Uccisi dalla religione

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Uccisi dalla religione

Messaggio Da Minsky il Ven 17 Gen - 17:03

Apro il thread con un esempio che ritengo delinei molto bene il  tema qui introdotto.

Vittorino Cazzetta, chi era costui?

Penso che molti avranno sentito parlare delle "orme dei dinosauri" trovate in Dolomiti, precisamente alla base del Pelmetto. E qualcuno forse avrà sentito parlare dell'Uomo di Mondeval, testimonianza di antichissime presenze umane nelle terre alte dolomitiche, di ben 2000 anni antecedenti alla celebre "mummia" del Similaun.

Bene, queste straordinarie scoperte paleontologiche e archeologiche, sono frutto dell'appassionata ricerca di un semplice valligiano, Vittorino Cazzetta:



Vittorino era nato nel '47, e viveva a Pescul, badava alla stalla e a volte aggiustava qualche seggiovia. Nel tempo libero, girava da solo per i monti, con la macchina fotografica e il martello da geologo, raccogliendo fossili. Questa era la sua passione, che lo ha portato alle eccezionali scoperte che lo hanno reso famoso. Oggi i resti dell'Uomo di Mondeval e un calco in silicone dell'enorme masso del Pelmetto su cui sono rimaste impresse le orme di antichissimi dinosauri (vissuti oltre 200 milioni di anni fa) sono conservati nel bellissimo museo di Selva di Cadore, a lui intitolato.

Vittorino non si è mai esaltato per la notorietà che le sue scoperte gli hanno procurato. Ha continuato ad andare per i suoi monti, sempre alla ricerca, con inesauribile curiosità. All'alba del 10 agosto 1996, Vittorino partì da casa per un'escursione solitaria, come era solito fare. Di regola, girovagava senza una meta precisa per due o tre giorni, prima di rientrare. Trascorsa una settimana senza sue notizie, vennero avviate le ricerche in tutta l'area del territorio di Selva di Cadore, ma inutilmente.

I suoi resti vennero ritrovati solo un anno dopo la scomparsa, in un profondo anfratto in una zona impervia del gruppo del Piz del Corvo. Accanto al corpo, identificato grazie agli abiti, alcuni moschettoni da roccia, lo zaino, una corda e qualche scatoletta di cibo ancora sigillata: Vittorino non aveva ancora mangiato nulla, quindi l'incidente doveva essere avvenuto il giorno stesso in cui si è allontanato da casa.

Ma come era finito in fondo a quell'anfratto, e perché?

Vittorino era andato là con lo scopo di affiggere sulla parete rocciosa una targhetta metallica raffigurante la Madonna, come ringraziamento per uno scampato pericolo di qualche anno prima, quando era caduto proprio in quell'antro e si era ferito ad una gamba riuscendo comunque a risalire e a tornare a casa. Ritenendo di essersi salvato dal brutto incidente per intercessione della Madonna, aveva sentito il dovere di renderle grazie con l'ex-voto. Per questo era ritornato là, ma il destino lo aspettava proprio in quell'antro scuro, per beffarlo nella maniera più atroce. Aveva 49 anni.

Ma come mai, se si era salvato quando era caduto nel crepo la prima volta, la seconda volta, quando ci si è calato di proposito con l'ausilio dell'adatta attrezzatura alpinistica - che sapeva usare - è rimasto ucciso? Davvero la prima volta era stato salvato dalla Madonna? E allora perché quando è tornato per ringraziarla la Madonna non ha fatto niente per evitare che morisse? Misteri del disegno divino?

C'è una spiegazione più semplice.

Quando è caduto nell'anfratto la prima volta, lui stava cercando di scendere lungo la parte meno ripida della buca, ed è scivolato. In pratica, ha ruzzolato un po' ma non è precipitato da grande altezza, così se l'è cavata con qualche contusione e ferite lievi. Dallo stesso scivolo è riuscito infatti a risalire, benché pesto, e poi a tornare a casa con le sue gambe, senza necessità di chiamare il soccorso.

La seconda volta, voleva invece evitare la discesa insidiosa, e ha pensato di calarsi lungo la parte verticale, con la corda. Ma l'ancoraggio a cui aveva assicurato la corda (forse una radice) ha ceduto, e così è precipitato per diversi metri rimanendo ucciso.

Ecco un esempio di come l'insana mania del culto possa avere conseguenze funeste...

 :si si:


Ultima modifica di Minsky il Ven 17 Gen - 17:11, modificato 1 volta

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14238
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da ros79 il Ven 17 Gen - 17:07

ha conseguenza funeste spesso e volentieri sia nelle piccole cose della vita quotidiana sia nelle grandi, insomma...che mondo sarebbe senza religione? decisamente migliore...

_________________
"Che cos'ho in comune con gli ebrei? Non ho neppure niente in comune con me stesso"

F.Kafka
avatar
ros79
---------------------
---------------------

Femminile Numero di messaggi : 1139
Età : 37
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Cosworth117 il Ven 17 Gen - 17:21

La madonna l'ha fatto scivolare la prima volta ma lui s'è salvato. La seconda volta invece c'è riuscita.  :si si: 

_________________
There's always a plane B!

Meglio due mani operose, che cento bocche che pregano.

Chi conosce, sceglie. Chi crede di conoscere, crede di scegliere.
avatar
Cosworth117
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 9087
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Minsky il Ven 17 Gen - 17:30

Cosworth117 ha scritto:La madonna l'ha fatto scivolare la prima volta ma lui s'è salvato. La seconda volta invece c'è riuscita.  :si si: 
 ok2  Giusto!  hysterical

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14238
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Sun Tzu il Sab 18 Gen - 14:23

Cosworth117 ha scritto:La madonna l'ha fatto scivolare la prima volta ma lui s'è salvato. La seconda volta invece c'è riuscita.  :si si: 
 ahahahahahah  ahahahahahah

Come quando giochi la schedina possibilità di vincere facendo 13 (1/1.594.323).Se vinci è opera del Signore se non vinci il Signore non ha voluto.

Il Signore ti fa vincere o il signore ti fa perdere.     X
avatar
Sun Tzu
-------------
-------------

Numero di messaggi : 643
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da primaverino il Sab 18 Gen - 15:05

Minsky ha scritto:

C'è una spiegazione più semplice.

Quando è caduto nell'anfratto la prima volta, lui stava cercando di scendere lungo la parte meno ripida della buca, ed è scivolato. In pratica, ha ruzzolato un po' ma non è precipitato da grande altezza, così se l'è cavata con qualche contusione e ferite lievi. Dallo stesso scivolo è riuscito infatti a risalire, benché pesto, e poi a tornare a casa con le sue gambe, senza necessità di chiamare il soccorso.

La seconda volta, voleva invece evitare la discesa insidiosa, e ha pensato di calarsi lungo la parte verticale, con la corda. Ma l'ancoraggio a cui aveva assicurato la corda (forse una radice) ha ceduto, e così è precipitato per diversi metri rimanendo ucciso.

Ecco un esempio di come l'insana mania del culto possa avere conseguenze funeste...

 :si si:

Veramente stando alla tua ricostruzione/spiegazione direi che il culto c'entra una mazza.
Se assicuri la corda ad una radice cedevole commetti un'imprudenza indipendente dal tuo orientamento filosofico, no?
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da primaverino il Sab 18 Gen - 15:06

ros79 ha scritto:che mondo sarebbe senza religione? decisamente migliore...
Credilo pure, se ne hai bisogno...
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Minsky il Sab 18 Gen - 15:29

primaverino ha scritto:
Veramente stando alla tua ricostruzione/spiegazione direi che il culto c'entra una mazza.
Se assicuri la corda ad una radice cedevole commetti un'imprudenza indipendente dal tuo orientamento filosofico, no?
No. Ho fatto dozzine di calate in corda doppia assicurato alla radice o al ramo di un barancio e talvolta anche ad un alberello. L'ancoraggio ha sempre tenuto (a questo ci puoi credere  wink..  ). Non è un'imprudenza, si fa abitualmente. È stata una fatalità, che non si sarebbe verificata (indipendentemente dal possibile errore di valutazione del Cazzetta nell'affidarsi alla radice - ma è solo un'ipotesi, poteva anche essere uno spuntone friabile: non è stato possibile ricostruire la dinamica esatta dell'incidente, dopo un anno) se non fosse tornato là per mettere l'ex-voto in fondo al dirupo. Mettersi in condizione di rischio per la mania del culto: questo è il comportamento che considero stupido. Tu dirai: "e mettersi in condizioni rischiose per la mania di scalare vette, non lo è?" No. Ma questo solo un alpinista lo può capire.

 saluto...

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14238
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da primaverino il Sab 18 Gen - 15:41

Minsky ha scritto:
primaverino ha scritto:
Veramente stando alla tua ricostruzione/spiegazione direi che il culto c'entra una mazza.
Se assicuri la corda ad una radice cedevole commetti un'imprudenza indipendente dal tuo orientamento filosofico, no?
No. Ho fatto dozzine di calate in corda doppia assicurato alla radice o al ramo di un barancio e talvolta anche ad un alberello. L'ancoraggio ha sempre tenuto (a questo ci puoi credere  wink..  ). Non è un'imprudenza, si fa abitualmente. È stata una fatalità, che non si sarebbe verificata (indipendentemente dal possibile errore di valutazione del Cazzetta nell'affidarsi alla radice - ma è solo un'ipotesi, poteva anche essere uno spuntone friabile: non è stato possibile ricostruire la dinamica esatta dell'incidente, dopo un anno) se non fosse tornato là per mettere l'ex-voto in fondo al dirupo. Mettersi in condizione di rischio per la mania del culto: questo è il comportamento che considero stupido. Tu dirai: "e mettersi in condizioni rischiose per la mania di scalare vette, non lo è?" No. Ma questo solo un alpinista lo può capire.

 saluto...

Ho capito.
Mettersi in condizione di rischio per il culto è stupido.
Mettersi in condizione di rischio (ma non per motivi di culto) non è stupido.

La logica va a farsi fottere, ma l'importante è parlar per niente.
Complimenti!
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Sun Tzu il Sab 18 Gen - 15:47

primaverino ha scritto:
Minsky ha scritto:
primaverino ha scritto:
Veramente stando alla tua ricostruzione/spiegazione direi che il culto c'entra una mazza.
Se assicuri la corda ad una radice cedevole commetti un'imprudenza indipendente dal tuo orientamento filosofico, no?
No. Ho fatto dozzine di calate in corda doppia assicurato alla radice o al ramo di un barancio e talvolta anche ad un alberello. L'ancoraggio ha sempre tenuto (a questo ci puoi credere  wink..  ). Non è un'imprudenza, si fa abitualmente. È stata una fatalità, che non si sarebbe verificata (indipendentemente dal possibile errore di valutazione del Cazzetta nell'affidarsi alla radice - ma è solo un'ipotesi, poteva anche essere uno spuntone friabile: non è stato possibile ricostruire la dinamica esatta dell'incidente, dopo un anno) se non fosse tornato là per mettere l'ex-voto in fondo al dirupo. Mettersi in condizione di rischio per la mania del culto: questo è il comportamento che considero stupido. Tu dirai: "e mettersi in condizioni rischiose per la mania di scalare vette, non lo è?" No. Ma questo solo un alpinista lo può capire.

 saluto...

Ho capito.
Mettersi in condizione di rischio per il culto è stupido.
Mettersi in condizione di rischio (ma non per motivi di culto) non è stupido.

La logica va a farsi fottere, ma l'importante è parlar per niente.
Complimenti!

Io non sono un alpinista,ma presumo, e proprio perchè non lo sono che non mi metterei a scalare l'everest o il K2.In quanto le possibilità di scalarlo senza crepare per uno che non conosce nulla delle tecniche da alpinismo è di gran lunga più elevata,rispetto a chi le conosce.

Quindi la logica non va a farsi fottere perchè anche la statistica è logica.

E tuttavia sarebbe folle mettersi a scalare l'Everest a prescindere dal motivo per cui uno ci và,mai mi affiderei a una divinità affermando "Dio me lo farà scalare".


Ultima modifica di Sun Tzu il Sab 18 Gen - 15:55, modificato 1 volta
avatar
Sun Tzu
-------------
-------------

Numero di messaggi : 643
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da primaverino il Sab 18 Gen - 15:51

Sun Tzu ha scritto:
primaverino ha scritto:
Minsky ha scritto:
primaverino ha scritto:
Veramente stando alla tua ricostruzione/spiegazione direi che il culto c'entra una mazza.
Se assicuri la corda ad una radice cedevole commetti un'imprudenza indipendente dal tuo orientamento filosofico, no?
No. Ho fatto dozzine di calate in corda doppia assicurato alla radice o al ramo di un barancio e talvolta anche ad un alberello. L'ancoraggio ha sempre tenuto (a questo ci puoi credere  wink..  ). Non è un'imprudenza, si fa abitualmente. È stata una fatalità, che non si sarebbe verificata (indipendentemente dal possibile errore di valutazione del Cazzetta nell'affidarsi alla radice - ma è solo un'ipotesi, poteva anche essere uno spuntone friabile: non è stato possibile ricostruire la dinamica esatta dell'incidente, dopo un anno) se non fosse tornato là per mettere l'ex-voto in fondo al dirupo. Mettersi in condizione di rischio per la mania del culto: questo è il comportamento che considero stupido. Tu dirai: "e mettersi in condizioni rischiose per la mania di scalare vette, non lo è?" No. Ma questo solo un alpinista lo può capire.

 saluto...

Ho capito.
Mettersi in condizione di rischio per il culto è stupido.
Mettersi in condizione di rischio (ma non per motivi di culto) non è stupido.

La logica va a farsi fottere, ma l'importante è parlar per niente.
Complimenti!

Io non sono un alpinista,ma presumo, e proprio perchè non lo sono che non mi metterei a scalare l'everest o il K2.In quanto le possibilità di scalarlo senza crepare per uno che non conosce nulla delle tecniche da alpinismo è di gran lunga più elevata,rispetto a chi le conosce.

Quindi la logica non va a farsi fottere perchè anche la statistica è logica.

Ma li leggi i post oppure parli "in automatico"?
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Sun Tzu il Sab 18 Gen - 16:30

primaverino ha scritto:
Sun Tzu ha scritto:
primaverino ha scritto:
Minsky ha scritto:
primaverino ha scritto:
Veramente stando alla tua ricostruzione/spiegazione direi che il culto c'entra una mazza.
Se assicuri la corda ad una radice cedevole commetti un'imprudenza indipendente dal tuo orientamento filosofico, no?
No. Ho fatto dozzine di calate in corda doppia assicurato alla radice o al ramo di un barancio e talvolta anche ad un alberello. L'ancoraggio ha sempre tenuto (a questo ci puoi credere  wink..  ). Non è un'imprudenza, si fa abitualmente. È stata una fatalità, che non si sarebbe verificata (indipendentemente dal possibile errore di valutazione del Cazzetta nell'affidarsi alla radice - ma è solo un'ipotesi, poteva anche essere uno spuntone friabile: non è stato possibile ricostruire la dinamica esatta dell'incidente, dopo un anno) se non fosse tornato là per mettere l'ex-voto in fondo al dirupo. Mettersi in condizione di rischio per la mania del culto: questo è il comportamento che considero stupido. Tu dirai: "e mettersi in condizioni rischiose per la mania di scalare vette, non lo è?" No. Ma questo solo un alpinista lo può capire.

 saluto...

Ho capito.
Mettersi in condizione di rischio per il culto è stupido.
Mettersi in condizione di rischio (ma non per motivi di culto) non è stupido.

La logica va a farsi fottere, ma l'importante è parlar per niente.
Complimenti!

Io non sono un alpinista,ma presumo, e proprio perchè non lo sono che non mi metterei a scalare l'everest o il K2.In quanto le possibilità di scalarlo senza crepare per uno che non conosce nulla delle tecniche da alpinismo è di gran lunga più elevata,rispetto a chi le conosce.

Quindi la logica non va a farsi fottere perchè anche la statistica è logica.

Ma li leggi i post oppure parli "in automatico"?
Il post mi dice che logicamente,Dio non c'entra niente, che tu sia un alpinista o no.
avatar
Sun Tzu
-------------
-------------

Numero di messaggi : 643
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Steerpike il Sab 18 Gen - 16:30

primaverino ha scritto:
Ho capito.
Mettersi in condizione di rischio per il culto è stupido.
Mettersi in condizione di rischio (ma non per motivi di culto) non è stupido.

La logica va a farsi fottere, ma l'importante è parlar per niente.
Complimenti!
In che modo questi due enunciati sono logicamente contraddittori?
Di solito, ci si assume dei rischi perché si ritiene che questo porterà dei vantaggi. Se lo si fa per ricavarne appagamento terreno, immagino che nella maggioranza dei casi si tratti di una supposizione corretta. Se l'assunzione che il rischio condurrà a dei vantaggi dipende invece da una credenza religiosa, la sua verità dipende da quella della religione in questione.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da primaverino il Sab 18 Gen - 16:42

Steerpike ha scritto:
primaverino ha scritto:
Ho capito.
Mettersi in condizione di rischio per il culto è stupido.
Mettersi in condizione di rischio (ma non per motivi di culto) non è stupido.

La logica va a farsi fottere, ma l'importante è parlar per niente.
Complimenti!
In che modo questi due enunciati sono logicamente contraddittori?
Di solito, ci si assume dei rischi perché si ritiene che questo porterà dei vantaggi. Se lo si fa per ricavarne appagamento terreno, immagino che nella maggioranza dei casi si tratti di una supposizione corretta. Se l'assunzione che il rischio condurrà a dei vantaggi dipende invece da una credenza religiosa, la sua verità dipende da quella della religione in questione.

I due enunciati non sono contraddittori (mettere in gioco la propria vita per scalare una montagna è intrinsecamente stupido, a mio avviso).
Solo che Minsky ritiene ancor più stupido il farlo per motivazioni religiose (il tizio è morto causa ex-voto) mentre io lo ritengo stupido e basta.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Steerpike il Sab 18 Gen - 16:46

primaverino ha scritto:
Solo che Minsky ritiene ancor più stupido il farlo per motivazioni religiose (il tizio è morto causa ex-voto) mentre io lo ritengo stupido e basta.
Quindi ritieni che il grado di "stupidità" dell'assumersi un determinato rischio non dipenda dall'effettivo vantaggio che potrebbe derivarne?

Va bene, ma nemmeno con la posizione di Minsky la logica va a copulare.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da primaverino il Sab 18 Gen - 17:09

Steerpike ha scritto:
primaverino ha scritto:
Solo che Minsky ritiene ancor più stupido il farlo per motivazioni religiose (il tizio è morto causa ex-voto) mentre io lo ritengo stupido e basta.
Quindi ritieni che il grado di "stupidità" dell'assumersi un determinato rischio non dipenda dall'effettivo vantaggio che potrebbe derivarne?

Non comprendo quale vantaggio possa derivare dello scalare una montagna.
A meno che non sei sponsorizzato da qualcuno al che il rischio sarebbe compensato da un guadagno.
Finché non ci rimetti la pelle...
Siccome la maggior parte degli alpinisti nemmeno beneficia di sponsorizzazione alcuna, presumo la loro intrinseca stupidità al di la, come facevo notare, da eventuali implicazioni di carattere fideistico.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Steerpike il Sab 18 Gen - 17:11

primaverino ha scritto:
Steerpike ha scritto:
primaverino ha scritto:
Solo che Minsky ritiene ancor più stupido il farlo per motivazioni religiose (il tizio è morto causa ex-voto) mentre io lo ritengo stupido e basta.
Quindi ritieni che il grado di "stupidità" dell'assumersi un determinato rischio non dipenda dall'effettivo vantaggio che potrebbe derivarne?
Non comprendo quale vantaggio possa derivare dello scalare una montagna.
Appagamento personale, presumo.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da primaverino il Sab 18 Gen - 17:16

Steerpike ha scritto:
primaverino ha scritto:
Steerpike ha scritto:
primaverino ha scritto:
Solo che Minsky ritiene ancor più stupido il farlo per motivazioni religiose (il tizio è morto causa ex-voto) mentre io lo ritengo stupido e basta.
Quindi ritieni che il grado di "stupidità" dell'assumersi un determinato rischio non dipenda dall'effettivo vantaggio che potrebbe derivarne?
Non comprendo quale vantaggio possa derivare dello scalare una montagna.
Appagamento personale, presumo.

Ne convengo.
Ma non se ne faccia una questione di logica, ché la logica c'entra una cippa.
E che Tizio si ritenesse appagato nel mentre che tentava di scalare una montagna per metterci sopra un crocifisso o un'immaginetta della madonna, non fa di lui una persona meno razionale di chi avesse scalato la medesima montagna per metterci la bandiera italiana, piuttosto che niente del tutto.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Steerpike il Sab 18 Gen - 17:39

primaverino ha scritto:
Ma non se ne faccia una questione di logica, ché la logica c'entra una cippa.
Infatti. Mi sembrava solo che qui sostenessi altro.
primaverino ha scritto:
E che Tizio si ritenesse appagato nel mentre che tentava di scalare una montagna per metterci sopra un crocifisso o un'immaginetta della madonna, non fa di lui una persona meno razionale di chi avesse scalato la medesima montagna per metterci la bandiera italiana, piuttosto che niente del tutto.
Concordo, ma non sono sicuro che stesse tentando di appendere la targa in quella cavità per puro divertimento, anziché per motivi connessi con le sue opinioni religiose.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Minsky il Sab 18 Gen - 19:58

primaverino ha scritto:
Ho capito.
Mettersi in condizione di rischio per il culto è stupido.
Mettersi in condizione di rischio (ma non per motivi di culto) non è stupido.

La logica va a farsi fottere, ma l'importante è parlar per niente.
Complimenti!
Ti hanno già spiegato tutto Tzu e Pike. Anzi, ri-spiegato. Perché in altre occasioni avevo già diffusamente illustrato il mio pensiero sulle ragioni dell'andar per monti. Ovvio, che la logica non c'entra per niente. Ma una delle prime cose che si imparano, quando si arrampica in montagna, è di non fare mai gesti inutili, nel senso di sbagliati e controproducenti ai fini dell'efficienza della progressione. Ed esporsi al rischio di una caduta per appiccicare alla roccia una targa con la madonna, dal mio punto di vista è molto sbagliato. Tutto qui. Non è un concetto complicato.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14238
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da primaverino il Sab 18 Gen - 20:59

No.
Non è un concetto complicato.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da mecca domenico il Sab 18 Gen - 21:22

primaverino ha scritto:
Solo che Minsky ritiene ancor più stupido il farlo per motivazioni religiose (il tizio è morto causa ex-voto) mentre io lo ritengo stupido e basta.
Mi vengono in mente scane di quando ero piccolo, che donne per un voto fatto percorrevano Km. camminando sulle ginocchia (non c'era asfalto ma ghiaino) fino a raggiungere la chiesa per la festa di sant'antonio.
Si sono rovinate le ginocchia in maniera irreparabile per un cazzo di voto in nome della religione.

mecca domenico
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1796
Età : 70
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 31.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Minsky il Dom 19 Gen - 22:06

mecca domenico ha scritto:
primaverino ha scritto:
Solo che Minsky ritiene ancor più stupido il farlo per motivazioni religiose (il tizio è morto causa ex-voto) mentre io lo ritengo stupido e basta.
Mi vengono in mente scane di quando ero piccolo, che donne per un voto fatto percorrevano Km. camminando sulle ginocchia (non c'era asfalto ma ghiaino) fino a raggiungere la chiesa per la festa di sant'antonio.
Si sono rovinate le ginocchia in maniera irreparabile per un cazzo di voto in nome della religione.
 ok2  Verdone Domenico! Hai inteso perfettamente il genere di danni della religione che volevo indicare io.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14238
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da silvio il Dom 19 Gen - 22:56

primaverino ha scritto:
Steerpike ha scritto:
primaverino ha scritto:
Solo che Minsky ritiene ancor più stupido il farlo per motivazioni religiose (il tizio è morto causa ex-voto) mentre io lo ritengo stupido e basta.
Quindi ritieni che il grado di "stupidità" dell'assumersi un determinato rischio non dipenda dall'effettivo vantaggio che potrebbe derivarne?

Non comprendo quale vantaggio possa derivare dello scalare una montagna.
A meno che non sei sponsorizzato da qualcuno al che il rischio sarebbe compensato da un guadagno.
Finché non ci rimetti la pelle...
Siccome la maggior parte degli alpinisti nemmeno beneficia di sponsorizzazione alcuna, presumo la loro intrinseca stupidità al di la, come facevo notare, da eventuali implicazioni di carattere fideistico.
Io sono stato un grande appassionato di Montagna, il rischio c'è ma il piacere della scalata o della escursione, supera tutte le paure.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uccisi dalla religione

Messaggio Da Minsky il Lun 20 Gen - 14:53

silvio ha scritto:Io sono stato un grande appassionato di Montagna, il rischio c'è ma il piacere della scalata o della escursione, supera tutte le paure.
Verdone "obbligatorio"  wink..

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14238
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum