Israele colpisce ancora

Pagina 8 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da Hara2 il Dom 21 Set 2014 - 20:14

E, Jessica, lasciando perdere i toni, cosa contesti all'articolo postato di debora?

Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1762
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da SergioAD il Dom 21 Set 2014 - 20:42

Stiamo parlando di gente con finti ideali e memoria corta ma anche di gente manipolata dal potere, non so se siano davvero connessi ma è verosimile, inoltre saharonim esiste come ci sono le assurdità contro gli etiopi ebrei.


SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da paolo1951 il Dom 21 Set 2014 - 22:05

jessica ha scritto:...
good post :si si: :si si:
si si certo! esattamente questo.
anche questa volta le tue capacità di comprensione non si smentiscono
applaudi applaudi applaudi applaudi applaudi
jessica quando non ti viene nulla da argomentare... perché non cogli l'occasione di tacere?
Come dice un proverbio: meglio tacere e passare per stupido, che aprir bocca e fugare ogni dubbio.

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da jessica il Lun 22 Set 2014 - 0:18

paolo1951 ha scritto:
jessica ha scritto:...
good post :si si: :si si:
si si certo! esattamente questo.
anche questa volta le tue capacità di comprensione non si smentiscono
applaudi applaudi applaudi applaudi applaudi
jessica quando non ti viene nulla da argomentare... perché non cogli l'occasione di tacere?
Come dice un proverbio: meglio tacere e passare per stupido, che aprir bocca e fugare ogni dubbio.
se tu stesso avessi seguito il tuo generoso consiglio non avresti interventi al tuo attivo.

se scrivi cazzate non vedo perchè non potrei rispondere a tono.

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da jessica il Lun 22 Set 2014 - 0:20

Hara2 ha scritto:E, Jessica, lasciando perdere i toni, cosa contesti all'articolo postato di debora?
intanto non vedo perchè dovrei lasciar perdere il tono, e comunque di quel che ho letto contesto semplicemente l'essere una minchiata.
se vuoi e se può servire a qualcosa (ne dubito da mo') lo leggo per intero e commento seriamente.
ma appunto non mi pare che la cosa abbia senso.

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da SergioAD il Lun 22 Set 2014 - 9:15

Hara,

Israele dispone di un sacco di risorse per fare quello che vuole. Dire "informazione corretta" non significa "informazione indipendente", non battiamoci su cose che appaiono inferiori alla nostra intelligenza (bada che non dico tra noi due che sento che abbiamo la giusta fiducia reciproca, da parte mia anche affettiva e probabilmente vogliamo la stessa cosa).

Probabilmente il termine terrorismo è stato associato a teorie del complotto quando è una forma di partecipazione e intervento militare che contempla ogni mezzo, incluso la carta stampata, la televisione, la propaganda (pubblicità) e adesso la rete di comunicazione per raggiungere l'obiettivo. Io non simpatizzo con tutti i palestinesi ma nemmeno con quegli ebrei.

I haredim almeno non hanno coscienza che Dio passa attraverso un cerchio concentrico preparato dalla comunità esterna che contiene le risorse che gli servono per esistere. Netanyahu parlava di non far superare 30% ai non ebrei, evidentemente sa che poi toccherà agli ebrei diversi, colore, usi e costumi e quelli che hanno vissuto a sbafo senza partecipare.

Ci saranno i semiti alla fine in Israele?

Se invece i haredim diventassero una consistente maggioranza?

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da Hara2 il Lun 22 Set 2014 - 13:34

SergioAD ha scritto:Hara,
...

Probabilmente il termine terrorismo è stato associato a teorie del complotto quando è una forma di partecipazione e intervento militare che contempla ogni mezzo, incluso la carta stampata, la televisione, la propaganda (pubblicità) e adesso la rete di comunicazione per raggiungere l'obiettivo. Io non simpatizzo con tutti i palestinesi ma nemmeno con quegli ebrei.


Non sono sicuro di aver capito , sostieni che Hamas non sia una organizzazione terroristica?

I haredim almeno non hanno coscienza che Dio passa attraverso un cerchio concentrico preparato dalla comunità esterna che contiene le risorse che gli servono per esistere. Netanyahu parlava di non far superare 30% ai non ebrei, evidentemente sa che poi toccherà agli ebrei diversi, colore, usi e costumi e quelli che hanno vissuto a sbafo senza partecipare.

Ci saranno i semiti alla fine in Israele?

Se invece i haredim diventassero una consistente maggioranza?

Non so se hai visto l'articolo che riporto

Da www.informazionecorretta.com/main.p...ez=120&id=55353

21.09.2014 L'ortodossia in Israele vista da Etgar Keret, laico e ateo

Testata: La Repubblica
Data: 21 settembre 2014
Pagina: 38
Autore: Etgar Keret-Fabio Scuto
Titolo: «Mia sorella, l'ultraortodossa-Mea Shearim, istruzioni per l'uso»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 21/09/2014, a pag.38-39, l'articolo di Etgar Keret, scrittore, regista e sceneggiatore israeliano, sul suo coinvolgimento famigliare con l'ortodossia, dal titolo "Mia sorella, l'ultraortodossa-Mea Shearim, istruzioni per l'uso"


Diciannove anni fa,in una saletta per matrimoni di Bnei Brak, morì la mia sorella maggiore; e ora vive nel quartiere più ortodosso di Gerusalemme.

Ho passato uno degli ultimi weekend a casa sua. Era il primo Shabbat che trascorrevo là. Vado spesso a trovarla verso la metà della settimana, ma quel mese, con tutto il lavoro che avevo e i viaggi all'estero, o ci andavo sabato o niente.

«Sta' attento», disse mia moglie mentre uscivo. «Non sei più tanto in forma, sai. Vedi di non farti convincere a diventare religioso o chissà cosa».
Le risposi che non doveva preoccuparsi di nulla. Quando si tratta di religione, io non ho proprio nessun Dio.
Quando sono sicuro di me non ho bisogno di nessuno, e quando mi sento di merda e dentro mi si apre questo grosso buco vuoto, so solo che non c'è mai stato un dio capace di riempirlo, e non ci sarà mai. Così, anche se cento rabbini evangelizzatori pregassero per la mia anima perduta, non servirebbe a niente.

Io non ho alcun Dio, ma mia sorella si, e le voglio bene, così cerco di mostrarGli un po' di rispetto.

Il periodo in cui mia sorella stava scoprendo la religione fu il più deprimente nella storia della musica pop israeliana.
Era appena finita la guerra del Libano, e nessuno era dell'umore giusto per i motivetti allegri. Ma poi, anche tutte quelle ballate dedicate a soldati belli e giovani che erano morti nel fiore degli anni cominciavano a darci sui nervi. La gente voleva canzoni malinconiche, ma non quelle che facevano un cancan su una guerra brutta e pusillanime che tutti stavano cercando di dimenticare. Che è il motivo per cui improvvisamente nacque un nuovo genere: il lamento funebre per un amico che è diventato religioso.
Queste canzoni descrivevano sempre un amico intimo o una ragazza sexy che erano stati la ragione di vita della o del cantante, quando tutt'a un tratto era successa qualcosa di terribile ed erano diventati ortodossi. L'amico si faceva crescere la barba e pregava in continuazione, la bella ragazza era coperta da capo a piedi e non voleva avere più niente a che fare col cantante immusonito. I giovani ascoltavano queste canzoni e scuotevano cupamente la testa.

La guerra del Libano aveva portato via così tanti dei loro amici che l'ultima cosa che volevano, tutti, era vedere gli altri sparire per sempre in qualche scuola talmudica nel quartiere più degradato di Gerusalemme.

Non era solo il mondo della musica che stava scoprendo gli ebrei rinati. Erano roba grossa per tutti i media. Ogni talk show aveva un posto fissoo per un'ex celebrità diventata religiosa che si sentiva in dovere di raccontare a tutti come non avesse proprio alcun rimpianto per la propria dissolutezza, o per l'ex amico di un noto rinato che rivelava quanto l'amico fosse cambiato da quando era diventato religioso e come non potevi più nemmeno rivolgergli la parola. Anch' io.

Dal giorno in cui mia sorella fece il grande passo nella direzione della Divina Provvidenza, io diventai una specie di celebrità locale. Vicini che non mi avevano mai neanche rivolto la parola si fermavano, solo per stringermi energicamente la mano porgermi le loro condoglianze.
Hipster adolescenti tutti vestiti di nere venivano a darmi affettuosamente un cinque prima di entrare nel taxi che li avrebbe portati in qualche discoteca di Tel Aviv. E poi abbassavano il vetro del finestrino per urlarmi il loro dispiacere per la vicenda di mia sorella.
Se i rabbini avessero preso una ragazza brutta, si sarebbero anche rassegnati; ma portarsi via una bella donna come lei: che spreco!

Intanto, la mia compianta sorella studiava in un seminario femminile di Gerusalemme.

Era venuta a trovarci quasi ogni settimana, e sembrava felice. Se c'era una settimana in cui non poteva venire, andavamo noi a trovarla.
Allora io avevo quindici anni, e sentivo terribilmente la sua mancanza. Non l'avevo vista molto spesso nemmeno quando faceva il servizio militare, prima di diventare religiosa, come istruttore di artiglieria nel sud del paese, ma allora, per qualche motivo, mi era mancata di meno. Ogni volta che ci incontravamo la studiavo attentamente, cercando di capire in che modo era cambiata. Avevano forse sostituito la luce che aveva negli occhi, il sorriso?
Parlavamo tra noi come sempre. Lei continuava a raccontarmi le storie buffeche aveva inventato apposta per me, e mi aiutava a fare i compiti di matematica. Ma mio cugino Gili, che apparteneva alla sezione giovanile del Movimento Contro la Coercizione Religiosa e la sapeva lunga sui rabbini e tutto, mi diceva che era solo questione di tempo.

Non avevano ancora finito di lavarle il cervello, ma appena l'avessero fatto lei si sarebbe messa a parlare yiddish, e loro le avrebbero rasato la testa, e lei si sarebbe sposata con un tipo sudato, flaccido e repellente che le avrebbe proibito di vedermi. Poteva volerci ancora un anno o due, meglio che mi preparassi, perché una volta maritata forse avrebbe continuato a respirare, ma dal nostro punto di vista sarebbe stata come se fosse morta.

Diciannove anni fa, in una saletta per matrimoni di Bnei Brak, la mia sorella maggiore mori, e ora vive nel quartiere più ortodosso di Gerusalemme.

Ha un marito, studente di una yeshiva, proprio come aveva promesso Gili. Non è né sudato né flaccido né repellente, e in realtà sembra contento ogni volta che mio fratello o io li andiamo a trovare.
Gili allora, circa vent'anni fa, mi garantì che mia sorella avrebbe avuto orde di figli, e che ogni volta che io li avessi sentiti parlare yiddish come se vivessero in un desolato shtel dell'Europa orientale mi sarebbe venuta voglia di piangere. Anche su questo argomento aveva ragione solo a metà, perché mia sorella ha veramente un mucchio di bambini, l'uno più carino dell'altro, ma quando parlano yiddish mi vien solo da sorridere.

Mentre entro nella casa di mia sorella, meno di un'ora prima di Shabbat, i bambini mi salutano all'unisono col loro «come mi chiamo?», una tradizione che ha avuto inizio dopo che una volta li confusi tra loro. Considerando che mia sorella ha undici figli, e che ognuno di essi ha un doppio nome, come hanno di solito gli hassidim il mio errore era sicuramente perdonabile. Il fatto che tutti i ragazzi sono vestiti nello stesso modo e dotati di coppie identiche di riccioli laterali costituisce una notevole attenuante. Ma tutti loro, da Shlomo-Nachman in giù, vogliono ancora essere sicuri che il loro strano zio abbia le idee abbastanza chiare, e dia il regalo giusto al nipote giusto.

Mia madre sospetta che non sia ancora finita; perciò, tra un anno o due, a Dio piacendo, ci sarà un altro doppio nome da imparare a memoria. Dopo che ebbi fatto l'appello con pieno successo, mi venne offerto un bicchiere di cola strettamente kosher mentre mia sorella, che non mi vedeva da molto, voleva sapere cos'avevo combinato. È molto contenta quando le dico che me la passo bene, ma poiché il mondo in cui vivo io è per lei un mondo frivolo, non ha un vero interesse per i particolari.
Il fatto che mia sorella non leggerà mai uno dei miei racconti mi dispiace ma il fatto che io non osservo lo Shabbat e non mangio kosher a lei dispiace ancora di più.

Un giorno ho scritto un libro per bambini e l'ho dedicato ai miei nipoti. Nel contratto, la casa editrice accettava che l'illustratore preparasse una copia speciale, dove tutti gli uomini avrebbero avuto uno yarmulke (il copricapo) e riccioli laterali mentre le sottane e le maniche delle donne sarebbero state abbastanza lunghe per essere considerate modeste. Ma alla fine anche questa versione fu respinta dal rabbino di mia sorella. Il libro raccontava la storia di un padre che scappa con un circo. Deve averla considerata troppo audace, e io ho dovuto riportare la versione "kosher" del libro a Tel Aviv.

Fino a circa dieci anni fa, quando finalmente mi sposai, la parte più dura del nostro rapporto fu che la mia ragazza non poteva accompagnarmi nei giorni in cui andavo a trovare mia sorella. Per essere proprio sincero, dovrei dire che nei nove anni che abbiamo passato insieme ci siamo sposati dozzine di volte con cerimonie di ogni genere inventate da noi: con un bacio sul naso in un ristorante di pesce a Giaffa, scambiandoci abbracci in un fatiscente albergo di Varsavia, facendo il bagno nudi sulla spiaggia di Haifa e persino dividendoci un uovo Kinder sul treno Amsterdam-Berlino. Solo che, disgraziatamente, nessuna di queste cerimonie è riconosciuta dai rabbini o dallo Stato. Sicché, quando andavo a trovare mia sorella e famiglia, la mia ragazza doveva sempre aspettarmi in un caffè o in un parco. M'imbarazzava, ma lei capi la situazione e l'accettò.

Diciannove anni fa, in una saletta per matrimoni di Bnei Brak, la mia sorella maggiore mori, e ora vive nel quartiere più ortodosso di Gerusalemme.

Allora c'era una ragazza che amavo da morire, ma che non mi amava. Ricordo che due settimane dopo le nozze andai a trovare mia sorella a Gerusalemme. Volevo che pregasse perché quella ragazza e io potessimo stare insieme. A tal punto era arrivata la mia disperazione. Mia sorella restò in silenzio per un minuto e poi mi spiegò che non poteva farlo. Perché, se lei avesse pregato e poi quella ragazza e io ci fossimo messi insieme e la nostra vita insieme fosse diventata un inferno, lei si sarebbe sentita terribilmente in colpa. «pregherò, invece, che tu possa incontrare una persona con cui essere felice», disse, e mi rivolse un sorriso che cercava di essere consolante. «Pregherò per te ogni giorno. Lo prometto». Capivo che avrebbe voluto abbracciarmi e mi dispiaceva che non le fosse consentito, o forse me lo stavo solo immaginando.

Dieci anni dopo incontrai mia moglie, e stare con lei mi rese davvero felice. Chi ha detto che le preghiere non vengono esaudite?




Poi segue un "glossario" che puntualizza alcune delle criticità:

-servizio militare
-sussidi .
-costo alla comunità
-segregazione sessuale
-perdita dell'ideale sionista se non veri e propri fenomeni di antisionismo

Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1762
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da SergioAD il Lun 22 Set 2014 - 14:50

Hara ha scritto:Non sono sicuro di aver capito , sostieni che Hamas non sia una organizzazione terroristica?
Quando non mi capisci in cose così mi sento uno straniero, accidenti! Lo è, Hamas è una organizzazione terroristica, ma sospetto che si sappia che ci sono regole militari non proprio convenzionali.

In ambito della Critical Infrastructure Protection,  Homeland Security - i cittadini non sono liberi, pensa agli altri e considera l'approccio terroristico sia come deterrente che la soluzione applicata.

www.dhs.gov per chi ama l'argomento.

Sono sensibile alle storie come quella che hai postato, poi mi metto il capello da analista e cerco tra le righe il messaggio ed è quello che ho postato prima.

Far passare per compatibile quello che non lo è; le comunità chiuse sono parassitarie; ci fossimo tutti convertiti al chassidismo avremmo un disastro sociale.

Non è sostenibile quella crescita demografica contraria al secolarismo. Israele ha 3 incompatibilità evidenti da risolvere, la prima è la questione palestinese.

Ma sono tutte di carattere umanitario e significative all'interno dell'industria del dolore, simile a quella dell'olocausto, per quelli che ne hanno fatto uso.

SergioAD
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6602
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele colpisce ancora

Messaggio Da Rasputin il Dom 28 Set 2014 - 20:12


_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49133
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 8 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum