16 ottobre 1943 -

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 10:13

Per non celebrare il giorno della memoria solo il 27 gennaio.






Roma, 70 anni fa il rastrellamento del ghetto ebraico


207 bambini, 363 uomini e 689 donne della comunità ebraica rastrellate della Gestapo tedesca nel ghetto di Roma tra le 5,30 e le 14 di sabato 16 ottobre 1943.
La scelta di quella particolare giornata, festiva per gli ebrei, fu fatta per sorprendere il maggior numero di persone.
L'intento riuscì grazie anche all'impiego in città di 365 uomini della polizia tedesca - di cui circa un centinaio solo nel ghetto - coordinati da 14 ufficiali e sottoufficiali.
Un certo numero di persone fu rilasciato perchè appartenente a famiglie straniere con "sangue misto", ma tra le persone rastrellate 1.023 furono deportate ad Auschwitz, e soltanto 16 di loro scamparono alla morte (15 uomini e 1 donna, Settimia Spizzichino).
Le 1.259 persone catturate, di cui molte ancora in pigiama, furono caricate su camion militari coperti da teloni e portate presso il Collegio Militare di Palazzo Salviati, dove rimasero, separate per genere, circa 30 ore.
Tra queste figurava anche un neonato, partorito da Marcella Perugia il 17 ottobre. Duecentotrentasette prigionieri furono poi rilasciati in seguito al controllo che li identificò come cittadini stranieri o appartenenti a famiglie "miste".
Gli ebrei catturati vennero invece trasferiti alla stazione ferroviaria di Tiburtina e messi su un convoglio costituito da 18 carri merci, che partì alle 14 di lunedì 18 ottobre per giungere ad Auschwitz alle ore 23 del 22 ottobre.

Durante il viaggio due persone anziane morirono.
Un giovane invece, Lazzaro Sonnino, riuscì a fuggire a nord di Padova buttandosi dal convoglio in movimento.
Ad Auschwitz i deportati ebrei furono divisi in due file: da una parte 820 persone, valutate fisicamente non abili al lavoro, e dall'altra 154 uomini e 47 donne, giudicati fisicamente idonei.
Il drappello degli 820 finì immediatamente nelle camere a gas del campo di sterminio dove furono uccisi con l'espediente delle "docce". L'altro gruppo fu invece smistato e inviato in altri campi di sterminio.

16 ottobre 2013 - 70 anni dopo, anche il Papa ha voluto sottolineare l'importanza della memoria in questa giornata: "Il ricordo delle tragedie del passato divenga per tutti l'impegno ad aderire con tutta la nostra forza al futuro che Dio vuole costruire per noi e con noi ", ha scritto Francesco nel suo messaggio agli ebrei di Roma. Messaggio che si conclude con uno "Shalom".
Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, invece, ha lasciato la Sinagoga di Roma al termine della cerimonia indossando la kippah, il tradizionale copricapo ebraico. Accompagnato dal sindaco di Roma Marino e dai vertici della Comunità ebraica, il capo dello Stato ha definito la giornata "un grande momento di coesione tra tutte le fedi e tutte le religioni".

(sky tg24)

Commento "PUOZZ SCULA"
Invito derivante dalla procedura di recidere i vasi sanguigni, in modo da far uscire sangue e liquidi dal corpo per far morire dissanguati i prigionieri.




L'angelo dagli occhi tristi”, dinanzi alla quale qualcuno dei condannati domanda: “Dov'è il Buon Dio? Dov'è?”. Più di una mezz'ora restò così a lottare tra la vita e la morte agonizzando sotto i nostri occhi. I detenuti si chiedono: “Dov'è il Buon Dio? Dov'è?”.
(Wiesel)

"Dov'è, dunque, Dio? E io sentivo in me una voce che gli rispondeva: Dov'è? Eccolo: è appeso lì, a quella forca"
"Era sangue, era ciò che tu hai sparso, Signore”
(Celan)

«Vieni, infanticida, e mostrami le tue mani piene di sangue. Mostramele da vicino, affinché io possa asciugarle. Non ne hai avuto abbastanza dei primogeniti d’Egitto e dei bambini di Betlemme. E neppure il tuo unico figlio ti bastò. Lo hai inchiodato sulla croce per redimerci, ma tu continui a redimere con sempre nuove croci, non è vero? Ti mancano ancora questi bambini?"
(Wiechert)

Esprimono il mio pensiero.




altro ancora:



Dio ha sorriso e ha detto: I miei figli mi hanno vinto— ìé-vjakol—! I miei figli mi hanno vinto"». (Mishnà Apotè 2,8)

Nell'atteggiamento delle Scritture ebraiche ma anche del pensiero ebraico, in particolare del secolo scorso, nei confronti di Dio, c'è grande libertà, che non è licenza, non è sfrontatezza né arroganza, ma grande confidenza, familiarità, pur nella piena consapevolezza della distanza che separa — Dio è il "santo", il separato — la creatura dal creatore.

La lite con Dio è «una forma di intimità e di confidenza che quasi consuma la fede stessa in esperienza del "Tu" divino»

Altimenti c'è il silenzio di Dio -Eloi, Eloi, lema sabactàni, o come in Giobbe o come in molta letteratura dopo la Shoah, silenzio dolorosamente sperimentato da milioni di ebrei nei lager nazisti.

Un silenzio che pone un problema di fede e incide fortemente sulla relazione uomo-Dio.
Si tratta certo di un dialogo anomalo, ma, qualunque ne sia l'esito, l'interlocutore uomo ne esce a testa alta. c'è un assordante parlare: Satana, la moglie, gli amici di Giobbe, Giobbe, e Dio.
«Allora il Signore prese a dire a Giobbe in mezzo all'uragano...» (Gb 40,6).

«Allora Giobbe rispose al Signore: "[...] Io ti conoscevo solo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti hanno veduto.

Dio, insomma, discute con l'uomo e, a volte, ammette cavallerescamente la propria sconfitta.






Due scritte sui muri della sinagoga di Kowel, Polonia



Ruven Atlas che tu sappia che qui fu assassinata tua moglie Gina e tuo figlio Imus.

Nostro figlio pianse amaramente.

Non voleva morire.

Va’ in guerra e vendica tua moglie e il tuo unico figlio.

Ci conducono alla morte e siamo innocenti.


(Gina Atlas)





Le porte si aprono.

Eccoli, i nostri assassini.

Vestiti di nero.

Sulle loro mani sporche portano guanti bianchi.

A due a due ci cacciano dalla sinagoga.

Le mani alzate sulle nostre teste.

Care sorelle e fratelli come è duro dire addio per sempre alla vita cosí bella.

E quelli che restano in vita non dimenticate mai la nostra innocente piccola via ebraica.

Sorelle e fratelli vendicatevi sui nostri assassini.

(Esther Srul uccisa il 15.9.1942)




Minsk (Bielorussia), 26 ottobre 1941. Impiccagione di Masha Bruskina,17 anni, e di Volodia Sherbateivich, componenti di una cellula partigiana clandestina





Adam Kuckhoff impiccato il 5. August 1943 in Plötzensee, biglietto scritto pochi istanti prima di morire attaccato per il collo al filo spinato


Caro figlio, dunque ti lascio senza padre?

Tutto un popolo no, sarebbe troppo poco,

Tutto il genere umano ti sarà padre.







Scritte sui muri delle celle 7 e 20 del carcere di Fresnes da Huguette Prunier (Juliette), Arrestata col marito nel luglio 1943 – torturata – Processata il 28 gennaio 1944, insieme al marito –fucilata il 5 agosto 1944 al Mont-Valérien (Parigi)

Battuta dalla Gestapo il 3-4 e il 5 agosto 43. Mio marito torturato. Coraggio

Una comunista deve essere forte e coraggiosa. Bisogna aver pazienza.

Mio marito Robert Blache, fucilato. Viva la Francia Viva il Partito Comunista francese Viva l’Armata Rossa Viva gli Alleati

Vinceremo perché la nostra causa è giusta

Una compagna si è suicidata il 15
Un’altra viene a conoscenza della morte di suo marito e del suo bambino uccisi in un bombardamento in Inghilterra. Quali sofferenze!




editato dalla moderazione che ha inserito il resto del messaggio, molto lungo, in spoiler, a disposizione di chiunque voglia consultarlo.

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Rasputin il Ven 18 Ott - 10:32

Azz...ci mancava la propaganda filoisraeliana wall2 

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 10:49

Suspect 


Di grazia, puoi spigarmi ora cosa diavolo c'entra Israele?

E pure se fosse, e non è, che problema hai?

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Rasputin il Ven 18 Ott - 11:22

Il Distruttore Hara ha scritto:Suspect 


Di grazia, puoi spigarmi ora cosa diavolo c'entra Israele?

E pure se fosse, e non è, che problema hai?
Ho il problema che quella dell'olocausto non è stata né l'unica, né la peggiore delle atrocità commesse nella storia - anche più recente, vedi ad es. Tutsi - ma è quella a cui stranamente viene dato più risalto ovunque, e non mi pare affatto giusto.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 11:39

No, non l'unica davvero, ma non mi parrebbe proprio il caso di mettere in competizione tali tragedie e  singolarità della soluzione finale sono  parecchie e significative:

. E'avvenuta pochi anni fa in Europa ed in Italia
.L'odio proviene da lontano e non accenna a cessare
.I nemici dichiarati della nuova Israele si stanno dimostrando  nemici delle donne, degli uomin, dei bambini e di ogni prospettiva di progresso civile
.L'olocausto ha messo in discussione il Dio di ebrei e cristiani, "Era sangue, era ciò che tu hai sparso, Signore”.
.L'olocausto mette in discussione la nostra capacità di empatia e la nostra stessa umanità.
.L'olocausto mette in discussione la testimonianza cattolica, nel suo significato e nei suoi rappresentanti
.
Et cetera et cetera.




Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa e andando per via,
coricandovi alzandovi;
ripetetele ai vostri figli
o vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da don alberto il Ven 18 Ott - 11:42

cassato

don alberto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1642
Età : 65
Località : Funo di Argelato (Bologna)
Occupazione/Hobby : giullare
SCALA DI DAWKINS :
7 / 707 / 70

Data d'iscrizione : 20.08.10

http://bollettino-funo.blog.tiscali.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 11:55

Ti ringrazio per aver riportato la bella testimonianza, ti propongo un video,  una testimonianza di  orgoglio, di rivendicazione e di sdegno. Del tutto sacrosanto.




Aggiungo una citazione da Steiner




 Il progenitore degli autentici eletti non è Abramo, che era miliardario.


 Non discendiamo da Giobbe, che raddoppiò i suoi beni. 


Siamo figli di Agar. 


Ci siamo cibati di sassi e le vespe hanno cantato per noi. 


Non può esistere un comunista, un vero socialista che non sia, in fondo, un ebreo
.
 C'erano ebrei che vedevano più in fondo alle cose e capirono che il Messia non 
sarebbe mai venuto. 


Mai. 
O piuttosto che il Messia era un uomo anche lui.


Che la rivelazione e i grandi venti a venire erano quelli della nostra storia. 


Che gli uomini e le donne ordinari non avevano neppure cominciato ad essere se stessi. 


Uomini e donne, creature della ragione, custodi di questa terra: sì, c'è un Messia, e una Gerusalemme


Ma non dopo il nostro funerale e non fatti di nubi rosee. 


E ci sono leggi, ma non sono quelle eruttate da qualche vulcano nel Sinai.


Ci sono le leggi della storia, e della scienza, e della domanda e dell'offerta. 




(il Professore: cap. VIII, pp. 50 sg.)



Ti mando il mio miglio augurio:

Hashanà haba'a b'Yrushalayim
(L'anno prossimo a Gerusalemme.)

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Rasputin il Ven 18 Ott - 12:08

Il Distruttore Hara ha scritto:No, non l'unica davvero, ma non mi parrebbe proprio il caso di mettere in competizione tali tragedie
Non sono io a farlo, se mai il contrario: a mio parere hanno tutte pari diritto di essere considerate tali.



Il Distruttore Hara ha scritto:singolarità della soluzione finale sono  parecchie e significative:

. E'avvenuta pochi anni fa in Europa ed in Italia
E allora? I Tutsi, gli Armeni, chi sono, figli di mignotta?

Il Distruttore Hara ha scritto:.L'odio proviene da lontano e non accenna a cessare
Eh? boxed 

Il Distruttore Hara ha scritto:.I nemici dichiarati della nuova Israele si stanno dimostrando  nemici delle donne, degli uomin, dei bambini e di ogni prospettiva di progresso civile
Ammesso e non concesso, non mi pare una ragione per comportarsi come (E peggio) di loro.

Il Distruttore Hara ha scritto:.L'olocausto ha messo in discussione il Dio di ebrei e cristiani, "Era sangue, era ciò che tu hai sparso, Signore”.
Questo mi pare un punto a favore.

Il Distruttore Hara ha scritto:L'olocausto mette in discussione la nostra capacità di empatia e la nostra stessa umanità.
Questa non è una singolarità rispetto alle altre atrocità, bensí un punto in comune.

Il Distruttore Hara ha scritto:L'olocausto mette in discussione la testimonianza cattolica, nel suo significato e nei suoi rappresentanti
E questo mi pare decisamente un altro punto a favore.

Stendo un pietoso velo sui rivoltanti versetti (Quelli sí, che trasudano odio e razzismo) e ti porto una testimonianza diretta:

http://atei.forumitalian.com/t360p60-nazismo-e-cattolicesimo#281636

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da alberto il Ven 18 Ott - 12:09

tutto ok.
ma quando arriverà il giorno in cui gli ebrei, per loro stessi ancor più che per gli altri, saranno semplicemente PERSONE?

io lo aspetto con ansia.

per celebrare un meraviglioso e luminoso "giorno dell'oblio".
magari otterrà dei risultati migliori, e ci vorrà ben poco, del giorno della memoria, che a me sembra invece il modo per mantenere differenze, steccati, tenere in vita il sentimento della vendetta, paradossalmente anche il senso di un'appartenenza oppost e malata. il senso di "altri da sé".


EDIT: non avevo ancora sentito herbert pagani. minchia, non sono d'accordo quasi su niente!


Ultima modifica di alberto il Ven 18 Ott - 12:14, modificato 1 volta

alberto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2604
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 26.12.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Rasputin il Ven 18 Ott - 12:13

alberto ha scritto:tutto ok.
ma quando arriverà il giorno in cui gli ebrei, per loro stessi ancor più che per gli altri, saranno semplicemente PERSONE?

io lo aspetto con ansia.

per celebrare un meraviglioso e luminoso "giorno dell'oblio".
magari otterrà dei risultati migliori, e ci vorrà ben poco, del giorno della memoria, che a me sembra invece il modo per mantenere differenze, steccati, tenere in vita il sentimento della vendetta, paradossalmente anche il senso di un'appartenenza oppost e malata. il senso di "altri da sé".
quoto.. 

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da loonar il Ven 18 Ott - 12:21

alberto ha scritto:tutto ok.
ma quando arriverà il giorno in cui gli ebrei, per loro stessi ancor più che per gli altri, saranno semplicemente PERSONE?

io lo aspetto con ansia.

per celebrare un meraviglioso e luminoso "giorno dell'oblio".
magari otterrà dei risultati migliori, e ci vorrà ben poco, del giorno della memoria, che a me sembra invece il modo per mantenere differenze, steccati, tenere in vita il sentimento della vendetta, paradossalmente anche il senso di un'appartenenza oppost e malata. il senso di "altri da sé".
quoto.. 

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 12:32

don alberto ha scritto:cassato
E perchè di grazia?


Rasputin ha scritto: a mio parere hanno tutte pari diritto di essere considerate tali. 
Nessuno qui lo sta negando, spero
Non cito per carità di patria l'ultima uscita di tale don Floriano Abrahamowicz, prete lefebvriano





E allora? I Tutsi, gli Armeni, chi sono, figli di mignotta?
Di nuovo come sopra.



Eh?  
I pogrom sono cominciati molto prima della nascita dei fascismi e dei nazional socialismi



Ammesso e non concesso, non mi pare una ragione per comportarsi come (E peggio) di loro.
L'autodifesa talvolta giustifica, pur troppo, anche gli eccessi. In tutto il mondo molto ebrei, anche di rilievo, dissentono radicalmente dalle scelte di Israele, io sono fra questi (non fra quelli di rilievo, ovviamente)
Poi Israele è una democrazia compiuta, l'unica della regione, dove i giornalisti nazionali ed esteri possono scrivere ciò che vogliono, mentre in altri paesi ciò è rischioso o quanto meno preclude la possibilatà di essere di nuovo accreditata come corrispondenti. 



Stendo un pietoso velo sui rivoltanti versetti 
Eh? boxed 




Alberto ha scritto:io lo aspetto con ansia.

non sei il solo.




per celebrare un meraviglioso e luminoso "giorno dell'oblio"

Questo sarebbe un pessimo regalo ai nostri figli, gentili o ebrei che siano.

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da loonar il Ven 18 Ott - 12:38

ma aspetti con ansia un giorno in cui ci si definirà solo PERSONE e poi due righe sotto dividi gentili da ebrei?

boxed  thinkthank 

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Rasputin il Ven 18 Ott - 12:43

loonar ha scritto:ma aspetti con ansia un giorno in cui ci si definirà solo PERSONE e poi due righe sotto dividi gentili da ebrei?

boxed  thinkthank 
Per tacere dell'autodifesa (Sic!) che giustifica gli eccessi, e l'accenno alla democrazia in un paese dove nemmeno uno può mangiare quello che gli pare wall2 

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da loonar il Ven 18 Ott - 12:51

Rasputin ha scritto:
loonar ha scritto:ma aspetti con ansia un giorno in cui ci si definirà solo PERSONE e poi due righe sotto dividi gentili da ebrei?

boxed  thinkthank 
Per tacere dell'autodifesa (Sic!) che giustifica gli eccessi, e l'accenno alla democrazia in un paese dove nemmeno uno può mangiare quello che gli pare wall2 
per la completezza però dobbiamo dire che tutte le "democrazie" funzionano così!
Le maggioranze decidono e le minoranze eseguono
se capiti nella minoranza le differenze fra democrazia e dittatura possono essere sfumatissime.
Si dovrebbero dividere le democrazie in tolleranti verso le minoranze e intolleranti verso le minoranze.
Cominceremmo a capirci meglio.
Israele è una democrazia intollerante verso le minoranze.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 12:54

Rasputin ha scritto:

ma aspetti con ansia un giorno in cui ci si definirà solo PERSONE e poi due righe sotto dividi gentili da ebrei?

boxed  thinkthank 
La divisione tra gentili ed ebrei è nei fatti. Non c'è idea di superiorità o di inferiorità, c'è l'adesione o meno ad un patto, oltre che memorie comuni.

loonar ha scritto:
Per tacere dell'autodifesa (Sic!) che giustifica gli eccessi, e l'accenno alla democrazia in un paese dove nemmeno uno può mangiare quello che gli pare wall2 
Quanto al mangiare credo che ognuno di fare anche  un  po' come gli pare. Vegani o quel che ti pare. O no?

Uè mi date il tempo pure di risponder, wink..

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da loonar il Ven 18 Ott - 13:03

Il Distruttore Hara ha scritto:
Rasputin ha scritto:

ma aspetti con ansia un giorno in cui ci si definirà solo PERSONE e poi due righe sotto dividi gentili da ebrei?

boxed  thinkthank 
La divisione tra gentili ed ebrei è nei fatti. Non c'è idea di superiorità o di inferiorità, c'è l'adesione o meno ad un patto, oltre che memorie comuni.

loonar ha scritto:
Per tacere dell'autodifesa (Sic!) che giustifica gli eccessi, e l'accenno alla democrazia in un paese dove nemmeno uno può mangiare quello che gli pare wall2 
Quanto al mangiare credo che ognuno di fare anche  un  po' come gli pare. Vegani o quel che ti pare. O no?

Uè mi date il tempo pure di risponder, wink..
hai scambiato i quote!
rispondo al primo quote che è il mio:
sarà che io non ho una visione del mondo nazionalista e tradizionalista, ma penso che le tradizioni e le divisioni siano solo il terreno di coltura su cui far germogliare i rovi della violenza e la zizzania della guerra.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Rasputin il Ven 18 Ott - 13:07

loonar ha scritto:[...]penso che le tradizioni e le divisioni siano solo il terreno di coltura su cui far germogliare i rovi della violenza e la zizzania della guerra.
Alè. grazieeee 

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 13:19

.loomar ha scritto:sarà che io non ho una visione del mondo nazionalista e tradizionalista, ma penso che le tradizioni e le divisioni siano solo il terreno di coltura su cui far germogliare i rovi della violenza e la zizzania della guerra.

Perchè quando ti quoto  mi vieni  a caratteri cubitali?

Comunque ti do anche ragioni, ma i ghetti non li hanno di certo inventati gli ebrei.

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da loonar il Ven 18 Ott - 13:21

Il Distruttore Hara ha scritto:
Comunque ti do anche ragioni, ma i ghetti non li hanno di certo inventati gli ebrei.
la questione del popolo eletto non l'hanno inventata i goym

EDIT: se ti inventi una patria tascabile (torah e corollari) e dovunque vai non hai nessuna intenzione di integrarti, certo te ne verranno dei vantaggi (predisposizione per scienze, letteratura, finanze e studio in generale) ma anche tantissimi svantaggi, che da che mondo e mondo quando c'è da trovare un capro espiatorio (sic!) i popoli li trovano sempre nei disperati vicini di casa ma "diversi". E se i "diversi" sono anche orgogliosi della loro diversità...be'... Questo non giustifica certo le violenze subite dagli ebrei, ma è solo per far presente che la scelta strategica degli ebrei non è stata delle più felici.
Chiedere ai discendenti di hittiti, piceni, pretuzi, etruschi, sabini, celtiboi, ecc (tutti coevi del popolo ebreo)... se altre scelte meno esclusiviste e più "cosmopolite" abbiano determinato destini infausti e genocidi a lungo termine e reiterati.


Ultima modifica di loonar il Ven 18 Ott - 13:31, modificato 1 volta

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 13:31

loonar ha scritto:la questione del popolo eletto non l'hanno inventata i goym
Il culto dei cristianesimi, delle caste, delle differenze di genere, degli arianesimi ecc, sempre in contrasto e con intento stragista verso il popolo di dura cervice anche sì

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da loonar il Ven 18 Ott - 13:32

Il Distruttore Hara ha scritto:
loonar ha scritto:la questione del popolo eletto non l'hanno inventata i goym
Il culto dei cristianesimi, delle caste, delle differenze di genere, degli arianesimi ecc, sempre in contrasto e con intento stragista verso il popolo di dura cervice anche sì
ho editato il precedente post.
trovi un compendio esplicativo che risponde anche a quanto sopra

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da don alberto il Ven 18 Ott - 13:37

don alberto ha scritto:
cassato
perché non riuscivo a mettere in spoiler uno scritto,
e non trovo un "cancella post"

don alberto
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1642
Età : 65
Località : Funo di Argelato (Bologna)
Occupazione/Hobby : giullare
SCALA DI DAWKINS :
7 / 707 / 70

Data d'iscrizione : 20.08.10

http://bollettino-funo.blog.tiscali.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Ven 18 Ott - 13:49

loomar ha scritto:EDIT: se ti inventi una patria tascabile (torah e corollari) e dovunque vai non hai nessuna intenzione di integrarti, certo te ne verranno dei vantaggi (predisposizione per scienze, letteratura, finanze e studio in generale) ma anche tantissimi svantaggi
Una patria "tascabile" esiste da davvero pochi anni, e non si basa certo su torah e corollari.
Coltivare il sapere mi pare un merito e non un demerito, anche se in europa gli ebrei di lingua yddish non si sono distinti, mediamente, per la loro cultura, quanto ai vantaggi, beh, se per appartenere bisogna subire ogni infamia è un vantaggio assai discutibile.




Chiedere ai discendenti di hittiti, piceni, pretuzi, etruschi, sabini, celtiboi, ecc (tutti coevi del popolo ebreo)... se altre scelte meno esclusiviste e più "cosmopolite" abbiano determinato destini infausti e genocidi a lungo termine e reiterati.


La vedo difficilina...







che da che mondo e mondo quando c'è da trovare un capro espiatorio (sic!) i popoli li trovano sempre nei disperati vicini di casa ma "diversi". 
Il discorso del capro espiatorio ho tentato di introdurlo in altro topic, al quale rimando, in generale il capro diventa il sacro e accade da sè.

E se i "diversi" sono anche orgogliosi della loro diversità...be'... Questo non giustifica certo le violenze subite dagli ebrei, ma è solo per far presente che la scelta strategica degli ebrei non è stata delle più felici.
Posso anche essere d'accordo, ci sarebbe da valutare quale altra scelta sarebbe stata praticabile in quel momento storico. Per le potenze vincitrici dell'ultimo conflitto evidentemente non ce ne erano altre a disposizione.

Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1982
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: 16 ottobre 1943 -

Messaggio Da loonar il Ven 18 Ott - 15:15

Il Distruttore Hara ha scritto:
loomar ha scritto:EDIT: se ti inventi una patria tascabile (torah e corollari) e dovunque vai non hai nessuna intenzione di integrarti, certo te ne verranno dei vantaggi (predisposizione per scienze, letteratura, finanze e studio in generale) ma anche tantissimi svantaggi
Una patria "tascabile" esiste da davvero pochi anni, e non si basa certo su torah e corollari.
Coltivare il sapere mi pare un merito e non un demerito, anche se in europa gli ebrei di lingua yddish non si sono distinti, mediamente, per la loro cultura, quanto ai vantaggi, beh, se per appartenere bisogna subire ogni infamia è un vantaggio assai discutibile.
(1)



Chiedere ai discendenti di hittiti, piceni, pretuzi, etruschi, sabini, celtiboi, ecc (tutti coevi del popolo ebreo)... se altre scelte meno esclusiviste e più "cosmopolite" abbiano determinato destini infausti e genocidi a lungo termine e reiterati.


La vedo difficilina...

(2)
che da che mondo e mondo quando c'è da trovare un capro espiatorio (sic!) i popoli li trovano sempre nei disperati vicini di casa ma "diversi". 
Il discorso del capro espiatorio ho tentato di introdurlo in altro topic, al quale rimando, in generale il capro diventa il sacro e accade da sè.
(3)
E se i "diversi" sono anche orgogliosi della loro diversità...be'... Questo non giustifica certo le violenze subite dagli ebrei, ma è solo per far presente che la scelta strategica degli ebrei non è stata delle più felici.
Posso anche essere d'accordo, ci sarebbe da valutare quale altra scelta sarebbe stata praticabile in quel momento storico. Per le potenze vincitrici dell'ultimo conflitto evidentemente non ce ne erano altre a disposizione.
(4)
1- per patria "tascabile" intendevo la bibbia, che gli ebrei si sono portati sempre dietro ad ogni diaspora, come "pro memoria" e non come "souvenir" (stesso etimo ma significati diversi)
dovunque andassero hanno sempre ricreato quel luogo della memoria che si fa anche nazione a sè stante e che rifiuta l'integrazione
coltivare le arti e il sapere è stata la deriva di queste esclusivismo più felice, infatti.

2- ero ironico, stavo a dire che di popoli "assorbiti" da altri popoli al mondo ce ne sono stati tanti, la loro scelta ha fatto sì che nessuno potesse additare come un "diverso" un discendente dei piceni, proprio perchè gli usi e costumi piceni sono stati assorbiti prima dai latini, a loro volta assorbiti dai goti, e loro dai bizantini e poi ancora dai normanni, svevi, borboni, ecc... ecc... quindi nel 1939 vai a fare dei pogrom contro i piceni! Hai voglia a trovarli!

3- vedi sopra... se sei diverso e in minoranza (non sempre) in contesti di crisi diventi capro espiatorio che tu sia ebreo, nero, comunista, gay o altro... Non giustifica le violenze, è solo per capire il perchè delle violenze subite da ebrei, armeni, tutsi, cinesi, nativi americani, ecc... La propaganda fa leva sulla diversità per sobillare gli istinti belluini.

4-mi riferivo al pre-shoah. Alle radici della persecuzione ebrea che non è solo nazista. E che ho spiegato dianzi. Se perseveri nel ritenerti "eletto" e nel non volerti "contamnare" con altri popoli, hai dei vantaggi (vedi punto 1) ma anche tutta una serie di svantaggi, specie se qualcuno si arricchisce più degli altri popoli, in cui sono "ospitati" per loro stessa scelta (sei ospite finchè non ti senti tu stesso della famiglia che ti accoglie). Quindi la stratgia ebrea dova ha coinciso con il non integrarsi ha coinciso con una scelta infelice (vedi pogrom e olocausto).

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum