10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Pagina 12 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da jillo il Ven 12 Ott - 14:56

Gian dei Brughi ha scritto:Concordo assolutamente con quanto sottolineato. La dottrina cattolica non ha nulla a che fare con la realtà visto che si tratta di pura creduloneria, si ritorna quindi a quanto tu hai espresso molto bene (grassetto mio).

    Poco cambierebbe nel credere a tutto o a poco, credere sempre o di rado, se l’oggetto del credere fosse privo di fondamento scientifico o anche solo razionale. In ogni caso saremmo dei creduloni.



La citazione che hai posto a conclusione del tuo intervento l’hai estrapolata dalla premessa con la quale ho aperto il mio intervento. Premessa alle considerazioni che seguivano per sostenere la mia convinzione sulla non assimilabilità della fede in Dio con la credenza in altro non razionalmente fondato.
I processi e passaggi mentali che inducono l’uomo a credere in Dio hanno nulla a che fare con quell’approccio più emotivo e non mediato attraverso il quale l’uomo crede nell’oroscopo.
Il carattere soggettivo del vaglio critico mediante il quale ho filtrato le testimonianze di fede ricevute (testimonianze che una volta consapevolmente accolte hanno contribuito a spianare la strada per consentirmi di intraprendere il mio personale cammino di fede) sarebbe scorretto tradurlo logicamente come vaglio fondato su criteri arbitrari o peggio viscerali ed emotivi.



I condizionamenti cui ti riferisci (psicologici, sociali, storici, culturali, familiari affettivi…) influenzanti la scelta della mia fede, su quale criterio fondi la certezza che siano stati determinanti nello “smantellare totalmente le mie capacità di giudizio critico” a tal punto da essere da me recepiti insindacabilmente?

Perché, quelli che tu, con accezione negativa, definisci condizionamenti dovrebbero necessariamente fondarsi su presupposti fallaci?


Perché la mia fede dovrebbe fondarsi su questi condizionamenti esterni anziché su una adesione consapevole al Vangelo frutto di valutazioni, considerazioni e rielaborazioni, messa in discussione di quanto recepito, letto, vissuto e sperimentato? Perché su di te questi condizionamenti non avrebbero avuto presa?
Solo una questione di differente sensibilità o raziocinio? Mi sembra riduttivo. Allora una questione di maggiore o minore pressione che tali condizionamenti avrebbero esercitato sulle nostre persone, quindi sulla nostra capacità di riuscire con adeguate ed efficaci risposte razionali? Come già scrissi non ho ereditato la fede dalla mia famiglia. Cominciai a tornare in Chiesa negli anni a cavallo tra il liceo e l’università… non ero insomma un plasmabile adolescente...
Grazie anche al confronto (a volte stimolante e per me utile) con gli atei, mi sto rendendo, conto con sempre maggior convinzione, della difficoltà a “spiegare la fede” a chi della fede non sà che farsene. Almeno questo è quanto traggo sino ad oggi.
Se ti va dà un occhio a quanto nel link.

http://medjugorje.altervista.org/index.php/archivio/sezione/testimonianze

Là dentro, in quella lista, ci sono pure io e tante, tante altre persone. Sono testimonianze. Alcune sostenute da prove altre no. Poco male. È proprio qui che si disputa la partita tra il credente l’ateo e l’agnostico. Eppure ti dico, da credente, che non sempre ci servono le prove per poter credere con la consapevolezza di non precipitare nella becera credenza superstiziosa. In quelle testimonianze, se lette nel loro complesso con un solo sguardo quasi fossero un unico racconto, posso trovare indicazioni, non scientifiche e forse nemmeno razionali, della loro autenticità. Non ti chiedo di entrare nel merito del giudizio su di esse. Prendile solo in considerazione per il fine che qui ti propongo. Come fossero un cartello. Da quel cartello si dipartono due strade. Una è quella che intraprendono le persone che a quelle e ad altre molte testimonianze analoghe scelgono di dar credito. L’altra strada viene intrapresa da chi ritiene siano tutte panzane in quanto non documentate (e se anche fossero documentate metterebbero in discussione le risultanze documentali).
Due strade che personalmente rispetto e posso entrambe giustificare.

jillo
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1832
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.08.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da renus il Ven 12 Ott - 15:06

jillo ha scritto:

Perché, quelli che tu, con accezione negativa, definisci condizionamenti dovrebbero necessariamente fondarsi su presupposti fallaci? [/color][/size][/font]
perché no? in che modo hai verificato che non lo fossero?
hai mai pensato che culo essere nati in un paese cattolico che venera l'unico dio vero?

renus
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1642
Località : Venezia
Occupazione/Hobby : musicista-audio/video editor
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

http://www.nossaalma.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da mix il Ven 12 Ott - 15:44

renus ha scritto:
jillo ha scritto:

Perché, quelli che tu, con accezione negativa, definisci condizionamenti dovrebbero necessariamente fondarsi su presupposti fallaci? [/color][/size][/font]
perché no? in che modo hai verificato che non lo fossero?
hai mai pensato che culo essere nati in un paese cattolico che venera l'unico dio vero?
[jillo mode]
ma perché renus?
per fare un ragionamento razionale è necessario anche verificare l'assenza di altre spiegazioni possibili di un fenomeno?
fare verifiche di congruità con altri aspetti della realtà?
non è tutto ciò troppo complicato ed inutile,
una volta trovata una prima soluzione adatta alle proprie esigenze?
[/jillo mode]
jillo, che ancora non ha risposto a dei vecchi semplici quesiti: perché Dio, non Allah, o il pantheon indù, .... ?
cos'ha di fondamentalmente più corretto, credibile, assoluto? boh

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da fungus77 il Lun 7 Nov - 20:48

Suggerisco un esercizio per il credente che si appresta a dialogare con l'ateo/agnostico. Noi non crediamo sostanzialmente nei racconti umani mitologici delle religioni. Tutte panzane: maometto sul tappeto volante, quello indù con la testa di elefante, cristo che passeggia sull'acqua e se lo vedi bene, sennò Paganini non ripete. Per noi è tutta la stessa merda, come non crediamo agli gnomi islandesi, alle streghe, al santone, etc.
Vediamo il cattolico che arriva e ci dice: "sai, io sono fortunatissimo, sono adepto dell'unica vera religione, pensa che dio si è sdoppiato, ha messo incinta una vergine, poi...". poi arriva il musulmano, raggiante perchè convinto di essere nato proprio in un paese in cui si insegnava l'unica vera religione, e ci spiega che è importante farsi saltare in aria in mezzo ai cattolici. Poi arriva l'indù, lietissimo di essere nato proprio a Nuova Delhi, dove si pratica l'unica vera religione, e ci blatera qualche cazzata delle sue. 

Esiste una ragione al mondo per cui non dovremmo tenere un atteggiamento di compatimento e disgustata equidistanza verso tali infantili posizioni? Se davvero non esistono elementi razionali per discernere se ne esiste una giusta, come orientarsi? Oltre che con la creduloneria e l'imprinting infantile?

fungus77
-------------
-------------

Numero di messaggi : 91
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.05.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Paolo il Lun 7 Nov - 21:24

fungus77 ha scritto:

Esiste una ragione al mondo per cui non dovremmo tenere un atteggiamento di compatimento e disgustata equidistanza verso tali infantili posizioni?

Penso proprio di no! Sono tutte posizioni infantili basate solo sull'emotività e non hanno nulla né di logico né di razionale.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8608
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Justine il Mar 8 Nov - 5:22

Io come sempre faccio uno sforzo e domando loro: "Anche se aveste gli dei sul tappeto volante, in fondo, a che ve servirebbero oltre a trovare du' minuti di pace e poi annoiarvi in eterno?"

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da terl il Mar 8 Nov - 18:10

Justine ha scritto:Io come sempre faccio uno sforzo e domando loro: "Anche se aveste gli dei sul tappeto volante, in fondo, a che ve servirebbero oltre a trovare du' minuti di pace e poi annoiarvi in eterno?"

mah, penso che il loro dio totipotente possa ben venire a capo di un problema come la noia eterna. Magari ogni tot anni cancella le memorie delle povere anime e ricominciano da zero, un po' come quei poveracci che non hanno più la memoria a breve termine.

terl
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 187
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 30.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Minsky il Mar 8 Nov - 18:14

terl ha scritto:
mah, penso che il loro dio totipotente possa ben venire a capo di un problema come la noia eterna. Magari ogni tot anni cancella le memorie delle povere anime e ricominciano da zero, un po' come quei poveracci che non hanno più la memoria a breve termine.
Peggio della morte. boxed

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13803
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 10 domande a cui ogni cristiano intelligente dovrebbe rispondere

Messaggio Da Justine il Mar 8 Nov - 18:15

Allora è un degausser eeeeeeek




https://it.wikipedia.org/wiki/Demagnetizzazione

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 12 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum