Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da SauroClaudio il Sab 1 Nov - 9:03

Ecco un altro aricolo che mi è stato subito cancellato da Forum Salute, anche se è una sintesi fedele degli studi della Seattle University



Curcuma – curcuma longa -–  La curcuma è una pianta erbacea perenne della famiglia dello zenzero, coltivata estesamente in India, Cina, Indonesia, ed in altri paesi tropicali; ha un rizoma spesso da cui nascono large foglie oblunghe a lungo picciuolo. La parte utilizzata a scopo medicinale è il rizoma (o radice) che di solito viene trattato(seccato al sole) e levigato.La Curcuma contiene :
 
    4-14% di un olio volatile giallo arancio composto prevalentemente da turmelone, atlantone e zenzerone.
    0,3 -5,4 % di curcumina
    Zuccheri 30%
    Resine composte da circa 200 varietà di sesquiterpeni
    Proteine
    Vitamine
    Minerali
 
La curcuma e’ l’ingrediente principale del curry in polvere e trova impiego anche nella senape.
 
In oriente è ampiamente utilizzata negli alimenti come colorante e aromatizzante; il suo sapore e’ forte, amarognolo, un po’ piccante, fortemente aromatico.
 
È da millenni utilizzata nella medicina indiana e cinese aiurvedica per numerose situazioni patologiche fra cui la flatulenza , l’ittero, i disturbi mestruali, l’ematuria, le emorragie, le odontalgie, le ecchimosi, il dolore toracico , le coliche, ed in tutte le forme infiammatorie soprattutto ossee. Da ricerce recenti risulta che la curcuma presenta un ampia gamma di proprietà farmacologiche:
 
    Come antiossidante risulta eccellente +++++
    Come antineoplastico ( tuttora studi sperimentali al riguardo su cellule in vitro e su cavie)
    Come straordinario antiinfiammatorio +++++
    Come eccellente epatoprotettore +++++
    Come antimicrobico indiretto in quanto stimola l’attività del sistema immunitario.++++
 
Si pensa che il principio antiossidante sia idrofilo dal momento che l’estratto aquoso è molto più potente come antiossidante degli estratti oleosi e alcoolici e si pensa sia dovuto allo zenzerone e ad altri principi idrofili, benche’ anche la curcumina lipofila abbia dimostrato una potente attività antiossidante.
 
L’effetto antiossidante è molto più potente delle vitamine C ed E e si è dimostrato estremamente potente nell’inibire il danno ossidativo del DNA.
 
Efetti antiinfiammatori: la curcuma è uno dei più potenti antiinfiammatori esistenti in natura e si e’ dimostrata superiore al cortisone e al fenilbutazone; tale effetto pare sia dovuto alla curcumina e al olio volatile giallo; l’effetto antiinfiammatorio si esplica alle comuni dosi terapeutiche, e risulta estremamente utile in tutti i processi infiammatori, in particolare buoni risultati si sono ottenuti nell’artrite reumatoide dove normalizza in breve tempo l’indice di VES e la PCR: inoltre potenzia enormemente l’efficacia di altri fans, es. lo ibuprofene.
 
Tale azione antiinfiammatoria è stata imputata a:
 
    Un inibizione della sintesi dei leucotrieni
    Un inibizione dell’aggregazione piastrinica
    Una promozione della fibrinolisi
    Un inibizione della risposta dei neutrofili all’infiammazione
    Una stabilizzazione della membrana dei lisosomi
    Una stimolazione dei corticosteroidi surrenalici
    Una sensibilizzazione dei recettori del cortisolo
    Un incremento dell’emivita del cortisolo endogeno
 
Gli effetti cardiovascolari della curcuma includono:
 
    Una riduzione della colesterolemia
    Un inibizione dell’aggregabilità piastrinica per un incremento della prostaciclina e inibizione della sintesi dei trombossani.
    Un interferenza nell’assorbimento intestinale di colesterolo.
    Un aumento della conversione del colesterolo in acidi biliari poiché incrementa la colesterolo-7-alfa-reduttasi epatica.
    Un aumento della protezione delle pareti arteriose e venose per lazione dell’olio volatile contenente turmelone, terpenoidi,  sesquiterpeni e zenzerone che agiscono come potenti bioflavonoidi.
    Inoltre poiché l’olio volatile è costituito essenzialmente da terpenoidi e presenta 15 atomi di carbonio, risulta molto insaturo e si ipotizza che possa incrementare la sintesi di olii altamente insaturi simili a quelli dell’olio di pesce, il che ne giustificherebbe ulteriormente l’azione antiaggregante piastrinica.
 
Gli effetti epatici includono
 
    Un eccezionale protezione contro le lesioni epatiche indotte da tossici come il tetracloruro di carbonio e la galattosamina
    Un azione colagogo e coleretica
    Una normalizzazione degli enzimi epatici nelle epatiti croniche attive.
 
Gli effetti antitumorali sono stati dimostrati su tutte le fasi della cancerogenesi. La curcuma ha inoltre dimostrato un eccezionale attività contro i cancerogeni chimici ed una riduzione dei mutageni urinari.
 
La somministrazione di curcuma avviene generalmente assumendo un cucchiaino di polvere della radice (3-4 grammi) una o due volte al giorno; puo’ essere associata ad altri farmaci di sintesi poiché non ha dimostrato interferenze farmacologiche.
 
Un buon sistema consiste nel riempire un vaso di polvere e imbibirlo con alcool a 95°; questo ne permette la conservazione per lungo tempo e permette di utilizzare alla meglio la pianta poiche l’alcool estrae anche le sostanze lipofile; al momento dell’uso si può prendere un cucchiaino di questa pasta e scioglierla in acqua o latte sempre alla dose di 3-4 grammi una o due volte al giorno a seconda della gravità della patologia; la quantità di alcool che si assume è irrisoria.
 
 
 
Joseph E. Pizzorno e Michael T.Murray della Seattle University
 
 
 
 
 
Bè che sia completamente priva di effetti collaterali non è vero e sarebbe da mandare una lettera ai ricercatori della Seattle University. Mia moglie dopo un mese che la prendeva era aumentata di 5 Kg, non solo ma gli erano spuntati dei peli nerissimi sulle gambe. Non solo ma aveva acquistato una notevole forza tanto che sollevava i pesi meglio di un maschio. Ma per il peso ed i peli l'ha smessa e mi ha anche insultato. Ho avuto comunque numerose guarigini di menischi rotti, a distanza di due mesi, se prima erano rotti si erano completamente saldati lasciando allibiti i radiologi.  Sul dolore artosico è fantastica, e parlando con la cugina di mia moglie che soffre di artrosi alle anche, devo dire che l'ha provata trovandone notevoli benefici, non solo ma ha diffuso la notizia e la curcuma ha dimostrato di possedere non solo un attività antiinfiammatoria, ma una cosa che sembra una barzelletta, fa diventare neri i capelli bianchi oltre a farli crescere. Ormai a S. Giovanni Lupatoto ci sono parecchie persone che avevano i capelli bianchi e nel giro di un mese sono diventati neri, con un paio di cucchiaini di curcuma/die. Non solo ma molti dicono "altro che il viagra" Io ha una peluria nera che mi stà spuntando sulla testa dove ero completamente pelato. Non stò scherzando, ho riferito solo cose vere.
 
Al che mi sono detto: "che sia la pianta che fa ringiovanire??""
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da Rasputin il Sab 1 Nov - 9:56

Avresti per favore un link diretto sugli studi in lingua originale?

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50313
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da SauroClaudio il Sab 1 Nov - 10:57

Rasputin ha scritto:Avresti per favore un link diretto sugli studi in lingua originale?
Rasputin, non l'ho preso da un sito internet, ma ho fatto un sunto dell'articolo presente sul "Trattato di Medicina Naturle" della Seattle University, ricercatori Joseh E. Pizzorno e Michael T. Murray; Il trattato è in due volumi di 1700 pagine edizioni UTET (red edizioni), uscito nel 1999. L'ho trovato per caso andando ad un Convegno Medico, c'era fuori una bancharella dove vendevano tutti libri di medicina e mi sono balzati all'occhio questi due grossi volumi: per me sono stati una rivelazione perchè trattati in modo rigorosamente scientifico, riportano tutti gli studi in merito (oltre alle formule chimiche delle varie sostanze). Un trattato in pratica solo per medici. Prima mi basavo sul testo di "Piante Medicinali, chimica farmacologica e terapia " dei farmacologi " B. Benigni, C. Capra e P.T. Cattorini, Edizioni Inverni Della Beffa. Milano" un testo comunque imponente, solo per medici di 1800 pagine, ma risalente al 1966, oltretutto scomparso dal commercio per un certo tempo, io ho avuto la fortuna di comprarlo da mio zio che a suo tempo l'aveva trovato e comprato.
Puoi fidarti, quello che riferisco è rigorosamente scientifico ed è per questo che le Case Farmaceutiche mi hanno cacciato da Forum Salute. Quando vai a ledere interessi di miglioni di euro, è chiaro che si scocciano.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da Rasputin il Sab 1 Nov - 17:01

Claudio, mi fido. Ma pare un po' vecchiotto non ti pare?

Comunque ho ricercato io, le opere sono ancora disponibili ad es. su Amazon:

https://www.google.de/?gws_rd=ssl#q=joseph+e.+pizzorno+michael+t.+murray+seattle+university

però (Come prevedevo) inserendo la stessa chiave di ricerca su PUbMed (Sito contenente studi scientifici destinati esclusivamente a medici) non trovo nulla:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=joseph+e.+pizzorno+michael+t.+murray+seattle+university

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50313
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da Mandalay il Mar 4 Nov - 6:59

SauroClaudio ha scritto:Ecco un altro aricolo che mi è stato subito cancellato da Forum Salute, anche se è una sintesi fedele degli studi della Seattle University


Spoiler:

Curcuma – curcuma longa -–  La curcuma è una pianta erbacea perenne della famiglia dello zenzero, coltivata estesamente in India, Cina, Indonesia, ed in altri paesi tropicali; ha un rizoma spesso da cui nascono large foglie oblunghe a lungo picciuolo. La parte utilizzata a scopo medicinale è il rizoma (o radice) che di solito viene trattato(seccato al sole) e levigato.La Curcuma contiene :
 
    4-14% di un olio volatile giallo arancio composto prevalentemente da turmelone, atlantone e zenzerone.
    0,3 -5,4 % di curcumina
    Zuccheri 30%
    Resine composte da circa 200 varietà di sesquiterpeni
    Proteine
    Vitamine
    Minerali
 
La curcuma e’ l’ingrediente principale del curry in polvere e trova impiego anche nella senape.
 
In oriente è ampiamente utilizzata negli alimenti come colorante e aromatizzante; il suo sapore e’ forte, amarognolo, un po’ piccante, fortemente aromatico.
 
È da millenni utilizzata nella medicina indiana e cinese aiurvedica per numerose situazioni patologiche fra cui la flatulenza , l’ittero, i disturbi mestruali, l’ematuria, le emorragie, le odontalgie, le ecchimosi, il dolore toracico , le coliche, ed in tutte le forme infiammatorie soprattutto ossee. Da ricerce recenti risulta che la curcuma presenta un ampia gamma di proprietà farmacologiche:
 
    Come antiossidante risulta eccellente +++++
    Come antineoplastico ( tuttora studi sperimentali al riguardo su cellule in vitro e su cavie)
    Come straordinario antiinfiammatorio +++++
    Come eccellente epatoprotettore +++++
    Come antimicrobico indiretto in quanto stimola l’attività del sistema immunitario.++++
 
Si pensa che il principio antiossidante sia idrofilo dal momento che l’estratto aquoso è molto più potente come antiossidante degli estratti oleosi e alcoolici e si pensa sia dovuto allo zenzerone e ad altri principi idrofili, benche’ anche la curcumina lipofila abbia dimostrato una potente attività antiossidante.
 
L’effetto antiossidante è molto più potente delle vitamine C ed E e si è dimostrato estremamente potente nell’inibire il danno ossidativo del DNA.
 
Efetti antiinfiammatori: la curcuma è uno dei più potenti antiinfiammatori esistenti in natura e si e’ dimostrata superiore al cortisone e al fenilbutazone; tale effetto pare sia dovuto alla curcumina e al olio volatile giallo; l’effetto antiinfiammatorio si esplica alle comuni dosi terapeutiche, e risulta estremamente utile in tutti i processi infiammatori, in particolare buoni risultati si sono ottenuti nell’artrite reumatoide dove normalizza in breve tempo l’indice di VES e la PCR: inoltre potenzia enormemente l’efficacia di altri fans, es. lo ibuprofene.
 
Tale azione antiinfiammatoria è stata imputata a:
 
    Un inibizione della sintesi dei leucotrieni
    Un inibizione dell’aggregazione piastrinica
    Una promozione della fibrinolisi
    Un inibizione della risposta dei neutrofili all’infiammazione
    Una stabilizzazione della membrana dei lisosomi
    Una stimolazione dei corticosteroidi surrenalici
    Una sensibilizzazione dei recettori del cortisolo
    Un incremento dell’emivita del cortisolo endogeno
 
Gli effetti cardiovascolari della curcuma includono:
 
    Una riduzione della colesterolemia
    Un inibizione dell’aggregabilità piastrinica per un incremento della prostaciclina e inibizione della sintesi dei trombossani.
    Un interferenza nell’assorbimento intestinale di colesterolo.
    Un aumento della conversione del colesterolo in acidi biliari poiché incrementa la colesterolo-7-alfa-reduttasi epatica.
    Un aumento della protezione delle pareti arteriose e venose per lazione dell’olio volatile contenente turmelone, terpenoidi,  sesquiterpeni e zenzerone che agiscono come potenti bioflavonoidi.
    Inoltre poiché l’olio volatile è costituito essenzialmente da terpenoidi e presenta 15 atomi di carbonio, risulta molto insaturo e si ipotizza che possa incrementare la sintesi di olii altamente insaturi simili a quelli dell’olio di pesce, il che ne giustificherebbe ulteriormente l’azione antiaggregante piastrinica.
 
Gli effetti epatici includono
 
    Un eccezionale protezione contro le lesioni epatiche indotte da tossici come il tetracloruro di carbonio e la galattosamina
    Un azione colagogo e coleretica
    Una normalizzazione degli enzimi epatici nelle epatiti croniche attive.
 
Gli effetti antitumorali sono stati dimostrati su tutte le fasi della cancerogenesi. La curcuma ha inoltre dimostrato un eccezionale attività contro i cancerogeni chimici ed una riduzione dei mutageni urinari.
 
La somministrazione di curcuma avviene generalmente assumendo un cucchiaino di polvere della radice (3-4 grammi) una o due volte al giorno; puo’ essere associata ad altri farmaci di sintesi poiché non ha dimostrato interferenze farmacologiche.
 
Un buon sistema consiste nel riempire un vaso di polvere e imbibirlo con alcool a 95°; questo ne permette la conservazione per lungo tempo e permette di utilizzare alla meglio la pianta poiche l’alcool estrae anche le sostanze lipofile; al momento dell’uso si può prendere un cucchiaino di questa pasta e scioglierla in acqua o latte sempre alla dose di 3-4 grammi una o due volte al giorno a seconda della gravità della patologia; la quantità di alcool che si assume è irrisoria.
 
 
 
Joseph E. Pizzorno e Michael T.Murray della Seattle University
 
 
 
 
 
Bè che sia completamente priva di effetti collaterali non è vero e sarebbe da mandare una lettera ai ricercatori della Seattle University. Mia moglie dopo un mese che la prendeva era aumentata di 5 Kg, non solo ma gli erano spuntati dei peli nerissimi sulle gambe. Non solo ma aveva acquistato una notevole forza tanto che sollevava i pesi meglio di un maschio. Ma per il peso ed i peli l'ha smessa e mi ha anche insultato. Ho avuto comunque numerose guarigini di menischi rotti, a distanza di due mesi, se prima erano rotti si erano completamente saldati lasciando allibiti i radiologi.  Sul dolore artosico è fantastica, e parlando con la cugina di mia moglie che soffre di artrosi alle anche, devo dire che l'ha provata trovandone notevoli benefici, non solo ma ha diffuso la notizia e la curcuma ha dimostrato di possedere non solo un attività antiinfiammatoria, ma una cosa che sembra una barzelletta, fa diventare neri i capelli bianchi oltre a farli crescere. Ormai a S. Giovanni Lupatoto ci sono parecchie persone che avevano i capelli bianchi e nel giro di un mese sono diventati neri, con un paio di cucchiaini di curcuma/die.
Non solo ma molti dicono "altro che il viagra" Io ha una peluria nera che mi stà spuntando sulla testa dove ero completamente pelato. Non stò scherzando, ho riferito solo cose vere.
 
Al che mi sono detto: "che sia la pianta che fa ringiovanire??""


Potresti postarci una foto più recente di questa per poter verificare le tue affermazioni?

__________________________________________________________________

Sai da questa non sembra che tu abbia una "peluria nera".

Sarebbe interessante prendere le tue farneticanti affermazioni e mandarle all'ordine dei medici di Verona (ma forse, visto che siamo in Italia, non cambierebbe nulla)
avatar
Mandalay
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 486
Età : 56
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : tentare di capire
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 10.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da Hara2 il Mar 4 Nov - 10:50

SauroClaudio ha scritto:Ecco un altro aricolo che mi è stato subito cancellato da Forum Salute,

No.


 
... sintesi...  Joseph E. Pizzorno e Michael T.Murray della Seattle University

Scorretto, dovresti scrivere confronta o vedi
 
 
 
Non solo ma molti dicono "altro che il viagra" Io ha una peluria nera che mi stà spuntando sulla testa dove ero completamente pelato. Non stò scherzando, ho riferito solo cose vere.

Prendendo per buona questa tua affermazione stavo già inoltrando la notizia alla quale sarebbe senz'altro seguita una richiesta di fondi per inviare sul posto una equipe, che il fenomeno sarebbe interessante e avrebbe importanti ricadute anche economiche.
Poi mi son sovvenuto che trattasi di "sindrome del parabrezza butterato" (cfr Jackson  D., "Play, paradox and people" Medical option and rewiew, febbraio 1967, pp.116-25)

In breve in seguito alle conclusioni di una equipe di ricerca inviata da Eisenhower sulla base di segnalazioni si riscontrò un numero elevatissimo di piccolissime e profonde cicatrici sui parabrezza, residui fall out
o pioggie acide?
Conclusione: non era aumentato il numero dei parabrezza butterati, ma il numero delle osservazioni degli stessi dall'esterno. Le conclusioni non vennero riportate di giornali. (cfr Watrzlavichk P., "How real is real", pp 74-78))

solita roba
avatar
Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1763
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da chef75 il Mar 4 Nov - 12:33

SauroClaudio ha scritto:
 
Al che mi sono detto: "che sia la pianta che fa ringiovanire??""

Che sia tutta una cazzata ?


_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7659
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da Justine il Mar 4 Nov - 12:38

Potrebbe nascere anche una pianta irrorata con sincrobiogenina, ma non vedo correlazione tra invecchiamento individuale e salute delle tricomasse, per dire...

W Chef

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da Mandalay il Mar 4 Nov - 14:19

Mandalay ha scritto:
SauroClaudio ha scritto:Ecco un altro aricolo che mi è stato subito cancellato da Forum Salute, anche se è una sintesi fedele degli studi della Seattle University


Spoiler:

Curcuma – curcuma longa -–  La curcuma è una pianta erbacea perenne della famiglia dello zenzero, coltivata estesamente in India, Cina, Indonesia, ed in altri paesi tropicali; ha un rizoma spesso da cui nascono large foglie oblunghe a lungo picciuolo. La parte utilizzata a scopo medicinale è il rizoma (o radice) che di solito viene trattato(seccato al sole) e levigato.La Curcuma contiene :
 
    4-14% di un olio volatile giallo arancio composto prevalentemente da turmelone, atlantone e zenzerone.
    0,3 -5,4 % di curcumina
    Zuccheri 30%
    Resine composte da circa 200 varietà di sesquiterpeni
    Proteine
    Vitamine
    Minerali
 
La curcuma e’ l’ingrediente principale del curry in polvere e trova impiego anche nella senape.
 
In oriente è ampiamente utilizzata negli alimenti come colorante e aromatizzante; il suo sapore e’ forte, amarognolo, un po’ piccante, fortemente aromatico.
 
È da millenni utilizzata nella medicina indiana e cinese aiurvedica per numerose situazioni patologiche fra cui la flatulenza , l’ittero, i disturbi mestruali, l’ematuria, le emorragie, le odontalgie, le ecchimosi, il dolore toracico , le coliche, ed in tutte le forme infiammatorie soprattutto ossee. Da ricerce recenti risulta che la curcuma presenta un ampia gamma di proprietà farmacologiche:
 
    Come antiossidante risulta eccellente +++++
    Come antineoplastico ( tuttora studi sperimentali al riguardo su cellule in vitro e su cavie)
    Come straordinario antiinfiammatorio +++++
    Come eccellente epatoprotettore +++++
    Come antimicrobico indiretto in quanto stimola l’attività del sistema immunitario.++++
 
Si pensa che il principio antiossidante sia idrofilo dal momento che l’estratto aquoso è molto più potente come antiossidante degli estratti oleosi e alcoolici e si pensa sia dovuto allo zenzerone e ad altri principi idrofili, benche’ anche la curcumina lipofila abbia dimostrato una potente attività antiossidante.
 
L’effetto antiossidante è molto più potente delle vitamine C ed E e si è dimostrato estremamente potente nell’inibire il danno ossidativo del DNA.
 
Efetti antiinfiammatori: la curcuma è uno dei più potenti antiinfiammatori esistenti in natura e si e’ dimostrata superiore al cortisone e al fenilbutazone; tale effetto pare sia dovuto alla curcumina e al olio volatile giallo; l’effetto antiinfiammatorio si esplica alle comuni dosi terapeutiche, e risulta estremamente utile in tutti i processi infiammatori, in particolare buoni risultati si sono ottenuti nell’artrite reumatoide dove normalizza in breve tempo l’indice di VES e la PCR: inoltre potenzia enormemente l’efficacia di altri fans, es. lo ibuprofene.
 
Tale azione antiinfiammatoria è stata imputata a:
 
    Un inibizione della sintesi dei leucotrieni
    Un inibizione dell’aggregazione piastrinica
    Una promozione della fibrinolisi
    Un inibizione della risposta dei neutrofili all’infiammazione
    Una stabilizzazione della membrana dei lisosomi
    Una stimolazione dei corticosteroidi surrenalici
    Una sensibilizzazione dei recettori del cortisolo
    Un incremento dell’emivita del cortisolo endogeno
 
Gli effetti cardiovascolari della curcuma includono:
 
    Una riduzione della colesterolemia
    Un inibizione dell’aggregabilità piastrinica per un incremento della prostaciclina e inibizione della sintesi dei trombossani.
    Un interferenza nell’assorbimento intestinale di colesterolo.
    Un aumento della conversione del colesterolo in acidi biliari poiché incrementa la colesterolo-7-alfa-reduttasi epatica.
    Un aumento della protezione delle pareti arteriose e venose per lazione dell’olio volatile contenente turmelone, terpenoidi,  sesquiterpeni e zenzerone che agiscono come potenti bioflavonoidi.
    Inoltre poiché l’olio volatile è costituito essenzialmente da terpenoidi e presenta 15 atomi di carbonio, risulta molto insaturo e si ipotizza che possa incrementare la sintesi di olii altamente insaturi simili a quelli dell’olio di pesce, il che ne giustificherebbe ulteriormente l’azione antiaggregante piastrinica.
 
Gli effetti epatici includono
 
    Un eccezionale protezione contro le lesioni epatiche indotte da tossici come il tetracloruro di carbonio e la galattosamina
    Un azione colagogo e coleretica
    Una normalizzazione degli enzimi epatici nelle epatiti croniche attive.
 
Gli effetti antitumorali sono stati dimostrati su tutte le fasi della cancerogenesi. La curcuma ha inoltre dimostrato un eccezionale attività contro i cancerogeni chimici ed una riduzione dei mutageni urinari.
 
La somministrazione di curcuma avviene generalmente assumendo un cucchiaino di polvere della radice (3-4 grammi) una o due volte al giorno; puo’ essere associata ad altri farmaci di sintesi poiché non ha dimostrato interferenze farmacologiche.
 
Un buon sistema consiste nel riempire un vaso di polvere e imbibirlo con alcool a 95°; questo ne permette la conservazione per lungo tempo e permette di utilizzare alla meglio la pianta poiche l’alcool estrae anche le sostanze lipofile; al momento dell’uso si può prendere un cucchiaino di questa pasta e scioglierla in acqua o latte sempre alla dose di 3-4 grammi una o due volte al giorno a seconda della gravità della patologia; la quantità di alcool che si assume è irrisoria.
 
 
 
Joseph E. Pizzorno e Michael T.Murray della Seattle University
 
 
 
 
 
Bè che sia completamente priva di effetti collaterali non è vero e sarebbe da mandare una lettera ai ricercatori della Seattle University. Mia moglie dopo un mese che la prendeva era aumentata di 5 Kg, non solo ma gli erano spuntati dei peli nerissimi sulle gambe. Non solo ma aveva acquistato una notevole forza tanto che sollevava i pesi meglio di un maschio. Ma per il peso ed i peli l'ha smessa e mi ha anche insultato. Ho avuto comunque numerose guarigini di menischi rotti, a distanza di due mesi, se prima erano rotti si erano completamente saldati lasciando allibiti i radiologi.  Sul dolore artosico è fantastica, e parlando con la cugina di mia moglie che soffre di artrosi alle anche, devo dire che l'ha provata trovandone notevoli benefici, non solo ma ha diffuso la notizia e la curcuma ha dimostrato di possedere non solo un attività antiinfiammatoria, ma una cosa che sembra una barzelletta, fa diventare neri i capelli bianchi oltre a farli crescere. Ormai a S. Giovanni Lupatoto ci sono parecchie persone che avevano i capelli bianchi e nel giro di un mese sono diventati neri, con un paio di cucchiaini di curcuma/die.
Non solo ma molti dicono "altro che il viagra" Io ha una peluria nera che mi stà spuntando sulla testa dove ero completamente pelato. Non stò scherzando, ho riferito solo cose vere.
 
Al che mi sono detto: "che sia la pianta che fa ringiovanire??""


Potresti postarci una foto più recente di questa per poter verificare le tue affermazioni?

__________________________________________________________________

Sai da questa non sembra che tu abbia una "peluria nera".

Sarebbe interessante prendere le tue farneticanti affermazioni e mandarle all'ordine dei medici di Verona (ma forse, visto che siamo in Italia, non cambierebbe nulla)

Azz più veloce della luce ha fatto sparire le prove della bufala   ahahahahahah

Nessun problema provvediamo subito


editato dalla moderazione


Qui era ancora un po' scuretto nell'altra più recente era candido come babbo natale carneval
avatar
Mandalay
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 486
Età : 56
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : tentare di capire
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 10.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da jessica il Mar 4 Nov - 14:33

mandalay sarebbe opportuno che prima di postare fotografie che ritraggono altri utenti del forum chiedessi loro il permesso, anche se le foto sono pubblicamente disponibili in altri siti.

* le "prove" della bufala non le ha fatte sparire lui (non potendo editare i tuoi post) ma la moderazione, in quanto...beh te lo spiega chef al prossimo post...


Ultima modifica di jessica il Mar 4 Nov - 15:27, modificato 1 volta
avatar
jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6698
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da chef75 il Mar 4 Nov - 14:38

Mandalay, postare foto di utenti senza il loro consenso è una violazione della privacy, sei liberissimo di smentire, confutare, contestare ciò che viene scritto ma non rendere pubbliche immagini personali.

Ogni persona è libera di scrivere cio che vuole, assumendosi le proprie responsabilità,  il forum ha sempre dato la libertà di farlo, dando pure la libertà agli altri utenti di contestarne i contenuti.

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7659
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le straordinarie proprietà della Curcuma Longa

Messaggio Da SauroClaudio il Ven 2 Gen - 11:58

Botanicamente la Curcuma Longa, appartiene alla famiglia delle Zingiberacee, cui fanno parte anche lo zenzero e il cardamomo. La droga, che è di un bel colore dorato, si ricava dal rizoma (parte del fusto sotterraneo della pianta Curcuma longa che viene schiacciato e polverizzato). Contiene centinaia di componenti, cui sono state attribuite oltre 300 attività biologiche diverse.
Per esempio, almeno 20 componenti possiedono una provata azione antibatterica. Tuttavia, i ricercatori si sono concentrati soprattutto su uno di questi, la curcumina. La Curcumina è il principale componente biologicamente attivo del Turmerico. La Curcumina viene estratta e concentrata e con essa vengono effettuati studi e trial clinici per le sue proprietà mediche come trattamento naturale per un gran numero di malattie.
La formula chimica della Curcumina è C21H20O6, è conosciuta anche come diferuloilmetano. L’estratto standardizzato contiene almeno il 95% di curcuminoidi, Curcumina, Demetossicurcumina e Bisdemetossicurcumina, la gamma completa di antiossidanti estratti dalla Curcuma. E’ la percentuale esatta utilizzata in numerosi studi clinici. A differenza di molti altri antiossidanti, i curcuminoidi sono in grado sia di prevenire la formazione di radicali liberi, sia di neutralizzare i radicali liberi già esistenti, e sono considerati efficaci bioprotettori a causa di questa duplice attività . La curcumina ha inoltre mostrato di possedere altre attività di estremo interesse, tra cui  quelle anticoagulanti, antitrombotiche, antipertensive, antinfiammatorie, antidiabetogene, , ipocolesterolemizzanti , antiossidanti, antivirali ed epatoprotettive. La proprietà antiossidante è 300 volte superiore a quella della vitamina E. Oltre al suo componente isolato, curcumina, anche la curcuma nella sua interezza si è dimostrata capace in alcune ricerche di inibire in vitro le cellule tumorali. In India, è utilizzata almeno da 6000 anni, come medicina, cosmetico, spezia e colorante (per 2000 anni le tuniche dei monaci buddisti sono state tinte con questa radice). Per gli indiani è un simbolo di prosperità e un mezzo di purificazione per tutto il corpo. La medicina ayurvedica le attribuisce numerose proprietà (antibatteriche, antinfiammatorie, antiallergiche, antispastiche, ecc.), molte delle quali confermate dalla scienza moderna. La Curcuma è stata usata come condimento in grandi quandità per centinaia di anni senza particolari reazioni avverse. Diversi studi hanno dimostrato che la Curcumina non è tossica per gli esseri umani, fino a 8000 mg/die (16 capsule al giorno). L’americana FDA (Food and Drug Administration) classifica la Curcuma (contiene il 2 per cento di Curcumina) sostanza GRAS (General Recognition And Safety), ovvero “Generalmente Riconosciuta Sicura”. Donne in gravidanza, persone con disturbi emorragici, o calcoli biliari, dovrebbero consultarsi col proprio medico curante. Il primo studio su questa sostanza risale agli anni ’70, quando un gruppo di ricercatori indiani dimostrò il suo effetto ipocolesterolemizzante sui ratti. Il grosso delle ricerche però prese il via circa 20 anni dopo, ad opera soprattutto del  Prof Bharat Aggarwal. Questi, negli anni ’80, fu il primo a purificare il TNF alfa e beta  (Fattore di Necrosi Tumorale), un potente fattore antitumorale prodotta dal nostro organismo. Questa molecola, infatti, è in grado di distruggere i tumori, ma solo se rilasciata localmente. Allora, la mise a contatto con le colture cellulari e, con sua grande sorpresa, l’attività del TNF e del  NF kappa B fu prontamente bloccata. In seguito, fu in grado di dimostrare che è soprattutto la curcumina a possedere la capacità di inibire questi fattori ed impedire la replicazione e la diffusione delle cellule tumorali. Da allora sono stati condotti centinaia di studi. Secondo i ricercatori, la curcumina potrebbe essere utile almeno in 8 tumori:  polmoni, bocca, colon, fegato, rene, pelle (melanoma), mammella e leucemia. Sono stati descritti numerosi meccanismi d’azione per l’attività antitumorale della Curcumina. Inibizione della proliferazione delle cellule tumorali, induzione di apoptosi (una modalità di morte cellulare), inibizione della trasformazione delle cellule da normali a tumorali, inibizione del la formazione dei vasi che alimentano il tumore (effetto anti-angiogenetico), inibizione dell’invasività e delle metastasi e la soppressione dell’infiammazione sono stati collegati con l’attività antitumorale della Curcumina. L’inibizione di COX-2 e 5-LOX, le molecole di adesione, le citochine infiammatorie, i recettori del fattore di crescita, il fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), ed i fattori di trascrizione della Curcumina sono strettamente legati alla sua attività antitumorale. La Curcumina risulta inoltre ridurre l’induzione dell’attività dell’Ornitina Decarbossilase; riduce la sintesi della Poliammina, e blocca il danno ossidativo dovuto ai Radicali Liberi e dall-acido Arachidonico, tutti questi meccanismi sono proinfiammatori, promuovono la formazione di tumori, ed hanno effetto inibitorio sul sistema immunitario. L’azione difensiva della Curcuma si è evidenziata in tutte le forme tumorali conosciute, e si è scoperto che esiste una azione contemporanea anche sui PPAR gamma, sostanze importantissime nella regolazione del consumo energetico e della insulinoresistenza nell’uomo. Inoltre la Curcuma in associazione alle terapie oncologiche classiche va a potenziare l’azione dei chemioterapici normalmente utilizzati. La curcumina, una volta unito con il farmaco Cisplatino migliora la soppressione e la crescita delle cellule neoplastiche del tumore della testa e del collo. Si lega all’enzima IKK, un inibitore della chinasi kappa B, ed inibisce la attivazione di un fattore di trascrizione chiamato fattore nucleare kappa B (NFκB), che promuove la crescita del tumore. La azione soppressiva del Cisplatino porta ad un percorso diverso attraverso la attivazione delle proteine oncosoppressori p16 e p53, due proteine che ancora una volta inibiscono l’attività del promotore NFκB sulla crescita del cancro. La curcumina ha indotto il successivo arresto della fase M, nella G (1) / S e G (2), seguita da apoptosi nelle cellule HOS. La fase di arresto della G (1)/ S e G (2)/ S si è manifestata unitamente alla down-regulation [*NDT regolazione verso il basso, una diminuzione del numero di recettori sulla superficie delle cellule bersaglio] rispettivamente della ciclina D1, CDC2 e ciclina B1. L’apoptosi è stata indotta dalla attivazione della capspase-3 e dalla scissione della poli (ADP-ribosile) polimerasi (PARP). CONCLUSIONE: I nostri risultati hanno dimostrato che la curcumina ha causato la morte delle cellule HOS bloccando le cellule e in successione la fase M della G (1) / S e G (2) /S, e l’attivazione del percorso della caspasi-3. Il Turmeric è uno dei più potenti antiossidanti conosciuti, esso è molto più efficace della vitamina C, protegge il DNA dalla perossidazione lipidica con una percentuale dell’85%, rispetto al Beta Carotene 50%, e la vitamina E 57%. Segue adesso una sintesi sulle evidenze scientifiche delle proprietà antitumorali della curcumina  e della curcuma.

Leucemia infantile – gli studi epidemiologici mostrano che in Asia l’incidenza di questo tumore è molto inferiore rispetto all’Europa e  secondo i ricercatori della Loyola University di Chicago questo sarebbe dovuti in parte all’effetto protettivo della curcuma, molto utilizzata nella cucina asiatica. L’azione antiossidante di questa spezia protegge il DNA dai danni provocati da sostanze chimiche ambientali o da quelle che si trovano nei processati.

Per altro, negli esperimenti di laboratorio, la curcumina è stata in grado di inibire le crescita delle cellule leucemiche. I bambini possono trarre benefico dalla curcuma fin da lattanti. Infatti, i principi terapeutici di questa spezia passano dalla madre al bimbo tramite il latte materno.

Cancro alla mammella – in alcuni studi sui topi la curcumina ha ridotto di molto la diffusione metastatica del tumore della mammella. Si crede che la curcumina e la curcuma possano essere molto utili nella prevenzione di questo tumore attraverso tre meccanismi:

    riduzione dell’effetto simil-estrogenico di molte sostanze chimiche (pesticidi, materiali plastici, ecc.)  che legandosi ai recettori estrogenici causano proliferazione cellulare e poi tumore;
    “down regulation” dei recettori ormonali. Cioè, curcuma e curcumina smorzerebbero i recettori, rendendoli meno sensibili agli stimoli;
    inibizione del COX-2, un enzima che ha un ruolo chiave nell’iniziazione e diffusione del cancro. Il COX-2 ha una lunga lista di effetti negativi: stimola la divisione delle cellule tumorali, impedisce la morte cellulare, stimola la crescita di nuovi vasi sanguigni attorno al tumore, facilita la diffusione delle metastasi.

La curcuma protegge le donne in menopausa e sottoposte alla terapia ormonale sostitutiva dal tumore al seno: lo affermano i ricercatori americani dell’Università del Missouri in uno studio apparso su Menopause, la rivista della North American Menopause Society.

I test sono stati condotti su cavie e hanno effettivamente dimostrato che la popolare spezia indiana ha il potere di ritardare l’eventuale insorgenza del cancro al seno, ne diminuisce l’incidenza e previene il rischio di anormalità morfologiche alle ghiandole mammarie: la curcuma infatti blocca la produzione di una molecola chiamata Vegf, che gioca un ruolo decisivo nello sviluppo dei tumori.

“La curcuma e altri composti anti-angiogenici, che arrestano cioè la formazione di nuovi vasi sanguigni a partire da altri già esistenti – spiega Salman Hyder, coordinatore dello studio – dovranno essere ancora testati come agenti dietetici chemiopreventivi nelle donne sotto terapia ormonale sostitutiva a base di estrogeni e progestinici, nel tentativo di diminuire o ritardare l’insorgenza del tumore al seno in questa categoria di pazienti”.

Cancro alla bocca – uno studio è stato condotto a Srikakulam, nel distretto dell’Andhra Pradesh, su donne che praticano il “reverse smoking” (fumare tenendo in bocca la parte accesa della sigaretta), che provoca un’ alta percentuale di tumore della bocca. La spennellatura di curcuma nelle guance si è dimostrata un’ efficace prevenzione del tumore.

Cancro del colon – l’effetto positivo della curcumina su questo tumore è stato dimostrato da studi di laboratorio. Recentemente si è visto che la curcumina ha un’azione specifica sulla neurotensina, ormone gastrointestinale strettamente legato alla produzione di una proteina infiammatoria coinvolta nella genesi  e nella metastatizzazione del carcinoma del colon. Circa un terzo dei tumori del colon hanno recettori per questo ormone. Secondo i ricercatori, la curcumina potrebbe essere un valida ausilio nella prevenzione e nella cura di questa forma tumorale.

Il cancro al colon è il tipo di tumore su cui la curcumina sembra essere più efficace. L’ipotesi si basa sull’osservazione che questa sostanza riduce i livelli di un enzima chiamato cicloossigenasi-2 (COX-2), responsabile della produzione di molecole che provocano l’infiammazione (l’aspirina e i celebri antinfiammatori Celebrex e Vioxx sono degli inibitori di questo enzima).

Questa proprietà potrebbe avere un effetto benefico sul cancro al colon, infatti studi realizzati finora indicano che questi antinfiammatori potrebbero ridurne la frequenza. A questo proposito, un recente studio sugli effetti della somministrazione per via orale della curcumina mostra una riduzione notevole delle molecole infiammatorie liberate dalla COX-2 nel sangue dei soggetti osservati.

Questo effetto è estremamente interessante, soprattutto alla luce dei recenti risultati che mostrano come gli antinfiammatori sistetici svolgano effetti secondari che potrebbero limitare il loro utilizzo futuro ai fini della prevenzione del cancro al colon.

Per esempio, prendendo come modello i topi transgenici che sviluppano spontaneamente dei polipi a livello del tratto gastrointestinale, un fattore di rischio importante per il cancro al colon, la somministrazione di curcumina è stata in grado di bloccare in modo significativo (40%) lo sviluppo di questi polipi, impedendo che degenerino in tumori veri e propri.

Sembra quindi che l’integrazione della curcumina delle dieta di persone già colpite da questi polipi possa contribuire a evitare che degenerino in forme tumorali.

Cancro del pancreas – sulla base degli studi condotti in laboratorio, i ricercatori sono convinti che la curcumina potrebbe essere d’aiuto nella prevenzione e forse anche nella cura di questo temibile tumore, verso il quale la medicina è totalmente disarmata.

Melanoma – studi di laboratorio hanno dimostrato che la curcumina provoca l’apoptosi (una sorta di suicidio cellulare) delle cellule del melanoma.

Cancro del polmone – sono stati dimostrati effetti positivi della curcumina su cellule tumorali in vitro.

Cancro del fegato – sono stati dimostrati effetti positivi della curcumina su cellule tumorali in vitro.

Cancro della cervice – un ricercatore del  “Institute of Cytology and Preventive Oncology (ICPO)” indiano ha recentemente scoperto che la curcumina protegge dai virus del papilloma (HPV), che possono causare il tumore della cervice dell’utero. I virus HPV necessitano di alcune proteine virali prodotte  delle cellule del corpo per potere agire rapidamente. La curcumina impedisce il legame di queste proteine epiteliali con il virus. Alcuni studi clinici (sulle donne) sono in corso.

Cancro della prostata – l’India è il Paese dove si consuma (3-5 g per adulto al giorno)  e si produce più curcuma al mondo ed è anche quello con la più bassa incidenza di tumore alla prostata. In un recente studio sui topi si è visto che  l’associazione tra fenetil isotiocianati (PEICT, un composto naturale che si trova nelle crucifere (broccoli, cavolfiori, ecc.) e curcumina, ha una notevole azione preventiva sul tumore della prostata.

Secondo quanto si legge sulla rivista “Cancer Research” in un articolo firmato da un gruppo di ricercatori della Rutgers University, che ha sede del New Jersey, la curcuma avrebbe un notevole importanza nella prevenzione e nel trattamento dei tumori della prostata. L’effetto protettivo sarebbe altresì evidente quando essa è associata al fenetil isotiocianato (PEITC), una sostanza presente in alcune verdure come i broccoli, il crescione, la barbarea, i cavoletti di Bruxelles, la rapa, il cavolfiore, il cavolo comune e il cavolo rapa.

“Si tratta – ha spiegato Ah-Ng tony Kong, docente di farmaccologia della Rutgers – di test effettuati sui topi, ma il risultato è comunque interessante, non solo in termini preventivi ma anche per il trattamento di tumori della prostata già diagnosticati.”

La portata di questo studio si può comprendere pienamente considerando la prevalenza e l’incidenza che ha attualmente il carcinoma della prostata nei paesi industrializzati, e soprattutto negli Stati Uniti, dove si hanno circa 500.000 nuovi casi ogni anno. Nuovi farmaci si rendono necessari anche tenendo conto che tale neoplasia risponde poco agli agenti chemioterapici e alla radioterapia.

Cancro esofageo - La curcuma, avrebbe potere anti-cangerogeni contro le cellule tumorali del cancro all’esofago. Questo è quanto viene fuori da una ricerca di laboratorio condotta presso il Cork Cancer Research Centre,  a cura della prof. Sharon McKenna e pubblicata sul British Journal of Cancer. Infatti le radici polverizzate giallo-ocra della curcuma, l’ingrediente principale del curry, possiedono proprietà antiossidanti e fluidificanti del sangue.

Inoltre la curcuma effettua una buona azione antinfiammatoria sul tubo digerente oltre a svolgere la funzione di antispasmodico dei muscoli dell’apparato gastrointestinale Gli scienziati hanno sottoposto le cellule tumorali a trattamento con curcumina, componente chiave della curcuma, in 24 ore le cellule cancerogene iniziavano la loro lenta distruzione.

Già precedenti studi scientifici avevano suggerito che la curcumina sia in grado di combattere i tumori e che le persone che mangiano molto curry potrebbero essere meno soggette alla malattia, anche se la sostanza perde velocemente le sue qualità quando viene ingerita.

Secondo Sharon McKenna, principale autrice dello studio, i dati indicano che la curcumina potrebbe essere impiegata per sviluppare farmaci terapeutici. Sono più di mezzo milione ogni anno le vittime del cancro esofageo in tutto il mondo. Si tratta di un tipo di tumore con un alto tasso di mortalità. La sopravvivenza a cinque anni si attesta tra il 12 e il 31%.

Secondo i ricercatori, la ricerca apre ora la strada a nuove interessanti terapie farmacologiche in grado di dare una speranza al mezzo milione di persone che ogni anno sono vittime del cancro all’esofago, uno dei più aggressivi e che lascia poche speranza di sopravvivenza.

La dottoressa coordinatrice dello studio, Sharon McKenna, spiega come si sono svolti gli studi. In pratica, si è osservato che la molecola della curcumina inizia ad agire entro 24 ore dalla somministrazione uccidendo le prime cellule cancerogene e dando avvio un processo di apoptosi.

Leslye Walker, professore presso il Centro per la Ricerca sul Cancro del Regno Unito, ha sottolineato che questo è “uno studio interessante che apre la possibilità che gli elementi chimici naturali di curcuma, possono essere utilizzati in nuovi trattamenti per il cancro esofageo.

Il consumo d’alcol ed i problemi di reflusso, sono una causa e la possibilità di usare la curcuma per prevenire questa malattia è molto importante” ha commentato Walker.
Proprietà Nutrizionali

Per un uso preventivo e salutistico si tratta semplicemente di integrarla nella dieta: 1-2 cucchiaini al giorno. Si può aggiungere alla fine della cottura di qualche pietanza, mettere nello yogurt, farne una salsa, il curry, ecc. Si consiglia di assumerla sempre con un grasso (olio extravergine, burro, ghee, ecc.) o con cibi grassi, che per altro aiuta a digerire. Il grasso facilita l’assorbimento intestinale dei componenti attivi. Anche una molecola contenuta nel pepe, la piperina, aumenta più di mille volte l’assorbimento della curcumina ne facilità l’assorbimento.

Conservatela in flaconi di vetro scuro a tenuta ermetica e tenetela rigorosamente lontano dalla luce e dalla umidità. La curcumina è molto sensibile alla luce.

Perché l’industria farmaceutica non ha brevettato la Curcumina?

Le società farmaceutiche multinazionali sono molto interessate a possedere dei brevetti per la Curcumina a causa delle numerose prove scientifiche a favore delle sue proprietà curative e la lunga storia delle sue proprietà curative. Tuttavia, proprio l’evidenza e la storia della Curcuma e della Curcumina usata come medicamento per secoli in diverse culture è la ragione per cui la United States Patent and Trademark Office ha respinto e revocato i diritti di brevetto (n. 5401504 ) per la Curcuma sulla base del fatto che le richieste non sono nuove: il 21 aprile 1998 “USPTO inequivocabilmente respinge tutte e sei le richieste effettuate il 29 dicembre 1993 e sentenzia che le proprietà medicinali della Curcuma proprietà non sono brevettabili”.

Come spiega il Dr Bharat B. Aggarwal dell’Anderson Cancer Center a Houston: “nel caso della Curcumina, un composto naturale, nessuna azienda può trarre vantaggio dalla Curcuma, qualora si mostrasse essere un efficace farmaco anti-cancro”. “Questo è un peccato per i produttori farmaceutici che propongono tariffe promozionali per i loro clienti, ma una buona notizia, per un consumatore che non voglia pagare $ 20,00 per ogni pillola.”

Come funziona la Curcumina contro l’artrite?

L’artrite è anche una malattia di natura infiammatoria. Tutti gli attuali farmaci approvati per l’artrite sono anti-infiammatori. La terapia a base di Anti-TNF (fattore di necrosi tumorale) è stata recentemente approvata per questa malattia. E’ stato dimostrato che la Curcumina è in grado sia di fermare la produzione di TNF che di bloccare l’azione del TNF. La Curcumina, applicata topicamente, ha dimostrato di avere attività contro l’artrite.

Come funziona la Curcumina contro il morbo di Crohn?

Il morbo di Crohn è una malattia di natura infiammatoria. Tutti gli attuali farmaci approvati per questa malattia hanno attività anti-infiammatoria. La terapia anti-TNF è stato approvata per questa malattia. E’ stato dimostrato che la Curcumina blocca sia la produzione che l’azione del TNF. La Curcumina assunta per via orale ha dimostrato di avere attività contro il morbo di Crohn.

Come funziona la Curcumina per accelerare la guarigione delle ferite?

Ci sono numerosi dati sperimentali che suggeriscono che la Curcumina può accelerare la guarigione delle ferite. Ciò ha portato, per esempio, la Johnson & Johnson a commercializzare (in India) dei cerotti Band Aid contenenti Curcumina.

Come funziona la Curcumina contro la psoriasi?

La psoriasi è un altra malattia di natura infiammatoria. Rilevanti elementi di prova, sia negli animali che nell’uomo, indicano che la Curcumina è molto efficace contro la psoriasi quando viene applicato topicamente sulla cute.
avatar
SauroClaudio
-------------
-------------

Numero di messaggi : 380
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum