Le peggiori uscite dei credenti

Pagina 5 di 44 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 24 ... 44  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Justine il Sab 9 Ago - 12:01

Comunicazione per Hakudo: data la tua generale impossibilità a comportarti seguendo i canoni di una conversazione priva di attacchi alla persona, facili ironie ed altro che costringe a prenderti di petto, sei da questo momento sulla mia lista di Utenti Ignorati.

Non vedrò di conseguenza tuoi messaggi, così potrai parlare quanto desideri, ma da solo. Non ha utilità conversare con chi crede di poter elevare una "verità" personale a caso generale, come non è richiesto dal thread

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 12:20

Loki ha scritto:La tua esperienza. Dimostra perché è superiore alla mia o a quella di un qualsiasi altro individuo che non crede al wishful thinking istituzionalizzato.
"avere bisogno"-- > ah, da lì non ti schiodi. tutto è in funzione dei tuoi bisogni. Una persona che non ha bisogno di tali palliativi ti è evidentemente superiore


Non è mica vero. E' che li reprime oppure li sollazza altrove. Tant'è che li ricerchi nei dati oggettivi. Stay human, stay happy


Io non prendo pillole, è un assunzione che hai fatto tu perché mi ritieni una sfigata che non è in grado di campare senza.

Per fortuna che avevo avvisato prima  mgreen 


Io le ho mostrate in seno ad un'opzione preferita da altri, ma che non riguarda né il ruolo della scienza né me. E guarda che il buddhismo ed altro non sono diversi nel loro presunto compito. Differenti mezzi e stesso scopo.

No affatto. Perché il tuo "metodo" esclude l'esperienza soggettiva come verità.


Non intervengo poi sui tuoi ad hominem, a dimostrare quanto tu sia semplicemente interessato a mostrare che sai pisciare più lontano,

Vero, dato che posso farlo stando in piedi ed ho un sistema idraulico più funzionale a tal scopo


non sei mica qui per istruire o mostrare placidamente le tue credenze. Sei qui a rispondere in tali toni perché non puoi fare a meno di ottemperare ad un impulso meramente animale, ovvero la sopraffazione.

L'ironia e la satira sono tipiche dell'uomo, non dell'animale.


Bella pratica di buddhismo, veramente.

concordo


Il fedele è un dispositivo in seno al suo wishful thinking, quindi una sinossi dell'impellenza di confortarsi, come ti dico sempre. ne ha bisogno, è un transfert pari al credere che il grembo materno sia sempre accogliente, quando invece se ne viene scacciati e financo abortiti.

Dialogo e confronto. Si chiamano così. Sono previsti e incoraggiati


Fa piacere sapere che mi invento robe quando il tuo credere è costellato di fiabe ad uso e consumo del singolo, senza- come abbiamo constatato - una valenza che vada al di là dell'antropocentrico. Non farmi ripetere le cose ottantamila volte, dai.

E' costellato de che? 
Io ho parlato di Mitopoietica, e per dirla come un maestro Zen quando lo interrogarono se era vero ciò che era successo alla nascita di buddha, se vedo un bambino che appena nato cammina, fa spuntare fiori di loto dove appoggia i piedini, fa scaturire due sorgenti una fredda e l'altra calda, parla e dice che è il migliore del mondo lo faccio secco a bastonate, tanto per non sapere leggere né scrivere. Per fartela ancora più semplice: Se sento rumore di zoccoli penso ad un cavallo, non ad un centauro o ad un unicorno


Tu hai profondamente bisogno di credere,

Cazzata immane. Lo stesso buddha imponeva di esperire, non di credere. Lo sapresti se avessi letto un canone buddista della Hoepli qualunque. Sei tu che immagini il conversatore in una certa maniera perché incapace di prevedere che non sia fideistico e superstizioso.


dato che sei tu stesso a rivelare i tuoi trascorsi di timidezza ed introversione, che l'equilibrio psichico ti è possibile. Avresti potuto raggiungerlo in migliaia di altri modi,


Infatti ho scritto che questo è il MIO metodo, che si appoggia su un esperienza totalizzante, che non esclude il punto di vista scientifico (che spesso ci da ragione) e non su speranze di future droghe inibitrici o eccitanti come la tua, o il palese tentativo di convincermi che soddisfare per intero la mia umanità è una perdita di tempo

E incazzato con chi riesce a campare in altre maniere, te la prendi mandando in contraddizione la placidità e la serenità che supponi di aver raggiunto.

Sono calmo come un Vacca Hindù. Mi piace tantissimo avere un linguaggio colorito e che tende a strappare un sorriso. come scritto nella presentazione Peccato che in una chat scritta non si senta il tono della voce.


La gallina venne prima dell'uovo, informati.
"Celebrali". Senza parole: scrivi cerebro o celebro? Cerebrali.


aaah... la dipendenza dai correttori automatici... ed è strana la tua asserzione. Il punto di vista della scienza sul paradosso dell'uovo e la gallina dice che prima è nato l'uovo. Sta pure su Wikipedia

PS: non mi hai risposto se è la marmolada che fa muovere le ghiandole o sono le ghiandole che partono prima


Gli esempi che riporti, viva il boia del boia, sono tutti relativi ad elementi sopravvivenziali e biologici, tra cui la propagazione della specie e i tuoi baci, lo capisci? Chissà perché non ti vien voglia magari di provare la stessa sensazione con me:

Ti assicuro che non avrai mai occasione di verificarlo  mgreen 


è ovvio, perché non è il bacio in sé, è la rappresentazione mentale che ne hai!

Non avrei rappresentazioni mentali senza la totale esperienza del bacio, se no mi basterebbe immaginarlo. Ottimo per i segaioli. suvvia, aspira un po' di più.


Intendi una volta per tutte che per quante cose si possano amare, tutto ciò ha senso in una prospettiva ESCLUSIVAMENTE antropologica, dedicata alla nostra specie?

essendo un uomo si, posso solo vivere affidandomi ad una realtà relativa alla mia natura. O tu vuoi fare la fine della bambina di sale, che bramava di immergersi nell'oceano e quando ci riesce l'unica cosa che ottiene è sciogliersi e sparire?


Le piante si sentono superiori se baciano?

Il bacio è tipico dell'uomo, non delle piante


Senti, io vorrei anche campare piuttosto che passare la vita su un forum.

D'accordo, rinfodero il pugnale che ti costringe a rispondermi


Cercati anche qualcosa su Pepper, robot che si sta pericolosamente -per te- avvicinando alla comprensione delle emozioni e dell'empatia umana.

Se gli fanno le gambe riuscirà persino a fare le scale.


Non credere che l'uomo sia chiave di volta. Non ha valenza superiore a quella del fosforo immesso nell'aria dai fuochi fatui.

Se mai tu dovessi ammazzare qualcuno, prova a raccontarlo al giudice. Spero anche in una tua coerenza se ti ammazzano un amico o un parente: Signor giudice lasci perdere il povero criminale e lo lasci libero, infondo mio padre ha la stessa consistenza di una scoreggia

Saluti

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 12:34

FuoriDagliSchemi ha scritto:Gente, avete concluso con i discorsi sulla felicità e sui disturbi mentali? Che poi, che c'azzeccano con "le peggiori uscite dei credenti"? Non ditemi che sono cessati i casi di preti pedofili che non sapevano fosse reato stuprare i bambini e di madri che cuociono i figli al microonde  eeeeeeek
 
è che quando si parte con un discorso poi si divaga. fa parte della meraviglia del linguaggio e del confronto e così si finisce off o topics. Capita in tutti i forum. Inoltre, a detta del mio (ex) interlocutore non ci dovremmo preoccupare troppo di simili crimini, tanto tutto equivale ad una manciata di fosforo  wink..


Ultima modifica di Hakudò il Sab 9 Ago - 12:38, modificato 1 volta

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 12:35

Loki ha scritto:Comunicazione per Hakudo: data la tua generale impossibilità a comportarti seguendo i canoni di una conversazione priva di attacchi alla persona, facili ironie ed altro che costringe a prenderti di petto, sei da questo momento sulla mia lista di Utenti Ignorati.

Non vedrò di conseguenza tuoi messaggi, così potrai parlare quanto desideri, ma da solo. Non ha utilità conversare con chi crede di poter elevare una "verità" personale a caso generale, come non è richiesto dal thread
 

Sopravviverò  ok

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Justine il Sab 9 Ago - 12:41

FuoriDagliSchemi ha scritto:Gente, avete concluso con i discorsi sulla felicità e sui disturbi mentali? Che poi, che c'azzeccano con "le peggiori uscite dei credenti"? Non ditemi che sono cessati i casi di preti pedofili che non sapevano fosse reato stuprare i bambini e di madri che cuociono i figli al microonde  eeeeeeek

Ma guarda, Fuori...
Quello che sorprende è la "gullibility" di certuni.
Credere che le leggi umane siano equipollenti in tutta la galassia, quando non hanno influenza nemmeno nella sfera sub-celeste se non relativamente a pochi topos.
Ritenersi non dietro a quelle che si credono inferriate del metodo scientifico e poi avocare l'empirismo.
Credere che le unioni umane abbiano più significato dei consorzi tra altri phyla e specie. Magari darsi a pratiche come il vegetarianesimo perché si ritiene di recare meno dolore all'universo, quando esso stesso decreterà la propria fine. Mangiare biacca e crederla oro.
Ritenere che i desideri umani possano esser metro di alcunché. Misurare il volume dei sassi a suon di sputi e preghiere, non capire che a far sì che tra il baciare una persona apprezzata e una palla di burro ci sono specifici meccanismi a carico, la cui rilevanza in un regno eidetico è dovuta a favorire la replicabilità dell'esperienza perché importante per la sopravvivenza umana. Non lo voleva capire assieme ad un mucchio di altre cose, poiché deve confortarsi e recuperare la quietudine perduta ad ogni mezzo. Magari con il collezionismo avrebbe ottenuto medesimo effetto. In quanti parlano di hobby come grande fonte di sereno? Quando ci verrà spiegato quale grandiosa verità credono di raggiungere quelli come lui, ringrazieremo forse insufficientemente.

Ad ogni modo ora è bloccato, pace a lui e al suo percorso di inutile prevaricazione

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da ermetesilente il Sab 9 Ago - 13:16

OT dell'OT: non conoscevo Phineas Gage, affascinante storia. In più mi chiedo: come ha fatto a ritrovare lavoro in quelle condizioni e io no?

ermetesilente
-------------
-------------

Numero di messaggi : 175
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 21.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Justine il Sab 9 Ago - 13:36

Ah, caro Ermete... Stessa situazione. Pare che a prescindere dalla sanità mentale, fossero tempi in cui ogni essere umano poteva decidere di ammazzarsi di lavoro dietro corrispettivo, e non per aria fritta...

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Yume il Sab 9 Ago - 15:44

Loki ha scritto:L'argomento trattato presuppone una soggettività umana. Non ci siamo inoltrati nell'analisi di quella inerente altre forme comportamentali o cognitive parallele o completamente estruse dall'umano. La "oggettività" (benché non sia per ora coscienza) del mio PC asserisce che 1727472572 + 4424242342 alla ventottesima dà un risultato preciso. Con un bug che accade? Può restituire due per la medesima operazione. Il bug è la componente soggettiva.
Per qualche risvolto, il malware in questione può anche risultare non interferente, e così abbiamo due risultati (oggettivo e soggettivo) equanimemente validi-
Ma spesso non è così.
Non che mi voglia legare gli amoretti delle ragazzine del tipo "amerò con certezza per sempre Justin Bieber", ma la soggettività spesso è una vera bete noire.
Certo, può accadere che corrisponda a prove empiriche. Ma tu prova a guardare un'illusione ottica con un cervello umano o un ricognitore computerizzato, e vedi la differenza.
Ma la morte che è? L'assenza di percezione; in quanto a me depreco esclusivamente il sistema ciclotimico di asserzioni che sono andate sviluppandosi attorno alle varianti sul tema.
L'esempio del bug di cui parli non è soggettività. E' un dato particolare (cioè inerente ad un ente singolo, in questo caso il tuo computer) ma pur sempre all'interno del campo oggettivo, campo oggettivo che è sempre una esperienza indiretta e approssimata, cioè frutto di analisi e misurazioni che possono essere solo adattate ai contesti in cui vengono applicate (contesti che vengono comunque vissuti sempre e solo soggettivamente, come ad esempio le stesse percezioni sensoriali).
 
La soggettività di cui parlo io invece non è un dato, ma è una capacità, una proprietà con cui gli enti (per lo meno umani, ma sicuramente non solo) riescono ad essere testimoni diretti di qualunque dato, sia interno che esterno, sia particolare che generale, ecc. E' una esperienza diretta, che va dalle percezioni sensoriali ai moti emotivi, dalle immagini mentali ai concetti più raffinati, il tutto inestricabilmente unito a formare quel mondo che consideriamo oggettivo solo come convenzione condivisa.

La morte di cui parli, è definibile come assenza di percezione solo da un punto di vista oggettivistico, cioè assolutizzando dei dati approssimati e analizzati, che non tengono conto (e non possono farlo per loro stessa natura) di eventuali indagini soggettive. Potresti anche avere ragione a dire che la morte è solo assenza assoluta (?*) di percezione, ma lo fai non tenendo conto dell'indagine soggettiva che non solo è una parte dell'esistenza, ma è anche la parte più preponderante (senza di essa, non potremmo dire niente neanche del campo oggettivo). 

Se ci si riflette, il problema è che, essendo certa solo in ambito umano (anzi, è certa solo nel proprio ambito particolare e individuale), non riusciamo a credere che l'esistenza soggettiva possa essere un naturale campo di esistenza dell'universo. Abbiamo paura di sopravvalutarla.
Vediamo che i CONTENUTI di coscienza (sottolineo "contenuti di coscienza", che non sono la vera e propria "proprietà della coscienza") hanno una corrispondenza con certi stati biochimici (quelli celebrali), e traiamo la conclusione che il mondo soggettivo, la consapevolezza-coscienza, sia un sottoprodotto di tali stati. E' come credere che internet si cancelli completamente se io spengo sul mio schermo una pagina tratta dalla rete; e questo solo perché ho visto che la qualità della visualizzazione della pagina suddetta dipende dalla qualità dei miei pixel.

*credevo che considerare un qualcosa come assoluto fosse appannaggio dei religiosi...


Ultima modifica di Yume il Sab 9 Ago - 15:56, modificato 1 volta

Yume
------------
------------

Numero di messaggi : 12
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Justine il Sab 9 Ago - 15:55

La percezione è sempre un fatto computativo, esattamente come il ns. concetto del bello fuoriesce da una media ponderata delle caratteristiche somatiche dei visi di nostro interesse, a livello cerebrale. L'esempio del PC dipende dalla tipologia di hw su cui invii il bug (la potenziale svista che magari ad un umano fa vedere tre soli durante una fase di trance). Un 486 risponderà andando in canna completqmente, un AMD cercherà di suggerire che c'è qualcosa di errato, un mainframe o una workstation tirerano dritto nonostante tutto e offriranno un risultato computativi valido e veritiero nonostante l'attacco. Ribadendo che questa tipologia di computer naturalmente non ha coscienza, rimane comunque un buon fattore di analisi per capire se la soggettività può essere presa per coerente in un umano. Se mi avvicino ad un libro (mi mancano 7 diottrie) e affermo: il libro è stampato in modo confuso, di certo non è quanto mi sento rispondere da uno a cui mancano 0.5 diottrie. Mi dirà che il libro -secondo il suo parere-- è stampato correttamente. La sua soggettività vince sulla mia e l'esame con la Snellen chart conferma che il libro ha un typeset leggibile da un essere umano. Fai conto che quelle diottrie siano pregiudizi, o quello che tu vuoi.
Non capisco l'intervento sulla morte, la quale per definizione non può pertenere ad una esperienza (gli attimi precedenti lo shock ipovolemico o cardiocircolatorio invece sì).

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Justine il Sab 9 Ago - 16:00

Internet è un organismo la cui coscienza viene dettata dai nostri contenuti. Ma quella assimilazione e crescita non può esservi senza medium (elettricità o mano umana).
Sarebbe sufficiente uno switch... e via.
È l'energia base a non potere esperire- può farlo se e solo se è organizzata.
Chi ha subito traumi invalidanti lo sa bene

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 16:00

good post  good post  good post 

Condivido ogni parola di Yume. Il problema delle persone come Loki, che (per dirla alla sua maniera) per recuperare la quietudine non parla CON e ma parla di DI me è che vorrebbero superare il problema dell'esistenza umana immedesimandosi in una barra di travertino. Con la differenza che se metto la mano nel fuoco di un fiammifero la mia mano si brucia, la barra di travertino si annerisce e si scalda solo un po'. E non può andarsene. Tutto ciò che misuriamo, tutto il linguaggio, tutto lo scibile di cui parliamo è soggettivo all'uomo e all'umanità. In definitiva la massima espressione di tale negazione, è la ricerca di un brodo dove tutto si mescola indifferentemente, la cui massima aspirazione dei fenomeni e dell'esperienza è il coma o uno stato simile.

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Ospite il Sab 9 Ago - 16:11

Ma allora siete de coccio... 10 pagine di OT mi sembrano un poco troppe.
Vorrei poter tornare IT all'istante, ma da cellulare e con scarsa rete non mi è facile, qualcuno intanto ha scovato delle notizie pertinenti al thread?

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 16:14

Eccotene una: cristo camminava sull'acqua

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Ospite il Sab 9 Ago - 16:17

hihihihih 
Anche "Maria era vergine" non è male  Royales

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Yume il Sab 9 Ago - 16:18

Loki: Tu parli di percezione e di particolari dati percettivi o emotivi, ma io no. 
Io sto parlando dell'ambito soggettivo. Non di alcuni suoi dati particolari. 
L'ambito soggettivo è quel campo di esistenza in cui tu ora stai vivendo sia i dati particolari (le 7 diottrie in meno), sia quelli generali (l'esame con la Snellen chart). 

L'ambito oggettivo invece è solo una particolare frazione di quello soggettivo, in cui alcuni dati generali (ad esempio il suddetto esame Snellen) vengono fatti valere convenzionalmente in modo condiviso, in forza di una buona approssimazione con cui tali dati generali possono essere fatti aderire ad altri dati generali (ad esempio alle caratteristiche di stampa del libro); 
per quanto anche tali dati generali ("esame Snellen" e "caratteristiche di stampa del libro") siano vissuti soggettivamente, tanto quanto quelli particolari ("7 diottrie in meno"). 

L'esempio della morte può essere considerata una assoluta* assenza di esperienza solo nell'ambito oggettivo, dove, per approssimazione, cioè in momentanea mancanza di dati soggettivi, si conviene a stabilire che non c'è percezione. 
Sottolineo "momentanea mancanza di dati soggettivi", perché una eventuale vera mancanza assoluta di dati soggettivi può essere stabilita solo soggettivamente, non oggettivamente. 

*di nuovo però chiedo come sia possibile parlare di assolutezza in ambito oggettivo, scientifico e materialista.

FuoriDagliSchemi: scusami, ma perché saremmo fuori tema? Stiamo vedendo se davvero si può avere un senso religioso, cioè se si può non essere oggettivisti assoluti, senza per questo scadere in affermazioni semplicistiche. Ridurre questo argomento a semplice esposizione di dichiarazioni semplicistiche e quindi ridicole tratte dai discorsi di persone in qualche modo religiose, mi sembra peggio dell'andare fuori tema: mi sembra un passatempo inutile, sarebbe come ridere del meno intelligente della classe. Comunque, c'è spazio anche per inserirle, se proprio volete...

Hakudò: grazie dell'apprezzamento... mi fa diventare nostalgico di SA...   crying

Yume
------------
------------

Numero di messaggi : 12
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Ospite il Sab 9 Ago - 16:33

Non ci vedo molta correlazione tra il titolo del thread e i discorsi riguardo: felicità -qualche post addietro- soggettività ed oggettività. Poi non so, forse che mi sono persa qualche passaggio  boh 
Ad ogni modo, vedrò di rileggere meglio il discorso sul senso religioso al più presto  ok
 saluto...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Yume il Sab 9 Ago - 16:44

Non voleva essere un rimprovero serioso il mio, è che di solito nei forum atei, invece di comprendere le cause profonde dell'atteggiamento religioso (fossero anche cause deleterie, anche se personalmente non credo, se non nei casi troppo immaginativi ed estremisti), ci si accontenta di sbeffeggiare tale atteggiamento... sarà che da piccolo a me piaceva comprenderle, le persone troppo fantasiose (per aiutarle ad equilibrare questa loro propensione, che non sempre è negativa), invece che prenderle in giro...  brilli

Yume
------------
------------

Numero di messaggi : 12
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Rasputin il Sab 9 Ago - 17:32

FuoriDagliSchemi ha scritto:Gente, avete concluso con i discorsi sulla felicità e sui disturbi mentali? Che poi, che c'azzeccano con "le peggiori uscite dei credenti"? Non ditemi che sono cessati i casi di preti pedofili che non sapevano fosse reato stuprare i bambini e di madri che cuociono i figli al microonde  eeeeeeek

 quoto.. 

Inoltre:

Hakudò ha scritto:come rapportarsi spiritualmente con l’essenza

ho preso una frase a caso dalla serqua di buddhanate (E sí che il thread apposito te lo avevo segnalato) e ti chiedo umilmente di spiegarmene il significato

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50768
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 17:57

Intendi il primo post? E' un pochino vago visto che non so a cosa stesse rispondendo o a quale specifico interlocutore stava cercando di rispondere, come era contestualizzata, quale era il livello di conoscenza di queste cose verso chi la frase era rivolta.  Presa così con le pinze direi intende che possiedi già una natura che è in grado di interfacciarsi, o forse meglio dire armonizzarsi al meglio con la complessità dell'esistente, solo che non la esercitiamo. Per ignoranza, timore, propensioni personali, paura di perdere del tempo, per partito preso, cultura, letture, esperienze sensibili, dogmi personali, interpretazioni soggettive della realtà, istruzione, database personale basi più o meno esistenti dell'ermeneutica, perché è più facile tacciarla di buddhanata farci una sghignazzata nella speranza che altri che sghignazzano assieme a noi ci diano manforte nella nostra convinzione ecc... ecc... ecc.. e tutto un'insieme di barriere psicologiche che innalziamo per convincerci che le nostre convinzioni anche più basate su pregiudizi aleatori siano giuste. E qui potrei farti un pippone sull'attaccamento alle nostre blindature mentali ecc. ecc.
Magari rispondimi là che ne discutiamo

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Rasputin il Sab 9 Ago - 18:01

Presa così con le pinze direi intende che possiedi già una natura che è in grado di interfacciarsi, o forse meglio dire armonizzarsi al meglio con la complessità dell'esistente, solo che non la esercitiamo.

Ok spiegami il significato di questa definendo esattamente i termini usati.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50768
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 18:02

Magari domani però. perché ho il turno di notte   crying

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 18:38

Rasputin ha scritto:
Presa così con le pinze direi intende che possiedi già una natura che è in grado di interfacciarsi, o forse meglio dire armonizzarsi al meglio con la complessità dell'esistente, solo che non la esercitiamo.

Ok spiegami il significato di questa definendo esattamente i termini usati.


Molto velocemente, dato che debbo travagliare in termini rapidissimi e molto semplici e semplificati. Ovvero te la faccio ancora più facile:


"Hai la possibilità di correre* e invece preferisci sfasciarti sul divano a guardare Sky cinema mentre tracanni birra e quando ti alzi è per andare a puttane. Cos' quando ti alzi per fare la scala per andare a dormire a momenti crepi a metà strada."


Posso tranquillamente lasciare a Yume il resto che ne sa a pacchi che io, aimè debbo lavorare


* = Puntare ad un obbiettivo se non altro gratificante/progredente per me e per il resto del mondo in modo da espletare appieno il potenziale personale. Trattasi di metafora, ME-TA-FO-RA. una Figura retorica fatta alla svelta. astenersi minchiate demagogiche del tipo "e se nasco paraplegico?" "E se nasco Down"? E se mi viene la distrofia (chiedere ad Hawking delucidazioni) ecc.

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Rasputin il Sab 9 Ago - 18:54

Hakudò ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Presa così con le pinze direi intende che possiedi già una natura che è in grado di interfacciarsi, o forse meglio dire armonizzarsi al meglio con la complessità dell'esistente, solo che non la esercitiamo.

Ok spiegami il significato di questa definendo esattamente i termini usati.


Molto velocemente, dato che debbo travagliare in termini rapidissimi e molto semplici e semplificati. Ovvero te la faccio ancora più facile:


"Hai la possibilità di correre* e invece preferisci sfasciarti sul divano a guardare Sky cinema mentre tracanni birra e quando ti alzi è per andare a puttane. Cos' quando ti alzi per fare la scala per andare a dormire a momenti crepi a metà strada."


Posso tranquillamente lasciare a Yume il resto che ne sa a pacchi che io, aimè debbo lavorare


* = Puntare ad un obbiettivo se non altro gratificante/progredente per me e per il resto del mondo in modo da espletare appieno il potenziale personale. Trattasi di metafora, ME-TA-FO-RA. una Figura retorica fatta alla svelta. astenersi minchiate demagogiche del tipo "e se nasco paraplegico?" "E se nasco Down"? E se mi viene la distrofia (chiedere ad Hawking delucidazioni) ecc.

Per quehsto non ho bishogno di buddhanate:

http://atei.forumitalian.com/t5740p900-attivita-fisica-quotidiana-parte-3#316191

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50768
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Hakudò il Sab 9 Ago - 18:57

Per quehsto non ho bishogno di buddhanate:

Bravo hai capito tutto!  ok 

ab uno disces omnis

Hakudò
-------------
-------------

Numero di messaggi : 77
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.08.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le peggiori uscite dei credenti

Messaggio Da Rasputin il Sab 9 Ago - 19:00

Hakudò ha scritto:[...]

ab uno disces omnis

Vero anche questo, se vuoi ti do una panoramica dei buddhisti che sono passati per di qua e vedi  moon 

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50768
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 44 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 24 ... 44  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum