E no! troppo comodo caro Silvio!

Pagina 5 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Mar 22 Lug - 18:45

Minsky ha scritto:
paolo1951 ha scritto:...
Fuor di metafora, il commercio e il mestiere più antico del mondo potrebbe fornirci un esempio e un modello economico per superare l'attuale crisi, cioè fare tutti come le puttane per non finire tutti a puttane.
Bhé... stai trascurando un piccolissimo dettaglio. Se non c'è più ricchezza, solo pochissimi potranno permettersi una spesa - è il caso di dirlo - assolutamente voluttuaria come il sesso mercenario.
No un momento io ho detto fornire un modello per ...  non che tutti possiamo produrre servizi di tipo erotico!
Però non sottovalutarmi i servizi sociali forniti dalle prostitute e/o prostituti, nonché da altri operatori di questo importante settore.
Essenzialmente l'uomo per raggiungere una vita felice ha bisogno di nutrirsi adeguatamente, di proteggersi dalle avversità naturali (tra cui le malattie) e di divertirsi... il sesso è uno dei metodi primari con cui ci si diverte, molto spesso gli altri modi sono solo "derivati". Senza il sesso lo spettacolo, per esempio, sarebbe ben poca cosa... in questo campo a far concorrenza al sesso abbiamo forse il "gioco", ma le due cose possono benissimo in molti casi abbinarsi.

Tu vedo che hai messo accanto alla parola "sesso" un attributo limitativo, cioè "mercenario". Sbagliato, a mio parere, e indice di un pregiudizio catto-comunista:
se invece di sesso si fosse parlato di medicina non avresti di sicuro scritto "medicina mercenaria" eppure la quasi totalità dei medici, degli infermieri, dei farmacisti... vuole essere pagata per le proprie prestazioni.
Il sesso è sesso, punto e basta, e comunque non è più mercenario di qualsiasi altra cosa.

D'altra parte la qualifica di "mercenario" non è qualcosa di negativo ma anzi è garanzia di qualità, razionalità ed efficienza... cosa spinge a migliorare costantemente un prodotto o una prestazione?
essenzialmente il profitto che se ne può trarre.
Fin dall'antichità si cercano nuove e più efficaci medicine per poterle vendere meglio, si cerca di produrre più grano per poterlo vendere... dove manca il commercio non c'è incentivo a produrre un farmaco di cui forse personalmente non avrò mai bisogno o una quantità di cibo che superi le mie esigenze quotidiane. Anche in natura (cioè al di fuori della specie homo sapiens) la femmina e il maschi cercano di rendersi il più attraenti possibile per "vendere" il proprio corpo... non importa se non esiste "moneta", la moneta serve solo per facilitare gli scampi.... ma si vende anche con il baratto, la donna o l'uomo dicono ad un altro o ad un'altra, ti faccio godere se tu mi costruisci una casa, se mi porti cibo, se mi difendi dalle bestie feroci... la donna è più prostituta del maschio perché almeno in una società primitiva può offrire poche merci di scambio a parte appunto il suo "corpo"... ma il discorso commerciale può anche essere: ti faccio godere se tu mi cucini bene il cibo, se tu mi fai dei vestiti, delle coperte che mi proteggono dal freddo.

La cazzata di cristianesimo e poi del socialismo è stata quella di voler disprezzare il commercio, il profitto e volerli sostituire con l' "AMORE"!  carneval 
Questo "amore" è poi il più delle volte semplicemente la pretesa che qualcun altro ti dia, a gratis, le cose che tu non vuoi o non puoi pagare.
Da questo derivano altre cazzate come l'esaltazione del debole, dell'incapace, del malato, ... di chi insomma non è in grado di dare nulla in cambio, ma "avrebbe" ugualmente diritto di avere, anzi di pretendere dagli altri.

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Paolo il Mar 22 Lug - 20:30

Minsky ha scritto:
paolo1951 ha scritto:...
Fuor di metafora, il commercio e il mestiere più antico del mondo potrebbe fornirci un esempio e un modello economico per superare l'attuale crisi, cioè fare tutti come le puttane per non finire tutti a puttane.
Bhé... stai trascurando un piccolissimo dettaglio. Se non c'è più ricchezza, solo pochissimi potranno permettersi una spesa - è il caso di dirlo - assolutamente voluttuaria come il sesso mercenario.

Io su questo non sono d'accordo. La professione della prostituzione ha un enorme valore sociale e permette a molte persone di mantenere un equilibrio psichico che altrimenti potrebbe saltare. E non mi riferisco solo ai maniaci ma anche persone del tutto normali o persone con complessi o problemi fisici o semplicemente molto brutti.

Il problema è che si è voluto dare al sesso un valore morale che invece non ha. E' solo un potente istinto animale al pari di tanti altri come l'amore o l'istinto di sopravvivenza e.... tanti altri. Le prostitute svolgono un ruolo fondamentale nelle nostre società, e non solo nella nostra. Ci sarà un motivo che viene chiamato il mestiere più vecchio del mono!! Purtroppo la sessofobia della cultura cristiana da noi, islamica per gli arabi, ha fatto si che siano considerato delle poco di buono, disprezzate di più che non i veri criminali.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Paolo il Mar 22 Lug - 20:32

EEhhh Paolo, senza saperlo ho fatto un intervento sostanzialmente uguale al tuo!!! Non male!!  ok 

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Rasputin il Mar 22 Lug - 20:46

Paolo ha scritto:
Io su questo non sono d'accordo. La professione della prostituzione ha un enorme valore sociale e permette a molte persone di mantenere un equilibrio psichico che altrimenti potrebbe saltare. E non mi riferisco solo ai maniaci ma anche persone del tutto normali o persone con complessi o problemi fisici o semplicemente molto brutti.

Il problema è che si è voluto dare al sesso un valore morale che invece non ha. E' solo un potente istinto animale al pari di tanti altri come l'amore o l'istinto di sopravvivenza e.... tanti altri. Le prostitute svolgono un ruolo fondamentale nelle nostre società, e non solo nella nostra. Ci sarà un motivo che viene chiamato il mestiere più vecchio del mono!! Purtroppo la sessofobia della cultura cristiana da noi, islamica per gli arabi, ha fatto si che siano considerato delle poco di buono, disprezzate di più che non i veri criminali.

Quoto

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49133
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Paolo il Mar 22 Lug - 20:54

Non per fare la solita battuta ma io sono convinto che se nei paesi arabi integralisti i giovani avessero la possibilità di sfogare la loro energia ed esuberanza con un po' più di pelo ci sarebbero molti molti meno terroristi e sai quanti che manderebbero a fan culo alquaeda o Bin Laden che sia!!

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Minsky il Mar 22 Lug - 20:56

paolo1951 ha scritto:
Minsky ha scritto:
paolo1951 ha scritto:...
Fuor di metafora, il commercio e il mestiere più antico del mondo potrebbe fornirci un esempio e un modello economico per superare l'attuale crisi, cioè fare tutti come le puttane per non finire tutti a puttane.
Bhé... stai trascurando un piccolissimo dettaglio. Se non c'è più ricchezza, solo pochissimi potranno permettersi una spesa - è il caso di dirlo - assolutamente voluttuaria come il sesso mercenario.
No un momento io ho detto fornire un modello per ...  non che tutti possiamo produrre servizi di tipo erotico!
Però non sottovalutarmi i servizi sociali forniti dalle prostitute e/o prostituti, nonché da altri operatori di questo importante settore.
Essenzialmente l'uomo per raggiungere una vita felice ha bisogno di nutrirsi adeguatamente, di proteggersi dalle avversità naturali (tra cui le malattie) e di divertirsi... il sesso è uno dei metodi primari con cui ci si diverte, molto spesso gli altri modi sono solo "derivati". Senza il sesso lo spettacolo, per esempio, sarebbe ben poca cosa... in questo campo a far concorrenza al sesso abbiamo forse il "gioco", ma le due cose possono benissimo in molti casi abbinarsi.

Tu vedo che hai messo accanto alla parola "sesso" un attributo limitativo, cioè "mercenario". Sbagliato, a mio parere, e indice di un pregiudizio catto-comunista:
se invece di sesso si fosse parlato di medicina non avresti di sicuro scritto "medicina mercenaria" eppure la quasi totalità dei medici, degli infermieri, dei farmacisti... vuole essere pagata per le proprie prestazioni.
Il sesso è sesso, punto e basta, e comunque non è più mercenario di qualsiasi altra cosa.

D'altra parte la qualifica di "mercenario" non è qualcosa di negativo ma anzi è garanzia di qualità, razionalità ed efficienza... cosa spinge a migliorare costantemente un prodotto o una prestazione?
essenzialmente il profitto che se ne può trarre.
Fin dall'antichità si cercano nuove e più efficaci medicine per poterle vendere meglio, si cerca di produrre più grano per poterlo vendere... dove manca il commercio non c'è incentivo a produrre un farmaco di cui forse personalmente non avrò mai bisogno o una quantità di cibo che superi le mie esigenze quotidiane. Anche in natura (cioè al di fuori della specie homo sapiens) la femmina e il maschi cercano di rendersi il più attraenti possibile per "vendere" il proprio corpo... non importa se non esiste "moneta", la moneta serve solo per facilitare gli scampi.... ma si vende anche con il baratto, la donna o l'uomo dicono ad un altro o ad un'altra, ti faccio godere se tu mi costruisci una casa, se mi porti cibo, se mi difendi dalle bestie feroci... la donna è più prostituta del maschio perché almeno in una società primitiva può offrire poche merci di scambio a parte appunto il suo "corpo"... ma il discorso commerciale può anche essere: ti faccio godere se tu mi cucini bene il cibo, se tu mi fai dei vestiti, delle coperte che mi proteggono dal freddo.

La cazzata di cristianesimo e poi del socialismo è stata quella di voler disprezzare il commercio, il profitto e volerli sostituire con l' "AMORE"!  carneval 
Questo "amore" è poi il più delle volte semplicemente la pretesa che qualcun altro ti dia, a gratis, le cose che tu non vuoi o non puoi pagare.
Da questo derivano altre cazzate come l'esaltazione del debole, dell'incapace, del malato, ... di chi insomma non è in grado di dare nulla in cambio, ma "avrebbe" ugualmente diritto di avere, anzi di pretendere dagli altri.

Avrò capito male io, allora... "superare l'attuale crisi" presuppone mettere in campo una fonte di reddito sufficiente per molti; diciamo, limitandoci all'Italia, un 5 milioni di persone? Cosa farebbero 5 milioni di prostitute/i, se non hanno almeno una decina di clienti a testa quotidianamente? (E sto pensando a tariffe molto popolari, non certo quelle delle escort del Berlusca!).

Per il resto in linea di massima sono d'accordo: anche il divertimento è un bisogno fondamentale. Io mi diverto come un pazzo a spenzolarmi dagli strapiombi con centinaia di metri di vuoto sotto i piedi, per altri invece il massimo del divertimento può essere trombare. Non che a me non piaccia trombare, eh. Però ho gusti un po' particolari riguardo ai partner sessuali.

La specificazione di "sesso mercenario" voleva essere puramente didascalica, non ci caricherei alcun connotato moralistico. È ovvio che il sesso si "paga" sempre, in un modo o nell'altro. Quanto meno, in termini emozionali.

Resta il fatto che io sono stato (e sono) un pessimo consumatore di sesso, da un punto di vista commerciale.

Paolo ha scritto:
Minsky ha scritto:
paolo1951 ha scritto:...
Fuor di metafora, il commercio e il mestiere più antico del mondo potrebbe fornirci un esempio e un modello economico per superare l'attuale crisi, cioè fare tutti come le puttane per non finire tutti a puttane.
Bhé... stai trascurando un piccolissimo dettaglio. Se non c'è più ricchezza, solo pochissimi potranno permettersi una spesa - è il caso di dirlo - assolutamente voluttuaria come il sesso mercenario.

Io su questo non sono d'accordo. La professione della prostituzione ha un enorme valore sociale e permette a molte persone di mantenere un equilibrio psichico che altrimenti potrebbe saltare. E non mi riferisco solo ai maniaci ma anche persone del tutto normali o persone con complessi o problemi fisici o semplicemente molto brutti.

Il problema è che si è voluto dare al sesso un valore morale che invece non ha. E' solo un potente istinto animale al pari di tanti altri come l'amore o l'istinto di sopravvivenza e.... tanti altri. Le prostitute svolgono un ruolo fondamentale nelle nostre società, e non solo nella nostra. Ci sarà un motivo che viene chiamato il mestiere più vecchio del mono!! Purtroppo la sessofobia della cultura cristiana da noi, islamica per gli arabi, ha fatto si che siano considerato delle poco di buono, disprezzate di più che non i veri criminali.

Sì, ma allora stiamo parlando della prostituzione come servizio sociale. È ben altra cosa rispetto alla logica di mercato di cui diceva PaoloN.

Attenzione poi a non immaginare estrapolazioni della cultura islamica irreali, indotte dalla loro sessuofobia. In realtà gli islamici arabi manifestano sessuofobia perché sono fondamentalmente maniaci sessuali. E la prostituzione nel loro ordinamento è presente, accuratamente regolamentata e nella pratica largamente utilizzata.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13479
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Mer 23 Lug - 15:43

Ripeto non si tratta di metterci tutti a fare le puttane, ma solo di prendere esempio da loro.
Non hai un lavoro? datti da fare per cercarne uno, in base a quelle che sono le tue capacità... insomma a quello che sai fare, ma soprattutto in base a quello che il mercato richiede... non puoi pretendere perché hai una laurea in "scienze della comunicazione" che qualcuno ti trovi un lavoro adatto al tuo titolo di studio del cazzo!

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da primaverino il Mer 23 Lug - 16:02

paolo1951 ha scritto:Ripeto non si tratta di metterci tutti a fare le puttane, ma solo di prendere esempio da loro.
Non hai un lavoro? datti da fare per cercarne uno, in base a quelle che sono le tue capacità... insomma a quello che sai fare, ma soprattutto in base a quello che il mercato richiede... non puoi pretendere perché hai una laurea in "scienze della comunicazione" che qualcuno ti trovi un lavoro adatto al tuo titolo di studio del cazzo!

Hai ragione.
Ma qui il problema è che anche volendosi adattare c'è poca trippa per gatti...
Tempo fa leggevo che per due posti di addetti alle pulizie presso un'impresa che ha l'appalto per conto delle Ferrovie (si tratta di andare a pulire i cessi alla stazione, in sostanza) si sono presentati oltre duecento candidati.
Poi dipende dai requisiti richiesti nella pratica (diversamente dalla pura teoria).
Leggevo pure che "mancano" migliaia di panettieri, aiuto cuochi e lavapiatti (probabilmente in strutture medio-grandi, poiché al mio livello non assume nessuno a nessuna condizione) però una mia cliente che ha mandato il figlio da uno che cercava un panettiere (orari di merda ma paga eccellente) si è sentita chiedere quale fosse l'esperienza maturata...
Insomma, si cercano panettieri "finiti"... Solo che il figlio sarebbe al primo impiego...
E posso anche capirli, dato che non tutti vogliono rinunciare alle comodità di un impiego "comodo" e che i ragazzi di vent'anni sono oggigiorno in gran parte inaffidabili (il tempo di "formarli" e già se ne vanno perché hanno trovato da un'altra parte e hanno, poniamo, la domenica libera oppure fanno meno ore... O se lavorano a mezzogiorno sono liberi alla sera e viceversa, tipico caso del giovane cameriere che passa dal ristorante-pizzeria all'albergo... Ne so qualcosa...).
E' pur vero che magari molti quaranta-cinquantenni s'adatterebbero benissimo, ma siccome non puoi assumere un primaverino (che non ha mai visto un forno del pane in vita sua) come apprendista (per ovvie ragioni d'età e stante una normativa non più adatta ai tempi) il posto rimane vacante e la gente per strada...

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da silvio il Gio 24 Lug - 20:18

Cazzo per un attimo ho pensato parlano di me !

silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 56
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Rasputin il Gio 24 Lug - 20:19

silvio ha scritto:Cazzo per un attimo ho pensato parlano di me !

Troppo comodo caro Silvio!  mgreen 

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49133
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Minsky il Dom 27 Lug - 9:19

Non Ruby! Mediaset!  eeeeeeek 

Il Fatto Quotidiano ha scritto:Renzi e Berlusconi, in accordo del Nazareno c’è patto segreto salva-Mediaset

Piano delle frequenze favorevole, nessuna intrusione nell'inciucio dei diritti televisivi del calcio e tetti pubblicitari fantasma: l'ex premier baratta la messa in sicurezza dell'azienda di famiglia con il sostegno al governo. Ultimo esempio? Il voto di Forza Italia sulla tagliola. Ma tra i berlusconiani non mancano i mal di pancia: "Abbiamo subìto un'intesa voluta dal partito della tv"

Fabrizio d'Esposito | 26 luglio 2014

L’ultimo, decisivo contatto c’è stato nelle ore di sospensione di giovedì scorso a Palazzo Madama, prima dei tumulti e del corteo al Quirinale. Al telefono Matteo Renzi e il suo amico Denis Verdini, lo sherpa berlusconiano dell’inciucio sulle riforme: “Denis, non ci sono alternative al contingentamento, voi ci siete?”. “Matteo, non ti preoccupare, lo voteremo”. E così è stato. Anche se, quando poi è toccato al capogruppo azzurro al Senato, Paolo Romani, spiegarlo in aula, decine di forzisti sono andati via per protesta. E’ il patto del Nazareno, bellezza, e nessuno può farci nulla. Nel marzo scorso, al Fatto, il socialista Rino Formica, non Beppe Grillo, lo definì il patto scellerato Bierre “che sta smontando pezzi di Costituzione come nemmeno Mussolini, Napolitano sa che è un golpe?”. Parole sempre più attuali.

Le priorità del Condannato - Nel venerdì dopo l’Aventino, i forzisti “nazareni” rivendicano, al pari del premier, la linea dura. Due di loro se la ridono: “E’ stato un trionfo, andiamo avanti sino alla fine”. Più renziani di Renzi. Il patto tra lo Spregiudicato e il Pregiudicato sta ribaltando equilibri e posizioni. Per B. e i suoi, il Senato non è la parte decisiva del testo scritto e segreto e custodito dai due contraenti del Nazareno. In ordine d’importanza vengono prima la nuova legge elettorale, l’Italicum (e il timore diventato retropensiero in questi giorni è che Renzi faccia saltare tutto con un pretesto e vada al voto con un Mattarellum approvato in 15 giorni), la riforma dellagiustizia (proprio ieri il guardasigilli Orlando ha detto che le sentenze del Condannato non sono “un ostacolo”), finanche il delicatissimo dossier televisivo. Al Fatto, questo quarto punto, affrontato a quattr’occhi da B. e Renzi nel loro storico incontro nella sede del Pd (senza streaming, ovviamente) è riferito da più fonti berlusconiane. E’ la garanzia senza scadenze per l’eternoconflitto d’interessi dell’ex Cavaliere, quasi ottantenne e sempre più ossessionato dalla “roba” da lasciare ai cinque figli.

Il partito del Biscione - Tranne Verdini e i suoi, forse più in quota Renzi che B., questo l’ironico paradosso, quello del Nazareno è il patto tra un partito diventato padronale, il Pd, e un partito azienda, Mediaset. Ed è per questo che i mal di pancia di Forza Italia si possono riassumere in questo lamento: “Abbiamo subìto un accordo voluto dal partito Mediaset”. Il Biscione vanta fautori di altissimo rango del renzusconismo: l’onnipresente Gianni Letta (Panorama ha rivelato che avrebbe mostrato a B. un sms ricevuto da Renzi: “Il Capo… Un Gigante”), Fedele Confalonieri,Ennio Doris. Senza dimenticare che, agli inizi di luglio, prima della battaglia del Senato e prima della sentenza d’appello del 18 luglio di assoluzione per Ruby, è arrivato l’endorsement di Pier Silvio B., vicepresidente di Mediaset: “La crisi che stiamo vivendo è troppo lunga. Non c’è più un minuto da perdere: come italiano e come imprenditore, tifo per le riforme subito e per la fretta del governo. Renzi ha una chance unica e una grandissima responsabilità. Renzi è il più grande comunicatore dopo mio padre”.

Il risparmio bipartisan - Nei tre anni del Napolitanistan e dei governi tecnici, il saggio Confalonieri ha sempre ripetuto all’amico Silvio che l’inciucio fa bene a Mediaset. L’ultima conferma l’altro giorno, giovedì, quanto il titolo ha avuto la terza migliore performance a Piazza Affari (+ 6,90 %) e il suo prezzo continua a superare i tre euro abbondanti (3, 286). Ieri invece una flessione, a causa del superaccordo europeo in casa Sky. Ma in Italia, Medieset è sempre in una botte di acciaio, non di ferro. Agli inizi di luglio, nella commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, un documento della Confindustria Radio Tv (formata da tutti i broadcaster nazionali) spinge per il congelamento dell’attuale situazione e difende Mediaset sulla questione della banda a 700 megahertz contro la creazione di nuove reti nell’agenda digitale. Non solo. Il piano delle frequenze, attualmente in una fase di consultazione fino al prossimo settembre, è liquidato come un “vero bluff” dagli esperti del settore. In ogni caso, Rai e Mediaset risparmieranno 80 milioni di euro nei prossimi cinque anni alla voce canone per le frequenze. Il ministero che se ne occupa è quello delloSviluppo Economico, occupato dall’unica berlusconiana dichiarata del governo Renzi, Federica Guidi.

Spot, l’ultimo inciucio - Un altro dossier messo a giacere riguarda la direttiva europea sui tetti pubblicitari da abbassare alle reti commerciali. Facile immaginare perché non vengano adeguati. Per Mediaset sarebbero tanti, troppi milioni in meno. Un colpo che non potrebbe permettersi dopo essersi svenata per l’inciucio epocale tra Sky e Mediaset sui diritti tv del campionato di calcio diSerie A, triennio 2015-2018, alla fine di giugno. Alla vigilia la stessa Sky aveva mandato un avvertimento a Renzi: la Lega Calcio non favorisca Mediaset. E’ finita con un altro inciucio. Il renzusconismo ha inglobato il conflitto d’interessi alla perfezione.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/26/renzi-e-berlusconi-nellaccordo-del-nazareno-ce-il-patto-segreto-salva-mediaset/1072626/

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13479
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Dom 27 Lug - 10:37

Ottimo lavoro Minsky!
Prendo solo spunto dalla questione senato... ma il discorso potrebbe valere anche per l'altro.
Nessuno ha mai travato uno straccio di argomento per sostenere "razionalmente" il salvataggio del Senato ... ma non importa, il Senato va salvato ad ogni costo!
... e le ragioni le sappiamo tutti (anche se nessuno le vuole dire), il Senato va salvato per mantenere ingovernabile il paese, il senato va salvato per impedire una qualsiasi maggioranza stabile, il senato va salvato per poter rallentare a piacimento l'iter delle leggi... ed eventualmente snaturarle o impedirne l'approvazione. Il Senato va salvato perché sarebbe un precedente gravissimo abolire un ente, una istituzione solo perché inutile...
Ma questo cose non si possono ovviamente dire e allora si dice che è un "inciucio"...
Ma ben venga qualsiasi inciucio se serve a fare qualcosa di utile per il paese!!!

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da primaverino il Dom 27 Lug - 14:18

Non credo che l'ingovernabilità di un Paese dipenda dal numero delle sue Camere...
Australia, Giappone, Brasile, Canada, Germania, UK, USA, Olanda e Francia (tanto per dirti) sono "bicamerali" ma tutt'altro che "ingovernabili".
Senza contare che alcune leggi italiote (le peggiori, incidentalmente) sono passate in meno di 90 giorni nonostante il presunto impiccio di cui parli...
Quindi quello dell'ingovernabilità è un falso problema.*
Vero è che il sistema italico (bicameralismo perfetto) va superato, ma l'abolizione del Senato non rappresenta l'unico modo.
Peraltro nessuno parla di abolirlo, bensì di trasformarlo in un organo di nominati anziché di eletti. (con immunità valida anche per loro, cioè sindaci, consiglieri regionali e "un tot" direttamente nominati dal presidente della Repubblica, il che non sta né in cielo né in Terra, data l'evidente incostituzionalità di una norma così. Semplicemente pazzesco)

* Oppure un pretesto per trasformarlo come vorrebbe Renzi (e mica solo lui) nell'albergo a ore di cui si parlava... Eh si! Perché i nuovi "senatori" decadrebbero immediatamente al termine del loro mandato "primario" (sindaco o consigliere regionale) ma nessuno ci assicura che nel frattempo decada anche la vergognosa (per come è intesa oggigiorno) immunità (che sostanzialmente è una vera e propria "impunità") e senza contare che magari anche le prebende acquisite durino vita natural durante, magari con un bel "vitalizio" ad hoc...
Pertanto un Senato con competenze riviste può essere utile, mentre l'attuale "riforma" ne cristallizza l'evidente inutilità pubblica per favorirne una "privata" (oggi se delinquo in qualità di sindaco non godo dell'impunità, da domani invece si...).
Mi meraviglio dell'ingenuità del tuo grassettato, mon ami.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Dom 27 Lug - 15:39

Primaverino, vedo qui, ma già me n'ero accorto in altre occasioni, che neanche tu riesci a trovare un solo argomento in difesa del bicameralismo ... al massimo mi dici che non siamo gli unici al mondo ad avere questo "male" e che altrove si rivela un male sopportabile.
Poi aggiungi che la riforma Renzi del resto non lo abolisce ma solo lo "trasforma" in un "albergo a ore".

Sai bene che anch'io sarei più che favorevole all'abolizione sic et simpliciter del Senato della Repubblica mandando a casa non solo gli onorevoli senatori ma anche tutti gli altri che nel senato vendemmiano.
Però realisticamente questo è "impossibile", chi sostenesse oggi un progetto simile otterrebbe solo il risultato di far sì che tutto resti immutato.
Per me Renzi fa benissimo a seguire una strategia minimalista che miri a realizzare per il momento ciò che è fondamentale, e cioè che il senato NON abbia più il potere di dar la fiducia al governo e non sia più necessario per l'approvazione delle leggi.
La sua abolizione insieme a quella di tante altre istituzioni inutili sarà senz'altro favorita se intanto realizziamo questo primo passo...  ma credo che sia proprio questo a far paura!

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da primaverino il Dom 27 Lug - 16:04

Quello che ti sfugge è che la modifica del Senato NON è un primo passo.
E' un progetto definitivo tendente ad ampliare l'immunità anche a coloro che non ne hanno diritto.
Per poter delinquere meglio e in modo più comodo. Impunitamente e vita natural durante (e senza nemmeno risparmiare un euro, ça va sans dire...).

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Dom 27 Lug - 16:55

primaverino ha scritto:Quello che ti sfugge è che la modifica del Senato NON è un primo passo.
E' un progetto definitivo tendente ad ampliare l'immunità anche a coloro che non ne hanno diritto.
Per poter delinquere meglio e in modo più comodo. Impunitamente e vita natural durante (e senza nemmeno risparmiare un euro, ça va sans dire...).
Ma perché mai dovrebbe essere progetto "definitivo" ???  ... se anche fosse dichiarato tale, le riforme "definitive" sono sempre state in Italia quelle che durano meno... semmai sono quelle "provvisorie", "transitorie" quelle che hanno vita lunghissima!
Comunque la modifica del senato risponde per lo meno a 2 esigenze molto importanti:
1. problema elettorale: le abbiamo provate tutte le porcellate... ma finché abbiamo il bicameralismo perfetto non si riesce a trovare un sistema che assicuri di avere una maggioranza che governi. Inoltre con 2 camere anche le "congiure di palazzo" diventano più facili... o da una parte o dall'altra il ribaltone lo si riesce sempre a fare.
2. le leggi andando avanti e indietro tra camera e senato non migliorano affatto, anzi... tieni conto che i nostri parlamentari in massima parte non hanno la capacità tecnica di scrivere una legge (e forse non sono neanche in grado di capire quanto scritto dai tecnici) i loro "emendamenti" riescono a rendere la legge solo più confusionaria e comunque sono fatti solo per soddisfare miopi e meschine richieste clientelari.

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Minsky il Sab 2 Ago - 8:00

Il Fatto Quotidiano ha scritto:Ruby, l’ex avvocato: “Pagata oltre 6 milioni. Parlo perché Berlusconi assolto”

È l'Espresso che svela che Ruby "avrebbe incassato, in particolare, più di sei milioni di euro" sui conti all'estero. Il legale: "Se Berlusconi fosse stato condannato anche in appello, avrei continuato a tacere, per non ledere la sua posizione di imputato. Ma ora la sentenza di assoluzione, purtroppo, viene usata come un'arma per colpire i magistrati della procura di Milano"

di Redazione Il Fatto Quotidiano | 31 luglio 2014

Quindici giorni fa l’assoluzione – per alcuni clamorosa – di Silvio Berlusconi dai reati di concussione e prostituzione minorile nel processo Ruby. Oggi alla vicenda di Karima El Mahroug, la ragazzina marocchina ospite delle cene eleganti di Arcore quando era minorenne e spacciata (invano) per nipote dell’ex presidente egiziano Mubarak, si aggiunge un altro tassello.

È l’Espresso che svela che Ruby – riconosciuta come parte offesa nel processo ma che non si è mai costituita parte civile avrebbe ricevuto molti più soldi di quanto non sia emerso finora: “la giovane marocchina avrebbe incassato, in particolare, più di sei milioni di euro”. È stato l’avvocato Egidio Verzini – uno degli avvocati che si sono succeduti come legali di parte civile - il professionista che ha gestito quella trattativa economica per conto di Ruby, nella primavera del 2011, mentre era il suo difensore di fiducia. Il legale – già nel novembre scorso – aveva raccontato che Karima voleva costituirsi parte civile nel processo ma che poi per “interventi esterni” e anche pressioni rinunciò. Ora per questa rinuncia c’è un prezzo: 6 milioni di euro. Una cifra non molto diversa da quella di cui la ragazza scriveva nella sua contabilità: quando scriveva che aveva chiesto al presidente 5 milioni.

Dalle indagini era emerso l’allora presidente del Consiglio – che pagava lo stipendio alle Olgettine anche a processo di primo grado in corso - aveva versato circa 57 mila euro a Ruby nel 2010: un “atto di liberalità” verso una ragazza che aveva avuto una vita molto difficile, bisognosa. E per questo Berlusconi aveva pensato anche di donarle circa 60 mila euro per permetterle di aprire un centro estetico. In realtà, sostiene l’avvocato Verzini, “Ruby ha ricevuto molti più soldi, sicuramente. Quello che da sempre ha sostenuto la procura di Milano.  Il piccolo tesoretto ottenuto dalla Rubacuori supererebbe, secondo il legale, i 6 milioni di euro. Tutti soldi che sarebbero stati bonificati all’estero. Fu proprio Ruby, in quei giorni, a confermare al suo legale “che aveva raggiunto l’accordo e che doveva percepire cifre molto più ingenti”.

“Se Berlusconi fosse stato condannato anche in appello, avrei continuato a tacere, per non ledere la sua posizione di imputato. Ma ora la sentenza di assoluzione, purtroppo, viene usata come un’arma per colpire i magistrati della procura di Milano. Non si può far credere ai cittadini italiani che i fuorilegge, in questo Paese, siano i pubblici ministeri. A questo punto mi sento in dovere di parlare” dice il legale in una intervista al settimanale.

“Ruby – si legge nell’articolo dell’Espresso domani in edicola – aveva capito che quella era l’occasione della sua vita ed era decisissima ad uscirne con un sacco di soldi. Io le avevo proposto una strada legale. Ruby doveva costituirsi parte civile nel processo contro Emilio Fede. Un bel giorno avremmo annunciato che la costituzione veniva revocata. Come succede normalmente nei processi, questo significa che la parte civile è stata risarcita privatamente. E visto che Ruby è stata screditata sulla stampa di tutto il mondo, una transazione di alcuni milioni era credibile. Poi, se Fede alla fine non avesse pagato di tasca sua, questi non erano fatti di Ruby né miei”.

La trattativa, però, come aveva già raccontato il legale lo scorso novembre, è naufragata per pressioni esterne: “Qualcuno ha suggerito o imposto a Ruby una strada diversa e non la via legale da me consigliata. A quel punto ho deciso di interrompere il rapporto con la mia assistita, in quanto ciò che mi veniva proposto andava a collidere con il rispetto delle norme del nostro ordinamento”. E così Ruby venne assistita nuovamente nel processo da Paola Boccardi dopo essere stata tutelata da Luca Giuliante, Massimo Di Noia, lo stesso Verzini.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/31/ruby-lex-avvocato-pagata-oltre-6-milioni-parlo-perche-berlusconi-assolto/1078478/
Sei milioni... per un pompino... sarà stato il pompino meglio retribuito della storia?

 boxed 

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13479
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Sab 2 Ago - 8:14

Minsky ha scritto:
Il Fatto Quotidiano ha scritto:Ruby, l’ex avvocato: “Pagata oltre 6 milioni. Parlo perché Berlusconi assolto”
...
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/31/ruby-lex-avvocato-pagata-oltre-6-milioni-parlo-perche-berlusconi-assolto/1078478/
Sei milioni... per un pompino... sarà stato il pompino meglio retribuito della storia?

 boxed 
 quoto.. 
Anche se è difficile sapere quanto a conti fatti sia stato pagato quello della Lewinsky...

... e d'altra parte "Il Fatto Quotidiano" è noto per confondere milioni con miliardi!

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Minsky il Sab 2 Ago - 20:59


_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13479
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Justine il Dom 3 Ago - 7:29

Anche il classico "Si- la- do" non è male

_________________
[...] l'aeroporto c'è, no non c'è, pregasi indagare sulle differenze tra orari di percorrenza e orari sulle tabelle, la fermata si chiama aeroporto ma non è un aeroporto, differenze tra curare e guarire, cantanti lirici londinesi comunisti, 180% dei cinesi [...] (Jess)

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15347
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

http://amarantha.neocities.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Dom 3 Ago - 7:50

Loki ha scritto:Anche il classico "Si- la- do" non è male
... dipende da chi la suona!

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da Minsky il Mer 11 Mar - 15:49

Processo Ruby, ecco perché Silvio Berlusconi è stato assolto

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13479
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Mer 11 Mar - 15:56

Minsky ha scritto:Processo Ruby, ecco perché Silvio Berlusconi è stato assolto
Avevo già condiviso questo "ottimo" articolo sul mio diario Facebook.... se qualcuno vuole partecipare alla discussione, il diario è pubblico e comunque l'amicizia... io la do a tutti:
https://www.facebook.com/paolo.benazzo/posts/10205144463323476?comment_id=10205145733955241&offset=0&total_comments=1

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da primaverino il Mer 11 Mar - 16:24

E' stato assolto perché le leggi le fanno a favore di certuni, altrimenti no.
Sic et simpliciter...
Peraltro in un Paese (la Maiuscola mi parte inopinatamente tanto quanto il braccio del dr. Stranamore nell'omonimo lungometraggio, mi scuso per il riflesso condizionato) laddove la prescrizione parte dalla notizia di reato (e non dalla contestazione del medesimo) e non si sospende neppure in sede dibattimentale (come accade ovunque tranne qui) ed esiste la singolare "presunzione d'innocenza" sino all'ultimo grado di giudizio (nei Paese "seri" si inferisce giustamente la "presunzione di colpevolezza" dopo il primo grado, qualora il risultato sia sfavorevole al reo [e per soprammercato si va in galera senza sconti] e senza contare che l'appello è tutt'altro che "automatico"  per non parlare dei ricorsi in Cassazione, o "suprema Corte" come altrove viene menzionata) difficilmente (eufemismo) si arriva a condanna definitiva per "lorsignori".
Mi spiace, Paolo, siamo d'accordo su molte questioni, ma nel merito specifico ci stai facendo una brutta figura. perdonami la franchezza.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: E no! troppo comodo caro Silvio!

Messaggio Da paolo1951 il Mer 11 Mar - 16:47

Non ce nulla da perdonare... ci mancherebbe.
Ma non capisco cosa c'entri la prescrizione, Berlusconi non è stato mica assolto per questo, bensì perché il fatto non costituisce reato... appunto andare a puttane non è reato in Italia, anche se molti a destra e a sinistra lo ritengono "disdicevole".

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum