Cosa rende un uomo malvagio?

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Sun Tzu il Lun 10 Feb - 19:55

ros79 ha scritto:secondo me la domanda , a patto che vogliamo credere ai fini del topic che esista un significato oggettivo del bene e del male, dovrebbe essere invertita: cosa spinge un uomo ad essere buono? insomma.. in natura, vince il più forte, e il più forte non ha pena per i più deboli...il tutto in uno scenario psicologico dove l'egoismo è il fattore principale dell'esistenza.

Se l'egoismo sarebbe il fattore che rende forti,non vedo perchè un essere umano formi le società che invece prevedono la cooperazione per sopravvivere.

Non mi sembra che cento persone che cooperano tra di loro rispetto a un solo uomo, siano "più deboli" dello stesso egoista che vive solo.Anzi in teoria dei giochi la scelta più razionale e creare legami di cooperazione,un uomo che vive nel proprio egoismo è morto,viene sopraffatto da altri individui organizzati che cooperano tra di loro,anche in maniera altruistica,le nazioni in cui vige infatti una maggiore cooperazione sono le più forti,quelle invece dove non c'è cooperazione sono quasi inevitabilmente destinate a soccombere alle altre,maggiormente il tessuto sociale è disgregato,anche a causa dei vari egoismi individuali, maggiore sono le probabilità che si emigri in società dove vige una cooperazione tra cittadini più forte.La sopravvivenza è anche uno di quei fattori che ti spinge a "essere buono"rispetto ala società o comunque "altruista", e a creare legami di cooperazione con gli altri.
avatar
Sun Tzu
-------------
-------------

Numero di messaggi : 643
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da ToninoScalzo il Mar 11 Feb - 4:38

Sun Tzu ha scritto:Se l'egoismo sarebbe il fattore che rende forti,non vedo perchè un essere umano formi le società che invece prevedono la cooperazione per sopravvivere.

Non mi sembra che cento persone che cooperano tra di loro rispetto a un solo uomo, siano "più deboli" dello stesso egoista che vive solo.Anzi in teoria dei giochi la scelta più razionale e creare legami di cooperazione,un uomo che vive nel proprio egoismo è morto,viene sopraffatto da altri individui organizzati che cooperano tra di loro,anche in maniera altruistica,le nazioni in cui vige infatti una maggiore cooperazione sono le più forti,quelle invece dove non c'è cooperazione sono quasi inevitabilmente destinate a soccombere alle altre,maggiormente il tessuto sociale è disgregato,anche a causa dei vari egoismi individuali, maggiore sono le probabilità che si emigri in società dove vige una cooperazione tra cittadini più forte.La sopravvivenza è anche uno di quei fattori che ti spinge a "essere buono"rispetto ala società o comunque "altruista", e a creare legami di cooperazione con gli altri.
Come spesso accade, condivo il pensiero di "Sun Tzu".

Viceversa trovo a dir poco "paradossali" (non sbagliate) affermazioni come « non esiste un significato oggettivo di bene e di male » se poi (magari) siamo stati artifici di montagne di parole contro personaggi come Hitler.

« Hitler non era cattivo, era pazzo! » E beh, una tale affermazione bisognerebbe dimostrarla con dei test appropriati fatti sulla persona.

La verità è che Hitler era pazzo tanto quanto lo sarebbero stati Churchill, Truman e Stalin se a vincere la seconda guerra mondiale fossero stati gli altri. E questo la dice lunga sul fatto che noi abbiamo fede in tante cose …
ad esempio nelle storie scritte dai vincitori!
avatar
ToninoScalzo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 558
Età : 50
Località : Mantova
Occupazione/Hobby : Impiegato
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Steerpike il Mar 11 Feb - 12:54

Sun Tzu ha scritto:in teoria dei giochi la scelta più razionale e creare legami di cooperazione
Dipende da quale sia il gioco, naturalmente.
ToninoScalzo ha scritto:
Viceversa trovo a dir poco "paradossali" (non sbagliate) affermazioni come « non esiste un significato oggettivo di bene e di male » se poi (magari) siamo stati artifici di montagne di parole contro personaggi come Hitler.
[...]
Si può essere contrari alla visione politica di questo personaggio storico anche senza ricorrere ad assolutismi morali.
avatar
Steerpike
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 2512
Località : ∫ -(∂ℋ/∂p) dt
SCALA DI DAWKINS :
35 / 7035 / 70

Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Sun Tzu il Mar 11 Feb - 15:21

Steerpike ha scritto:
Sun Tzu ha scritto:in teoria dei giochi la scelta più razionale e creare legami di cooperazione
Dipende da quale sia il gioco, naturalmente.
ToninoScalzo ha scritto:
Viceversa trovo a dir poco "paradossali" (non sbagliate) affermazioni come « non esiste un significato oggettivo di bene e di male » se poi (magari) siamo stati artifici di montagne di parole contro personaggi come Hitler.
[...]
Si può essere contrari alla visione politica di questo personaggio storico anche senza ricorrere ad assolutismi morali.
Se mai,dipende da quale sia l'obiettivo:l'obiettivo è la sopravvivenza del singolo e la prosperità dell'intero gruppo su cui si regge anche il singolo,in quel contesto è garantito con altissime probabilità dall'accordo consenziente e collaborativo tra individui che comunque prevede l'altruismo e la negazione di una parte del proprio egoismo,infatti si formano prima gruppi,poi città,poi nazioni e poi continenti,in un sistema egoistico saremmo allo stato di natura,perchè nessuno aprirebbe una collaborazione con altri individui,su questo tema poi ci sono parecchi filosofi che hanno fatto coincidere il male con l' istinto non controllato.Mentre è impossibile essere contrari per esempio a Hitler senza nemmeno una categoria morale,infatti diventa paradossale.E proprio il paradosso dell'eccesso di relativismo etico che diventa "assolutismo relativo" a sua volta diviene "indifferenza" verso la colletività:

Non puoi contemporaneamente negare categorie morali ma in realtà usarle sempre e comunque su qualsiasi cosa,non solo si Hitler,ma nella richiesta di diritti,nel sistema giudiziario,nella critica a questo o quel politico ecc ecc ecc.

Un conto è oggettivo un conto è assoluto.

Quindi in che senso non è oggettivamente sbagliato riaprire dei campi di concentramento?Ci metteresti degli ebrei o altri gruppi culturali dentro?
Penso proprio di no,nè la cosa può lasciare indifferenti.

Si può dire anche che se da un lato è vero che i concetti morali specie quando sono poco rilevanti sono relativi mano a mano che il danno delle azioni o dei comportamenti diventa aggravata,maggiormente vengono considerati non relativi.


Nel senso che i concetti morali hanno in loro stessi una gradualità,c'è chi come Moore diceva che erano nozioni semplici e intuitive come i colori,e in effetti si può aggiungere che gli stessi colori abbiano diversi gradi di intensità,a seconda di come percepisci l'intensità del danno dell'azione,intuisci questo è un male o questo "potrebbe essere un male.
avatar
Sun Tzu
-------------
-------------

Numero di messaggi : 643
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Elia Ursino il Mar 11 Feb - 18:36

La natura umana è malvagia, contaminata dalla colpa di Eva. La disobbedienza a Dio e l'indulgere nel peccato esacerbano tale malvagità, il cui solo sollievo è la fede incondizionata nel Signore.
Come mi preme sottolineare, la fede è un dono gratuito di Dio a tutti, che può essere ottenuto con animo indiviso e cuore semplice. Non è necessario possedere conoscenze arcaiche per giungere alla fede; l'apertura dell'anima e del tendere a Dio, più la preghiera e l'abbandono alla Santissima Trinità sono abbondantemente sufficienti.

Elia Ursino
------------
------------

Numero di messaggi : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Paolo il Mar 11 Feb - 18:37

avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8629
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Elia Ursino il Mar 11 Feb - 18:40

La domanda posta nel topic è "cosa rende un uomo malvagio".
Questa è la mia risposta e non potrebbe essere differente.

Elia Ursino
------------
------------

Numero di messaggi : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Paolo il Mar 11 Feb - 18:41

avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8629
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da paolo1951 il Mar 11 Feb - 19:24

Elia Ursino ha scritto:La natura umana è malvagia, contaminata dalla colpa di Eva. La disobbedienza a Dio e l'indulgere nel peccato esacerbano tale malvagità, il cui solo sollievo è la fede incondizionata nel Signore.
Come mi preme sottolineare, la fede è un dono gratuito di Dio a tutti, che può essere ottenuto con animo indiviso e cuore semplice. Non è necessario possedere conoscenze arcaiche per giungere alla fede; l'apertura dell'anima e del tendere a Dio, più la preghiera e l'abbandono alla Santissima Trinità sono abbondantemente sufficienti.
Alcune domandine:
1) Ma prima che Eva mangiasse la mela e la desse anche ad Adamo, come era la natura umana?
Se mi dici che era buona, perché allora Eva e Adamo hanno disobbedito a Dio?
Se invece era già malvagia, allora vedi che la "mela", la disobbedienza non c'entrano un cazzo!

2) Se la fede è un dono gratuito di Dio a tutti... come mai molti (e io tra questi) neanche si accorgono di riceverlo?

3) "Non è necessario possedere conoscenze arcaiche... " ok su questo sono pienamente d'accordo, ma non sarà mica che è invece necessario proprio il NON possederle?

PS: ho replicato solo per ...perdere tempo, perché sinceramente come credente a me sembri poco "credibile"... su confessa che ci stai prendendo per il culo!
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Elia Ursino il Mar 11 Feb - 19:29

La natura di Adamo era perfetta per il suo ruolo, come quella di Eva; ma ella scelse deliberatamente di peccare trascinando il suo sposo con se nel baratro del peccato e della superbia.

Tutti possiedono la fede e tutti sanno benissimo, per mezzo della coscienza, se sono nel giusto o nell'errore. Il cosiddetto ateismo non esiste, è solo negazione dell'evidenza ed auto-illusione. Un ateo è solo un cattivo credente.

Il livello culturale della persona non fa differenza. Ciò che occorre conoscere è solo la parola del Signore e ad essa obbedire senza condizioni.

Elia Ursino
------------
------------

Numero di messaggi : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da paolo1951 il Mar 11 Feb - 19:32

Elia Ursino ha scritto:La domanda posta nel topic è "cosa rende un uomo malvagio".
Questa è la mia risposta e non potrebbe essere differente.
Se per esempio ti prendessi la briga di leggere quello che scrisse Ratzinger sul "peccato originale" vedresti che si può essere cattolici anche in un modo molto più serio del tuo...
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Elia Ursino il Mar 11 Feb - 19:35

Il cattolicesimo è una dottrina debole. Sono ispirato dai valori del cristianesimo preconciliare, che non offriva spazio o tolleranza nei confronti della dissoluzione morale.

Elia Ursino
------------
------------

Numero di messaggi : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Hara2 il Mar 11 Feb - 19:46

Elia Ursino ha scritto:La natura di Adamo era perfetta per il suo ruolo, come quella di Eva; ma ella scelse deliberatamente di peccare trascinando il suo sposo con se nel baratro del peccato e della superbia.

Tutti possiedono la fede e tutti sanno benissimo, per mezzo della coscienza, se sono nel giusto o nell'errore. Il cosiddetto ateismo non esiste, è solo negazione dell'evidenza ed auto-illusione. Un ateo è solo un cattivo credente.

Il livello culturale della persona non fa differenza. Ciò che occorre conoscere è solo la parola del Signore e ad essa obbedire senza condizioni.
Dai, è una supercazzola. Vabbè faccio finta che fai sul serio, la prima questione che un qualsiasi rabbi ti porrebbe, eva fu tentata dal serpente che era la più astuta eccc.

Domanda: qual è la più astuta tra tutte le creature?

Se rispondi giusto ti fo la seconda domandina... wink..
avatar
Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1763
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Sun Tzu il Mar 11 Feb - 19:46

Signora Ursino guardi che "la natura è malvagia" lo dicono gli gnostici cristiani nemmeno i cattolici,nel senso che non è che se un meteorite cade sulla terra "è malvagio."
avatar
Sun Tzu
-------------
-------------

Numero di messaggi : 643
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Elia Ursino il Mar 11 Feb - 19:51

Hara, la natura della donna è perversa e tentatrice poiché essa scelse di cedere alle lusinghe del serpente, che altri non era se non il demonio sotto false spoglie.L'origine di tutti i mali, nessuno escluso, è la disobbedienza che nasce dalla superbia:

"Se non obbedirai alla voce del Signore tuo Dio, se non cercherai di eseguire tutti i suoi comandi e tutte le sue leggi che oggi io ti prescrivo, verranno su di te e ti raggiungeranno tutte queste maledizioni: sarai maledetto nella città e maledetto nella campagna. Maledette saranno la tua cesta e la tua madia. Maledetto sarà il frutto del tuo seno e il frutto del tuo suolo; maledetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore. Maledetto sarai quando entri e maledetto quando esci. Il Signore lancerà contro di te la maledizione, la costernazione e la minaccia in ogni lavoro a cui metterai mano, finché tu sia distrutto e perisca rapidamente a causa delle tue azioni malvagie per avermi abbandonato. Il Signore ti farà attaccare la peste, finché essa non ti abbia eliminato dal paese, di cui stai per entrare a prender possesso. Il Signore ti colpirà con la consunzione, con la febbre, con l’infiammazione, con l’arsura, con la siccità, il carbonchio e la ruggine, che ti perseguiteranno finché tu non sia perito. Il cielo sarà di rame sopra il tuo capo e la terra sotto di te sarà di ferro." (28, 15)

Il male che colpisce gli esseri umani è mille volte meritato per i peccati commessi e tollerati.

Elia Ursino
------------
------------

Numero di messaggi : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Paolo il Mar 11 Feb - 19:59

http://atei.forumitalian.com/t1457-caro-missionario

4. Le argomentazioni contano più di contemplative sentenze! Questo è un forum di discussioni, non di prediche. Le asserzioni non sono argomentazioni, ad un’argomentazione corrisponde sempre una motivazione. I contenuti della fede non sono motivazioni, una motivazione efficace consiste di dati oggettivi inconfutabili sui quali è d’accordo anche il tuo interlocutore. Cerca dunque una base comune con i tuoi interlocutori, prima di costruirvi sopra la discussione. Non costruire le tue argomentazioni sulla premessa che Dio esiste, perché se ne vorrai dimostrare l’esistenza scivolerai in un circolo chiuso.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8629
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Elia Ursino il Mar 11 Feb - 20:00

Sei quindi tu in grado di dimostrare a me l'esistenza dell'ateismo, o di descrivermene l'aspetto?

Elia Ursino
------------
------------

Numero di messaggi : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Hara2 il Mar 11 Feb - 20:06

Elia Ursino ha scritto:Hara, la natura della donna è perversa e tentatrice poiché essa scelse di cedere alle lusinghe del serpente, che altri non era se non il demonio sotto false spoglie.L'origine di tutti i mali, nessuno escluso, è la disobbedienza che nasce dalla superbia:

"Se non obbedirai alla voce del Signore tuo Dio, se non cercherai di eseguire tutti i suoi comandi e tutte le sue leggi che oggi io ti prescrivo, verranno su di te e ti raggiungeranno tutte queste maledizioni: sarai maledetto nella città e maledetto nella campagna. Maledette saranno la tua cesta e la tua madia. Maledetto sarà il frutto del tuo seno e il frutto del tuo suolo; maledetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore. Maledetto sarai quando entri e maledetto quando esci. Il Signore lancerà contro di te la maledizione, la costernazione e la minaccia in ogni lavoro a cui metterai mano, finché tu sia distrutto e perisca rapidamente a causa delle tue azioni malvagie per avermi abbandonato. Il Signore ti farà attaccare la peste, finché essa non ti abbia eliminato dal paese, di cui stai per entrare a prender possesso. Il Signore ti colpirà con la consunzione, con la febbre, con l’infiammazione, con l’arsura, con la siccità, il carbonchio e la ruggine, che ti perseguiteranno finché tu non sia perito. Il cielo sarà di rame sopra il tuo capo e la terra sotto di te sarà di ferro." (28, 15)

Il male che colpisce gli esseri umani è mille volte meritato per i peccati commessi e tollerati.
Il termine satan in ebraico non è mai nome proprio ed è sempre preceduto dall'articolo "ha", cioè il satan. Satan è un accusatore. In un tribunale il satan era ciò che chiameremmo il pubblico ministero.
Per satan si intende l'inclinazione materiale dell'essere umano, quella che ti fa avere desiderio di mangiare, bere, accoppiarsi, salvarsi la vita ecc. E' una inclinazione importantissima e indispensabile per l'uomo ma deve essere tenuta sotto controllo dalla buona inclinazione che è rappresentata da morale, educazione, rispetto delle leggi ec.
Grazie allo "yetzer harà" Inclinazione materiale, l'uomo si nutre e procrea, ad esempio, ma è grazie alla buona inclinazione "yetzer hatov" che non mangia a dismisura e non si accoppia dovunque e con chiunque. 

Quindi chi è il satan, qual'è la più astuta tra tutte le creature?

Per quanto riguarda la minaccia biblica dove le avete messe le 613 mitzvot?


Se la vogliamo mettere sull'esegesi ci trovi duro. moon
avatar
Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1763
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Rasputin il Mar 11 Feb - 20:07

Elia Ursino ha scritto:Sei quindi tu in grado di dimostrare a me l'esistenza dell'ateismo, o di descrivermene l'aspetto?

Esistono i non credenti, quelli normali che prendono atto solo dei dati di fatto.

Gli atei possono essere senza déi ma credere in altre cose.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49739
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da kalab99 il Mar 11 Feb - 20:08

Elia Ursino, in realtà la questione del peccato originale pone dei problemi non indifferenti...ad esempio: in che modo la colpa di Eva dovrebbe contaminare l'intera umanità? Non è una cosa che sta molto in piedi.
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 27
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Hara2 il Mar 11 Feb - 20:11

Maschio e femmina lo creò, a propria immagine lo creò

Eli, come me lo spieghi?
avatar
Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1763
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Elia Ursino il Mar 11 Feb - 20:21

Evidentemente Dio è ermafrodito.

Elia Ursino
------------
------------

Numero di messaggi : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Hara2 il Mar 11 Feb - 20:28

Elia Ursino ha scritto:Evidentemente Dio è ermafrodito.
Giusto.
Quindi 1/2 dio si è incazzato con l'altro 1/2 per una mela?

Largactil depot e sarebbe andato tutto bene
avatar
Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1763
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Minsky il Mar 11 Feb - 20:33

Elia Ursino ha scritto:Evidentemente Dio è ermafrodito.
Uhmmm... "dio ermafrodito" non è una bestemmia? Siamo sicuri?  mgreen

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14240
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa rende un uomo malvagio?

Messaggio Da Elia Ursino il Mar 11 Feb - 20:33

Si, perché voleva la patata, non la mela.

Elia Ursino
------------
------------

Numero di messaggi : 33
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum