e via via corretto per spiegare all’umanità
l’origine del mondo.
Oracolo Darwin ............
(battuta imbecille)


per il discorso degli 8 interventi a seguito di uno dei tuoi:
già in passato ho fatto presente questa problematica nel forum
hai qualche proposta per ottimizzare la questione?

la causa del numero di risposte ricevute è insita nella qualità delle risposte date: essendo qui preponderante un approccio razionale all'analisi delle cose del mondo, ogni "insulto all'intelligenza" (chiaramente esprimo un mio giudizio personale come se fosse un dato di fatto: non lo è; niente di assoluto; solo il mio punto di vista) provoca una immediata reazione per cercare di riportare il discorso su binari logici e raazionali, quelli che pare abbiano garantito un progresso migliore nell'evoluzione dell'Umanità (non giudizi estetici, risultati pratici) a cui si sono generalmente opposti nel corso della Storia gli atteggiamenti religiosi applicati alla rappresentazione della realtà

comprendo la tua confusione mentale: non dev'essere facile mantenere la tranquillità quando sottoposti ad un così pressante contraddittorio con strumenti fondamentalmente inadeguati; però nessuno ti obbliga a farlo (non credo te l'abbia ordinato il dottore oppure sia una nuova forma di punizione per redimere i peccati; nel caso aggiornami)

mi sento vicino ai tuoi genitori: non dev'essere bello aver cresciuto un figlio che così decisamente va contro la logica dei fatti per seguire le lusinghe dei "fatti" di religione
se uno dei miei figli fosse come te il mio disgusto e dolore sarebbe profondissimo.
poi ai figli si vuole bene per istinto e quindi tutto si fa passare, però ....
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Minsky il Lun 8 Ott - 16:08

jillo ha scritto:
Minsky ha scritto:La fede non ha non ha nulla a che fare con la fantasia come la religione non ha nulla a che fare con la superstizione. Giusto?

Per me la fede è una questione seria.
Non deve mica esserlo per tutti.
Fantasie e superstizioni però non mi interessano.
Ok, allora per favore dimmi quale criterio utilizzi per riconoscere una superstizione, e quale per discriminare gli oggetti della fede da quelli della fantasia. Un criterio algoritmico se possibile, altrimenti enumera gli attributi vincolanti. Grazie.

jillo ha scritto:cogito ergo sum... una teoria che andava di moda nel 1600.
Già, roba vecchia, vetusta, sorpassata.

Spiegami però: che cosa ti aspetti che si conservi di te, quando approderai all'altro mondo? Conserverai la tua personalità? La tua coscienza di te stesso? I tuoi ricordi di questa vita? Se l'anima immortale non si porta dietro queste cose, ma diventa una coscienza disincarnata totalmente aliena e immemore, una tabula rasa, che cosa ti può mai importare che essa ti sopravviva, se nulla di te dovesse preservarsi? Non è la stessa cosa che scomparire definitivamente? Sei d'accordo fin qui? Allora, che meccanismo o principio supponi che intervenga, per operare questo effetto di copia del tuo io dentro l'anima incorporea?

jillo ha scritto:Come già scrissi, le certezze dell'ateo sono anche le mie domande.
Questa affermazione contiene un grosso errore epistemologico. "Certezze dell'ateo" è proprio un ossimoro.

jillo ha scritto:Grazie a Dio sono cattolico. L'esserlo è un privilegio...
Forse dovresti un attimo metterti in sintonia con il tuo collega Adonai. Lui è convinto che essere cattolico sia una sfiga tremenda, perché così non si hanno attenuanti davanti a dio. Come mai tu sei dell'opinione opposta?

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16152
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da mix il Lun 8 Ott - 16:10

renus ha scritto:ecco, è in questo stadio di putrefazione che il confronto con questi elementi diventa volgare, è inutile ripetere che secondo le sue dinamiche è impossibile provare che da morti si passa la vita con la testa nell'ano dell'unicorno rosa cagone (dimostrami che non è così).

dare dei malati a questa gente dovrebbe essere visto come opera di bene.
pur essendo in perfetta sintonia con il tuo sentire,
il regolamento di questo forum dice delle cose
la firma (in quanto simbolo della sua dignità, affidabilità, rispettabilità, ..... , quel che tu vuoi) di una persona dovrebbe avere un valore (la mia lo ha)
e averla messa ad accettazione del regolamento mi impegna al rispetto delle regole esplicitamente lì riportate.

tu hai un approccio differente?
per me prima di cadere nell'insulto dev'essere percorsa la strada dell'abbandono di interesse e partecipazione alla discussione
tanto ci sono altri utenti in questa discussione o forum che salvaguardano benissimo da derive irrazionali l'evoluzione dei thread, anche senza infrangere nessuna regola regolamentare
non mi tiro indietro a discussioni su miglioramenti del regolamento, cosa che mi pare molto più produttiva ed intelligente che ridursi allo sfogo sterile dello stress nei propri post
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Werewolf il Lun 8 Ott - 16:15

jillo ha scritto:
Werewolf ha scritto:

Sant'Agostino ti fucilerebbe, se potesse....
mettiamoci anche Plotino...
Guarda, se non hai capito il riferimento, non è colpa mia. Ma visto che parlare di bene e male come enti o ha alcun senso, ed è pura filosofia, perlomeno assicurati che i seguaci della tua filosofia concordino con te.
Werewolf ha scritto:accosta e metti il freno a mano. Che sia esistito un Gesù, va bene, okay. Che fosse un invasato religioso, anche. Che facesse guarigioni, se ne può discutere. Che il tizio fosse Dio... storicamente, è da escludere. Controllare le fonti, prego. Con un po' di metodologia critica, possibilmente.
No, certo. il Gesù storico documentato è quello lì. Ma non è documentato che fosse Dio. Questo lo sappiamo che non lo si ricava nè dalle fonti storiche nè dalle prove scientifiche.
Ergo, non lo si ricava da nulla se non da fantasie. Be', l'hai detto tu...
Werewolf ha scritto:

Eeeeeh, no, sorry. Non finché tu e tutta la tua compagnia di masnadieri continuerà a cercare di imporre leggi basate sulla vostra morale sulla nostra testa, no.
La mia compagnia? L'utente scrivente si chiama Jillo. Jillo scrive per proprio conto e a Jillo si risponde se se ne ha voglia. Non sono un ambasciatore del Vaticano io.
Peggio ancora. Almeno il cattolicesimo ha almeno un minimo di dignità, dal punto di vista della base della credenza. Se sei un credente fai da te, allora la tua posizione è abbastanza triste, in quanto parte tutto da fantasie. Hai deciso di credere alla tua versione della favola.


Werewolf ha scritto:

EDIT: Ah, un'altra cosa, non si prova l'assenza di nulla. Tu affermi, tu devi portare le prove. (Con questo credo abbiamo raggiunto la 10000ma volta che viene detto nel forum)

Lo so cosa affermo. e quello che si scrive sul forum per me non è Vangelo e non tutto quello che viene qui detto lo condivido.
Guarda, è pura logica: chi afferma, chiunque, deve portare prove, altrimenti le sue affermazioni sono inconsistenti. Non lo dice il forum, lo dice la semplice conseguenza del negare tale regola, che porta a credere a qualunque cosa venga affermata. Tu dici che Dio esiste? Prove, prego, pendiamo tutti dalle tue labbra.
avatar
Werewolf
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 3357
Età : 28
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Studente a vita.. c'è sempre da imparare no?
SCALA DI DAWKINS :
68 / 7068 / 70

Data d'iscrizione : 24.03.10

http://werewolf-wolfsden.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da renus il Lun 8 Ott - 16:21

Mix, sarò breve da telefonino, se vuoi entrare nel merito di quello che ho scritto quotami, altrimenti segnalami e non rompere il cazzo con corsi di morale comunitaria da due lire,
Con affetto,
Cordiali saluti.
avatar
renus
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1642
Località : Venezia
Occupazione/Hobby : musicista-audio/video editor
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

http://www.nossaalma.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da teto il Lun 8 Ott - 16:42

jillo ha scritto:

cogito ergo sum... una teoria che andava di moda nel 1600.

No, e comunque è un fatto che noi siamo solo cervello
avatar
teto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2136
Età : 25
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 16.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da jillo il Lun 8 Ott - 19:04

Gian dei Brughi ha scritto:
jillo ha scritto:[...]Ti capisco sinceramente. Hai bisogno di prove per credere ad una Cosa tanto grossa.
Controsenso illogico. Varrebbe la pena rispolverare un pochino l'italiano.
Si crede a qualcosa in termini religiosi proprio in mancanza di prove, proprio perché le prove non ci sono si può credere religiosamente. In presenza di prove il concetto stesso di "credere religiosamente" viene meno.

Se le prove dell'esistenza di qualcosa esistessero, tipo la tua divinità di riferimento piuttosto che i dinosauri, gli unicorni, il pianeta Marte, allora si tratterebbe semplicemente di prendere atto dell'esistenza di quella cosa. E il senso stesso di credervi in termini religiosi verrebbe meno.
Nel caso della mia lista ad esempio si prende atto dell'esistenza di Marte e dei dinosauri (in tempi passati e/o in tempi recenti, vedi gli uccelli, gli unici dinosauri sopravvissuti). Senza particolari sconvolgimenti, se non un maestoso senso di stupore e una leggiadra affascinazione.
Per gli unicorni e la tua divinità di riferimento invece, in totale assenza di prove, si è liberi di credervi religiosamente e, se la propria sensibilità lo richiede, compiere pure vari riti misterici dedicati a siffatte entità.

.
[/quote]

nessun controsenso.
Un conto è sostenere che la fede non può esere fondata sull'evidenza delle prove.
in tal caso, infatti non si parla di fede ma di presa d'atto dell'evidenza fornita dalla prova.
Altra cosa è sostenere di credere in seguito alle prove ottenute.
Nessuna contraddizione mi dispiace.
Ti sei confuso. Non importa. tranquillo.

jillo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1832
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.08.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Rasputin il Lun 8 Ott - 19:08

jillo ha scritto:
nessun controsenso.
Un conto è sostenere che la fede non può esere fondata sull'evidenza delle prove.
in tal caso, infatti non si parla di fede ma di presa d'atto dell'evidenza fornita dalla prova.
Altra cosa è sostenere di credere in seguito alle prove ottenute.
Nessuna contraddizione mi dispiace.
Ti sei confuso. Non importa. tranquillo.

Non mi pare nessuno sostenga di credere in seguito alle prove ottenute. Se ci sono, se ne prende atto.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Minsky il Lun 8 Ott - 19:16

jillo ha scritto:nessun controsenso.
Un conto è sostenere che la fede non può esere fondata sull'evidenza delle prove.
in tal caso, infatti non si parla di fede ma di presa d'atto dell'evidenza fornita dalla prova.
Altra cosa è sostenere di credere in seguito alle prove ottenute.
Nessuna contraddizione mi dispiace.
Ti sei confuso. Non importa. tranquillo.
Jillo, forse sei tu che confondi due categorie concettuali: "credere per fede" e "credere per conoscenza".

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16152
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Rasputin il Lun 8 Ott - 19:25

Minsky ha scritto:
jillo ha scritto:nessun controsenso.
Un conto è sostenere che la fede non può esere fondata sull'evidenza delle prove.
in tal caso, infatti non si parla di fede ma di presa d'atto dell'evidenza fornita dalla prova.
Altra cosa è sostenere di credere in seguito alle prove ottenute.
Nessuna contraddizione mi dispiace.
Ti sei confuso. Non importa. tranquillo.
Jillo, forse sei tu che confondi due categorie concettuali: "credere per fede" e "credere per conoscenza".

La seconda non esiste

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Gian dei Brughi il Lun 8 Ott - 19:30

jillo ha scritto:
Spoiler:
Gian dei Brughi ha scritto:
jillo ha scritto:[...]Ti capisco sinceramente. Hai bisogno di prove per credere ad una Cosa tanto grossa.
Controsenso illogico. Varrebbe la pena rispolverare un pochino l'italiano.
Si crede a qualcosa in termini religiosi proprio in mancanza di prove, proprio perché le prove non ci sono si può credere religiosamente. In presenza di prove il concetto stesso di "credere religiosamente" viene meno.

Se le prove dell'esistenza di qualcosa esistessero, tipo la tua divinità di riferimento piuttosto che i dinosauri, gli unicorni, il pianeta Marte, allora si tratterebbe semplicemente di prendere atto dell'esistenza di quella cosa. E il senso stesso di credervi in termini religiosi verrebbe meno.
Nel caso della mia lista ad esempio si prende atto dell'esistenza di Marte e dei dinosauri (in tempi passati e/o in tempi recenti, vedi gli uccelli, gli unici dinosauri sopravvissuti). Senza particolari sconvolgimenti, se non un maestoso senso di stupore e una leggiadra affascinazione.
Per gli unicorni e la tua divinità di riferimento invece, in totale assenza di prove, si è liberi di credervi religiosamente e, se la propria sensibilità lo richiede, compiere pure vari riti misterici dedicati a siffatte entità.

.

nessun controsenso.
Un conto è sostenere che la fede non può esere fondata sull'evidenza delle prove.
in tal caso, infatti non si parla di fede ma di presa d'atto dell'evidenza fornita dalla prova.
Altra cosa è sostenere di credere in seguito alle prove ottenute.
Nessuna contraddizione mi dispiace.
Ti sei confuso. Non importa. tranquillo.
Non sono minimamente confuso né agitato.

Se possiedi prove fattuali e oggettive dell'esistenza della tua divinità di riferimento non ha alcun senso riporre alcuna fede religiosa in essa.
Questo stando alla definizione in italiano corrente di "fede religiosa" o "credenza religiosa", suo sinonimo.
Nel caso tu abbia prove fattuali e oggettive, mi ripeto, si tratta (per tutti, anche per me ovviamente!!) di accettare l'esistenza oggettiva della tua divinità preferita e non di "credere in essa in senso religioso".
Come suggerisce Minsky può essere che tu non intenda "credere" in senso religioso. In questo caso per chiarezza ti invito a cambiare il termine in "ritenere" che in questo contesto è più preciso e così si evitano fraintendimenti.

Provando a riformulare. Ti ritrovi in questa mia parafrasi della tua affermazione (corsivi miei). Se non ti ritrovi perché non ti ci ritrovi?:

    Altra cosa è sostenere di ritenere la mia divinità di riferimento esistente in seguito alle prove fattuali e oggettive ottenute.

Ripeto però che in questo caso non si sta parlando di credenza religiosa e quindi il fulcro stesso del discorso si sposta.
avatar
Gian dei Brughi
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 693
SCALA DI DAWKINS :
66 / 7066 / 70

Data d'iscrizione : 16.10.09

http://www.voki.com/php/viewmessage/?chsm=3bd2a5fdf25e9ddf482aa5

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da mix il Lun 8 Ott - 19:35

renus ha scritto:Mix, sarò breve da telefonino, se vuoi entrare nel merito di quello che ho scritto quotami, altrimenti segnalami e non rompere il cazzo con corsi di morale comunitaria da due lire,
Con affetto,
Cordiali saluti.
ancora meglio che entrambi non rompiamo il cazzo a nessuno con paturnie risibili sulle insufficienze dei credenti che conosciamo tutti e non immagino potremo risolvere noi a botte di insulti
con lo stesso affetto, e cordialità, byez.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 10 di 14 Precedente  1 ... 6 ... 9, 10, 11, 12, 13, 14  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum