Manuale del perfetto troll

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Sab 26 Ott - 16:12



  • Appellatevi alla libertà di parola
Il che vuol dire insinuare nella persona che state trollando (e nei suoi lettori) il dubbio di essere stati privati del vostro diritto di esprimere opinioni. La strategia è sottile. Innanzitutto non dovete adoperare parolacce, minacce o insulti, altrimenti il vostro ban immediato sarebbe sacrosanto. Commentate dunque con saccenza e con sarcasmo, ostendando però un velo di (falsa) educazione che vi potrebbe mettere al riparo da una scacciata da parte della vostra vittima. Se siete bravi con le parole, il giochetto può andare avanti a lungo, a meno che la vittima non sia particolarmente democratica (io, per esempio, sono assolutamente dittatoriale).
Dannosità dell’attacco: 7/10


  • Fate battute a casaccio
Ci sono poche cose più irritanti che non ricevere commenti ironici o sarcastici ai vostri post più lunghi e documentati. Perfino un semplice smile è in grado di far saltare i nervi al blogger, se ricevuto al momento e al posto sbagliato. La strategia è questa: utilizzate stupidi giochi di parole per inventarvi battute idiote, da piazzare nei post più sentiti. Di solito è semplice intuire quali sono. Non utilizzate troppo frequentemente questa tattica, bensì solo nei momenti più importanti, saltando fuori come Vietcong dalla boscaglia.
Vi farete odiare, ve lo assicuro.
Dannosità dell’attacco: 6/10


  • Lasciate un commento lunghissimo
Prendete di mira un post da cui dissentite con l’autore, quindi premuratevi di lasciare un commento lunghissimo, farcito di ironia e di ammiccamenti falso-buonisti, in cui smontate per benino tutto ciò che la vostra vittima ha scritto. Fornite dati inventati di sana pianta, giusto per minare la fiducia degli altri lettori che intervengono nella discussione, siate ficcanti, ma non apertamente offensivi. Soprattutto siate prolissimi, divagando a casaccio, pur di allungare il brodo. Non è la sostanza, bensì la quantità del commento a dover irritare. Immaginatevi nei panni di Puffo Quattrocchi, vera icona di questo filone di trolling. Certo, non è una tattica semplice e veloce, ma è ammorbante come poche altre.
Dannosità dell’attacco: 8/10


  • Fate i moralisti
Tecnica d’attacco più brutale delle precedenti, ma molto efficace. Prendete un post frivolo scritto dalla vostra vittima, magari uno dove si parla di gadget elettronici, di moda, di fumetti, e saltatevene fuori con la frase moralista per antonomasia: “Con tutti i problemi che ci sono al mondo tu perdi tempo a parlare di queste cose?” Se poi si parla di donne, di sesso, di erotismo, buttatela sul femminismo ruspante, oppure sul fanatismo religioso, spargete ovvietà e demagogia, urtate i nervi della vostra vittima cercando di farla passare per uno scansafatiche viziato. Di solito interventi del genere sono in grado di scatenare tutti i lettori fedeli alla vostra vittima, causando irritazioni e mal di pancia assortiti.
Dannosità dell’attacco: 7/10


  • Spargete sfiducia
Ottima strategia d’attacco per tutti quei post riguardanti progetti, iniziative o sogni da realizzare. La trollata si innesca col classico “Bella idea ma secondo me non funzionerà!” Aggiungete magari “In Italia“, la classica ciliegina sulla torta di tutti i lagnosi. In più, cercate di avere buona memoria. Se la vostra vittima ne ha già parlato in passato, ribaditegli: “Ne avevi già scritto qualche mese fa. Com’è che da allora non hai combinato nulla?” Ovviamente della risposta non ve ne frega nulla, vi basta la certezza di aver causato un moto di sfiducia e rancore nel vostro bersaglio.
Dannosità dell’attacco: 8/10


  • Ostentate saccenza su argomenti che non conoscete
L’arma definitiva di tutti i troll di successo: pretendete di avere ragione su tematiche di cui la vittima è evidentemente più informata e preparata rispetto a voi. Se il poveraccio parla della Seconda Guerra Mondiale, che magari ha studiato per anni, intervenite più e più volte con osservazioni sbagliate, ma spacciate per vere. Mettete in dubbio la sua autorevolezza agli occhi dei lettori. Sostenete tesi antitetiche, cercando di farle passare per buone. Ostentate una cultura che non avete, studi che non avete mai fatto. Ci sono blogger libreschi che con questa tattica si sono costruiti una carriera (prima di beccarsi delle denunce che hanno stroncato i loro slanci creativi).
Dannosità dell’attacco: 9/10
Chiudo con una precisazione: secondo me i troll sono tutti dei gran coglioni. Quindi, se volete essere dei coglioni anche voi, applicate questo manuale alla lettera. Viceversa, fate come le persone normali: crescete.
Leggi ancheDi troll e parassiti da forum.
 troll


Inside the mind of the serial troll.
Nell’aria c’è, voglia di trollare ♫
Non certo da adesso, bensì più o meno da quando esiste il Web. Con l’affermarsi dei social network c’è stato poi il proliferare dei troll, che si sono riprodotti come conigli, uscendo da ogni buco per infastidire blogger, vlogger, giornalisti, celebrità e chi più ne ha più ne metta.
Ne abbiamo già parlato mille volte, soprattutto nell’articolo Dieci commentatori che non vorresti sul tuo blog, sempre attualissimo. Una Top 10 che è valida praticamente sempre, un po’ come una maledizione.
Oggi però voglio cambiare punto di vista: ammettiamo che qualcuno di voi stia seriamente pensando di passare dall’altra parte della barricata. Trollare in scioltezza non è facile, mai. Ricorrere a insulti e parolacce vi farà andare incontro a una prematura fine carriera. Il ban è sempre dietro l’angolo. A questo punto occorre escogitare sistemi più subdoli e pratici per rompere la palle al prossimo. Qualcosa che vi lasci margine di agire, almeno per qualche tempo, prima di essere nuclearizzati dal blog/forum in questione.
Visto che son tutte cose che ho provato sulla mia pelle (sigh), voglio condividerle con voi.


I metodi del trolling perfetto




Chiudo con una precisazione: secondo me i troll sono tutti dei gran coglioni. Quindi, se volete essere dei coglioni anche voi, applicate questo manuale alla lettera. Viceversa, fate come le persone normali: crescete.
Leggi ancheDi troll e parassiti da forum.
avatar
Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1983
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Sab 26 Ott - 16:21

Troll: Simpatici personaggi che, alcuni consapevolmente, alcuni no, vengono a seminare zizzania nelle discussioni e nella pacifica vita della comunità. Considerato che la mia tesina di maturità l’ho fatta proprio sui meccanismi delle community online, avendo frequentato una scuola incentrata sulle scienze sociali, vorrei esporre qui alcune considerazioni che ho dovuto tacere al colloquio. Del tipo: perché ‘sta gente non se ne va a fanculo?
(Sì, mi rendo conto che è un approccio poco scientifico al problema.)
Ci sono vari tipi di troll, ma con il tempo ci si fa l’abitudine, li si riconosce e li si nuclearizza a tempo di record. Addirittura, in community scafate come la nostra, l’utenza “anziana” è così abituata a stanare i troll che nel giro di tre nanosecondi, quando se ne presenta uno, ha già azzannato alla giugulare il tizio in questione, prima ancora che un membro dello staff veda la discussione. È bello sapere di aver fatto un ottimo lavoro con l’addestramento avere degli utenti così ligi alle regole.
Ah, già. Le regole.
Uno degli argomenti principali portati come vessillo dai troll (ci sono i troll anarchici che hanno come obiettivo rovesciare la dittatura e riportare la democrazia, il tutto in nome della Libertà) è che noi siamo dei Tiranni. Io in realtà sono, a scelta:


Sauron


Darken Rahl


Lord Voldemort


Un qualsiasi dittatore fascista, comunista o nazista
Ora, è vero che il WD ha regolamento lungo. MOLTO lungo, MOLTO rigido e MOLTO preciso.
Ciononostante, c’è gente che riesce a inventare infrazioni nuove non previste dal regolamento (al che io e il mio staff ci guardiamo e commentiamo con un “WTF?!” ). Il che porta a una serie di problemi, del tipo che lo staff interviene, cazzia l’utente e questo insorge con “non è previsto dal regolamento! Il regolamento non lo vieta!”.
Ok, hai ragione, ma non è colpa mia se la tua fantasia criminale supera la mia, eh. E poi il regolamento dice anche che lo staff può agire e prendere provvedimenti contro chicchessia, se lo ritiene opportuno, quindi non frantumare le palle.
Dicevo, c’è chi si iscrive appositamente per sovvertire il sistema, ché l’utenza è schiavizzata e il regolamento è un’inutile limitazione della libertàH. Ma andate a fanculo.
A queste persone non arriva il concetto che il forum non è un servizio pubblico ma un luogo privato, che qualcuno paga e gestisce gratuitamente per qualcun altro.
In sintesi: è casa mia, gente, se non vi sta bene CIAO, quella è la porta.
Di solito, a un discorso del genere si incazzano di più e si appellano alla libertà di parola e alla democrazia. Peccato che da nessuna parte ci sia scritto che vige un regime democratico, sul forum: decido io, punto. Se non ti va bene apriti un forum, cercatene un altro, datti alla raccolta di francobolli. In ogni caso, non scartavetrare i coglioni a me.
C’è poi un altro atteggiamento, odioso, fastidioso, che mi fa prudere le mani. Ne parla un commentatore sul blog di Alessandro:
E hai dimenticato quelli che vogliono darti consigli perché loro sanno meglio di te ciò che tu stai facendo, anche se loro non lo fanno e mai l’hanno fatto.
Oh, ma lo dicono per te, sia chiaro, poi fai come vuoi.
Ahhhh, che goduria. I simpatici geni con la verità in tasca e le soluzioni in mano. Quelli che arrivano, ti espongono le loro “critiche” e quando declini gentilmente – perché hai già preso in considerazione la cosa, perché sai che è una vaccata colossale, per qualsiasi motivo possibile e immaginabile – SI INCAZZANO, perché tu non tieni in considerazione le proposte dell’utenza, perché loro lo fanno per te, perché “avrei tanto voluto dare un contributo a un forum che mi sembrava ottimo, in cui mi sono trovata bene fin da subito. Perchè ci sono alcuni aspetti negativi e incomprensibili, e ho tentato con tutte le mie forze di aprire un varco perchè, nel dirli, mi venisse risposto almeno “ah, non l’avevo notata questa cosa” piuttosto che “ma che cazzo vuoi noi sappiamo perfettamente cosa facciamo e sappiamo perfettamente di fare giusto”.” (parole testuali dell’ultima troll che ho cacciato a calci).
Peccato che, nel caso in questione, giusto per esemplificare, tutte le critiche e osservazioni che erano state mosse erano o già state prese in considerazione o già considerate delle cazzate. E la cosa era stata spiegata.


E no, non è che sarò lì a gongolare per il tuo fallimento: io manco me ne accorgerò, perché – al contrario di te – sarò impegnata a farmi i cazzi miei.
L’ho già detto che ‘sta gente non dovrebbe scartavetrarmi le balle?
avatar
Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1983
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Sab 26 Ott - 17:44

Ma questo Girola è un genio!


Gestire un blog è divertente, costruttivo e utile, ma attira anche attenzioni indesiderate.
Quante volte ne abbiamo parlato? Mai abbastanza, a mio parere.
Non di soli troll vive il blogger. Ci sono anche i rompiscatole, gli spammers, gli scocciatori involontari, i fraintenditori per professione, i precisini, gli stalker etc etc.
Di troll veri e propri ne ha parlato bene Germano, qui. Leggete l’articolo, fatevi una cultura. Ne vale la pena. Io mi propongo di ampliare la categoria, spaziando nell’altra umanità che popola questo bel mondo telematico. I troll li cito solo in un paio di punti secondari. Magari un giorno ci torneremo ma non ora. Questa settimana ho deciso di sfogarmi e di replicare ai tanti attacchi e insulti raccolti negli ultimi mesi. Qualcuno mi ha detto che rispondere agli incivili è tempo sprecato, ma i due post a tema (questo e – in parte – quello di mercoledì) mi sono serviti come utile valvola di sfogo.
Eppure il decalogo di oggi vuole essere soprattutto un modo per sdrammatizzare, tenetelo bene a mente. Anche perché, gira e rigira, magari noi stessi rientriamo spesso e volentieri in questi cliché, e nemmeno ce ne accorgiamo.
Riderci su, come sempre, è l’unico antidoto che funziona.
DIECI COMMENTATORI CHE NON VORRESTI SUL TUO BLOG
- Classifica semiseria del blogger stressato -

  1. Il venditore:  ”Ciao! Sono un tuo fedelissimo lettore da anni!***seguono complimenti a random*** Senti, visto che oramai conosco i tuoi gusti, potrebbe forse interessarti il mio libro/film/fumetto. Di solito lo vendo a 30 euro, ma a te posso fare un prezzo vantaggioso. Se poi magari riesci a parlare bene, mi faresti un favore!
  2. Il poeta quasi estinto: “Ma come fai ad avere così tanti contatti? Perché i tuoi articoli vengono commentati e i miei no? Lo so di essere un depresso, di parlare di argomenti che interessano al massimo a 15 persone nell’intero Sistema Solare, eppure non capisco  perché il tuo blog piace e il mio no!” PS: Probabilmente non si accorgono nemmeno dell’insulto sottointeso…
  3. Il complottista: “Ecco! Hai fatto il solito complimento gratuito a uno degli amici della Cricca! Siete tutti uguali, buoni a fare le prediche ma poi vi leccate il culo a vicenda!” Perché, sappiatelo, stimare una persona e parlarne bene è un reato gravissimo!
  4. L’infiltrato di basso livello: “Ciao, bello questo tuo post sugli zombie! Non c’entra granché, ma volevo segnalarti questo mio concorso di poesia dialettale, con iscrizione a solo 10 euro. Nella giuria ci sarà anche il famoso scrittore Teobaldo Scrotosanto, assoluta garanzia di serietà.” Sì, certo.
  5. Il distratto: Di solito si fa vivo alla fine di un lunghissimo post di cui ha letto si è no dieci parole. Esempio banale: pubblico una recensione dettagliata de Il Signore degli Anelli. Il distratto può comparire così: “Bello questo post sul fantasy. Fossi in te io parlerei in particolare del Signore degli Anelli“.
  6. Il comico: Pronto a ironizzare su qualunque cosa, sbagliando tempi e modi. E’ quello che dopo un lungo post commemorativo su Marthin Luther King può saltare fuori con un sagace commento del tipo “Sai come lo chiamavano in Africa? King Kong“.
  7. Il fan: “Sei un mito, sei bravissimo, sei il mio idolo. Tutti gli altri sono stronzi!“. All’inizio può anche far piacere, poi inquieta man mano sempre più. Soprattutto quando apre a sua volta un blog e emula stile, post, perfino espressioni tipiche del suo oggetto di venerazione.
  8. L’infiltrato di alto livello: “Bello questo tuo post. Mi piace il coraggio con cui ti schieri contro l’editore Tal dei Tali“. Nemmeno il tempo di inviare questo commento e l’infiltrato manda una mail a Tal dei Tali per avvertirlo che qualche imbecille parla male di lui. Se viene sgamato si trincerà dietro al classico “l’ho fatto per onestà“.
  9. Il bidello. Lui preferisce farsi chiamare con un nome altisonante, tipo Custode. E’ il tizio che lurka per mesi e salta fuori per attaccare in stile Pearl Harbor. Individua quella mezza giornata in cui non potete moderare i commenti e vi riversa addosso accuse, sarcasmo e – ovviamente – la sua infinità sagacia. Nel mentre parla male di voi in mezza blogosfera e fa uno sfoggio di nozioni scopiazzate da altri blogger (sense of wonder, show don’t tell, etc etc).
  10. Sheldon Cooper. E’ quello che se citate un prodotto elettronico di qualunque tipo si fa vivo per dirvi che, no, c’è il modello XDF878 che è migliore perché costa 0.30 centesimi in meno. E’ quello che vi dice che il trattino va usato lungo e non corto. E’ quello che conosce a memoria i titoli di tutti i libri steampunk dal 1890 a oggi. E’ quello che sa tradurre in Klingon le rune elfiche di Tolkien. E se tu sbagli a citare qualcosa, son cazzi amari.

  • Menzione speciale perL’ex blogger: Quello che torna di tanto in tanto per dirvi che lui “quelle cose lì” non le fa più e vive meglio. Ora si occupa di giardinaggio, elettrotecnica, origami, musica tibetana, ingegneria nucleare. Eh, sì: tutto – a suo dire – è meglio piuttosto che non star lì a perdere il tempo coi blog. Gli si potrebbe però chiedere perché sente il bisogno di ribadire a intervalli regolari questa sua incredibile svolta di vita. Ma lui non scrive più, quindi probabilmente sarebbe una domanda destinata a rimanere per sempre senza risposta.
avatar
Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1983
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da loonar il Sab 26 Ott - 22:19

Il Distruttore Hara ha scritto:


  • Appellatevi alla libertà di parola
Il che vuol dire insinuare nella persona che state trollando (e nei suoi lettori) il dubbio di essere stati privati del vostro diritto di esprimere opinioni. La strategia è sottile. Innanzitutto non dovete adoperare parolacce, minacce o insulti, altrimenti il vostro ban immediato sarebbe sacrosanto. Commentate dunque con saccenza e con sarcasmo, ostendando però un velo di (falsa) educazione che vi potrebbe mettere al riparo da una scacciata da parte della vostra vittima. Se siete bravi con le parole, il giochetto può andare avanti a lungo, a meno che la vittima non sia particolarmente democratica (io, per esempio, sono assolutamente dittatoriale).
Dannosità dell’attacco: 7/10


  • Fate battute a casaccio
Ci sono poche cose più irritanti che non ricevere commenti ironici o sarcastici ai vostri post più lunghi e documentati. Perfino un semplice smile è in grado di far saltare i nervi al blogger, se ricevuto al momento e al posto sbagliato. La strategia è questa: utilizzate stupidi giochi di parole per inventarvi battute idiote, da piazzare nei post più sentiti. Di solito è semplice intuire quali sono. Non utilizzate troppo frequentemente questa tattica, bensì solo nei momenti più importanti, saltando fuori come Vietcong dalla boscaglia.
Vi farete odiare, ve lo assicuro.
Dannosità dell’attacco: 6/10


  • Lasciate un commento lunghissimo
Prendete di mira un post da cui dissentite con l’autore, quindi premuratevi di lasciare un commento lunghissimo, farcito di ironia e di ammiccamenti falso-buonisti, in cui smontate per benino tutto ciò che la vostra vittima ha scritto. Fornite dati inventati di sana pianta, giusto per minare la fiducia degli altri lettori che intervengono nella discussione, siate ficcanti, ma non apertamente offensivi. Soprattutto siate prolissimi, divagando a casaccio, pur di allungare il brodo. Non è la sostanza, bensì la quantità del commento a dover irritare. Immaginatevi nei panni di Puffo Quattrocchi, vera icona di questo filone di trolling. Certo, non è una tattica semplice e veloce, ma è ammorbante come poche altre.
Dannosità dell’attacco: 8/10


  • Fate i moralisti
Tecnica d’attacco più brutale delle precedenti, ma molto efficace. Prendete un post frivolo scritto dalla vostra vittima, magari uno dove si parla di gadget elettronici, di moda, di fumetti, e saltatevene fuori con la frase moralista per antonomasia: “Con tutti i problemi che ci sono al mondo tu perdi tempo a parlare di queste cose?” Se poi si parla di donne, di sesso, di erotismo, buttatela sul femminismo ruspante, oppure sul fanatismo religioso, spargete ovvietà e demagogia, urtate i nervi della vostra vittima cercando di farla passare per uno scansafatiche viziato. Di solito interventi del genere sono in grado di scatenare tutti i lettori fedeli alla vostra vittima, causando irritazioni e mal di pancia assortiti.
Dannosità dell’attacco: 7/10


  • Spargete sfiducia
Ottima strategia d’attacco per tutti quei post riguardanti progetti, iniziative o sogni da realizzare. La trollata si innesca col classico “Bella idea ma secondo me non funzionerà!” Aggiungete magari “In Italia“, la classica ciliegina sulla torta di tutti i lagnosi. In più, cercate di avere buona memoria. Se la vostra vittima ne ha già parlato in passato, ribaditegli: “Ne avevi già scritto qualche mese fa. Com’è che da allora non hai combinato nulla?” Ovviamente della risposta non ve ne frega nulla, vi basta la certezza di aver causato un moto di sfiducia e rancore nel vostro bersaglio.
Dannosità dell’attacco: 8/10


  • Ostentate saccenza su argomenti che non conoscete
L’arma definitiva di tutti i troll di successo: pretendete di avere ragione su tematiche di cui la vittima è evidentemente più informata e preparata rispetto a voi. Se il poveraccio parla della Seconda Guerra Mondiale, che magari ha studiato per anni, intervenite più e più volte con osservazioni sbagliate, ma spacciate per vere. Mettete in dubbio la sua autorevolezza agli occhi dei lettori. Sostenete tesi antitetiche, cercando di farle passare per buone. Ostentate una cultura che non avete, studi che non avete mai fatto. Ci sono blogger libreschi che con questa tattica si sono costruiti una carriera (prima di beccarsi delle denunce che hanno stroncato i loro slanci creativi).
Dannosità dell’attacco: 9/10
Chiudo con una precisazione: secondo me i troll sono tutti dei gran coglioni. Quindi, se volete essere dei coglioni anche voi, applicate questo manuale alla lettera. Viceversa, fate come le persone normali: crescete.
Hara questo andava in area presentazioni, quando sei entrato nel forum!
moon

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Griiper McCloubit il Dom 27 Ott - 4:46

loonar ha scritto:
Il Distruttore Hara ha scritto:[...]
Hara questo andava in area presentazioni, quando sei entrato nel forum!
moon
ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah 
avatar
Griiper McCloubit
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 977
Età : 55
Occupazione/Hobby : in viaggio nello spazio-tempo
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 14.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da vnd il Dom 27 Ott - 6:25

Il Distruttore Hara ha scritto:
1. Con l’affermarsi dei social network c’è stato poi il proliferare dei troll, che si sono riprodotti come conigli, uscendo da ogni buco per infastidire blogger, vlogger, giornalisti, celebrità e chi più ne ha più ne metta.
2.
Chiudo con una precisazione: secondo me i troll sono tutti dei gran coglioni. Quindi, se volete essere dei coglioni anche voi, applicate questo manuale alla lettera. Viceversa, fate come le persone normali: crescete.
1. E' anche vero che quando la gente non sa che cosa dire  ti accusa di essere un troll... (Corollario: e se l'interlocutrice è una femminista può arrivare persino a definirti maschilista, misogino, aggressore o molestatore e addirittura a minacciarti di querela per il solo fatto che non sei d'accordo con lei...).
2. Secondo me no. Mentre è vero che il Troll bisogna saperlo fare.
Certo, fingersi ex ebreo ma non conoscere a fondo la cultura ebraica non aiuta. Tuttavia, il web va anche usato, s'era detto, per cazzeggiare.
E in fondo le idee migliori resistono a qualsiasi attacco dei troll, mentre quelle che si basano sul nulla, crollano. E basta un troll a farle crollare.
Così ci si ripara dietro la falsa accusa di troll, l'insulto, il dileggio, la censura e, nel caso delle femministe, come si diceva, la querela.
Alcune persone sembrano avere davvero paura della libertà d'espressione.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da mix il Dom 27 Ott - 12:42

che i troll siano dei gran coglioni è una banalità, serve dirlo?
chè, non vediamo benissimo da soli la loro totale inutilità?
hanno mai cambiato di qualcosa gli ambiti che inquinano?
dopo poco che se ne sono andati non resta nessuna memoria del loro passaggio.
come se non fossero mai esistiti.
un piccolo fastidio totalmente temporaneo.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Dom 27 Ott - 13:06

Mi pare che abbia trascurato altre due tipologie...


Il troll che non sa di essere un troll
Quello che è solo in cerca di conferme e di attenzioni da parte di figure paterne, che sopporta ogni offesa con spirito masochistico del tipo “basta che si parli di me”.
Quello che apre in utilissime discussioni e quando vede che vengono ignorate si risponde da solo. Con lo stesso account o inscenando ridicoli discussioni con se stesso.
Infine il tipo:
La voce nel deserto “Pentitevi!”
La presentazione è di questo genere:
“Premetto che credo che Gesù sia il Cristo, il Figlio del Dio vivente.”
Poi fa interventi quotando tutti i precedenti post, sfinendo la rotella del mouse e pure le palle.
Per finire (forse) con tali amenità:
“Con l’avvento di Gesù la salvezza passa solo attraverso di lui. Non ci sono altri mezzi per cui possiamo essere salvati. Chi non onora Gesù non onora Dio.
A noi è stato affidato un dovere che è quello di annunciare Gesù a chi non lo conosce. Poi a voi spettano le scelte. 
Noi non costringiamo nessuno. Dalla vostra scelta dipende il vostro futuro.”


Commenti?
avatar
Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1983
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da jessica il Dom 27 Ott - 13:24

vnd ha scritto:Corollario: e se l'interlocutrice è una femminista può arrivare persino a definirti maschilista, misogino, aggressore o molestatore e addirittura a minacciarti di querela per il solo fatto che non sei d'accordo con lei...
quoto.. 
che non sia mai che qualcuno si permetta solo di pensare queste cose di te!
hihihihih hihihihih hihihihih hihihihih hihihihih 
avatar
jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6698
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Dom 27 Ott - 13:59

Dimenticavo la pacata risposta dell'amministratore alla "voce che grida  nel deserto"

ABBRACCIATI AL CESSO E CANTA "NON SON DEGNO DI TE"

Ci ho riso per una settimana
avatar
Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1983
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da vnd il Dom 27 Ott - 16:28

mix ha scritto:che i troll siano dei gran coglioni è una banalità, serve dirlo?
chè, non vediamo benissimo da soli la loro totale inutilità?
hanno mai cambiato di qualcosa gli ambiti che inquinano?
dopo poco che se ne sono andati non resta nessuna memoria del loro passaggio.
come se non fossero mai esistiti.
un piccolo fastidio totalmente temporaneo.
Non resta memoria di nessuno.
Non ne resterà nemmeno di te.
E a te, come agli altri, non fregherà una sega.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da loonar il Dom 27 Ott - 16:32

vnd ha scritto:
mix ha scritto:che i troll siano dei gran coglioni è una banalità, serve dirlo?
chè, non vediamo benissimo da soli la loro totale inutilità?
hanno mai cambiato di qualcosa gli ambiti che inquinano?
dopo poco che se ne sono andati non resta nessuna memoria del loro passaggio.
come se non fossero mai esistiti.
un piccolo fastidio totalmente temporaneo.
Non resta memoria di nessuno.
Non ne resterà nemmeno di te.
E a te, come agli altri, non fregherà una sega.
ti sei spinto un po' troppo in là
si ragionava nell'ordine dei giorni, massimo settimane.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da vnd il Dom 27 Ott - 16:33

jessica ha scritto:
vnd ha scritto:Corollario: e se l'interlocutrice è una femminista può arrivare persino a definirti maschilista, misogino, aggressore o molestatore e addirittura a minacciarti di querela per il solo fatto che non sei d'accordo con lei...
quoto.. 
che non sia mai che qualcuno si permetta solo di pensare queste cose di te!
hihihihih hihihihih hihihihih hihihihih hihihihih 
Vabbè... tu:
-  rispondi a vanvera;
-  non riesci a dimostrare che una donna guadagni meno di un uomo, nello stato e a parità d'anzianità, ruolo, livello e straordinari;
- propini come oro colato i tentativi di convincere che la merda è commestibile da parte di strapagate impiegate dell'ONU,

ma sei simpatica e quando rompi i coglioni lo fai con un minimo di stile.
Quindi ti si perdona quasi tutto.
Meno che darmi del maschilista.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da vnd il Dom 27 Ott - 16:35

loonar ha scritto:
vnd ha scritto:
mix ha scritto:che i troll siano dei gran coglioni è una banalità, serve dirlo?
chè, non vediamo benissimo da soli la loro totale inutilità?
hanno mai cambiato di qualcosa gli ambiti che inquinano?
dopo poco che se ne sono andati non resta nessuna memoria del loro passaggio.
come se non fossero mai esistiti.
un piccolo fastidio totalmente temporaneo.
Non resta memoria di nessuno.
Non ne resterà nemmeno di te.
E a te, come agli altri, non fregherà una sega.
ti sei spinto un po' troppo in là
si ragionava nell'ordine dei giorni, massimo settimane.
Prova a mancare dal forum per una settimana.
Scommettiamo che nessuno si strapperà i capelli per questa tu assenza?
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da vnd il Dom 27 Ott - 16:39

Il Distruttore Hara ha scritto:Mi pare che abbia trascurato altre due tipologie...


Il troll che non sa di essere un troll
Quello che è solo in cerca di conferme e di attenzioni da parte di figure paterne, che sopporta ogni offesa con spirito masochistico del tipo “basta che si parli di me”.
Quello che apre in utilissime discussioni e quando vede che vengono ignorate si risponde da solo. Con lo stesso account o inscenando ridicoli discussioni con se stesso.
Infine il tipo:
La voce nel deserto “Pentitevi!”
La presentazione è di questo genere:
“Premetto che credo che Gesù sia il Cristo, il Figlio del Dio vivente.”
Poi fa interventi quotando tutti i precedenti post, sfinendo la rotella del mouse e pure le palle.
Per finire (forse) con tali amenità:
“Con l’avvento di Gesù la salvezza passa solo attraverso di lui. Non ci sono altri mezzi per cui possiamo essere salvati. Chi non onora Gesù non onora Dio.
A noi è stato affidato un dovere che è quello di annunciare Gesù a chi non lo conosce. Poi a voi spettano le scelte. 
Noi non costringiamo nessuno. Dalla vostra scelta dipende il vostro futuro.”


Commenti?
Beh... poi c'è il troll che sa di essere troll.
Il troll che vorrebbe essere troll....

Voce Nel Deserto potrei essere io ma è l'associazione di idee che ne fai ad essere scorretta.

Comunque sia, non fraintendermi... Nulla di personale.
Mi sei simpatico così come sei.

Il fatto è che un ebreo, ancorché ateo, che parla di Gesù in termini così asettici mi destabilizza.
Eri dei Jews for Jesus?
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da loonar il Dom 27 Ott - 16:42

vnd ha scritto:
loonar ha scritto:
vnd ha scritto:
mix ha scritto:che i troll siano dei gran coglioni è una banalità, serve dirlo?
chè, non vediamo benissimo da soli la loro totale inutilità?
hanno mai cambiato di qualcosa gli ambiti che inquinano?
dopo poco che se ne sono andati non resta nessuna memoria del loro passaggio.
come se non fossero mai esistiti.
un piccolo fastidio totalmente temporaneo.
Non resta memoria di nessuno.
Non ne resterà nemmeno di te.
E a te, come agli altri, non fregherà una sega.
ti sei spinto un po' troppo in là
si ragionava nell'ordine dei giorni, massimo settimane.
Prova a mancare dal forum per una settimana.
Scommettiamo che nessuno si strapperà i capelli per questa tu assenza?
che c'entra, tu sembrava stessi parlando dell'entropia dell'universo.
e poi io alcuni li conosco anche fuori dal forum
e se vogliono mi cercano
non che io sia importante per loro
non che io stia qua sul forum per raccogliere consensi e cercare amicizia
ma si creano forti complicità e quando son mancato alcuni mi hanno cercato altrove
(sullo stato dei loro capelli non mi sono informato, ad essere sincero)

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da vnd il Dom 27 Ott - 16:51

loonar ha scritto:
vnd ha scritto:
loonar ha scritto:
vnd ha scritto:
mix ha scritto:che i troll siano dei gran coglioni è una banalità, serve dirlo?
chè, non vediamo benissimo da soli la loro totale inutilità?
hanno mai cambiato di qualcosa gli ambiti che inquinano?
dopo poco che se ne sono andati non resta nessuna memoria del loro passaggio.
come se non fossero mai esistiti.
un piccolo fastidio totalmente temporaneo.
Non resta memoria di nessuno.
Non ne resterà nemmeno di te.
E a te, come agli altri, non fregherà una sega.
ti sei spinto un po' troppo in là
si ragionava nell'ordine dei giorni, massimo settimane.
Prova a mancare dal forum per una settimana.
Scommettiamo che nessuno si strapperà i capelli per questa tu assenza?
non che io stia qua sul forum per raccogliere consensi e cercare amicizia

Ecco... questo è un'atteggiamento sul quale non posso che concordare.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Lyallii il Dom 27 Ott - 16:59

non si capisce ancora il perché però uno dovrebbe stare a chiaccherare in un forum di merda, pieno di utenti insulsi che non scrivono nient'altro che stronzate, dopo aver promesso per altro di non tornare mai più...



avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Fux89 il Dom 27 Ott - 17:03

Lyallii ha scritto:non si capisce ancora il perché però uno dovrebbe stare a chiaccherare in un forum di merda, pieno di utenti insulsi che non scrivono nient'altro che stronzate, dopo aver promesso per altro di non tornare mai più...
Anche perché, a differenza che per altre persone (diversamente da quanto sostiene vnd), nessuno si strapperebbe i capelli per la sua assenza. moon mgreen

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Lyallii il Dom 27 Ott - 17:05

Io si, lo ammetto.
Potrei anche piangere ahahahahahah hysterical hysterical 

avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Fux89 il Dom 27 Ott - 17:07

Lyallii ha scritto:Io si, lo ammetto.
Potrei anche piangere ahahahahahah hysterical hysterical 

diffidente Guarda che sono geloso! diffidente

carneval 

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da vnd il Dom 27 Ott - 17:10

Lyallii ha scritto:non si capisce ancora il perché però uno dovrebbe stare a chiaccherare in un forum di merda, pieno di utenti insulsi che non scrivono nient'altro che stronzate, dopo aver promesso per altro di non tornare mai più...



Non sei il mio tipo.
Sciò... sciò...
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Lyallii il Dom 27 Ott - 17:20

Fux Devi esserlo!
Le opinioni di alcuni... Così intelligenti..
I pensieri, espressi in modo direi... Sublime...
Insomma...
Toccano davvero l anima e poi quando improvvisamente, per giorni e mesi non vedi piu la fonte di quei pensieri meravigliosi espressi in modo superbo, quel nick che quasi quasi ti fa battere il cuore e sospirare...
Ti viene da piangere e pensi...
Nooooooo
Se n'è andato davvero....
Come farò ora a sopravvivere!!!
Tutto perde senso...
Ma poi!
Se come gesù, come un araba fenice risorge dalle ceneri e torna, grandioso, a riempire di nuovo tutto il forum di grandezza e... E... Insomma di qualcosa di bello, son a corto di aggettivi belli, mi son appena alzata...
Ah dicevo!
E torna... Favoloso come... Come...
Vabbè favoloso, e ... torna favoloso, ti si riempie il cuore!
Leggi le sue idee e ti viene improvvisamente da rider... Ehm no no! Ti viene da... Da.... Da applaudire! Si! Da applaudire!
Lui è di nuovo qui! Alleluia alleluia!!!
E anche se in cuor tuo lo sapevi che sarebbe tornato ( cioè... Insomma... Non che si sapeva ovviamente! Figurarsi... Ma ci si sperava) sei felice che la previsione si sia avverata perche, finalmente, potrai dormire tranquilla!


Ultima modifica di Lyallii il Dom 27 Ott - 17:22, modificato 1 volta
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Il Distruttore Hara il Dom 27 Ott - 17:21

Di nuovo, pacatamente

ABBRACCIATI AL CESSO E CANTA "NON SON DEGNO DI TE"

che ogni volta che mi sento un po' giù me lo rileggo...
avatar
Il Distruttore Hara
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1070
Età : 1983
Località : Lolliland
Occupazione/Hobby : Anche no
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.13

http://olasognodishakti.blogfree.net/  http://consulenzaebraica.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manuale del perfetto troll

Messaggio Da Lyallii il Dom 27 Ott - 17:24

Con chi ce l hai distruttore :) ?
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum