Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da ermetesilente il Ven 11 Lug - 9:15

..Utilizzando una "soglia" si scatenarono improvvisamente tutti i diavoli, i mostri e gli spettri dell'Altro mondo... esseri con cento occhi, deformi, folli e malvagi si insinuarono nel nostro mondo, rendendolo un altro Inferno...

Non è l'inizio di un racconto di serie B di orrore, bensì una riflessione sulla fede e sull'agnosticismo, che schematizzo nel seguente modo:

A) Se si sostiene di credere in Dio, essere soprannaturale che infrange le legge di natura con miracoli ed eventi soprannaturali, come si può avere la pretesa di escludere come superstiziosa una qualunque credenza? E' per questo che nella mia ipotesi il Kraken, Baba Yaga e l'Idra si danno appuntamento a casa dei credenti. Non si può affermare come fanno alcuni che è scritto nel Libro Sacro, perchè anche un bambino di due capirebbe che per qualunque assurda credenza si possono trovare 1000 libri sacri pronti a sostenerla.

B) Se si sostiene che l'esistenza di dio è una questione indecidibile, perchè non si estende l'indecidibilità a tutta la banda del principe Carletto? Quali sono le ragioni della fede che giustificano questa indecidibilità? Anche di spettri e mostri ci sono tantissime autorevoli opinioni che li attestano e non è più incredibile un uomo-lupo rispetto a un dio interfacciato con il resto dell'umanità, creatore increato.

 mgreen

ermetesilente
-------------
-------------

Numero di messaggi : 175
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 21.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da Justine il Ven 11 Lug - 9:53

Io soprattutto mi chiedo da sempre cosa faccia mancare nelle persone il prometeismo necessario per affrontare coraggiosamente "spettri" o qualsivoglia elemento di questa risma. Si presuppone che 'ste cose dovrebbero tenere in scacco la persona, così, di default.

Io mi divertirei, se mi trovassi vicino un minidemonio simil-nipponico tanto simile a quelli dei J-RPG e della tradizione fumettistica d'Oriente, ad esempio. 

Figurarsi se poi tali spettri sono come gli shinigami di Death Note... Adorabili. Uno dei maggiori pregi di quel fumetto è mostrare dei che valgono meno dell'umano, in quanto a capacità assertive e ingegno.

Un ribaltamento di prospettiva che fa riflettere.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da ermetesilente il Ven 11 Lug - 10:05

E' vero, ma se gli spettri sono come quelli del cartone animato Bem io fossi un credente correrei sotto al letto, visto che loro non possono escluderne affatto la possibilità da un punto di vista logico...

ermetesilente
-------------
-------------

Numero di messaggi : 175
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 21.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da Justine il Ven 11 Lug - 10:10

Penso si riduca tutto al senso di responsabilità personale, del resto chi ha avuto a che fare con attacchi di panico severi e sistemici, manifestazioni di amnesia o disturbi mentali profondi, e sa di che parla, non potrà mai avere a che vedere con peggio. Sia "soprannaturalmente" che "umanamente".

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da ermetesilente il Ven 11 Lug - 10:18

Concordo, la lettura di Sack e alcune esperienze personali me ne hanno persuaso...

intanto però attendiamo anche le risposte di credenti e agnostici. Il problema non è da poco e non riguarda solo mostri e fantasmi: come può un credente escludere la continua infrazione delle leggi naturali se ammette che anche una volta sola questo sia accaduto?
E come può un agnostico non estendere l'indecidibilità a tutte le questioni soprannaturali e non?

Un credente dovrebbe essere uno che cammina guardandosi attorno tremando come una foglia (tutto può accadere e nessuna legge di natura è valida) e un agnostico dovrebbe camminare totalmente in trance come Pirrone, senza dare il suo assenso a nulla.

ermetesilente
-------------
-------------

Numero di messaggi : 175
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 21.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da Justine il Ven 11 Lug - 10:48

Malgrado si dica che viviamo spesso proiettati nel futuro, il senso di continuità ha la sua importanza. Sappiamo a priori, dall'esperienza dell'ambiente, che se tocchiamo un fuocherello ci bruciamo, e qualora non ne ricavassimo dolore ci meraviglieremmo.
Tutto quello che bruscamente risulta controintuitivo viene fatto assurgere alla categorie del paranormale, senza considerare che implicitamente al fenomeno si dà, così, l'imprinting di "sovra-fenomenicità", ovvero qualcosa di troppo distante o elevato per essere compreso.
Dove c'è mistero, in generale dalle parti del plus ultra delle nostre percezioni, scatta qualcosa che il fenomeno conosciuto non ammette: lo stupore sistematico.
L'abitudine è una belva, lo si sa, ma ci consente di avere le mani ferme sulla consequenzialità delle cose. Salvo poi piangere -guarda caso- per gli interventi nefasti delle apocalissi e del tormento demoniaco. Ma non è necessario arrivare a questi estremi, basta girare con una mia coetanea che porta tacchi a spillo per vedere il suo terrore quando le si impiglia la scarpa andando in giro.

Il problema è che senza scarpe (conforti) in pochi vogliono camminare, e implicitamente si tende a ringraziare 'le leggi del cosmo' che per qualche altro miliardo di anni se ne staranno al loro posto. Peccato non poter assistere allo spettacolo finale, ma mi chiedo già dove andranno a nascondersi -e soprattutto chi avrà il piacere di essere tormentato- i sedicenti demoni, visto che sembrano così fissati col giocare con noi.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da matem il Ven 11 Lug - 14:34

gli spettri sono solo una invenzione per vari scopi e non c'è nulla da difendersi contro il nulla
avatar
matem
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 443
Località : salerno
Occupazione/Hobby : ex insegnante -lettura libri sulla religione cristiana-collezionista di oggetti storici
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da Ospite il Ven 11 Lug - 14:42

Loki ha scritto:Io soprattutto mi chiedo da sempre cosa faccia mancare nelle persone il prometeismo necessario per affrontare coraggiosamente "spettri" o qualsivoglia elemento di questa risma. Si presuppone che 'ste cose dovrebbero tenere in scacco la persona, così, di default.

Io mi divertirei, se mi trovassi vicino un minidemonio simil-nipponico tanto simile a quelli dei J-RPG e della tradizione fumettistica d'Oriente, ad esempio. 

Figurarsi se poi tali spettri sono come gli shinigami di Death Note... Adorabili. Uno dei maggiori pregi di quel fumetto è mostrare dei che valgono meno dell'umano, in quanto a capacità assertive e ingegno.

Un ribaltamento di prospettiva che fa riflettere.

Forse che i nipponici non hanno poi tutti i torti, sotto casa mia c'è un negozio chiamato Kira  lookaround 
Scherzi a parte, anche se un credente dovrebbe credere a tutto ciò che riguardi il soprannaturale per una questione di coerenza, ditemi voi cosa c'è di coerente nelle religioni   boh 
Inoltre, se non ricordo male, ci sono religioni che ammettono l'esistenza di fantasmi e simili...
La situazione peggiora per gli agnostici, i quali, sempre per coerenza, dovrebbero dubitare di qualsiasi presunta entità sovrannaturale e non possono avere la scusa dei testi sacri... in effetti sono curiosa di sapere come si giustificano al riguardo.  Royales

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da ToninoScalzo il Ven 11 Lug - 18:33

La parola “credente” ricorda la “missione di pace”: non si può non credere in ciò che il nostro cervello ritiene sia vero e non si può non sostenere una giusta missione di pace che dica fine a tutte le guerre sbagliate.

Il problema però è il seguente: ogni guerra è un litigio tra popoli e nessuno ha mai litigato tanto per passare il tempo. Sarebbe facile osservare, se non fosse per la nostra illusione di superiorità, che da sempre ogni uomo si sente amico dei “diritti” (le verità) e nemico degli “storti” (i torti).

La missione di pace è dunque …
un colorito modo per definire la solita guerra di sempre.

Credere (o aver fede) nelle cose che conosciamo è scontato. Non credere (o aver paura) nelle cose che ignoriamo, viceversa, non è per nulla scontato. Dio, babbi natali e fantasmini vari sono …
dei coloriti modi per definire la nostra ignoranza e convincerci a restare tali.

Ebbene sì, cercare di sapere è voglia di vivere: è lotta! E purtroppo nessuno si batte per noi, nessuno ci indica la via del sapere, anzi gli altri in coro ci suggeriscono l’autostrada dell’ignoranza! E l’accontentarsi di non sapere è morte, è la resa incondizionata dell’agnostico/il religioso.
avatar
ToninoScalzo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 558
Età : 51
Località : Mantova
Occupazione/Hobby : Impiegato
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 18.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da Minsky il Ven 11 Lug - 19:54

ermetesilente ha scritto:..Utilizzando una "soglia" si scatenarono improvvisamente tutti i diavoli, i mostri e gli spettri dell'Altro mondo... esseri con cento occhi, deformi, folli e malvagi si insinuarono nel nostro mondo, rendendolo un altro Inferno...

Non è l'inizio di un racconto di serie B di orrore, bensì una riflessione sulla fede e sull'agnosticismo, che schematizzo nel seguente modo:

A) Se si sostiene di credere in Dio, essere soprannaturale che infrange le legge di natura con miracoli ed eventi soprannaturali, come si può avere la pretesa di escludere come superstiziosa una qualunque credenza? E' per questo che nella mia ipotesi il Kraken, Baba Yaga e l'Idra si danno appuntamento a casa dei credenti. Non si può affermare come fanno alcuni che è scritto nel Libro Sacro, perchè anche un bambino di due capirebbe che per qualunque assurda credenza si possono trovare 1000 libri sacri pronti a sostenerla.

B) Se si sostiene che l'esistenza di dio è una questione indecidibile, perchè non si estende l'indecidibilità a tutta la banda del principe Carletto? Quali sono le ragioni della fede che giustificano questa indecidibilità? Anche di spettri e mostri ci sono tantissime autorevoli opinioni che li attestano e non è più incredibile un uomo-lupo rispetto a un dio interfacciato con il resto dell'umanità, creatore increato.

 mgreen
Considerazioni correttissime, che del resto anch'io condivido e a suo tempo avevo già sviluppato qui: http://atei.forumitalian.com/t5002-un-credente-deve-credere-a-qualunque-cosa

D'altronde, se si chiede ad un credente perché la madonna e il diavolo sì, e i mostri del principe Carletto no, ti risponderà che la madonna e il diavolo lui "sente" che sono veri, mentre i mostri non gli danno la stessa sensazione.

In altre parole, il credente seleziona, del tutto arbitrariamente (in realtà, sulla base dei condizionamenti che ha subito), i personaggi di fantasia a cui gli piace credere.

Così, sebbene un credente non possa, a rigor di logica, esimersi dal credere a qualunque cosa, di fatto sceglie ciò a cui vuole credere. È interessante che la credenza richieda un atto volitivo estremamente forte e deciso. Ci sono anticorpi, nella mente umana, che cercano di respingere l'infezione credula, ma è il credente stesso a farsi violenza e a contagiarsi della malattia mentale religiosa.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 15693
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da Rasputin il Ven 11 Lug - 20:37

Minsky ha scritto:[...]
Così, sebbene un credente non possa, a rigor di logica, esimersi dal credere a qualunque cosa, di fatto sceglie ciò a cui vuole credere.[...]

E qui ti rifrega chiamandolo libero arbitrio ah ah  mgreen 

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50799
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come si difendono credenti e agnostici dallo scatenarsi dell'invasione degli spettri?

Messaggio Da Justine il Ven 11 Lug - 20:48

Si può rispondere dicendo che libero arbitrio è quando arbitro fischia... Intendevo, libero arbitrio è quando, potendo conoscere ogni cosa, si propende per quella più adatta al proprio sentire.

Un compito un po' improbo.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum