Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Pagina 6 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da mix il Lun 21 Gen - 22:23

JACK_JOHN ha scritto:
mix ha scritto:
JACK_JOHN ha scritto:fra un miliardo di anni non ci sarà neanche una traccia dell'umanità... sarà esattamente come se l'umanità non fosse mai stato
pensavo che pensaste che il Paradiso fosse eterno
così stai dando dimostrazione incontrovertibile che nel tuo profondo non credi neppure tu alle panzane che sparate tu, Craig ed il resto della banda Cristianotti.

trollare così paga ... pure per te.

mix per amor del cielo!!!! te lo ripeto per l'ennesima volta: leggi e pensa prima di scrivere!!!!

vedi il contesto. dice "senza Dio"... e poi tutto il resto.

Ovvio che non è quello che io penso. Ma proprio perché non penso che siamo nella situzione del "Senza Dio".

Se invece lo fossimo, come voi pensate, allora questo è quello che succederà per certo. Ed è a quello che mi riferivo.
guarda J_J che è inutile che rigiri la frittata: ormai l'hai fatta, le uova sono cadute e si sono rotte
è evidentissimo che pensi anche tu che tra un miliardo di anni sarà come hai descritto
saresti un pazzo a pensare diversamente. e tu non sei un pazzo. sei un'altra cosa.

verificato velocemente: nessuna premessa "senza Dio P." nei tuoi post prima del patetico tentativo di recupero in extremis
sarebbe opportuno per te vergognarti

associazione mentale per Craig: un contenitore di tela da 100 litri pieno di escrementi solidi animali
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da alberto il Mar 22 Gen - 8:22

ma pettinato e vestito alla grande. diffidente

@JJ: certo che se "dio" ha scelto di mandare te a salvare qualche anima qui sul forum è proprio un rincoglionito. gli consiglio di apparirti in sogno e di implementare le tecniche di esposizione (non parlo di sintassi sappiamo che l'italiano non è la tua lingua madre).
comunque... almeno c'è un primo punto di contatto... tra un milardo di anni moooolto probabilmente (faccio notare che comunque non lo sappiamo) la specie uomo sarà scomparsa. e la Terra sarà ancora lì, tranquilla, aspettando che dopo altri tot miliardi il sole ingigantisca fino a inglobarla, senza illudersi che un "dio dei pianeti" la sposti nel caso in cui si comporti secondo le sue leggi (che naturalmente avrà consegnato a un planetoide lontanissimo in epoche iperremote, occorre un atto di fede sennò il gioco non sa di niente).

alberto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2604
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 26.12.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da mix il Mar 22 Gen - 10:18

JACK_JOHN ha scritto:
mix ha scritto:
JACK_JOHN ha scritto:fra un miliardo di anni non ci sarà neanche una traccia dell'umanità... sarà esattamente come se l'umanità non fosse mai stato
pensavo che pensaste che il Paradiso fosse eterno
così stai dando dimostrazione incontrovertibile che nel tuo profondo non credi neppure tu alle panzane che sparate tu, Craig ed il resto della banda Cristianotti.

trollare così paga ... pure per te.

mix per amor del cielo!!!! te lo ripeto per l'ennesima volta: leggi e pensa prima di scrivere!!!!

vedi il contesto. dice "senza Dio"... e poi tutto il resto.

Ovvio che non è quello che io penso. Ma proprio perché non penso che siamo nella situzione del "Senza Dio".

Se invece lo fossimo, come voi pensate, allora questo è quello che succederà per certo. Ed è a quello che mi riferivo.
mi correggo
in effetti, a ben cercare tra i post, . . . è vero quello che dice J_J : il presupposto "senza dio" c'era.

questo non rende più vera una virgola delle c.ose che scrivi, naturalmente.

perché io sto aspettando da mesi una risposta alle domande "perchè Dio P. e non Allah o altra divinità della folta compagnia?" "cos'ha di più bello, desiderabile, opportuno, .... , o quel che vuoi tu?"

finché non si prendono sul serio gli interlocutori non si può pretendere di essere letti con troppo impegno.

e secondo me anche tu pensi che fra un miliardo d'anni tutto questo non importerà più di un fico secco (attuale)
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Multiverso il Mar 22 Gen - 10:31

Mi sembra comunque un'esagerazione un miliardo di anni, considerato che la vita media di una specie è di circa 1 o 2 milioni di anni per i vertebrati. Volendo proprio esagerare, tra circa 100 milioni di anni resterà qualche fossile dell'umanità e un'infinità di nuove specie viventi, a riconferma del fatto che la vita non è affato al servizio dell'uomo ma, al contrario, è l'uomo al servizio della vita.
avatar
Multiverso
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1413
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Fux89 il Mar 22 Gen - 10:31

holubice ha scritto:Non è che qualcuno mi potrebbe fare la cortesia di ravvedersi che mi fa 'punteggio'?
L'ho già fatto: quando sono diventato ateo.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Fux89 il Mar 22 Gen - 10:45

@JACK_JOHN

Ma 'sto thread con le prove che dimostrano che il teismo è maggiormente supportato dall'evidenza rispetto all'ateismo riusciremo a vederlo prima o poi?

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da BestBeast il Mar 22 Gen - 10:56

Come no, appena ha un attimo di tempo! Lo posterà qui, qui e qui.

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da mix il Mar 22 Gen - 11:12

Multiverso ha scritto:Mi sembra comunque un'esagerazione un miliardo di anni, considerato che la vita media di una specie è di circa 1 o 2 milioni di anni per i vertebrati. Volendo proprio esagerare, tra circa 100 milioni di anni resterà qualche fossile dell'umanità e un'infinità di nuove specie viventi, a riconferma del fatto che la vita non è affato al servizio dell'uomo ma, al contrario, è l'uomo al servizio della vita.
eh, SI
ma cosa vuoi che sia quell'esagerazione per uno che afferma dell'esistenza di Dio P. ?
quasi nulla.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da delfi68 il Ven 1 Mar - 0:36

avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da pistacchio il Mer 17 Apr - 21:50

oppure rimangono tante risate... tie' un po':





Dio porca Madonna de Dio
Dio porca Madonna de Dio è una nuova e misteriosa divinità evocata dal vate quando quel mona che sbatte la porta ( e chiude urlando) lo ha fatto innervosire . Al momento non sappiamo niente su questa misteriosa divinità ma si stanno svolgendo delle indagini per capire chi sia in realtà questa losca figura . Con ogni probabilità, è la divinità della poesia elegiaca mosconiana, dal momento che il suo nome è sintesi di figure retoriche quale chiasma (il Dio che apre e chiude il nome), allitterazione ("d" iterata), ossimoro (attribuzione al nome maschile "dio" di un'apposizione aggettivale femminile come "porca") e climax (conosciuto anche come crescendo giaculatorio mosconiano). Da un punto di vista lirico è probabilmente l'invocazione suprema, in cui tutte le divinità basiche sono presenti e si compenetrano.


"Ma è possibile?! Portanna la Madonna!"

Portanna


Portanna, misteriosa divinità evocata dal Vate Germano Mosconi, quasi sempre in associazione con la Madonna.
Mistero della divinità Portanna

Neppure l'attenta disamina dei testi teologici del Mosconi è riuscita a rivelare qualcosa di questa ignota divinità; il mistero di Portanna pervade tutta la teologia dell'Agnosticismo mosconiano. Probabilmente si tratta di un rito segreto che solo gli iniziati conoscono e forse questo rito è collegato al rito segreto del dio Bubù. Tuttavia le invocazioni enfatiche del Mosconi lasciano pensare che debba trattarsi di una divinità molto potente, tant'è che viene nominata prima della Madonna.
Studi etimologici [modifica]





Raffigurazione artistica della PortannaIl nome Portanna lascia interdetti tutti gli studiosi della storia sacra e del linguaggio. Intanto non è chiaro se si scriva Portanna o Port'Anna; la seconda scrittura, nel senso di Porta Anna, non richiamerebbe entità sacre in quanto sarebbe un chiaro invito a portare una meretrice (porta Anna). Ancor meno senso avrebbe considerare il nome come un'indicazione toponomastica (Porta Anna come Porta Pia, Porta Romana, ecc.). Donque dovrebbe essere PORTANNA. Alcuni orientalisti sostengono che dovrebbe interpetrarsi Per ORTANNA, dove ORTANNA sarebbe la corruzione di ORTUZ, il dio fenicio degli emorroidati, ma la cosa non convince in quanto Ortuz è un dio maschile (i fenici gli attribuivano il potere di guarire penetrando) mentre l'associazione con un soggetto femminile indica che questo è anche il sesso della divinità. A tal proposito è stato girato da Spike Lee il film "Miracolo a Port'Anna".
Teorie recenti associano Portanna la Madonna ad una invocazione della Madonna Puttana o della Madonna Puttina allo scopo specifico di proteggere la porta da Quel mona che bate la porta (e chiude urlando), prevenendone sbattute mal tollerate dal Profeta. L'anteposizione dell'epiteto Puttana o Puttina, trasformato per l'occasione in Portanna, ha lo scopo di enfatizzare il ruolo di protezione della porta e prevenirne sbattute nell'immediato futuro. È un'invocazione molto potente, utilizzata in situazioni estreme dal Profeta, che, richiedendo un notevole sforzo evocativo, viene utilizzata solo occasionalmente come ultima risorsa a disposizione del Sommo Vate per scacciare il Mona.
Indicazioni filologiche

L'abitudine del Vate Mosconi a fare parole crociate fingendo di scrivere filosofia sembra dare un'indicazione a rebus del significato del nome.
Ciò però richiede la scomposizione analitica del nome nei suoi vari frammenti:




  • PO -1
  • R -2
  • TT -3
  • AN -4
  • NA -5
Se si associano i frammenti dispari, si ottiene POTTNA, mentre se si associano quelli pari si ottiene RAN. I frammenti dispari sono 1,3,5 e, se si sommano questi numeri si ottiene 9. Il IX Tomo della Summa mosconica titola De meretricio, una trattazione della prostituzione.
I frammenti pari, 2 e 4, sommati dànno 6, e il VI tomo della Summa mosconica titola De pecunia.
Dunque il nome implicherebbe una relazione tra meretricio e pecunia, e ciò risponde a una insuperabile logica in quanto nessuna puttana s'offre gratuitamente.
Se accettiamo questa ipotesi, allora significa che POTTNA sta per POTTaNA e RAN sta per arRANgio perché notoriamente Mosconi è privo di mezzi e, non potendo ricorrere alle prestazioni alla puttanesca, si arrangia a mano.
Come si nota Mosconi per le sue ascendenze siciliane ha sostituito la u di pUttana in O ; infatti nella dizione sicula il termine è pronunciato bOttana.
Portanna nella liturgia mosconita [modifica]

L'Ordine dei Mosconiti è l'unica istituzione religiosa che celebra Portanna, anche perché gli altri non sanno chi cazzo sia.


"Dio Cane le carte co la cola gh'è, che se taca, Ostia! ... Diossss... Scanato Can!!"

Scanato Can




Il Vate durante un invocazione dello Scanato Can.



Quel mona che batte la porta mentre si appresta a combattere con uno Schifoso Cane (al centro) e uno Scanato Can (a destra).


Germano Mosconi in una invocazione dello Scanato Can

Lo Scanato Can è una divinità dell'Agnosticismo Mosconiano, a metà tra il Cane e lo Schifoso Cane.
Descrizione

Lo Scanato Can è la divinità mosconica protettrice dei fogli. Essa è alla guardia di tutti i fascicoli e i registri di Telenuovo, proteggendoli dal Mona e dalla sua colla.
Lo Scanato Can è uno degli dèi superiori del Credo Mosconico nato dal Cane e dallo Schifoso Cane. È una divinità molto potente, in quanto il Sommo Vate, prima di pronunciare il suo nome, fa una pausa e prolunga l'iniziale esse, proprio per evidenziare la superiorità spirituale di tale entità. Mosconi non invoca spesso lo Scanato Can: prima della invocazione contro il Mona, lo Scanato Can era una delle tre grandi divinità segrete, insieme alla Portanna e al Bubù.



"In primo piano il calcio, per beneficio dio Schifoso Can..."

Schifoso Can

Germano Mosconi mentre invoca lo Schifoso Cane in studio




Un esemplare di Schifoso Can di razza purissima.L'essere definito Schifoso Cane è la divinità più potente dell'Agnosticismo Mosconiano, nonché la suprema evoluzione della divinità più venerata dal Mosconi, il Cane.
Origini ed etimologia [modifica]

Nelle zone del nord-est il Cane è stato venerato fin dall'antichità. Agli sgoccioli del 1900, durante lo scisma dell'Agnosticismo mosconiano dalla Chiesa Romana d'Occidente, lo Schifoso Cane è stato riconosciuto ufficialmente da Germano Mosconi come divinità maggiore, entrando così a far parte, insieme al Cane, allo Scanato Can, al Bubu, alla Portanna, al Porco, al Boia e alla Canaja, del complesso ma maestoso pantheon dell'Agnosticismo mosconiano.
Il termine "schifoso" sembra derivare da sky, che starebbe a indicare il cielo, ovvero la purezza dell'entità indicata, mentre foso si riferisce probabilmente a fosso oppure ad afoso, il che indicherebbe un fosso puro o un clima torrido ma con cielo terso.
Sono pochissimi i cani in grado di aspirare al titolo di Schifoso Cane, e ancora meno quelli che effettivamente ottengono il titolo.




La trasformazione finale del Cane: lo Schifoso Can


Una statua che raffigura lo Schifoso Cane durante la metamorfosi. Mito e leggenda [modifica]

Secondo le sacre scritture Mosconiane (incise nella portiera di una Fiat Tempra parcheggiata davanti al Despar di Bastia di Rovolon, in provincia di Chicago, Illinois) durante la battaglia che infuriava tra Germano Mosconi e quel mona che batte la porta e che chiude urlando, intorno all'era del piombo, nemmeno il Porco, il Boia, il Cane e neanche la potentissima Canaja riuscivano a contrastare i malsani attacchi di quel mona che batte la porta e che chiude urlando.
Il Cane, preso dalla disperazione e dalla paura di perdere il Sommo Profeta, tentò un Kaioken 20X, ma con la sorpresa di tutti i presenti si trasformò nello Schifoso Can, il Cane supremo. Bastarono pochi attacchi per terminare i folli progetti di quel mona che batte la porta e che chiude urlando, ma lo Schifoso Can preso da un rantolo di pietà gli risparmiò la vita.
Lo Schifoso Can ha sempre nutrito risentimento contro la Canaja, causata del furto della preziosa collezione di tarzanelli asportati personalmente e con pazienza certosina da cane, ma tutto si è risolto nel migliore dei modi, come descritto nella Lettera di San Mosconi ai Rovigotti e Lettera di San Mosconi ai Nazi-Comunisti e Le Penultime Lettere di Germano Mosconi.
Le Divinità Minori [modifica]

La Madonna Poverina De Dio[modifica]


Germano Mosconi invoca l'aiuto del Porco per vincere lo stato confusionale portato dalla Madonna Poverina De Dio
La Madonna Poverina De Dio viene spesso considerata una divinità negativa, in quanto porta il Vate in uno stato di irreversibile confusione durante la lettura delle notizie sportive.
La Madonna Puttina[modifica]

La Madonna Puttina, sebbene possa trarre in inganno il suo nome, è in realtà una divinità benefica in quanto si contrappone alla Madonna Poverina De Dio. Si suppone quindi che essa sia la divinità minore dell'ordine e della chiarezza; il motivo dell'impossibilità di definire una posizione di rilievo a questa divinità scaturisce dal fatto che viene invocato al suo posto, per sconfiggere la sua nemesi, il Dio Porco.
Dio Papapapapapapa[modifica]

Sicuramente il più antico ed enigmatico dio di questa religione è il Dio Papapapapapapa. Poco si sa di lui, ma gli esperti azzardono un suo ruolo di progenitore di tutte le altre divinità mosconiane, ipotesi poco accreditata nonostante "Dio P" siano le iniziali di tanti altri dei del culto. Si crede che i figli da lui generati per partenogenesi si siano poi rivoltati contro il padre stesso e l'abbiano sconfitto e imprigionato in qualche angolo sperduto di Telenuovo. Ciononostante gli studi proseguono alla ricerca di teorie con basi più solide di semplici citazioni trovate nella Biblioteca Germanica. Di certo c'è che questo dio decaduto doveva essere molto potente se il Vate si deve fermare per alcuni secondi dopo averlo invocato. Inoltre una sua implicazione nella Creazione può essere data dal fatto che Germano, dopo averlo invocato, ritiene giusto ricominciare da capo, rinascere in qualche modo.
Dio ghe manda un miliardo[modifica]




Germano invoca il dio ghe manda un miliardo

Il Dio ghe manda un miliardo è l'ultima divinità mosconiana scoperta. Si dice che in realtà sia l'Angelo dei Denari che ad ogni errore mette una banconota da un miliardo sotto la scrivania del Germano. Ovviamente falsa.
avatar
pistacchio
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 700
Località : VENEZIA
Occupazione/Hobby : TELECOMUNICAZIONI/ ANIMALI, CIBO
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 31.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Niques il Gio 18 Apr - 8:51



( Ma che hai fumato ieri sera? )
avatar
Niques
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6786
SCALA DI DAWKINS :
12 / 7012 / 70

Data d'iscrizione : 26.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da pistacchio il Gio 18 Apr - 21:09

Niques ha scritto:

( Ma che hai fumato ieri sera? )
stricnina




be' dai serve a stare un po' su col morale... non fa ridere a crepapelle?
avatar
pistacchio
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 700
Località : VENEZIA
Occupazione/Hobby : TELECOMUNICAZIONI/ ANIMALI, CIBO
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 31.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Niques il Gio 18 Apr - 21:15

pistacchio ha scritto:
Niques ha scritto:

( Ma che hai fumato ieri sera? )
stricnina




be' dai serve a stare un po' su col morale... non fa ridere a crepapelle?

Eeh...già a "portanna la madonna"* gli angoli della bocca avevano raggiunto le orecchie e si erano cappottati

- capicolleghi, ma andrebbe spostato nel thread della b?


*
avatar
Niques
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6786
SCALA DI DAWKINS :
12 / 7012 / 70

Data d'iscrizione : 26.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da iosonoateo il Gio 18 Apr - 21:18

pistacchio ha scritto:
Niques ha scritto:

( Ma che hai fumato ieri sera? )
stricnina




be' dai serve a stare un po' su col morale... non fa ridere a crepapelle?
brava pistacchietta, così si fa, tirare giù qualche porcoddio o porcamadonna fa sempre bene alla salute, lo dica anche la scienza mgreen
avatar
iosonoateo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4086
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 02.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da vnd il Ven 19 Apr - 10:03

Sorel1980 ha scritto:Buonasera a tutti,
sono ateo da quando avevo 14 anni e attualmente ne ho 32... mi chiedo spesso perchè un credente sia meno felice di me. E' meno consapevole certamente, accetta soluzioni infantili certamente, ma almeno non ha il terrore della morte.
Per chi è ateo come me e come molti di voi, come può essere sopportato il pensiero della propria fine o della fine dei propri genitori o della propria amata? Come si può accettare, seppur atei, la propria distruzione e la fine di tutto ciò che conosciamo? Come si può accettare questo dolore, anche solo dicendo "è una cosa naturale"? La naturalità della morte può forse risparmiarci l'agghiacciante pensiero della nostra inesistenza?
Siamo una nave in fiamme che si dirige verso un gorgo... perchè dobbiamo sopportare il peso dell'ateismo? Se potessi vorrei credere in dio, una bella favola infantile... tuttavia non posso quindi sono condannato a questo pensiero... voi no?



Concordo.

Ma anche quando credevo o attraverso fasi durante le quali mi sembra di credere, restano grossi dubbi sull'esistenza di una vita dopo la morte.

Quindi, chi crede, in fondo, non è davvero sicuro di credere.

Perché se si interroga non può fare a meno di notare che anche il computer che si è rotto, prima mostrava immagini, suoni, ma poi ha smesso di funzionare del tutto e adesso non esiste più.

La vita eterna, probabilmente, è stata inventata dai comandanti per poter mandare la gente a combattere e morire.

Per dare una giustificazione alla loro morte.

In fondo è meglio così.

Sarebbe angosciante, anche per un credente, essere venuto al mondo senza aver chiesto nulla ed essere soggetto ad un giudizio che prevederebbe una pena dolorosa ed eterna.

Ma che razza di dio è uno che ti crea fallace ed imperfetto e poi ti giudica e ti punisce?



Non ha senso.

Invece... il sonno eterno e la fine di ogni sofferenza. Nulla da temere.

E' confortante.



Ti girano soltanto un po' i coglioni che tu muori e gli altri continuano a divertirsi.

Ma ti girerebbero anche se credessi.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Lucatortuga il Lun 22 Apr - 15:37

Beh, si potrebbe anche sfruttare positivamente la credenza altrui, tenendone conto a livello legislativo, in materia di diritto del lavoro.
Proposta: tutti i lavori e i compiti pericolosi che comportino un aumentato rischio di morte violenta siano appannaggio esclusivo di chi crede nella vita ultraterrena post-mortem.
Insomma, io sono convinto di avere a disposizione una vita sola, non potrei mai portare a termine serenamente un incarico che comporti il rischio di una morte prematura: se mi viene affidato un compito del genere, sarò troppo condizionato dalla paura di perdere la mia unica vita e lo svolgerò pessimamente.
Fallo tu, invece, che confidi t'attenda l'eterna beatitudine nell'aldilà e l'idea di morire, tutto sommato, non può dispiacerti più di tanto.
avatar
Lucatortuga
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 185
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 31.01.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Rasputin il Lun 22 Apr - 16:54

Lucatortuga ha scritto:Beh, si potrebbe anche sfruttare positivamente la credenza altrui, tenendone conto a livello legislativo, in materia di diritto del lavoro.
Proposta: tutti i lavori e i compiti pericolosi che comportino un aumentato rischio di morte violenta siano appannaggio esclusivo di chi crede nella vita ultraterrena post-mortem.
Insomma, io sono convinto di avere a disposizione una vita sola, non potrei mai portare a termine serenamente un incarico che comporti il rischio di una morte prematura: se mi viene affidato un compito del genere, sarò troppo condizionato dalla paura di perdere la mia unica vita e lo svolgerò pessimamente.
Fallo tu, invece, che confidi t'attenda l'eterna beatitudine nell'aldilà e l'idea di morire, tutto sommato, non può dispiacerti più di tanto.

Geniale, un passo avanti rispetto all'interdizione dei servizi sanitari ai credenti (Che preghino!) e verso l'estinzione degli stessi (I credenti, non i servizi sanitari mgreen )

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickock)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49693
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Niques il Lun 22 Apr - 17:13

Lucatortuga ha scritto:Beh, si potrebbe anche sfruttare positivamente la credenza altrui, tenendone conto a livello legislativo, in materia di diritto del lavoro.
Proposta: tutti i lavori e i compiti pericolosi che comportino un aumentato rischio di morte violenta siano appannaggio esclusivo di chi crede nella vita ultraterrena post-mortem.
Insomma, io sono convinto di avere a disposizione una vita sola, non potrei mai portare a termine serenamente un incarico che comporti il rischio di una morte prematura: se mi viene affidato un compito del genere, sarò troppo condizionato dalla paura di perdere la mia unica vita e lo svolgerò pessimamente.
Fallo tu, invece, che confidi t'attenda l'eterna beatitudine nell'aldilà e l'idea di morire, tutto sommato, non può dispiacerti più di tanto.

Olè olè olè!
avatar
Niques
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6786
SCALA DI DAWKINS :
12 / 7012 / 70

Data d'iscrizione : 26.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da BestBeast il Lun 22 Apr - 18:46

ahah ahahahahahah Bella idea, LucaTortuga! ok
Se non fosse che chi si ubriaca di dio per farsi coraggio, subisce anche gli effetti indotti da tolleranza ed assuefazione che questo comporta.
Per questo motivo il terrore della morte, non li lascia mai.

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Sally il Lun 22 Apr - 18:49

Lucatortuga ha scritto:Beh, si potrebbe anche sfruttare positivamente la credenza altrui, tenendone conto a livello legislativo, in materia di diritto del lavoro.
Proposta: tutti i lavori e i compiti pericolosi che comportino un aumentato rischio di morte violenta siano appannaggio esclusivo di chi crede nella vita ultraterrena post-mortem.
Insomma, io sono convinto di avere a disposizione una vita sola, non potrei mai portare a termine serenamente un incarico che comporti il rischio di una morte prematura: se mi viene affidato un compito del genere, sarò troppo condizionato dalla paura di perdere la mia unica vita e lo svolgerò pessimamente.
Fallo tu, invece, che confidi t'attenda l'eterna beatitudine nell'aldilà e l'idea di morire, tutto sommato, non può dispiacerti più di tanto.

Good call!!!

Sally
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4886
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Niques il Lun 22 Apr - 18:50

Diva ha scritto:
Lucatortuga ha scritto:Beh, si potrebbe anche sfruttare positivamente la credenza altrui, tenendone conto a livello legislativo, in materia di diritto del lavoro.
Proposta: tutti i lavori e i compiti pericolosi che comportino un aumentato rischio di morte violenta siano appannaggio esclusivo di chi crede nella vita ultraterrena post-mortem.
Insomma, io sono convinto di avere a disposizione una vita sola, non potrei mai portare a termine serenamente un incarico che comporti il rischio di una morte prematura: se mi viene affidato un compito del genere, sarò troppo condizionato dalla paura di perdere la mia unica vita e lo svolgerò pessimamente.
Fallo tu, invece, che confidi t'attenda l'eterna beatitudine nell'aldilà e l'idea di morire, tutto sommato, non può dispiacerti più di tanto.

Good call!!!

No, God calls!
avatar
Niques
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6786
SCALA DI DAWKINS :
12 / 7012 / 70

Data d'iscrizione : 26.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Minsky il Lun 22 Apr - 19:15

Lucatortuga ha scritto:...
E 5.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14218
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da Sally il Lun 22 Apr - 19:16

Niques ha scritto:
Diva ha scritto:

Good call!!!

No, God calls!


ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah

Sally
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4886
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da *Valerio* il Lun 22 Apr - 19:41

ahahahahahah quoto..

Niq e la Tartaruga

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 43
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Senza dio ci resta una cosa. La morte.

Messaggio Da lupetta il Lun 22 Apr - 19:44

verde anche da parte mia per luca
avatar
lupetta
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 9606
Età : 41
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Dubitare
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 11.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 6 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum