Manifestare in piazza

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da primaverino il Mar 5 Mag - 15:04

jessica ha scritto::si si:  esatto intendevo proprio questo.
mi pare di aver capito comunque che per gli ultimi tafferugli di milano la regione abbia stanziato fondi per i danni subiti dai privati.

Fino ad un limite di 1,5 milioni e nulla di scritto per ora...
Non sono nemmeno definiti i criteri per poter essere ammessi ai risarcimenti.
Fumo negli occhi, sis.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da jessica il Mar 5 Mag - 15:28

primaverino ha scritto:
jessica ha scritto::si si:  esatto intendevo proprio questo.
mi pare di aver capito comunque che per gli ultimi tafferugli di milano la regione abbia stanziato fondi per i danni subiti dai privati.

Fino ad un limite di 1,5 milioni e nulla di scritto per ora...
Non sono nemmeno definiti i criteri per poter essere ammessi ai risarcimenti.
Fumo negli occhi, sis.
ah beh questo non faccio fatica a crederlo...

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da paolo1951 il Mar 5 Mag - 16:03

Però indipendentemente da chi risarcisca e dal fatto che risarcimento ci sia... mi spiegate perché si deve accettare che ci siano persone che "manifestano" bruciando auto, spaccando vetrine, ecc. ecc. ???
Non sarebbe più logico ed economico sparar loro, se non proprio in mezzo agli occhi, almeno alle gambe?

PS: poi se qualche pallottola finisce un po' più in alto... pazienza! moon

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da Rasputin il Mar 5 Mag - 18:50

primaverino ha scritto:A proposito... Visto che da domani (o da oggi) non ho capito bene... Pare che in Krukkia ci siano sei giorni di sciopero dei treni... E' vero che le giornate di sciopero le rimborsa il Sindacato?
Sembra OT ma non lo è del tutto, perché se è vero (e io NON so se sia vero) allora vuol dire che il senso di responsabilità è fatto salvo, in quanto il frutto delle mie (impersonale) decisioni ricade sulla mia organizzazione e non vale la "legge del menga" che tra le duecentomila cialtroitalioidiozie è l'unica Legge che vale sempre e comunque.

A quanto ho visto, solo i macchinisti. Comunque posso informarmi meglio se vuoi

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da primaverino il Mar 5 Mag - 19:14

La cosa che mi ha fatto riflettere non è tanto insita nella manifestazione milanese, laddove per ragioni che nemmeno ci perdo del tempo ad analizzare, si sia scelto di lasciar sfogare i BB perché sennò era peggio e poi la UE ci accusava di tortura e puttanate consimili utili solo a far parlare i gonzi e asfaltare (altro che fette di prosciutto) gli occhi dell'Opinione pubblica...
Mi riferivo al confronto (evidenziato in special modo su Facebook, ma anche sui nedia più "tradizionali") tra BB lasciati liberi di devastare e poveri manifestanti pacifici manganellati a sangue in altro mentre... (mi riferivo al caso di Bologna).
Qui la malafede è del tutto evidente e vomitevole a tal punto da far dubitare di tutto...
Smetto di parlare di Milano e mi concentro sul "fatto" bolognese...
Li, centinaia di manifestanti "pacifici" a volto scoperto e mani alzate si sono visti respingere a manganellate da uno sparuto (erano poche decine) gruppo di poliziotti in tenuta antisommossa...
E tutti a gridare allo scandalo! I BB spadroneggiano e i pacifici vengono pestati!
Il governo infiltra con agenti in borghese mentre i cittadini pacifici prendono le botte!
Lo Stato fascista si impone mentre il dissenso legittimo viene calpestato a legnate!
Il pagato da Soros (ho letto anche questo) la sfanga, mentre il padre di famiglia soccombe sotto i colpi della polizia fascista!
il dissenso verso Renzi (che per me può morire stasera senza aspettare domani, sia beninteso) viene represso nel sangue (non mi invento un cazzo... E' tutto scritto da altri su FB).
E si potrebbe contunuare per molto (troppo) tempo ancora...

Poi vai a vedere nel dettaglio e ti accorgi che...
Ogni manifestazione di piazza (tutte: G8 e No-Expo compresi) abbisognano di parere favorevole preventivo della Questura. Ciò premesso i termini dell'accordo prevedono modalità e indicazione preventiva del percorso della Manifestazione, ivi comprese le aree "off limits" che non sono un'imposizione dall'alto ma bensì (anche) frutto di un accordo tra "parte & controparte" (voglio precisarlo a beneficio di chi non lo sapesse).
Se ne ricava che i "pacifici" manifestanti anti-Renzi alla festa dell'unità di Bologna avevano l'autorizzazione per sfilare nelle vie adiacenti all'area ove si sarebbe tenuta la manifestazione medesima e NON il diritto di chiedere (pacificamente) una deroga al fine di fare irruzione (pacificamente, disarmati [e ci mancava pure che erano armati] e con le mani alzate) nell'area predetta.
il Funzionario di Polizia addetto NON aveva il potere di decidere nel merito (gli accordi erano chiari e sottoscritti. Gli ordini, precisi) relativamente ad uno "strappo alla regola" che non stava né in cielo né in terra e che avrebbe esorbitato dal suo (limitatissimo) potere.
Gli organizzatori della Manifestazione hanno deciso "motu proprio" di cambiare le carte in tavola, ben sapendo che i pulotti non sono pagati per prendere decisioni autonome nell'esercizio delle loro funzioni, bensì di obbedire agli ordini, che in questa fattispecie erano chiarissimi e pre-condordati PROPRIO coi vigliacchi che poi hanno tentato di salire alla ribalta della cronaca in qualità di povere "vittime",  atteggiamento tipico di certuni figuri che poi fanno le vittime col sangue altrui
(o il frocio col culo degli altri, se preferite la poesia alla prosa).
Il caso di Bologna serve a far comprendere che pure i manifestanti sono fatti oggetto di "utilizzo" da parte di sedicenti "sinceri Organizzatori democratici" che abbisognano di carne da macello per i proprio ignobili scopi.
Non tutti (va detto) riescono in tali operazioni... Pensate solo al verme Agnoletto... Pensò di diventare qualcuno cavalcando (pacificamente e a mani alzate, si badi bene) la protesta al G8 di Genova e approfittando del sangue di Carlo Giuliani (martire di stocazzo, ma vittima incolpevole della macchina propagandistica che lo fagocitò, povero ventenne testa di minchia e sfruttato dai suoi stessi "mèntori") va non ne ottenne alcunché...
Di solito si dice: "Ritenta... Sarai più fortunato" (pensando di esserselo levato dai coglioni) ma  invece... Morto (politicamente) lui ecco che altri merdosi s'appalesano e si appaleseranno vieppiù, sacrificando poveri giovani indottrinati e col cervello all'ammasso che serviranno (forse... Manco è detto) a maggior gloria di nuovi o rinnovati pagliacci assassini.

Un vostro parere?

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da primaverino il Mar 5 Mag - 19:15

Rasputin ha scritto:
primaverino ha scritto:A proposito... Visto che da domani (o da oggi) non ho capito bene... Pare che in Krukkia ci siano sei giorni di sciopero dei treni... E' vero che le giornate di sciopero le rimborsa il Sindacato?
Sembra OT ma non lo è del tutto, perché se è vero (e io NON so se sia vero) allora vuol dire che il senso di responsabilità è fatto salvo, in quanto il frutto delle mie (impersonale) decisioni ricade sulla mia organizzazione e non vale la "legge del menga" che tra le duecentomila cialtroitalioidiozie è l'unica Legge che vale sempre e comunque.

A quanto ho visto, solo i macchinisti. Comunque posso informarmi meglio se vuoi

Beh... Senza i macchinisti i treni stanno fermi...

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da Rasputin il Mar 5 Mag - 19:22

Spoiler:

[quote="primaverino"]La cosa che mi ha fatto riflettere non è tanto insita nella manifestazione milanese, laddove per ragioni che nemmeno ci perdo del tempo ad analizzare, si sia scelto di lasciar sfogare i BB perché sennò era peggio e poi la UE ci accusava di tortura e puttanate consimili utili solo a far parlare i gonzi e asfaltare (altro che fette di prosciutto) gli occhi dell'Opinione pubblica...
Mi riferivo al confronto (evidenziato in special modo su Facebook, ma anche sui nedia più "tradizionali") tra BB lasciati liberi di devastare e poveri manifestanti pacifici manganellati a sangue in altro mentre... (mi riferivo al caso di Bologna).
Qui la malafede è del tutto evidente e vomitevole a tal punto da far dubitare di tutto...
Smetto di parlare di Milano e mi concentro sul "fatto" bolognese...
Li, centinaia di manifestanti "pacifici" a volto scoperto e mani alzate si sono visti respingere a manganellate da uno sparuto (erano poche decine) gruppo di poliziotti in tenuta antisommossa...
E tutti a gridare allo scandalo! I BB spadroneggiano e i pacifici vengono pestati!
Il governo infiltra con agenti in borghese mentre i cittadini pacifici prendono le botte!
Lo Stato fascista si impone mentre il dissenso legittimo viene calpestato a legnate!
Il pagato da Soros (ho letto anche questo) la sfanga, mentre il padre di famiglia soccombe sotto i colpi della polizia fascista!
il dissenso verso Renzi (che per me può morire stasera senza aspettare domani, sia beninteso) viene represso nel sangue (non mi invento un cazzo... E' tutto scritto da altri su FB).
E si potrebbe contunuare per molto (troppo) tempo ancora...

Poi vai a vedere nel dettaglio e ti accorgi che...
Ogni manifestazione di piazza (tutte: G8 e No-Expo compresi) abbisognano di parere favorevole preventivo della Questura. Ciò premesso i termini dell'accordo prevedono modalità e indicazione preventiva del percorso della Manifestazione, ivi comprese le aree "off limits" che non sono un'imposizione dall'alto ma bensì (anche) frutto di un accordo tra "parte & controparte" (voglio precisarlo a beneficio di chi non lo sapesse).
Se ne ricava che i "pacifici" manifestanti anti-Renzi alla festa dell'unità di Bologna avevano l'autorizzazione per sfilare nelle vie adiacenti all'area ove si sarebbe tenuta la manifestazione medesima e NON il diritto di chiedere (pacificamente) una deroga al fine di fare irruzione (pacificamente, disarmati [e ci mancava pure che erano armati] e con le mani alzate) nell'area predetta.
il Funzionario di Polizia addetto NON aveva il potere di decidere nel merito (gli accordi erano chiari e sottoscritti. Gli ordini, precisi) relativamente ad uno "strappo alla regola" che non stava né in cielo né in terra e che avrebbe esorbitato dal suo (limitatissimo) potere.
Gli organizzatori della Manifestazione hanno deciso "motu proprio" di cambiare le carte in tavola, ben sapendo che i pulotti non sono pagati per prendere decisioni autonome nell'esercizio delle loro funzioni, bensì di obbedire agli ordini, che in questa fattispecie erano chiarissimi e pre-condordati PROPRIO coi vigliacchi che poi hanno tentato di salire alla ribalta della cronaca in qualità di povere "vittime",  atteggiamento tipico di certuni figuri che poi fanno le vittime col sangue altrui
(o il frocio col culo degli altri, se preferite la poesia alla prosa).
Il caso di Bologna serve a far comprendere che pure i manifestanti sono fatti oggetto di "utilizzo" da parte di sedicenti "sinceri Organizzatori democratici" che abbisognano di carne da macello per i proprio ignobili scopi.
Non tutti (va detto) riescono in tali operazioni... Pensate solo al verme Agnoletto... Pensò di diventare qualcuno cavalcando (pacificamente e a mani alzate, si badi bene) la protesta al G8 di Genova e approfittando del sangue di Carlo Giuliani (martire di stocazzo, ma vittima incolpevole della macchina propagandistica che lo fagocitò, povero ventenne testa di minchia e sfruttato dai suoi stessi "mèntori") va non ne ottenne alcunché...
Di solito si dice: "Ritenta... Sarai più fortunato" (pensando di esserselo levato dai coglioni) ma  invece... Morto (politicamente) lui ecco che altri merdosi s'appalesano e si appaleseranno vieppiù, sacrificando poveri giovani indottrinati e col cervello all'ammasso che serviranno (forse... Manco è detto) a maggior gloria di nuovi o rinnovati pagliacci assassini.

Primaverino ha scritto:Un vostro parere?

Il mio è questo


_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da holubice il Mar 5 Mag - 20:25

paolo1951 ha scritto:Però indipendentemente da chi risarcisca e dal fatto che risarcimento ci sia... mi spiegate perché si deve accettare che ci siano persone che "manifestano" bruciando auto, spaccando vetrine, ecc. ecc. ???
Non sarebbe più logico ed economico sparar loro, se non proprio in mezzo agli occhi, almeno alle gambe?

PS: poi se qualche pallottola finisce un po' più in alto... pazienza! moon

Da cosa nasce cosa ...



... io ho la sensazione che torneremo all'antico. Renzi ha etichettato i facinorosi black-block di qualche giorno fa come dei viziati figli di papà, con il pallino della rivoluzione. Da quanto so, quelli che la polizia è riuscita a beccare sono:


  1. Una cassiera precaria
  2. Un operaio precario
  3. Un altro precario di non so che mestiere


... sono dei figli di papà atipici. Come i loro contratti di lavoro. Da ultimo è arrivato questo Jobs Act (quando te la mettono in inglese, puoi scommetterci che l'inculata e sicura) che fa sparire lavoratori di serie A e lavoratori di serie B. Li trasforma tutti nella B (licenziabili con un piccolo indennizzo).

"Guai se terminasse l'eterna lotta tra l'acqua ed il fuoco"
Eraclito (detto l'oscuro)

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da Justine il Mar 5 Mag - 21:09

Ma veramente un po' di silenzio cosmico sarebbe una benedizione, altroché guai, misericordia...

_________________
[...] l'aeroporto c'è, no non c'è, pregasi indagare sulle differenze tra orari di percorrenza e orari sulle tabelle, la fermata si chiama aeroporto ma non è un aeroporto, differenze tra curare e guarire, cantanti lirici londinesi comunisti, 180% dei cinesi [...] (Jess)

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15347
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

http://amarantha.neocities.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da paolo1951 il Mer 6 Mag - 7:39

holubice ha scritto:... io ho la sensazione che torneremo all'antico....
Da ultimo è arrivato questo Jobs Act  che fa sparire lavoratori di serie A e lavoratori di serie B. Li trasforma tutti nella B (licenziabili con un piccolo indennizzo).
L'indennizzo non è mica tanto piccolo!!!
Ma, comunque sia, anche qui vorrei chiedere:
tu Holu lamentavi a suo tempo di aver speso un mucchio di soldi dal ginecologo quando tua moglie era in cinta, ecco che ne diresti di una legge che ti imponesse di continuare a portare (almeno fino alla menopausa) tutti i mesi tua moglie da quel ginecologo... anche se non è più in "stato interessante". carneval

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da paolo1951 il Mer 6 Mag - 7:44

Qui tutti a dire questo è un "precario" quindi ha ben diritto di protestare e di manifestare!!!
Mai nessuno che si domandi: quel precario serve a qualcosa?
Oppure gli è stato già fatto un regalo a dargli uno stipendio sia pur provvisorio ?

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da Justine il Mer 6 Mag - 8:07

Ma d'altronde che si fa? Lo si manderebbe a morire sul marciapiede?
Dopo, dalla ragione si passa alla parte del torto...

_________________
[...] l'aeroporto c'è, no non c'è, pregasi indagare sulle differenze tra orari di percorrenza e orari sulle tabelle, la fermata si chiama aeroporto ma non è un aeroporto, differenze tra curare e guarire, cantanti lirici londinesi comunisti, 180% dei cinesi [...] (Jess)

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15347
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

http://amarantha.neocities.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da paolo1951 il Mer 6 Mag - 9:07

Justine ha scritto:Ma d'altronde che si fa? Lo si manderebbe a morire sul marciapiede?
Dopo, dalla ragione si passa alla parte del torto...
No, justine, concordo che nessuno deve essere lasciato morire di fame o comunque essere costretto a vivere in condizioni disumane... ma facciamo anche alcune necessarie precisazioni:
A) questa assistenza ragionevolmente possiamo darla solo ai cittadini italiani, sarebbe bello poterla dare a tutti gli abitanti della Terra... ma ragionevolmente la cosa supera le nostre possibilità;
B) deve essere chiaro che si tratta di "assistenza", per cui la cosa non va assolutamente mascherata sotto etichette tipo "diritto al lavoro", "lavori socialmente utili" e balle del genere.
C) si deve cercare il modo più "economico" di realizzarla così da poter assistere il maggior numero possibile di persone
D) vanno favoriti e non penalizzati coloro che si danno da fare per togliersi dalla merda con le loro modeste forze...
E) bisogna mettersi in testa che nel mondo del lavoro non possono esistere diritti acquisiti una volta per sempre, che un diritto è quello che mi conquisto appunto con il mio lavoro e che il resto è solo assistenza di cui beneficio senza merito.
F) che non si può dare, come vorrebbe il Vangelo, la stessa paga a chi ha lavorato l'intera giornata e a chi ha lavorato un'ora soltanto... perché altrimenti tutti pretenderanno di lavorare un'ora soltanto e marcheranno i soldi per pagare tutti quanti.

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da primaverino il Mer 6 Mag - 14:42

paolo1951 ha scritto:Qui tutti a dire questo è un "precario" quindi ha ben diritto di protestare e di manifestare!!!
Mai nessuno che si domandi: quel precario serve a qualcosa?
Oppure gli è stato già fatto un regalo a dargli uno stipendio sia pur provvisorio ?

Penso che nella galassia del precariato ci sia dentro un po' di tutto...
Da quello che pure al netto della mancanza di un lavoro a tempo indeterminato riesce comunque a lavorare continuativamente e con uno stipendio dignitoso a chi è più o meno sottopagato, a colui/colei che sta come le foglie d'autunno della celebre poesia.
E si.. Certo... Penso che vi sia una sorta di beneficiati del piuttosto che niente è meglio piuttosto, che tirano a campare a mo' di zavorra pro tempore.
Passano gli anni, si modificano i "contratti" i diritti acquisiti non si toccano (non sempre... Dipende...) e i figli malediranno i padri iper-tutelati e pensionati a 50 anni col retributivo (in vigore sino a ieri) mentre loro la pensione la vedranno da nonni (forse) e sarà un bel tot% in mano di quella di mamma & papà...
Si festeggia il Jobàtt che favorisce i soliti noti (mai così contenti dai tempi di Kunta Kinte - cit.) mentre la banche se vuoi il mutuo (ma anche un finanziamento) ti dicono che servono due buste col posto fisso (campa cavallo) o la firma dei genitori...
A nessuno passa per l'anticamera del cervello di ridurre il mostruoso carico Inps sul lavoro "normale" preferendo il gioco delle tre carte in atto.
Il peggio sta alle spalle e il bello addavenì... Nel frattempo stiamo nella merda (altra cit. - Airava su altro forum)

p.s.: autosegnalato per OT

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da paolo1951 il Mer 6 Mag - 14:48

Ok Primaverino, ma alla domanda se il "precario" debba considerarsi un lavoratore "sottopagato" o un "assistito" che pesa sulle spalle degli altri... non hai mica risposto!
Ok ci sono casi molto diversi tra di loro... ma secondo te, percentualmente, quanti appartengono al primo e quanti al secondo caso?

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da paolo1951 il Mer 6 Mag - 15:15

Altra domanda che pongo: chi non sa fare un cazzo o non ha voglia di fare un cazzo ha comunque DIRITTO ad essere assistito e quindi a protestare se questa assistenza è a suo dire scarsa... oppure dovrebbe al massimo chiedere umilmente, sperando nella generosità altrui?

E ancora, se la "generosità altrui" vi fu almeno una volta, da quel momento diventa un obbligo il suo perdurare finché la morte (del benefattore o del beneficiario) non faccia cessare questo rapporto parassitario?

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da primaverino il Mer 6 Mag - 15:21

paolo1951 ha scritto:Ok Primaverino, ma alla domanda se il "precario" debba considerarsi un lavoratore "sottopagato" o un "assistito" che pesa sulle spalle degli altri... non hai mica risposto!
Ok ci sono casi molto diversi tra di loro... ma secondo te, percentualmente, quanti appartengono al primo e quanti al secondo caso?

Sinceramente non ne ho la più pallida idea...
Tanto per dirti, ricordo ancora che mio papà (laureatosi nel novembre 1953) mi confidò di aver preso "solo" 102 alla tesi di laurea, avendo scelto una tesi "compilativa" anziché una "di ricerca" (spero di non ricordare male i termini... Me lo disse oltre 30 anni or sono) dato che nel secondo caso in "cambio" di un voto più alto (papà andava giustamente orgoglioso del suo 27 e rotti di media) avrebbe poi dovuto lavorare un anno (o forse più) aggratis a favore dell'Università e del Barone di riferimento... Il soldo in famiglia scarseggiava e quindi scelse di conseguenza.
(Però erano altri tempi... A gennaio 1954 aveva già il suo posto...)
Ma allora gli assistenti precari non si chiamavano "precari" va pur detto...
La casistica, al netto del piccolo esempio che ho portato è vastissima...
Precario è il portaborse (e pure in nero, bell'esempio) che però col tempo che ci vuole verrà "premiato", precario e il lavoratore del call-center (di norma) e pure sottopagato... Precario (almeno spero) è il "passacarte" assunto al Puttanaio (pardon... Volevo dire alla regione) siciliana per spostare i fogli da un ufficio all'altro...
Penso che nel settore privato il precario sia sostanzialmente uno sfruttato per il semplice motivo legato al costo del lavoro che non torno a riesaminare per l'ennesima volta, dato che non sto parlando a dei deficienti.
Nel settore pubblico, viceversa, mi limito ad un "sentore" mutuato da altri discorsi che affrontammo all'epoca e anche più di recente. Il problema sta nell'organizzazione dei comparti prima ancora che nel novero totale degli addetti.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da holubice il Mer 6 Mag - 18:09

paolo1951 ha scritto:L'indennizzo non è mica tanto piccolo!!!
Ma, comunque sia, anche qui vorrei chiedere:
tu Holu lamentavi a suo tempo di aver speso un mucchio di soldi dal ginecologo quando tua moglie era in cinta, ecco che ne diresti di una legge che ti imponesse di continuare a portare (almeno fino alla menopausa) tutti i mesi tua moglie da quel ginecologo... anche se non è più in "stato interessante". carneval
Stiamo andando un po' fuori tema...

Ad ogni modo, penso che il non avere impegni 'per la vita' con un dipendente possa sortire un effetto positivo qualora una ditta decida di allargarsi: sa che se deve all'improvviso 'restringersi', semplicemente manda via il personale che si ritrova in eccesso. In teoria era già così, nei fatti toccava chiamare la BCE, la FED, l'ONU, prima di poter ristrutturare il personale. E' vero che il 'padrone' all'improvviso mi caccia, ma è anche vero che per 5-6 anni mi ha dato da lavorare. Cosa che, prima, molto spesso non accadeva. Il tutto potrebbe aumentare la massa di lavoro in circolazione. In qualche Paese estro lo fa.

C'è anche il risvolto negativo: il 'padrone delle ferriere ottocentensco'. Ti voglio vedere organizzare uno sciopero o iscriversi ad un sindacato con il fucile puntato di un licenziamento sempre puntato alla tempia.

Ho paura che assisteremo ad un aumento della contrattazione di secondo livello ...



... a livello delle gambe quando va bene. Più su quando si rompe il tavolo della trattativa.

boxed

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da holubice il Mer 6 Mag - 18:17

paolo1951 ha scritto:Altra domanda che pongo: chi non sa fare un cazzo o non ha voglia di fare un cazzo ha comunque DIRITTO ad essere assistito e quindi a protestare se questa assistenza è a suo dire scarsa... oppure dovrebbe al massimo chiedere umilmente, sperando nella generosità altrui?

E ancora, se la "generosità altrui" vi fu almeno una volta, da quel momento diventa un obbligo il suo perdurare finché la morte (del benefattore o del beneficiario) non faccia cessare questo rapporto parassitario?
Il sussidio di disoccupazione deve essere sempre del denaro elargito solo in caso di una qualche forma di lavoro. Ad esempio, chi lo percepisce dovrebbe essere impiegato per, che so, asfaltare, pulire le strade, salire sui compattatori della immondizia. Dovrebbe essere un ripiego, un lavoro con una paga misera, ma con cui sopravvivi per un po', ma mai dato 'a ufa'. Dando magari di tanto in tanto dei permessi per cercarsi un lavoro.

Ho un paio di amici che lavorano nella ristorazione che sistematicamente si fanno assumere in un ristorante e regolarmente, dopo due anni e mezzo, si fanno cacciare. Poi per altri 9 mesi beccano il sussidio di disoccupazione e lavorano in nero da qualche altra parte. Lo hanno fatto dalla più tenera età.


holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da paolo1951 il Mer 6 Mag - 19:19

holubice ha scritto:... Il sussidio di disoccupazione deve essere sempre del denaro elargito solo in caso di una qualche forma di lavoro. Ad esempio, chi lo percepisce dovrebbe essere impiegato per, che so, asfaltare, pulire le strade, salire sui compattatori della immondizia. Dovrebbe essere un ripiego, un lavoro con una paga misera, ma con cui sopravvivi per un po', ma mai dato 'a ufa'. Dando magari di tanto in tanto dei permessi per cercarsi un lavoro....
Qui Holu dissento completamente... non è mai conveniente costringere al lavoro chi non ha voglia, chi non è capace di lavorare... la cosa funzionava a mala pena all'epoca dei faraoni: se la piena del Nilo era scarsa o troppo abbondante i contadini rimanevano per anno senza lavoro e senza cibo, e allora il faraone gli dava lui il grano ma pretendeva che lavorassero a trascinare blocchi di pietra a suon di scudisciate. Ma vedi anche allora la cosa funzionava solo coi lavori pesanti e con la frusta... per i lavori un po' più difficili già 4 mila anni fa si ricorreva a liberi artigiani stipendiati e si usava solo la carota senza il bastone!

Affidare ai disoccupati, da parte dello stato, "lavori socialmente utili" (che poi sono in genere lavori assolutamente inutili), è pura ipocrisia... costa molto di più che mantenerli a fare un cazzo e serve solo a creare burocrazia, cioè parassitismo su parassitismo.
Lo stato non è in grado di produrre qualcosa a costo conveniente nemmeno utilizzando perone capaci e laboriose... figurati con gente che non è né l'una, né l'altra cosa.

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da primaverino il Mer 6 Mag - 23:00

paolo1951 ha scritto:Altra domanda che pongo: chi (1) non sa fare un cazzo o (2) non ha voglia di fare un cazzo ha comunque DIRITTO ad essere assistito e quindi a protestare se questa assistenza è a suo dire scarsa... oppure dovrebbe al massimo chiedere umilmente, sperando nella generosità altrui?

E ancora, se la "generosità altrui" vi fu almeno una volta, da quel momento diventa un obbligo il suo perdurare finché la morte (del benefattore o del beneficiario) non faccia cessare questo rapporto parassitario?

1) Chi non sa ma ha buona volontà può essere addestrato...
2) Quest'ultimo va tenuto a stecchetto finché voglia non sopravvenga...

Perdona l'iper semplificazione.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da primaverino il Mer 6 Mag - 23:01

paolo1951 ha scritto:
Lo stato non è in grado di produrre qualcosa a costo conveniente nemmeno utilizzando perone capaci e laboriose... figurati con gente che non è né l'una, né l'altra cosa.

Lo Stato sarebbe perfettamente in grado di fare, manca la volontà politica.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da paolo1951 il Gio 7 Mag - 7:17

primaverino ha scritto:...
1) Chi non sa ma ha buona volontà può essere addestrato...
2) Quest'ultimo va tenuto a stecchetto finché voglia non sopravvenga...

Perdona l'iper semplificazione.
Apprezzo l'iper semplificazione, ma trovo utopistico pensare che si possa addestrare certe persone e anche far venire la voglia di lavorare a certe altre... tanto più che una civiltà moderna offrirà sempre a loro qualche escamotage per vivere senza dover lavorare.

primaverino ha scritto:...
Lo Stato sarebbe perfettamente in grado di fare, manca la volontà politica.
Anche qui, non è la prima volta, dissento: allo Stato manca il pungolo del "profitto", la forza che deriva dal "bisogno".
Se il tuo fosse un ristorante "di Stato" ... non ti sbatteresti più di tanto perché l'azienda vada bene, perché aumentino lavoro, clientela e incassi. Non ti preoccuperesti di realizzare economie sui costi quando ti basterebbe per pareggiare il bilancio chiedere ulteriori "contributi", sovvenzioni...

paolo1951
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 5278
Età : 65
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da holubice il Gio 7 Mag - 7:59

paolo1951 ha scritto:
Qui Holu dissento completamente... non è mai conveniente costringere al lavoro chi non ha voglia, chi non è capace di lavorare... la cosa funzionava a mala pena all'epoca dei faraoni: se la piena del Nilo era scarsa o troppo abbondante i contadini rimanevano per anno senza lavoro e senza cibo, e allora il faraone gli dava lui il grano ma pretendeva che lavorassero a trascinare blocchi di pietra a suon di scudisciate. Ma vedi anche allora la cosa funzionava solo coi lavori pesanti e con la frusta... per i lavori un po' più difficili già 4 mila anni fa si ricorreva a liberi artigiani stipendiati e si usava solo la carota senza il bastone!

Affidare ai disoccupati, da parte dello stato, "lavori socialmente utili" (che poi sono in genere lavori assolutamente inutili), è pura ipocrisia... costa molto di più che mantenerli a fare un cazzo e serve solo a creare burocrazia, cioè parassitismo su parassitismo.
Lo stato non è in grado di produrre qualcosa a costo conveniente nemmeno utilizzando perone capaci e laboriose... figurati con gente che non è né l'una, né l'altra cosa.
A parte che io le piramidi le vedo ancora oggi, qui quelle opere pubbliche del faraone sono state di una qualche utilità, quanto propongo io è sempre meglio di ora, dove un mio amico becca doppio stipendio in nero, e l altro va ogni volta in Tailandia,a spese dell Inps.

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Manifestare in piazza

Messaggio Da holubice il Gio 7 Mag - 8:03

paolo1951 ha scritto:
primaverino ha scritto:...
1) Chi non sa ma ha buona volontà può essere addestrato...
2) Quest'ultimo va tenuto a stecchetto finché voglia non sopravvenga...

Perdona l'iper semplificazione.
Apprezzo l'iper semplificazione, ma trovo utopistico pensare che si possa addestrare certe persone e anche far venire la voglia di lavorare a certe altre... tanto più che una civiltà moderna offrirà sempre a loro qualche escamotage per vivere senza dover lavorare.

primaverino ha scritto:...
Lo Stato sarebbe perfettamente in grado di fare, manca la volontà politica.
Anche qui, non è la prima volta, dissento: allo Stato manca il pungolo del "profitto", la forza che deriva dal "bisogno".
Se il tuo fosse un ristorante "di Stato" ... non ti sbatteresti più di tanto perché l'azienda vada bene, perché aumentino lavoro, clientela e incassi. Non ti preoccuperesti di realizzare economie sui costi quando ti basterebbe per pareggiare il bilancio chiedere ulteriori "contributi", sovvenzioni...
Sottoscrivo e chiodo:

"Lo Stato non e' la soluzione. Lo Stato è il problema"

Ronald Regan

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum