Ilva

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da ocelot il Dom 2 Dic - 22:29

delfi68 ha scritto:in una nazione seria, apparte il fatto che non si sarebbe arrivati a cio'..ma comunque adesso si dovrebbe semplicemente espropriare la fabbrica, sequestrare ogni avere ai delinquenti Riva e rimettere apposto, con quei soldi, le cose..
Attento al gazz

Qulcuno ha seguito l'intervento del ministro Clini lo scorso giovedì a Servizio Pubblico?

ocelot
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 610
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 23.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Dom 2 Dic - 22:39

Non ho capito bene la storia dei soldi dati ai politici Bersani incluso, voglio approfondire.
In sostanza la privatizzazione della siderurgia è un'altra storia di mazzette e amenità varie ?

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da loonar il Dom 2 Dic - 22:43

silvio ha scritto:Non ho capito bene la storia dei soldi dati ai politici Bersani incluso, voglio approfondire.
In sostanza la privatizzazione della siderurgia è un'altra storia di mazzette e amenità varie ?
Mi stupirei del contrario

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da delfi68 il Lun 3 Dic - 14:22

"cross posting per topic, sorry.."

..la cosa triste e' vedere un grande intellettuale come il Gaz ripiegarsi genuflesso al sistema..E' capace di mentire al mondo e a se stesso, induce persino il dubbio ai suoi datori di lavoro sulla veridicita' delle loro stesse affermazioni, invece del tutto false e strumentali.
Clini fa fatica a capire se il suo portavoce davvero NON ha capito oppure ha capito cosi bene da spammare minchiate meglio di lui..

Forse il Gaz mira a fottere il posto a Clini?

Adesso hanno decretato una legge diversa che di fatto esclude la vecchia azione giudiziaria..salvo il ricorso costituzionale..e ancora sono li a tenere aperta l'Ilva per IL BENE DEI TARANTINI!!!

Ammazzati a norma di legge.
Ammazzati per il lavoro. Un lavoro da 1500 euro al mese che frutta pero' ai Riva miliardi di utili. Chi fa il favore a chi?
Il governo che consente ai tarantini di morire a norma di legge o di poter lavorare epr crepare avendo pagato l'affitto e il mutuo; oppure ai Riva, che magnanimi loro, danno lavoro e impresa al Tarantino, salvo intascarsi ed evadere miliardi di euro?

Sono stati i Riva a fare un favore a Taranto, oppure e' Taranto che e' stato sacrificato per i Riva?

Gaz. Dimettiti. O almeno, scrivi pure i testi ma falli firmare a Clini..va..


Read more: http://atei.forumitalian.com/t3766p1040-la-mia-espulsione-dal-forum-uaar#ixzz2Dzz0Bnyh

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Lun 3 Dic - 14:24

Toglimi una curiosità chi è gazzettiere ?

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da delfi68 il Lun 3 Dic - 14:26


delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Lun 3 Dic - 14:31

Ho capito, il caso ILVA è la palese cattiva coscienza della politica italiana, le mazzette si da Riva, ma un piano di risanamento nel tempo imposto nelle clausole di cessione no, ma gari anche diluito per ammortare i costi, niente nemmeno quello.

Il governo non si sente in colpa perchè è tecnico non c'entra nulla, fa da paravento agli imboscati del parlamento.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Lun 3 Dic - 14:34

Io propongo questo cambio, solo per il tempo tecnico del risanamento:

Politici

Magistrati

Guardie di Finanza

A lavorare ai forni fino alla messa in sicurezza degli impianti

Operai lavoreranno dopo un breve ma intenso corso serale in:

Parlamento

Tribunale

Caserme varie

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da primaverino il Lun 3 Dic - 16:23

Ieri notte mi è capitato di imbattermi in un programma (troppo rinco per ricordare quale) dove si rimarcava il fatto che la privatizzazione dell'Italsider, valutata 1.500 mld di lire, si sia tradotta in un esborso da parte della famiglia Riva valutabile in ragione di un decimo di tale importo o meno ancora... (motivato, ironia postuma della sorte, dai necessari interventi di bonifica, in seguito mai attuati nell'indifferenza degli organi preposti al controllo...)
Mi sovviene l'analogia riguardante l'Alfa Romeo, svenduta agli Agnelli e (forse) mai nemmeno pagata.
O la questione Alitalia (bello!!! La parte debitoria viene trasferita in una "bad Company" - cioè a carico dello Stato - cioè della collettività - cioè mia e vostra, la "parte sana", sempre ammeso che esista, dati gli ultimi incerti risultati gestionali, viene privatizzata a beneficio dei pochi soliti noti, o loro amici).
Ricordo che ancora negli anni Ottanta il gruppo IRI contava 556.000 dipendenti e fatturava grossomodo 57.000 mld di lire, rappresentando uno dei maggiori gruppi industriali del mondo, con implicazioni nei settori più disparati dalla chimica ai trasporti e all'auto, dalla microelettronica alla caprenteria pesante, dalla cantieristica navale all'informatica e alle telecomunicazioni... etc. etc.
Erano gli anni delle cosiddette "partecipazioni statali" ottimo connubio (sulla carta) tra capitale pubblico e privato e giusta via di mezzo tra le "nazionalizzazioni" di ispirazione social-comunista e il libero mercato in "stile Yankee", propedeutico invece allo sfascio di cui siamo al momento impoveriti testimoni, almeno a partire dalla trasformazione del Capitalismo da industriale (ovvero produttivo) in finanziario (ovvero fine a sé medesimo).
Ma anche lì, la Politica (che mi ostino stupidamente a voler scrivere con la maiuscola) dimostrò ben presto come clientelismo, corruzione e prevalenza degli interessi di pochi a scapito di tutti (il "senso dello Stato": questo sconosciuto... Mai sentito nominare?...) finalizzassero esclusivamente alla spartizione della torta in nome del mito della "libera concorrenza" che non solo resta inespresso nella Carneval-nazione del "tutto fatto a metà", ma praticamente tradotto nell'impoverimento di tutti a beneficio di pochi. (cfr. Trattato di Maastricht, ovvero del più anti-italiano dei trattati sottoscritti, stanti le condizioni economiche e programmatiche italiane all'epoca e tralasciamo il fatto che qualcuno s'è pure fatto vanto di averci portati in Europa, sottacendo ovviamente le condizioni necessarie... Figlio di cane! - senza offesa per i cani, of course...)
Risulterà perciò di facile comprensione, tornando in tema, il perché la situazione relativa all'ILVA si sia trascinata per un quarto di secolo nell'equivoco del "tutti sapevano ma nessuno è intervenuto".
Tale ragione risiede, come già accennato, nella dissennata dismissione della Aziende partecipate a partire dall'avvento della presidenza Prodi ai vertici dell'Istituto (1982).
Fu proprio a partire da allora che invalse la linea di pensiero relativa alle privatizzazioni, giustificate dal fatto che il settore Pubblico fosse per sua stessa natura foriero di malversazioni e di cattiva amministrazione; niente di più falso, ovviamente, a meno della constatazione delle cattive scelte (volute?) in ambito manageriale e preopedeutiche alla spartizione futura di tale "patrimonio produttivo" col supporto dei media compiacenti (e dei loro "disinteressati" editori) e di un'opinione pubblica votata a gettare fumo negli occhi dei cittadini (già assai impigriti di loro) favorendo una linea di pensiero tendente a mostrare le privatizzazioni (a prezzo di saldo) come "toccasana" in luogo della cattiva gestione dello Stato in proposito.
Ma nemmeno da ubriaco fradicio potrei mai accettare tale tesi come veritiera, né potenzialmente possibile. (diversamente, mio malgrado, da quanto fu sostenuto e poi avvenne).
Mi rifiuto di credere che un manager pubblico debba per forza essere più "scarso" (non trovo termmine più appropriato al momento, vogliate scusare...) di uno privato.
Pertanto l'intenzionalità del pastrocchio perpetrato ai danni dell'Italia, da parte dei cosiddetti "poteri forti" appare evidente, al di là di qualsiasi ipotesi grottescamente complottistica si voglia evocare.
Talché non di "errore" si può parlare, bensì di intento scientemente praticato e reiterato vieppiù... E spacciato come: "meglio un uovo oggi, che una gallina domani"... Il più stupido dei proverbi, divenuto Paradigma.
Malgrado nostro...

A certi livelli, il "cretino" non esiste.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da delfi68 il Lun 3 Dic - 17:00

..quoto dalla A alla zeta, ottimo resoconto.

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Lun 3 Dic - 17:24

Guarda che non la raccontano giusta e ce qualcosa che non funziona l'ho notato a Milano, regno del Formigoni.
Mi sono fatto una passeggiata tra immensi cantieri con enormi grattacieli di cristallo voluti dal ras di cl, cosa curiosa i progettisti erano stranieri, le imprese tutte targate CMB , cooperative legate la PD di Carpi.
Non so che dire.+

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da delfi68 il Lun 3 Dic - 17:32

Anche gran parte dei lavori della tav, sopratutto i tunnel piloti sono affidati alla coperativa cementificatori o roba del genere, COOPERATIVA rossa!

Ne avevamo gia' scritto, il Pd tramite le coop rosse sta guadagnando milioni e milioni sulla TAV!!

..questi sono davvero tutti daccordo..

Pareto e Mosca, oracoli di verita' gia' all'inizio del secolo scorso, spiegavano bene il mimetismo e la consapevolezza delle Elite'!

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Lun 3 Dic - 17:37

Infatti col cavolo che hanno fatto la legge sul conflitto di interessi, non potevano, pensa solo ai soldi che entrambi hanno preso dai riva, soldi veramente macchiati di sangue.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Lun 3 Dic - 21:18

Ora il Governo corre ai ripari, ILVA non chiude, da una parte non si poteva fare altrimenti, dove andavano a sbattere gli operai, dall'altra il problema ecologico e la salute di migliaia di persone non è risolto.
Interessante è il potere che ha il governo, mette tutti sull'attenti, magistrati, poliziotti, un vero golpe, altro che quello Borghese.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da anteo il Mar 4 Dic - 7:10

delfi68 ha scritto: il Pd tramite le coop rosse sta guadagnando milioni e milioni sulla TAV!! ..questi sono davvero tutti daccordo..

Casomai è l'inverso: "le coop rosse stanno guadagnando milioni e milioni tramite il PD"

.. e le sue trasformani precedenti - anche da esse caldeggiate e indotte - con la trasformazione del 'partito della classe operaia' in un (ennesimo) partito delle élites dirigenti, che ora "chiamano il popolo a ratificare" (con forme della politica - da parlamentari a presidenziali - indotte da quei processi di americanizzazione della politica italiana, i cui primi grimardelli sono stati il terrorismo e la corruzione).

anteo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 473
Località : Firenze (prov)
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da mix il Mar 4 Dic - 7:51

primaverino ha scritto:Fu proprio a partire da allora che invalse la linea di pensiero relativa alle privatizzazioni, giustificate dal fatto che il settore Pubblico fosse per sua stessa natura foriero di malversazioni e di cattiva amministrazione; niente di più falso, ovviamente, a meno della constatazione delle cattive scelte (volute?) in ambito manageriale e preopedeutiche alla spartizione futura di tale "patrimonio produttivo" col supporto dei media compiacenti (e dei loro "disinteressati" editori) e di un'opinione pubblica votata a gettare fumo negli occhi dei cittadini (già assai impigriti di loro)
qual'è per te la differenza tra "opinione pubblica" e "cittadini" nel contesto di quella frase?
a me paiono sinonimi e la frase avere poco senso.

per il resto del lungo post:
una delle tante belle analisi, che però non risponde al quesito di base: che fare?

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da anteo il Mar 4 Dic - 8:01

mix ha scritto:
primaverino ha scritto:Fu proprio a partire da allora che invalse la linea di pensiero relativa alle privatizzazioni, giustificate dal fatto che il settore Pubblico fosse per sua stessa natura foriero di malversazioni e di cattiva amministrazione; niente di più falso, ovviamente, a meno della constatazione delle cattive scelte (volute?) in ambito manageriale e preopedeutiche alla spartizione futura di tale "patrimonio produttivo" col supporto dei media compiacenti (e dei loro "disinteressati" editori) e di un'opinione pubblica votata a gettare fumo negli occhi dei cittadini (già assai impigriti di loro)
qual'è per te la differenza tra "opinione pubblica" e "cittadini" nel contesto di quella frase?
a me paiono sinonimi e la frase avere poco senso.

per il resto del lungo post:
una delle tante belle analisi, che però non risponde al quesito di base: che fare?

A occhio e croce, dicesi 'opinione pubblica' una "singolarità di senso comune", mentre 'cittadini' è plurale, perciò ci rimanda più facilmente al carattere pluralistico ed autonomo dei singolo.

anteo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 473
Località : Firenze (prov)
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Mar 4 Dic - 8:06

anteo ha scritto:
....... indotte da quei processi di americanizzazione della politica italiana, i cui primi grimardelli sono stati il terrorismo e la corruzione).

Il terrorismo è stata la reazione a questa trasformazione, che era già in atti negli anni 60 70, poi che questo sia stata la scusa per sancire l'unione di intenti tra PCI e DC è vero, ma io direi piuttosto che è stata gettata la maschera.

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da anteo il Mar 4 Dic - 8:12

silvio ha scritto:
anteo ha scritto:
....... indotte da quei processi di americanizzazione della politica italiana, i cui primi grimardelli sono stati il terrorismo e la corruzione).

Il terrorismo è stata la reazione a questa trasformazione, che era già in atti negli anni 60 70, poi che questo sia stata la scusa per sancire l'unione di intenti tra PCI e DC è vero, ma io direi piuttosto che è stata gettata la maschera.

Questa è quella visione da mosca cocchiera che ha fatto buon gioco a chi, mestando nell'ombra, qui ha voluto condurci e ci è riuscito (ricordo che lo stragismo ebbe inizio con Piazza Fontana, nel '69: vai a vederti quali furono i comportamenti e gli attori in campo, gli accusati, gli autori, i servizi segreti "deviati").

anteo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 473
Località : Firenze (prov)
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da primaverino il Mar 4 Dic - 10:22

mix ha scritto:e di un'opinione pubblica votata a gettare fumo negli occhi dei cittadini (già assai impigriti di loro)

qual'è per te la differenza tra "opinione pubblica" e "cittadini" nel contesto di quella frase?
a me paiono sinonimi e la frase avere poco senso.

per il resto del lungo post:
una delle tante belle analisi, che però non risponde al quesito di base: che fare?

Si.
L'ho scritta malamente: il soggetto nella frase doveva essere rappresentato dai mass-media, che distorsero la realtà mistificandola.
Per "opinione pubblica", intendevo "tutti in generale".
Per "cittadini", intendevo i tarantini. Ho fatto un po' di confusione.
Relativamente al quesito di fondo potrei optare per una soluzione "alla Delfi" (buttare gli inquinatori sul lastrico e usare i loro soldi per bonificare il tutto, ammesso che bastino) e poi "nazionalizzare" la Fabbrica, ma temo che sia una visione utopistica della situazione, senza contare che la "Disunione Europea", come la chiamo io, non approverebbe. Inoltre così facendo si creerebbe una disparità di trattamento tra i "poveri" Riva e le altre famiglie che col beneplacito dei politici degli ultimi trenta-quarant'anni si son mangiate l'Italia.
Quindi si aumenteranno la benza e le "paglie", come di consueto, e buonanotte al secchio (ovviamente nel caso di chiusura degli impianti si dovranno trovare le risorse per permettere a migliaia di lavoratori di rimanere in "stand-by" per molto tempo; il cosiddetto "indotto" viceversa se la dovrà cavare da sé, come sempre capita in questi casi nel grottesco simulacro di Paese che chiamiamo Italia).
Quindi se vuoi vedere chi, fra gli altri, sarà chiamato all'effettivo risanamento della situazione mettendo mano al portafogli, basterà che ti rechi in bagno a guardare lo specchio.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Mar 4 Dic - 12:12

anteo ha scritto:
Questa è quella visione da mosca cocchiera che ha fatto buon gioco a chi, mestando nell'ombra, qui ha voluto condurci e ci è riuscito (ricordo che lo stragismo ebbe inizio con Piazza Fontana, nel '69: vai a vederti quali furono i comportamenti e gli attori in campo, gli accusati, gli autori, i servizi segreti "deviati").

Io parlo delle Brigate Rosse, e movimenti vari, non credo che fossero manovrati da servizi segreti italiani, credo he siano nati da una profonda critica e disillusione verso il PCI ed i Sindacati, il terrorismo stragista è il frutto di una contorta quanto spietata strategia politica criminale, di cui non è ancora chiaro chi siano stati i reali mandanti, USA ? Mafia ? DC ?

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da Rasputin il Mar 4 Dic - 12:29

silvio ha scritto:
anteo ha scritto:
Questa è quella visione da mosca cocchiera che ha fatto buon gioco a chi, mestando nell'ombra, qui ha voluto condurci e ci è riuscito (ricordo che lo stragismo ebbe inizio con Piazza Fontana, nel '69: vai a vederti quali furono i comportamenti e gli attori in campo, gli accusati, gli autori, i servizi segreti "deviati").

Io parlo delle Brigate Rosse, e movimenti vari, non credo che fossero manovrati da servizi segreti italiani, credo he siano nati da una profonda critica e disillusione verso il PCI ed i Sindacati, il terrorismo stragista è il frutto di una contorta quanto spietata strategia politica criminale, di cui non è ancora chiaro chi siano stati i reali mandanti, USA ? Mafia ? DC ?

Ehm Silvio, e chi controllava i servizi segreti allora?

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49107
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da Paolo il Mar 4 Dic - 14:02

Sarebbe sufficiente che si facessero rispettare le leggi esistenti. Non serve nulla di più. L'Ilva è un aborto di fabbrica che inquina. Si sa da sempre e non si fa nulla. Bene! Anzi male, però oggi alla tante lo si è capito. E così come per ogni altra attività illegale la si chiude a termini di legge. Chi ha inquinato risana, così come per tutti. Gli operi vanno in cassa integrazione speciale così come per tutti. Poi se la proprietà la rimette a posto riprende a lavorare, in latro caso sta chiusa. Così come per tutti. E dove è il problema?

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da silvio il Mar 4 Dic - 14:50

Il problema è il lavoro che va a puttane, un comparto he chiude e non torna più.
Purtroppo è una catastrofe da dove la prendi è un casino, quale è il male minore ?

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ilva

Messaggio Da Paolo il Mar 4 Dic - 15:14

Quale sia il male minore non lo so. Di sicuro proseguire su questa strada è sbagliato,e non si fa altro che ingigantire il problema. Inutile illudersi di metterci una pezza. Il disastro è già stato fatto. La catastrofe è già avvenuta. Si deve partire da un punto ineludibile: lo stabilimento va chiuso. Non c'è via d'uscita. Tutto il resto è solo conseguente a questo. E, invece, come adesso vogliono fare cercando di salvare l'impossibile, non fanno altro che aumentare il danno già fatto. Esattamente come nel 1995 quando lo stato l'ha ceduta, anzi regalata ai Riva. Già allora si sapeva che era un mostro senza più alcun senso. Però ....e qui ci siamo di nuovo. Uno stato incapace di gestire se stesso. E adesso tutti ne pagano le spese.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili
» Ilva

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum