Agnostico o agnostici?

Pagina 2 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da silvio il Sab 9 Feb - 10:45

Masada78 ha scritto:
è legittimo, anche solo da questo punto di vista, ritenere un 100% soggettivo non raggiunto: è quindi legittimata razionalmente la posizione agnostica, sia come astensione, che apertura a continua ricerca.

La ricerca è la caratteristica più esaltante dell'uomo, ecco più che astensione continuare a cercare, direi forse che è proprio la continua ricerca la miglior risposta.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Masada il Sab 9 Feb - 11:32

Rasputin ha scritto:
Masada78 ha scritto:
questa, bene espressa, è una delle principali questioni da investigare per risalire dall'idea di dio all'inferenza sulla sua esistenza o meno.
lo stesso non vale per l'idea di paperino, ovviamente.

Perché?
per esempio

- essendo l'idea di dio, come nota paolo, una idea particolare nella sua genesi (eliminazione del limite, astrazione e assolutizzazione di ciò che fa essere uomo l'uomo, astrazione e assolutizzazione del legame sociale e delle norme, esperienza onirica-mistica-drogastica, la presa di consapevolezza dell'intenzionalità dell'individuo, dell'autocoscienza e proiezione di una intenzionalità nel tutto-altro di cui ci si sente parte, in sistema,..., paura della morte,..., necessità di legittimare assiomi morali,...) al punto che molti abbiano detto tutto e il contrario di tutto a favore o contro (secondo la visione di nietszche sono i deboli che risentiti impongono il giogo della morale religiosa ai forti per non farli dominare, secondo marx, al contrario, sono i forti e furbi e immorali che strutturano la religione come sovrastruttura per legittimare il dominio di pochi furbi su una massa debole...) si può legittimamente inferire che a questa particolare idea della mente si debba dare una considerazione diversa che all'impatto dell'idea di paperino.

Read more: http://atei.forumitalian.com/t4941p10-agnostico-o-agnostici#ixzz2KOtQaCP9


già spiegato più volte in più parti proprio partendo dalle vostre più diverse confutazioni.

come giustificheresti razionalmente il passaggio dall'idea di paperino alla costatazione della sua non esistenza "reale"?
avatar
Masada
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1559
Occupazione/Hobby : havanagloria e refusismo
SCALA DI DAWKINS :
36 / 7036 / 70

Data d'iscrizione : 17.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Sab 9 Feb - 11:57

Masada78 ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Masada78 ha scritto:
questa, bene espressa, è una delle principali questioni da investigare per risalire dall'idea di dio all'inferenza sulla sua esistenza o meno.
lo stesso non vale per l'idea di paperino, ovviamente.

Perché?
per esempio

- essendo l'idea di dio, come nota paolo, una idea particolare nella sua genesi (eliminazione del limite, astrazione e assolutizzazione di ciò che fa essere uomo l'uomo, astrazione e assolutizzazione del legame sociale e delle norme, esperienza onirica-mistica-drogastica, la presa di consapevolezza dell'intenzionalità dell'individuo, dell'autocoscienza e proiezione di una intenzionalità nel tutto-altro di cui ci si sente parte, in sistema,..., paura della morte,..., necessità di legittimare assiomi morali,...) al punto che molti abbiano detto tutto e il contrario di tutto a favore o contro (secondo la visione di nietszche sono i deboli che risentiti impongono il giogo della morale religiosa ai forti per non farli dominare, secondo marx, al contrario, sono i forti e furbi e immorali che strutturano la religione come sovrastruttura per legittimare il dominio di pochi furbi su una massa debole...) si può legittimamente inferire che a questa particolare idea della mente si debba dare una considerazione diversa che all'impatto dell'idea di paperino.

Read more: http://atei.forumitalian.com/t4941p10-agnostico-o-agnostici#ixzz2KOtQaCP9


già spiegato più volte in più parti proprio partendo dalle vostre più diverse confutazioni.

come giustificheresti razionalmente il passaggio dall'idea di paperino alla costatazione della sua non esistenza "reale"?

A parte che Paperino non mi pare - sebbene oltre a quello di essere un personaggio immaginario, abbia vari denominatori in comune con le divinità, prima fra tutte quella di essere immortale - un paragone adeguato, si potrebbe prendere ad es. Nembo kid.

Non mi pare necessario alcun "Passaggio": il denominatore comune che mette automaticamente tutti i personaggi immaginari sullo stessissimo piano è l'assoluta mancanza del minimo indizio della loro esistenza.

Non occorre/non si può constatare nulla che non esiste.

Alcuni personaggi immaginari, chiamati divinità, sono stati soggetti ad un diverso livello di marketing e strumentalizzazione, questo è tutto.

Ma se vai a pescare qualche divinità antica, ad es. Thor, si evidenzia meglio l'affinità con Nembo Kid.

Inoltre non hai specificato a quale delle centinaia di divinità disponibili ti riferisci.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49894
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Masada il Sab 9 Feb - 12:42

Rasputin ha scritto:

Non mi pare necessario alcun "Passaggio": il denominatore comune che mette automaticamente tutti i personaggi immaginari sullo stessissimo piano è l'assoluta mancanza del minimo indizio della loro esistenza.

Non occorre/non si può constatare nulla che non esiste.
Esistenza di dio (da wiki, riassunto dei dibattiti più rilevanti)
Epistemologia
...
La conoscenza, nel senso di "comprensione di un fatto o di una verità" si può distinguere in conoscenza a posteriori, basata sull'esperienza o la deduzione (si veda metodologia), e in conoscenza a priori derivante dall'introspezione, da assiomi o dall'autoevidenza. La conoscenza può essere descritta anche come uno stato psicologico, poiché in senso stretto non potrà mai esserci una vera e propria conoscenza a posteriori (si veda relativismo). Gran parte del disaccordo circa le "prove" dell'esistenza di Dio sono dovute alle differenti concezioni, non solo del termine "Dio", ma anche dei termini "prova", "verità" e "conoscenza". La credenza religiosa derivante dalla rivelazione o dall'illuminazione (satori), ricade nel secondo tipo di conoscenza, quella a priori.
Conclusioni differenti circa l'esistenza di Dio spesso si fondano su criteri differenti nel decidere quali metodi sono appropriati per decidere se qualcosa è vero o no. Esempi sono:
la logica conta come prova riguardante la qualità dell'esistenza?
l'esperienza soggettiva conta come prova per la realtà oggettiva?
possono la logica o la prova ammettere o escludere il sovrannatura
le?

Read more: http://atei.forumitalian.com/t4941p10-agnostico-o-agnostici#ixzz2KPB3Yxs3

Rasputin ha scritto:
Inoltre non hai specificato a quale delle centinaia di divinità disponibili ti riferisci.

chiaramente non è nessuna di quelle relativa a una specifica religione, altrimenti non sarei agnostico in fase di analisi, ma credente non praticante eretico rispetto a una religione.
avatar
Masada
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1559
Occupazione/Hobby : havanagloria e refusismo
SCALA DI DAWKINS :
36 / 7036 / 70

Data d'iscrizione : 17.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Sab 9 Feb - 12:47

Masada l'epistemologia non è una scienza e fa scempio della logica nonché dell'etimologia dei termini. Stai cagando sulla scacchiera.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49894
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Masada il Sab 9 Feb - 12:54

Rasputin ha scritto:Masada l'epistemologia non è una scienza e fa scempio della logica nonché dell'etimologia dei termini. Stai cagando sulla scacchiera.

no, spiega la "logica" della scienza.
mai detto che sia scienza e non può esserlo perchè ciò che fa essere scienza è usare il metodo scientifico, quindi il discorso che legittima il metodo scientifico non può essere fatto usando il metodo stesso e quindi non può essere scienza.
ovvio.

sto spiegando la scacchiera e raccogliendo merda
avatar
Masada
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1559
Occupazione/Hobby : havanagloria e refusismo
SCALA DI DAWKINS :
36 / 7036 / 70

Data d'iscrizione : 17.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Paolo il Sab 9 Feb - 13:27

Masada78 ha scritto:
Paolo ha scritto:

E poi se lo ritieni sbagliato, critica le mie idee, non me! Con me è tropo facile! wink..

le ho criticate e giudicate riduttive.
rispondi alle critiche se vuoi.

Che tu le abbia criticate può essere. Però, come ti ho detto lascia perdere la valutazione della persona! Queste sono le tue risposte!

Tu, detentore della verità assoluta, ti limiti ad osservare e fare deduzioni senza alcuna base,
La tua audacia deduttiva manifesta la tua profonda ignoranza.

E non mi dire che "ignoranza" è perchè ignori il problema!
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8672
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Akka il Sab 9 Feb - 13:32

NOOOO, vi prego basta con Dio-paperino, almeno cambiate personaggio, usate Gamba di legno, o Paperoga, o Batman...Paperino ha rotto
comunque per me il punto essensiale è quello espresso da Niques in questo post:
Niques ha scritto:Non ho seguito in toto tutte le discussioni ma ho letto parecchio.
di sicuro qualcuno lo ha chiesto già, ma io mi inserisco qui perché è il thread più giovane.
Vorrei chiedere su che cosa esattamente siete agnostici? Su cosa viene sospeso il giudizio?
voglio dire, dovete comunque arrivare ad un certo punto prima di fermarvi...
scusate l'eventuale ridondanza, ma per me l'agnosticismo risulta sempre un po' ambiguo...
esatto, dove uno si ferma? dove si è costretti a fermarsi? dove la ragione non basta più? la realtà ''vera'' forse è fuori dalla nostra portata, noi viviamo di fenomeni, di manifestazioni sensibili, cosa ci dà la garanzia che la realtà-dietro-al-fenomeno sia come ce la aspettiamo?
quindi io dico che purtroppo bisogna fermarsi assai presto
ora, non vorrei essere frainteso, ovvio che è lecito, anzi doveroso, proseguire e spingere la ricerca scientifica più che si può, ma bisogna sempre essere consapevoli che questa ci permette di conoscere la realtà ad un certo livello, e non è detto(fino a prova contraria) che questo esaurisca a livello conoscitivo tutta la reatà
ovvio poi voi dire ''e da questa sospensione del giudizio cosa consegue?'', un bel niente consegue dico io, dico solo che chi con onestà intellettuale e sincerità verso se stesso si interroga su queste questioni non può che riconoscere di brancolare nel dubbio e nell' incertezza, quale sia l' utilità pratica di questa situazione proprio non saprei dirlo, forse nessuna, ma chi ha detto che bisogni sempre perseguire la massima utilità pratica?
avatar
Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 117
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Paolo il Sab 9 Feb - 14:01

E allora?
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8672
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Akka il Sab 9 Feb - 14:05

e allora non sta scritto da nessuna parte come sia davvero il mondo, e che un ateo o un credente o un agnostico o chiunque altro pretenda di avere la verità sullo stato delle cose mi presuntuoso
avatar
Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 117
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Akka il Sab 9 Feb - 14:06

errata corrige...mi sembra presuntuoso...
avatar
Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 117
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Paolo il Sab 9 Feb - 14:07

Akka ha scritto:e allora non sta scritto da nessuna parte come sia davvero il mondo, e che un ateo o un credente o un agnostico o chiunque altro pretenda di avere la verità sullo stato delle cose mi presuntuoso

Infatti siamo tutti qui a discutere di questo. Ognuno esprime il suo punto di vista e si confronta con gli altri. Dove è il problema?
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8672
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Niques il Sab 9 Feb - 14:12

Akka ha scritto:
esatto, dove uno si ferma? dove si è costretti a fermarsi? dove la ragione non basta più? la realtà ''vera'' forse è fuori dalla nostra portata, noi viviamo di fenomeni, di manifestazioni sensibili, cosa ci dà la garanzia che la realtà-dietro-al-fenomeno sia come ce la aspettiamo?
quindi io dico che purtroppo bisogna fermarsi assai presto
ora, non vorrei essere frainteso, ovvio che è lecito, anzi doveroso, proseguire e spingere la ricerca scientifica più che si può, ma bisogna sempre essere consapevoli che questa ci permette di conoscere la realtà ad un certo livello, e non è detto(fino a prova contraria) che questo esaurisca a livello conoscitivo tutta la reatà
ovvio poi voi dire ''e da questa sospensione del giudizio cosa consegue?'', un bel niente consegue dico io, dico solo che chi con onestà intellettuale e sincerità verso se stesso si interroga su queste questioni non può che riconoscere di brancolare nel dubbio e nell' incertezza, quale sia l' utilità pratica di questa situazione proprio non saprei dirlo, forse nessuna, ma chi ha detto che bisogni sempre perseguire la massima utilità pratica?


E' per questo che chiedo in cosa un agnostico sarebbe agnostico?
Cioè, una cosa è riconoscere i limiti della scienza e forse dello scibile. Ma da qui a presupporre la possibilità di un qualsivoglia dio o entità divina? A me non viene neppure spontaneo.
Non capisco. Magari l'universo è racchiuso nella pupilla di un lemure. Si è agnostici su questo? E i mondi paralleli? E se un universo è fosse un'infinitesima parte di un neutrone come una matrioska infinita ed eterna?
Si è agnostici sull'universo infinito?
Fra le infinite possibilità che si posso supporre perché si parla di dio, entità metafisiche ecc.?

E poi paperino... Un giorno qualcuno ha detto "dio". Un giorno qualcuno ha detto "paperino"... Il motivo per cui lo si tira in ballo immagino sia legato al fatto che la differenza fra l'ateo e l'agnostico non sta semplicemente nel punto d'arrivo (dove qualcuno si ferma, qualcuno procede) ma nel punto di partenza...
avatar
Niques
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6786
SCALA DI DAWKINS :
12 / 7012 / 70

Data d'iscrizione : 26.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Akka il Sab 9 Feb - 14:13

Paolo ha scritto:E allora?
ma mi stai prendendo in giro??
è esattamente quello che ho fatto, poi tu mi hai fatto questa domanda, e io ti ho spiegato cosa intendevo, e adesso mi dici che siamo qui per esprimere opinioni! fatico a seguirti
avatar
Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 117
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Paolo il Sab 9 Feb - 14:19

Nulla Akka. Commentavo solo questa tua frase.

quindi io dico che purtroppo bisogna fermarsi assai presto
ora, non vorrei essere frainteso, ovvio che è lecito, anzi doveroso, proseguire e spingere la ricerca scientifica più che si può, ma bisogna sempre essere consapevoli che questa ci permette di conoscere la realtà ad un certo livello, e non è detto(fino a prova contraria) che questo esaurisca a livello conoscitivo tutta la reatà

Read more: http://atei.forumitalian.com/t4941p30-agnostico-o-agnostici#ixzz2KPZvDmh3
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8672
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Akka il Sab 9 Feb - 14:35

@ Paolo: a ok tranqui, l' avevo letta in chiave di pseudo sfottò ironico, sorry
Niques ha scritto:
Akka ha scritto:
esatto, dove uno si ferma? dove si è costretti a fermarsi? dove la ragione non basta più? la realtà ''vera'' forse è fuori dalla nostra portata, noi viviamo di fenomeni, di manifestazioni sensibili, cosa ci dà la garanzia che la realtà-dietro-al-fenomeno sia come ce la aspettiamo?
quindi io dico che purtroppo bisogna fermarsi assai presto
ora, non vorrei essere frainteso, ovvio che è lecito, anzi doveroso, proseguire e spingere la ricerca scientifica più che si può, ma bisogna sempre essere consapevoli che questa ci permette di conoscere la realtà ad un certo livello, e non è detto(fino a prova contraria) che questo esaurisca a livello conoscitivo tutta la reatà
ovvio poi voi dire ''e da questa sospensione del giudizio cosa consegue?'', un bel niente consegue dico io, dico solo che chi con onestà intellettuale e sincerità verso se stesso si interroga su queste questioni non può che riconoscere di brancolare nel dubbio e nell' incertezza, quale sia l' utilità pratica di questa situazione proprio non saprei dirlo, forse nessuna, ma chi ha detto che bisogni sempre perseguire la massima utilità pratica?


E' per questo che chiedo in cosa un agnostico sarebbe agnostico?
Cioè, una cosa è riconoscere i limiti della scienza e forse dello scibile. Ma da qui a presupporre la possibilità di un qualsivoglia dio o entità divina? A me non viene neppure spontaneo.
Non capisco. Magari l'universo è racchiuso nella pupilla di un lemure. Si è agnostici su questo? E i mondi paralleli? E se un universo è fosse un'infinitesima parte di un neutrone come una matrioska infinita ed eterna?
Si è agnostici sull'universo infinito?
Fra le infinite possibilità che si posso supporre perché si parla di dio, entità metafisiche ecc.?

E poi paperino... Un giorno qualcuno ha detto "dio". Un giorno qualcuno ha detto "paperino"... Il motivo per cui lo si tira in ballo immagino sia legato al fatto che la differenza fra l'ateo e l'agnostico non sta semplicemente nel punto d'arrivo (dove qualcuno si ferma, qualcuno procede) ma nel punto di partenza...
a ho capito, tu dici: '' ok l' agnosticismo, però lo si può applicare praticamente a tutto, quindi perché concentrarsi su Dio in particolare?'', giusto? è questo che chiedi?
è una questione complessa e in connessione al pensiero metafisico, vedi, su questo forum, ogni volta che si parla di dio e della sua affermazione nelle società antiche, si tira giustamente in ballo il fatto della ''mente intenzionale'', però secondo me questo non basta a spiegare tutta la speculazione su dio, questo spiega i riti sacrificali, le danze della pioggia, le preghiere propiziatorie per il raccolto o per scongiurare la siccità ecc
però non spiega una necessità di ordine speculativo-intellettuale, insomma per capire davvero la relazione tra uomo e dio bisogna prima capire bene cosa sia la metafisica, perché solo entrando in un ottica di questo tipo è possibile comprendere perché il concetto dio si sia reso necessario al pensiero umano, il concetto di dio nella grecia antica aveva più una giustificazione di ordine logico che religioso, o meglio, il volgo credeva negli dei, e i sapienti(i filosfi) cercavano un ordine superiore che fornisse una ragione d' essere alle cose terrestri
va be adesso ho banalizzato oltre il consentito, però il concetto di dio gode di un ruolo privilegiato nella storia perchè nasce non solo dalla paura della siccità o dell' infertilità della terra, ma da ragionamenti di ordine razionale(adesso non seppellitemi)
avatar
Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 117
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Akka il Sab 9 Feb - 14:50

a già che ci sono, qualcuno potrebbe spiegarmi in poche righe la posizione di lucatortuga? magari anche lui stesso, il fatto è che mi incuriosisce da come ne parla masada
avatar
Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 117
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da loonar il Sab 9 Feb - 14:59

Akka ha scritto:e allora non sta scritto da nessuna parte come sia davvero il mondo, e che un ateo o un credente o un agnostico o chiunque altro pretenda di avere la verità sullo stato delle cose mi presuntuoso
Akka un altro di quelli che farei provare a saltare dal quinto piano per vedere se poi il suo mondo è cosi diverso dal mio! ahahahahahah

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Niques il Sab 9 Feb - 15:24

Akka ha scritto:
a ho capito, tu dici: '' ok l' agnosticismo, però lo si può applicare praticamente a tutto, quindi perché concentrarsi su Dio in particolare?'', giusto? è questo che chiedi?
è una questione complessa e in connessione al pensiero metafisico, vedi, su questo forum, ogni volta che si parla di dio e della sua affermazione nelle società antiche, si tira giustamente in ballo il fatto della ''mente intenzionale'', però secondo me questo non basta a spiegare tutta la speculazione su dio, questo spiega i riti sacrificali, le danze della pioggia, le preghiere propiziatorie per il raccolto o per scongiurare la siccità ecc
però non spiega una necessità di ordine speculativo-intellettuale, insomma per capire davvero la relazione tra uomo e dio bisogna prima capire bene cosa sia la metafisica, perché solo entrando in un ottica di questo tipo è possibile comprendere perché il concetto dio si sia reso necessario al pensiero umano, il concetto di dio nella grecia antica aveva più una giustificazione di ordine logico che religioso, o meglio, il volgo credeva negli dei, e i sapienti(i filosfi) cercavano un ordine superiore che fornisse una ragione d' essere alle cose terrestri
va be adesso ho banalizzato oltre il consentito, però il concetto di dio gode di un ruolo privilegiato nella storia perchè nasce non solo dalla paura della siccità o dell' infertilità della terra, ma da ragionamenti di ordine razionale(adesso non seppellitemi)

Le due cose che ho detto (separate da uno spazio) non si intendevano legate.
Intendevo dire che l'unico motivo per cui, almeno apparentemente, l'agnostico sospende il giudizio è che ha tanto a cuore dio. (poi alla parola dio ognuno sostituisca quello che gli pare e risponde al mio primo post)
Comunque. Il primo grassetto, con cui sembri rispondere alla domanda, non è un risposta. Se mi dici che tutto ciò riguarda il pensiero metafisico, io ti chiedo: perché? Che c'entra? Perché agli uomini piace tanto, è tanto fantasiosa e colma i vuoti della nostra conoscenza?

Le religioni antiche non bastano a spiegare tutta la speculazione su dio? Bastano. La metafisica e il concetto di divino e trascendente o quello che vuoi tu sono solo un affinamento di quelle religioni.
Il concetto di dio non è necessario al pensiero umano, è solo un modo di sopperire alle carenze conoscitive. Non dio, ma conoscere è necessario, trovare delle risposte (più che cercarle) è necessario al pensiero umano (altrimenti non sarebbe "pensiero").
avatar
Niques
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6786
SCALA DI DAWKINS :
12 / 7012 / 70

Data d'iscrizione : 26.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Akka il Sab 9 Feb - 15:38

[quote="Niques

Le religioni antiche non bastano a spiegare tutta la speculazione su dio? Bastano. La metafisica e il concetto di divino e trascendente o quello che vuoi tu sono solo un affinamento di quelle religioni.
Il concetto di dio non è necessario al pensiero umano, è solo un modo di sopperire alle carenze conoscitive. Non dio, ma conoscere è necessario, trovare delle risposte (più che cercarle) è necessario al pensiero umano (altrimenti non sarebbe "pensiero").[/quote]

bo, io non so proprio risponderti, il fatto è che quando qualcuno mi caccia davanti delle certezze in questo modo resto spiazzato(deficit mio), io non sono affatto sicuro di nessuna delle cose che dici, sinceramente ho dei dubbi e delle zone d' ombra pure su quelle che dico io
avatar
Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 117
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Sab 9 Feb - 17:00

Masada78 ha scritto:
Rasputin ha scritto:Masada l'epistemologia non è una scienza e fa scempio della logica nonché dell'etimologia dei termini. Stai cagando sulla scacchiera.

no, spiega la "logica" della scienza.
mai detto che sia scienza e non può esserlo perchè ciò che fa essere scienza è usare il metodo scientifico, quindi il discorso che legittima il metodo scientifico non può essere fatto usando il metodo stesso e quindi non può essere scienza.
ovvio.

sto spiegando la scacchiera e raccogliendo merda

Masada mi pare di avertelo già scritto: la logica non è convenzionale. Può essere più o meno sistematizzata, ma non è che prima di Aristotele la gente se ne fregasse del principio di identità o di quello di non contraddizione. La logica è il mezzo, indispensabile ed universale, tramite cui si può discutere e ragionare. Non è una questione di condivisione. (Cit. il Lupo)

L'epistemologia sta alla logica come un posacenere su una moto; in altre parole, la scacchiera che tu mi stai spiegando ha 76,35 caselle (Ma anche no) esagonali (Ma qualcuna durante il gioco, ed a tua discrezionale scelta, può diventare anche triangolare, trapezoidale, ecc.)

Occorre una base comune su cui discutere, io te ne propongo una universale (La logica) e mi pare che tu non ne voglia sapere...

EDIT leggo ora, Niques bel rientro!

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49894
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Niques il Sab 9 Feb - 17:24

Agnosticomachia
Visto ora
avatar
Niques
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6786
SCALA DI DAWKINS :
12 / 7012 / 70

Data d'iscrizione : 26.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da *Valerio* il Sab 9 Feb - 17:31

Niques ha scritto:Agnosticomachia
Visto ora

Va a periodi, si sono succeduti diverse -machia ultimamente mgreen

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 43
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Sab 9 Feb - 17:33


_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49894
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Agnostico o agnostici?

Messaggio Da Niques il Sab 9 Feb - 17:44



La ragione l'avevo intuita eh... Mi complimentavo dell'hapax.
Ma un nuovo dubbio mi sovviene, dall'iconografia da te riportata.
Quel luccichio scrotale lì riportato... Che l'è? Ispirazione dal vero o fantasia dell'artista per avvalorare l'enfiamento?
avatar
Niques
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6786
SCALA DI DAWKINS :
12 / 7012 / 70

Data d'iscrizione : 26.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum