Mondiali in Brasile 2014

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Mondiali in Brasile 2014

Messaggio Da paolo1951 il Mer 4 Giu - 18:13

Loki ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
Loki ha scritto:...
Di certo, comunque, certi gusti li lascio agli amanti dello sport, non mi permetto di dire che x va guardato e y no, malgrado ci siano obiettivamente cose un filo più pregnanti da conoscere
vedi io posso anche essere perfettamente d'accordo, ma ...
primo, una cosa non esclude l'altra... puoi guardare la partita di calcio e subito dopo un documentario naturalistico o storico
secondo, perché non lasciare ad ognuno fare quello che gli pare? chi stabilisce quelle che sono le cose "più pregnanti da conoscere"?
Perché vedi questa mentalità pedagogica, educativa... non è altro che un remake falsamente laico del peggior spirito religioso!
Direi che possiamo convenire se stabiliamo insieme che trovare una cura per il cancro ha un certo qual tasso di importanza rispetto alla smanettata serale su Youporn o analoghi.
Così come l'ascolto di un tipo di musica senza dare spazio ad altre alternative ad esempio diventa sclerotizzante. Quante menti perdiamo a causa della semplificazione imperante? Gente che non distingue un congiuntivo da un presente, il bianco dal nero, mister B dal resto. Eppure io non posso tagliare loro il collo se si fossilizzano su Moccia senza fare altro. Posso limitarmi a constatare che nella vita c'è anche altro oltre ai lucchetti sul Ponte Milvio...
Possiamo solo convenire che la maggioranza delle persone la pensa come te... o meglio dice di pensarla come te, poi magari visto che il cancro pensa di non averlo ma il pisello sì... in realtà ritiene più essenziale Youporn!

Ma effettivamente io ho seri dubbi su cosa sia davvero più essenziale alla vita... permettere a un limitato numero di persone di curarsi il cancro.... e magari poi morire di Alzheimer (casa capitata a mia sorella).
Oppure rendere più felice la vita che ci è concesso di vivere giusto con il sesso o le delizie della buona tavola...

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mondiali in Brasile 2014

Messaggio Da Rasputin il Mer 4 Giu - 18:25

paolo1951 ha scritto:[...]
Oppure rendere più felice la vita che ci è concesso di vivere giusto con il sesso o le delizie della buona tavola...

O con quanto ci pare  ok 

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mondiali in Brasile 2014

Messaggio Da Justine il Gio 5 Giu - 5:56

paolo1951 ha scritto:
Loki ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
Loki ha scritto:...
Di certo, comunque, certi gusti li lascio agli amanti dello sport, non mi permetto di dire che x va guardato e y no, malgrado ci siano obiettivamente cose un filo più pregnanti da conoscere
vedi io posso anche essere perfettamente d'accordo, ma ...
primo, una cosa non esclude l'altra... puoi guardare la partita di calcio e subito dopo un documentario naturalistico o storico
secondo, perché non lasciare ad ognuno fare quello che gli pare? chi stabilisce quelle che sono le cose "più pregnanti da conoscere"?
Perché vedi questa mentalità pedagogica, educativa... non è altro che un remake falsamente laico del peggior spirito religioso!
Direi che possiamo convenire se stabiliamo insieme che trovare una cura per il cancro ha un certo qual tasso di importanza rispetto alla smanettata serale su Youporn o analoghi.
Così come l'ascolto di un tipo di musica senza dare spazio ad altre alternative ad esempio diventa sclerotizzante. Quante menti perdiamo a causa della semplificazione imperante? Gente che non distingue un congiuntivo da un presente, il bianco dal nero, mister B dal resto. Eppure io non posso tagliare loro il collo se si fossilizzano su Moccia senza fare altro. Posso limitarmi a constatare che nella vita c'è anche altro oltre ai lucchetti sul Ponte Milvio...
Possiamo solo convenire che la maggioranza delle persone la pensa come te... o meglio dice di pensarla come te, poi magari visto che il cancro pensa di non averlo ma il pisello sì... in realtà ritiene più essenziale Youporn!

Ma effettivamente io ho seri dubbi su cosa sia davvero più essenziale alla vita... permettere a un limitato numero di persone di curarsi il cancro.... e magari poi morire di Alzheimer (casa capitata a mia sorella).
Oppure rendere più felice la vita che ci è concesso di vivere giusto con il sesso o le delizie della buona tavola...

Credo che a prescindere dai gusti, che si sia asessuati o stalloni, il senso di vuoto dovuto alla non diversificazione delle attività (in fondo la selezione naturale ci ha plasmati per ricercare novità, oltre che per disseminare geni) prima o poi venga. E, un po' come tutti, viene da chiedersi... "ma è tutto qui?" - Se magari questo non capita ad alcuni, è perché nel background ci sono comunque altre attività che distolgono l'attenzione (anche esse spesso legate alla routine quotidiana).

_________________
[...] l'aeroporto c'è, no non c'è, pregasi indagare sulle differenze tra orari di percorrenza e orari sulle tabelle, la fermata si chiama aeroporto ma non è un aeroporto, differenze tra curare e guarire, cantanti lirici londinesi comunisti, 180% dei cinesi [...] (Jess)

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15356
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mondiali in Brasile 2014

Messaggio Da paolo1951 il Gio 5 Giu - 7:26

Loki ha scritto:....
Credo che a prescindere dai gusti, che si sia asessuati o stalloni, il senso di vuoto dovuto alla non diversificazione delle attività (in fondo la selezione naturale ci ha plasmati per ricercare novità, oltre che per disseminare geni) prima o poi venga. E, un po' come tutti, viene da chiedersi... "ma è tutto qui?" - Se magari questo non capita ad alcuni, è perché nel background ci sono comunque altre attività che distolgono l'attenzione (anche esse spesso legate alla routine quotidiana).
In effetti io facevo solo un esempio... e già Rasputin aveva corretto e generalizzato la cosa scrivendo:
Rasputin ha scritto:O con quanto ci pare  ok
Dove quanto ci pare può essere tutto quello che vuoi da un viaggio culturale o una vacanza di relax, un libro, un film "impegnato" o uno di "evasione", ... una serata al night o ad un concerto di musica classica... ecc. ecc.
Io sottolineavo solo che è una forma subdola di coercizione pretendere di "educare" il prossimo su cosa può renderlo felice, su cosa è capace di dare un senso alla vita, o far scomparire quel "senso di vuoto" che magari hai tu ma lui no...

La "selezione naturale ci ha plasmati per..." per un bel nulla, per nessuno scopo! Ci ha plasmati così come siamo, punto e basta! Il fine, lo scopo ce lo mettiamo noi se vogliamo mettercelo.

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mondiali in Brasile 2014

Messaggio Da Justine il Gio 5 Giu - 9:07

paolo1951 ha scritto:
Loki ha scritto:....
Credo che a prescindere dai gusti, che si sia asessuati o stalloni, il senso di vuoto dovuto alla non diversificazione delle attività (in fondo la selezione naturale ci ha plasmati per ricercare novità, oltre che per disseminare geni) prima o poi venga. E, un po' come tutti, viene da chiedersi... "ma è tutto qui?" - Se magari questo non capita ad alcuni, è perché nel background ci sono comunque altre attività che distolgono l'attenzione (anche esse spesso legate alla routine quotidiana).
In effetti io facevo solo un esempio... e già Rasputin aveva corretto e generalizzato la cosa scrivendo:
Rasputin ha scritto:O con quanto ci pare  ok
Dove quanto ci pare può essere tutto quello che vuoi da un viaggio culturale o una vacanza di relax, un libro, un film "impegnato" o uno di "evasione", ... una serata al night o ad un concerto di musica classica... ecc. ecc.
Io sottolineavo solo che è una forma subdola di coercizione pretendere di "educare" il prossimo su cosa può renderlo felice, su cosa è capace di dare un senso alla vita, o far scomparire quel "senso di vuoto" che magari hai tu ma lui no...

La "selezione naturale ci ha plasmati per..." per un bel nulla, per nessuno scopo! Ci ha plasmati così come siamo, punto e basta! Il fine, lo scopo ce lo mettiamo noi se vogliamo mettercelo.

Volendo essere proprio puntigliosi, il concetto di "senso" è un po' come quello di comunicazione.

Non si può non comunicare: anche se stiamo in treno con gli auricolari e mettiamo una trincea della madonna attorno a noi fatta di scatolette, bottiglie, libri e quant'altro, comunichiamo che non vogliamo essere disturbati.

Se entri in disco e inizi a provarci con chiunque, comunichi che ti senti solo o vuoi "darti da fare".

Allo stesso modo, se decido di mettermi in un angolo e morire lì oppure diventare la bambina che per qualche momento zittì il mondo, scelgo comunque uno scopo.

Alla base di tutto ciò, comunque, non si può negare che la natura ci abbia preprogrammati per bisogni fondamentali, che naturalmente possiamo surrogare o sublimare come vogliamo (ad es. giocare a calcio anziché cacciare come i primi uomini), ma sta di fatto che ciò di cui siamo stati intrisi fin dalla nascita è quello che la selezione presuppone come scopo fondamentale.

Poi è chiaro che hai ragione, premettendo ciò, quando dici che grazie alle nostre facoltà possiamo scegliere come deviare questi impulsi fondamentali.

_________________
[...] l'aeroporto c'è, no non c'è, pregasi indagare sulle differenze tra orari di percorrenza e orari sulle tabelle, la fermata si chiama aeroporto ma non è un aeroporto, differenze tra curare e guarire, cantanti lirici londinesi comunisti, 180% dei cinesi [...] (Jess)

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15356
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum