quale alternativa alle religioni?

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Rasputin il Sab 28 Dic - 10:22

mix ha scritto:
Discussione che vado, Rasputin inconsistente che trovo.
Hai un ritorno di fiamma per me? Cos'è questo iperattivismo?
Come sempre non ce n'è per te. NON mi piaci, NON sei il mio tipo.
Il mio tipo sono solo donne, tra l'altro. Ho questo limite.    saluto... 

Ehm, secondo me l'inconsistenza sta nel dare per scontato il bisogno atavico di spiritualità (Che io ad esempio non ho) senza alcun riferimento a supporto.

Almeno Diva ha scritto "Secondo me"

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50060
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da mix il Sab 28 Dic - 11:35

Infatti  tutto quello che mancava era il *secondo me* nel tuo post ed invece ben presente in quello a cui tu rispondevi.
Nient'altro.
Ora che c'è l'hai messo tutto rientra nella normalità.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Rasputin il Sab 28 Dic - 11:46

mix ha scritto:Infatti  tutto quello che mancava era il *secondo me* nel tuo post ed invece ben presente in quello a cui tu rispondevi.
Nient'altro.
Ora che c'è l'hai messo tutto rientra nella normalità.

A me pare che chi dava per scontato il bisogno atavico di spiritualità eri tu...atendo riferimenti a supporto  Royales 

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50060
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da mix il Sab 28 Dic - 11:57

Rasputin ha scritto:
mix ha scritto:Infatti  tutto quello che mancava era il *secondo me* nel tuo post ed invece ben presente in quello a cui tu rispondevi.
Nient'altro.
Ora che c'è l'hai messo tutto rientra nella normalità.

A me pare che chi dava per scontato il bisogno atavico di spiritualità eri tu...atendo riferimenti a supporto  Royales 
Hai ipotizzato male. D I P E N D E da persona a persona, dal contesto sociale, dalle circostanze particolari. Può esserci, secondo me, una predisposizione innata che si evidenzia oppure NO. Nulla di predefinito, ne in un senso nè in quello opposto. Perciò entrambe le posizioni sono parziali, si adattano solo ad una parte dell'insieme, per come la vedo io.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da silvio il Sab 28 Dic - 12:01

La spiritualità è una parola che vuole dire tante cose, comunque dato che ognuno è libero, se non rompe al prossimo, di coltivare la ricerca che vuole, i sentimenti che evoca, le parole di Diva le capisco.
Sul bisogno atavico, c'è da chiedersi perché si siano sviluppate così prepotenti le religioni.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Rasputin il Sab 28 Dic - 12:19

mix ha scritto:
Rasputin ha scritto:
mix ha scritto:Infatti  tutto quello che mancava era il *secondo me* nel tuo post ed invece ben presente in quello a cui tu rispondevi.
Nient'altro.
Ora che c'è l'hai messo tutto rientra nella normalità.

A me pare che chi dava per scontato il bisogno atavico di spiritualità eri tu...atendo riferimenti a supporto  Royales 
Hai ipotizzato male. D I P E N D E da persona a persona, dal contesto sociale, dalle circostanze particolari. Può esserci, secondo me, una predisposizione innata che si evidenzia oppure NO. Nulla di predefinito, ne in un senso nè in quello opposto. Perciò entrambe le posizioni sono parziali, si adattano solo ad una parte dell'insieme, per come la vedo io.

Quanto alla predisposizione innata, esistono studi che tendono ad escluderla. Poi come ben dice Silvio, quando si tratta di fare delle scelte del bisogno di spiritualità - innato o no - rimane ben poco.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50060
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Lyallii il Sab 28 Dic - 12:20

Diva io faccio yoga e durante lo yoga un po' di meditazione, piu che altro mi concentro su me stessa, cerco di trovarmi perche spesso durante la giornata sei portata a fare le cose meccanicamente, pensare velocemente, parlare, guardare ecc e non sei davvero mai rilassato, non respiri sempre nel modo giusto e insomma a volte ne ho bisogno.
Un quarto d ora la sera di solito, mi fa sentire meglio anche fisicamente, mi sento poi molto distesa e tranquilla e anche mentalmente, e molto meno nervosa quando sono nervosa.
Insomma potresti provare, non prego a dio, cerco di ritrovare me stessa, corpo e mente che spesso si perde nel caos della quotidianità.

Oh penso che ci sia un modo migliore di spiegarlo ma spero di aver reso l idea :)
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Paolo il Sab 28 Dic - 12:23

Lya ma tutto questo che cosa ha a che fare con la spiritualità?
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8694
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Lyallii il Sab 28 Dic - 12:35

Beh a parte che spiritualità secondo me vuol dire mille cose e niente.
Per me spirito, anima ecc non voglion dire niente.
Ma a volte si ha come il bisogno di ritrovarsi con se stessi, e forse questo viene scambiato con il bisogno di spiritualità.
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da massi76 il Sab 28 Dic - 12:43

per me l'unica forma di spiritualità comprensibile è quella chesi trova nella liquorosità e nella superalcolicisticità... una volta ho provato a fare yoga ma stare li fermo mi innervosiva più che litigare con qualcuno... il mio modo di rilassarmi è leggere ... poco spirituale forse ma funzionale...
avatar
massi76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1385
Località : Massa
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 27.09.12

http://massalinux.forumfree.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Ospite il Sab 28 Dic - 12:52

Ma in fondo la spiritualità nasce dal bisogno di trovare pace e tranquillità fisica, biologicamente quindi dovrebbe esserci un rilascio di endorfine legate al benessere, o altri ormoni simili.
Quindi dire che esiste qualche cosa misteriosa tipo energie varie , karma ecc.. mi sembra un'eccessiva definizione per benessere biologico.
E ciò ha portato alla nascita di preghiera, yoga ed altre pratiche in grado di far percepire una "scorciatoia" in grado ricondurci al benessere fisico.





Secondo me.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Masada il Sab 28 Dic - 13:04

Paolo ha scritto:Lya ma tutto questo che cosa ha a che fare con la spiritualità?

dai paolo, dopo mesi di confronti ancora queste domandine provocatorie?
cioè adesso mi dici che associare alla pratica yoga il termine spiritualità è improprio?

ormai dovresti averlo sentito spiegato mille volte che spirituale non è corrispondente a religioso e neppure sinonimo di dio.

non è che per essere ateo devi adesso negare anche il dualismo materia/informazione...
ecco, ciò che è informazione, culturale, percezione di sensazione, autocoscienza, equilibrio, armonia... rapporto mente/corpo o psiche, o chiamalo come vuoi... si chiama col termine spirituale, in italiano.

vuoi proporre di cambiarlo?
avatar
Masada
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1559
Occupazione/Hobby : havanagloria e refusismo
SCALA DI DAWKINS :
36 / 7036 / 70

Data d'iscrizione : 17.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Lyallii il Sab 28 Dic - 13:05

Vabbè lo yoga èuna gran cosa, intanto comunico alla mia famiglia che per 15 beati minuti nessuno deve rompere le palle, già mi sento meglio.
E poi determinate posizioni rilassano davvero, tipo io faccio spesso quella Dell aratro, dopo ho le gambe che sembrano di gelatina, e cerco in quei minuti di non pensare a niente, e ci riesco benissimo perchè penso solo a come mantenere la posizione correttamente all inizio, dopo respiro bene e mi rilasso, quando mi alzo sto proprio bene.
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Lyallii il Sab 28 Dic - 13:07

Masada i love you, come va??
Un bacione :)
avatar
Lyallii
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4703
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.02.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Masada il Sab 28 Dic - 13:12

Lyallii ha scritto:Masada i love you, come va??
Un bacione :)

 eeeeeeek 
non dirlo davanti a tutti!!!  wink.. 

bene!
 bacio 
avatar
Masada
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1559
Occupazione/Hobby : havanagloria e refusismo
SCALA DI DAWKINS :
36 / 7036 / 70

Data d'iscrizione : 17.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Paolo il Sab 28 Dic - 13:19

Masada ha scritto:
Paolo ha scritto:Lya ma tutto questo che cosa ha a che fare con la spiritualità?

dai paolo, dopo mesi di confronti ancora queste domandine provocatorie?
cioè adesso mi dici che associare alla pratica yoga il termine spiritualità è improprio?

ormai dovresti averlo sentito spiegato mille volte che spirituale non è corrispondente a religioso e neppure sinonimo di dio.

non è che per essere ateo devi adesso negare anche il dualismo materia/informazione...
ecco, ciò che è informazione, culturale, percezione di sensazione, autocoscienza, equilibrio, armonia... rapporto mente/corpo o psiche, o chiamalo come vuoi... si chiama col termine spirituale, in italiano.

vuoi proporre di cambiarlo?

Il termine "spirituale" viene normalmente associato a qualcosa si immateriale o comunque di sovrannaturale. Io nello yoga non ci vedo nulla di tutto questo. Era solo questo quello che volevo far notare a Lay e che per altro, anche lei condivide!

Che poi tu voglia associare l'informazione a ciò che è spirituale mi sembra una forzatura.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8694
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da mix il Sab 28 Dic - 16:19

*Immateriale* e *sovrannaturale* sono due cose ben distinte.

Comunque ci sono definizione di *spirituale* che nulla hanno a che vedere con il sovrannaturale, ed altre che possono averci a che fare. Quindi non pare essere per niente obbligatorio.
Se si vuole se ne può prescindere benissimo.
Se per una persona ciò che è spirituale è sovrannaturale non può imporre illecitamente questa convinzione ad altri.

Definizione di *spirituale* dalla Treccani : il significato 2.a è lecitissimo.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da satrebil il Sab 28 Dic - 21:53

Senza Dio la vita ha più senso, perchè complicarla con una religione?
Saluti a tutti!
avatar
satrebil
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 60
Età : 33
Località : Catania
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 26.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da ToninoScalzo il Mar 21 Gen - 15:59

Ciò che distingue l'ateo dall'antidogmatico è soprattutto il concetto di morale. L'ateo come il teista pensa si tratti di una faccenda privata, personale, un tratto distintivo dei diversi pensieri umani.
D'accordo, sulla carta (a parole) l'ateo non imporrebbe la propria, ma siccome più "morali" non possono coesistere all'interno di un qualsiasi branco. Va da sé che in una società religiosa vige una morale imposta dalla religione: 《tu che hai una morale cattiva (non cristana) o l'abbandoni o noi che siamo la maggioranza ti bruciamo in piazza》

Ma anche in una società atea si porrebbe lo stesso problema: 《quello è un guardone, ha una morale cattiva ... ammazziamolo!》
È solo quando capiamo che le nostre idee non sono figlie del libero arbitrio ma del condizionamento socio/economico della zona ... ecco che il dogma "morale" cede il posto alla razionale coscienza.
avatar
ToninoScalzo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 558
Età : 50
Località : Mantova
Occupazione/Hobby : Impiegato
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da primaverino il Mar 21 Gen - 17:14

ToninoScalzo ha scritto:1) Ciò che distingue l'ateo dall'antidogmatico è soprattutto il concetto di morale.
2)L'ateo come il teista pensa si tratti di una faccenda privata,  personale, un tratto distintivo dei diversi pensieri umani.
3) D'accordo, sulla carta (a parole) l'ateo non imporrebbe la propria, ma siccome più "morali"  non possono coesistere all'interno di un qualsiasi branco. Va da sé che in una società religiosa vige una morale imposta dalla religione: 《tu che hai una morale cattiva (non cristana) o l'abbandoni o noi che siamo la maggioranza ti bruciamo in piazza》

4) Ma anche in una società atea si porrebbe lo stesso problema: 《quello è un guardone, ha una morale cattiva ... ammazziamolo!》
5) È solo quando capiamo  che le nostre idee non sono figlie del libero arbitrio ma del condizionamento socio/economico della zona ... ecco che il dogma "morale" cede il posto alla razionale  coscienza.

1) Ovvero ateo e antidogmatico sarebbero antitetici...
Peccato che ti sei definito ateo QUINDI antidogmatico.
E perciò non sei d'accordo nemmeno con te stesso (o con la pletora di personaggi che affollano la tua mente...) Sta a vedere...  no! 
2) L'ateo dal teista si differenzia solo in quanto il primo nega qualsiasi divinità, mentre il secondo no.
3) "L'ateo non imporrebbe la propria" (morale presumo) non significa nulla, dato che il senso di prevaricazione travalica l'aspetto ideologico (che peraltro è altra cosa, ma che te lo dico a fare?...)
4) A parte la consueta farraginosità e cervelloticità del tuo esporre, praticamente contraddici quello che hai detto prima.
Ovvero, come sappiamo (io e quelli che ti hanno conosciuto forumisticamente e personalmente) sei una persona confusa. Tra l'altro (per soprammercato) scrivi veramente "da cani".
5) Sconclusionato come di consueto. Nulla di nuovo Tonino.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da ToninoScalzo il Mer 22 Gen - 6:50

Peccato che per te è confuso wikipedia (quando espone numeri, percentuali chiari a tutti) in relazione alla non religiosità dei giapponesi; peccato che per te è confuso Einstein quando dice:《puoi dire di sapere una cosa solo quando sai che potresti spiegarla anche a tua nonna》...

Diciamo che per te la mente è come un paracadute: deve restare chiusa, per funzionare meglio.



Se io fossi il confuso mentale che tu dichiari, non perdersti certo tempo a cecchinare i miei post, per il solo gusto di offendermi.

No, caro dottor Primaverino, tu sei il classico ultrà: il tuo compaesano jael ti ha spiegato chi è il nemico e tu ... giù offese a più non posso.
avatar
ToninoScalzo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 558
Età : 50
Località : Mantova
Occupazione/Hobby : Impiegato
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Jael il Mer 22 Gen - 12:28

E comincia il delirio paranoide che già hai manifestato altrove...primaverino è un individuo autonomo, non certo un robottino che il cattivone Jael (con la maiuscola) comanda contro il povero Tonino. 

Di confuso io vedo solo concetti espressi in paraitaliano e slegati da consequenzialità logica, il tutto da parte tua. Fai un po' te..,
avatar
Jael
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 98
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da primaverino il Mer 22 Gen - 12:44

ToninoScalzo ha scritto:Peccato che per te è confuso wikipedia (quando espone numeri, percentuali chiari a tutti) in relazione alla non religiosità dei giapponesi;  peccato che per te è confuso Einstein quando dice:《puoi dire di sapere una cosa solo quando sai che potresti spiegarla anche a tua nonna》...

Diciamo che per te la mente è come un paracadute: deve restare chiusa, per funzionare meglio.  



Se io fossi il confuso mentale che tu dichiari, non perdersti certo tempo a cecchinare i miei post, per il solo gusto di offendermi.

No, caro dottor Primaverino,  tu sei il classico ultrà: il tuo compaesano jael ti ha spiegato chi è il nemico  e tu ... giù offese a più non posso.

Fare (a volte) confusione non significa essere mentalmente confusi.
Come al solito, tu, la logica e la lingua italiana correte su piani paralleli.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: quale alternativa alle religioni?

Messaggio Da Cosworth117 il Mer 22 Gen - 12:45

Cerchiamo un pò tutti di darci una calmata.  ok 

_________________
There's always a plane B!
avatar
Cosworth117
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 9090
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

alternativa alle religioni

Messaggio Da Prece il Mer 22 Gen - 15:19

Mi permetto di fare una striminzita sintesi:
le religioni primitive son nate per la paura degli eventi che gli uomini ancora non capivano. Poi venne il paganesimo greco-romano in cui gli dei erano raffigurati alla stregua di super uomini da temere o da "arruffianarsi" alla bisogna; tendenza seguita, ancora oggi (accendere candele votive ecc. per ottenere una grazia). Infine le religioni "moderne" che nascono prevalentemente per vincere la paura della morte: speranzosa credenza nell'aldilà.
L'alternativa è quella di vivere intensamente in pace con sé e con gli altri ed acculturarsi il più possibile per far vivere anche la nostra intelligenza, che è la parte di noi più esigente.
avatar
Prece
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 66
Località : Emilia & Romagna
Occupazione/Hobby : alpinismo
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 17.12.12

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum