Prezzo del petrolio e suoi effetti

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Mer 9 Dic - 11:42

Justine ha scritto:Per meglio dire, aspetti che chi le controlla (dal momento che per ora non sono senzienti) sia effettivamente umano con i consumatori? Sad

holubice ha scritto:
Dammi retta, pagala un po' più cara quella bolletta, e lascia la Culona tappezzare la Germania di ventilatori/generatori.

Ma mi va benissimo, solo non vedo perché debbano essere i consumatori a pagare i costi aggiuntivi che comporta l'energia pulita (Che tra l'altro a medio - lungo termine dovrebbe divenire pressoché gratuita, o arrivano le bollette da Eolo?)

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da holubice il Mer 9 Dic - 12:22

Rasputin ha scritto:Ma mi va benissimo, solo non vedo perché debbano essere i consumatori a pagare i costi aggiuntivi che comporta l'energia pulita (Che tra l'altro a medio - lungo termine dovrebbe divenire pressoché gratuita, o arrivano le bollette da Eolo?)
Ecco, penso che tu abbia afferrato la sostanza. Penso, spero davvero, che le cose evolvano alla maniera della telefonia mobile.

Vi ricordate quanto diammine costavano le chiamate con i primi telefoni cellulari?



Erano costosissimi gli apparecchi, molto spesso erano installati sulle auto, e fare una telefonata equivaleva a stappare uno champagne. Tutto questo perché l'istallazione delle antenne comportò un investimento molto oneroso, che doveva essere coperto in fretta. Ora che quei costi sono stati ripagati, telefonare da un cellulare ad un altro cellulare, se vai a vedere, è grosso modo un chiamarsi ...



... con walkie-talkie. Sto utilizzando un contratto che, con 10 euro al mese, mi fa chiamare 1.000 minuti, spedire 1.000 sms, navigare per 2 giga (con i quali picchietto qui dentro). Una cosa simile era impensabile 20 anni fa, agli albori della telefonia mobile.

Ora, anche fisiognomicamente, le pale Eoliche ci rassomigliano molto alle torri delle telecom ed avranno lo stesso andamento economico-finanziario. Certo, c'è da accusare il colpo per alcuni anni ...



... ma se pensi che le ultime eliche sono prive di attriti e non dovrebbero aver bisogno di manutenzione per 500 anni, beh, il gioco vale proprio la candela.

O no?

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Mer 9 Dic - 12:31

Holu, per valere la candela la vale, ma qua occorrerebe uno studio comparativo sugli investimenti, perché le pale eoliche (Le conosco abbastanza bene, ci ho anche fatto delle traduzioni tecniche) esistono anche loro da decenni.

Non sarà che - come al solito - i prezzi calano solo su quanto non è vitale, e che sull'energia ci continua ad essere chi invece desidera continuare a tenerci saldamente per lo scroto?

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da holubice il Mer 9 Dic - 12:47

Rasputin ha scritto:Holu, per valere la candela la vale, ma qua occorrerebe uno studio comparativo sugli investimenti, perché le pale eoliche (Le conosco abbastanza bene, ci ho anche fatto delle traduzioni tecniche) esistono anche loro da decenni.

Non sarà che - come al solito - i prezzi calano solo su quanto non è vitale, e che sull'energia ci continua ad essere chi invece desidera continuare a tenerci saldamente per lo scroto?

Loro hanno solo il vento. Noi abbiamo il sole, il vento, il geotermico e, grazie ad Alpi e Appennini, anche parecchio idroelettrico. Ma loro ...

Rinnovabili al 100%, la Danimarca mostra come si fa



"Il 100% rinnovabili sul breve-medio termine non è una fantasia da ecologisti integralisti. Se c'è la volontà politica è uno scenario raggiungibile in tempi relativamente rapidi, con costi assolutamente sostenibili e grandi ricadute positive in termini di sicurezza energetica e occupazione, oltre che di salute, tutela dell'ambiente e lotta al cambiamento climatico. La Danimarca lo sta dimostrando: uno studio governativo pubblicato qualche giorno fa porta nuove indicazioni sulle strade che il paese può percorrere per raggiungere gli ambiziosi obiettivi che si è dato, cioè liberarsi completamente dalle fonti fossili entro il 2035 per quel che riguarda l'elettricità e il riscaldamento e andare il 100% da rinnovabili, decarbonizzando completamente anche il settore trasporti, entro il 2050" (continua nel link)


Al primo ministro è stato ricordato che questi investimenti potrebbero aumentare il costo del kilowattore danese, e costui ha risposto seraficamente:

"Miliardi di persone stanno transitando da una economia di pura sussistenza ad una basata sui consumi. Tutti costoro andranno ad approvvigionarsi dai nostri attuali fornitori di petrolio. La questione non è quanto ci costerà quel petrolio in futuro. La questione è che quel petrolio non ci sarà più."

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Mer 9 Dic - 12:53

holubice ha scritto:[...]
"Miliardi di persone stanno transitando da una economia di pura sussistenza ad una basata sui consumi. Tutti costoro andranno ad approvvigionarsi dai nostri attuali fornitori di petrolio. La questione non è quanto ci costerà quel petrolio in futuro. La questione è che quel petrolio non ci sarà più."

Si sbaglia. Lui la fa facile, con un paese di pochi milioni di persone da gestire e con un reddito pro capite che altri si sognano.

La questione non è fino a quando dura il petrolio, perché ce n'è più che a sufficienza; la questione è fino a quando sarà conveniente estrarlo.

L'energia a costi sostenibili (Dovrebbe essere gratuita comunque) al momento è un'utopia

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da holubice il Mer 9 Dic - 13:03

Rasputin ha scritto:... Si sbaglia. Lui la fa facile, con un paese di pochi milioni di persone da gestire e con un reddito pro capite che altri si sognano.
La questione non è fino a quando dura il petrolio, perché ce n'è più che a sufficienza; la questione è fino a quando sarà conveniente estrarlo.
L'energia a costi sostenibili (Dovrebbe essere gratuita comunque) al momento è un'utopia
In Albania ci sono molte meno persone che in Danimarca. Eppure non le cose non funzionano molto meglio ...

Ohi, me lo hai detto tu ...



... il tuo vicino ha piazzato i pannelli sul tetto, ha messo in conto 8-9 anni per rifarsi dell'investimento, l'impianto in media dura 30 anni e gli altri 22 sono fatti di guadagni.



Immagina di non veder attraccare più nessuna petroliera per il resto della tua vita.



Di poter mandare a fare in €u/o Putin, i suoi gasdotti siberiani ed i suoi ricatti.



Ma ti par poco?



wink..




holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Mer 9 Dic - 13:18

holubice ha scritto:[...]

... il tuo vicino ha piazzato i pannelli sul tetto, ha messo in conto 8-9 anni per rifarsi dell'investimento, l'impianto in media dura 30 anni e gli altri 22 sono fatti di guadagni.

Certo, ma ha investito di suo, e non poco. Siamo sempre lí: a risparmiare veramente ce la fa solo chi in realtà ne ha meno bisogno...

holubice ha scritto:[...]

Di poter mandare a fare in culo Putin, i suoi gasdotti siberiani ed i suoi ricatti.

Ma ti par poco?

wink..

No, ma se per poterlo fare devo spendere di più semplicemente non conviene. Anche qui la locale azienda elettrica spende soldi - i miei - per fare propaganda alle energie da fonti alternative, e giustifica i continui aumenti dei prezzi con gli investimenti necessari per sfruttarle.

È una SPA e mi sa tanto che passa i dividendi agli azionisti, altro che far risparmiare l'utenza

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da holubice il Mer 9 Dic - 13:31

Rasputin ha scritto:Certo, ma ha investito di suo, e non poco. Siamo sempre lí: a risparmiare veramente ce la fa solo chi in realtà ne ha meno bisogno...
...
No, ma se per poterlo fare devo spendere di più semplicemente non conviene. Anche qui la locale azienda elettrica spende soldi - i miei - per fare propaganda alle energie da fonti alternative, e giustifica i continui aumenti dei prezzi con gli investimenti necessari per sfruttarle. È una SPA e mi sa tanto che passa i dividendi agli azionisti, altro che far risparmiare l'utenza
Un impianto da 3 Kw, dicono ultimamente può costare 3.000 euro (compresa messa in opera). Forse quando l'ha fatto lui costava un po' di più, ma qui vale il discorso che facevamo per i cellulari. Ho letto su siti specializzati in materia che stanno per uscire una specie di 'domopak' fotovoltaico con cui presto potremmo impacchettare i nostri palazzi. Se siamo arrivati fino a questo lo dobbiamo anche al tuo vicino che pionieristicamente ha investito (e rischiato) i suoi soldi alimentando il mercato e di conseguenza la ricerca. Io sono dell'idea che se uno, arricchendosi, finisce per portare benefici anche a me, gli auguro ogni bene.

Il rischio che qualcuno ci speculi tenendo artificialmente alti i prezzi c'è sempre. Ma ti faccio notare che questi rischi ci sono anche con le energie cosiddette tradizionali:

Mentre le quotazioni del petrolio crollano toccando il minimo dal 2009, l'Italia è ai vertici della classifica Ue per i prezzi di benzina e gasolio.



"Con una media di 1,340 euro per un litro di gasolio, l'Italia si piazza al secondo posto della classifica Ue dove il diesel costa di più. Peggio di noi fa soltanto il Regno Unito dove il diesel costa 1,543 euro al litro. Sul fronte della benzina, invece, con 1,475 euro al litro, il Belpaese occupa la quarta posizione, dietro ai Paesi Bassi (1,545 euro al litro), al Regno Unito (1,502 euro al litro) e alla Danimarca (1,499 euro al litro). Tutti Paesi dove, tuttavia, il reddito medio è ben più elevato del nostro. "Un litro di benzina costa in Italia quasi il 20% in più rispetto al media europea - denuncia il presidente Carlo Rienzi - mentre per il gasolio la differenza col resto d'Europa raggiunge il +18%. Una differenza inaccettabile, causata in parte da una tassazione eccessiva, in parte da un allineamento troppo lento dei listini alle quotazioni del petrolio"."


crying

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Minsky il Mer 9 Dic - 23:06

holubice ha scritto:
Rasputin ha scritto:Holu, per valere la candela la vale, ma qua occorrerebe uno studio comparativo sugli investimenti, perché le pale eoliche (Le conosco abbastanza bene, ci ho anche fatto delle traduzioni tecniche) esistono anche loro da decenni.

Non sarà che - come al solito - i prezzi calano solo su quanto non è vitale, e che sull'energia ci continua ad essere chi invece desidera continuare a tenerci saldamente per lo scroto?

Loro hanno solo il vento. Noi abbiamo il sole, il vento, il geotermico e, grazie ad Alpi e Appennini, anche parecchio idroelettrico.
Il sole, poco. A parte i tetti delle case, tocca sacrificare aree agricole per mettere i pannelli fotovoltaici, e questo non è conveniente. Anzi è proprio una follia. Il vento c'è, ma non si può usare. Quasi tutte le pale eoliche installate sono ferme (bloccate) perché sono state installate in posti dove causano disturbo alla popolazione, inoltre uccidono gli uccellini, e anche questo non va bene. Il geotermico è irrisorio. L'idroelettrico è già sfruttato oltre ogni limite, e ha causato danni ambientali irreversibili. No, non c'è strada qui in Italia perché ci si possa rendere indipendenti sul piano energetico, con i consumi attuali. Guarda poi che porcate sono state fatte con il fotovoltaico, tutte truffe e finanziamenti pubblici andati in tasca alle mafie.

holubice ha scritto: Ma loro ...

Rinnovabili al 100%, la Danimarca mostra come si fa



"Il 100% rinnovabili sul breve-medio termine non è una fantasia da ecologisti integralisti. Se c'è la volontà politica è uno scenario raggiungibile in tempi relativamente rapidi, con costi assolutamente sostenibili e grandi ricadute positive in termini di sicurezza energetica e occupazione, oltre che di salute, tutela dell'ambiente e lotta al cambiamento climatico. La Danimarca lo sta dimostrando: uno studio governativo pubblicato qualche giorno fa porta nuove indicazioni sulle strade che il paese può percorrere per raggiungere gli ambiziosi obiettivi che si è dato, cioè liberarsi completamente dalle fonti fossili entro il 2035 per quel che riguarda l'elettricità e il riscaldamento e andare il 100% da rinnovabili, decarbonizzando completamente anche il settore trasporti, entro il 2050" (continua nel link)


Al primo ministro è stato ricordato che questi investimenti potrebbero aumentare il costo del kilowattore danese, e costui ha risposto seraficamente:

"Miliardi di persone stanno transitando da una economia di pura sussistenza ad una basata sui consumi. Tutti costoro andranno ad approvvigionarsi dai nostri attuali fornitori di petrolio. La questione non è quanto ci costerà quel petrolio in futuro. La questione è che quel petrolio non ci sarà più."
Esatto. Ecco perché l'OPEC non ha alcun timore dei prezzi bassi. Presto torneranno a crescere, e nel frattempo gli altri produttori di petrolio che hanno costi di estrazione molto più alti saranno andati in rovina.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Minsky il Mer 9 Dic - 23:10

holubice ha scritto:Se c'è una cosa bella della mostruosità della Cina è che, disponendo di una forza lavoro praticamente inesauribile, possono creare un'opera colossale in un battibaleno:

In Cina il più grande parco eolico del pianeta con 20 GW



"Nel 2012 la potenza eolica installata nel mondo ha superato i 270 GW; circa un quarto si trova in Cina, dove nella provincia desertica di Gansu è in costuzione il più grande parco eolico del pianeta. Il parco occupa un'area di circa 2000 km², equivalente a una provincia media italiana. (1)
Attualmente sono stati installati 6  GW e i lavori procedono al ritmo di 36 nuove turbine al giorno, con l'obiettivo di raggiungere entro il 2020 un totale di 20 GW. Per farsi un'idea, si tratta del triplo della potenza attualmente installata in Italia.
Poiché la zona è molto ventosa (la producibilità si aggira intorno alle 2500 h/anno), a progetto ultimato verranno prodotti 50 TWh all'anno (5 volte la produzione italiana).

E' stato necessario costruire un opportuno sistema di controllo per riequilibrare l'output delle turbine, in modo da non superare la potenza di trasmissione delle linee elettriche che è limitato (si fa per dire) a 1,5 GW.

La produzione di questo parco eolico equivale più o meno a quella di 6 centrali nucleari da 1 GW,ma il costo del progetto (12 miliardi di €) equivale ad una volta e mezzo quanto sta pagando la Francia per costruire il reattore di Flamanville." (continua nel link)




Non so se queste stime siano di parte, ma se davvero '6 centrali atomiche/eoliche' costano quanto 1,5 centrale atomica vera e propria, allora è ...



UN COMPLOTTO!!!



boxed
Eh, il problema è sempre quello del trasporto e distribuzione, inevitabilmente. Dove spareranno i 20 GW che avranno a pieno regime con una capacità delle linee di 1,5 GW sarà da vedere.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Minsky il Ven 11 Dic - 12:42

Billions of oil barrels vanish in a puff of accounting smoke

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da primaverino il Ven 11 Dic - 12:57

Minsky ha scritto:Billions of oil barrels vanish in a puff of accounting smoke

Un breve sunto in italiano?

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Minsky il Ven 11 Dic - 20:38

primaverino ha scritto:
Minsky ha scritto:Billions of oil barrels vanish in a puff of accounting smoke

Un breve sunto in italiano?
In poche parole, una delle compagnie americane (si può considerare un esempio tipico e le considerazioni, fatte le debite proporzioni, valgono per tutte) che estraggono il petrolio con l'infame tecnica del fracking, la Chesapeake Energy Corp, ha dovuto ridurre di colpo la propria consistenza patrimoniale (la quantità di combustibile che si stima sia presente nei giacimenti di cui la compagnia detiene i diritti di sfruttamento entra nella valutazione patrimoniale) di 1,1 miliardi di barili (1 barile = 159 litri circa). La diminuzione non è dovuta ad una improvvisa evaporazione del petrolio, ma al fatto che il prezzo del petrolio, "scivolato" sotto i 40$/barile, rende per ora non conveniente l'estrazione di quel petrolio, in quanto il costo di estrazione sarebbe superiore al prezzo di mercato.

Il guaio (per la compagnia petrolifera) è che il valore dell'azienda era stato gonfiato, negli anni del prezzo alto e del boom del fracking, grazie alla valorizzazione patrimoniale di quelle riserve, dandole come certamente sfruttabili. Questo aveva invogliato gli investitori a riversare capitali nell'azienda. Ma c'è una regola precisa stabilita dalla SEC (Securities and Exchange Commission, l'ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori), che precisa come ad ogni bilancio societario deve essere calcolato il valore degli inventari. Questo in pratica provocherà quasi il dimezzamento del valore patrimoniale della società. Complessivamente, si prevedono svalutazioni nel comparto per un totale di oltre 140 miliardi di dollari.

Sarà una catastrofe finanziaria. Anche questa è guerra.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Ven 11 Dic - 21:07

Minsky ha scritto:
primaverino ha scritto:
Minsky ha scritto:Billions of oil barrels vanish in a puff of accounting smoke

Un breve sunto in italiano?
In poche parole, una delle compagnie americane (si può considerare un esempio tipico e le considerazioni, fatte le debite proporzioni, valgono per tutte) che estraggono il petrolio con l'infame tecnica del fracking, la Chesapeake Energy Corp, ha dovuto ridurre di colpo la propria consistenza patrimoniale (la quantità di combustibile che si stima sia presente nei giacimenti di cui la compagnia detiene i diritti di sfruttamento entra nella valutazione patrimoniale) di 1,1 miliardi di barili (1 barile = 159 litri circa). La diminuzione non è dovuta ad una improvvisa evaporazione del petrolio, ma al fatto che il prezzo del petrolio, "scivolato" sotto i 40$/barile, rende per ora non conveniente l'estrazione di quel petrolio, in quanto il costo di estrazione sarebbe superiore al prezzo di mercato.

Il guaio (per la compagnia petrolifera) è che il valore dell'azienda era stato gonfiato, negli anni del prezzo alto e del boom del fracking, grazie alla valorizzazione patrimoniale di quelle riserve, dandole come certamente sfruttabili. Questo aveva invogliato gli investitori a riversare capitali nell'azienda. Ma c'è una regola precisa stabilita dalla SEC (Securities and Exchange Commission, l'ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori), che precisa come ad ogni bilancio societario deve essere calcolato il valore degli inventari. Questo in pratica provocherà quasi il dimezzamento del valore patrimoniale della società. Complessivamente, si prevedono svalutazioni nel comparto per un totale di oltre 140 miliardi di dollari.

Sarà una catastrofe finanziaria. Anche questa è guerra.

Una manovra speculativa, sospetto io. Cui prodest?

http://www.bloomberg.com/news/videos/2015-12-10/how-chesapeake-can-erase-oil-from-its-books

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Minsky il Ven 11 Dic - 22:22

Rasputin ha scritto:

Una manovra speculativa, sospetto io. Cui prodest?

http://www.bloomberg.com/news/videos/2015-12-10/how-chesapeake-can-erase-oil-from-its-books
Sarebbe una manovra speculativa al contrario. Come spiega bene l'articolo che ho linkato, la speculazione è stata mettere a patrimonio i giacimenti stimati di pozzi non ancora perforati. Poiché la concessione scade se non viene sfruttata entro 5 anni, quei giacimenti di fatto non possono più essere annoverati nel patrimonio aziendale.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Ven 11 Dic - 22:27

Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Una manovra speculativa, sospetto io. Cui prodest?

http://www.bloomberg.com/news/videos/2015-12-10/how-chesapeake-can-erase-oil-from-its-books
Sarebbe una manovra speculativa al contrario. Come spiega bene l'articolo che ho linkato, la speculazione è stata mettere a patrimonio i giacimenti stimati di pozzi non ancora perforati. Poiché la concessione scade se non viene sfruttata entro 5 anni, quei giacimenti di fatto non possono più essere annoverati nel patrimonio aziendale.

Dici che davvero è stato un errore e che l'"Incidente" non gioverà a nessuno?

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Minsky il Sab 12 Dic - 11:59

Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Una manovra speculativa, sospetto io. Cui prodest?

http://www.bloomberg.com/news/videos/2015-12-10/how-chesapeake-can-erase-oil-from-its-books
Sarebbe una manovra speculativa al contrario. Come spiega bene l'articolo che ho linkato, la speculazione è stata mettere a patrimonio i giacimenti stimati di pozzi non ancora perforati. Poiché la concessione scade se non viene sfruttata entro 5 anni, quei giacimenti di fatto non possono più essere annoverati nel patrimonio aziendale.

Dici che davvero è stato un errore e che l'"Incidente" non gioverà a nessuno?
Ma non è stato un errore. Se il prezzo del petrolio fosse rimasto almeno sopra i 50 $ di media allora l'estrazione da quei giacimenti sarebbe stata profittevole, e i pozzi sarebbero stati aperti. Il crollo delle quotazioni invece ha determinato la cancellazione dei programmi di sfruttamento, e quindi la contrazione del patrimonio potenziale delle società che estraggono con il fracking. La situazione è ancora peggiore, in quanto oltre al depauperamento patrimoniale ci saranno anche le perdite sui pozzi già in attività, che non hanno ancora ammortizzato i costi di perforazione. A chi giova? Sicuramente ai produttori del cartello OPEC, prima di tutti l'Arabia Saudita, che ha il petrolio che esce dal terreno dappertutto, e costi di estrazione minimi. Hanno fatto fuori la concorrenza.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Sab 12 Dic - 12:36

Minsky ha scritto:
Ma non è stato un errore. Se il prezzo del petrolio fosse rimasto almeno sopra i 50 $ di media allora l'estrazione da quei giacimenti sarebbe stata profittevole, e i pozzi sarebbero stati aperti. Il crollo delle quotazioni invece ha determinato la cancellazione dei programmi di sfruttamento, e quindi la contrazione del patrimonio potenziale delle società che estraggono con il fracking. La situazione è ancora peggiore, in quanto oltre al depauperamento patrimoniale ci saranno anche le perdite sui pozzi già in attività, che non hanno ancora ammortizzato i costi di perforazione. A chi giova? Sicuramente ai produttori del cartello OPEC, prima di tutti l'Arabia Saudita, che ha il petrolio che esce dal terreno dappertutto, e costi di estrazione minimi. Hanno fatto fuori la concorrenza.

Ok, mi hai portato un passo avanti. Ma chi è che controlla l'OPEC? Questo

https://en.wikipedia.org/wiki/Abdallah_Salem_el-Badri

pare essere il segretario generale, cittadino libico ma residente in Austria (Chissà se va anche a sciare).

A me qualcosa continua a non tornare

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Minsky il Sab 12 Dic - 18:16

Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:
Ma non è stato un errore. Se il prezzo del petrolio fosse rimasto almeno sopra i 50 $ di media allora l'estrazione da quei giacimenti sarebbe stata profittevole, e i pozzi sarebbero stati aperti. Il crollo delle quotazioni invece ha determinato la cancellazione dei programmi di sfruttamento, e quindi la contrazione del patrimonio potenziale delle società che estraggono con il fracking. La situazione è ancora peggiore, in quanto oltre al depauperamento patrimoniale ci saranno anche le perdite sui pozzi già in attività, che non hanno ancora ammortizzato i costi di perforazione. A chi giova? Sicuramente ai produttori del cartello OPEC, prima di tutti l'Arabia Saudita, che ha il petrolio che esce dal terreno dappertutto, e costi di estrazione minimi. Hanno fatto fuori la concorrenza.

Ok, mi hai portato un passo avanti. Ma chi è che controlla l'OPEC? Questo

https://en.wikipedia.org/wiki/Abdallah_Salem_el-Badri

pare essere il segretario generale, cittadino libico ma residente in Austria (Chissà se va anche a sciare).

A me qualcosa continua a non tornare
Uhmmm no, quella sarà una carica onoraria, l'OPEC è controllata da chi detiene la proprietà effettiva dei pozzi e delle raffinerie, cioè i governi dei Paesi produttori. Tra questi i sauditi sono i più forti, per una ragione semplicissima: sono quelli che traggono il maggior profitto dal petrolio grazie al fatto che hanno il costo di estrazione più basso di tutti, quindi possono permettersi di tenere basse le quotazioni e ancora ci guadagnano.
Fatte fuori le compagnie del fracking, potranno far salire di nuovo i prezzi e guadagnarci ancora di più. È una strategia elementare. Quello che a me è sembrato buffo, è il fatto che le compagnie del fracking per avidità si siano messe la corda al collo da sole.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da holubice il Dom 13 Dic - 9:02

Minsky ha scritto:... A chi giova? Sicuramente ai produttori del cartello OPEC, prima di tutti l'Arabia Saudita, che ha il petrolio che esce dal terreno dappertutto, e costi di estrazione minimi. Hanno fatto fuori la concorrenza.
Tutto questo renderà anche meno attraenti le energie alternative.

Sempre che gli accordi di Parigi siano davvero vincolanti.

COP21 Parigi, via libera all’accordo sul clima: “Impegni vincolanti per ridurre le emissioni di anidride carbonica”



"Il patto firmato alla Cop 21 mette a frutto quasi venti anni di negoziati per convertire in senso verde le economie globali. Coinvolti 186 paesi, sviluppati e in via di sviluppo, responsabili del 93 per cento della produzione di gas clima-alternanti. 100 miliardi all'anno per i paesi emergenti"


La cosa più semplice sarebbe imporre l'ennesima tassa sulle fonti inquinanti, ovvero carbone, petrolio, e destinare l'intero importo alla costruzione di impianti eolici e pannelli fotovoltaici. Questo, ovviamente, deve essere vincolante per tutti, con somma a zero. Nonché incentivare la vendita di auto completamente elettriche, al contempo stabilendo le dimensioni delle batterie swap, ovvero quelle intercambiabili ed impiegabili su qualsiasi tipo di auto, che rendono un pieno di corrente molto più veloce che un pieno di gasolio.


Volere è potere.


eeeeeeek

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Dom 13 Dic - 18:13

Minsky ha scritto:
Uhmmm no, quella sarà una carica onoraria, l'OPEC è controllata da chi detiene la proprietà effettiva dei pozzi e delle raffinerie, cioè i governi dei Paesi produttori. Tra questi i sauditi sono i più forti, per una ragione semplicissima: sono quelli che traggono il maggior profitto dal petrolio grazie al fatto che hanno il costo di estrazione più basso di tutti, quindi possono permettersi di tenere basse le quotazioni e ancora ci guadagnano.
Fatte fuori le compagnie del fracking, potranno far salire di nuovo i prezzi e guadagnarci ancora di più. È una strategia elementare. Quello che a me è sembrato buffo, è il fatto che le compagnie del fracking per avidità si siano messe la corda al collo da sole.

Appunto, a me pare altro che buffo, troppo strano.

Vediamo, siamo sicuri che chi detiene la proprietà effettiva dei pozzi e delle raffinerie, siano i governi dei Paesi produttori?

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Minsky il Dom 13 Dic - 18:28

Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:
Uhmmm no, quella sarà una carica onoraria, l'OPEC è controllata da chi detiene la proprietà effettiva dei pozzi e delle raffinerie, cioè i governi dei Paesi produttori. Tra questi i sauditi sono i più forti, per una ragione semplicissima: sono quelli che traggono il maggior profitto dal petrolio grazie al fatto che hanno il costo di estrazione più basso di tutti, quindi possono permettersi di tenere basse le quotazioni e ancora ci guadagnano.
Fatte fuori le compagnie del fracking, potranno far salire di nuovo i prezzi e guadagnarci ancora di più. È una strategia elementare. Quello che a me è sembrato buffo, è il fatto che le compagnie del fracking per avidità si siano messe la corda al collo da sole.

Appunto, a me pare altro che buffo, troppo strano.

Vediamo, siamo sicuri che chi detiene la proprietà effettiva dei pozzi e delle raffinerie, siano i governi dei Paesi produttori?
Cioè, di chi potrebbero essere i pozzi? Qual'è il tuo sospetto?

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da Rasputin il Dom 13 Dic - 18:41

Minsky sto abbastanza in arretrato col forum e sto ancora leggendo in giro, non ho sospetti concreti ma semplicemente non credo al potere dei governi, e meno quando ci sono di mezzo delle risorse importanti

Quando ho finito il giro d'ispezione magari faccio una ricerca, anche se mi sa che stavolta non sarà facile

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da holubice il Lun 14 Dic - 11:37

Minsky ha scritto:... Il crollo delle quotazioni invece ha determinato la cancellazione dei programmi di sfruttamento, e quindi la contrazione del patrimonio potenziale delle società che estraggono con il fracking. La situazione è ancora peggiore, in quanto oltre al depauperamento patrimoniale ci saranno anche le perdite sui pozzi già in attività, che non hanno ancora ammortizzato i costi di perforazione. ...

Tutto questo ha almeno un aspetto positivo:



I pozzi del cosiddetto farcking stavano letteralmente avvelenando interi territori americani. Grazie ad una legge sponsorizzata da Dick Cheney, quando la società di estrazione ottiene la licenza su di un pozzo essa può perforare orizzontalmente, è così che funziona, in un grosso raggio tutto intorno al suo pozzo, questo anche su terreni che non hanno dato nessun permesso e che non ricavano nessun profitto dall'attività estrattiva. Quello che ottengono, invece, sono l'inquinamento delle falde acquifere: in alcuni casi la gente ha l'acqua potabile che, letteralmente, prende fuoco se ci passi un accendino ...


crying


holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prezzo del petrolio e suoi effetti

Messaggio Da holubice il Lun 14 Dic - 11:40

Eccolo, l'ho ritrovato ...



Che dire, se devi far bollire la pasta, forse questa massaia del Dakota d'ora in poi risparmierà sulla bolletta del gas.

L'acqua gli arriverà già scaldata ...


mgreen

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum