Le religioni nel futuro prossimo...

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Gio 2 Apr - 18:38

avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Rasputin il Gio 2 Apr - 19:00


_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50775
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Gio 2 Apr - 19:09

No, o sarebbe una meteorite troppo piccola e non basterebbe, o abbastanza grossa e allora sarebbe veramente "troppa Grazia", non ci sarebbero sopravvissuti di nessun tipo...
E poi cos'è questa fiducia nel Lanciatore celeste? Mi stai diventando credente?
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Rasputin il Gio 2 Apr - 19:26

paolo1951 ha scritto:No, o sarebbe una meteorite troppo piccola e non basterebbe, o abbastanza grossa e allora sarebbe veramente "troppa Grazia", non ci sarebbero sopravvissuti di nessun tipo...
E poi cos'è questa fiducia nel Lanciatore celeste? Mi stai diventando credente?

Va bene, allora seriamente: visto che si tratta di uno dei punti su cui tu ed io siamo d'accordo, cosa vedi possibile come soluzione?

No perché cosí come la mette l'articolo - ed io ci credo, quelli figliano come conigli - ci potremmo, senza esagerazioni, trovare di fronte ad un'islamizzazione a livello mondiale nei prossimi 100 anni (USraele permettendo)

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50775
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Gio 2 Apr - 21:27

L'esempio, il modello da imitare credo che sia Israele, si può benissimo sopravvivere circondati da islamici e con un 20% di Islamici al proprio interno ... Basta sapere come vanno trattati e avere le palle per farlo.
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Gio 2 Apr - 21:29

... Anche gli Ebrei un tempo erano come te, pensavano di aspettare l'aiuto dal cielo.... Ora invece hanno imparato ad aiutarsi da soli.
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Rasputin il Gio 2 Apr - 21:30

paolo1951 ha scritto:L'esempio, il modello da imitare credo che sia Israele, si può benissimo sopravvivere circondati da islamici e con un 20% di Islamici al proprio interno ... Basta sapere come vanno trattati e avere le palle per farlo.

Che stronzata. Prova a farlo coi cristiani poi mi dici

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50775
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Gio 2 Apr - 22:23

Cristiani, Ebrei o Islamici sono solo etichette, il 90% delle persone non sa distinguere una religione da un'altra... il 90% non ha mai letto i Testi Sacri della sua religione o se li ha letti non ci ha capito un cazzo, quello che contano sono solo i preti.
Se il capo-prete (detto papa dai cattolici) va a Lampedusa e dice che bisogna accogliere i fratelli mussulmani... per noi son cazzi acidi, ma se invece come facevano i suoi predecessori dice che bisogna prenderli a cannonate... allora Ok, anc'io potrei ritornare ad andare alla Santa Messa.
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Gio 2 Apr - 22:25

Rasputin ma tu pensi davvero che gli Ebrei credano alle stronzate del "popolo eletto", della "terra promessa", ecc.
Credono nel loro esercito, nel loro arsenale nucleare!
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Rasputin il Gio 2 Apr - 22:43

paolo1951 ha scritto:Cristiani, Ebrei o Islamici sono solo etichette, il 90% delle persone non sa distinguere una religione da un'altra... il 90% non ha mai letto i Testi Sacri della sua religione o se li ha letti non ci ha capito un cazzo, quello che contano sono solo i preti.
Se il capo-prete (detto papa dai cattolici) va a Lampedusa e dice che bisogna accogliere i fratelli mussulmani... per noi son cazzi acidi, ma se invece come facevano i suoi predecessori dice che bisogna prenderli a cannonate... allora Ok, anc'io potrei ritornare ad andare alla Santa Messa.

Io no

paolo1951 ha scritto:Rasputin ma tu pensi davvero che gli Ebrei credano alle stronzate del "popolo eletto", della "terra promessa", ecc.
Credono nel loro esercito, nel loro arsenale nucleare!

Sí, ci credono davvero

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50775
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da primaverino il Gio 2 Apr - 22:58

Rasputin ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
Rasputin ma tu pensi davvero che gli Ebrei credano alle stronzate del "popolo eletto", della "terra promessa", ecc.
Credono nel loro esercito, nel loro arsenale nucleare!

Sí, ci credono davvero

Beh... Magari è un mix delle due cose...
Certo che il senso di appartenenza è fortissimo, tanto è vero che esistono gli ebrei-atei che fanno officiare il funerale dal rabbino (purché non tiri fuori storie di trascendenza o di religione etc.)... Ogni ebreo (anche ateo) festeggia lo Yom Kippur, la Pasqua ebraica etc... Un ateo "non ebreo" che sia "nato tale" o proveniente culturalmente/familiarmente da cristianesimo o Islam, no.
L'ebreo è prima di tutto "ebreo" poi può essere ateo-credente-democratico-comunista quel che ti pare, ma sempre ebreo.
Non so se ciò significhi "credere" nel popolo eletto ma certamente è qualcosa che gli somiglia parecchio... Riguardo alla Terra Promessa invece, la cosa è del tutto evidente...
Come saprete la scelta di stabilirsi in Palestina aveva altre alternative che tuttavia furono scartate, quando (a ben pensarci) nel mentre che si disgregavano i resti della Germania nazista, con annessione alla Polonia della Slesia, della Pomerania e della Prussia, sarebbe bastato insediarvi li lo Stato ebraico e oggi saremmo qui a raccontare cose diverse... In fondo Israele è grande suppergiù quanto la Lombardia, pertanto trovare 22.000 kmq (o anche qualcosa in più) da destinarsi allo scopo nel mezzo dell'Europa non sarebbe stato un problema, mi pare...
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Ven 3 Apr - 9:24

Che la scelta della Palestina potesse in teoria avere anche delle alternative... mi trova d'accordo, ma appunto "in teoria"!
Nella realtà non era così... le cose succedono e non sempre (direi anzi quasi mai) è possibile scegliere a tavolino.
Se cadi in un fiume in piena, hai qualche speranza di salvarti solo se NON cerchi di nuotare contro corrente.

Certamente per molti Ebrei l'Ebraismo è una religione, ma per moltissimi altri è solo un sentimento nazionalistico, patriottico.
Un Ebreo festeggia lo Yom Kippur, così come un Italiano festeggia il 25 aprile o il 2 giugno, un Francese il 14 giugno, un Americano il 4 luglio... certo gli Ebrei sono più nazionalisti di noi e forse anche degli altri popoli, hanno un nazionalismo un po' peculiare... questo sì.
Però ditemi tutto quello che volete degli Ebrei di oggi, che sono una lobby, che sono imperialisti, razzisti, sanguisughe del mondo, ... ma non che sono (almeno per quanto riguarda la stragrande maggioranza di loro) "credenti religiosi".

Se pensate che gli Ebrei credano in Yahvé come Dio Unico allora pensate pure che anche gli Inglesi credano nel diritto divino del Re o della Regina!
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Ven 3 Apr - 9:25

@ rasputin
"Parigi val bene una messa"

... e per me Roma vale ben più di Parigi.
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da primaverino il Ven 3 Apr - 14:05

paolo1951 ha scritto:1) Che la scelta della Palestina potesse in teoria avere anche delle alternative... mi trova d'accordo, ma appunto "in teoria"!
Nella realtà non era così... le cose succedono e non sempre (direi anzi quasi mai) è possibile scegliere a tavolino.
Se cadi in un fiume in piena, hai qualche speranza di salvarti solo se NON cerchi di nuotare contro corrente.

2) Certamente per molti Ebrei l'Ebraismo è una religione, ma per moltissimi altri è solo un sentimento nazionalistico, patriottico.
Un Ebreo festeggia lo Yom Kippur, così come un Italiano festeggia il 25 aprile o il 2 giugno, un Francese il 14 giugno, un Americano il 4 luglio... certo gli Ebrei sono più nazionalisti di noi e forse anche degli altri popoli, hanno un nazionalismo un po' peculiare... questo sì.
3) Però ditemi tutto quello che volete degli Ebrei di oggi, che sono una lobby, che sono imperialisti, razzisti, sanguisughe del mondo, ... ma non che sono (almeno per quanto riguarda la stragrande maggioranza di loro) "credenti religiosi".

Se pensate che gli Ebrei credano in Yahvé come Dio Unico allora pensate pure che anche gli Inglesi credano nel diritto divino del Re o della Regina!

1) Non voglio fare il professorino, ma Herzl teorizzò lo Stato sionista in quanto necessità relativa all'antisemitismo europeo (Ben prima della Shoah, intendo dire) sin dalla fine del sec. XIX.
La cosa non riscosse un successo immediato a livello di "opinione pubblica ebraica" (se mi passi il termine) ma divenne quantomeno auspicabile al termine della Seconda guerra mondiale.
Talché (visto che le ipotesi relative al Madagascar e all'Uganda - se non erro) vennero scartate, rimase per l'appunto la Palestina che però era piena di arabi...
Contestualmente la Polonia venne "spostata" verso Occidente perdendo circa 220.000 kmq a favore dell'Urss e acquisendone poco meno della metà a danno della Germania (Slesia, Pomerania e Prussia) per soprammercato divisa in due (RFT e DDR come sappiamo).
A mio parere un'attribuzione regionale purché fosse al fine di istituire il nuovo Stato sionista avrebbe risparmiato montagne di guai negli anni a venire.
La cosa che mi stupisce (fino ad un certo punto) è che tale ipotesi non sia stata nemmeno presa in considerazione, mentre invece a mio avviso avrebbe rappresentato la soluzione migliore con un'occasione unica e (si spera) irripetibile alla bisogna.

2) Sostanzialmente è quello che dico anch'io: per un ebreo per prima cosa si è ebrei, poi viene tutto il resto.

3) Vale risposta al punto 2...
Da noi è impensabile che p51 possa dire al prete che sta per officiare il funerale di un congiunto: "Ah, don, mi raccomando: niente storielle sui verdi pascoli celesti e cuori vigili in ascolto della chiamata dell'Altissimo... Pronunci un'omelia funebre adeguata al valore del mio caro". Invece il p51 ebreo lo fa e a nessuno ne cala particolarmente...

Non importa quanti ebrei credano in YHWH, fatto sta che rimangono ebrei... E sì... Secondo me son convinti di essere il popolo eletto.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Rasputin il Ven 3 Apr - 15:30

Primaverino bow

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50775
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da terl il Ven 3 Apr - 16:08

Secondo me vi preoccupate troppo.
Tenete conto che quasi tutte le previsioni di 35 anni fa (fine dei combustibili fossili, colonie sugli asteroidi, computer grossi come frigoriferi) si sono rivelate errate o del tutto sbagliate.
In ogni caso io credo nel potere pervasivo dello stile di vita occidentale. Ben vengano pure gli immigrati: assimileremo le nuove generazioni dalla mente più plasmabile e per quanto riguarda quelle vecchie... ci penserà il tempo. Tanto devpno pur crepare anche loro.
avatar
terl
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 187
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 30.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Ven 3 Apr - 16:35

terl ha scritto:Secondo me vi preoccupate troppo.
.... Ben vengano pure gli immigrati: assimileremo le nuove generazioni dalla mente più plasmabile e per quanto riguarda quelle vecchie... ci penserà il tempo. Tanto devpno pur crepare anche loro.
Si ma qualcuno fece le tue stesse previsioni nel 476 d.C.
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Rasputin il Ven 3 Apr - 17:50

terl ha scritto:Secondo me vi preoccupate troppo.
Tenete conto che quasi tutte le previsioni di 35 anni fa (fine dei combustibili fossili, colonie sugli asteroidi, computer grossi come frigoriferi) si sono rivelate errate o del tutto sbagliate.
In ogni caso io credo nel potere pervasivo dello stile di vita occidentale. Ben vengano pure gli immigrati: assimileremo le nuove generazioni dalla mente più plasmabile e per quanto riguarda quelle vecchie... ci penserà il tempo. Tanto devpno pur crepare anche loro.

Qui non si tratta della fine di qualcosa, ma della sua prolificazione. Anche le previsioni su internet

http://www.smosh.com/smosh-pit/articles/6-totally-wrong-early-predictions-about-internet

a suo tempo erano completamente errate. Questa invece (Io lo chiamo "Viaggio allucinante") è una che torna a casa dopo anni all'estero e trova questo



è cronaca, mica balle.

paolo1951 ha scritto:
terl ha scritto:Secondo me vi preoccupate troppo.
.... Ben vengano pure gli immigrati: assimileremo le nuove generazioni dalla mente più plasmabile e per quanto riguarda quelle vecchie... ci penserà il tempo. Tanto devpno pur crepare anche loro.
Si ma qualcuno fece le tue stesse previsioni nel 476 d.C.

quoto..

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50775
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Hara2 il Ven 3 Apr - 22:35

Primaverino, il popolo eletto è, ormai da millenni, un concetto puramente religioso.
A parte questo mi dici chi tu identifichi come ebreo?
avatar
Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1763
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da primaverino il Ven 3 Apr - 23:22

Hara2 ha scritto:Primaverino,  il popolo eletto è, ormai da millenni,   un concetto  puramente religioso.
A parte questo mi dici chi tu identifichi come ebreo?

Il concetto di popolo eletto vale per qualsiasi "gruppo" che intenda avvalersene e non è necessariamente legato alla religione.
Non è un mio problema identificare l'ebreo. E' già lui che si autoidentifica in quanto tale.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Hara2 il Mar 7 Apr - 17:13

primaverino ha scritto:

Il concetto di popolo eletto vale per qualsiasi "gruppo" che intenda avvalersene e non è necessariamente legato alla religione.

Giusto per precisione togliendo dio "elezione" perde qualsiasi significato...se parli di religione i cristiani pure si considerano il vero popolo eletto (tramite Gesù Cristo), anch'essi sono un  "gruppo" che intendae avvalersene

L'espressione insomma ha un significato preciso, poi ognuno, ovviamente, la usa come preferisce
avatar
Hara2
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1763
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da paolo1951 il Mar 7 Apr - 17:46

Forse peculiare degli Ebrei è solo la componente razziale o razzista... parlare di razza ebraica è una bestialità, eppure ben prima del Nazismo furono proprio gli Ebrei ad inventarla.
Ebrei infatti bisogna nascere... non si può diventarlo come accade invece per Cristiani e Islamici.
avatar
paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 66
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Rasputin il Mar 7 Apr - 18:40

Hara2 ha scritto:
primaverino ha scritto:

Il concetto di popolo eletto vale per qualsiasi "gruppo" che intenda avvalersene e non è necessariamente legato alla religione.

Giusto per precisione togliendo dio "elezione" perde qualsiasi significato...se parli di religione i cristiani pure si considerano il vero popolo eletto (tramite Gesù Cristo),  anch'essi sono un  "gruppo" che intendae avvalersene

L'espressione insomma ha un significato preciso, poi ognuno, ovviamente, la usa come preferisce

http://www.treccani.it/vocabolario/tag/Elezione/

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50775
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da primaverino il Mar 7 Apr - 19:12

Hara2 ha scritto:
primaverino ha scritto:

Il concetto di popolo eletto vale per qualsiasi "gruppo" che intenda avvalersene e non è necessariamente legato alla religione.

Giusto per precisione togliendo dio "elezione" perde qualsiasi significato...se parli di religione i cristiani pure si considerano il vero popolo eletto (tramite Gesù Cristo),  anch'essi sono un  "gruppo" che intendae avvalersene

L'espressione insomma ha un significato preciso, poi ognuno, ovviamente, la usa come preferisce

Certo che ha un significato preciso.
Solo che è auto-indotto... E Dio c'entra solo per chi intenda avvalersene, ma in assenza di tale costrutto l'auto-elezione rimane valida.
Se togli dio non viene meno il concetto. Gli ebrei sono prima di tutto ebrei. Anche quelli atei (l'ha detto Moni Ovadia, mica il mio salumiere).
Il fatto che altri popoli si ritengano in qualche modo "superiori" anche in assenza di peculiarità divine di riferimento è un dato di fatto e le scale valoriali (riassunte grossolanamente per sommi capi, beninteso) prescindono da qualsiasi presunta "rivelazione" se non sbaglio...
I cinesi, per esempio, "tollerano" i bianchi ma non sopportano i negri, riconoscendo ai primi una certa importanza almeno sul piano storico, seppur "superabile" in ottica presente e futuribile, mentre considerano i Bingo-bongo alla stregua di animali eventualmente utili, ma del tutto prescindibili culturalmente parlando.
I texani (al pari dell'americano medio) identificano il Mondo con gli Usa e infatti sono convinti di abitare nel Paese più grande del Mondo (*)
E naturalmente non esiste nessuno che li equivalga in statura e possenza (maschile) bellezza (femminile) biondità, ricchezza, potenza, azzurrità degli occhi, abilità latu sensu, qualità dei cappelli (uno Stetson è pur sempre uno Stetson...) e ovviamente capacità nell'uso delle armi... (il Texas ha circa 25 mln di abitanti, ma quando ne aveva 17 vi erano 68 milioni di armi da fuoco regolarmente denunciate, mi caschi il naso se mi ricordo male...) eeeeeeek
Sono i migliori di tutti in tutto... Peccato per "voi" non texani...
(*) E a chi dice che l'Alaska è più estesa del Texas, essi son soliti rispondere: "Può darsi, amico, ma aspettiamo che si sciolgano i ghiacci e poi ne riparliamo". mgreen
Per tornare ai Credenti con la "CI" maiuscola, non dimentichiamoci i sauditi che dividono il mondo in tre categorie: Loro medesimi (ça va sans dire, ovvero i prescelti di Allah) gli altri musulmani (tollerati in quanto tali, ma comunque "inferiori") e i figli dei maiali e delle scimmie (ovvero tu ed io il resto del mondo).
Ma pensa solo alla questione irlandese (tanto per dirti)...
Lì si sono fronteggiati Protestanti e Cattolici a suon di bombe e sparatorie e vessazioni varie o pestaggi o quel che ti pare...
Di primo acchito (pure a me) verrebbe da dire che in totale assenza di religioni Eire ed Ulster sarebbero probabilmente stati "posti migliori"...
Ma poi mi sovviene il sentimento nazionalista di alcuni (gli indipendentisti, per l'appunto) e i "lealisti" fedeli alla Corona britannica per ragioni di opportunità del tutto non bislacche, sia detto per soprammercato...
Ed ecco quindi che anche in assenza di pretesto religioso alcuno dei buoni motivi per scannarsi a vicenda li avrebbero trovati comunque...
Perdona la divagazione relativa all'ultimo capoverso, ma francamente non credo che il senso di apparteneza (inteso pure in semplice ambito etno-tribale) necessiti di alcuna sovrastruttura aggiuntiva per giustificare il "senso di superiorità" relativamente al "diverso da sé".

Mi "ho" spiegato, bro?

p.s.: poi è pur vero che non tutto il mondo è "nazionalista"...
Qui in itaglia per esempio lo siamo (e nemmeno tutti) solo quando gioca la nazionale del pallone... Per tutto il resto siamo internazionalisti, ma nel modo sbagliato a mio parere... O Franza o Spagna purché se magna (bisognerebbe stamparlo nel bianco del Tricolore).
Siam culi buoni per tutti i cazzi (perdona la citazione poetica) purché sia ben chiaro che il frocio è un altro e che la paga sia buona.
avatar
primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4755
Età : 53
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le religioni nel futuro prossimo...

Messaggio Da Rasputin il Mar 7 Apr - 19:46

Verdone a Primaverino, poi su questo

Primaverino ha scritto:Per tornare ai Credenti con la "CI" maiuscola, non dimentichiamoci i sauditi che dividono il mondo in tre categorie: Loro medesimi (ça va sans dire, ovvero i prescelti di Allah) gli altri musulmani (tollerati in quanto tali, ma comunque "inferiori") e i figli dei maiali e delle scimmie

c'è da puntualizzare che i grassettati appartengono tutti alla categoria "Semiti" (Come ho già puntualizzato a Hara il quale puntualizzantissimamente ha glissato)

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50775
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum