Pena di morte...

Pagina 40 di 43 Precedente  1 ... 21 ... 39, 40, 41, 42, 43  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Pena di morte...

14% 14% 
[ 13 ]
86% 86% 
[ 82 ]
 
Totale dei voti : 95

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Ven 25 Gen - 14:22

Darrow ha scritto:
jessica ha scritto:
Darrow ha scritto:
Cioè?
non saprei bene come definirlo. da un lato c'è una qualche componente che spinge per la ricerca di emozioni forti, come i bambini quando vogliono vedere i film di paura, dall'altro qualcosa di più morboso, come nei casi franzoni & co. che assomiglia a voler tracciare una linea di separazione tra noi e loro...
qualcosa di innato psichicamente che credi inestirpabile dalla natura umana financo con un'adeguata pedagogia?
eh...vuoi troppo... non faccio mica treccani di cognome.
noto solo che in più culture diverse (alcune neanche figlie della stessa) vi sono elementi comuni nell'attrazione per i particolari cruenti. a partire dai figli dei civilissimi europei che disegnano mostri e sono attratti dalle storie horror fino ai bambini piraha di rasputin, nel bucodiculo amazzonico del mondo, che chiedono di risentire il vangelo perchè si entusiasmano con la decapitazione di giovanni battista...

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da loonar il Ven 25 Gen - 14:34

jessica ha scritto:
Darrow ha scritto:
jessica ha scritto:
Darrow ha scritto:
Cioè?
non saprei bene come definirlo. da un lato c'è una qualche componente che spinge per la ricerca di emozioni forti, come i bambini quando vogliono vedere i film di paura, dall'altro qualcosa di più morboso, come nei casi franzoni & co. che assomiglia a voler tracciare una linea di separazione tra noi e loro...
qualcosa di innato psichicamente che credi inestirpabile dalla natura umana financo con un'adeguata pedagogia?
eh...vuoi troppo... non faccio mica treccani di cognome.
noto solo che in più culture diverse (alcune neanche figlie della stessa) vi sono elementi comuni nell'attrazione per i particolari cruenti. a partire dai figli dei civilissimi europei che disegnano mostri e sono attratti dalle storie horror fino ai bambini piraha di rasputin, nel bucodiculo amazzonico del mondo, che chiedono di risentire il vangelo perchè si entusiasmano con la decapitazione di giovanni battista...
Ok, allora se permetti visto che io di pedagogia (alternativa e no) ne ho letto e di antropologia anche magari se mi ascolti qualche cazzata verosimile sono in grado di dirla anche io.
Per cui ripeto: tu chiami gli europei civilissimi, ma la pedagogia (cioè l'educazione che ricevono a scuola, in famiglia e dalle istituzioni sociali extra scolastiche) europea-occidentale è improntata alla gerarchia, al rispetto dei ruoli e alla punizione per chi non si attiene a quanto deciso da altri, il tutto seguendo una linea che indichi qual è il vero obiettivo: riconoscere l'autorità del superiore nella gerarchia (padre, maestro, generale, presidente) e far credere che questa sia la sola scelta possibile. Tutto ciò devasta la mente dei bambini che anche nei casi di infanzie felici saranno comunque abituati a perpetuare questo sistema di sopraffazione senza nessun stimolo ad interrompere la catena della violenza implicita ed esplicita.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Ven 25 Gen - 14:41

Darrow ha scritto:Ok, allora se permetti visto che io di pedagogia (alternativa e no) ne ho letto e di antropologia anche magari se mi ascolti qualche cazzata verosimile sono in grado di dirla anche io.
Per cui ripeto: tu chiami gli europei civilissimi, ma la pedagogia (cioè l'educazione che ricevono a scuola, in famiglia e dalle istituzioni sociali extra scolastiche) europea-occidentale è improntata alla gerarchia, al rispetto dei ruoli e alla punizione per chi non si attiene a quanto deciso da altri, il tutto seguendo una linea che indichi qual è il vero obiettivo: riconoscere l'autorità del superiore nella gerarchia (padre, maestro, generale, presidente) e far credere che questa sia la sola scelta possibile. Tutto ciò devasta la mente dei bambini che anche nei casi di infanzie felici saranno comunque abituati a perpetuare questo sistema di sopraffazione senza nessun stimolo ad interrompere la catena della violenza implicita ed esplicita.
veramente io ti ascolto anche quando nonesibisci titoli o competenze (e, tra l'altro, se non condivido, non condivido neanche se hai titoli e competenze).
ora le domande che mi vengono sono:
-l'attrazione del bambino di 4 anni per scheletri, morti, croci, sangue, lo consideri anche questo legato all'educazione di cui sopra?
-esistono (a tua conoscenza) culture in cui questo tipo di educazione (o meglio questo tipo di impostazione gerarchica) non si è sviluppata?

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da loonar il Ven 25 Gen - 14:44

jessica ha scritto:
1-l'attrazione del bambino di 4 anni per scheletri, morti, croci, sangue, lo consideri anche questo legato all'educazione di cui sopra?
2-esistono (a tua conoscenza) culture in cui questo tipo di educazione (o meglio questo tipo di impostazione gerarchica) non si è sviluppata?
1- sì
2- alcuni esempi di scuole libertarie improntate ai valori anarchici (ma sradicare millenni di incrostazioni culturali non è facile per cui permangono residui anche lì)

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Ven 25 Gen - 14:50

Darrow ha scritto:2- alcuni esempi di scuole libertarie improntate ai valori anarchici (ma sradicare millenni di incrostazioni culturali non è facile per cui permangono residui anche lì)
scuole intendi nella nostra società? io intendevo "popolazioni" sviluppatesi con paradigmi diversi

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da loonar il Ven 25 Gen - 14:53

jessica ha scritto:
Darrow ha scritto:2- alcuni esempi di scuole libertarie improntate ai valori anarchici (ma sradicare millenni di incrostazioni culturali non è facile per cui permangono residui anche lì)
scuole intendi nella nostra società? io intendevo "popolazioni" sviluppatesi con paradigmi diversi
Non ne esistono, il che non dovrebbe essere una giustificazione per non farle esistere.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da primaverino il Ven 25 Gen - 15:48

Darrow ha scritto:
jessica ha scritto:
Darrow ha scritto:2- alcuni esempi di scuole libertarie improntate ai valori anarchici (ma sradicare millenni di incrostazioni culturali non è facile per cui permangono residui anche lì)
scuole intendi nella nostra società? io intendevo "popolazioni" sviluppatesi con paradigmi diversi
Non ne esistono, il che non dovrebbe essere una giustificazione per non farle esistere.

Bello! ma (forse) utopistico.
Se perfino nelle società tribali esiste un ordine "di rispetto", non foss'altro che stabilito in base alle esperienze di vita (p. es: tu "anziano" mi dici cosa è meglio fare o non fare prima di guadare un fiume durante la caccia e non me lo dici perché sei il più forte o perché possiedi l'autorità in modo pre-costituito, ma perché quando eri giovane anche tu hai, poniamo, visto morire tuo fratello annegato, e tramite i tuoi consigli anch'io "giovane" potrò invecchiare serenamente o meno ma comunque "trasmettendo" il sapere alla generazione successiva, a perpetuazione della nostra specie) ecco la necessità dell'ìinsorgere di una pur primitiva forma di "ordine gerarchico". Ammissibile, nella fattispecie, per mero motivo antropologico.
Altro discorso invece per quanto attiene all'aspetto culturale, laddove nel corso dei secoli o dei millenni le varie civiltà hanno in qualche modo implementato una serie di sovrastrutture (le incrostazioni culturali cui fai acutamente riferimento) che peraltro risultano a posteriori, altrettanto necessarie ancorché "deviate" proprio in funzione della "cultura dominante" di volta in volta assurta a livello di "faro-guida". Una complicazione, insomma, ma della quale (temo) non si possa fare a meno se non a scapito del collasso di quei sistemi che l'Uomo, nel suo continuo "divenire" ha prodotto e consolidato.
E qui, mi pare, il ragionamento tende ad assumere un andamento circolare (limite cognitivo mio) pertanto mi fermo qua.
Un tuo parere? (invito esteso, va senza dire, a tutti i convenuti).

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da loonar il Ven 25 Gen - 15:55

La gerarchia, o meglio il rapporto di potere basato sull'esperienza è tipico delle chefferies (gruppi umani non oltre i 30/40 individui).
In questi casi il potere si eterodirige e non rimane cristallizzato nelle istituzioni, che infatti in queste società non esistono.
nelle società con più alto numero di individui si creano istituzioni che semplificano la distribuzione del potere e la fissano in un flusso omodiretto dall'alto verso il basso (gerarchia classica istituzionalizzata).
Da lì tutti i problemi che conosciamo (violenza, fobie, psicopatologie, ecc...)

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da primaverino il Ven 25 Gen - 16:20

Verdone a Darrow!
Resta il problema di tentare una mediazione tra l'equilibrio "naturalmente" ottenibile in forme aggregative numericamente limitate e Stati moderni.
Ritieni che sia fattibile, senza perciò teorizzare utopie?
Perché l'agire con buon senso si applica senza sforzo sinché si è in pochi (tu dicevi 30/40 individui, io più ottimisticamente estenderei il concetto anche a gruppi di poche centinaia o migliaia di individui distribuiti su un territorio limitato), ma poi quando si devon fare i conti con la moltitudine sopravvengono altre difficoltà (comprensibili) cui le Istituzioni non riescono a far fronte? Detto in altri termini: è la forma istituzionale che va cambiata (o abolita), oppure si tratta solo di farsi carico di una nuova e più gravosa responsabilità tendente comunque al governo delle masse? Insomma (volendomela figurare). Mi pare che siamo dinnanzi ad una porta con in mano un mazzo di chiavi, ma non riusciamo a trovare la chiave giusta... O si tratta proprio di una sorta di "limite invalicabile"?

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da *Valerio* il Ven 25 Gen - 18:05

jessica ha scritto:
Darrow ha scritto:Ok, allora se permetti visto che io di pedagogia (alternativa e no) ne ho letto e di antropologia anche magari se mi ascolti qualche cazzata verosimile sono in grado di dirla anche io.
Per cui ripeto: tu chiami gli europei civilissimi, ma la pedagogia (cioè l'educazione che ricevono a scuola, in famiglia e dalle istituzioni sociali extra scolastiche) europea-occidentale è improntata alla gerarchia, al rispetto dei ruoli e alla punizione per chi non si attiene a quanto deciso da altri, il tutto seguendo una linea che indichi qual è il vero obiettivo: riconoscere l'autorità del superiore nella gerarchia (padre, maestro, generale, presidente) e far credere che questa sia la sola scelta possibile. Tutto ciò devasta la mente dei bambini che anche nei casi di infanzie felici saranno comunque abituati a perpetuare questo sistema di sopraffazione senza nessun stimolo ad interrompere la catena della violenza implicita ed esplicita.
veramente io ti ascolto anche quando nonesibisci titoli o competenze (e, tra l'altro, se non condivido, non condivido neanche se hai titoli e competenze).
ora le domande che mi vengono sono:
-l'attrazione del bambino di 4 anni per scheletri, morti, croci, sangue, lo consideri anche questo legato all'educazione di cui sopra?
-esistono (a tua conoscenza) culture in cui questo tipo di educazione (o meglio questo tipo di impostazione gerarchica) non si è sviluppata?

A proposito di questo discorso che stavate facendo faccio un copiaincolla di un articolo letto qualche giorno fa, che a tratti si riallaccia bene a quanto avete scritto finora ed in particolar modo a quanto esposto da Darrow.
(col quale concordo in pieno)
Illustra le differenze tra un modello educativo occidentale con altri di tipo tribale.

DI JARED DIAMOND
The Guardian

I genitori occidentali possono imparare molto dalle società tribali sull’educazione dei figli: i risultati parlano da soli.

C’è bisogno di picchiare i propri figli per disciplinarli? La questione è stata a lungo dibattuta senza raggiungere un accordo. Abbiamo avuto l’opportunità di risolverla attraverso un esperimento di manipolazione controllata: abbiamo assegnato le 47 contee d’Inghilterra in modo casuale ad uno tra due insiemi: uno di 14 Paesi in cui ai genitori è severamente vietato picchiare i figli; l’altro di 23 Paesi in cui hanno l’ordine di disciplinare i propri bambini picchiandoli. Trent’anni dopo, gli psicologi hanno potuto misurare in quale dei due insiemi di Paesi i giovani adulti fossero più creativi, fiduciosi di sé, rispettosi della legge, benestanti e felici.

Un tale esperimento di manipolazione potrebbe essere considerato irrealizzabile, illegale ed immorale. Tuttavia, esperimenti simili sono stati effettuati migliaia di volte, sebbene non in condizioni talmente ben definite. Ci sono grandi differenze tra le pratiche di allevamento della prole tra le migliaia di società umane del mondo, specialmente tra quelle società tribali tradizionali e su piccola scala. Queste società sopravvivono ancora oggi al di là del controllo del governo in Nuova Guinea ed in Amazzonia e molti usi persistono in alcune zone rurali di Paesi con un governo centrale.

Le società tradizionali sono molto più varie rispetto alle moderne società industriali o occidentalizzate. Alcune si oppongono maggiormente al picchiare i propri figli, altre invece sono più inclini anche più di qualsiasi altra società occidentalizzata. Le società tradizionali costituiscono degli esperimenti naturali in tema di allevamento dei bambini che si sono portati avanti per millenni. Mettendo a confronto i risultati di questi esperimenti naturali, apprendiamo gli effetti di schemi alternativi di crescita dei bambini che al giorno d’oggi non potrebbero mai essere testati attraverso la manipolazione controllata.

Degli esempi a noi familiari di certi esperimenti naturali sono quelli usati per identificare gli effetti della nostra dieta e del nostro stile di vita sulla nostra salute. Per esempio, perché la maggior parte dei fisici crede che assumere molto sale tenda a causare un aumento della pressione e anche infarto? La quantità di sale assunta varia tra una società e l’altra, da soli 50 mg al giorno per gli indiani yanomamo del Brasile ai 27 grammi al giorno nel nord del Giappone, il Paese degli infarti. Le società che consumano meno sale si rivelano quelle con la pressione più bassa, mentre quelle che ne consumano di più segnalano pressione alta. In questo caso è stato possibile, legale e morale usare degli esperimenti manipolativi (lievi) per confermare questa conclusione: all’assunzione di poco o molto sale per una settimana, i livelli di pressione del sangue scendono e salgono rispettivamente.

Per quanto riguarda gli esperimenti naturali sul picchiare o meno i bambini, tale pratica non è usata nella maggior parte delle società basate sulla caccia o sull’agricoltura. All’estremo opposto, nelle piccole società basate sull’allevamento si tende a picchiare severamente i bambini, perché un figlio negligente che lascia il cancello di un recinto aperto potrebbe lasciare che parte del prezioso bestiame scappi.

Le piccole società in cui i bambini non vengono picchiati si distinguono in media dalle moderne società occidentalizzate per almeno altri sette motivi in termini di allevamento dei figli. Portano in braccio i bambini in verticale e con lo sguardo rivolto in avanti, in modo che possano vedere dove vengono portati: non trasportano i bambini orizzontalmente come nelle nostre carrozzine, né con lo sguardo rivolto all’indietro come nella maggior parte dei nostri marsupi. Rispondono quasi immediatamente al pianto del bambino; non lasciano che un bambino pianga per 10 minuti filati per “imparare a controllarsi”. La responsabilità per un bambino del gruppo è condivisa non solo dai genitori, ma anche tra tutti gli adulti del gruppo. Sin dall’infanzia, ai figli è concessa molta più libertà di scelta di quanto facciano i genitori micro-imprenditoriali occidentali. I bambini vengono tenuti in braccio in maniera più costante (che sia dai genitori, un altro adulto o un bambino più grande) e non lasciati in una culla. I bambini dormono nello stesso letto dei genitori: probabilmente nessun bambino nella storia dell’uomo è stato mai lasciato a piangersi l’anima per farlo dormire nella sua culla o nella sua stanza prima di 10.000 anni fa. Inoltre, le madri allattano i loro figli per diversi anni.

Che tipo di adulti ne risulteranno? Molti scienziati hanno registrato le loro osservazioni. Ho inoltre sentito l’opinione di molti bambini di genitori occidentali che sono cresciuti in Africa o in Nuova Guinea (ad esempio, figli di missionari) e che sono tornati in Europa o negli Stati Uniti da adolescenti. Sia gli scienziati che i figli degli occidentali, hanno visioni simili. I bambini delle società tradizionali trascorrono meno tempo a piangere rispetto a quelli occidentali. Lo sviluppo delle abilità sociali nei bambini delle società tradizionali è, secondo i nostri standard, precoce. Le parole “curioso”, “sicuro di sé”, “emotivamente sicuro”, “creativo” e “fantasioso” continuano ad saltare fuori dalle descrizioni degli occidentali delle popolazioni tradizionali. Rispetto a noi, passano molto più tempo a parlare e a giocare insieme faccia a faccia, e molto meno tempo a “divertirsi” passivamente guardando qualcosa e non perdono tempo comunicando indirettamente via e-mail, messaggi o telefono. La loro adolescenza non è tormentata dalla ribellione o dalle crisi di identità.

Queste sono qualità che ammiriamo e che ci piacerebbe vedere nei nostri bambini, ma li scoraggiamo perché gli diciamo continuamente cosa fare, lasciandogli poca scelta; li giudichiamo di continuo, li picchiamo, razioniamo il nostro tempo e il contatto con loro; li lasciamo soli ed insicuri per lunghi periodi.

Non sto dicendo che sarebbe facile per noi adottare tutte quelle pratiche di crescita tradizionali, anche se siamo convinti del loro valore. Per molti di noi, potrebbe essere difficile conciliare alcune di queste pratiche tradizionali con le aspettative della vita moderna, come ad esempio l’allattamento prolungato. Altre pratiche potrebbero essere difficili da adottare per quei genitori i cui vicini crescono i lori figli in maniera diversa. Tuttavia, molte pratiche tradizionali sono molto facili da adottare per le singole coppie. Possiamo portare in braccio nostro figlio in verticale e con lo sguardo rivolto alla strada, senza curarci di come gli altri genitori facciano con i propri bambini. Anche se i vostri vicini picchiano i loro figli, non è detto che dobbiate farlo anche voi.

Secondo gli standard tradizionali, molte delle pratiche moderne nell’allevare i figli sono bizzarre. Le pratiche tradizionali sono il prodotto di centinaia di migliaia di anni di esperimenti naturali, in migliaia di società.
Se vogliamo, possiamo imparare molto da questi esperimenti naturali.

Jared Diamond
Fonte: www.guardian.co.uk
Link: http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2013/jan/11/traditional-family-values-without-smacking?INTCMP=SRCH
11.01.2013

Traduzione per ww.Comedonchisciotte.org a cura di ROBERTA PAPALEO

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 43
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Ven 25 Gen - 18:25

jessica ha scritto:
quindi ritorno alla domanda originaria: perchè la stessa roba sussiste sia dove la religione c'è che dove non c'è?

Rispondo senza avere letto il resto: dove c'è la religione è peggio perché essa ne costituisce il motivo primario.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Ven 25 Gen - 18:33

primaverino ha scritto: (tu dicevi 30/40 individui, io più ottimisticamente estenderei il concetto anche a gruppi di poche centinaia o migliaia di individui distribuiti su un territorio limitato)
si ma perchè gli è scappato un "mila"

Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:
quindi ritorno alla domanda originaria: perchè la stessa roba sussiste sia dove la religione c'è che dove non c'è?

Rispondo senza avere letto il resto: dove c'è la religione è peggio perché essa ne costituisce il motivo primario.
e quindi perchè è peggio se il risultato è identico? (a parte il fatto di stare più sulle balle a te, intendo)

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Ven 25 Gen - 18:47

jessica ha scritto:e quindi perchè è peggio se il risultato è identico? (a parte il fatto di stare più sulle balle a te, intendo)

Perché il motivo non esiste.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da *Valerio* il Ven 25 Gen - 18:49

Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:e quindi perchè è peggio se il risultato è identico? (a parte il fatto di stare più sulle balle a te, intendo)

Perché il motivo non esiste.

Dare l'esempio, non è un motivo?

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 43
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Ven 25 Gen - 18:58

*Valerio* ha scritto:
Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:e quindi perchè è peggio se il risultato è identico? (a parte il fatto di stare più sulle balle a te, intendo)

Perché il motivo non esiste.

Dare l'esempio, non è un motivo?

Eh?

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da *Valerio* il Ven 25 Gen - 19:08

Rasputin ha scritto:
*Valerio* ha scritto:
Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:e quindi perchè è peggio se il risultato è identico? (a parte il fatto di stare più sulle balle a te, intendo)

Perché il motivo non esiste.

Dare l'esempio, non è un motivo?

Eh?
WTF?

La mia era una domanda, secondo te, qualunque sia la motivazione per una pena di morte, non ha come scopo oltre il fatto di punire l'individuo anche dare l'esempio agli altri?

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 43
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Ven 25 Gen - 19:34

*Valerio* ha scritto:
Rasputin ha scritto:
*Valerio* ha scritto:
Rasputin ha scritto:
jessica ha scritto:e quindi perchè è peggio se il risultato è identico? (a parte il fatto di stare più sulle balle a te, intendo)

Perché il motivo non esiste.

Dare l'esempio, non è un motivo?

Eh?
WTF?

La mia era una domanda, secondo te, qualunque sia la motivazione per una pena di morte, non ha come scopo oltre il fatto di punire l'individuo anche dare l'esempio agli altri?

Sisi, il problema è se un reato lieve viene esageratamente punito con la morte come deterrente od altri motivi più o meno pragmatici o come punizione perché il reato costituisce un'offesa alla divinità di turno

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da jessica il Ven 25 Gen - 23:07

Rasputin ha scritto:Sisi, il problema è se un reato lieve viene esageratamente punito con la morte come deterrente od altri motivi più o meno pragmatici o come punizione perché il reato costituisce un'offesa alla divinità di turno

corretto... rimane sempre la domanda senza risposta: e quando lo stesso reato viene punito nella stessa maniera dove non c'è alcuna divinità di turno, su chi scarichi la colpa?

jessica
---------------------
---------------------

Numero di messaggi : 6695
Occupazione/Hobby : alta sacerdotessa della GVR, non collezionatrice di francobolli
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 23.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Sab 26 Gen - 10:12

jessica ha scritto:
Rasputin ha scritto:Sisi, il problema è se un reato lieve viene esageratamente punito con la morte come deterrente od altri motivi più o meno pragmatici o come punizione perché il reato costituisce un'offesa alla divinità di turno

corretto... rimane sempre la domanda senza risposta: e quando lo stesso reato viene punito nella stessa maniera dove non c'è alcuna divinità di turno, su chi scarichi la colpa?

Non è una questione di su chi scaricare la colpa. Come ho già detto qui, la pena di morte - alla quale sono contrario - è disumana in sè, ma peggio quando viene applicata -anche solo parzialmente - per motivi religiosi.

Non mi pare difficile da capire.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da mix il Sab 26 Gen - 11:07

Rasputin ha scritto:Non è una questione di su chi scaricare la colpa. Come ho già detto qui, la pena di morte - alla quale sono contrario - è disumana in sè, ma peggio quando viene applicata -anche solo parzialmente - per motivi religiosi.

Non mi pare difficile da capire.
per l'autorità di dio NO non va bene, [OK: NO]
per l'autorità del Partito o Stato no non va bene (NO/no)? [OK: NO]
oppure può anche andare bene?
dipende?
[la mia opinione]
anch'io non ho ben capito.
sempre per compiacere autorità costruite dall'uomo vengono prese scuse per giustificarle
cosa cambia?

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da lupetta il Sab 26 Gen - 11:14

a parte per i motivi religiosi, a me non sembra che la pena di morte venga applicata per reati lievi, ma per cose tipo l'omocidi, stragi...

lupetta
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 9602
Età : 41
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Dubitare
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 11.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Sally il Sab 26 Gen - 11:17

In alcuni paesi islamici viene applicata la sharia che prevede la pena di morte, oltre che per omicidio (solo di un islamico), anche per omosessualita', adulterio, apostasia e bestemmia contro Aallah.

Sally
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 4886
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da mix il Sab 26 Gen - 11:26

Diva ha scritto:In alcuni paesi islamici viene applicata la sharia che prevede la pena di morte, oltre che per omicidio (solo di un islamico), anche per omosessualita', adulterio, apostasia e bestemmia contro Aallah.
è possibile raggruppare, semplificando, tutto, idealmente, sotto la categoria "insubordinazione all'autorità" (religiosa)?

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da Rasputin il Sab 26 Gen - 11:44

mix ha scritto:
Rasputin ha scritto:Non è una questione di su chi scaricare la colpa. Come ho già detto qui, la pena di morte - alla quale sono contrario - è disumana in sè, ma peggio quando viene applicata -anche solo parzialmente - per motivi religiosi.

Non mi pare difficile da capire.
per l'autorità di dio NO non va bene, [OK: NO]
per l'autorità del Partito o Stato no non va bene (NO/no)? [OK: NO]
oppure può anche andare bene?
dipende?
[la mia opinione]
anch'io non ho ben capito.
sempre per compiacere autorità costruite dall'uomo vengono prese scuse per giustificarle
cosa cambia?

Che le seconde (Autorità) almeno non sono immaginarie (Mi pareva di avere scritto in italiano)

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pena di morte...

Messaggio Da mix il Sab 26 Gen - 12:06

Rasputin ha scritto:
mix ha scritto:
Rasputin ha scritto:Non è una questione di su chi scaricare la colpa. Come ho già detto qui, la pena di morte - alla quale sono contrario - è disumana in sè, ma peggio quando viene applicata -anche solo parzialmente - per motivi religiosi.

Non mi pare difficile da capire.
per l'autorità di dio NO non va bene, [OK: NO]
per l'autorità del Partito o Stato no non va bene (NO/no)? [OK: NO]
oppure può anche andare bene?
dipende?
[la mia opinione]
anch'io non ho ben capito.
sempre per compiacere autorità costruite dall'uomo vengono prese scuse per giustificarle
cosa cambia?

Che le seconde (Autorità) almeno non sono immaginarie (Mi pareva di avere scritto in italiano)
a me paiono identiche (scritto in italiano): costrutti umani ambedue, con più o meno le stesse finalità, solo con abiti differenti. da una parte i travestimenti delle parate religiose dall'altra le divise militari da parata (a parte le diverse carte da parati i muri sotto sono di uno stesso tipo di edificio mentale/sociale, grossomodo)

mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 40 di 43 Precedente  1 ... 21 ... 39, 40, 41, 42, 43  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum