Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Justine il Gio 12 Feb - 7:07

E' da un po' che vado leggendo una vera e propria proliferazione di articoli sulla base di questo:

http://time.com/3082281/short-bursts-of-exercise-are-better-than-exercising-nonstop/

secondo cui dei picchi isolati di attività fisica sarebbero per certi aspetti più benefici rispetto ad un'attività di resistenza implacabile.

Ho notato che -perlomeno per quanto riguarda il benessere complessivo psicofisico- traggo più beneficio, personalmente, dall'attività di resistenza (sebbene io non sia particolarmente portata a questo, ad es. nella corsa sono più una velocista che altro). 

Se dovessi giudicare la qualità della mia attività fisica da qualche scatto sporadico, non sarei particolarmente soddisfatta; tuttavia, dal lato pratico, ci sono veramente benefici come quelli elencati?

[chiaramente il tutto è rivolto al nostro onnipotente Rasp]

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Rasputin il Gio 12 Feb - 9:50

Mumble, mumble e ancora mumble...premesso che l'onnipotenza di cui dispongo è la stessa di tutti noi, ha due pulsanti e si aziona generalmente usando una mano (Niente sarcasmi per favore), ed altresí premesso che in genere diffido di quelle che, almeno a naso, mi paiono solo tendenze, vediamo di andare un po' al di là del naso: il primo link nell'articolo è su un video del prof. James Timmons, questo



finora ne ho visto solo i primi 10 minuti, che contengono delle semplici norme di buonsenso per mantenersi sani e prevenire certi tipi di malattie cardiovascolari.

Il secondo link (Segnato come "Study") che l'articolo propone è a sua volta su un articolo (Non su uno studio), questo

http://www.eurekalert.org/pub_releases/2014-08/d-rew080114.php

il quale principalmente parla di questo tipo di attività per migliorare il controllo glicemico sui diabetici; è quindi ovvio che l'attività adatta sia quella più intensa, atta a bruciare carboidrati (Zuccheri in questo caso), in contrapposizione a quella in zona aerobica che tende ad attingere dalla massa grassa.

Nel quarto capoverso l'articolo menziona il termine "Kinesiology", al quale occorre stare attentissimi: ce n'è una seria

http://en.wikipedia.org/wiki/Kinesiology

anche se in fase di sviluppo e non universalmente accreditata

http://en.wikipedia.org/wiki/Kinesiology#Licensing_and_regulation

e c'è la versione ciarlatanica, questa

http://en.wikipedia.org/wiki/Applied_kinesiology

dalla quale la scienza ovviamente si dissocia espressamente

http://en.wikipedia.org/wiki/Applied_kinesiology#Scientific_research

poche righe sotto, l'articolo propone un altro link chiamato "Research", sotto il quale si trova questo

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1113/jphysiol.2011.224725/full

con la recensione di un intero volume. L'abstract però parla quasi esclusivamente di prevenzione, e cita l'applicazione di questo tipo di attività sugli atleti solo nelle ultime due righe:

Finally, we provide insight on the utility of low-volume HIT for improving performance in athletes and highlight suggestions for future research.

cosa peraltro già ben nota da un pezzo, si chiama interval training.

Il lavoro di Gibala e c. si trova anche su PubMed:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22289907

ma senza conclusioni né commenti.

Qui invece

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11772161

la racconta come la penso io

[...]It seems that, for athletes who are already trained, improvements in endurance performance can be achieved only through high-intensity interval training (HIT).[...]

(E come si sa da un pezzo).

Io dico che la premessa minima per poter applicare tale metodo alle persone comuni è un cuore sano.
Il motivo per cui gli intervalli migliorano le prestazioni tendenzialmente solo in atleti già allenati è semplice: il cuore è una pompa, e come tutte le pompe ha volume, escursione e potenza (La quale determina anche la frequenza, ma non da sola); da questi tre fattori risulta la portata (Possiamo dire ad es. in litri/minuto), il cui valore massimo viene raggiunto solo se la pompa riesce ad eseguire interamente l'escursione.

Nel caso delle nostre, di pompe, siccome la frequenza viene controllata in parte neurologicamente, essa può "Fregarsene" dell'escursione, costringendo il cuore a pulsare più rapidamente di quanto è capace mantenendo l'esecuzione del movimento completo.

Il risultato è un apporto insufficiente di ossigeno prima nel sangue e poi di conseguenza nei muscoli. Si chiama saturazione (In gergo, tecnicamente, ipossia da sforzo), punto al quale non si resiste più molto; per innalzare questa soglia, indovina cosa occorre fare? Sedute lunghe a bassa FC, le quali permettono al muscolo cardiaco di compiere correttamente ed a fondo le fasi sistoliche e diastoliche, abituandovisi per poi poterle riprodurre anche a FC più alte.

Tirando le somme, a me pare che:

- il punto focale sia la prevenzione e cura di diabete e certe malattie cardiovascolari

- per il resto, si stia un po' reinventando l'acqua calda

- occorre differenziare tra sportivi e gente normale/sedentaria

- tornando all'articolo, infine, al termine dice banalmente più o meno come la penso io:

The research on interval training—regardless of ultimate level of intensity—is encouraging. It shows that mixing it up provides more benefits, and keeps things interesting. It’s not for everyone, since some people may find upping their fitness levels in various cycles too challenging, while someone running a marathon needs to dedicate lots of time to continuous exercise and long runs. Gibala also adds that the field is relatively new, and so far most studies have looked at the impact of interval training in the short term, not long term. Still, science shows not having enough time to exercise is not an excuse.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50813
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Justine il Ven 13 Feb - 8:35

Infatti il discrimine di cui volevo sentir parlare era proprio l'applicabilità di queste "teorie" ad un corpo già abituato a questo e all'esercizio svolto per garantirsi quel minimo di protezione dalle problematiche cardiocircolatorie et similia.

E' poi evidente che si tratta di un esercizio volto non a piallare quintali di adipe, ma sinceramente a bruciare il Pocket Coffee mattutino che si ingurgita rigorosamente seduti davanti al PC; infatti l'articolo mi ha dato l'impressione di qualcosa scritto proprio per dare speranze a questo target di "atleti molto occasionali"

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Rasputin il Ven 13 Feb - 10:29

Justine ha scritto:Infatti il discrimine di cui volevo sentir parlare era proprio l'applicabilità di queste "teorie" ad un corpo già abituato a questo e all'esercizio svolto per garantirsi quel minimo di protezione dalle problematiche cardiocircolatorie et similia.

E' poi evidente che si tratta di un esercizio volto non a piallare quintali di adipe, ma sinceramente a bruciare il Pocket Coffee mattutino che si ingurgita rigorosamente seduti davanti al PC; infatti l'articolo mi ha dato l'impressione di qualcosa scritto proprio per dare speranze a questo target di "atleti molto occasionali"

Spero di non essere ststo frainteso: il succo è che i picchi di sforzo brevi servono a migliorare le prestazioni (Nonché la capacità di recupero) di sportivi già ben allenati, ma secondo me per i sedentari/semisedentari sono piú i rischi dei possibili vantaggi.

Gli articoli parlano principalmente di prevenzione e controllo dei livelli glicemici in pazienti diabetici, mi sembra evidente quindi che il sistema viene usato sotto stretta sorveglianza medica.

Anche per gli atleti allenati le sedute lunghe in zona aerobica (A FC bassa) rimangono fondamentali, e corrispondono in genere ai 2/3 del volume totale.
Agli "Occasionali" io suggerirei che si facciano una nuotatina in piscina magari seguita da sauna, con quella si mantiene attivo il sistema cardiocircolatorio senza dare inaspettate e potenzialmente anche pericolose "Botte" al cuore.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50813
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Rasputin il Ven 13 Feb - 18:58

Mi piacerebbe sapere chi mi ha dato il verde qui sopra...

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50813
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Rasputin il Dom 10 Mag - 19:20

Jus era a te che piaceva il wrestling?


_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50813
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Cosworth117 il Dom 10 Mag - 19:36

Anche a me. Sapevo di questo incidente... Una bella sfiga...

_________________
There's always a plane B!
avatar
Cosworth117
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 9096
Età : 24
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Manager NWO
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 04.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Rasputin il Dom 10 Mag - 19:43

Cosworth117 ha scritto:Anche a me. Sapevo di questo incidente... Una bella sfiga...

In quello sport, davvero difficile da individuare...allupoallupo all'ordine del giorno, nemmeno i tecnici alla lunga si accorgono che non è una finta, e quando se ne accorgono è tardi. Sono d'accordo con te, sfiga nera

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50813
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Justine il Lun 11 Mag - 4:26

Tra l'altro Mysterio è uno dei miei preferiti, mi sta simpatico a pelle. La cosa che rende il tutto doppiamente triste è che ha ricevuto minacce di morte da parte di fan e non fan, pur sapendo che era amico di Aguayo

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Picco di sforzo fisico vs. attività continuativa

Messaggio Da Rasputin il Lun 11 Mag - 7:16

Justine ha scritto:Tra l'altro Mysterio è uno dei miei preferiti, mi sta simpatico a pelle. La cosa che rende il tutto doppiamente triste è che ha ricevuto minacce di morte da parte di fan e non fan, pur sapendo che era amico di Aguayo

Essendo evidente essersi trattato di un incidente, sono sfiorato dal sospetto che la maggioranza degli appassionati non capisca veramente in cosa consiste quel genere di spettacolo...

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50813
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum