Pena di morte...

Pagina 41 di 43 Precedente  1 ... 22 ... 40, 41, 42, 43  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Pena di morte...

14% 14% 
[ 13 ]
86% 86% 
[ 82 ]
 
Totale dei voti : 95

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Dom 27 Gen - 16:30

Rasputin ha scritto:
Non è una questione di su chi scaricare la colpa. Come ho già detto qui, la pena di morte - alla quale sono contrario - è disumana in sè, ma peggio quando viene applicata -anche solo parzialmente - per motivi religiosi.

Non mi pare difficile da capire.

anche la mia domanda non sembrava difficile da capire, eppure non stai rispondendo...
come ti ho già due volte risposto al , e se non sei in assoluta malafede come avrai potuto abbondantemente verificare, i due ladri iranaiani sono stati arrestari e giustiziati per il furto con aggressione, crimine che prevede l'inquadramento dei due rei nella categoria di "nemici di dio e della nazione". questo ovviamente lo consideri un fatto di gravità 100\100 e totale responsabilità dell'approccio religioso che ha l'iran alla giustizia. ora (ti ritraduco la domanda) i due ladri, se invece che in iran fossero stati in cina e avessero fatto la stessa cosa sarebbero stati trattati esattamente nella stessa maniera (il periodo è ipotetico per quelle due persone in particolare, visto che erano in iran, ma è quello che accade ed è accaduto più e più volte esattamente per la stessa tipologia di reato - questo per prevenire le tue solite menate su tuo nonno a turboelica). i ladri incastrati dai filmati sarebbero stati condannati come "nemici dello stato" e invece che impiccati davanti ad una folla vociante, sarebbero stati prelevati davanti ad una folla vociante, portati in una zona di sicurezza e, davanti ad un pubblico selezionato, gli avrebbero piantato una pallottola nella nuca (oppure presi dal tribunale e portati in un container subito fuori dalla porta, dove sarebbe loro stata fatta un' iniezione, giusto per snellire i tempi)

ora la semplice domanda è: in questo caso, dove non c'è alcun approccio religioso, anzi, i rappresentati del partito ci tengono assai alla laicità, continui a considerare la cosa un fatto di gravità 100\100, mi passi a un 98\100 perchè non c'entra allah? scendi di più?

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Dom 27 Gen - 17:57

jessica ha scritto:
ora la semplice domanda è: in questo caso, dove non c'è alcun approccio religioso, anzi, i rappresentati del partito ci tengono assai alla laicità, continui a considerare la cosa un fatto di gravità 100\100, mi passi a un 98\100 perchè non c'entra allah? scendi di più?

Quantificando stai tentando di fuorviare. La pena di morte è a mio parere disumana, e lo è ancora di più se applicata in nome di una religione e/o in base ad una legge religiosa.

Difficile da capire?

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da loonar il Dom 27 Gen - 17:58

Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:
ora la semplice domanda è: in questo caso, dove non c'è alcun approccio religioso, anzi, i rappresentati del partito ci tengono assai alla laicità, continui a considerare la cosa un fatto di gravità 100\100, mi passi a un 98\100 perchè non c'entra allah? scendi di più?

Quantificando stai tentando di fuorviare. La pena di morte è a mio parere disumana, e lo è ancora di più se applicata in nome di una religione e/o in base ad una legge religiosa.

Difficile da capire?
quoto..
per il principio che se mi dici di essere superiore eticamente a me perchè hai dalla tua dio, se poi ti comporti come un pisquano senza dio qualsiasi la cosa è più grave, no?

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Dom 27 Gen - 18:48

Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:
ora la semplice domanda è: in questo caso, dove non c'è alcun approccio religioso, anzi, i rappresentati del partito ci tengono assai alla laicità, continui a considerare la cosa un fatto di gravità 100\100, mi passi a un 98\100 perchè non c'entra allah? scendi di più?

Quantificando stai tentando di fuorviare. La pena di morte è a mio parere disumana, e lo è ancora di più se applicata in nome di una religione e/o in base ad una legge religiosa.

Difficile da capire?
insomma non ne vuoi sapere di darmi una risposta...

se dici che è così, è così, punto.

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Dom 27 Gen - 18:58

jessica ha scritto:
Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:
ora la semplice domanda è: in questo caso, dove non c'è alcun approccio religioso, anzi, i rappresentati del partito ci tengono assai alla laicità, continui a considerare la cosa un fatto di gravità 100\100, mi passi a un 98\100 perchè non c'entra allah? scendi di più?

Quantificando stai tentando di fuorviare. La pena di morte è a mio parere disumana, e lo è ancora di più se applicata in nome di una religione e/o in base ad una legge religiosa.

Difficile da capire?
insomma non ne vuoi sapere di darmi una risposta...

se dici che è così, è così, punto.

No ho scritto "A mio parere", segue risposta.

Come al solito manca il tuo.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Lun 28 Gen - 11:16

Rasputin ha scritto:

No ho scritto "A mio parere", segue risposta.

Come al solito manca il tuo.
ah no... sotto la domanda hai scritto certo delle parole, ma non una risposta alla mia domanda. devo dedurne che la lunga permanenza in crucconia abbia azzerato le tue capacità di comprensione dell'italiano o che tu stia facendo finta di non capire per non rispondere?

in effetti quello che scrivi non è particolarmente difficile da capire, quello che sembra difficile per te da capire è che quello che scrivi l'ho capito da ben prima che intervenissi in questo 3d: per te la pena di morte è una cosa orribilissima e ributtante ed è ancora peggio se applicata in nome di religioni o simili. bene.
ora provo per la quinta volta a farti la stessa semplice domanda:
posto che la pena di morte sia cosa disumana e terribile, perché ritieni che, a parità di risultato, sia più grave quando è applicata in nome di religioni\divinità o simili? PERCHÉ pensi ciò, non COSA pensi, che l'hai già detto 12 volte.

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Lun 28 Gen - 11:59

jessica ha scritto:
ora provo per la quinta volta a farti la stessa semplice domanda:
posto che la pena di morte sia cosa disumana e terribile, perché ritieni che, a parità di risultato, sia più grave quando è applicata in nome di religioni\divinità o simili? PERCHÉ pensi ciò, non COSA pensi, che l'hai già detto 12 volte.

Tanto per cominciare perché spesso non c'è parità di risultato, le leggi religiose altrettanto spesso - proprio per loro natura - consentono di condannare a morte ed eseguire anche chi non ha fatto nulla a nessuno (Vedi reato di apostasia, vilipendio a divinità ecc. nei paesi islamici).

Poi perché applicare la pena di morte in nome di religioni\divinità o simili equivale ad applicarla per assolutamente nessun motivo, il che la differenzia dall'applicarla per reati oggettivamente riscontrabili.

Mi spiego?

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Lun 28 Gen - 14:12

Rasputin ha scritto:Mi spiego?
si... ci sono volute 4 pagine ma finalmente si riesce ad intravvedere una risposta alle mie curiosità, non ancora soddisfatte... quindi:

Tanto per cominciare perché spesso non c'è parità di risultato, le leggi religiose altrettanto spesso - proprio per loro natura - consentono di condannare a morte ed eseguire anche chi non ha fatto nulla a nessuno (Vedi reato di apostasia, vilipendio a divinità ecc. nei paesi islamici).
quanto dici è vero, e cioè che esistono leggi di matrice religiosa che permettono di mandare a morte chi non ha fatto nulla, ma la cosa vale in maniera assolutamente simmetrica nel caso di leggi di matrice laica, prendiamo la cina come esempio lampante e statisticamente pesante, vi sono ovviamente molti altri casi. la lista dei reati di nulla gravità per i quali si va a morte mi pare di averla già postata. inoltre i vari reati che consideri hanno un loro parallelo "laico" e sostanzialmente si tratta di leggi che inibiscono la libera espressione (in entrambi i casi), reati contro "lo stato", la "pubblica morale", il partito ecc. volendo si può approfondire la faccenda.

Poi perché applicare la pena di morte in nome di religioni\divinità o simili equivale ad applicarla per assolutamente nessun motivo, il che la differenzia dall'applicarla per reati oggettivamente riscontrabili.
il furto, nel caso che si discuteva, è un reato oggettivamente riscontrabile, è l'interpretazione del gesto a fare la differenza. nei due casi (cina e iran) si va a parare sulle stesse motivazioni di fondo e l'esito è uguale.

invece è comunque oggettivamente riscontrabile (oppure non lo è, questione di gusti e definizioni, ma in ugual modo in entrambi i nostri stati-esempio) il reato di apostasia,bestemmia ecc tanto quanto il reato di attività sovversiva ai danni dello stato (pregare gesù davanti alla foto di woitila) di propaganda contro la nazione (sostenendo ad es. la richiesta di normali diritti umani) ecc ecc...
morale, non esiste alcuna disparità. il risultato reale, pratico, è esattamente lo stesso (solo che applicato con più efficienza in cina, ma tralasciamo) quindi continuo a non capire (o meglio, credo di capirlo bene, ma mi illudo di no) perchè la tua differenza di giudizio.


jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Lun 28 Gen - 14:32

Darrow ha scritto:
quoto..
per il principio che se mi dici di essere superiore eticamente a me perchè hai dalla tua dio, se poi ti comporti come un pisquano senza dio qualsiasi la cosa è più grave, no?
scusa, ero presa dal raspa e mi ero dimenticato di risponderea te...

quindi che mi dici del principio per cui se tu dici saper usare il cervello e non essere indottrinato da venditori di fumo ( hai dalla tua la ragione, l'oggettività bla bla) ma poi ti comporti come un pisquano credente qualsiasi, la cosa è più grave?

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Lun 28 Gen - 18:30

jessica ha scritto:il furto, nel caso che si discuteva, è un reato oggettivamente riscontrabile, è l'interpretazione del gesto a fare la differenza. nei due casi (cina e iran) si va a parare sulle stesse motivazioni di fondo e l'esito è uguale.

No. Una cosa è una condanna esagerata, un'altra è la motivazione della condanna, nei due casi decisamente diversa.

jessica ha scritto:invece è comunque oggettivamente riscontrabile (oppure non lo è, questione di gusti e definizioni, ma in ugual modo in entrambi i nostri stati-esempio) il reato di apostasia,bestemmia ecc tanto quanto il reato di attività sovversiva ai danni dello stato (pregare gesù davanti alla foto di woitila) di propaganda contro la nazione (sostenendo ad es. la richiesta di normali diritti umani) ecc ecc...
morale, non esiste alcuna disparità. il risultato reale, pratico, è esattamente lo stesso (solo che applicato con più efficienza in cina, ma tralasciamo) quindi continuo a non capire (o meglio, credo di capirlo bene, ma mi illudo di no) perchè la tua differenza di giudizio.

Perché - ho grassettato i soliti fumogeni - i primi non hanno alcun effetto riscontrabile. Il reato di apostasia non fa oggettivamente male a nessuno, e nemmeno danneggia il potere dello stato che lo condanna.

La propaganda contro la nazione, per citarne uno, sí, almeno potenzialmente.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da *Valerio* il Lun 28 Gen - 19:10

Rasputin ha scritto:

[...] Il reato di apostasia non fa oggettivamente male a nessuno, e nemmeno danneggia il potere dello stato che lo condanna.[...]

Prima della virgola sono d'accordissimo, dopo neanche un po'.
Un regime teocratico, se smettesse di condannare o tollerasse l'apostasia, avrebbe i giorni contati.



*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 43
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Lun 28 Gen - 19:40

*Valerio* ha scritto:
Rasputin ha scritto:

[...] Il reato di apostasia non fa oggettivamente male a nessuno, e nemmeno danneggia il potere dello stato che lo condanna.[...]

Prima della virgola sono d'accordissimo, dopo neanche un po'.
Un regime teocratico, se smettesse di condannare o tollerasse l'apostasia, avrebbe i giorni contati.



Parlavo del reato, non dell'eventuale tolleranza

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da *Valerio* il Lun 28 Gen - 19:52

Rasputin ha scritto:
*Valerio* ha scritto:
Rasputin ha scritto:

[...] Il reato di apostasia non fa oggettivamente male a nessuno, e nemmeno danneggia il potere dello stato che lo condanna.[...]

Prima della virgola sono d'accordissimo, dopo neanche un po'.
Un regime teocratico, se smettesse di condannare o tollerasse (l'inesistente reato che esiste solo nella mente di deficienti) l'apostasia, avrebbe i giorni contati.



Parlavo del reato, non dell'eventuale tolleranza

Rasp, il "reato" d'apostasia era il soggetto sottinteso del mio post.

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 43
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Lun 28 Gen - 23:42

Rasputin ha scritto:No. Una cosa è una condanna esagerata, un'altra è la motivazione della condanna, nei due casi decisamente diversa.
stesso reato, stessa condanna. in questo caso addirittura stesso appellativo, c'è solo un "dio" di differenza. e secondo te basta per rendere le due cose qualitativamente diverse.



Perché - ho grassettato i soliti fumogeni - i primi non hanno alcun effetto riscontrabile. Il reato di apostasia non fa oggettivamente male a nessuno, e nemmeno danneggia il potere dello stato che lo condanna.

La propaganda contro la nazione, per citarne uno, sí, almeno potenzialmente.
sei più simile a faria di quanto credessi. immagino che nel tuo slang con fumogeni intendi cose che non capisci e\o condividi.
ad ogni modo, di solito una teocrazia è tale in nome di un presunto mandato divino, se non credi che esista il dio che dà quel mandato non riconosci lo stato. uguale uguale a quello che dicono i cinesi sul papa (che a te pare tanto fumoso)

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da mix il Mar 29 Gen - 0:53

Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:invece è comunque oggettivamente riscontrabile (oppure non lo è, questione di gusti e definizioni, ma in ugual modo in entrambi i nostri stati-esempio) il reato di apostasia,bestemmia ecc tanto quanto il reato di attività sovversiva ai danni dello stato (pregare gesù davanti alla foto di woitila) di propaganda contro la nazione (sostenendo ad es. la richiesta di normali diritti umani) ecc ecc...
morale, non esiste alcuna disparità. il risultato reale, pratico, è esattamente lo stesso (solo che applicato con più efficienza in cina, ma tralasciamo) quindi continuo a non capire (o meglio, credo di capirlo bene, ma mi illudo di no) perchè la tua differenza di giudizio.

Perché - ho grassettato i soliti fumogeni - i primi non hanno alcun effetto riscontrabile. Il reato di apostasia pregare gesù davanti alla foto di woitila non fa oggettivamente male a nessuno, e nemmeno danneggia il potere dello stato che lo condanna.

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Mer 6 Feb - 18:16

jessica ha scritto:
Rasputin ha scritto:No. Una cosa è una condanna esagerata, un'altra è la motivazione della condanna, nei due casi decisamente diversa.
stesso reato, stessa condanna. in questo caso addirittura stesso appellativo, c'è solo un "dio" di differenza. e secondo te basta per rendere le due cose qualitativamente diverse.



Perché - ho grassettato i soliti fumogeni - i primi non hanno alcun effetto riscontrabile. Il reato di apostasia non fa oggettivamente male a nessuno, e nemmeno danneggia il potere dello stato che lo condanna.

La propaganda contro la nazione, per citarne uno, sí, almeno potenzialmente.
sei più simile a faria di quanto credessi. immagino che nel tuo slang con fumogeni intendi cose che non capisci e\o condividi.
ad ogni modo, di solito una teocrazia è tale in nome di un presunto mandato divino, se non credi che esista il dio che dà quel mandato non riconosci lo stato. uguale uguale a quello che dicono i cinesi sul papa (che a te pare tanto fumoso)

Grassettato 1: E sticazzi! Non ti basta??

Grassettato 2: Già. salvo che se io non riconoscessi lo stato in cui vivo non mi impiccherebbero eh

Ultima frase: eh? ???

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da delfi68 il Sab 19 Ott - 13:46

Washington, 18 ott. (Adnkronos) - "Non voglio vederlo morire, per quanto mi riguarda lo stare chiuso in una cella è una pena molto più severa di un'inieizione letale". Così Larry Flynt, il famoso editore della rivista porno Hustler, ha chiesto, in una lettera, pubblicata su Hollywood reporter, di bloccare l'esecuzione, fissata per il prossimo novembre, dell'uomo che 35 anni fa gli sparò costringendolo sulla sedia a rotelle.
ok

delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Faria il Lun 9 Dic - 9:13

delfi68 ha scritto:
Washington, 18 ott. (Adnkronos) - "Non voglio vederlo morire, per quanto mi riguarda lo stare chiuso in una cella è una pena molto più severa di un'inieizione letale". Così Larry Flynt, il famoso editore della rivista porno Hustler, ha chiesto, in una lettera, pubblicata su Hollywood reporter, di bloccare l'esecuzione, fissata per il prossimo novembre, dell'uomo che 35 anni fa gli sparò costringendolo sulla sedia a rotelle.
ok
d'accordo con larry flynt, la pena di morte fa applicata solo per casi di omicidio

Comunque è assurdo che tra la sentenza e la sua esecuzione passino 30 anni

Faria
-------------
-------------

Numero di messaggi : 587
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.01.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da iosonoateo il Lun 9 Dic - 13:39

Faria ha scritto:
delfi68 ha scritto:
Washington, 18 ott. (Adnkronos) - "Non voglio vederlo morire, per quanto mi riguarda lo stare chiuso in una cella è una pena molto più severa di un'inieizione letale". Così Larry Flynt, il famoso editore della rivista porno Hustler, ha chiesto, in una lettera, pubblicata su Hollywood reporter, di bloccare l'esecuzione, fissata per il prossimo novembre, dell'uomo che 35 anni fa gli sparò costringendolo sulla sedia a rotelle.
ok
d'accordo con larry flynt, la pena di morte fa applicata solo per casi di omicidio

Comunque è assurdo che tra la sentenza e la sua esecuzione passino 30 anni
faria ma tu i vaffanculo te li vai proprio a cercare? la tua è la classica affermazione di chi della vita non ha capito proprio un cazzo  diffidente

iosonoateo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4086
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 02.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Faria il Lun 9 Dic - 13:45

argomenta per favore

iosonoateo ha scritto:
Faria ha scritto:
delfi68 ha scritto:
Washington, 18 ott. (Adnkronos) - "Non voglio vederlo morire, per quanto mi riguarda lo stare chiuso in una cella è una pena molto più severa di un'inieizione letale". Così Larry Flynt, il famoso editore della rivista porno Hustler, ha chiesto, in una lettera, pubblicata su Hollywood reporter, di bloccare l'esecuzione, fissata per il prossimo novembre, dell'uomo che 35 anni fa gli sparò costringendolo sulla sedia a rotelle.
ok
d'accordo con larry flynt, la pena di morte fa applicata solo per casi di omicidio

Comunque è assurdo che tra la sentenza e la sua esecuzione passino 30 anni
faria ma tu i vaffanculo te li vai proprio a cercare? la tua è la classica affermazione di chi della vita non ha capito proprio un cazzo  diffidente

Faria
-------------
-------------

Numero di messaggi : 587
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.01.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da mix il Lun 9 Dic - 13:50

mò se lo cucina

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Fux89 il Lun 9 Dic - 13:58

Non ci provate. ISA, per piacere, evita certi interventi, rischiano solo di generare flame.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da iosonoateo il Lun 9 Dic - 14:05

Faria ha scritto:argomenta per favore

iosonoateo ha scritto:
Faria ha scritto:
delfi68 ha scritto:
Washington, 18 ott. (Adnkronos) - "Non voglio vederlo morire, per quanto mi riguarda lo stare chiuso in una cella è una pena molto più severa di un'inieizione letale". Così Larry Flynt, il famoso editore della rivista porno Hustler, ha chiesto, in una lettera, pubblicata su Hollywood reporter, di bloccare l'esecuzione, fissata per il prossimo novembre, dell'uomo che 35 anni fa gli sparò costringendolo sulla sedia a rotelle.
ok
d'accordo con larry flynt, la pena di morte fa applicata solo per casi di omicidio

Comunque è assurdo che tra la sentenza e la sua esecuzione passino 30 anni
faria ma tu i vaffanculo te li vai proprio a cercare? la tua è la classica affermazione di chi della vita non ha capito proprio un cazzo  diffidente
non serve argomentare, come si fa nel 2013 a pensare ancora che la pena di morte possa essere una punizione più esemplare della reclusione, alla faccia dell'evoluzione umana  diffidente immagino che poi tu per essere arrivato a questa conclusione abbia ben ponderato su queste cose:
-l'affidabilità della giustizia di un paese
-l'innocenza di chi viene accusato(se uno viene ucciso e poi è innocente come la metti?)
-il fatto che se ci fosse la pena di morte i crimini rischierebbero di aumentare e diventare più pericolosi, perché chi delinque entra in un ottica in cui se sa che rischia di essere ucciso allora tanto vale compiere un reato più grande( come reati terroristici )

iosonoateo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4086
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 02.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da iosonoateo il Lun 9 Dic - 14:06

mix ha scritto:mò se lo cucina
se sei qui per partecipare alla conversazione ok, altrimenti astieniti  :si si: 

iosonoateo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4086
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 02.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Faria il Lun 9 Dic - 14:16

1- non più esemplare ma la pena che il sistema giudiziario prevede
2-laffidabilità della giustizia è un fattore importante, ma negli usa e nella maggior parte dei paesi del primo mondo non è un probleba
3-l'innocenza presunta è irrilevante; altreimenti bisognerebbe essere contrari a qualsiasi pena
4-il tuo ultimo punto è un non sequitur incredibile

iosonoateo ha scritto:

non serve argomentare, come si fa nel 2013 a pensare ancora che la pena di morte possa essere una punizione più esemplare della reclusione, alla faccia dell'evoluzione umana  diffidente immagino che poi tu per essere arrivato a questa conclusione abbia ben ponderato su queste cose:
-l'affidabilità della giustizia di un paese
-l'innocenza di chi viene accusato(se uno viene ucciso e poi è innocente come la metti?)
-il fatto che se ci fosse la pena di morte i crimini rischierebbero di aumentare e diventare più pericolosi, perché chi delinque entra in un ottica in cui se sa che rischia di essere ucciso allora tanto vale compiere un reato più grande( come reati terroristici )

Faria
-------------
-------------

Numero di messaggi : 587
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 06.01.13

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 41 di 43 Precedente  1 ... 22 ... 40, 41, 42, 43  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum