La vostra reazione quando siete diventati atei

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da cosmos il Mer 15 Gen - 22:55

Per quanto questo elenco di emozioni appaia ironico, si tratta in realtà di un quesito serio, che nasce dalla curiosità di capire la vostra reazione nel momento in cui dopo anni di riflessioni siete arrivati a pensare che non esiste nessun Dio.
Cosa avete provato dentro di voi in un primo momento?

1-Neutralità: L'ho sempre sospettato... le mie conclusioni le ho date ma sinceramente non mi cambia poi molto da quando ero credente.

2-Scosso: non posso crederci... tutto ciò che mi hanno raccontato, tutto ciò che mi hanno insegnato... era falso! Sono rimasto scioccato!

3-Soddisfazione: bene, son contento di essere arrivato a questa risposta, alla faccia di tutti quelli che non mi davano e non mi danno ragione, ormai son sicuro al 99% che non c'è nessuno lassù!

4-Amarezza: incredibile, molto probabilmente non c'è nessuno! Che peccato... e io che ho sempre creduto vi fosse qualcuno che mi avrebbe accolto dopo la morte, che ha creato tutto e che ci ritiene speciali! Un vero rammarico!

5-Amarezza ma anche speranza: tutte le mie riflessioni mi hanno portato a questo... ma spero vivamente che possa essere clamorosamente smentito, dopo la morte!

Io sono al 4° punto.

Se avete altre opzioni (magari sono le vostre e non mi sono venute a mente) elencatele!

cosmos
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 541
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 26.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Cosworth117 il Mer 15 Gen - 23:07

1, perché non sono mai stato credente consapevole, ma ho sempre avuto dubbi, anche quando seguivo catechismo. Erano storielle, ed ero obbligato ad ascoltarle e leggerle perché ero obbligato. Appena ho avuto un minimo di libertà, fonti di informazioni (internet), appena i miei hanno allentato quel minimo la presa, la pecora è fuggita dal recinto. Il tutto condito con un pò di 3, dato che è comunque una soddisfazione non essersi fatto prendere in giro. Anche un pò di 2, ma sotto l'aspetto della sorpresa... Non scosso, ma lascia sempre un pò increduli come certa gente possa credere a certe cose. Però le stampelle, il desiderio di oltre-tomba, di riabbracciare i propri cari... Sì, non è così incredibile se si capisce come certe credenze hanno orgine, in base a quali desideri. È facile caderci, quasi automatico.

P.S. Ho spostato nella sezione più adatta.  wink..

_________________
There's always a plane B!

Meglio due mani operose, che cento bocche che pregano.

Chi conosce, sceglie. Chi crede di conoscere, crede di scegliere.

Cosworth117
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 9087
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da cosmos il Mer 15 Gen - 23:22

Ti capisco...

Io come detto sono al 4° punto ma se fossi completamente sincero aggiungerei anche i restanti eccetto il 1°

Quando concepii nella mia mente che la realtà poteva essere tutto l'opposto di quello che ci hanno insegnato, sono rimasto scosso, ho avuto come un brivido lungo la schiena, è stato brutto, davvero!

A lungo andare però c'è stata anche un po' di soddisfazione però perché mi sentivo mentalmente più libero, fuori dagli schemi diciamo...

Ma ho sempre provato tanta amarezza per questo.

Pensare a un essere infinitamente superiore e buono che mi avrebbe accolto in paradiso dopo la morte, facendo giustizia su tutto ciò che passo in vita, è psicologicamente molto rassicurante. Un desiderio più che una certezza, che mi ha accompagnato per tutta l'infanzia con grande ingenuità.

cosmos
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 541
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 26.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Cosworth117 il Mer 15 Gen - 23:25

Se esistesse sarebbe un problema... Un Dio bastardo sarebbe da prendere a calci. Guarda cosa ha combinato... Per fortuna non esiste. Altro che rammarico.  mgreen 

_________________
There's always a plane B!

Meglio due mani operose, che cento bocche che pregano.

Chi conosce, sceglie. Chi crede di conoscere, crede di scegliere.

Cosworth117
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 9087
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da cosmos il Mer 15 Gen - 23:28

Cosworth117 ha scritto:Se esistesse sarebbe un problema... Un Dio bastardo sarebbe da prendere a calci. Guarda cosa ha combinato... Per fortuna non esiste. Altro che rammarico.  mgreen 
Questo l'ho capito dopo eheheh

Satana in confronto è un angelo... ma che dico? Era un angelo! Ma si è ribellato per colpa di Dio... o almeno così dicono le scritture.

cosmos
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 541
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 26.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da chef75 il Gio 16 Gen - 0:08

Mai stato credente quindi nessuna reazione

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed ineguagliabile.
Carlo M. Cipolla

E>en

chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7636
Età : 41
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Odis89 il Gio 16 Gen - 10:08

3, suppongo.

Sono stato molto credente, e ho molte volte e molto a lungo ragionato su Dio, sulla religione, più che altro cercando di inquadrare le incongruenze, di conciliare l'esistenza di un Dio benevolo con le sofferenze e con l'idea dell'Inferno, di come alcune religioni venerassero molti dèi ma come questi probabilmente non fossero che aspetti diversi di una medesima entità che assumeva nomi diversi a seconda della zona in cui si sia manifestata.
Il che mi lasciava con altre cose da conciliare, come le incongruenze tra le varie religioni...
Non avevo mai davvero considerato la possibilità che le divinità potessero essere invenzioni dell'umanità.

Poi, non ricordo bene perché - mi pare fossi capitato per caso su un articolo di critica della storicità dei vangeli - d'improvviso è stato come se da qualche parte una rotellina si fosse finalmente sbloccata, e tutti i pezzi del puzzle sono andati a quello che sembra il loro posto.

La mentalità finalistica, l'invenzione delle divinità inizialmente per spiegare fenomeni allora misteriosi che poi è stata "riutilizzata" come strumento di controllo... queste cose spiegavano tutto, tutte le incongruenze, tutte le caratteristiche.

Ero molto eccitato all'inizio, così ho cominciato ad informarmi sull'argomento "ateismo", ed ho "scoperto" le opere di Odifreddi, Dawkins...

Odis89
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 727
Occupazione/Hobby : Putrefatto
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Minsky il Gio 16 Gen - 11:37

cosmos ha scritto:Per quanto questo elenco di emozioni appaia ironico, si tratta in realtà di un quesito serio, che nasce dalla curiosità di capire la vostra reazione nel momento in cui dopo anni di riflessioni siete arrivati a pensare che non esiste nessun Dio.
Cosa avete provato dentro di voi in un primo momento?
È stato un processo molto lento e progressivo. Lo stato d'animo finale è molto sereno e tranquillo. Provo grande compassione per chi non riesce a liberarsi dalle fandonie religiose, e un grande desiderio di aiutare il prossimo a raggiungere la stessa armonia tra pensiero e realtà, che io ho guadagnato.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13992
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Steerpike il Gio 16 Gen - 14:06

Non ricordo bene, ero molto giovane, ma mi sembra che fosse la 1 tendente alla 3.

Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da matem il Gio 16 Gen - 14:30

il processo credente-non credente richiede anni di studio e riflessione
si rimane scossi un pò alla volta ma alla fine ci si rende conto di aver raggiunto la verità nella ragione
la ragione è nemica della fede che è cieca e asservita alla chiesa e ai suoi dogmi

matem
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 427
Località : salerno
Occupazione/Hobby : ex insegnante -lettura libri sulla religione cristiana-collezionista di oggetti storici
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da holubice il Gio 16 Gen - 18:22

Da bambino ero sempre attento a non fare niente di male, in quanto ero convinto che il mio operato fosse costantemente sottoposto a scrutinio/videoregistrazione. La qualcosa era un po' difficile da gestire/digerire.

Crescendo, ho cominciato ad apprendere sui libri scolastici tutti i maneggi/eccidi/impicci/spartizioni combinati dalla Chiesa da Costantino in poi (vendita delle indulgenze, Auto da fé, crociate, indigeni americani recalcitranti alla conversione passati per il fil di spada, etc. etc....). E l'istituzione non mi è parsa meritevole di fiducia.

Da ultimo, con lo studio dell'evoluzionismo, mi è apparsa evidente la stridente incongruenza tra Darwin e quanto contenuto nella Genesi.

A undici anni, non me ne fregava più una mazza.  Ero quello che io chiamo un ateo coerente: preso atto che si trattava solo di fesserie, non diedi più alla cosa la benché minima attenzione/interesse.

Salvo poi ricredimi vent'anni dopo per cause di forza maggiore. E ora sempre attento a come vengo in quella telecamera...



holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6159
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Linoge il Gio 16 Gen - 19:58

1° Un po' l'ho sempre saputo....anche grazie al mio interesse per la scienza, e in particolar modo per l'astronomia della quale sono sempre stato appassionato fin da tenera età.
Posso dire che in un primo momento della mia vita, dalla nascita fino all'adolescenza sono stato un Agnostico... ma con l'approfondimento nello studio delle materie scientifiche e filosofiche nel corso degli anni ho smussato i miei "angoli grezzi", raffinando le mie conoscenze e evolvendomi inevitabilmente nell'Ateismo.

Linoge
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 11
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 11.11.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Rasputin il Gio 16 Gen - 20:00

Linoge ha scritto:1° Un po' l'ho sempre saputo....anche grazie al mio interesse per la scienza, e in particolar modo per l'astronomia della quale sono sempre stato appassionato fin da tenera età.

Secondo me uno degli argomenti più schiaccianti è questo:

http://htwins.net/scale2/

_________________
Too late to debate, too bad to ignore,
quiet rebellion leads to open war

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49511
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Sun Tzu il Sab 18 Gen - 13:04

La mia personale esperienza la divido in 5 fasi:

-Indifferenza totale alla questione di una divinità,nemmeno mi ero mai posto la questione.
-Poi mi sono posto il problema è ho letto la Bibbia,e alcuni testi teologici (prove dell'esistenza)
-Ho ragionato su quei testi,valutando anche le affermazioni della controparte in maniera non dogmatica.
-Ho concluso che erano contraddittori su più fronti,quando non completamente fallaci.
-Ateismo

E impossibile razionalmente per esempio che esistano persone che camminano sulle acque,per me la questione religiosa si riduce ne più ne meno analogicamente a sentire letterati che parlano della divina commedia e che ne esprimono le loro impressioni artistiche,assolutamente soggettive e ineluttabilmente relative proprio in quanto solo soggettive.Riguardo poi alla teologia,la riduco solo come un tentativo vano,di cristianizzare ogni questione.Non si vede perchè per esempio, Aristotele stia parlando del Dio ebraico,fra l'altro la conclusione aristoteliche di Causa Incausata,è logicamente contraddittoria (nell'argomento aristotelico le premesse contraddicono la conclusione):

Osservo che tutto cio che esiste e causato da altro.
Ma non si può regredire all'infinito.
Quindi è necessaria una causa incausta all'origine del processo.

Se la conclusione è necessaria diventa non necessaria la premessa.Non è più vero che tutto è causato da altro se è vero che esiste una causa non causata.
Se la premessa è necessaria non è più necessaria la conclusione.Tutto è causato da altro quindi non può sussistere una causa in causata.

Se è vero che tutto è causato da altro  come fa sussistere qualcosa di non causato da altro?(contraddizione 1)Se non è vero che tutto è causato da altro perchè tutto è causato da altro?(Contraddizione 2)

Un argomento simile "da giro giro tondo," suonerebbe cosi:

Tutti gli uomini sono diversi.
Ma è impossibile che siano completamente diversi.
Quindi tutti gli uomini sono uguali.
Ma è impossibile che siano completamente uguali.
Quindi tutti gli uomini sono diversi.
[..]
A qualcuno piaquero i dialleli diffidente 


Il passaggio dalla premessa alla conclusione non sussiste.

Sun Tzu
-------------
-------------

Numero di messaggi : 643
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Lake Bird il Mar 21 Gen - 20:02

Dico la 1. Da piccolo sono stato indottrinato (come tanti altri, purtroppo) e credevo senza pormi domande. Un utente, prima di me, ha scritto che il passaggio dalla credenza alla non-credenza avviene dopo anni. All'inizio ho pensato "ma a dire il vero, poco dopo essermi documentato, io (personalmente parlando) ho smesso di credere quasi subito". Poco dopo, riflettendoci, ho invece realizzato che questa "conversione" invece trova spazio in me sin dai primi anni di giovinezza: frequentavo la chiesa normalmente, però avevo sempre dei presentimenti o comunque dei grandi dubbi, che poi sono diventati sempre più grandi, fino a portarmi alla non-credenza definitiva. Non che sia un anziano eremita che ha vissuto secoli, ho solo 24 anni. Però vedo come ho saputo ragionare nonostante non sia un cervellone. Quindi diciamo che sono sempre stato più o meno neutrale alla fede, nessuna soddisfazione perchè alla fine poco me ne importa di sbattere in faccia prove alla gente che crede (arrivo a contraddirli solo quando sono loro a provocarmi o a cominciare con discorsi riguardanti la fede/dio). Sciocco o amareggiato no, ma deluso si: deluso verso me stesso. Mi sono sentito uno stupido ad aver creduto a tali cose. Quindi, tra le opzioni, la prima è davvero l'unica che fa al caso mio.

Lake Bird
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 105
Età : 27
Località : Sicilia
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Wishop il Mer 22 Gen - 11:26

cosmos ha scritto:3-Soddisfazione: bene, son contento di essere arrivato a questa risposta, alla faccia di tutti quelli che non mi davano e non mi danno ragione, ormai son sicuro al 99% che non c'è nessuno lassù!

Ho provato soddisfazione senz'altro, per me la religione era come catene, che mi impedivano di capire, esplorare, imparare, mi teneva fermo a girare intorno alle stesse domande senza risposta finchè ho capito che l'errore era nelle domande, che basandosi su eventi e personaggi di fantasia, non potevano trovar risposta.

Wishop
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 101
Località : Pianeta Terra
SCALA DI DAWKINS :
7 / 707 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Michele il Mer 22 Gen - 11:29

Decisamente la 2 per moi,

Non tanto perché la storia
di un Dio buono e caritatevole
era una favola,

Ma quanto il fatto che questa
fandonia mi sia stata raccontata
dai miei familiari.

Michele
------------
------------

Numero di messaggi : 28
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 02.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da uge il Gio 23 Gen - 13:38

holubice ha scritto:Da bambino ero sempre attento a non fare niente di male, in quanto ero convinto che il mio operato fosse costantemente sottoposto a scrutinio/videoregistrazione. La qualcosa era un po' difficile da gestire/digerire.

Crescendo, ho cominciato ad apprendere sui libri scolastici tutti i maneggi/eccidi/impicci/spartizioni combinati dalla Chiesa da Costantino in poi (vendita delle indulgenze, Auto da fé, crociate, indigeni americani recalcitranti alla conversione passati per il fil di spada, etc. etc....). E l'istituzione non mi è parsa meritevole di fiducia.

Da ultimo, con lo studio dell'evoluzionismo, mi è apparsa evidente la stridente incongruenza tra Darwin e quanto contenuto nella Genesi.

A undici anni, non me ne fregava più una mazza.  Ero quello che io chiamo un ateo coerente: preso atto che si trattava solo di fesserie, non diedi più alla cosa la benché minima attenzione/interesse.

Salvo poi ricredimi vent'anni dopo per cause di forza maggiore. E ora sempre attento a come vengo in quella telecamera...


E' la cosa più schizoide che abbia mai letto...nulla di personale. Comunque salutami quel pazzo sanguinario di Geova, dalla "telecamera"

uge
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 217
Età : 22
Località : bassano del grappa
SCALA DI DAWKINS :
40 / 7040 / 70

Data d'iscrizione : 06.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Krasouc il Dom 26 Gen - 10:48

Probabilmente sceglierei la 3, ma alla fine, fin da bambino non ero spinto a credere a nessuna religione grazie ai miei genitori (GRAZIE papà e mamma), quindi ci sono arrivato da solo e non è stato mai un problema per nessuno. Insomma, mi chiedevo sempre che senso avrebbe andare in una chiesa (di indifferentemente quale religione) ad ascoltare i sacerdoti a parlare di Dio e le sue avventure..
Mi sembrava già da allora una sciochezza.

Krasouc
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 26
Età : 28
Località : Nabrežina
Occupazione/Hobby : Becchino / Box / Chitarra / Basso
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 26.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da bianchi077 il Dom 24 Ago - 18:47

holubice ha scritto:Da bambino ero sempre attento a non fare niente di male, in quanto ero convinto che il mio operato fosse costantemente sottoposto a scrutinio/videoregistrazione. La qualcosa era un po' difficile da gestire/digerire.

Crescendo, ho cominciato ad apprendere sui libri scolastici tutti i maneggi/eccidi/impicci/spartizioni combinati dalla Chiesa da Costantino in poi (vendita delle indulgenze, Auto da fé, crociate, indigeni americani recalcitranti alla conversione passati per il fil di spada, etc. etc....). E l'istituzione non mi è parsa meritevole di fiducia.

Da ultimo, con lo studio dell'evoluzionismo, mi è apparsa evidente la stridente incongruenza tra Darwin e quanto contenuto nella Genesi.

A undici anni, non me ne fregava più una mazza.  Ero quello che io chiamo un ateo coerente: preso atto che si trattava solo di fesserie, non diedi più alla cosa la benché minima attenzione/interesse.

Salvo poi ricredimi vent'anni dopo per cause di forza maggiore. E ora sempre attento a come vengo in quella telecamera...



Cioè?

bianchi077
-------------
-------------

Numero di messaggi : 117
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Justine il Dom 24 Ago - 19:21

Cioè quando arriva quel caso che porta la persona ad autoconvincersi di essere speciale e benedetta da ogni singolo atomo dell'universo, il che è una suprema boiata, noto l'antifinalismo e lo scarso favoritismo del cosmo nei nostri riguardi (basta controllare la fine di ognuno).

I colpi di fortuna, così come quelli di sfiga, derivano dall'interazione umana in quanto tale, non da particolari disposizioni benevole dell'idrogeno e del carbonio. 

Se una persona si chiudesse volontariamente in una camera non potrebbe definirsi "fortunata" o "sfortunata": semplicemente constaterebbe che il tempo fluisce e basta, e così gli avvenimenti, per quello che sono.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Minsky il Dom 24 Ago - 19:43

bianchi077 ha scritto:
holubice ha scritto:Da bambino ero sempre attento a non fare niente di male, in quanto ero convinto che il mio operato fosse costantemente sottoposto a scrutinio/videoregistrazione. La qualcosa era un po' difficile da gestire/digerire.

Crescendo, ho cominciato ad apprendere sui libri scolastici tutti i maneggi/eccidi/impicci/spartizioni combinati dalla Chiesa da Costantino in poi (vendita delle indulgenze, Auto da fé, crociate, indigeni americani recalcitranti alla conversione passati per il fil di spada, etc. etc....). E l'istituzione non mi è parsa meritevole di fiducia.

Da ultimo, con lo studio dell'evoluzionismo, mi è apparsa evidente la stridente incongruenza tra Darwin e quanto contenuto nella Genesi.

A undici anni, non me ne fregava più una mazza.  Ero quello che io chiamo un ateo coerente: preso atto che si trattava solo di fesserie, non diedi più alla cosa la benché minima attenzione/interesse.

Salvo poi ricredimi vent'anni dopo per cause di forza maggiore. E ora sempre attento a come vengo in quella telecamera...



Cioè?
Non t'impressionare, Marco. Holu ha avuto una OBE/NDE. (Tocca spiegarlo ogni volta...)

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13992
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da Boeche il Dom 24 Ago - 19:51

Minsky ha scritto:
Non t'impressionare, Marco. Holu ha avuto una OBE/NDE. (Tocca spiegarlo ogni volta...)

immagino tu ti riferisca a un'esperienza extracorporea, l'ha per caso raccontata?

Boeche
-------------
-------------

Numero di messaggi : 151
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da primaverino il Dom 24 Ago - 19:54

Loki ha scritto:Cioè quando arriva quel caso che porta la persona ad autoconvincersi di essere speciale e benedetta da ogni singolo atomo dell'universo, il che è una suprema boiata, noto l'antifinalismo e lo scarso favoritismo del cosmo nei nostri riguardi (basta controllare la fine di ognuno).

I colpi di fortuna, così come quelli di sfiga, derivano dall'interazione umana in quanto tale, non da particolari disposizioni benevole dell'idrogeno e del carbonio. 

Se una persona si chiudesse volontariamente in una camera non potrebbe definirsi "fortunata" o "sfortunata": semplicemente constaterebbe che il tempo fluisce e basta, e così gli avvenimenti, per quello che sono.
Che fumosa serqua di minchiate.
Rosso mio naturalmente.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La vostra reazione quando siete diventati atei

Messaggio Da FuoriDagliSchemi il Dom 24 Ago - 20:07

...E verde mio.
Secondo me sarebbe utile far leggere quel post a quelle persone che realmente si credono "nelle grazie divine". Insomma, mi sono ritirata dal domicilio di una di queste persone giusto un paio d'ore fa, una constatazione così mi ci voleva  :si si: 
Opinione personale, nient'altro.
 saluto...

FuoriDagliSchemi
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 296
Età : 17
Località : Il Profondo Sud
Occupazione/Hobby : Studentessa/punk a tempo pieno
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum