La bibbia, un libro sconosciuto

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Cosworth117 il Gio 23 Gen - 17:31

Steerpike ha scritto:Per essere "cattolici" in senso stretto bisogna effettivamente credere nei suoi 10 dogmi, e per credere in una proposizione occorre prima conoscerla. Su questi enunciati ci sono state dispute, scismi, guerre e massacri; ma se glieli si domanda, la larghissima maggioranza dei sedicenti cattolici non ha idea di quali siano le risposte giuste (e sì che, in altri tempi, i dettagli di questi articoli di fede avrebbero potuto fare la differenza tra la vita e la morte).

Ok. Nei fatti rimangono lo stesso "cattolici", ma ignoranti. Il cattolicesimo è per definizione ipocrisia e ignoranza, quindi la defizione di cattolico può incorporare il fatto di non conoscere quei dogmi.

_________________
There's always a plane B!
avatar
Cosworth117
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 9090
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da vnd il Gio 23 Gen - 17:38

Cosworth117 ha scritto:
vnd ha scritto:Ma questo non è cattolicesimo.

Lo è, e la gente crede o crede di credere a questi dogmi. Che è una stronzata o che non riesci a spiegarti come possano crederci è un altro paio di maniche. Io dico da anni comunque che ci sono tanti cattolicesimi tanti quanti il numero di cattolici che lo praticano.


Posso assicurarti che io, quando mi ritenevo cattolico, non soltanto non ci credevo, non me ne importava nemmeno (Mi riferisco ai fatti privati della Madonna).
Un sacco di miei amici che ancora pensano di essere cattolici continuano a non crederci o a non fregarsene.

Si chiama apostasia.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da vnd il Gio 23 Gen - 17:43

Steerpike ha scritto:Per essere "cattolici" in senso stretto bisogna effettivamente credere nei suoi 10 dogmi, e per credere in una proposizione occorre prima conoscerla. Su questi enunciati ci sono state dispute, scismi, guerre e massacri; ma se glieli si domanda, la larghissima maggioranza dei sedicenti cattolici non ha idea di quali siano le risposte giuste (e sì che, in altri tempi, i dettagli di questi articoli di fede avrebbero potuto fare la differenza tra la vita e la morte).

Sta cosa dei dieci dogmi non l'ho mai saputa.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Cosworth117 il Gio 23 Gen - 17:57

Si chiama cattolicesimo.  carneval Guarda, ti do una mia definizione di cattolico:

Dicesi cattolico:
- Chi conosce e accetta tutti i dogmi della propria Chiesa per quanto assurdi siano
- Chi non conosce ma accetta in ogni caso i dogmi della Chiesa, qualunque essi fossero. (Es. Mia madre è cattolica, ma sicuramente molti dogmi neanche li conosce... Se glieli faccio presente, lei mi dirà che ci crede. E così mi è successo altre volte.). = ignorante
- Chi li conosce e non li accetta, ma continua ad andare in Chiesa, pregare al momento del bisogno, ecc... = ipocrita
- Chi non li conosce e non li accetta, ma continua ad andare in Chiesa, pregare al momento del bisogno, ecc... = ignorante + ipocrita.

Vedi, di cattolici ce ne sono le più vaste sfumature... ma sono tutti accumunati dal fatto di essere delle pecore.

Probabilmete può anche essere criticabile questa mia definzione, ma nella mia esperienza, i cattolici sono così ignoranti sulla propria religione, e ipocriti, che questa caratteristica deve per forza di cose rientrare nella definizione stessa di cattolico. Li conosci e ci credi ai dogmi? Bravo, sei un cattolico informato. Non li conosci ma ci credi qualora te li dicessero adesso? Bravo, sei un ignorante come il 95% dei cattolici. Faresti bene a studiare, ma poco dopo è a confessarsi dal prete per l'ennesimo peccato di cui era stato assolto una settimana prima. Li conosci, ti sembrano assurdi, ma hai così tanto bisogno di questa stampella che non puoi non negare comunque la sacra figura della Chiesa e del tuo Dio? Sono i più tristi. Non li conosci e non li accetti, ma senza stampella ti uccidi? Lasciamo perdere.

_________________
There's always a plane B!
avatar
Cosworth117
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 9090
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Rasputin il Gio 23 Gen - 18:48

vnd ha scritto:
Posso assicurarti che io, quando mi ritenevo cattolico, non soltanto non ci credevo, non me ne importava nemmeno (Mi riferisco ai fatti privati della Madonna).
Un sacco di miei amici che ancora pensano di essere cattolici continuano a non crederci o a non fregarsene.

Si chiama apostasia.

No...

Wikipedia ha scritto:Il termine apostasìa (dal greco ἀπό "lontano da" (idea di separazione) e στάσις, da ἵστημι "stare, collocare") definisce l'abbandono formale e volontario della propria religione (in tale contesto si parlerà più propriamente di apostata della religione). In questo senso è irrilevante se a seguito di tale abbandono vi sia l'adesione a un'altra religione (conversione) oppure la scelta areligiosa o atea. In senso stretto, il termine è riferito alla rinuncia e alla critica della propria precedente religione. Una vecchia e più ristretta definizione di questo termine si riferiva ai cristiani battezzati che abbandonavano la loro fede.

http://it.wikipedia.org/wiki/Apostasia


_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50295
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da vnd il Gio 23 Gen - 18:57

Rasputin ha scritto:
vnd ha scritto:
Posso assicurarti che io, quando mi ritenevo cattolico, non soltanto non ci credevo, non me ne importava nemmeno (Mi riferisco ai fatti privati della Madonna).
Un sacco di miei amici che ancora pensano di essere cattolici continuano a non crederci o a non fregarsene.

Si chiama apostasia.

No...

Wikipedia ha scritto:Il termine apostasìa (dal greco ἀπό "lontano da" (idea di separazione) e στάσις, da ἵστημι "stare, collocare") definisce l'abbandono formale e volontario della propria religione (in tale contesto si parlerà più propriamente di apostata della religione). In questo senso è irrilevante se a seguito di tale abbandono vi sia l'adesione a un'altra religione (conversione) oppure la scelta areligiosa o atea. In senso stretto, il termine è riferito alla rinuncia e alla critica della propria precedente religione. Una vecchia e più ristretta definizione di questo termine si riferiva ai cristiani battezzati che abbandonavano la loro fede.

http://it.wikipedia.org/wiki/Apostasia



Eh... già...
Indubbiamente... no.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Michele il Gio 23 Gen - 21:41

Cosworth117 ha scritto:Si chiama cattolicesimo.  carneval Guarda, ti do una mia definizione di cattolico:

Dicesi cattolico:
- Chi conosce e accetta tutti i dogmi della propria Chiesa per quanto assurdi siano
- Chi non conosce ma accetta in ogni caso i dogmi della Chiesa, qualunque essi fossero. (Es. Mia madre è cattolica, ma sicuramente molti dogmi neanche li conosce... Se glieli faccio presente, lei mi dirà che ci crede. E così mi è successo altre volte.). = ignorante
- Chi li conosce e non li accetta, ma continua ad andare in Chiesa, pregare al momento del bisogno, ecc... = ipocrita
- Chi non li conosce e non li accetta, ma continua ad andare in Chiesa, pregare al momento del bisogno, ecc... = ignorante + ipocrita.

 study 

  Affascinante, detta così
quelli del gruppo 1 sono
una percentuale minima.

avatar
Michele
------------
------------

Numero di messaggi : 28
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 02.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da paolo1951 il Gio 23 Gen - 22:48

Difficile dire, definire cosa sia un cattolico.
Certamente se consideriamo cattolico solo chi conosce e accetta tutte le regole, i dogmi, i principi del cattolicesimo credo che in Italia di cattolici ne potremmo trovare meno dell' 1%.
D'altra parte molti di più si considerano, si dichiarano cattolici, anche praticanti, e quindi non vedo motivo di non considerarli tali, visto che anche la "Chiesa" non va troppo per il sottile e specie negli ultimi tempi cerca di prendere tutti i clienti che può prendere.

avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Paolo il Ven 24 Gen - 9:15

Non mi ricordo in quale trasmissione, ma penso le Iene, avevano chiesto ad alcuni religiosi in piazza San Pietro quali erano i 10 comandamenti. Solo uno li sapeva!
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8741
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Rasputin il Ven 24 Gen - 9:30

Paolo ha scritto:Non mi ricordo in quale trasmissione, ma penso le Iene, avevano chiesto ad alcuni religiosi in piazza San Pietro quali erano i 10 comandamenti. Solo uno li sapeva!

Pronti:



 ahahahahahah 

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50295
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Prece il Ven 24 Gen - 10:04

Paolo ha scritto:Non mi ricordo in quale trasmissione, ma penso le Iene, avevano chiesto ad alcuni religiosi in piazza San Pietro quali erano i 10 comandamenti. Solo uno li sapeva!
pensa che addirittura ai cattolici fino al secolo scorso era proibita la lettura della bibbia; addirittura la Congregazione dell'Indice istituita durante il concilio di Trento (1545-1563) ordinò di bruciare i volumi condannati dalle autorità ecclesiastiche… tra questi c'era anche la Bibbia. Oggi i cattolici a malapena conoscono qualche brano della bibbia prevalentemente per averlo ascoltato distrattamente durante la messa domenicale. Che dire delle altre confessioni cristiane (luterani, TdG, ecc.) che affermano la centralità della bibbia nella loro professione di fede ma che estrapolano da essa solo qualche brano che fa loro comodo, ignorando il resto; addirittura ogni setta ha elaborato una propria traduzione dai testi greci antichi. Poi è da considerare la ridicola secolare diatriba tra cattolici ed ortodossi: il principale nodo della discordia e della reciproca scomunica (ora cancellata) è una sottile questione teologica e cioè l'ordine di progressione della Trinità, per i cattolici è Padre, Figlio, S.S, per gli ortodossi il Figlio viene per ultimo. Analizzando dall'esterno questi comportamenti a volte mi scappa di pensare che 2000 anni di storia siano stati scritti da una miriade di matti.
avatar
Prece
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 66
Località : Emilia & Romagna
Occupazione/Hobby : alpinismo
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 17.12.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da paolo1951 il Ven 24 Gen - 10:32

Non credo però che questo sia un problema solo dei cattolici.
Ad esempio, sempre le iene ci avevano fatto vedere che i nostri politici più illustri non sapevano quale era l'articolo 1 della costituzione!!!
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Prece il Ven 24 Gen - 13:29

paolo1951 ha scritto:Non credo però che questo sia un problema solo dei cattolici.
Ad esempio, sempre le iene ci avevano fatto vedere che i nostri politici più illustri non sapevano quale era l'articolo 1 della costituzione!!!

Certo, quegli integralisti islamici che si fanno esplodere uccidendosi e uccidendo p.e. non hanno mai letto il Corano.  E' un problema umano generale dovuto alla pigrizia intellettuale; se l'uomo usasse anche solo un terzo dei cento miliardi di neuroni del suo cervello non cadrebbe nelle trappole delle religioni, ma soprattutto starebbe lontano da coloro che si proclamano maestri o profeti.
avatar
Prece
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 66
Località : Emilia & Romagna
Occupazione/Hobby : alpinismo
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 17.12.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Steerpike il Ven 24 Gen - 14:10

Cosworth117 ha scritto:Si chiama cattolicesimo.  carneval Guarda, ti do una mia definizione di cattolico:

Dicesi cattolico:
- Chi conosce e accetta tutti i dogmi della propria Chiesa per quanto assurdi siano
- Chi non conosce ma accetta in ogni caso i dogmi della Chiesa, qualunque essi fossero. (Es. Mia madre è cattolica, ma sicuramente molti dogmi neanche li conosce... Se glieli faccio presente, lei mi dirà che ci crede. E così mi è successo altre volte.). = ignorante
- Chi li conosce e non li accetta, ma continua ad andare in Chiesa, pregare al momento del bisogno, ecc... = ipocrita
- Chi non li conosce e non li accetta, ma continua ad andare in Chiesa, pregare al momento del bisogno, ecc... = ignorante + ipocrita.
Per quanto la quasi totalità di coloro che si definiscono "cattolici" rientri negli ultimi tre gruppi, tecnicamente è un abuso di notazione, simile a quello di definire "bambino zoroastriano" un figlio di zoroastriani. Di solito io chiamo "paracattolico" qualcuno che afferma di appartenere alla CCAR, ma che non sa dirmi se lo spirito santo procede solo dal padre, solo dal figlio o da entrambi.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da paolo1951 il Sab 25 Gen - 9:02

... quindi per te, almeno ai giorni nostri, ci sono praticamente solo paracattolici?

PS: escludendo il solo don Alberto e pochissimi altri preti...
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da vnd il Sab 25 Gen - 9:13

Steerpike ha scritto:
Cosworth117 ha scritto:Si chiama cattolicesimo.  carneval Guarda, ti do una mia definizione di cattolico:

Dicesi cattolico:
- Chi conosce e accetta tutti i dogmi della propria Chiesa per quanto assurdi siano
- Chi non conosce ma accetta in ogni caso i dogmi della Chiesa, qualunque essi fossero. (Es. Mia madre è cattolica, ma sicuramente molti dogmi neanche li conosce... Se glieli faccio presente, lei mi dirà che ci crede. E così mi è successo altre volte.). = ignorante
- Chi li conosce e non li accetta, ma continua ad andare in Chiesa, pregare al momento del bisogno, ecc... = ipocrita
- Chi non li conosce e non li accetta, ma continua ad andare in Chiesa, pregare al momento del bisogno, ecc... = ignorante + ipocrita.
Per quanto la quasi totalità di coloro che si definiscono "cattolici" rientri negli ultimi tre gruppi, tecnicamente è un abuso di notazione, simile a quello di definire "bambino zoroastriano" un figlio di zoroastriani. Di solito io chiamo "paracattolico" qualcuno che afferma di appartenere alla CCAR, ma che non sa dirmi se lo spirito santo procede solo dal padre, solo dal figlio o da entrambi.

infatti.
ma loro preferiscono non accorgersi delle loro  contraddizioni.
E... nota... Non sarebbe nemmeno una brutta religione.

La più grande: costringere la gente a sposarsi con un rito indissolubile che, a causa del concordato fascista, comporta la stipula di un contratto che, invece, è rescindibile nonché molto penalizzante per i fedeli maschi.
Come se non bastasse, i preti vanno a fare la Spia allo Stato in modo che la moglie metta loro il cappio al collo. Quello... sì...  per sempre.

E' pur vero che poi, una volta separati, danno da mangiare agli ex-mariti alla Caritas.

Non farebbero prima a metterli in guardia e a ripensare al concordato?

Che lo facciano per farsi belli?

Wehhh noi alla Carita ci diamo da mangiare aio padri separati!!

E stikazzi.
Prima li inguai....
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da paolo1951 il Sab 25 Gen - 9:47

vnd ha scritto:...
E... nota... Non sarebbe nemmeno una brutta religione....
Al solito dipende dai gusti, Nietzsche non la pensava così...
vnd ha scritto:...
Che lo facciano per farsi belli?
... penso proprio di sì!
Come si dice, è comodo fare il finocchio con il culo degli altri.
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da vnd il Sab 25 Gen - 11:10

paolo1951 ha scritto:
vnd ha scritto:...
E... nota... Non sarebbe nemmeno una brutta religione....
Al solito dipende dai gusti, Nietzsche non la pensava così...
vnd ha scritto:...
Che lo facciano per farsi belli?
... penso proprio di sì!
Come si dice, è comodo fare il finocchio con il culo degli altri.


bah... si direbbe che a volte ci mettano anche il loro... e con gusto.

Uno dei mali del Vaticano, IOR & c. sono proprio i preti innamorati degli speculatori.
Tenuti al guinzaglio come cagnolini.
avatar
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Steerpike il Sab 25 Gen - 18:00

paolo1951 ha scritto:... quindi per te, almeno ai giorni nostri, ci sono praticamente solo paracattolici?
Sì, "cattolici" solo perché hanno loro detto che lo sono.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Prece il Gio 30 Gen - 11:37

Steerpike ha scritto:
paolo1951 ha scritto:... quindi per te, almeno ai giorni nostri, ci sono praticamente solo paracattolici?
Sì, "cattolici" solo perché hanno loro detto che lo sono.
Odifreddi nel libro "Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)" affronta tutte le tematiche della fede confutandole proprio analizzando i Vangeli con spirito critico. I cattolici in genere non leggono i Vangeli, ne conoscono qualche brano ascoltato in chiesa con relativo commento di parte e seguono supinamente l'educazione scolastica e familiare. Qualcuno a volte si ritiene cattolico perchè affascinato dalla figura di Gesù ma raramente ne segue il suo insegnamento radicale; un mio amico rientrava in questa categoria ma andò in crisi quando si mise a leggere attentamente i vangeli trovandovi numerose incongruenze, p.e.confrontando nelle quattro versioni di Marco, Matteo, Luca e Giovanni la descrizione dell'elemento fondante del Cristianesimo ovvero la resurrezione di Cristo (per san Paolo "se Cristo non è resuscitato allora è vana la nostra predicazione ed è vana pure la nostra fede" 1Co15,14) la trovò poco credibile, perchè descritta in modo diverso e contraddittorio.
Odifreddi analizza le interpretazioni, le opinioni e le aggiunte che la Chiesa avrebbe apportato alla dottrina; viene anche esaminata una serie di limiti, difetti ed errori riscontrati nella storia di questa istituzione dagli inizi fino ai giorni nostri, passando dall'inquisizione e le indulgenze di ieri agli scandali sulla pedofilia e l'otto per mille di oggi.
Proprio la pedofilia di alcuni ecclesiastici, male ritenuto gravissimo proprio da Gesù che nei vangeli consiglierebbe di attaccarsi una pietra al collo e buttarsi in mare a coloro che hanno fatto scandalo ad un fanciullo, mi fa pensare che anche chi dovrebbe insegnare la religione spesso la disconosce.
Se analizziamo poi il vecchio testamento confrontandolo con la morale cattolica notiamo le incongruenze tra l'immoralità del comportamento dei padri fondatori, la dubbia moralità di Abramo ed i precetti della Chiesa cattolica.
avatar
Prece
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 66
Località : Emilia & Romagna
Occupazione/Hobby : alpinismo
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 17.12.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da kalab99 il Ven 31 Gen - 13:38

Inutili discussioni...per capire cos'è un autentico credente bisogna avere la fortuna di averne incontrato uno.
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 28
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da kalab99 il Ven 31 Gen - 16:19

Nel Fedro Socrate, quando gli si chiede cosa pensa dei miti e degli Dei, come si debba considerarli, risponde più o meno così: non sono ancora riuscito ad adempiere al compito dell'oracolo di Delfi, conosci te stesso, vuoi che ne sappia qualcosa sul soprannaturale?
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 28
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Minsky il Ven 31 Gen - 16:52

kalab99 ha scritto:Inutili discussioni...per capire cos'è un autentico credente bisogna avere la fortuna di averne incontrato uno.
E tu l'hai avuta, quella fortuna.  ahahahahahah

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15007
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da kalab99 il Ven 31 Gen - 17:12

Diciamo di sì...e fra i cattolici sono mosche bianche, almeno questa è la mia impressione, poi non è che conosca tutti i cattolici.
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 28
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La bibbia, un libro sconosciuto

Messaggio Da Steerpike il Ven 31 Gen - 17:15

kalab99 ha scritto:Nel Fedro Socrate, quando gli si chiede cosa pensa dei miti e degli Dei, come si debba considerarli, risponde più o meno così: non sono ancora riuscito ad adempiere al compito dell'oracolo di Delfi, conosci te stesso, vuoi che ne sappia qualcosa sul soprannaturale?
Non mi sembra per nulla la posizione di un credente.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum