Fede: si può curare?

Pagina 1 di 11 1, 2, 3 ... 9, 10, 11  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Fede: si può curare?

Messaggio Da Odis89 il Sab 13 Lug - 7:50

Si può definire la Fede come una "serie di pensieri assurdi, evidentemente contraddittori con il buon senso comune, di cui una persona è fortemente convinta e da cui non si lascia allontanare nè dall'esperienza nè dalla critica", e di conseguenza la Religione come "forma di Fede cronica basata su un sistema di credenze illusorie che la persona prende per vere e che ne alterano la percezione della realtà. Queste credenze sono in genere di tipo verosimile, come la convinzione di essere traditi dal proprio partner o di essere infettati da una malattia contagiosa. Escludendo l'incapacità di valutare oggettivamente il sistema di credenze illusorie che danno origine alla fede religiosa, la persona mantiene le proprie facoltà razionali e in genere le sue capacità di relazione sociale non sono compromesse."

Ah no, scusate mi sono sbagliato... queste in realtà sono le definizioni di Delirio e Disturbo Delirante Cronico.
avatar
Odis89
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 727
Occupazione/Hobby : Putrefatto
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Minsky il Sab 13 Lug - 8:42

Odis89 ha scritto:Si può definire la Fede come una "serie di pensieri assurdi, evidentemente contraddittori con il buon senso comune, di cui una persona è fortemente convinta e da cui non si lascia allontanare nè dall'esperienza nè dalla critica", e di conseguenza la Religione come "forma di Fede cronica basata su un sistema di credenze illusorie che la persona prende per vere e che ne alterano la percezione della realtà. Queste credenze sono in genere di tipo verosimile, come la convinzione di essere traditi dal proprio partner o di essere infettati da una malattia contagiosa. Escludendo l'incapacità di valutare oggettivamente il sistema di credenze illusorie che danno origine alla fede religiosa, la persona mantiene le proprie facoltà razionali e in genere le sue capacità di relazione sociale non sono compromesse."

Ah no, scusate mi sono sbagliato... queste in realtà sono le definizioni di Delirio e Disturbo Delirante Cronico.
Grande Odis! Copio e incornicio!

Seriamente, io penso che, pragmaticamente, nella realtà sociale di oggi, sia possibile solo l'auto-cura da questo genere di affezione. Questo perché l'atteggiamento generale non solo ignora volutamente l'esistenza della patologia, ma anzi la incoraggia e l'avalla.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14204
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Odis89 il Sab 13 Lug - 11:02

Minsky ha scritto:Seriamente, io penso che, pragmaticamente, nella realtà sociale di oggi, sia possibile solo l'auto-cura da questo genere di affezione. Questo perché l'atteggiamento generale non solo ignora volutamente l'esistenza della patologia, ma anzi la incoraggia e l'avalla.
Vero, purtroppo.

Sarebbe però interessante fare uno studio per verificare se la somministrazione di antipsicotici (vengono usati per il trattamento dei sintomi del disturbo delirante) possa causare una diminuzione temporanea della fede...

Sarebbe una prova che i luoghi adeguati per parlare di religione sono non scuole e chiese, bensì Psichiatria e DSM.
avatar
Odis89
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 727
Occupazione/Hobby : Putrefatto
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Minsky il Sab 13 Lug - 12:32

Odis89 ha scritto:Vero, purtroppo.

Sarebbe però interessante fare uno studio per verificare se la somministrazione di antipsicotici (vengono usati per il trattamento dei sintomi del disturbo delirante) possa causare una diminuzione temporanea della fede...

Sarebbe una prova che i luoghi adeguati per parlare di religione sono non scuole e chiese, bensì Psichiatria e DSM.
Doppio! ok

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14204
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Lyallii il Sab 13 Lug - 12:44

Io penso che si possa curare se uno vuol esser curato...
Ultimamente parlo molto con amiche mie ( beh conoscenti non proprio amiche ma cmq...) di queste cose, da quando sanno che sono atea mi fanno tantissime domande e spesso specialmente quelle piu cattoliche non sanno niente, n'è perchè credono, a cosa credono davvero, a cosa dovrebbero credere per definirsi coerentemente cattoliche e boh un ignoranza generale assurda!
Quello che ripetono è ' io sento che c'è qualcosa, ci deve esser qualcosa' e altre frasi del genere che conosciamo... Ma rispondendo come la penso, sera dopo sera molte mi hanno cominciato a chiedere informazioni, titolo di libri, siti su cui leggere e informarsi.. Alcune non si definiscono piu cattoliche dopo certe conversazioni e una mia amica, in particolare, si sta informando e si dichiara agnostica ora e ha smesso di andar in chiesa da tre settimane.
Noto che quelle piu integraliste son quelle piu ignoranti e che hanno paura, una grande paura del timor di dio, ma ci sto lavorando :) mi diverto molto a metterle in difficoltà, una di queste, la piu credente diciamo, mi fa sempre domande quando siamo da sole, come se si vergognasse e so che si vergogna di se stessa perchè comincia a dubitare e per lei è peccato. Vorrei dirle che dovrebbe vergognarsi della sua ignoranza casomai ma non posso, voglio farla arrivare piano piano al punto perchè ci tengo, è una brava ragazza.
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Minsky il Sab 13 Lug - 13:11

Lyallii ha scritto:...
good post ok

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14204
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da primaverino il Sab 13 Lug - 13:12

Lyallii ha scritto:Io penso che si possa curare se uno vuol esser curato...
[...]
Vorrei dirle che dovrebbe vergognarsi della sua ignoranza casomai ma non posso, voglio farla arrivare piano piano al punto perchè ci tengo, è una brava ragazza.

Si, ma qui non si sta parlando di evidenziare le contraddizioni intrinseche riferitamente ad una religione specifica, bensì di "estirpare" il cosiddetto senso religioso.
Considera che si può benissimo essere credenti senza avere necessariamente una religione di riferimento. (Ed in ogni caso confrontandosi con sé stessi e con gli altri, ovvero facendo e facendosi delle domande, senza peraltro addivenire a conclusioni scontate). Mi pare, anzi, che diversi forumisti l'abbiano evidenziato più volte distribuendo "patenti" di vero o finto credente (che semmai sarebbe vero o finto cattolico, ma lascia stare...) a seconda del soggetto scrivente.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da BestBeast il Sab 13 Lug - 13:27

Se da bambini qualcuno non ci avesse disilluso riguardo Babbo Natale, ora avremo come l'impressione che qualcosa di inconoscibile, trascendentale e mistico, permeasse il gioioso spirito natalizio. Non potremmo farne a meno, pur essendo gente d'intelletto.

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Lyallii il Sab 13 Lug - 13:37

Già
E se da grandi ci si incomincia a porre domande non è facile mettersi in discussione e studiare, leggere e ammettere che si è vissuta la propria vita credendo, adorando, cercando di compiacere un dio che non esiste... E superare la paura della morte, e ammettere che i genitori hanno inculcato stronzate ecc ecc
Ci vuole voglia di capire il senso della propria vita, responsabilità e coraggio.
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da primaverino il Sab 13 Lug - 14:03

Lyallii ha scritto:Già
1) E se da grandi ci si incomincia a porre domande non è facile mettersi in discussione
2) e studiare, leggere e ammettere che si è vissuta la propria vita credendo, adorando, cercando di compiacere un dio che non esiste...
3) E superare la paura della morte,
4) e ammettere che i genitori hanno inculcato stronzate ecc ecc
5) Ci vuole voglia di capire il senso della propria vita, responsabilità e coraggio.

1) Penso che la difficoltà di mettersi in discussione prescinda totalmente dal senso religioso. E' una difficoltà oggettiva, mi pare e riguarda qualsiasi campo d'applicazione riflessiva/introspettiva.
2) E, di grazia, da cosa deduci che io non abbia mai letto/studiato/ascoltato alcunché? Ed in ogni caso cosa ti fa pensare che, a parità di studio/letture etc. si debba comunque addivenire a conclusioni condivise? Perdona il banalissimo esempio, ma mi pare che molti forumisti abbiano letto Marx (io no), tuttavia Comunistaguevara ne ha tratto fonte d'ispirazione, altri ne hanno tratto conclusioni differenti.
3) Per ora non ho paura della morte. Se avrò la fortuna di non incorrere in una morte improvvisa, bensì avrò modo di "prepararmi" all'evento (*) e semmai tu fossi presente, ricordati di chiedermelo in quel contesto.
4) I miei genitori mi hanno insegnato un sacco di belle cose. Se parli dei tuoi, me ne dolgo per te.
5) Il senso della propria vita è un qualcosa di personale. Il mio senso della (mia) vita può essere (e probabilmente è) diverso dal tuo e da quello di chiunque altro, dato che percepiamo la realtà "ciascun per sé medesimo" (cit.). Responsabilità e coraggio, infine, sono caratteristiche tipicamente umane che variano da persona a persona e sono totalmente sganciate da qualsiasi indottrinamento od orientamento filosofico.

(*) Ci sono due momenti oggettivamente irripetibili, nel corso della nostra esistenza: la nascita e la morte. Della prima non siamo consapevoli, riguardo alla seconda dipende.
Ecco perché prima di dirti se ho paura o meno di morire sospendo il "giudizio", nella speranza di non morire all'improvviso.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Tomhet il Sab 13 Lug - 14:11

No, non si può, al massimo si guarisce.
Non lo dico in modo offensivo, ma quando ti trovi di fronte a persone che ritengono di venerare il dio giusto pur sapendo che, caso strano, questo dio giusto è nel 99.999% dei casi quello che gli hanno insegnato i genitori di quel particolae paese, ti cadono le braccia e se anche si potesse curare troveresti millemila cosa più costruttive da fare nel frattempo.

Tomhet
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2672
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.08.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da BestBeast il Sab 13 Lug - 14:24

Grazie del verde. 
In effetti mi sono sempre interrogato a proposito di quell'esempio. Cosa succederebbe se non si interrompesse quella credenza nei bambini?
Come si radicherebbero, come si organizzerebbero le loro idee per non entrare in conflitto col senso critico e con la realtà osservata?

Secondo me ciò produrrebbe molti tipi differenti di credenti.


- Quelli che udirebbero e vedrebbero B.N., che interagirebbero con lui e che portassero il suo messaggio e i suoi regali alle genti.


- Quelli che ci crederebbero alla lettera come personaggio in carne ed ossa, immortale, volante e magico in grado di regalare doni a tutti perché buono.


- Quelli che, facendosi domande, concluderebbero con l'effettiva esistenza su un piano non fisico di B.N., ma in grado di interferire bonariamente il nostro piano materiale. Gli renderebbero grazie per ogni regalo ricevuto dalla zia o dagli amici.


- Quelli che, approfondendo razionalmente, arriverebbero alla conclusione che B.N. debba necessariamente essere un ente non conoscibile, trascendentale ma in grado di incarnarsi in qualche modo nello spirito d'ogni regalo, per rendere il momento più piacevole.

- Quelli che, coscienti della favola, penserebbero che "il natale e l'atto del donare è troppo bello per esaurirsi in un banale: "tiè, un copri asse da stiro della Foppaculetti". Dev'esserci qualcos'altro.

- Quelli che, pur restando scettici, non se la sentono di bollare il tutto come una invenzione (perché per logica non è possibile dimostrarne l'infondatezza) e che quindi le attribuiscono la stessa credibilità di qualunque altra ipotesi, anche la più bislacca e contro-intuitiva.

Guardate come le posizioni sembrano assumere via via toni più elevati, (soprattutto l'ultima), pur provenendo dalla medesima infantile credenza di Babbo Natale. 
Sono tutte sullo stesso piano, anche se i diretti interessati non se accorgerebbero.

Edit: Ora vado a leggere Primaverino e Tomhet.

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Lyallii il Sab 13 Lug - 15:50

@ primaverino
Immagino che tu abbia studiato letto ecc ecc, anzi ne son certa! Infatti io non parlavo di te in particolare, leggi piu su... Parlavo di alcune amiche mie che si dichiarano cattoliche e credenti senza sapere nemmeno loro, in realtà, il perchè.

Penso che prima di poter dire ' ho fede in dio ' sarebbe giusto sapere cosa vogliano dire le parole fede e dio, poi magari se ne discute...
( nemmeno ora ho parlato di te )

Sui genitori... Anche i miei mi hanno insegnato tante cose belle ma anche tante cavolate, cavolate a cui loro per primi credono, come che la madonna sia una donna che è rimasta incinta da uno spirito e che nonostante abbia partorito è rimasta vergine :/ ...
Cose assurde che però ancora oggi tanti genitori passano come storie vere ai figli...
Altro che babbo natale!
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Odis89 il Dom 14 Lug - 8:18

BestBeast ha scritto:Grazie del verde.
E intanto te ne becchi un altro.
Mi trovi pienamente d'accordo.

primaverino, non ti offendere ma quando ho letto le definizioni del primo messaggio e ho fatto il collegamento mentale con la religione mi sei proprio venuto in mente tu... soprattutto per la frase "Escludendo l'incapacità di valutare oggettivamente il sistema di credenze illusorie che danno origine alla fede religiosa, la persona mantiene le proprie facoltà razionali e in genere le sue capacità di relazione sociale non sono compromesse.".

Sono dell'idea che l'unico motivo per cui tu, e gente come te, siate credenti è che fin da quando eravate in fasce vi è stato inculcato il delirio e che siate stati fortemente incoraggiati a mantenerlo e a rispettarlo, e che il tutto sia persino stato fatto senza malizia (è parte della natura del disturbo: chi l'ha non riesce a riconoscerlo come tale, e non ha quindi problemi a tramandarlo).

Non mi stupisce che chi viene indottrinato fin da piccolo internizzi il disturbo e resti credente a vita: troverei invece interessante scoprire come facciano a guarirne quelli che nonostante l'indottrinamento riescono a liberarsi.

Io, per esempio, ne sono uscito. Ho scoperto però da poco che mio padre è ateo da molto tempo (pensa, in ventiquattro e passa anni non l'avevo mai capito e pensavo fosse uno dei tanti credenti che non vanno a messa... è anche vero che di religione non ne parla mai) e che da piccolo ero molto "testardo"... mai disposto a prendere per buono al primo colpo ciò che mi veniva detto, e poi a fare comunque di testa mia... suppongo questa attitudine e la "scarsa collaborazione all'indottrinamento" di mio padre abbiano giocato un ruolo importante nel proteggermi.
avatar
Odis89
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 727
Occupazione/Hobby : Putrefatto
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da massi76 il Dom 14 Lug - 8:52

verdone a odis89 e lyallis... certe volte mi vengono i brividi a leggervi in sto maledetto forum. che possiate cagare a spruzzo una settimana contro vento se il verdone non vi resterà attacato addosso per un bel po.
le grandi menti stanno ovunque, basta tacere un attimo e si rischia di sentirle nei loro discorsi...

BestBeast ha scritto:Se da bambini qualcuno non ci avesse disilluso riguardo Babbo Natale, ora avremo come l'impressione che qualcosa di inconoscibile, trascendentale e mistico, permeasse il gioioso spirito natalizio. Non potremmo farne a meno, pur essendo gente d'intelletto.

qua no, per quanto la figura sia stucchevolmente romantica e mi piaccia l'idea non son d'accordo. a me nessuno è venuto a dirmi babbo natale non esiste e neanche iddio non c'è. anzi quand'ero piccolo giuro che girava voce tra i compagni delle elementari che la passera fosse di traverso. ma io come sempre, ho cercato il prima possibile (prendendomi una sberla per aver cercato di tirar giu le mutandine a una compagna) di farmi un'idea mia. il natale resta, come s.valentino e la festa della mamma e quella dei nonni e quella dei morti ...etc...etc... solo una trappola per i polli, sono come delle grosse calamite ciuccia soldi. e l'ho capito ben presto, senza aiuti dal pubblico. come penso tanti altri. e se voglio trovare del "gioioso spirito" me lo ricerco nelle mie di cose, in quelle private, in quei ricordi che moriranno con me ma che sono la mia vita. quello che mi rende diverso da altri è in quei pochi frammenti di luce. li rivolgo il mio intelletto. che babbo natale trovi un caminetto pieno di vaselina e un dobermann affamato sulla pelle d'orso ..cagnaccio di cristo (dovevo tirare un moccolo che ho sentito le campane fuori, cos'è finita la messa ??)
avatar
massi76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1385
Località : Massa
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 27.09.12

http://massalinux.forumfree.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Lyallii il Dom 14 Lug - 9:22

Massi infatti...
Nessuno m ha detto che dio non c'è, al contrario di babbo natale...
Anzi! Non c'è un solo adulto qui nelle vicinanze che la pensi come me, parenti conoscenti e amici... A parte mio suocero ma vabbè non se lo caga nessuno perchè dicono che sia nel suo mondo... Solo perchè l ha sempre pensata su tante cose in modo diverso ( ragionando con la sua testa ) dalle persone a lui vicine.
Eppure a me non bastava credere a delle cose perchè tutti attorno a me ci credevano o perchè me l hanno raccontato i miei. Se non credo che ci sia nessun essere supremo e con la verità in tasca, non credo nemmeno che i miei genitori la abbiano, anzi!
Io li amo ma penso che prima di raccontare frottole a me, ripetutamente, avevano il dovere nei miei confronti di informarsi bene e al massimo dirmi ' io credo che dio esista ma non ho motivazioni per farlo, non ci son prove, ci credo per questo o quel motivo' e invece no!
I genitori che raccontano la storia di Gesù come se fosse vera, di Adamo ed Eva, che tralasciano i dinosauri, che si impegnano per insegnare le preghiere, che inculcano il concetto di peccato, che inibiscono, che creano un sentimento di amore/timore per un essere che NON hanno prove che esista, non fanno una bella cosa! Non l hanno fatta i miei con me. Hanno sbagliato. Questo non vuol dire che siano pessimi genitori, vuol dire che nessuno è infallibile, nemmeno loro.
Nessun genitore dice ai figli il significato reale della parola ' fede ', dicono ' è un dono '.... Beh stanno mentendo e consapevolmente, per i loro motivi, non giustificabili! E ' guarire ' dalla fede vuol dire anche ammettere che i miei genitori mi hanno deliberatamente mentito o omesso delle cose.
E non si tratta certo di mentire sul cioccolato che voglio e siccome mi fa male dicono che non c'è!
Si tratta di mentire e omettere fatti, distorcere la realtà, ecc ecc su una cosa importante che influenza la vita. E non ditemi che quando vediamo un bambino di cinque anni che si fa la croce e prega e chiede perdono a gesu bambino perchè sè comportato male è perchè quella favoletta di un uomo che è stato messo in croce e frustato e morto anche per i suoi peccati gli è piaciuta tanto... È perchè i suoi genitori gli stanno raccontando una marea di balle che condizionerà la sua vita, e se lui un domani vorrà scrollarsele di dosso dovra ammettere che la dolce mammina che gli dava i bacini e gli faceva le coccole, che il caro papá che lo rassicurava dopo un errore o lo consolava dopo una caduta, quelle due persone tanto dolci e buoni e integerrime in realtà gli hanno raccontato delle cose, molto molto importanti, passandole per vere ma non Avendone la certezza, quelle persone hanno mentito! Ma quante volte però da piccolo gli avranno detto che non si dicono le bugie, per nessun motivo, che una verità anche dolorosa è meglio?
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da massi76 il Dom 14 Lug - 9:54

che una verità anche dolorosa è meglio

è meglio che non mi vengano mai figli (oddio coi ritmi con cui trombo in sto periodo neanche se me ne compro uno divento babbo) perchè io sarei pessimo: non è vero che una verità dolorosa è meglio di una bugia, nella vita le bugie non sono il male ma bisogna sapere che son armi a doppio taglio che possono nuocere sia a chi le riceve che a chi se le inventa. ma talvolta son utili e solo noi sappiamo se è giusto dirle. con la coscienza a posto, ricordandoci che ne siam padroni e le bastonate che ne vengono fuori son tutte nostre. a mio figlio direi cosi...
avatar
massi76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1385
Località : Massa
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 27.09.12

http://massalinux.forumfree.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Lyallii il Dom 14 Lug - 10:13

Certo ma quale verità è giusto omettere, quale bugia è giusto dire?
Una cosa è dire appunto il cioccolato è finito quando in realtà non lo è, un altra dire se non ti comporti bene Gesù piange.
Io non so cosa racconterò a mio figlio quando mi domanderà dove sarò o dovre andrò una volta morta, credo che dipenda dall età in cui mi farà quella domanda, tipo perora guarda il re leone spesso e si vede la scena del padre che muore, io gli dico che dorme, sto mentendo...
Se mi domandasse in questi giorni o fra un anno, cosa vuol dire morire non glielo dirò chiaro, come quando è morto il pesce e gl ho detto che lo portavo al mare con gli altri pesci... È piccolo ancora secondo me e le favole mi piacciono.
Ma un ragazzino di dodici anni, secondo me, non va bene che sia sicuro e certo che la nonna che ha amato esista in un altra dimensione.
I miei me l avevano raccontata sta frottola e quando ho capito che non era possibile, che non ne potevano esser certi nemmeno loro che mi hanno passato sta favola per verità, ci son rimasta male.
E allora, secondo me, nel dubbio ( faccio bene o male a dire la verità?) quando un ragazzo comincia a esser in grado di capire e metabolizzare le verita, meglio dirgliela, magari non in modo brusco...
Tipo...
La nonna è morta, non so se ci sia altro dopo la morte, non ci son prove e io non ci credo, molti si...
Ma ad ogni modo secondo me l importante è che in questa vita si sia divertita tanto, sia stata felice e tu hai contribuito alla sua gioia, sei stato un bravo nipote e lei ti amava tanto!

Anzicchè dire... ' non ti preoccupare, la nonna è in cielo su una nuvoletta e ti guarda sempre e se hai bisogno dici una preghierina che lei ti protegge dall altro'

.... Boh poi io la vedo così in base anche alla mia esperienza.
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da massi76 il Dom 14 Lug - 10:15

anche io la penso cosi. sono solo meno radicale sulle bugie. non c'è un limite scritto, sta solo a noi, giocarcele come se fossero dei bluff a poker. troppe sortiscono l'effetto contrario ...ma ben usate fanvincere la partita. per il resto la vedo come te.
avatar
massi76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1385
Località : Massa
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 27.09.12

http://massalinux.forumfree.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da primaverino il Dom 14 Lug - 12:25

Odis89 ha scritto:
BestBeast ha scritto:Grazie del verde.
E intanto te ne becchi un altro.
Mi trovi pienamente d'accordo.

primaverino, non ti offendere ma quando ho letto le definizioni del primo messaggio e ho fatto il collegamento mentale con la religione mi sei proprio venuto in mente tu... soprattutto per la frase "Escludendo l'incapacità di valutare oggettivamente il sistema di credenze illusorie che danno origine alla fede religiosa, la persona mantiene le proprie facoltà razionali e in genere le sue capacità di relazione sociale non sono compromesse.".

Sono dell'idea che l'unico motivo per cui tu, e gente come te, siate credenti è che fin da quando eravate in fasce vi è stato inculcato il delirio e che siate stati fortemente incoraggiati a mantenerlo e a rispettarlo, e che il tutto sia persino stato fatto senza malizia (è parte della natura del disturbo: chi l'ha non riesce a riconoscerlo come tale, e non ha quindi problemi a tramandarlo).

Non mi stupisce che chi viene indottrinato fin da piccolo internizzi il disturbo e resti credente a vita: troverei invece interessante scoprire come facciano a guarirne quelli che nonostante l'indottrinamento riescono a liberarsi.

Nessuna offesa, figurati.wink.. 
Il fatto è che il disturbo di cui parli (delirio cronico) prevede una componente indiscutibile di paranoia che non sempre (anzi, assai di rado) si evidenzia nei credenti.
Era ciò che tentavo di spiegare a Minsky che mette sullo stesso piano una psicopatica come la figlia di Viola (minoritaria) e il sottoscritto (nella sua banalissima normalità).
Inoltre non mi risulta che tale delirio pranoide sia né contagioso, né trasmissibile "per cultura" (banalmente perché malattia e cultura c'entrano sega).
In pratica, sia detto senza offesa, il paragone tra sentimento religioso e malattia mentale è s-centrato.
Inoltre, tu stesso parli di imprinting, e non credo serva essere ferrati in materia per comprendere che nemmeno imprinting e patologie sino in qualche modo correlati.
Secondo me, semplicemente, hai scritto una cazzata.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da BestBeast il Dom 14 Lug - 12:37

massi76 ha scritto:
BestBeast ha scritto:Se da bambini qualcuno non ci avesse disilluso riguardo Babbo Natale, ora avremo come l'impressione che qualcosa di inconoscibile, trascendentale e mistico, permeasse il gioioso spirito natalizio. Non potremmo farne a meno, pur essendo gente d'intelletto.

qua no, per quanto la figura sia stucchevolmente romantica e mi piaccia l'idea non son d'accordo. a me nessuno è venuto a dirmi babbo natale non esiste e neanche iddio non c'è. anzi quand'ero piccolo giuro che girava voce tra i compagni delle elementari che la passera fosse di traverso. ma io come sempre, ho cercato il prima possibile (prendendomi una sberla per aver cercato di tirar giu le mutandine a una compagna) di farmi un'idea mia. il natale resta, come s.valentino e la festa della mamma e quella dei nonni e quella dei morti ...etc...etc... solo una trappola per i polli, sono come delle grosse calamite ciuccia soldi. e l'ho capito ben presto, senza aiuti dal pubblico. come penso tanti altri. e se voglio trovare del "gioioso spirito" me lo ricerco nelle mie di cose, in quelle private, in quei ricordi che moriranno con me ma che sono la mia vita.

Grazie Odis89 del feedback (e del verde, che ricambio).
Massi76, forse c'è stato un fraintendimento, perché non ho capito la tua obiezione.
Non sto trovando alcun "lato buono" alla favola di Babbo Natale, anzi, cerco solo un parallelismo plausibile, e questo mi pare lo sia, a prescindere da cosa abbia scaturito la presa di coscienza. Mi pare che l'età della scoperta si distribuisca così:



Come per Massi76, anch'io non sono stato avvertito da nessuno. 
Anzi, a dire il vero sarebbe più corretto "non ricordiamo che qualcuno ce l'abbia detto". 
Io non mi sento d'escluderlo, infatti. Chi sarà stata? La tv? La società? I compagni di scuola? I genitori stessi? Ci siamo arrivati perché la storia è in effetti troppo ridicola e fa acqua da tutte le parti? Difficile questo, quella dei pani e dei pesci, dei risorti e delle vergini partorienti è molto più ridicola eppure c'e tanta gente che ancora la prende per vera. Quello che mi interessa, tuttavia, è scoprire come mai questa campana, a differenza di quella della religione, un certo punto si chiude (parlo del lato dx, quello snx per forza di chiude a 0). Che ne pensate?

BestBeast
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2930
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da massi76 il Dom 14 Lug - 12:51

secondo me nelle persone sensate si chiude anche il discorso "fede". nessuno sano di mente crede nella madonna incinta per opera dello spirito santo o gesu che dopo tre giorni non solo non puzza come il pesce (ichtus) ma risorge come un'araba fenice. solo che per la maggior parte è molto più comodo seguire il branco che va dietro al pastore con la tonaca. meno problemi, tutto più semplice. poi però senti dire, si ma sai non son mica praticante, si vabbè ma  a quelle cose li non ci credo. insomma dire basta a babbo natale è un segno di passaggio dall'età infantile alla pubertà foruncolosa mentre rinnegare le cagate che ci han inculcato 2000 anni di sudditanza psicologica verso i veri detentori del potere (altro che principi re e governatori) è blasfemia. tutti sanno che son cazzate ma nessuno lo può dire. perchè è peccato. anche se al peccato poi non ci credo.
avatar
massi76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1385
Località : Massa
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 27.09.12

http://massalinux.forumfree.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da Odis89 il Dom 14 Lug - 20:20

primaverino ha scritto:
Odis89 ha scritto:
BestBeast ha scritto:Grazie del verde.
E intanto te ne becchi un altro.
Mi trovi pienamente d'accordo.

primaverino, non ti offendere ma quando ho letto le definizioni del primo messaggio e ho fatto il collegamento mentale con la religione mi sei proprio venuto in mente tu... soprattutto per la frase "Escludendo l'incapacità di valutare oggettivamente il sistema di credenze illusorie che danno origine alla fede religiosa, la persona mantiene le proprie facoltà razionali e in genere le sue capacità di relazione sociale non sono compromesse.".

Sono dell'idea che l'unico motivo per cui tu, e gente come te, siate credenti è che fin da quando eravate in fasce vi è stato inculcato il delirio e che siate stati fortemente incoraggiati a mantenerlo e a rispettarlo, e che il tutto sia persino stato fatto senza malizia (è parte della natura del disturbo: chi l'ha non riesce a riconoscerlo come tale, e non ha quindi problemi a tramandarlo).

Non mi stupisce che chi viene indottrinato fin da piccolo internizzi il disturbo e resti credente a vita: troverei invece interessante scoprire come facciano a guarirne quelli che nonostante l'indottrinamento riescono a liberarsi.

Nessuna offesa, figurati.wink.. 
Il fatto è che il disturbo di cui parli (delirio cronico) prevede una componente indiscutibile di paranoia che non sempre (anzi, assai di rado) si evidenzia nei credenti.
Che io sappia non è necessariamente vero... ma non sono esperto in materia, quindi non saprei.
Facendo qualche ricerca, ho trovato questo: http://www.psicologi-psicoterapeuti.info/public/diagnosi_terapie/20.pdf
Non mi pare parli di paranoie... anzi, a quanto ho capito evidenzia come, argomento del delirio a parte, il paziente in genere sia una persona perfettamente "normale"...

Inoltre non mi risulta che tale delirio pranoide sia né contagioso, né trasmissibile "per cultura" (banalmente perché malattia e cultura c'entrano sega).
In pratica, sia detto senza offesa, il paragone tra sentimento religioso e malattia mentale è s-centrato.
Inoltre, tu stesso parli di imprinting, e non credo serva essere ferrati in materia per comprendere che nemmeno imprinting e patologie sino in qualche modo correlati.
Geni e ambiente, c'entrano sempre entrambi nel manifestarsi di qualunque patologia, psichiatriche incluse.
L'imprinting è parte dell'ambiente, ed è in grado di influenzare fortemente la psiche di un bambino.
Quindi sì, direi che probabilmente imprinting e patologie psichiatriche sono fortemente correlati.
avatar
Odis89
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 727
Occupazione/Hobby : Putrefatto
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da lupetta il Dom 14 Lug - 20:31

durante il periodo in cui sono stata in analisi mi sono curata anche dai danni morali causati dalla religionecattolica e quindi dalla fede, ho iniziato al terapia quando avevo dei dubbi pensavo che "qualcosa" comunque ci fosse, per finire atea.
la fede va curata.
avatar
lupetta
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 9606
Età : 41
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Dubitare
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 11.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fede: si può curare?

Messaggio Da primaverino il Dom 14 Lug - 20:40

Odis89 ha scritto:
1) Che io sappia non è necessariamente vero... ma non sono esperto in materia, quindi non saprei.
Facendo qualche ricerca, ho trovato questo: http://www.psicologi-psicoterapeuti.info/public/diagnosi_terapie/20.pdf
Non mi pare parli di paranoie... anzi, a quanto ho capito evidenzia come, argomento del delirio a parte, il paziente in genere sia una persona perfettamente "normale"...

2) Geni e ambiente, c'entrano sempre entrambi nel manifestarsi di qualunque patologia, psichiatriche incluse.
L'imprinting è parte dell'ambiente, ed è in grado di influenzare fortemente la psiche di un bambino.
Quindi sì, direi che probabilmente imprinting e patologie psichiatriche sono fortemente correlati.

1) A me pare che invece l'articolo parli chiaramente di aspetti paranoidi, ma forse ho letto male.
2) Dei geni stai parlando solo adesso. Prima hai dato la colpa solo all'imprinting.
Comunque non mi pare che l'articolo parli di alcuna correlazione tra senso religioso e malattia mentale.
In ogni caso libero tu di pensarlo.

@ Lupetta
Il fatto che a te la religione abbia provocato dei fastidi non implica automaticamente che ciò possa valere per tutti.

Pertanto il dato non è oggettivo, a mio avviso.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 11 1, 2, 3 ... 9, 10, 11  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum