Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Pagina 5 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Rasputin il Mar 30 Dic - 19:49

Primaverino ha scritto:1/3) Il problema è che le statistiche si possono leggere a cazzo. Come fa Deschner.
Re Ferdinando manda in Perù tot-mila armigeri (capitanati da avventurieri cui in cambio si promettono Governatorati e laute prebende) a depredare tutto il predabile e ad annientare il dissenso interno (oggi m'ha preso in eufemismi) e siccome incidentalmente pure il Clero s'accoda festante, ecco che i mille o diecimila o centomila o milione di morti/deportati/schiavizzati etc. sono appannaggio del Cattolicesimo.

Rimango in attesa di un qualsiasi riferimento a sostegno di quanto sopra, anche se il grassettato mi sa tanto di connivenza.

Spoiler:
Il che sarebbe come dire che Alessandro Magno [Alessandro il Cattolico secondo la scala Rasputin] si spinse ad est per colpa della sua religione, oppure che Gengis Khan [Gengis il Cattolico secondo la scala Rasputin] abbia fatto lo stesso (ma puntando ad ovest) fondando il primo impero della Storia per territori contigui (ovvero andando a scassare la minchia a migliaia e migliaia di popoli).
Senza contare Stalin il Cattolico (studiò dai preti se non sbaglio) e Hitler il Cattolico (i suoi erano cattolici, come pure molti dei genitori dei forumisti che conosco, peraltro...).
Il noto tenore inglese Paul Potts (che alcuni ignoranti confondono con il mai esistito Pol Pot, che in effetti si chiamava Saloth Sar) era buddista.
E i quattro evangelisti, erano tre: Luca e Matteo.
Ha ragione Siffredi: ad alcuni si fa prima a metterlo in culo che in testa.

OT e omini di paglia a profusione.

Bergoglino ha scritto:Sul punto 2 invece ho già riconosciuto che le remore di carattere morale in voga ai tempi dell'Oscurantismo abbiano rallentato un certo tipo di conoscenza, al pari delle remore morali che negli anni Quaranta del secolo scorso impedirono ai non-nazisti di ricorrere ad utilissimi esperimenti in campo biomedico e genetico, come il prof. Menegele (parlandone da vivo) sta li a ricordare.


Remore di carattere morale? Non mi pare ne avessero all'ora di squartare, torturare e mettere al rogo la gente eh  Royales

In ogni caso, stai mettendo 20 anni di nazismo (Cattolico) a confronto con 2000 di cattonazismo. Mi sa che non c'è gara.

Fanzaghino ha scritto:Jessica si chiedeva infatti per quale motivo non vengano utilizzati cadaveri al posto di costosi manichini nei "crash test"...
Io mi chiedo perché invece non si fa un ulteriore passo in avanti e non si utilizzino mafiosi e serial killer a tal proposito.

Ma certo, mancano gli atei poi siamo a posto doh

(Anche se sotto la voce "Mafiosi" e "Serial killer" hai già praticamente annientato l'intera CCAR)

Per me invece l'ideale sarebbe usare credenti negli studi a doppio cieco come gruppo placebo: al posto dei medicinali, che preghino moon

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da jessica il Mer 31 Dic - 0:02

chef75 ha scritto:
Beh,  non vedo cosa ci sia da ridere visto che non è che sono io il solo ed unico a dirlo, ti posto un bello scritto di Odifreddi.

di Piergiorgio Odifreddi, Torino
...
ahhh ecco le tue fonti. lo storico odifreddi. poi lamentati se non leggo...
ah, comunque continuo ad immaginarmi la scena epica della reazione di rasp al post parallelo in cui il credente di turno posta un articolo di joseph razzingher sull'esistenza di gesu bambino  ahahahahahah

chef75 ha scritto:A quale domanda? ....a questa? Perchè la rivoluzione scientifica è avvenuta dove c'era (o c'era appena stata) la religione più oppressiva e non in asia se mi state dicendo che la religione fa l'effetto opposto?

E che ne sò io, vuoi che tiro ad ipotizzare? probabilmente la maggior parte degli asiatici era impegnata a fare i coltivatori e lo studio non era diffuso come in Europa in quegli anni? o riservato a "pochissimi" ? o che le scuole non erano ai livelli di quelle Europee, o forse perche non hanno avuto Archimede? forse manco lo conoscevano, o forse conoscevano già tutto e a noi non l'hanno detto e quel che sappiamo lo dobbiamo a loro e qui si son presi i meriti per aver scoperto ciò che era già stato scoperto  lookaround  mgreen , o forse hanno contribuito a far si che succedesse qui?.... maaa, qui, li, la, sù giù cosa centra col fatto che la chiesa nel periodo medioevale ha rallentato lo sviluppo della scienza?
si insomma abbiamo un corridore con una roba sulla schiena che secondo te è uno zaino da 40kg e uno in tuta e scarpe da ginnastica. arriva primo quello con lo zaino e questo continua a non dirti nulla di nuovo e a non farti balenare qualche dubbio sulla teoria dello zaino.
capisco.

Che ne sò perchè Copernico, Newtoon, Galileo, Bruno, Leonardo solo per fare due nomi buttati lì, non sono asiatici.
Sò però, perchè è riportato da tutte le fonti storiche, che alcuni di quelli hanno avuto problemi con la chiesa a causa dei loro studi, che difatto conferma l'ostacolo perpetrato ai danni dello sviluppo scientifico, e non parlo del passaggo al bifacciale, ma della scoperta del grande inganno globale che hanno portato avanti per millenni.

Già che siam quà a tergiversare ti posto pure questo bell'incentivo allo sviluppo

Indice dei libri proibiti

Piccolo sunto:

Sin dalle sue origini le lotte della Chiesa contro le eresie comportarono la proibizione di leggere o conservare opere considerate eretiche.

Lo scopo dell'elenco era quello di ostacolare la possibile contaminazione della fede e la corruzione morale attraverso la lettura di scritti il cui contenuto veniva considerato dall'autorità ecclesiastica non corretto sul piano strettamente teologico, se non addirittura immorale.


Ma tanto manco lo leggerai come con gli altri, sappiamo tutti come funziona questo gioco, ora risponderai portandomi un esempio di come anche i khmer rossi bruciavano i libri eppure si sono evoluti lo stesso.
beh, non volermene, ma visti i link che metti...  no!
ad ogni modo non mi risulta che i khmer si siano particolarmente evoluti per loro meriti scientifici, ma il raspa magari può illuminarci a riguardo, visto che l'esperto di storia della cambogia è lui  ahahahahahah  ahahahahahah  ahahahahahah

il fatto che la punizione di eresie o il divieto di pubblicazione di determinati libri costituiscano dei blocchi all'evoluzione, diciamo così, è cosa pacifica,  ma trarre da questo delle verità assolute e spacciarle per regole oggettive dell'universo è una idiozia per imbecilli. soprattutto alla luce delle vastissime e profonde capacità di analisi storica dimostrate in precedenti discussioni  Royales

p.s. mi sfuggono i problemi di newton o leonardo coi preti. ma se vai a vedere un po' meglio capirai che non è l'unico punto che lega i suddetti, ad esempio.

Non lo metto in dubbio, ho scritto di fretta e intendevo il fatto che è stata una ricercatrice, una scienziata.
Ho pensato pure io a questo errore poi sono andato a lavorare e non l'ho piu corretto.
Vedo che dove vuoi i puntini sulle i li metti. mgreen
dappertutto. è proprio questo il punto della discussione. che mi sta sul cazzo chi li mette dove vuole e da altre partii non solo li salta, ma salta proprio tutte le i, se non interi capitoli...

Rasputin ha scritto:Ammesso e non concesso che sia vero, il problema è che la statistica delle atrocità commesse in nome, per conto e/o a causa della religione è mostruosamente superiore a quella delle atrocità commesse in nome e/o per conto di qualsiasi altra "Causa".
e qui, ancora una volta, dimostri l'ormai conclamata ignoranza dei fatti. ma fin qui pazienza, è la recidiva che ti frega...  (questo è il punto uno...)

Come ti ha già spiegato Chef, la Cina non c'entra una mazza. Il fatto che là (Ammesso e non concesso) non vi sia stato il progresso che c'è stato in Europa dopo l'Illuminismo, non vuol dire che qui da noi non sia stata la religione ad impedirlo.
aspè che provo a fare l'astrologa e a prevedere un tuo intervento in risposta ad una roba del genere scritta a parti invertite...

com'era quella del cherosene di tuo nonno?

Vedi punto 1.
EDIT La chiesa è sempre stata, esplicitamente, contraria all'istruzione:
ecco appunto, vedi anche tu il punto 1. Royales
avatar
jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6705
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da chef75 il Mer 31 Dic - 0:55

jessica ha scritto:
ahhh ecco le tue fonti.  

thinkthank  che fonti? io ho scritto:

chef75 ha scritto:
..non è che sono io il solo ed unico a dirlo...

Le fonti le ho postate anni fa in una discussione con Werew.. e sono nei meandri del forum, cercatele.
Ti semplifico la ricerca, è in un tread dove si parla dell'esistenza o meno di gesu, pagine e pagine è scritto tutto li.


Per quanta riguarda tutto il resto facciamo così, hai vinto tu.  cheers Buon anno  rockband

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7695
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Justine il Mer 31 Dic - 7:50

Io sono l'unica che in mezzo a tutto questo continua a guardare quell'immensa boiata postata come primo messaggio?

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Rasputin il Mer 31 Dic - 10:12

Jessica ha scritto:e qui, ancora una volta, dimostri l'ormai conclamata ignoranza dei fatti. ma fin qui pazienza, è la recidiva che ti frega... (questo è il punto uno...)


Allora io ho esposto un parere e lo ho sostenuto con dei riferimenti; è compito di chi lo contesta fare altrettanto (E volendo se ne trovano).

Jessica ha scritto:aspè che provo a fare l'astrologa e a prevedere un tuo intervento in risposta ad una roba del genere scritta a parti invertite...

com'era quella del cherosene di tuo nonno?

No. Quello che tu ed il dottor Divago qui fate finta di non capire è che tra il vuoto di progresso occorso in Europa e la scarsezza del medesimo in Oriente (Cina ecc) non c'è correlazione: del primo conosciamo la causa, del secondo semplicemente no.

Ma non serve per negare che qui le cose sarebbero andate meglio senza il periodo di oscurantismo.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da primaverino il Mer 31 Dic - 14:33

Rasputin ha scritto:
Primaverino ha scritto:1/3) Il problema è che le statistiche si possono leggere a cazzo. Come fa Deschner.
Re Ferdinando manda in Perù tot-mila armigeri (capitanati da avventurieri cui in cambio si promettono Governatorati e laute prebende) a depredare tutto il predabile e ad annientare il dissenso interno (oggi m'ha preso in eufemismi) e siccome incidentalmente pure il Clero s'accoda festante, ecco che i mille o diecimila o centomila o milione di morti/deportati/schiavizzati etc. sono appannaggio del Cattolicesimo.

1) Rimango in attesa di un qualsiasi riferimento a sostegno di quanto sopra, anche se il grassettato mi sa tanto di connivenza.

2) Remore di carattere morale? Non mi pare ne avessero all'ora di squartare, torturare e mettere al rogo la gente eh  Royales

3) In ogni caso, stai mettendo 20 anni di nazismo (Cattolico) a confronto con 2000 di cattonazismo. Mi sa che non c'è gara.

Fanzaghino ha scritto:Jessica si chiedeva infatti per quale motivo non vengano utilizzati cadaveri al posto di costosi manichini nei "crash test"...
Io mi chiedo perché invece non si fa un ulteriore passo in avanti e non si utilizzino mafiosi e serial killer a tal proposito.

4) Ma certo, mancano gli atei poi siamo a posto doh

(Anche se sotto la voce "Mafiosi" e "Serial killer" hai già praticamente annientato l'intera CCAR)

5) Per me invece l'ideale sarebbe usare credenti negli studi a doppio cieco come gruppo placebo: al posto dei medicinali, che preghino moon

1) Basta studiare la Storia Rasp.
Le spedizioni spagnole le ha ordinate la Corona, non il papa e i possedimenti terrieri, i Governatorati etc. erano concessioni imperiali e non papaline.
2) Infatti si parlava d'altro. Poi dai del dr. Divago a me...
3) Due stupidaggini in due righe scarse... (e figurarsi se dopo Alessandro il Cattolico non arrivava anche Adolfo il Cattolico).
4) Cosa dicevi a proposito di omini di paglia?
5) Questo si che è un signor argomento. Complimenti a te e a chi ti ha dato il verde.

C'è un'altra cosa che ti è sfuggita (e chissà perché non mi sorprende affatto) ovvero che a me non interessa minimamente fare la figura del papista, senonché le prese di posizione propagandistiche mi sono sempre piaciute poco.
Come ho già detto non contesto a Deschner i dati della sua ricerca, ma solo l'aspetto smaccatamente propagandistico dell'opera.
Giusto per essere ancora più esplicito: se invece che dell'argomento si fosse trattato del "Libro nero del Comunismo" pur essendo un democratico (e quindi un anticomunista) non avrei mancato di stigmatizzarne l'evidente strumentalizzazione.
Detto in altre parole, non ne faccio una questione di "tifo pro o contro" ma cerco di mantenermi equanime.
Il che, naturalmente non può impedirmi dal dire (eventualmente) delle stupidaggini, solo che laddove venissero ravvisate, preferirei delle controargomentazioni in luogo di merdate. Chiedo troppo?
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da primaverino il Mer 31 Dic - 15:36

Rasputin ha scritto:

Jessica ha scritto:aspè che provo a fare l'astrologa e a prevedere un tuo intervento in risposta ad una roba del genere scritta a parti invertite...

com'era quella del cherosene di tuo nonno?

No. Quello che tu ed il dottor Divago qui fate finta di non capire è che tra il vuoto di progresso occorso in Europa e la scarsezza del medesimo in Oriente (Cina ecc) non c'è correlazione: del primo conosciamo la causa, del secondo semplicemente no.

Invece quello che a te sfugge è che tra una tua congettura e la realtà ci possono essere delle differenze.
Si chiama wishful thinking, bro...

Ne approfitto per ricollegarmi ai delirii di Deschner cui con tanta foga aderisci (pur senza nemmeno averlo letto... Se non è credineria questa... Ma "transeat").
Giusto per tornare a parlare di colonizzazioni (con genocidi, deportazioni e vessazioni annesse) forse saprai (faccio per dire) che l'Africa venne colonizzata a scopi schiavistico-commerciali a partire dal XVI secolo (a rinascimento avviato) e raggiunse il suo apice tra il XVIII e il XIX secolo a Illuminismo ben radicato e col potere temporale della Chiesa assai ridimensionato.
Il commercio degli schiavi prospera tra il XV e il XVII secolo (i secoli "bui" finiscono proprio col Cinquecento, combinazione...) seppure con fortune alterne, data la progressiva abolizione della schiavitù che peraltro nel Nordamerica avviene solo nel 1861 e in modo tutt'altro che indolore.
Hai nominato (a sproposito, come tuo solito) l'Illuminismo, ebbene a tre secoli di distanza della fine dei "secoli bui" lo schiavismo ancora prosperava...
Sorvolando (sennò scrivo il "pistolotto" e poi ti viene mal di testa) sul neo-colonialismo contemporaneo, sempre dettato, tal quale quello rinascimentale, da ragioni economiche.
Cosa penseresti a proposito di un imbecille che volesse imputare lo schiavismo moderno al colpevole illuminismo che tanto progresso scientifico ha generato con annessa richiesta di braccia a "costo minimo"?
Penseresti ad una merdata (come lo penserei anch'io) utilizzata a scopo contropropagandistico, ovvero in assoluta malafede.
Deschner non è un idiota. E' solo in malafede.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Minsky il Mer 31 Dic - 16:44

jessica ha scritto:
chef75 ha scritto:
Beh,  non vedo cosa ci sia da ridere visto che non è che sono io il solo ed unico a dirlo, ti posto un bello scritto di Odifreddi.

di Piergiorgio Odifreddi, Torino
...
ahhh ecco le tue fonti. lo storico odifreddi. poi lamentati se non leggo...
ah, comunque continuo ad immaginarmi la scena epica della reazione di rasp al post parallelo in cui il credente di turno posta un articolo di joseph razzingher sull'esistenza di gesu bambino  ahahahahahah

Autogol. Ratzinger (il "fine teologo") ammette che di Gesù nell'analisi storiografica non vi è traccia alcuna. Perciò, con argomentazione da manuale della MdM, ne deduce che "solo" il "Gesù dei vangeli" è esistito, e che questo, tutto sommato, va considerato una realtà storica. Infatti - sostiene JR - come si può spiegare la foga del proselitismo degli apostoli, se loro non fossero stati convinti degli insegnamenti di Gesù? Dunque Gesù è esistito. La convinzione degli apostoli ne è la prova. Come dire che i libri di Peter Kolosimo sono la prova che gli UFO esistono. Peter ne è convinto. Giusto, no?

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16145
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Rasputin il Gio 1 Gen - 18:01

Primaverino ha scritto:1) Basta studiare la Storia Rasp.
Le spedizioni spagnole le ha ordinate la Corona, non il papa e i possedimenti terrieri, i Governatorati etc. erano concessioni imperiali e non papaline.

O mi dai un riferimento/fonte a sostegno, o io sono autorizzato a dire che son balle. Ti ricordo che - per quanto mi risulta - a quell'epoca il papa aveva il potere temporale.

Primaverino ha scritto:2) Infatti si parlava d'altro. Poi dai del dr. Divago a me...

Non si parlava d'altro. Torture e roghi non erano che la conseguenza dei tentativi di portare avanti il progresso.

Primaverino ha scritto:3) Due stupidaggini in due righe scarse... (e figurarsi se dopo Alessandro il Cattolico non arrivava anche Adolfo il Cattolico).

Hitler era cattolico. Fattene una ragione.

Primaverino ha scritto:4) Cosa dicevi a proposito di omini di paglia?

Ho solo sottolineato la fanzagata.

Primaverino ha scritto:5) Questo si che è un signor argomento. Complimenti a te e a chi ti ha dato il verde.

Idem come sopra.

Primaverino ha scritto:C'è un'altra cosa che ti è sfuggita (e chissà perché non mi sorprende affatto) ovvero che a me non interessa minimamente fare la figura del papista, senonché le prese di posizione propagandistiche mi sono sempre piaciute poco.
Come ho già detto non contesto a Deschner i dati della sua ricerca, ma solo l'aspetto smaccatamente propagandistico dell'opera.

Vedi, io non lo discuto (Ammesso e non concesso che lo sia). Però, a differenza di te che nemmeno sotto tortura documenti ciò di cui vaneggi (E finché non documenti, continuerò a chiamarlo cosí) Deschner lo fa.

Primaverino ha scritto:Giusto per essere ancora più esplicito: se invece che dell'argomento si fosse trattato del "Libro nero del Comunismo" pur essendo un democratico (e quindi un anticomunista) non avrei mancato di stigmatizzarne l'evidente strumentalizzazione.
Detto in altre parole, non ne faccio una questione di "tifo pro o contro" ma cerco di mantenermi equanime.
Il che, naturalmente non può impedirmi dal dire (eventualmente) delle stupidaggini, solo che laddove venissero ravvisate, preferirei delle controargomentazioni in luogo di merdate. Chiedo troppo?

Le controargomentazioni (Documentate please) spettano a te; io ho documentato le mie argomentazioni.

Primaverino ha scritto:Invece quello che a te sfugge è che tra una tua congettura e la realtà ci possono essere delle differenze.
Si chiama wishful thinking, bro...

Qui ti è ricaduta la frittata - già rigirata troppe volte - sul lato già abbrustolito. Chi fa congetture sei tu, non io; io mi limito a prendere atto dell'evidenza (Chiesa che da sempre ostacola il progresso), tu sostieni che siccome altrove non c'è stato progresso anche senza la chiesa che lo ostacola, per forza qui da noi non deve essere stata lei ad ostacolarlo  wall2  specchio

Primaverino ha scritto:Ne approfitto per ricollegarmi ai delirii di Deschner cui con tanta foga aderisci (pur senza nemmeno averlo letto... Se non è credineria questa... Ma "transeat").
Giusto per tornare a parlare di colonizzazioni (con genocidi, deportazioni e vessazioni annesse) forse saprai (faccio per dire) che l'Africa venne colonizzata a scopi schiavistico-commerciali a partire dal XVI secolo (a rinascimento avviato) e raggiunse il suo apice tra il XVIII e il XIX secolo a Illuminismo ben radicato e col potere temporale della Chiesa assai ridimensionato.
Il commercio degli schiavi prospera tra il XV e il XVII secolo (i secoli "bui" finiscono proprio col Cinquecento, combinazione...) seppure con fortune alterne, data la progressiva abolizione della schiavitù che peraltro nel Nordamerica avviene solo nel 1861 e in modo tutt'altro che indolore.
Hai nominato (a sproposito, come tuo solito) l'Illuminismo, ebbene a tre secoli di distanza della fine dei "secoli bui" lo schiavismo ancora prosperava...

Altro omino di paglia. Oltre al fatto che lo schiavismo viene tranquillamente considerato come sottinteso nella bibbia, non mi pare di avere mai sostenuto che la causa fosse la religione.

Primaverino ha scritto:Sorvolando (sennò scrivo il "pistolotto" e poi ti viene mal di testa) sul neo-colonialismo contemporaneo, sempre dettato, tal quale quello rinascimentale, da ragioni economiche.
Cosa penseresti a proposito di un imbecille che volesse imputare lo schiavismo moderno al colpevole illuminismo che tanto progresso scientifico ha generato con annessa richiesta di braccia a "costo minimo"?
Penseresti ad una merdata (come lo penserei anch'io) utilizzata a scopo contropropagandistico, ovvero in assoluta malafede.
Deschner non è un idiota. E' solo in malafede.

Ripeto (Occhio, il grassettato a me pare plausibilissimo ma c'entra sega con la discussione): documenta quanto affermi poi ne parliamo. Fino ad allora, è fuffa; Deschner - malafede o no - almeno si degna di farlo.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da chef75 il Gio 1 Gen - 19:49

jessica ha scritto: blabla  

Ti posto un esempio di come è impossibile continuare il dialogo con te visto che distorci il senso dei miei post a tuo piacimento, e dai quali trai tue conclusioni che nulla hanno a che vedere con quello che ti scrivo, per cosa poi, arrivare a dire ciò che io stavo dicendo.


esempio N.1 :

chef75 ha scritto:
Beh,  non vedo cosa ci sia da ridere visto che non è che sono io il solo ed unico a dirlo, ti posto un bello scritto di Odifreddi.
jessica ha scritto:ahhh ecco le tue fonti.
 

Come noterai, io dico che non sono il solo a metterlo in dubbio e tu mi rispondi sghignazzando che quella è una mia fonte, ipotizzando che utilizzo quella lettera di Odifreddi come prova storica.
Purtroppo hai una visione distorta del post, io intendevo, come ho scritto, che c'è altra gente che lo mette in dubbio, stop.
Per me puoi pure credere che si è posata la stella sulla capanna, o grotta?  thinkthank dove cazzo è nato?  mgreen

Esempio N.2

chef75 ha scritto:Che ne sò perchè Copernico, Newtoon, Galileo, Bruno, Leonardo solo per fare due nomi buttati lì, non sono asiatici.
Sò però, perchè è riportato da tutte le fonti storiche, che alcuni di quelli hanno avuto problemi con la chiesa a causa dei loro studi
jessica ha scritto:
p.s. mi sfuggono i problemi di newton o leonardo coi preti.

Ti sfuggono perche forse non ne hanno avuti, io ho scritto, che la storia riporta che alcuni dei nomi che ti ho fatto hanno avuto problemi, i nomi erano riportati solo come esempio di alcuni personaggi nati in Europa che hanno contribuito allo sviluppo della scienza, stop.

Tutto ciò in un post, capisci che se distorci a tuo piacimento ciò che scrivono gli altri e rispondi ponendo altre domande basate su un tuo errore di interpretazione che nulla hanno a che vedere con quello che io stavo affermando e che mi sembra era il fatto del rallentamento dello sviluppo scientifico a causa del cattolicesimo, a mio avviso non è un corretto modo di dialogare.

jessica ha scritto:
beh, non volermene, ma visti i link che metti...  no!


Beh, per lo meno ti cito ciò che riportano le fonti storiche, in questo caso wikipedia e la treccani, a differenza di te che a favore delle tue ipotesi non hai proposto nulla. :si si:


jessica ha scritto: ma trarre da questo delle verità assolute e spacciarle per regole oggettive dell'universo è una idiozia per imbecilli. soprattutto alla luce delle vastissime e profonde capacità di analisi storica dimostrate in precedenti discussioni  Royales


Non veritò assolute, ma verità storiche, ti è sfuggito questo commento a Primaverino, mi rispondi tu al test?

chef75 ha scritto: non vi piacciono i link di Wikipedia che ho postato?.. bene, allora guarda cosa riporta la Treccani e ipotizza uno studente che deve fare un test sulla storia dell'anatomia.

L’affermazione dell’a. come scienza avvenne presso i Greci; Alcmeone da Crotoneviene indicato come primo autore di un’opera anatomica, di cui non rimangono che pochi, brevissimi frammenti; in epoca ellenistica l’a. raggiunse l’apice dello splendore nella scuola medica di Alessandria, a opera soprattutto di Erofilo ed Erasistrato. Nei secoli successivi ostacoli prevalentemente religiosi determinarono una profonda involuzione degli studi anatomici: alle dissezioni sui cadaveri, giudicate empie e come tali interdette, si sostituirono quelle sugli animali, i cui risultati furono applicati da Galeno senza nessuna correzione all’uomo; l’elaborazione dottrinale fu limitata a un’esegesi dei vari testi. In tal modo la dottrina anatomica fu appesantita e infarcita di errori. Solo intorno al 1315, per merito di L. Mondino de’ Liuzzi, l’a. ritrovò nelle dissezioni sul cadavere la base delle sue indagini e del suo insegnamento senza peraltro sganciarsi dal dogmatismo imperante e quindi senza portare al superamento dei numerosi errori di Galeno. Nel Rinascimento gli studi anatomici rifiorirono vigorosamente, imboccando finalmente la via della revisione di Galeno.

Il giorno dopo, a scuola il test riporta la seguente domanda: La religione ha ostacolato lo sviluppo dell'anatomia?
Si - No

jessica ha scritto:
il fatto che la punizione di eresie o il divieto di pubblicazione di determinati libri costituiscano dei blocchi all'evoluzione, diciamo così, è cosa pacifica storica,


Ecco, come ti ho corretto è anche meglio, vedi che alla fine dicevamo la solita cosa.

Tutta sta cagnara per poi arrivare alla solita conclusione. boh

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7695
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da jessica il Gio 1 Gen - 22:41

Rasputin ha scritto:Allora io ho esposto un parere e lo ho sostenuto con dei riferimenti; è compito di chi lo contesta fare altrettanto (E volendo se ne trovano).
già fatto abbondantemente n-mila volte, non è colpa mia se tu dimentichi, sottotappeti, elimini e riparti da 0 ad ogni discussione.

No. Quello che tu ed il dottor Divago qui fate finta di non capire è che tra il vuoto di progresso occorso in Europa e la scarsezza del medesimo in Oriente (Cina ecc) non c'è correlazione: del primo conosciamo la causa, del secondo semplicemente no.
Ma non serve per negare che qui le cose sarebbero andate meglio senza il periodo di oscurantismo.
e chi dice che c'è correlazione scusa? io sto solo dicendo che la tua teoria è bislacca. dici che x impedisce lo sviluppo e poi vediamo che una società con x si è sviluppata di più di una senza, che però partiva addirtittura avvantaggiata... mi pare più che ragionevole (come piace dire a te) come indizio per indicare che hai detto una delle solite bislaccate...

Minsky ha scritto:Autogol. Ratzinger (il "fine teologo") ammette che di Gesù nell'analisi storiografica non vi è traccia alcuna. Perciò, con argomentazione da manuale della MdM, ne deduce che "solo" il "Gesù dei vangeli" è esistito, e che questo, tutto sommato, va considerato una realtà storica. Infatti - sostiene JR - come si può spiegare la foga del proselitismo degli apostoli, se loro non fossero stati convinti degli insegnamenti di Gesù? Dunque Gesù è esistito. La convinzione degli apostoli ne è la prova. Come dire che i libri di Peter Kolosimo sono la prova che gli UFO esistono. Peter ne è convinto. Giusto, no?
ma perchè dovete finire sempre col coprirvi di ridicolo pur di rispondere qualcosa?
a parte che quello che ha detto razzingher su gesù non c'entra una mazza, (a meno che in minskese siano stati eleiminati i periodi ipotetici, infatti ho detto che mi piacerebbe vedere la reazione di un raspa contro un credente che posta articoli di razzingher sull'esistenza di gesù -tra l'altro chi ha detto che devono essere articoli sul "gesu storico"? boh, sempre bello quando ve le cantate e suonate da soli...)
comunque se ritiene che esista il gesu magggico dei vangelici, tantopiù esiste per lui quello storico, per cui per favore basta minskiate...

chef75 ha scritto:
Come noterai, io dico che non sono il solo a metterlo in dubbio e tu mi rispondi sghignazzando che quella è una mia fonte, ipotizzando che utilizzo quella lettera di Odifreddi come prova storica.
Purtroppo hai una visione distorta del post, io intendevo, come ho scritto, che c'è altra gente che lo mette in dubbio, stop.
Per me puoi pure credere che si è posata la stella sulla capanna, o grotta?  thinkthank dove cazzo è nato?  mgreen
si, va bene. adesso spiegami a che pro postare un articolo di una persona dicendo "non sono l'unico a pensarlo" se non lo condividi e non è per supportare la tua posizione.
cioè io discuto con te circa l'esistenza di gesù, ti posto un link del divino mago alexander che dice che esiste perchè lo dicono gli astri, tu rispondi dicendo che è una minchiata e il divino mago alexander è un cazzone avariato e io finisco col replicare "si vabè ma che c'entra, l'ho postato solo per farti vedere che non sono l'unica"
e grazie al cazzo che non sei l'unico. anche se credi nei raeliani ninja discendenti di moana non sei l'unico e qualcuno che scrive qualcosa da postare lo trovi... bisogna vedere se quelllo che posti ha qualche valore

che poi, giusto una curiosità: visto il tuo apprezzamento wikipedico e l'ampio uso di link wikipediani che fai, come mai su gesù niente wikilink? forse che non ti piaceva tanto quello che riporta wikipedia ed è meglio linkare odifreddi?

chef75 ha scritto:Ti sfuggono perche forse non ne hanno avuti, io ho scritto, che la storia riporta che alcuni dei nomi che ti ho fatto hanno avuto problemi, i nomi erano riportati solo come esempio di alcuni personaggi nati in Europa che hanno contribuito allo sviluppo della scienza, stop.
bene ma... quindi? io ho detto che mi sfuggivano i problemi che avevano avuto (perchè non ho mai studiato la storia della vita di newton, ad esempio) bastava dire "no, loro due non erano tra gli alcuni".

Tutto ciò in un post, capisci che se distorci a tuo piacimento ciò che scrivono gli altri e rispondi ponendo altre domande basate su un tuo errore di interpretazione che nulla hanno a che vedere con quello che io stavo affermando e che mi sembra era il fatto del rallentamento dello sviluppo scientifico a causa del cattolicesimo, a mio avviso non è un corretto modo di dialogare.
veramente non mi pare vi sia alcun errore di interpretazione. casomai è il linkarmi odifreddi senza presentarlo come possibile fonte o articolo interessante ad essere l'errore: che lo linki a fare se neanche tu sei d'accordo o se non vuoi dimostrarmi qualcosa con quello che scrive?

Beh, per lo meno ti cito ciò che riportano le fonti storiche, in questo caso wikipedia e la treccani, a differenza di te che a favore delle tue ipotesi non hai proposto nulla.  :si si:
mie ipotesi? io ho sottolineato semplicemente un dato di fatto (che tu stesso hai espresso come dato di fatto, quindi non è che mi preoccupo più di tanto di dover supportate l'idea che l'europa di fine millennio è più avanzata dell'asia di fine millennio) che va nella direzione diametralemente opposta alle vostre ipotesi. al chè voi non avete saputo spiegare perchè e avete iniziato la famosa fase di rigiramento e stiramento di pelle scrotale.  


Non veritò assolute, ma verità storiche, ti è sfuggito questo commento a Primaverino, mi rispondi tu al test?
ma che verità storiche? sentenziare che la religione inibisce lo sviluppo di una società è rivelare una verità assoluta ( e figlia di una analisi alla cdc, basata su propri desideri (sai quella storia delle valvole che bloccano il sangue al cervello quando si parla di santi e madonne...) e su ignoranza della storia - ampiamente documentata- parlo sempre di raspa, non ho mai letto le tue argomentazioni)

chef75 ha scritto: non vi piacciono i link di Wikipedia che ho postato?.. bene, allora guarda cosa riporta la Treccani e ipotizza uno studente che deve fare un test sulla storia dell'anatomia.
L’affermazione dell’a. come scienza avvenne presso i Greci; Alcmeone da Crotoneviene indicato come primo autore di un’opera anatomica, di cui non rimangono che pochi, brevissimi frammenti; in epoca ellenistica l’a. raggiunse l’apice dello splendore nella scuola medica di Alessandria, a opera soprattutto di Erofilo ed Erasistrato. Nei secoli successivi ostacoli prevalentemente religiosi determinarono una profonda involuzione degli studi anatomici: alle dissezioni sui cadaveri, giudicate empie e come tali interdette, si sostituirono quelle sugli animali, i cui risultati furono applicati da Galeno senza nessuna correzione all’uomo; l’elaborazione dottrinale fu limitata a un’esegesi dei vari testi. In tal modo la dottrina anatomica fu appesantita e infarcita di errori. Solo intorno al 1315, per merito di L. Mondino de’ Liuzzi, l’a. ritrovò nelle dissezioni sul cadavere la base delle sue indagini e del suo insegnamento senza peraltro sganciarsi dal dogmatismo imperante e quindi senza portare al superamento dei numerosi errori di Galeno. Nel Rinascimento gli studi anatomici rifiorirono vigorosamente, imboccando finalmente la via della revisione di Galeno.
Il giorno dopo, a scuola il test riporta la seguente domanda: La religione ha ostacolato lo sviluppo dell'anatomia?
Si - No
assolutamente, e mi pareva di avervi anche già risposto, quello che continui a non capire è che il prendere il singolo dato particolare per supportare la verità universale di cui sopra è il problema. anzi ti avevo pure risposto coi crash test e i mengheli vari e sei riuscito a replicare un facile "che cazzo c'entrera


il fatto che la punizione di eresie o il divieto di pubblicazione di determinati libri costituiscano dei blocchi all'evoluzione, diciamo così, è cosa pacifica storica


Ecco, come ti ho corretto è anche meglio, vedi che alla fine dicevamo la solita cosa.

Tutta sta cagnara per poi arrivare alla solita conclusione. boh
temo che tu abbia un problema con l'aggettivo "storico". le conclusioni che trai da fatti storici non sono storiche, al massimo sono pacifiche, come appunto scritto.
ad ogni modo non ho ben capito cosa vuoi: io stavo rispondendo* principalmente all'affere dei trogloditi, nella fase di rimaneggio delle ipotesi iniziali abbiamo convenuto che non erano affatto trogloditi, anzi. rimane ancora il fatto (storico, così ti piace) che la società che si è sviluppata di più era quella col freno a mano raspcheffico tirato. servono fonti per questo? non credo. servirebbe invece capire cosa non ha funzionato nella vostra teoria...


* a meno che tu non ti sia riferito a questo http://atei.forumitalian.com/t6380p270-scusate-il-ritardo#324966 ma ero perplessa per la grammatica, non per il contenuto...
avatar
jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6705
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Minsky il Gio 1 Gen - 22:55

jessica ha scritto:
Minsky ha scritto:Autogol. Ratzinger (il "fine teologo") ammette che di Gesù nell'analisi storiografica non vi è traccia alcuna. Perciò, con argomentazione da manuale della MdM, ne deduce che "solo" il "Gesù dei vangeli" è esistito, e che questo, tutto sommato, va considerato una realtà storica. Infatti - sostiene JR - come si può spiegare la foga del proselitismo degli apostoli, se loro non fossero stati convinti degli insegnamenti di Gesù? Dunque Gesù è esistito. La convinzione degli apostoli ne è la prova. Come dire che i libri di Peter Kolosimo sono la prova che gli UFO esistono. Peter ne è convinto. Giusto, no?
ma perchè dovete finire sempre col coprirvi di ridicolo pur di rispondere qualcosa?
a parte che quello che ha detto razzingher su gesù non c'entra una mazza, (a meno che in minskese siano stati eleiminati i periodi ipotetici, infatti ho detto che mi piacerebbe vedere la reazione di un raspa contro un credente che posta articoli di razzingher sull'esistenza di gesù -tra l'altro chi ha detto che devono essere articoli sul "gesu storico"? boh, sempre bello quando ve le cantate e suonate da soli...)
comunque se ritiene che esista il gesu magggico dei vangelici, tantopiù esiste per lui quello storico, per cui per favore basta minskiate...
Non hai afferrato il punto. L'ipotetico credente non potrebbe postare un articolo di Ratzinger sull'esistenza del bambino Gesù, perché Ratzinger non ha mai scritto nulla che sostenga l'esistenza di Gesù. Si vada a leggere "Gesù di Nazaret" tomo primo e secondo per verificare quanto sintetizzato sopra. Quindi hai fatto un esempio inconsistente. Che ti dispiaccia o no.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16145
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da jessica il Gio 1 Gen - 23:15

Minsky ha scritto:
Non hai afferrato il punto. L'ipotetico credente non potrebbe postare un articolo di Ratzinger sull'esistenza del bambino Gesù, perché Ratzinger non ha mai scritto nulla che sostenga l'esistenza di Gesù. Si vada a leggere "Gesù di Nazaret" tomo primo e secondo per verificare quanto sintetizzato sopra. Quindi hai fatto un esempio inconsistente. Che ti dispiaccia o no.
hem, no, sei tu a non aver afferrato il punto tessssoro.
di quello che razzingher pensa di gesu non frega niente nè a me nè alla consistenza dell'esempio. semplicemente mi stavo chiedendo come sarebbe stato accolto dall'ala rasputiniana un credente che avesse tentato di supportare le sue tesi con una fonte spudoratamente di parte (in questo caso "impersonificata" da razzingher che è il primo che mi è venuto in mente, avrebbe potuto essere papa francesco, livio fanzaga, suor germana, frate indovino o qualsiasi altro ultrareligioso, indipendentemente dal fatto che avesse o meno scritto davvero qualcosa su gesù).
perchè il senso dell'esempio era soltanto quello di evidenziare il solito doppiopesismo da kit del perfetto razionalista da ateoforum. che razzingher pensi o non pensi che gesù sia esistito, conta una fava. (tra l'altro, ovviamente non ho letto e non leggerò i suoi libri, ma la vedo un tantino dura riuscire a convincermi che non creda nell'esistenza storica di gesu).
naturalmente tu, nell'attuare la tua solita strategia della ripicca, non avendo di meglio cui appigliarti riesci addirittura a metter su un contraddittorio sulla consistenza interna di un mio esempio (peraltro chiarissimo e consistentissimo, che ti piaccia o no)...
bha... ok
avatar
jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6705
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da chef75 il Gio 1 Gen - 23:48

jessica ha scritto:non credo. servirebbe invece capire cosa non ha funzionato nella vostra teoria...

Che teoria ?

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7695
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Rasputin il Ven 2 Gen - 11:12

jessica ha scritto:già fatto abbondantemente n-mila volte, non è colpa mia se tu dimentichi, sottotappeti, elimini e riparti da 0 ad ogni discussione.

Questa l'ho già sentita anch'io x volte, comunque non dovrebbe esserti difficile indicarmi dove o reinserire i link

jessica ha scritto:e chi dice che c'è correlazione scusa? io sto solo dicendo che la tua teoria è bislacca. dici che x impedisce lo sviluppo e poi vediamo che una società con x si è sviluppata di più di una senza, che però partiva addirtittura avvantaggiata... mi pare più che ragionevole (come piace dire a te) come indizio per indicare che hai detto una delle solite bislaccate...

È il dottor Divago a dirlo (Infatti stai rispondendo ad un mio messaggio diretto a lui se non sbaglio). Dice che siccome anche altrove in quel periodo non sono stati fatti progressi significativi, da noi non è stata la chiesa ad impedirli. Ecco, a me pare questa la bislaccata

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da primaverino il Ven 2 Gen - 14:05

Rasputin ha scritto:
1) O mi dai un riferimento/fonte a sostegno, o io sono autorizzato a dire che son balle. Ti ricordo che - per quanto mi risulta - a quell'epoca il papa aveva il potere temporale.

2) Non si parlava d'altro. Torture e roghi non erano che la conseguenza dei tentativi di portare avanti il progresso.

3) Hitler era cattolico. Fattene una ragione.

4) Vedi, io non lo discuto (Ammesso e non concesso che lo sia). Però, a differenza di te che nemmeno sotto tortura documenti ciò di cui vaneggi (E finché non documenti, continuerò a chiamarlo cosí) Deschner lo fa.

5) Le controargomentazioni (Documentate please) spettano a te; io ho documentato le mie argomentazioni.

6) Qui ti è ricaduta la frittata - già rigirata troppe volte - sul lato già abbrustolito. Chi fa congetture sei tu, non io; io mi limito a prendere atto dell'evidenza (Chiesa che da sempre ostacola il progresso), tu sostieni che siccome altrove non c'è stato progresso anche senza la chiesa che lo ostacola, per forza qui da noi non deve essere stata lei ad ostacolarlo  wall2  specchio

7) Altro omino di paglia. Oltre al fatto che lo schiavismo viene tranquillamente considerato come sottinteso nella bibbia, non mi pare di avere mai sostenuto che la causa fosse la religione.

8) Ripeto (Occhio, il grassettato a me pare plausibilissimo ma c'entra sega con la discussione): documenta quanto affermi poi ne parliamo. Fino ad allora, è fuffa; Deschner - malafede o no - almeno si degna di farlo.

1) No, amico.
Per continuare a dire sciocchezza non hai bisogno di alcuna autorizzazione.
Ciò che affermo sta in qualsiasi libro di Storia moderna.

2) Si parlava proprio d'altro invece. Rileggi e memorizza.

3) Hilter era cattolico quanto lo fosse (e lo sia) chiunque abbia avuto genitori cattolici.

4) Non vaneggio. A differenza tua qualcosina di Storia l'ho studiata.

5) Non hai argomentato un bel niente. Hai solo riportato "a macchinetta" i delirii di Deschner (delirii in senso propagandistico e NON storico-documentale, beninteso, mica che come al solito poi fai tinta di non capire).

6) Ho parzialmente riconosciuto la veridicità dell'affermazione. Sei tu che assolutizzi il concetto.

7) Per la verità non hai sostenuto un bel niente. Non sei in grado di farlo perché ti mancano le basi, nello specifico, dato che in Storia sei del tutto ignorante.

8) Non stiamo discutendo. Stiamo passando il tempo...
Per discutere bisogna avere delle argomentazioni.
Tu, in evidente deficit argomentativo, ti attacchi ad opere altrui senza nemmeno averle lette mentre io ti dico quello che so.
Siccome non sai come ribattere mi chiedi improbabili riferimenti a "fonti" documentate le quali sono di pubblico dominio...
Comincia magari dalla pagina di Wikipedia, memorizza e poi dimmi quello che ci hai capito.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Minsky il Ven 2 Gen - 19:06

jessica ha scritto:
Minsky ha scritto:
Non hai afferrato il punto. L'ipotetico credente non potrebbe postare un articolo di Ratzinger sull'esistenza del bambino Gesù, perché Ratzinger non ha mai scritto nulla che sostenga l'esistenza di Gesù. Si vada a leggere "Gesù di Nazaret" tomo primo e secondo per verificare quanto sintetizzato sopra. Quindi hai fatto un esempio inconsistente. Che ti dispiaccia o no.
hem, no, sei tu a non aver afferrato il punto tessssoro.
di quello che razzingher pensa di gesu non frega niente nè a me nè alla consistenza dell'esempio. semplicemente mi stavo chiedendo come sarebbe stato accolto dall'ala rasputiniana un credente che avesse tentato di supportare le sue tesi con una fonte spudoratamente di parte (in questo caso "impersonificata" da razzingher che è il primo che mi è venuto in mente, avrebbe potuto essere papa francesco, livio fanzaga, suor germana, frate indovino o qualsiasi altro ultrareligioso, indipendentemente dal fatto che avesse o meno scritto davvero qualcosa su gesù).
perchè il senso dell'esempio era soltanto quello di evidenziare il solito doppiopesismo da kit del perfetto razionalista da ateoforum. che razzingher pensi o non pensi che gesù sia esistito, conta una fava. (tra l'altro, ovviamente non ho letto e non leggerò i suoi libri, ma la vedo un tantino dura riuscire a convincermi che non creda nell'esistenza storica di gesu).
naturalmente tu, nell'attuare la tua solita strategia della ripicca, non avendo di meglio cui appigliarti riesci addirittura a metter su un contraddittorio sulla consistenza interna di un mio esempio (peraltro chiarissimo e consistentissimo, che ti piaccia  o no)...
bha... ok  

Ma tesorona mia, ho afferrato benissimo che tu volevi solo fare un esempio "a caso" di un ipotetico argomento avanzato da un ipotetico credente. Ma il tuo esempio non "funziona". E non funziona qualunque sia la "fonte". Perché?

Perché l'ipotetico argomento è inconsistente. Prendiamo pure Ratzinger, che per l'ipotetico credente dovrebbe essere la "fonte" più autorevole di tutte quelle che hai citato. Dimostrato il dimostrando per la "fonte" più autorevole, anche per tutte quelle meno autorevoli sarà valida la dimostrazione.

Tu non hai letto e non leggerai i suoi libri, male, dovresti documentarti meglio prima di citare "fonti" alla cazzo. Dovrai fidarti di quello che affermo io, che li ho letti e analizzati.

Perché, vedi, il problema di fondo è sempre quello che il credente di turno reclama "rispetto" per le sue "idee" o "posizioni ideologiche" etc., ma non sembra in grado di precisare in che cosa consistano tali posizioni. Dunque non si sa per che cosa stia reclamando. Men che meno, si è mai visto un credente in grado di sostenere con argomenti coerenti e conseguenziali la propria posizione. Ecco dunque che il citato Ratzinger, da te citato, essendo la massima autorità teologica cristiana cattolica - religione standard di riferimento per il credente-tipo italiota - ci sta benissimo come campione della parte credente.

Che cosa dice Ratzinger? Dei due libri "Gesù di Nazaret" ho già spiegato: in estrema sintesi Ratzinger riconosce che Gesù, il personaggio descritto nei vangeli, storicamente non è mai esistito. Nota bene che ha scritto questi libri mentre era pontefice in carica, con tutte le conseguenze dell'autorità ex cathedra che ne derivano. Ratzinger ha scritto anche un altro libro dedicato a Gesù bambino. Allora parliamo di Gesù bambino, visto che è questo l'argomento che il tuo ipotetico credente presenterebbe sul forum.

Soltanto Luca e Matteo forniscono brevi cenni dell'infanzia di Gesù. Quindi Ratzinger si basa su questi due vangeli, i capitoli iniziali, per le sue deduzioni.

Una prima deduzione molto interessante che Ratzinger propone, è l'ignoranza del Gesù bambino. Ossia, Gesù era un bambino normale, non è "nato imparato" come ci si aspetterebbe da uno che è Dio (dogma della ss trinità). Ratzinger: "Cristo cresceva in sapienza" e "si fortificava nello spirito" (Luca 2,52 e 2,40). Frequentava le sinagoghe dove apprese gradualmente il testo biblico di cui si appassionò. All'età di 12 anni, nel tempio di Gerusalemme, ascoltava e faceva domande ai dottori della scrittura (Luca 2,46) e così "Egli ha pensato ed imparato in maniera umana" (pag. 147). Quindi Gesù all'inizio ignorava la "parola di Dio" e solo successivamente e progressivamente l'ha appresa. Pertanto Gesù non sapeva di essere figlio di Dio, né di dover compiere una "missione" per conto del Padre (che è sempre lui, comunque). Con ciò, resta scardinato il dogma.

Poi c'è la faccenda della genealogia di Gesù. Di Gesù? Ma non era figlio dello spirito santo? Sì, ma Matteo elenca 42 antenati del padre putativo, Giuseppe, e Luca ne elenca ben 76. Non esattamente gli stessi, ma non fa nulla. Tanto che ce ne dovrebbe fregare degli antenati di Giuseppe? Non è mica lui il padre! Come la risolviamo? Ratzinger non se ne preoccupa, mentre invece si concentra sul fatto che, stranamente, Matteo inserisce anche quattro donne, Tamar, Raab, Betsabea e Rut, tra gli antenati di Gesù Giuseppe. Ratzinger si domanda: "Perché compaiono queste donne nella genealogia?" Quindi, spiega che quelle donne "non ebree" rappresentano comunque il peccato originale e l'insieme dei peccati umani che Cristo ha espiato. Ma se non sono nemmeno sue antenate! Che ci acchiappa? Ecco il tipico argomento da credente: prendere un dettaglio irrilevante, rimestarlo a fondo, e uscirsene con una conclusione completamente strampalata ed esotica.

Ma dove fa degli scivoloni sul ghiaccio sottile è con la Madonna. Praticamente la demolisce. Dunque, biblicamente parlando tutte le donne sono immonde durante il ciclo mestruale e dopo il parto, ma la madre di Dio doveva essere pura e incontaminata sin dalla nascita.
Come spiegare, allora, la purificazione di Maria (Luca 2,22) 40 giorni dopo aver partorito il figlio di Dio? Il papa teologo afferma che la Madonna si è purificata per atto convenzionale. Falso! Il vangelo lucano aggiunge l'immolazione di due colombi come rito purificatore. Quindi, secondo Ratzinger la purificazione della vergine è avvenuta "a seguito del parto di Gesù" solo dopo il parto. La fertilità di ogni donna inizia dopo la prima mestruazione, che per la concezione biblica è un'impurità (Levitico 15,19-28). Ragion per cui, la madre di Dio era impura prima del concepimento e prima di partorire. Dunque, la Madonna non era incontaminata ab origine ma "è maturata" dall'impuro al puro solo a seguito del parto divino. O meglio, successivamente alla quarantena. Per Ratzinger, l'immacolata non è più la donna dell'assoluta purità. Alla fine il teologo ha rimosso una passata eresia nata per elargire alle donne una divinità al femminile. Ora, non c'è più una donna divina. La Madonna è ridiventata insignificante come lo era fin dall'inizio.

Ma c'è di più. Gesù è stato purificato 40 giorni dopo la nascita. Lo scrive Luca a chiare lettere: "Quando venne il tempo della loro purificazione...", cioè di Maria e di Gesù (Luca 2,22). Non è un controsenso che anche il figlio di Dio sia nato impuro? La Madonna, in quanto donna, poteva essere immonda, ma il maschio Dio no! Deus masculus est. Cosa dice il teologo Ratzinger? Omette la purificazione di Gesù e dibatte sul "riscatto del primogenito" (pag. 97). In effetti tutti i teologi hanno sempre eluso questo argomento perché chiunque consideri che Gesù era impuro e non conosceva la Bibbia, giunge immediatamente a dedurne che allora egli non era Dio.

Subito dopo Ratzinger scivola sulla buccia di banana della circoncisione di Gesù, otto giorni dopo la nascita (Luca 2,21). Lo impone la legge perenne di Dio: "Il maschio non circonciso [...] sia eliminato dal suo popolo" (Genesi 17,14). D'altro canto, Gesù non ha mai disapprovato la pratica della circoncisione (e sorvoliamo sulle ben diciotto reliquie del santo prepuzio che hanno lungamente circolato tra conventi e cattedrali).


Ma Paolo si oppose all'asportazione del prepuzio. Ratzinger non accenna ai motivi opportunistici dell'abrogazione filopagana, né tantomeno alla lite teologica tra Pietro e Paolo nel primo Concilio di Gerusalemme (50 ev). Per obbedienza evangelica, i chierici in particolare dovrebbero circoncidersi con un coltello di pietra (Giosuè 5,2), ma la checca il papa teologo, pensando all'orribile e illogico dolore, si è eclissato, preferendo dilungarsi a disquisire della stella cometa.

Ah, e poi c'è anche il particolare non trascurabile della gravidanza di Maria. Ratzinger ammette che Maria non ha informato Giuseppe dell'avvenuta annunciazione, e che Giuseppe si è accorto della gravidanza quando ha notato che la pancia le cresceva in modo evidente. Tutti gli altri teologi hanno sempre taciuto su questo punto nevralgico per non compromettere la rettitudine della Madonna e la credibilità del parto verginale. Invece Ratzinger ci inciampa alla grande. Contento lui.

Ci sarebbe ancora tanto da dire, come puoi immaginare. Spalare merda da una MdM è un lavoro pressoché infinito. Mi pare che la dimostrazione sia sufficiente.

Dunque, le massime autorità in materia di religione sono elusive, inconsistenti, contraddittorie, incongruenti, ambigue, fasulle, discordanti e ignoranti. L'obiezione del "distinguo", che tipicamente avanza il credente fai-da-te: «ma io non credo a... [elenco di fesserie religiose più eclatanti]» non lo salva affatto dal discredito. Un sottoinsieme di un insieme di cazzate è un insieme di cazzate.

Dov'è allora possibile il confronto? È evidente che non c'è "confronto" nel senso proprio del termine. Il credente non espone la sua posizione, si limita a dire che lui è "credente". Ma di cosa? Nel momento in cui cercasse di esprimerlo, si smonterebbe da solo. Quindi non lo fa. C'era un prete su questo forum, tale don Alberto. Ai tempi in cui io ero appena approdato sul forum, una volta gli feci una domanda di carattere teologico / dottrinario. Dopo sollecito, mi rispose che "pensava che lo volessi prendere in giro", e dopo mia conferma che invece mi interessava davvero la sua risposta, aggiunse che "comunque lui non sapeva niente di teologia". In seguito ebbe a vantarsi di essere "dottore in teologia" (sì, come dire "dottore in puffologia", che ci volete fare, esiste anche la laurea nella scienza del nulla). Falso, bugiardo, infingardo e ignorante. Come tutti i preti. Niente di cui stupirsi.

Aspetta, ho un altro esempio che mi pare molto significativo.

Dico di quella suora che qualche tempo fa era capitata qui a dire che la sindone di Torino è "autentica", Nadine. Ad un certo punto della discussione, si parlava del fatto che il lenzuolo funerario di Gesù, secondo i vangeli, fu trovato nel sepolcro ripiegato e sistemato da una parte, la mattina della presunta "resurrezione". Questo dettaglio contrasta con la tesi sostenuta dalla suora, che Gesù "resuscitando" abbia emesso un lampo laser dal corpo, imprimendo così la propria immagine sul telo, per poi svanire istantaneamente come i protagonisti di Star Trek nella macchina del teletrasporto. La suora sembrava convinta che le cose siano andate in questo modo, perché un gruppo di cialtroni "ricercatori" dell'ENEA dopo due anni di studi è riuscito a ingiallire le fibre del tessuto con un laser. Il problema è, che se il corpo di Gesù fosse svanito in un lampo, il telo avrebbe dovuto rimanere ammonticchiato sulla lastra e non ripiegato e sistemato da parte. Così, messa di fronte a questa obiezione, la suora ha detto che secondo lei il testo dei vangeli non è accurato o è stato tradotto erroneamente etc. etc. Ma quando io le ho fatto notare che non ha alcun senso invocare un errore del vangelo, perché se Gesù è Dio avrebbe potuto benissimo provvedere ad un piccolo surplus di "miracolo" e sistemare il telo in bell'ordine, si è eclissata e non mi ha risposto. Infatti, la tattica del credente è: sfruttare le nozioni della logica finché fanno comodo, sfruttare i risultati delle ricerche scientifiche finché possono essere incanalati a confermare i concetti della dottrina, ignorare tutto quello che non garba, e soprattutto non rispondere mai nel merito delle obiezioni. Il credente è ridotto dai suoi preconcetti ad una povertà di pensiero e ad una limitatezza sconcertanti.

Allora, che possibilità ci sono di instaurare un confronto con un tipo così? Come puoi in onestà di intelletto parlare di "doppiopesismo"? Qual'è il "peso" degli argomenti del credente, se è sempre pronto a sgusciare via come un'anguilla, se non mette in gioco un milligrammo di intelligenza?

Guarda, lì dove hai scritto "ovviamente non ho letto e non leggerò i suoi libri" mi hai fatto tornare alla memoria certi deficienti che proclamano orgogliosi "io non capisco un cazzo di matematica!" "io non so un cazzo di fisica!" come se solo le materie umanistiche fossero degne di attenzione. Mi hai fatto proprio una brutta impressione. Perché io non sono solito blaterare di cose che non conosco. E se per parlare di un argomento ci vuole aver almeno letto certi libri, li leggo. Invece pare che la regola del credente sia: blaterare e blaterare, e alla fine ribaltare sempre l'argomento. Senza mai esporsi. Una strategia da cecchini. Noi atei siamo qua a metterci in gioco, senza paura di offrire il petto al piombo nemico. I credenti buttano lì la loro puzzetta, poi si defilano. Mai che espongano una posizione. Mai che costruiscano un ragionamento (o almeno che ci provino). Il fatto è, che se lo facessero sarebbero presto e facilmente "sbriciolati". E loro lo sanno, lo sentono. Perciò si defilano e si limitano ad attaccare le esposizioni altrui, con l'indole del botolo ringhioso che azzanna al polpaccio ma appena avverte la scarpata in arrivo molla e scappa via con mille guaiti.

Bene. Adesso aspettiamo il credente che "tenti di supportare le sue tesi con una fonte spudoratamente di parte". Avanti, che lo faccia pure. Va benissimo la fonte di parte, ci mancherebbe. Sono arcicurioso di vedere se e come e su cosa argomenterà, il credente. Ma che non rimanga un'ipotesi, questo credente, che si materializzi finalmente. prrrrr

saluto...

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 16145
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Rasputin il Ven 2 Gen - 19:44

Sono duro di comprendonio, e comincio a capire solo ora che probabilmente a te non interessa né discutere su basi sostanziate né arrivare ad alcuna parte ma solo continuare a smentire vuotamente e denigrare gli argomenti di chi, a differenza tua, cerca almeno di fornire dei riferimenti a quanto sostiene.

Detto questo, mi sento sempre più in diritto di sfanculare a mio piacere qualunque affermazione priva di sostegno:

Primaverino ha scritto:1) No, amico.
Per continuare a dire sciocchezza non hai bisogno di alcuna autorizzazione.
Ciò che affermo sta in qualsiasi libro di Storia moderna.

Quindi non dovresti avere difficoltà alcuna ad indicarmi dei brevi riferimenti. Senza ciò, le arroganti stronzate di arrogante sicumera (Ne seguono alcune, le indicherò) rimangono tali.

Jessico ha scritto:2) Si parlava proprio d'altro invece. Rileggi e memorizza.

Eh, la tattica di non indicare mai di cosa si parla da sempre i suoi frutti. Comunque si parlava del ritardo - tecnologico e scientifico - dovuto ai secoli di oscurantismo imposti dalla religione imperante (Letteralmente) al tempo in Europa.

Jessico ha scritto:3) Hilter era cattolico quanto lo fosse (e lo sia) chiunque abbia avuto genitori cattolici.

Viscidissima manovra depistante. Non significa un cazzo; invece il fatto che il regime nazista fosse in stretta connivenza con la chiesa è proprio un dato di fatto (A meno che i libri di storia che tanto strombazzi di avere letto non siano stati scritti a Topolinia).

Primaverino ha scritto:4) Non vaneggio. A differenza tua qualcosina di Storia l'ho studiata.

Ed ecco il primo esempio dell'arrogante sicumera di cui sopra. Naturalmente senza specificare né di che né di cosa, ma sopratutto guardandoti bene di menzionare alcun riferimento (Anche solo titolo ed autore andrebbero bene eh, poi mi cerco io le informazioni).

Primaverino ha scritto:5) Non hai argomentato un bel niente. Hai solo riportato "a macchinetta" i delirii di Deschner (delirii in senso propagandistico e NON storico-documentale, beninteso, mica che come al solito poi fai tinta di non capire).

Peccato che quella di Deschner sia un'opera storico-documentale a tutti gli effetti, solo che a te non piace quello che dice e la bolli di delirio propagandistico.

Primaverino ha scritto:6) Ho parzialmente riconosciuto la veridicità dell'affermazione. Sei tu che assolutizzi il concetto.

OK prendo atto (Vediamo se serve a qualcosa)

Primaverino ha scritto:7) Per la verità non hai sostenuto un bel niente. Non sei in grado di farlo perché ti mancano le basi, nello specifico, dato che in Storia sei del tutto ignorante.

Senza menzionare l'ad personam, ecco qui il secondo esempio di arrogante sicumera. Ho sostenuto, e sostengo, di non conoscere altri esempi di associazione a delinquere di stampo mafioso a livello internazionale - con tutti gli immensi danni che ne sono conseguiti e tuttora ne conseguono - paragonabili a quello della religione cristiana. Occhio, sono clemente ed evito di menzionare anche le altre religioni.

Primaverino ha scritto:8) Non stiamo discutendo. Stiamo passando il tempo...
Per discutere bisogna avere delle argomentazioni.
Tu, in evidente deficit argomentativo, ti attacchi ad opere altrui senza nemmeno averle lette mentre io ti dico quello che so.
Siccome non sai come ribattere mi chiedi improbabili riferimenti a "fonti" documentate le quali sono di pubblico dominio...
Comincia magari dalla pagina di Wikipedia, memorizza e poi dimmi quello che ci hai capito.

Che non stiamo  discutendo l'avevo capito da un pezzo, visto che io fornisco riferimenti alle mie argomentazioni e tu mi "Dici quello che sai" doh
Che ne diresti se facessi altrettanto anch'io? Potrei dirti, no, le cose sono andate cosà e quando controbatti mandarti a studiare dei non meglio specificati "Libri di storia" wall2

Comunque se le fonti di cui parli sono di pubblico dominio, non dovresti avere problemi ad indicarmele (Ad es. quale pagina di Wikipedia?!?). Altrimenti stai solo raccontando un gran fracco di balle a tuo uso e consumo.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da chef75 il Ven 2 Gen - 21:56

jessica ha scritto:che poi, giusto una curiosità: visto il tuo apprezzamento wikipedico e l'ampio uso di link wikipediani che fai, come mai su gesù niente wikilink? forse che non ti piaceva tanto quello che riporta wikipedia ed è meglio linkare odifreddi?

Veramente ho postato pure Treccani, se vuoi sapere concordo su questo:

Premesso che, date le circostanze e a così grande distanza di tempo, non è possibile dimostrare con assoluta certezza né la fondatezza del personaggio storico di Gesù Cristo né la sua infondatezza.

Che è riportato su wikipedia.

Non vuol dire che non possano saltar fuori prove in futuro che ne smentiscano o ne confermino l'esistenza indiscutibilmente, purtroppo ti bruciavano fino al 1650 (circa) quindi capirai che la ricerca della verità è stata rallentata da questo piccolo inconveniente durato qualche annetto, soltanto nel XVIII secolo inizarono a porsi il problema della storicità.

La discussione era sul freno della chiesa allo sviluppo e non sull'esistenza o meno di gesu, tra l'altro la mia affermazione era in risposta a Holu.

Odifreddi è uno storico della scienza, e quindi di conseguenza indirettamente collegato a tutta questa discussione, lo scritto l'ha pubblicato su uaar, era riferito a gesu, era in tema con ciò che volevi supporre, mi piaceva e l'ho pubblicato, ti ho postato un bello scritto, da cio non serve creare nuovamente esempi su esempi.


_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7695
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da primaverino il Ven 2 Gen - 22:12

Rasputin ha scritto:
1) Sono duro di comprendonio,
2) e comincio a capire solo ora che probabilmente a te non interessa né discutere su basi sostanziate né arrivare ad alcuna parte ma solo continuare a smentire vuotamente e denigrare gli argomenti di chi, a differenza tua, cerca almeno di fornire dei riferimenti a quanto sostiene.

3) Detto questo, mi sento sempre più in diritto di sfanculare a mio piacere qualunque affermazione priva di sostegno:

Primaverino ha scritto:No, amico.
Per continuare a dire sciocchezza non hai bisogno di alcuna autorizzazione.
Ciò che affermo sta in qualsiasi libro di Storia moderna.

4) Quindi non dovresti avere difficoltà alcuna ad indicarmi dei brevi riferimenti.
5) Senza ciò, le arroganti stronzate di arrogante sicumera (Ne seguono alcune, le indicherò) rimangono tali.

Jessico ha scritto:Si parlava proprio d'altro invece. Rileggi e memorizza.

6) Eh, la tattica di non indicare mai di cosa si parla da sempre i suoi frutti.
7) Comunque si parlava del ritardo - tecnologico e scientifico - dovuto ai secoli di oscurantismo imposti dalla religione imperante (Letteralmente) al tempo in Europa.

Jessico ha scritto:Hilter era cattolico quanto lo fosse (e lo sia) chiunque abbia avuto genitori cattolici.

8) Viscidissima manovra depistante. Non significa un cazzo; invece il fatto che il regime nazista fosse in stretta connivenza con la chiesa è proprio un dato di fatto (A meno che i libri di storia che tanto strombazzi di avere letto non siano stati scritti a Topolinia).

Primaverino ha scritto:Non vaneggio. A differenza tua qualcosina di Storia l'ho studiata.

9) Ed ecco il primo esempio dell'arrogante sicumera di cui sopra. Naturalmente senza specificare né di che né di cosa, ma sopratutto guardandoti bene di menzionare alcun riferimento (Anche solo titolo ed autore andrebbero bene eh, poi mi cerco io le informazioni).

Primaverino ha scritto:Non hai argomentato un bel niente. Hai solo riportato "a macchinetta" i delirii di Deschner (delirii in senso propagandistico e NON storico-documentale, beninteso, mica che come al solito poi fai tinta di non capire).

10) Peccato che quella di Deschner sia un'opera storico-documentale a tutti gli effetti, solo che a te non piace quello che dice e la bolli di delirio propagandistico.

Primaverino ha scritto:7) Per la verità non hai sostenuto un bel niente. Non sei in grado di farlo perché ti mancano le basi, nello specifico, dato che in Storia sei del tutto ignorante.

11) Senza menzionare l'ad personam, ecco qui il secondo esempio di arrogante sicumera. Ho sostenuto, e sostengo, di non conoscere altri esempi di associazione a delinquere di stampo mafioso a livello internazionale - con tutti gli immensi danni che ne sono conseguiti e tuttora ne conseguono - paragonabili a quello della religione cristiana. Occhio, sono clemente ed evito di menzionare anche le altre religioni.

Primaverino ha scritto:Non stiamo discutendo. Stiamo passando il tempo...
Per discutere bisogna avere delle argomentazioni.
Tu, in evidente deficit argomentativo, ti attacchi ad opere altrui senza nemmeno averle lette mentre io ti dico quello che so.
Siccome non sai come ribattere mi chiedi improbabili riferimenti a "fonti" documentate le quali sono di pubblico dominio...
Comincia magari dalla pagina di Wikipedia, memorizza e poi dimmi quello che ci hai capito.

11) Che non stiamo  discutendo l'avevo capito da un pezzo, visto che io fornisco riferimenti alle mie argomentazioni e tu mi "Dici quello che sai" doh
Che ne diresti se facessi altrettanto anch'io? Potrei dirti, no, le cose sono andate cosà e quando controbatti mandarti a studiare dei non meglio specificati "Libri di storia" wall2

12) Comunque se le fonti di cui parli sono di pubblico dominio, non dovresti avere problemi ad indicarmele (Ad es. quale pagina di Wikipedia?!?).

13) Altrimenti stai solo raccontando un gran fracco di balle a tuo uso e consumo.

1) Non è una scusa valida.
2) Non hai basi sostanziate perché di storia sei del tutto digiuno.
3) Sfancula chi ti pare. Sempre a zero argomenti stai...
4-5) Piantala di prendermi per il culo. Non sai un cazzo e non sarà continuando a contorcerti nel tentativo di uscirne che eviterai di fare figure barbine.
6) Avevi detto di essere duro di comprendonio, non di essere pure disonesto intellettualmente.
Non applico nessuna tattica e parlo sempre con la massima onestà.
7) No, si parlava delle remore morali, sig. Smemorino.
8) Nessuna manovra depistante. E non serve a niente tirare in ballo le connivenze ecclesiastiche a proposito del nazismo (cosa nota e che mai ho negato) solo rispondevo al tuo inferire dell'Hitler cattolico che lo è tanto quanto lo sia chiunque provenga da famiglia cattolica, sig. Smemorino e confusionario.
9) Ma non prendermi per scemo! Basta digitare "colonizzazione americana" o frase equivalente e guardare wikipedia...
E poi dai del viscidissimo agli altri... Mah...
10) Non è che non mi piaccia (non l'ho letta quanto TE). E' che è proprio propagandistica, come comprenderebbe facilmente anche l'ultimo degli idioti.
11) Tu non puoi dirmi che le cose sono andate diversamente perché non hai la minima idea di cosa si stia parlando.
E non puoi dare la colpa a me se la Storia non la conosci.
Fermo restando il fatto che non hai argomentato niente perché non ne sai niente.
12) vedi punto 9
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Rasputin il Ven 2 Gen - 22:44

Primaverino ha scritto:1) Non è una scusa valida.
2) Non hai basi sostanziate perché di storia sei del tutto digiuno.
3) Sfancula chi ti pare. Sempre a zero argomenti stai...
4-5) Piantala di prendermi per il culo. Non sai un cazzo e non sarà continuando a contorcerti nel tentativo di uscirne che eviterai di fare figure barbine.
6) Avevi detto di essere duro di comprendonio, non di essere pure disonesto intellettualmente.
Non applico nessuna tattica e parlo sempre con la massima onestà.
7) No, si parlava delle remore morali, sig. Smemorino.
8) Nessuna manovra depistante. E non serve a niente tirare in ballo le connivenze ecclesiastiche a proposito del nazismo (cosa nota e che mai ho negato) solo rispondevo al tuo inferire dell'Hitler cattolico che lo è tanto quanto lo sia chiunque provenga da famiglia cattolica, sig. Smemorino e confusionario.
9) Ma non prendermi per scemo! Basta digitare "colonizzazione americana" o frase equivalente e guardare wikipedia...
E poi dai del viscidissimo agli altri... Mah...
10) Non è che non mi piaccia (non l'ho letta quanto TE). E' che è proprio propagandistica, come comprenderebbe facilmente anche l'ultimo degli idioti.
11) Tu non puoi dirmi che le cose sono andate diversamente perché non hai la minima idea di cosa si stia parlando.
E non puoi dare la colpa a me se la Storia non la conosci.
Fermo restando il fatto che non hai argomentato niente perché non ne sai niente.
12) vedi punto 9


1. omino di paglia

2. non hai basi sostanziate perché nemmeno sei capace di inserire un link (È un pezzo che l'ho capito)

3. Vaffanculo!

4. Non sai un cazzo e non sarà continuando a contorcerti nel tentativo di uscirne che eviterai di fare figure barbine, ma dando dei riferimenti a sostegno di quel che affermi (La vedo dura, visto che affermi ben poco)

6. Il disonesto sei tu, finché non impari ad inserire dei riferimenti.

7. Allora di che si parlava? Prego riferimento.

8. E allora?

9. Ok: http://it.wikipedia.org/wiki/Colonizzazione_europea_delle_Americhe

Cito:
Inizialmente l'opera di colonizzazione da parte degli occidentali si concentrò nel Centro e Sud America. Questi territori furono ben presto mete di avventurieri europei alla ricerca di oro o di facili occasioni di arricchimento, attraverso il deliberato furto e l'asservimento delle popolazioni indigene. Visto però che i caraibici si adattavano male al lavoro servile delle miniere e delle piantagioni morendo in gran numero, il sovrano Ferdinando il Cattolico a partire dal 1510 autorizzò la tratta degli schiavi neri dall'Africa

Primaverino ha scritto:10) Non è che non mi piaccia (non l'ho letta quanto TE). E' che è proprio propagandistica, come comprenderebbe facilmente anche solo l'ultimo degli idioti.

Questa l'ho quotata perché è una vera perla. In effetti, hai compreso perfettamente moon

11. Tu non puoi dirmi che le cose sono andate diversamente perché non hai la minima idea di cosa si stia parlando.

12. E non puoi dare la colpa a me se la Storia non la conosci. (Sí, dico a te)

13.
Primaverino ha scritto:Fermo restando il fatto che non hai argomentato niente perché non ne sai niente.
12) vedi punto 9

Beh non ne sai un cazzo neanche tu. O dimostri quello che sostieni, o rimane una guerra tra - come in questo caso giustamente - direbbe jessica, tra avvocheti.

Impara a sostenere quello che sostieni, o qui ti rimarranno pochi interloQtori

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



Daremo fuoco a queste stanze prima che sia Natale

Demokratie hat nichts mit Freiheit, Menschenrechten oder Meinungsfreiheit zu tun. Es ist einfach nur die Herrschaft der Mehrheit.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 51158
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante-libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da jessica il Ven 2 Gen - 23:03

Rasputin ha scritto:
Questa l'ho già sentita anch'io x volte, comunque non dovrebbe esserti difficile indicarmi dove o reinserire i link
no infatti, non lo è. un qualunque libro di storia contemporanea non edito da "lotta comunista" potrebbe andare bene. in particolare puoi andare a vedere qualcosa su flores, storia, verità, giustizia. i crimini del XX secolo. se invece vuoi qualcosa di più specifico ancora, non ne conosco molti. c'è di famoso pisu:la via della cina. conquest, raccolto di dolore... ma ce ne saranno un'infinità.
se no, se preferisci qualcosa di più "raccontato" sulle tematiche cambogiane a te carissime, vai sul famoso terzani, o su panh, l'eliminazione... se invece vuoi mantenerti sul livello propagandistico e globale delle tue storie criminali, puoi scegliere un "curtois, libro nero del comunismo", ma su questo non garantisco, non l'ho mai letto.


È il dottor Divago a dirlo (Infatti stai rispondendo ad un mio messaggio diretto a lui se non sbaglio). Dice che siccome anche altrove in quel periodo non sono stati fatti progressi significativi, da noi non è stata la chiesa ad impedirli. Ecco, a me pare questa la bislaccata
no, il dottor divago (sebbene sia tu a divagare) dice che stranamente sull'unico banco di prova che abbiamo a disposizione le cose sono andate in senso diametralmente opposto a quello che la tua teoria prevederebbe. che sfiga...


minsk ha scritto:
1Allora, che possibilità ci sono di instaurare un confronto con un tipo così? Come puoi in onestà di intelletto parlare di "doppiopesismo"? Qual'è il "peso" degli argomenti del credente, se è sempre pronto a sgusciare via come un'anguilla, se non mette in gioco un milligrammo di intelligenza?

2Guarda, lì dove hai scritto "ovviamente non ho letto e non leggerò i suoi libri" mi hai fatto tornare alla memoria certi deficienti che proclamano orgogliosi "io non capisco un cazzo di matematica!" "io non so un cazzo di fisica!" come se solo le materie umanistiche fossero degne di attenzione. Mi hai fatto proprio una brutta impressione. Perché io non sono solito blaterare di cose che non conosco. E se per parlare di un argomento ci vuole aver almeno letto certi libri, li leggo. Invece pare che la regola del credente sia: blaterare e blaterare, e alla fine ribaltare sempre l'argomento. Senza mai esporsi. Una strategia da cecchini. Noi atei siamo qua a metterci in gioco, senza paura di offrire il petto al piombo nemico. I credenti buttano lì la loro puzzetta, poi si defilano. Mai che espongano una posizione. Mai che costruiscano un ragionamento (o almeno che ci provino). Il fatto è, che se lo facessero sarebbero presto e facilmente "sbriciolati". E loro lo sanno, lo sentono. Perciò si defilano e si limitano ad attaccare le esposizioni altrui, con l'indole del botolo ringhioso che azzanna al polpaccio ma appena avverte la scarpata in arrivo molla e scappa via con mille guaiti.

3Bene. Adesso aspettiamo il credente che "tenti di supportare le sue tesi con una fonte spudoratamente di parte". Avanti, che lo faccia pure. Va benissimo la fonte di parte, ci mancherebbe. Sono arcicurioso di vedere se e come e su cosa argomenterà, il credente. Ma che non rimanga un'ipotesi, questo credente, che si materializzi finalmente.



no, vabè, sei oltre... così mi offuschi il raspa. spero vivamente per te che tu abbia usato un copiaincolla per mettere giù tremilarighe di apologia della minskiata delle 5 e 44.
minsk, te l'ho già spiegato abbastanza chiaramente cosa vuol dire l'esempio. non c'entra una beata minchia cosa realmente pensano razzingher o frate indovino di gesù bambino. cioè mi spiace dirtelo ma hai scritto tutto per il cazzo... (non volermente, ma ometto la lettura di cose che sono inutili già in partenza, capiscimi)
io avrei solo voluto godermi la reazione dello zoccolo duro di fronte ad una fonte spudoratamente di parte, come lo è odifreddi in senso contrario.
che razzingher in realtà pensi che gesù sia un raeliano disceso da nibiru e incarnatosi nel seno della vergine maria non frega nulla di nulla nè a me, nè, come ti ho già detto, alla consistenza dell'esempio, che sta in piedi benissimo senza bisogno del tuo timbro di garanzia.
perchè non è certo la prima volta e non sarà di certo l'ultima che lo zoccolo duro rifiuta qualcosa solo basandosi su chi l'ha scritta, senza neanche sapere cosa dice (ricordi, così tra le varie, le famose pagine di de mattei che erano aria fritta perchè erano scritte da de mattei?).
io per fortuna non sono acciecata dalla furia antireligiosa (o pro religiosa nel mio caso) e posso perfino permettermi di leggere quello che ha scritto odifreddi e decidere se lo trovo corretto, interessante, decente o meno. ecco ogni tanto ho tagliato alla fonte maschiselvatici.it perchè si sapeva ormai dove si andava a parare.... ma d'altronde tu mi insegni che ho piena facoltà decisionale nella selezione della validità dei miei interlocutori, beh, sarà uguale anche per le fonti...

veniamo dunque alla parte finale del tuo intervento, cioè quello non  inutile e che ho quotato.

dunque, punto 1 -posso: nel senso che se in una discussione la tua regola di ateoraziosuperiore è quella di eliminare sul nascere, senza neppure sapere cosa dicono, determinate ricerche solo perchè, ad esempio, sono state portate avanti da un credente o da un'istituzione che fa capo al vaticano, dovresti per non essere doppiopesista fare altrettanto con gli scritti di chi dell'antireligiosità ha fatto la sua ragione di vita (e la sua fonte di sostentamento in vita...). OPPURE, sempre se non vuoi essere doppiopesista, come palesemente ed oggettivamente dimostrato in numerose occasioni SIETE,  prima leggi cosa dice de mattei e poi dici che è una cazzata per questo questo e quest'altro motivo.  

punto 2- non c'entra proprio un cazzo, sorry.  ovviamente non ho letto e non leggerò i suoi libri perchè non servono minimamente a quello che ho detto, che come ormai spero tu abbia capito, è indipendente da quello che in realtà razzingher o frate indovino credono sulla storicità di gesu.
giusto perchè tu lo sappia,poi, non mi pare di avere mai visto un credente (a meno che non parliamo di casi patologici da analisi) non dico sbriciolato, ma nemmeno scalfito dalle tonnellate di intelligenza da voi messe in gioco. per quanto mi riguarda, invece, ho visto spessissimo dei venerabili ateoraziosuperiori di livello expert, in qualsivoglia discussione che potesse avere delle basi razionalizzabili, nascondersi dietro argomentazioni insussistenti, contenenti tutte le fallacie bandite dall'ateokit da forum per poi ripiegare su uscite di scena pirotecniche e spettacolari.
ma ti prego, per un attimo riapri la valvola e ragiona un secondo. se non riesco nemmeno a farvi ragionare sui dati oggettivi, non dico sulle vostre credenze, ma proprio su numeri inoppugnabili. non riesco a farvi dire che la testa non sta attaccata al collo per gravità, non riesco a farvi dire che uno nato prima di cristo non era cristiano, non riesco a farvi dire che scienziati credenti ne possono esistere semplicemente perchè ne esistono, non riesco a farvi dire che i cinesi ammazzano in proporzione più di tutte le teocrazie messe assieme, che mi venite (parlo proprio di te) a giustificare la cosa con altre motivazioni di fantasia pur di non ammettere il fatto puro e semplice, misurabile e oggettivo, quante speranze pensi di avere di riuscire a far dire a qualcuno "hai ragione, non c'è nessun dio, sono stato un coglione" con argomenti  "razionali"?????

punto 3. benissimo. io intanto se non ti dispiace continuo a godermi lo spettacolo di chi pensa di riversare tonnellate di razionalità e logica nelle sue argomentazioni e invece è molto spesso peggio di quei credenti che critica
avatar
jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6705
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da jessica il Ven 2 Gen - 23:12

chef75 ha scritto:Veramente ho postato pure Treccani, se vuoi sapere concordo su questo:

Premesso che, date le circostanze e a così grande distanza di tempo, non è possibile dimostrare con assoluta certezza né la fondatezza del personaggio storico di Gesù Cristo né la sua infondatezza.

Che è riportato su wikipedia.
che dite, questo gli sarà sfuggito?
wikipedia ha scritto:Allo stato attuale non ci sono dubbi sostanziali sul corso della vita di Gesù: quando e dove visse e morì e quale tipo di attività svolse durante la sua vita pubblica. Rimane fitto invece il dibattito sulla storicità di singole azioni o detti a lui attribuiti, così come sulle metodologie che è possibile applicare per la loro analisi. L'insieme di affermazioni su Gesù sulle quali c'è generale consenso tra gli studiosi, indipendentemente dal loro credo, comprendono la sua nascita verso il 4 a.C., la sua infanzia a Nazareth, il battesimo a opera di Giovanni il Battista, la costituzione di un gruppo di discepoli, l'insegnamento nei villaggi e nelle campagne della Galilea, la predicazione del Regno di Dio, il viaggio a Gerusalemme culminato con i disordini al Tempio, la cena finale con i discepoli, la cattura, l'interrogatorio e la messa a morte da parte di Ponzio Pilato, cui seguono prima una fuga e poi la ricostituzione del gruppo di discepoli, convinti del ritorno di Gesù per fondare il Regno.
hihihihih


Odifreddi è uno storico della scienza, e quindi di conseguenza indirettamente collegato a tutta questa discussione, lo scritto l'ha pubblicato su uaar, era riferito a gesu, era in tema con ciò che volevi supporre, mi piaceva e l'ho pubblicato, ti ho postato un bello scritto, da cio non serve creare nuovamente esempi su esempi.
si, come no. tanto quanto il divino mago alexander è indirettamente collegato a stephen hawking...
avatar
jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6705
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da primaverino il Ven 2 Gen - 23:36

Rasputin ha scritto:
Primaverino ha scritto:1) Non è una scusa valida.
2) Non hai basi sostanziate perché di storia sei del tutto digiuno.
3) Sfancula chi ti pare. Sempre a zero argomenti stai...
4-5) Piantala di prendermi per il culo. Non sai un cazzo e non sarà continuando a contorcerti nel tentativo di uscirne che eviterai di fare figure barbine.
6) Avevi detto di essere duro di comprendonio, non di essere pure disonesto intellettualmente.
Non applico nessuna tattica e parlo sempre con la massima onestà.
7) No, si parlava delle remore morali, sig. Smemorino.
8) Nessuna manovra depistante. E non serve a niente tirare in ballo le connivenze ecclesiastiche a proposito del nazismo (cosa nota e che mai ho negato) solo rispondevo al tuo inferire dell'Hitler cattolico che lo è tanto quanto lo sia chiunque provenga da famiglia cattolica, sig. Smemorino e confusionario.
9) Ma non prendermi per scemo! Basta digitare "colonizzazione americana" o frase equivalente e guardare wikipedia...
E poi dai del viscidissimo agli altri... Mah...
10) Non è che non mi piaccia (non l'ho letta quanto TE). E' che è proprio propagandistica, come comprenderebbe facilmente anche l'ultimo degli idioti.
11) Tu non puoi dirmi che le cose sono andate diversamente perché non hai la minima idea di cosa si stia parlando.
E non puoi dare la colpa a me se la Storia non la conosci.
Fermo restando il fatto che non hai argomentato niente perché non ne sai niente.
12) vedi punto 9


1. omino di paglia

2. non hai basi sostanziate perché nemmeno sei capace di inserire un link (È un pezzo che l'ho capito)

3. Vaffanculo!

4. Non sai un cazzo e non sarà continuando a contorcerti nel tentativo di uscirne che eviterai di fare figure barbine, ma dando dei riferimenti a sostegno di quel che affermi (La vedo dura, visto che affermi ben poco)

6. Il disonesto sei tu, finché non impari ad inserire dei riferimenti.

7. Allora di che si parlava? Prego riferimento.

8. E allora?

9. Ok: http://it.wikipedia.org/wiki/Colonizzazione_europea_delle_Americhe

Cito:
Inizialmente l'opera di colonizzazione da parte degli occidentali si concentrò nel Centro e Sud America. Questi territori furono ben presto mete di avventurieri europei alla ricerca di oro o di facili occasioni di arricchimento, attraverso il deliberato furto e l'asservimento delle popolazioni indigene. Visto però che i caraibici si adattavano male al lavoro servile delle miniere e delle piantagioni morendo in gran numero, il sovrano Ferdinando il Cattolico a partire dal 1510 autorizzò la tratta degli schiavi neri dall'Africa

Primaverino ha scritto:10) Non è che non mi piaccia (non l'ho letta quanto TE). E' che è proprio propagandistica, come comprenderebbe facilmente anche l'ultimo degli idioti.

Questa l'ho quotata perché è una vera perla. In effetti, hai compreso perfettamente moon

11. Tu non puoi dirmi che le cose sono andate diversamente perché non hai la minima idea di cosa si stia parlando.

12. E non puoi dare la colpa a me se la Storia non la conosci. (Sí, dico a te)

13.
Primaverino ha scritto:Fermo restando il fatto che non hai argomentato niente perché non ne sai niente.
12) vedi punto 9

Beh non ne sai un cazzo neanche tu. O dimostri quello che sostieni, o rimane una guerra tra - come in questo caso giustamente - direbbe jessica, tra avvocheti.

Impara a sostenere quello che sostieni, o qui ti rimarranno pochi interloQtori

1) No. Semmai "ipse dixit" ahahahahahah
2) Ah, ecco! La validità del proprio argomentare si basa sulla capacità di inserire un link (purchessia)...
3) Ci penserò...
4) Certo che non so un cazzo. Infatti non ho argomentato un bel niente. ahahahahahah

6) Come no? L'onestà delle persone si misura sulla capacità di inserire riferimenti.
Ottimo argomento!
7) Acutil fosforo... mgreen
8) Sessanta minuti.
9) Ferdinando il Cattolico (che scoperta!!!) era un re che ha ben pensato di depredare un Continente (però poi sono arrivati anche i portoghesi e allora ne ha depredato solo metà, guarda te che sfiga).
Invece se fosse stato Ferdinando l'Ateo non avrebbe depredato alcunché, secondo il raspensiero...
10) Infatti è notorio che tutto il centro e sudamerica sia identificabile coi "caraibici".
11) Io ho idea di cosa sia stata la colonizzazione del Sudamerica e tu no.
12) Io non ti do colpa di essere ignorante. Ma di giocare ridicolmente a specchio riflesso... Piuttosto imbarazzante per un ultracinquatenne, ma se a te sta bene così non vedo perché dovrei rovinarti il giocattolino...
13) Certo. Non ne so un cazzo neanche io... Così (nella tua testa) siamo pari.
E così da domani torni a sparar minchiate in modalità "random" nel tentativo di autoconvincerti di poter sostenere un dialogo alla pari.
Nulla in contrario, bro... A disposizione (per un amico questo e altro)

p.s.: precoccupante (faccio per dire) il riferimento all'eventuale scarsità di interlocutori che (eventualmente) si degnerebbero ancora di seguirmi....
Una via di mezzo tra un malriuscito avvertimento simil-mafioso e un ridicolo tentativo di autolegittimazione da parte tua...
Fatto sta che qualora nessuno interloquisse più con me (cosa della quale dubito) vi seguirei sempre con estremo interesse.
Tranquillo, fratello... Non abbandonerei questo forum se non per sopravvenuta incapacità (toccando ferro, s'intende...) mgreen

Un abbraccio.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da chef75 il Ven 2 Gen - 23:55

jessica ha scritto:
chef75 ha scritto:Veramente ho postato pure Treccani, se vuoi sapere concordo su questo:

Premesso che, date le circostanze e a così grande distanza di tempo, non è possibile dimostrare con assoluta certezza né la fondatezza del personaggio storico di Gesù Cristo né la sua infondatezza.

Che è riportato su wikipedia.
che dite, questo gli sarà sfuggito?
wikipedia ha scritto:Allo stato attuale non ci sono dubbi sostanziali sul corso della vita di Gesù: quando e dove visse e morì e quale tipo di attività svolse durante la sua vita pubblica. Rimane fitto invece il dibattito sulla storicità di singole azioni o detti a lui attribuiti, così come sulle metodologie che è possibile applicare per la loro analisi. L'insieme di affermazioni su Gesù sulle quali c'è generale consenso tra gli studiosi, indipendentemente dal loro credo, comprendono la sua nascita verso il 4 a.C., la sua infanzia a Nazareth, il battesimo a opera di Giovanni il Battista, la costituzione di un gruppo di discepoli, l'insegnamento nei villaggi e nelle campagne della Galilea, la predicazione del Regno di Dio, il viaggio a Gerusalemme culminato con i disordini al Tempio, la cena finale con i discepoli, la cattura, l'interrogatorio e la messa a morte da parte di Ponzio Pilato, cui seguono prima una fuga e poi la ricostituzione del gruppo di discepoli, convinti del ritorno di Gesù per fondare il Regno.
hihihihih


Odifreddi è uno storico della scienza, e quindi di conseguenza indirettamente collegato a tutta questa discussione, lo scritto l'ha pubblicato su uaar, era riferito a gesu, era in tema con ciò che volevi supporre, mi piaceva e l'ho pubblicato, ti ho postato un bello scritto, da cio non serve creare nuovamente esempi su esempi.
si, come no. tanto quanto il divino mago alexander è indirettamente collegato a stephen hawking...

Dico che concordo con quanto ti ho riportato, stop...il resto sono ipotesi che ruotano su ciò che io condivido.

Odifreddi è uno storico della scienza e noi parlavamo di scienza nella storia frenata dalla chiesa, potresti scrivergli e porglii le tue idee.

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7695
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum