Confronto sul comunismo

Pagina 1 di 44 1, 2, 3 ... 22 ... 44  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Gio 14 Mar - 18:31

loonar ha scritto:Becco il mio verde.
I miei due interlocutori sono andati OT per manifesta incapacità al dialogo.
Direi che come argomento è stato ritenuto degno di non essere contestato, quindi la conclusione è tratta.
Le socialdemocrazie sono una forma di fascismo democratico.
E i comunisti (o chi per loro) attuali anche!
Guarda che ho solo espresso un parere (spero che le socialdemocrazie non adottino modelli fascisti) mica ti ho chiesto o obbligato, a sintetizzarmi la cosa. Non leggero il topic perchè non ne ho voglia, ma non pretendo che qualcuno me lo riassuma.

Ho solo voluto rispondere alla minkiate sparate da certi utenti.

E i comunisti (o chi per loro) anche!
Cos'è? una provacazione?

dovrei incazzarmi e metterti a (ri)spiegarti i motivi per cui erri?

Non mi abbasso nemmeno a livelli come i tuoi o di paolo.

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Gio 14 Mar - 18:38

Il Fascismo è nato dal sindacalismo rivoluzionario, ateo e anti borghese, poi ha modificato il tiro creando una forma di terza via tra capitalismo liberista e socialismo.
Di fatto una società guidata da uno Stato Etico, ma sostanzialmente rispettosa della iniziativa privata e della libera circolazione delle persone e delle merci


1) Il fascismo non è mai stato ateo
2) Il sindacalismo rivluzionario non ha niente a che vedere con: anarchia, socialismo o comunismo, ed è un ideologia revisionista
3) Il fascismo non è mai stato antiborghese ma aveva una concezione leggermente diversa e piu sfruttatrice du quella che aveva la borghesia con il capitalismo (ho gia trattato la questione)
4) Stato etico per le merde. Se religione di stato e etica di destra è qualcosa di buono, non so dove andremo a finire.
5) IL resto che hai scritto aiuta a capire quanto il fascismo dipenda dal capitalismo e se ne serva per il suo infinito e gigantesco sfruttamento

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Gio 14 Mar - 18:40



ma io credo che che ci sia del vero nella tesi di loonar, i liberalisti duri e puri, gli austriaci e i chicaghesi, considerano i veri comunismi, socialisimi, fascismi, nazionalsocialismi, tutte espressioni di un socialismo di fondo, di uno statalismo burocratico e invasivo, che distrugge la ricchezza vera per creare bolle di mercato


Studia e poi ne riparliamo

Sai cosa vuoldire "Ognuno secondo le sue capacita, ad ognuno secondo i suoi bisogni"?

Sai che la proprieta privata è alle radici dello sfruttamento

Ma soprattutto:

Hai mai letto Marx?

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Gio 14 Mar - 18:45



Un fascismo per via democratica anzichè totalitaria. Ma per niente diverso dalle istanze fasciste di mantenere buone le classi proletarie ed evitare la rivoluzione comunista.


L' ultima csa che voglio è di scutere di Berlinguer. Qua si parla di comunismo.

Con quella frase vorresti dire che comunismo=totalitarismo?
Lascio la parola al grande Lenin:

"Lo stato di questo periodo (dittatura del proletariato) deve essere uno stato DEMOCRATICO in modo nuovo per i proletari e i non abbienti in generale, e DITTATORIALE in modo nuovo contro la borghesia"

"Non c'è altra via verso il socialismo se non attraverso la democrazia, attraverso la libertà politica"

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Gio 14 Mar - 18:50

I cosiddetti comunisti nostrani , ma anche quelli di Berlinguer, come ha detto giustamente Silvio, non abbracciavano tesi vicine al comunismo ma uno statalismo di stampo fascista! Il comunismo non è per il welfare, non ha senso nel comunismo il welfare, in quanto in un paese comunista i beni devono essere ridistribuiti fra tutti i proletari, non devoluti dallo stato ai cittadini.


Ognununo secondo le sue capacita ad ognuno secondo i suoi bisogni. Entrambi sono stabiliti dall' individuo stesso. E' questo il comunismo.

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Gio 14 Mar - 18:57


a dire il vero è una delle tesi ricorrenti dei maggiori esponenti della scuola austriaca di economia, da mises fino ad Hayek, i quali sostenevano proprio queste stesse(o quasi testi), per loro il nazismo e il fascismo sono dei socialismi, e il keynesismo(se si può




Tesi sbagliate. Il nazifascismo non è socialismo. Mi limito a citare WIki:
<<
Il nazionalsocialismo nelle sue forme originarie, soprattutto dal punto di vista ideologico, è stata una forma di operaismo (völkisch), erroneamente accostabile al socialismo, per il comune obbiettivo dello strato sociale a cui entrambi si rivolgevano, mirando a divenire partiti di massa. Diametralmente opposto l'approccio e i riferimenti ideologici e culturali ispiratori nei due movimenti, della giustizia sociale all'uguaglianza economica, alla proprietà privata, per finire poi, come esposto nel programma ideologico del partito nazionalsocialista (Mein kampf, ideato prima del putsch di Monaco del 1923 e scritto durante la reclusione conseguente), al fascismo italiano come modello e a precedenti genocidi nella storia come quello dei pellerossa americani negli USA come riferimento per risolvere il problema delle minoranze.

Il nazismo, inteso come la corrente politica che si è diffusa in Europa dal regime totalitario di Hitler in Germania, per alcuni[senza fonte] invece si configura ideologicamente in una corrente sostanzialmente diversa dal nazionalismo-socialista originario; anzi, qualche storico ritiene che il nazionalismo estremo di Hitler abbia solamente pochi punti in comune con il nazional-socialismo che era nato in precedenza. Per la maggioranza degli storici in ogni caso, considerando anche l'adesione di Hitler fin dal 1919 all'originario Deutsche Arbeiterpartei, fondato nello stesso anno e la sua veloce ascesa al comitato direttivo centrale già dal 1920 il problema delle origini sarebbe inesistente. Hitler adottò alcune forme esteriori comuni a tutti i movimenti di massa, prima fra tutti la partecipazione oceanica della popolazione ai momenti emotivamente più forti messi in atto dalla propaganda del partito.

Appena giunto al potere, per blandire la classe operaia in gran parte simpatizzante per la sinistra, istituì la festa del Primo Maggio, ma ideologicamente fu sempre fortemente avverso al marxismo e all'internazionalismo socialista. Socialisti e comunisti furono sin dagli esordi, tra i maggiori avversari politici perseguitati dal nazismo.

Alcuni[senza fonte] hanno sostenuto che il Nazismo fu anch'esso una forma di socialismo, anche se questa visione è respinta dalla maggior parte degli storici e dei socialisti moderni[6]. Secondo la visione di Stanis Ruinas il nazismo nasce come ideologia gemella al fascismo italiano, e tale rimane fino al 29-30 giugno 1934, quando con la "notte dei lunghi coltelli" la corrente "di destra" relativa facente capo ad Hitler elimina la corrente "di sinistra" relativa facente capo a Ernst Röhm.

Da quel momento il nazismo abbraccia implicitamente il capitalismo e si prefigura come un'ideologia prettamente di destra, abbandonando ogni ipotesi rivoluzionaria e quindi rimanendo "socialista" solo nel nome. Questo come pegno ai poteri economici internazionali che l'avevano sostenuto finanziariamente nell'ascesa al potere. Da quel momento il paragone tra fascismo e nazismo fu quindi unicamente fittizio ed artificialmente mantenuto per motivi propagandistici di immagine pubblica

" Adolf Hitler è stato il miglior agente segreto che il capitalismo internazionale abbia mai avuto, il vero responsabile della scomparsa del fascismo">>


Date un occhiata anche qua:

http://it.wikipedia.org/wiki/Socialismo

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Comunismo VS tutti

Messaggio Da Comunistaguevara il Gio 14 Mar - 19:00

Tu puoi rimanere della tua idea, ma oggi non ha più senso parlare di classi sociali. Non esistono più già da parecchio tempo



Qusta è pura ignoranza

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Gio 14 Mar - 19:07


E come impedire ciò? Ma garantendo assistenza alle classi disagiate e ai lavoratori!


Falso. Mai sentito dire di plebaglia fascista?
Il fascismo è in pratica e teoria sfruttamento (piu del capitalismo)

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Akka il Gio 14 Mar - 20:36

adesso non vorrei sollevare la solita polemicona ideologica morta e sepolta da 50 anni, però cosa cambia se i fattori di produzione sono detenuti da oligarchie private(capitalismo sfrenato) oppure se sono monopolizzati dallo stato centrale?

forse che lo stato persegue il bene comune?? ma ci credi davvero?

Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 116
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da SergioAD il Gio 14 Mar - 20:39

In Italia fai bene a non crederci davvero.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Akka il Gio 14 Mar - 20:41

SergioAD ha scritto:In Italia fai bene a non crederci davvero.
si ma secondo me non ci credevano troppo neppure gli operai russi

Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 116
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da SergioAD il Gio 14 Mar - 21:09

Una rivoluzione come quella senza convinzione? Io avrei l'altra opinione.

Ma l'idea è di muovere le masse per un ideale, vero o fittizio.

Poi ognuno tirerà verso la propria convenienza, compreso il qualunquismo.

Ma sono stati sconfitti tutti perché siamo condizionati dalla finanza mica dallo stato sociale.

Della serie fai come vuoi però l'equità sociale è giusta, attraverso il fascismo o il comunismo... che ognuno scelga. Bipolarismo no? Facciamola semplice.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Akka il Gio 14 Mar - 22:54

si si erano convinti, ma poi avranno ben dovuto ricredersi, non credi? dopotutto l' urss non era sta gran allegria di posto, o no? cercavano di andare ad ovest i tedeschi mica ad est

Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 116
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da SergioAD il Ven 15 Mar - 0:02

I sistemi variano sulla base di parametri relativi allo stato evolutivo.

Vale anche con la politica ovvero, opera per stare meglio e l'amministrazione si aiuta con la propaganda, con qualche coercizione, ma anche con la strategia della tensione - similmente a come ci si regola nella vita, dalla famiglia in giù poi naturalmente si cambia con lo stato evolutivo.

Alcune persone ovunque le metti fanno bene il loro mestiere. Altre rubano e chi ruba vorrà amministrare il potere e prima o poi lo fa. Il potere si corrompe sempre.

Non importa chi comanda o chi serve...

è stabilità che si vuole, lo vuole la finanza che con le sue banche presta denaro e facilità la spesa poi alza i tassi e produce l'inflazione e si prende le ipoteche.

La politica è al servizio della finanza, se il capitalismo arriva a prendere soldi pubblici quando serve, il comunismo arriva a privatizzare le banche quando serve.

Se confronti società basate sul mercato con società basate sulla pianificazione e sei un mercante è certo che vuoi la prima, l'ho detto altre volte e mi avrai letto pertanto non lo ripeterò.

Allora si riduce ancora a stato sociale, equità sociale, benessere diffuso... se dobbiamo far fuori i negri, i froci o i poveri lo faremo perché l'abbiamo già fatto.

Scegliete la politica che vi piace di più e se sarete in grado di dare stabilità al mercato allora starete bene. Poi però dovrete sottostare al periodo benessere/depressione che è... che è... che è un altro modo di pagare tasse a chi comanda.

Tutte le banche sono una sola oggi, forse 3 sono ancora fuori. Si tratta di un paziente disegno mondiale.

Io sono di sinistra, la mia era quella di Berlinguer e non esiste, ci sarebbero i laburisti inglesi, i socialisti svedesi i democratici americani e posso ancora stare con questi.

Tu mi parli della DDR che era una forzature propagandistica ed il discorso è lungo per discutere di ideologie in contrapposizione.

Io ti ripeto che serve che la società sia più equa a tutti i costi.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da loonar il Ven 15 Mar - 14:52

mah... fate un po' come vi pare...

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da SergioAD il Ven 15 Mar - 15:59

Scusami Loonar, alla fine sembrava che il casino fosse tutto concentrato sugli errori del comunismo.

Tanto i svaccamenti sono dietro ad ogni angolo... non per giustificare il mio - anche se i problemi sociali in realtà non hanno un vero colore.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Mer 20 Mar - 12:46

Akka ha scritto:adesso non vorrei sollevare la solita polemicona ideologica morta e sepolta da 50 anni, però cosa cambia se i fattori di produzione sono detenuti da oligarchie private(capitalismo sfrenato) oppure se sono monopolizzati dallo stato centrale?

forse che lo stato persegue il bene comune?? ma ci credi davvero?

cambia tutto, studia

e comunque il partitto in teoria dovrebbe farei suoi interessi ovvero quelli di tutti al contrario dei privati che pensano solo a loro

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da loonar il Mer 20 Mar - 13:23

Comunistaguevara ha scritto:

e comunque il partitto in teoria dovrebbe farei suoi interessi ovvero quelli di tutti al contrario dei privati che pensano solo a loro

visto che il topic è dato per assodato da tutti, parliamo d'altro.

Dice Comunis: il partito in teoria dovrebbe fare i suoi interessi ovvero quelli di tutti

Bene aver precisato in teoria, perchè in pratica non lo fa MAI.

Ma l'errore più grosso è quello di pensare che gli interessi del partito coincidano con quelli di tutti, non coincidono MAI, neanche teoricamente.
Anche solo per il fatto che TUTTI non pensano allo stesso modo e non hanno gli stessi interessi.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da primaverino il Mer 20 Mar - 14:30

loonar ha scritto:
Comunistaguevara ha scritto:

e comunque il partitto in teoria dovrebbe farei suoi interessi ovvero quelli di tutti al contrario dei privati che pensano solo a loro

visto che il topic è dato per assodato da tutti, parliamo d'altro.

Dice Comunis: il partito in teoria dovrebbe fare i suoi interessi ovvero quelli di tutti

Bene aver precisato in teoria, perchè in pratica non lo fa MAI.

Ma l'errore più grosso è quello di pensare che gli interessi del partito coincidano con quelli di tutti, non coincidono MAI, neanche teoricamente.
Anche solo per il fatto che TUTTI non pensano allo stesso modo e non hanno gli stessi interessi.

Senza dubbio.
Anche perché un partito è un'Associazione privata e non un Ente pubblico.
Pertanto la dicotomia "partito contro privato" è falsa.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Mer 20 Mar - 15:02

loonar ha scritto:
Comunistaguevara ha scritto:

e comunque il partitto in teoria dovrebbe farei suoi interessi ovvero quelli di tutti al contrario dei privati che pensano solo a loro

visto che il topic è dato per assodato da tutti, parliamo d'altro.

Dice Comunis: il partito in teoria dovrebbe fare i suoi interessi ovvero quelli di tutti

Bene aver precisato in teoria, perchè in pratica non lo fa MAI.

Ma l'errore più grosso è quello di pensare che gli interessi del partito coincidano con quelli di tutti, non coincidono MAI, neanche teoricamente.
Anche solo per il fatto che TUTTI non pensano allo stesso modo e non hanno gli stessi interessi.

Ma anche no, io non sono stalinista ma guarda il PMLI. E' sempre coerente con la sua causa senza mai sfociare in revisionismo. Se facesse cosi anche quando andra al potere (se ci andrà) farebbe davvero gli interessi di tutti.

Certo non coincidono con gli interessi di un mercanete quelli del comunista. Ma il comunismo sprona l' individuo a liberarsi dei vincoli sociali e dellle credenze rtenute necessarie per vivere felici, quindi anche dlla convinzione di avere bisogno di una proprieta per essere felici. Il comunismo quindi fa bene a tutti.

sito del PMLI: http://www.pmli.it/


Ultima modifica di Comunistaguevara il Mer 20 Mar - 15:06, modificato 1 volta

Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Comunistaguevara il Mer 20 Mar - 15:05

primaverino ha scritto:
loonar ha scritto:
Comunistaguevara ha scritto:

e comunque il partitto in teoria dovrebbe farei suoi interessi ovvero quelli di tutti al contrario dei privati che pensano solo a loro

visto che il topic è dato per assodato da tutti, parliamo d'altro.

Dice Comunis: il partito in teoria dovrebbe fare i suoi interessi ovvero quelli di tutti

Bene aver precisato in teoria, perchè in pratica non lo fa MAI.

Ma l'errore più grosso è quello di pensare che gli interessi del partito coincidano con quelli di tutti, non coincidono MAI, neanche teoricamente.
Anche solo per il fatto che TUTTI non pensano allo stesso modo e non hanno gli stessi interessi.

Senza dubbio.
Anche perché un partito è un'Associazione privata e non un Ente pubblico.
Pertanto la dicotomia "partito contro privato" è falsa.
Il partito (comunista) non è un ente privato, non lo è nemmeno il partito in generale.

"Un partito politico è un'associazione tra persone accomunate da una medesima finalità politica ovvero da una comune visione su questioni fondamentali della gestione dello Stato e della società o anche solo su temi specifici e particolari. L'attività del partito politico è volta ad operare per l'interesse nazionale, si esplica nello spazio della vita pubblica e, nelle attuali democrazie rappresentative, ha per "ambito prevalente" quello elettorale." (Wikipedia)


Comunistaguevara
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 694
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 05.03.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da Paolo il Mer 20 Mar - 15:09

Si vede che 80 anni di storia non ha insegnato nulla. Qui non si tratta di una opinione ma di una realtà. E' sufficiente verificare che tutte le nazioni ove è stata applicata l'ideologia comunista sono finite tragicamente in rovina, stanno ancora oggi pagando lo scotto di tale esperienza. E dico tragicamente perchè nessuno sa ancora oggi quali scempi sono stati compiuti in nome di questa ideologia.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da loonar il Mer 20 Mar - 15:14

Comunistaguevara ha scritto:
loonar ha scritto:
Comunistaguevara ha scritto:

e comunque il partitto in teoria dovrebbe farei suoi interessi ovvero quelli di tutti al contrario dei privati che pensano solo a loro

visto che il topic è dato per assodato da tutti, parliamo d'altro.

Dice Comunis: il partito in teoria dovrebbe fare i suoi interessi ovvero quelli di tutti

Bene aver precisato in teoria, perchè in pratica non lo fa MAI.

Ma l'errore più grosso è quello di pensare che gli interessi del partito coincidano con quelli di tutti, non coincidono MAI, neanche teoricamente.
Anche solo per il fatto che TUTTI non pensano allo stesso modo e non hanno gli stessi interessi.

Ma anche no, io non sono stalinista ma guarda il PMLI. E' sempre coerente con la sua causa senza mai sfociare in revisionismo. Se facesse cosi anche quando andra al potere (se ci andrà) farebbe davvero gli interessi di tutti.

Certo non coincidono con gli interessi di un mercanete quelli del comunista. Ma il comunismo sprona l' individuo a liberarsi dei vincoli sociali e dellle credenze rtenute necessarie per vivere felici, quindi anche dlla convinzione di avere bisogno di una proprieta per essere felici. Il comunismo quindi fa bene a tutti.

sito del PMLI: http://www.pmli.it/

Ma io ho degli interessi completamente diversi da quelli del PMLI. Come fa a soddisfarli il PMLI se va al potere, visto che i miei interessi NON coincidono con quelli del PMLI?

Già il semplice fatto che i miei interessi non coincidano con quelli del PMLI eventualmente al potere fa cadere la veridicità di questa tua affermazione:
il partito(marxista-leninista-italiano) in teoria dovrebbe fare i suoi interessi ovvero quelli di tutti

è così difficile da capire?

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da primaverino il Mer 20 Mar - 15:16

Comunistaguevara ha scritto:
Ma anche no, io non sono stalinista ma guarda il PMLI. E' sempre coerente con la sua causa senza mai sfociare in revisionismo. Se facesse cosi anche quando andra al potere (se ci andrà) farebbe davvero gli interessi di tutti.

Certo non coincidono con gli interessi di un mercanete quelli del comunista. Ma il comunismo sprona l' individuo a liberarsi dei vincoli sociali e dellle credenze rtenute necessarie per vivere felici, quindi anche dlla convinzione di avere bisogno di una proprieta per essere felici. Il comunismo quindi fa bene a tutti.

sito del PMLI: http://www.pmli.it/

A tutti quelli che la pensano così.
Il mercante da te proposto come esempio, pertanto, dovrebbe prendere coscienza del proprio errore di fondo e sostanzialmente "convertirsi" al Comunismo.
Da ciò si evince che il Comunismo ha un approccio tipicamente "religioso" e assolutista in materia. Talché non ammette il contraddittorio che viceversa è il "sale" della Democrazia.
Se ne ricava che Comunismo e Democrazia sono antitetici.
Il che non significa automaticamente che il Capitalismo sia intrinsecamente migliore.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confronto sul comunismo

Messaggio Da loonar il Mer 20 Mar - 15:21

primaverino ha scritto:
Comunistaguevara ha scritto:
Ma anche no, io non sono stalinista ma guarda il PMLI. E' sempre coerente con la sua causa senza mai sfociare in revisionismo. Se facesse cosi anche quando andra al potere (se ci andrà) farebbe davvero gli interessi di tutti.

Certo non coincidono con gli interessi di un mercanete quelli del comunista. Ma il comunismo sprona l' individuo a liberarsi dei vincoli sociali e dellle credenze rtenute necessarie per vivere felici, quindi anche dlla convinzione di avere bisogno di una proprieta per essere felici. Il comunismo quindi fa bene a tutti.

sito del PMLI: http://www.pmli.it/

A tutti quelli che la pensano così.
Il mercante da te proposto come esempio, pertanto, dovrebbe prendere coscienza del proprio errore di fondo e sostanzialmente "convertirsi" al Comunismo.
Da ciò si evince che il Comunismo ha un approccio tipicamente "religioso" e assolutista in materia. Talché non ammette il contraddittorio che viceversa è il "sale" della Democrazia.
Se ne ricava che Comunismo e Democrazia sono antitetici.
Il che non significa automaticamente che il Capitalismo sia intrinsecamente migliore.
Quoto inverdito!

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 44 1, 2, 3 ... 22 ... 44  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum