Prete esibizionista

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Rasputin il Dom 26 Gen - 16:16

vnd ha scritto:
Farlocche per chi lo sa.
Io quando credevo di credere ero in buona fede...
Le religioni in occidente non sono più in condizioni di nuocere.
Per cui, considerarle ideologie pericolose, come il nazismo o il femminismo, mi sembra eccessivo.

Mah io direi che - anche se non come una volta - nuociono ancora, eccome. Magari avessi ragione tu, credimi mi farebbe molto piacere...

Cosworth117 ha scritto:Differenze?

Ah beh...per esserci ci sono, il nazismo ha fatto solo qualche milione di vittime, e durante un arco di tempo abbastanza limitato.

Alla sola religione cristiana invece si possono addebitarne centinaia di milioni e su un periodo di due millenni....vnd fai tu  wink.. 

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Minsky il Dom 26 Gen - 16:17

vnd ha scritto:
Le religioni in occidente non sono più in condizioni di nuocere.
Per cui, considerarle ideologie pericolose, come il nazismo o il femminismo, mi sembra eccessivo.
Errore colossale.  no!

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13439
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da vnd il Dom 26 Gen - 17:13

Minsky ha scritto:Illusione o cosa "seria"? (Forse intendevi "vera"). Cos'è in realtà la "libertà religiosa"? È una forma di libertà oppure una forma di oppressione? Sarebbe meglio capire questo, per non rischiare di parlare di libertà, a vanvera e inappropriatamente, no?

Non saprei...

Il limite alla libertà altrui è il rispetto della mia libertà.
Non so proprio come la libertà di un credente possa limitare la mia.

vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Rasputin il Dom 26 Gen - 17:19

vnd ha scritto:
Minsky ha scritto:Illusione o cosa "seria"? (Forse intendevi "vera"). Cos'è in realtà la "libertà religiosa"? È una forma di libertà oppure una forma di oppressione? Sarebbe meglio capire questo, per non rischiare di parlare di libertà, a vanvera e inappropriatamente, no?

Non saprei...

Il limite alla libertà altrui è il rispetto della mia libertà.
Non so proprio come la libertà di un credente possa limitare la mia.

Mai stato svegliato indesideratamente da campane?

Solo un esempio eh

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Cosworth117 il Dom 26 Gen - 17:47

O la processione che blocca le strade, o i soldi pubblici del Comune che vengono utilizzati per festeggiare la Santa della città...

_________________
There's always a plane B!

Meglio due mani operose, che cento bocche che pregano.

Chi conosce, sceglie. Chi crede di conoscere, crede di scegliere.

Cosworth117
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 9076
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Minsky il Dom 26 Gen - 18:23

vnd ha scritto:
Minsky ha scritto:Illusione o cosa "seria"? (Forse intendevi "vera"). Cos'è in realtà la "libertà religiosa"? È una forma di libertà oppure una forma di oppressione? Sarebbe meglio capire questo, per non rischiare di parlare di libertà, a vanvera e inappropriatamente, no?

Non saprei...

Il limite alla libertà altrui è il rispetto della mia libertà.
Non so proprio come la libertà di un credente possa limitare la mia.
Eddài, Vnd! O sei incredibilmente ingenuo, oppure dici così per gusto di polemica. Tuo diritto, eh. Ma non mi raccontare che non vedi i guasti della religione, a tutti i livelli, e sono ragionevolmente sicuro che anche tu, personalmente, li sconti ogni giorno.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13439
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da vnd il Dom 26 Gen - 22:34

Minsky ha scritto:
vnd ha scritto:
Minsky ha scritto:Illusione o cosa "seria"? (Forse intendevi "vera"). Cos'è in realtà la "libertà religiosa"? È una forma di libertà oppure una forma di oppressione? Sarebbe meglio capire questo, per non rischiare di parlare di libertà, a vanvera e inappropriatamente, no?

Non saprei...

Il limite alla libertà altrui è il rispetto della mia libertà.
Non so proprio come la libertà di un credente possa limitare la mia.
Eddài, Vnd! O sei incredibilmente ingenuo, oppure dici così per gusto di polemica. Tuo diritto, eh. Ma non mi raccontare che non vedi i guasti della religione, a tutti i livelli, e sono ragionevolmente sicuro che anche tu, personalmente, li sconti ogni giorno.


In tutta onestà, no.
E senza alcuna vena polemica.

E comunque, io, quando credevo di credere non potevo essere responsabile dei mali della religione.
Per cui, non vedo come chi ancora oggi crede possa danneggiarmi.

Però... se ne può parlare....

vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da ros79 il Dom 26 Gen - 22:51

bhè in Italia mi sembra evidente che i credenti siano un danno enorme. fanno numero come elettorato e la politica non gli si stacca di dosso e noi non possiamo usufruire dell'eutanasia in santa pace (è il caso di dirlo), non si possono celebrare matrimoni omosessuali, coppie di fatto non riconosciute, crocifissi nei luoghi pubblici (che a me personalmente urtano la sensibilità, mi danno sui nervi anche perchè devo spiegare a mio figlio di sei anni perchè esiste una statuina di un uomo sanguinolento appeso alle pareti della sua scuola)...questi alcuni esempi...
se io vedessi un credente obiettivo ..tanto di cappello...ma così non è e ogni singolo credente mi lede.

_________________
"Che cos'ho in comune con gli ebrei? Non ho neppure niente in comune con me stesso"

F.Kafka

ros79
---------------------
---------------------

Femminile Numero di messaggi : 1139
Età : 36
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da primaverino il Dom 26 Gen - 23:13

Cosworth117 ha scritto:O la processione che blocca le strade
O una gara ciclistica del cazzo che mi fa star fermo mentre devo andare a lavorare...
O la strada bloccata (con deviazioni improbabili) perché c'è il raduno dei Bikers o perché c'è la sagra della pannocchia o gli ambulanti di Forte dei Marmi e il loro mercatino, o una manifestazione pro o contro qualsiasi cosa...

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da vnd il Lun 27 Gen - 5:48

ros79 ha scritto:bhè in Italia mi sembra evidente che i credenti siano un danno enorme. fanno numero come elettorato e la politica non gli si stacca di dosso e noi non possiamo usufruire dell'eutanasia in santa pace (è il caso di dirlo), non si possono celebrare matrimoni omosessuali, coppie di fatto non riconosciute, crocifissi nei luoghi pubblici (che a me personalmente urtano la sensibilità, mi danno sui nervi anche perchè devo spiegare a mio figlio di sei anni perchè esiste una statuina di un uomo sanguinolento appeso alle pareti della sua scuola)...questi alcuni esempi...
se io vedessi un credente obiettivo ..tanto di cappello...ma così non è e ogni singolo credente mi lede.



Scusate ma a me paiono le lamentele delle femministe.
Bisognerebbe imparare a distinguere i problemi seri dalle pugnette.

Passare per fanatici o intolleranti è un'attimo...


Passi per l'eutanasia.... che a me sinceramente, come libertà fa un po' paura ma... è giusto che ognuno decida per se quando si tratta di scelte che lo riguardano e le cui conseguenze non possono ricadere anche sugli altri.

Ma per gli aspetti politici della questione il problema non può essere l'elettorato cattolico, che a me sembra composto da gente normale, che a differenza di noi è animato da inerzia religiosa e in qualche caso da una fede sincera che non possso che rispettare come scelta individuale, pur non condividendola.
Il problema è la nostra classe politica asservita al vaticano.

Eh... ma qui... se mai avessimo potuto scegliere, sarebbe stata anche un po' colpa nostra (retorica qualunquista).

I matrimoni omosessuali?
A me fa cagare già il matrimonio eterosessuale.
E poi, come ho già detto altre volte,  sono contrario alle adozioni da parte di coppie omosessuali. So che su questo non siamo d'accordo, ma credo che sia un mio diritto esserlo. O no?
Oltretutto si tratta di una scelta di persone che, coinvolgendo il minore, va contro il principio che ho grassettato sopra.

Leva la pensione di reversibilità e la possibilità di ereditare da coniuge a coniuge, cose che io leverei per tutti, e nessuno vorrà più sposarsi.
Il matrimonio è solo un magna magna.
Smettiamola di frignare e aboliamo anche quello etero!

Io sono in una coppia di fatto e a me del riconoscimento alle coppie di fatto non me ne importa una beata fava.
Se avessi voluto essere soggetto a vincoli vessatori mi sarei sposato.
Fatevi i cazzi vostri, per cortesia.

Quella sul crocefisso è una puttanata.
A me non dà nessun fastidio. E' vero che c'è un torturato appeso ma dopo un po' ci si fa l'abitudine.
Un simbolo al quale non dò alcun significato non può urtarmi.
Se uno è intolerante, sono problemi suoi.

Che poi non è vero che non dò al crocifisso alcun significato perché, forse perché ex cristiano, a me i valori cristiani piacciono quasi quasi più adesso che sono ateo che prima.
Sono i valori cristiani a rendere la nostra cultura leggermente migliore delle altre.
Se non fosse per quei valori saremmo dei trogloditi, come i musulmani.

vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Rasputin il Lun 27 Gen - 7:34

primaverino ha scritto:
Cosworth117 ha scritto:O la processione che blocca le strade
O una gara ciclistica del cazzo che mi fa star fermo mentre devo andare a lavorare...
O la strada bloccata (con deviazioni improbabili) perché c'è il raduno dei Bikers o perché c'è la sagra della pannocchia o gli ambulanti di Forte dei Marmi e il loro mercatino, o una manifestazione pro o contro qualsiasi cosa...

Eh no. Quelle che hai menzionato sono tutte cose di - in diverse misure, e più o meno discutibile - utilità pratica.

Una processione non serve assolutamente a nulla.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da ros79 il Lun 27 Gen - 12:40

vnd ha scritto:
ros79 ha scritto:bhè in Italia mi sembra evidente che i credenti siano un danno enorme. fanno numero come elettorato e la politica non gli si stacca di dosso e noi non possiamo usufruire dell'eutanasia in santa pace (è il caso di dirlo), non si possono celebrare matrimoni omosessuali, coppie di fatto non riconosciute, crocifissi nei luoghi pubblici (che a me personalmente urtano la sensibilità, mi danno sui nervi anche perchè devo spiegare a mio figlio di sei anni perchè esiste una statuina di un uomo sanguinolento appeso alle pareti della sua scuola)...questi alcuni esempi...
se io vedessi un credente obiettivo ..tanto di cappello...ma così non è e ogni singolo credente mi lede.



Scusate ma a me paiono le lamentele delle femministe.
Bisognerebbe imparare a distinguere i problemi seri dalle pugnette.

Passare per fanatici o intolleranti è un'attimo...


Passi per l'eutanasia.... che a me sinceramente, come libertà fa un po' paura ma... è giusto che ognuno decida per se quando si tratta di scelte che lo riguardano e le cui conseguenze non possono ricadere anche sugli altri.

Ma per gli aspetti politici della questione il problema non può essere l'elettorato cattolico, che a me sembra composto da gente normale, che a differenza di noi è animato da inerzia religiosa e in qualche caso da una fede sincera che non possso che rispettare come scelta individuale, pur non condividendola.
Il problema è la nostra classe politica asservita al vaticano.

Eh... ma qui... se mai avessimo potuto scegliere, sarebbe stata anche un po' colpa nostra (retorica qualunquista).

I matrimoni omosessuali?
A me fa cagare già il matrimonio eterosessuale.
E poi, come ho già detto altre volte,  sono contrario alle adozioni da parte di coppie omosessuali. So che su questo non siamo d'accordo, ma credo che sia un mio diritto esserlo. O no?
Oltretutto si tratta di una scelta di persone che, coinvolgendo il minore, va contro il principio che ho grassettato sopra.

Leva la pensione di reversibilità e la possibilità di ereditare da coniuge a coniuge, cose che io leverei per tutti, e nessuno vorrà più sposarsi.
Il matrimonio è solo un magna magna.
Smettiamola di frignare e aboliamo anche quello etero!

Io sono in una coppia di fatto e a me del riconoscimento alle coppie di fatto non me ne importa una beata fava.
Se avessi voluto essere soggetto a vincoli vessatori mi sarei sposato.
Fatevi i cazzi vostri, per cortesia.

Quella sul crocefisso è una puttanata.
A me non dà nessun fastidio. E' vero che c'è un torturato appeso ma dopo un po' ci si fa l'abitudine.
Un simbolo al quale non dò alcun significato non può urtarmi.
Se uno è intolerante, sono problemi suoi.

Che poi non è vero che non dò al crocifisso alcun significato perché, forse perché ex cristiano, a me i valori cristiani piacciono quasi quasi più adesso che sono ateo che prima.
Sono i valori cristiani a rendere la nostra cultura leggermente migliore delle altre.
Se non fosse per quei valori saremmo dei trogloditi, come i musulmani.
sono tutte opinioni...l'eutanasia è un argomento delicato al quale io tengo e quindi già di per sè è un motivo valido a parere mio per classificare i credenti limitativi della mia libertà di scelta sulla mia vita.
per quanto riguarda il matrimionio...il tuo punto di vista è condivisibilissimo, ma io parto dal presupposto che vivo uin una società nella quale mi hanno cresciuta e per la quale mi si è formata sin da piccola una forma mentis per cui ci sono dei ruoli. d'accordo o meno esistono ( e mi trovo sinceramente d'accordo sul fatto che non abbiano senso alcuno). ecco, dal momento che in questa società ci viviamo allora non vedo perchè quello che è un diritto per me non può esserlo per te ( principio di eguaglianza, vedi Costituzione Italiana). Allora...io non sono omosessuale quindi me ne potrei sbattere altamente, ma mi irrita pensare che c'è gente che non può usufruire di "ruoli" impartiti sin da piccoli, costruiti dall'essere umano e che fintamente hanno una sostanza , perchè ad esempio vogliono farlo con una persona di pari sesso.
Partendo dall'altro presupposto, che anche il matrimonio civile è sempre una convenzione religiosa, la famiglia lo è, noi dovremmo vivere tra gli alberi e fare figli  per l'istinto di conservazione della specie e basta, mettendo da parte quindi questo assunto per cui la coppia di per sè è già una finzione, invenzione di questa società che ha origini e fondamenta nella religione come regola di convivenza e obbedienza civile, a questo punto non trovo giusto non prendere in considerazione anche adozioni. mamma papà e figlioletto e perchè no un cane e un gatto..ma basta...sono costruzioni, e allora se lo sono (e lo sono) costruiamo altre forme di condivisione sociale senza metterci le mani ai bordi delle guance urlando per lo scandalo di vedere due uomini baciarsi.
è tutto finto. allora vogliamo recitare questo teatrino...lasciamolo fare a tutti, che male c'è.
tirando le somme quindi vedi bene che a me i credenti limitano tantissimo l'espressione libera del mio pensiero nella sua attuazione pratica della società.

_________________
"Che cos'ho in comune con gli ebrei? Non ho neppure niente in comune con me stesso"

F.Kafka

ros79
---------------------
---------------------

Femminile Numero di messaggi : 1139
Età : 36
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da vnd il Lun 27 Gen - 17:08

ros79 ha scritto:
sono tutte opinioni...l'eutanasia è un argomento delicato al quale io tengo e quindi già di per sè è un motivo valido a parere mio per classificare i credenti limitativi della mia libertà di scelta sulla mia vita.
per quanto riguarda il matrimionio...il tuo punto di vista è condivisibilissimo, ma io parto dal presupposto che vivo uin una società nella quale mi hanno cresciuta e per la quale mi si è formata sin da piccola una forma mentis per cui ci sono dei ruoli. d'accordo o meno esistono ( e mi trovo sinceramente d'accordo sul fatto che non abbiano senso alcuno). ecco, dal momento che in questa società ci viviamo allora non vedo perchè quello che è un diritto per me non può esserlo per te ( principio di eguaglianza, vedi Costituzione Italiana). Allora...io non sono omosessuale quindi me ne potrei sbattere altamente, ma mi irrita pensare che c'è gente che non può usufruire di "ruoli" impartiti sin da piccoli, costruiti dall'essere umano e che fintamente hanno una sostanza , perchè ad esempio vogliono farlo con una persona di pari sesso.
Partendo dall'altro presupposto, che anche il matrimonio civile è sempre una convenzione religiosa, la famiglia lo è, noi dovremmo vivere tra gli alberi e fare figli  per l'istinto di conservazione della specie e basta, mettendo da parte quindi questo assunto per cui la coppia di per sè è già una finzione, invenzione di questa società che ha origini e fondamenta nella religione come regola di convivenza e obbedienza civile, a questo punto non trovo giusto non prendere in considerazione anche adozioni. mamma papà e figlioletto e perchè no un cane e un gatto..ma basta...sono costruzioni, e allora se lo sono (e lo sono) costruiamo altre forme di condivisione sociale senza metterci le mani ai bordi delle guance urlando per lo scandalo di vedere due uomini baciarsi.
è tutto finto. allora vogliamo recitare questo teatrino...lasciamolo fare a tutti, che male c'è.
tirando le somme quindi vedi bene che a me i credenti limitano tantissimo l'espressione libera del mio pensiero nella sua attuazione pratica della società.


Veramente no.
Non trovo affatto che sia una scelta intelligente che tutti facciano il teatrino.
Specie se per far fare il teatrino ci devo rimettere io.
Il buon senso, invece, suggerirebbe di agire in modo che sto teatrino non lo facesse più nessuno e perché il matrimonio smettesse di essere un mezzo per arricchirsi, sistemarsi o, come minimo, procurarsi un vitalizio.
Il matrimonio è un'istituzione pensata come indissolubile ma non lo è più.
Va riprogettato completamente e riguardare soltanto più aspetti anagrafici senza toccare aspetti patrimoniali o economici.
Ripeto. Togli la pensione di reversibilità, e il passaggio di beni per via ereditaria da coniuge a coniuge e nessun omosessuale chiederà più di sposarsi. Tranne gli idioti di sempre, naturalmente.

Ma non vedo proprio perché, per consentire agli omosessuali di fare il teatrino, io dovrei in qualche modo inguaiarmi più di quanto non lo sia gia con qualcosa che legiferi sulle coppie di fatto.
Vi prego! Lasciatemi stare. Io non voglio!!!
Fatevi gli affari vostri ma non danneggiatemi.

E' vero. Vedere due uomini che si baciano mi darebbe fastidio.
Anche vedere due donne che si baciano.
E se devo dirla tutta... non vado matto nemmeno per gli etero, adulti, che si baciano in pubblico.
Cosciente del fatto che il mio gesto di guardarli potrebbe assumere per alcuni un significato ed essere  frainteso, mi sentirei costretto a voltarmi da un'altra parte.
Costringere qualcuno a voltarsi da un'altra parte, non è forse una forma di violenza?
Perché devo essere oggetto di violenza?

Io la mia compagna la bacio a casa mia.
Non possono farlo anche gli altri?


In tutto questo, però, quello che continua a sfuggirmi è perché dovrebbero starmi sulle palle i credenti. Ossia, quelli come ero io qualche anno fa.
In base a questo ragionamento dovrei starmi sul culo da solo....

Il che mi pare abbastanza assurdo.

Faccio presente che sulle mie scelte politiche la religione era già assente prima.
Faccio presente che la maggior parte di coloro che si presumono cattolici, votò in favore del divorzio e, più tardi, anche se per ragioni diverse da quelle che la retorica femminista vuol lasciare intendere, votò in favore dell'aborto.
Per dirtela tutta, io ero contro l'aborto prima e lo sono oggi.
E ragionavo con la mia testa sia prima che adesso.

Insomma... o mi sfugge qualcosa o c'è qualcosa, nel tuo discorso, che fa attrito.

Già la frase sul matrimonio civile che sarebbe una convenzione religiosa mi lascia perplesso...
Non è che me ne sbatto degli omosessuali, perchè io non lo sono ma non si pretenda che lo prenda in culo io al posto loro.

E i ruoli imparati da piccoli non è corretto invocarli quando si tratta di venire incontro alle esigenze particolari di alcuni per poi scordarsene quando le esigenze sono di quelli che, come me, non gradiscono assumersi impegni definitivi e, soprattutto, sottostare agli stupidi imbrogli che il matrimonio o ciò che può somigliargli comporterebbe.

Concludendo, mi pare che nessun credente (o ateo) ti abbia impedito di esprimere liberamente il tuo pensiero.
E meno male!




Ultima modifica di vnd il Lun 27 Gen - 17:21, modificato 1 volta

vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da vnd il Lun 27 Gen - 17:19

Rasputin ha scritto:
primaverino ha scritto:
Cosworth117 ha scritto:O la processione che blocca le strade
O una gara ciclistica del cazzo che mi fa star fermo mentre devo andare a lavorare...
O la strada bloccata (con deviazioni improbabili) perché c'è il raduno dei Bikers o perché c'è la sagra della pannocchia o gli ambulanti di Forte dei Marmi e il loro mercatino, o una manifestazione pro o contro qualsiasi cosa...

Eh no. Quelle che hai menzionato sono tutte cose di - in diverse misure, e più o meno discutibile - utilità pratica.

Una processione non serve assolutamente a nulla.


Beh... tiene impegnati gli idioti che altrimenti potrebbero far danni.
 ahahahahahah 
[Vedi? A frequentar voi mi sto rovinando.....]

vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da primaverino il Lun 27 Gen - 19:16

Rasputin ha scritto:
primaverino ha scritto:
Cosworth117 ha scritto:O la processione che blocca le strade
O una gara ciclistica del cazzo che mi fa star fermo mentre devo andare a lavorare...
O la strada bloccata (con deviazioni improbabili) perché c'è il raduno dei Bikers o perché c'è la sagra della pannocchia o gli ambulanti di Forte dei Marmi e il loro mercatino, o una manifestazione pro o contro qualsiasi cosa...

Eh no. Quelle che hai menzionato sono tutte cose di - in diverse misure, e più o meno discutibile - utilità pratica.

Una processione non serve assolutamente a nulla.

E quale sarebbe l'utilità pratica di cento scemi che non hanno un cazzo da fare e che si dilettano a rompere i coglioni reclamando per loro la strada (che è di tutti) a proprio esclusivo uso?
Si comprino una cyclette e pedalino a casa loro no?
Invece di andare in giro a cagare il cazzo alla gente...

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da chef75 il Lun 27 Gen - 19:42

Non capisco Primaverino come mai inveire così la categoria dei ciclisti ? ...non mi sembra sia stato mai il tuo modo di scrivere, se lo stai facendo in maniera metaforica potrei pure capirti ma altrimenti non ci arrivo...era perfetto il tuo esempio e l' esempio che facevi notare a Cos , che secondo me non faceva una piega...ma questa tua mi lascia un po di stucco , "cento scemi che non hanno un cazzo da fare che rompere i coglioni" , che frase di dubbio gusto , e non perche pure io faccio parte di quei cento scemi ma obiettivamente parlando procurano il solito disagio di una partita di calcio o di una fiera cittadina , un mercato  etc etc ...in piu il codice della strada dice che la strada è per le auto i motocicli gli animali da traino e le biciclette quindi non si può obiettare a questo.

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed ineguagliabile.
Carlo M. Cipolla

E>en

chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7621
Età : 41
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da ros79 il Lun 27 Gen - 19:49

vnd ha scritto:
ros79 ha scritto:
sono tutte opinioni...l'eutanasia è un argomento delicato al quale io tengo e quindi già di per sè è un motivo valido a parere mio per classificare i credenti limitativi della mia libertà di scelta sulla mia vita.
per quanto riguarda il matrimionio...il tuo punto di vista è condivisibilissimo, ma io parto dal presupposto che vivo uin una società nella quale mi hanno cresciuta e per la quale mi si è formata sin da piccola una forma mentis per cui ci sono dei ruoli. d'accordo o meno esistono ( e mi trovo sinceramente d'accordo sul fatto che non abbiano senso alcuno). ecco, dal momento che in questa società ci viviamo allora non vedo perchè quello che è un diritto per me non può esserlo per te ( principio di eguaglianza, vedi Costituzione Italiana). Allora...io non sono omosessuale quindi me ne potrei sbattere altamente, ma mi irrita pensare che c'è gente che non può usufruire di "ruoli" impartiti sin da piccoli, costruiti dall'essere umano e che fintamente hanno una sostanza , perchè ad esempio vogliono farlo con una persona di pari sesso.
Partendo dall'altro presupposto, che anche il matrimonio civile è sempre una convenzione religiosa, la famiglia lo è, noi dovremmo vivere tra gli alberi e fare figli  per l'istinto di conservazione della specie e basta, mettendo da parte quindi questo assunto per cui la coppia di per sè è già una finzione, invenzione di questa società che ha origini e fondamenta nella religione come regola di convivenza e obbedienza civile, a questo punto non trovo giusto non prendere in considerazione anche adozioni. mamma papà e figlioletto e perchè no un cane e un gatto..ma basta...sono costruzioni, e allora se lo sono (e lo sono) costruiamo altre forme di condivisione sociale senza metterci le mani ai bordi delle guance urlando per lo scandalo di vedere due uomini baciarsi.
è tutto finto. allora vogliamo recitare questo teatrino...lasciamolo fare a tutti, che male c'è.
tirando le somme quindi vedi bene che a me i credenti limitano tantissimo l'espressione libera del mio pensiero nella sua attuazione pratica della società.


Veramente no.
Non trovo affatto che sia una scelta intelligente che tutti facciano il teatrino.
Specie se per far fare il teatrino ci devo rimettere io.
Il buon senso, invece, suggerirebbe di agire in modo che sto teatrino non lo facesse più nessuno e perché il matrimonio smettesse di essere un mezzo per arricchirsi, sistemarsi o, come minimo, procurarsi un vitalizio.
Il matrimonio è un'istituzione pensata come indissolubile ma non lo è più.
Va riprogettato completamente e riguardare soltanto più aspetti anagrafici senza toccare aspetti patrimoniali o economici.
Ripeto. Togli la pensione di reversibilità, e il passaggio di beni per via ereditaria da coniuge a coniuge e nessun omosessuale chiederà più di sposarsi. Tranne gli idioti di sempre, naturalmente.

Ma non vedo proprio perché, per consentire agli omosessuali di fare il teatrino, io dovrei in qualche modo inguaiarmi più di quanto non lo sia gia con qualcosa che legiferi sulle coppie di fatto.
Vi prego! Lasciatemi stare. Io non voglio!!!
Fatevi gli affari vostri ma non danneggiatemi.

E' vero. Vedere due uomini che si baciano mi darebbe fastidio.
Anche vedere due donne che si baciano.
E se devo dirla tutta... non vado matto nemmeno per gli etero, adulti, che si baciano in pubblico.
Cosciente del fatto che il mio gesto di guardarli potrebbe assumere per alcuni un significato ed essere  frainteso, mi sentirei costretto a voltarmi da un'altra parte.
Costringere qualcuno a voltarsi da un'altra parte, non è forse una forma di violenza?
Perché devo essere oggetto di violenza?

Io la mia compagna la bacio a casa mia.
Non possono farlo anche gli altri?


In tutto questo, però, quello che continua a sfuggirmi è perché dovrebbero starmi sulle palle i credenti. Ossia, quelli come ero io qualche anno fa.
In base a questo ragionamento dovrei starmi sul culo da solo....

Il che mi pare abbastanza assurdo.

Faccio presente che sulle mie scelte politiche la religione era già assente prima.
Faccio presente che la maggior parte di coloro che si presumono cattolici, votò in favore del divorzio e, più tardi, anche se per ragioni diverse da quelle che la retorica femminista vuol lasciare intendere, votò in favore dell'aborto.
Per dirtela tutta, io ero contro l'aborto prima e lo sono oggi.
E ragionavo con la mia testa sia prima che adesso.

Insomma... o mi sfugge qualcosa o c'è qualcosa, nel tuo discorso, che fa attrito.

Già la frase sul matrimonio civile che sarebbe una convenzione religiosa mi lascia perplesso...
Non è che me ne sbatto degli omosessuali, perchè io non lo sono ma non si pretenda che lo prenda in culo io al posto loro.

E i ruoli imparati da piccoli non è corretto invocarli quando si tratta di venire incontro alle esigenze particolari di alcuni per poi scordarsene quando le esigenze sono di quelli che, come me, non gradiscono assumersi impegni definitivi e, soprattutto, sottostare agli stupidi imbrogli che il matrimonio o ciò che può somigliargli comporterebbe.

Concludendo, mi pare che nessun credente (o ateo) ti abbia impedito di esprimere liberamente il tuo pensiero.
E meno male!


ma in cosa ti danneggia una coppia gay che si sposa? subisci una violenza? bhè io anche, nel momento in cui entro in un edificio pubblico e mi tocca sorbirmi statue sante o crocifissi (checche tu ne dica, a me urta la sensibilità, mi urta pensare che la genta dia un senso alla propria vita fidandosi di quelle statuine). io subisco violenza quando vedo preti e suore allora, mi urta vedere che parlano con la gente e cercano di indirizzarli verso la via del signore. mi urtano i credenti che pensano di essere nelle grazie di dio perchè magari sono guariti da una malattia quando da un'altra parte nel mondo, o magari dietro l'angolo, un'altra persona muore, e perchè no, anche nelle sofferenze più atroci, ma grazie a dio...lui si è salvato. per me questa è violenza psicologica. e mi urta vedere che vivo in un paese dove non sono libera di scegliere della mia vita (eutanasia e visto che l'hai anche nominato, l'aborto). 
il matrimonio è per me una convenzione religiosa perchè se non fossero esistite le religioni non ci sarebbe stato bisogno di far credere alla gente che uomini e donne per procreare devono stare in coppia, insomma hanno dato una regola ben precisa.una regola di ordine sociale. il cattolicesimo perlomeno per quel che ne so io. 
per quanto riguarda la libera espressione del mio pensiero certamente qui dentro posso. fuori di qua, nella vita reale ti posso garantire che , va bene non ne va della mia incolumità fisica (almeno...per  fortuna) ma prova a dire qualcosa anche di poco grave che vada contro i dogmi del cattolicesimo...poi vedi...solo per fare un esempio io non ho battezzato mio figlio e quando la gente mi chiedeva se l'avessi fatto nel momento in cui esprimevo la mia idea dicendo che no, non l'avevo fatto, sembrava che mi trasformassi in satana in persona, quasi una madre indegna che non pensa alla salvezza del figlio in nome del suo essere cinicamente atea. giuro, c'è gente che riesce a scandalizzarsi. e non di poco.

_________________
"Che cos'ho in comune con gli ebrei? Non ho neppure niente in comune con me stesso"

F.Kafka

ros79
---------------------
---------------------

Femminile Numero di messaggi : 1139
Età : 36
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Rasputin il Lun 27 Gen - 20:16

Premetto che quoto in gran parte le tue riflessioni sul matrimonio, e sintetizzo: sotto le attuali circostanze socioculturali/economiche, il matrimonio é un'istituzione superata.

vnd ha scritto:Cosciente del fatto che il mio gesto di guardarli potrebbe assumere per alcuni un significato ed essere  frainteso, mi sentirei costretto a voltarmi da un'altra parte.
Costringere qualcuno a voltarsi da un'altra parte, non è forse una forma di violenza?

No, lo sarebbe costringerlo a guardare.

vnd ha scritto:Io la mia compagna la bacio a casa mia.
Non possono farlo anche gli altri?

Lo possono fare dove pare a loro, esattamente come è nel tuo diritto a prescindere che tu ne faccia uso o no. Se fosse per me, varrebbe anche per le trombate  mgreen 

vnd ha scritto:Già la frase sul matrimonio civile che sarebbe una convenzione religiosa mi lascia perplesso...

Non è il matrimonio "Civile" ad essere una convenzione religiosa, è il matrimonio in sé ad evarne le radici...per quanto mi risulta, in tutte le culture che lo prevedono.

vnd ha scritto:Non è che me ne sbatto degli omosessuali, perchè io non lo sono ma non si pretenda che lo prenda in culo io al posto loro.

Non mi pare che nessuno lo pretenda.

vnd ha scritto:Concludendo, mi pare che nessun credente (o ateo) ti abbia impedito di esprimere liberamente il tuo pensiero.

Ah no? Prova a bestemmiare in pubblico  mgreen 

primaverino ha scritto:
E quale sarebbe l'utilità pratica di cento scemi che non hanno un cazzo da fare e che si dilettano a rompere i coglioni reclamando per loro la strada (che è di tutti) a proprio esclusivo uso?
Si comprino una cyclette e pedalino a casa loro no?
Invece di andare in giro a cagare il cazzo alla gente...

Quella commeciale, per dirne una. Sponsor, mezzi di comunicazione = lavoro per una quantità di persone.

Secondo questa logica poi, dovrebbero eliminarsi tutte le manifestazioni sportive comprese le Olimpiadi.

No mi sembri fuori strada.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da vnd il Lun 27 Gen - 20:21

ros79 ha scritto:


ma in cosa ti danneggia una coppia gay che si sposa? subisci una violenza? bhè io anche, nel momento in cui entro in un edificio pubblico e mi tocca sorbirmi statue sante o crocifissi (checche tu ne dica, a me urta la sensibilità, mi urta pensare che la genta dia un senso alla propria vita fidandosi di quelle statuine). io subisco violenza quando vedo preti e suore allora, mi urta vedere che parlano con la gente e cercano di indirizzarli verso la via del signore. mi urtano i credenti che pensano di essere nelle grazie di dio perchè magari sono guariti da una malattia quando da un'altra parte nel mondo, o magari dietro l'angolo, un'altra persona muore, e perchè no, anche nelle sofferenze più atroci, ma grazie a dio...lui si è salvato. per me questa è violenza psicologica. e mi urta vedere che vivo in un paese dove non sono libera di scegliere della mia vita (eutanasia e visto che l'hai anche nominato, l'aborto). 
il matrimonio è per me una convenzione religiosa perchè se non fossero esistite le religioni non ci sarebbe stato bisogno di far credere alla gente che uomini e donne per procreare devono stare in coppia, insomma hanno dato una regola ben precisa.una regola di ordine sociale. il cattolicesimo perlomeno per quel che ne so io. 
per quanto riguarda la libera espressione del mio pensiero certamente qui dentro posso. fuori di qua, nella vita reale ti posso garantire che , va bene non ne va della mia incolumità fisica (almeno...per  fortuna) ma prova a dire qualcosa anche di poco grave che vada contro i dogmi del cattolicesimo...poi vedi...solo per fare un esempio io non ho battezzato mio figlio e quando la gente mi chiedeva se l'avessi fatto nel momento in cui esprimevo la mia idea dicendo che no, non l'avevo fatto, sembrava che mi trasformassi in satana in persona, quasi una madre indegna che non pensa alla salvezza del figlio in nome del suo essere cinicamente atea. giuro, c'è gente che riesce a scandalizzarsi. e non di poco.

Pensavo fosse chiaro: mi danneggia la possibilità che le libere convivenze vengano regolamentate e, pertanto, non siano più libere.

Per me la gente può fare come crede. Anche adorare statuine, purchè non tenti di limitare con il proprio agire la mia libertà.

Per me la gente può parlare con chi vuole e di che cosa vuole, basta che non dica a me che cosa devo fare.

Perché.... vedi... quei signori che si scandalizzano perché non hai battezzato la figlia.... non possono fare molto più che scandalizzarsi e, in fondo, sono problemi loro, non tuoi.
Ma... che qualcuno si inventi che io, dopo tot anni di convivenza, se la mia compagna mi lasciasse, dovrei pagarle gli alimenti, mi usa violenza.
E questo, è un problema decisamente più concreto delle tue antipatie personali e delle paure dei tuoi quattro sfigati.

vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da vnd il Lun 27 Gen - 20:29

Rasputin ha scritto:
vnd ha scritto:Non è che me ne sbatto degli omosessuali, perchè io non lo sono ma non si pretenda che lo prenda in culo io al posto loro.

Non mi pare che nessuno lo pretenda.

vnd ha scritto:Concludendo, mi pare che nessun credente (o ateo) ti abbia impedito di esprimere liberamente il tuo pensiero.

Ah no? Prova a bestemmiare in pubblico  mgreen 


Beh... se regolarizzi le convivenze, potresti limitare la mia libertà.


La bestemmia non è più punita, mi pare.
Vivi sereno.
Resta il fatto che, secondo me, fai una figura migliore se non bestemmi.

vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da vnd il Lun 27 Gen - 20:32

Le religioni servono ai potenti per sfruttare meglio il popolo.
La più efficace forma di sfruttamento è la guerra e le speculazioni ad essa connesse.
Se la gente non credesse nella vita oltre la morte, non accetterebbe mai di combattere e morire perché altri continuino a godersi la vita alle loro spalle.


vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
43 / 7043 / 70

Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Rasputin il Lun 27 Gen - 20:37

vnd ha scritto:

Beh... se regolarizzi le convivenze, potresti limitare la mia libertà.


La bestemmia non è più punita, mi pare.
Vivi sereno.
Resta il fatto che, secondo me, fai una figura migliore se non bestemmi.

Le convivenze sono già regolarizzate, purtroppo. Eliminare tale regolarizzazione pare al momento poco pensabile, allora almeno diamo le stesse regolarizzazioni a tutte le convivenze, no?

Per la bestemmia, non mi pare si stesse parlando di perseguibilità a norma di legge, bensí di limitazione di fatto della personale libertà di espressione.

A prescindere da che essa possa essere più o meno di cattivo gusto.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da primaverino il Lun 27 Gen - 20:44

chef75 ha scritto:Non capisco Primaverino come mai inveire così la categoria dei ciclisti ? ...non mi sembra sia stato mai il tuo modo di scrivere, se lo stai facendo in maniera metaforica potrei pure capirti ma altrimenti non ci arrivo...era perfetto il tuo esempio e l' esempio che facevi notare a Cos , che secondo me non faceva una piega...ma questa tua mi lascia un po di stucco , "cento scemi che non hanno un cazzo da fare che rompere i coglioni" , che frase di dubbio gusto , e non perche pure io faccio parte di quei cento scemi ma obiettivamente parlando procurano il solito disagio di una partita di calcio o di una fiera cittadina , un mercato  etc etc ...in piu il codice della strada dice che la strada è per le auto i motocicli gli animali da traino e le biciclette quindi non si può obiettare a questo.

Ho usato volutamente un linguaggio provocatorio.
Rispondevo al Rasp (che diceva che a differenza di una processione, una gara ciclistica possiede una qualche utilità pratica) rimarcando il fatto che per quanto mi riguarda l'avere la strada ostruita da una processione o da una gara ciclistica non fa differenza, perché sempre di rottura di coglioni si tratta.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Rasputin il Lun 27 Gen - 20:55

primaverino ha scritto:
Ho usato volutamente un linguaggio provocatorio.
Rispondevo al Rasp (che diceva che a differenza di una processione, una gara ciclistica possiede una qualche utilità pratica) rimarcando il fatto che per quanto mi riguarda l'avere la strada ostruita da una processione o da una gara ciclistica non fa differenza, perché sempre di rottura di coglioni si tratta.

La prima non serve a nulla, la seconda sí.

Pensa solo se passasse davanti al tuo ristorante.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prete esibizionista

Messaggio Da Cosworth117 il Lun 27 Gen - 21:03

primaverino ha scritto:Si comprino una cyclette e pedalino a casa loro no?
Invece di andare in giro a cagare il cazzo alla gente...

Sì proprio, stessa cosa... I cattolici piuttosto, perché non si fanno la processione nella Chiesa loro? Perché scendono per strada? Non ha assolutamente senso. Mentre per i ciclisti c'è un'utilità a correre per strada, per i cattolici assolutamente no. Fare prendere un pò d'aria a un pò di marmo? Ma per favore.

_________________
There's always a plane B!

Meglio due mani operose, che cento bocche che pregano.

Chi conosce, sceglie. Chi crede di conoscere, crede di scegliere.

Cosworth117
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 9076
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum