Ignazio

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da primaverino il Dom 4 Ott - 19:19

Minsky ha scritto:
primaverino ha scritto:Ho letto l'articolo e almeno un centinaio di commenti.
La mia idea rimane sostanzialmente invariata sulla persona: un inetto totale.
[...]
Ebbene, sì. Non tanto per quello che lui fa o non fa: vai a sapere se non può toccare certe cose perché ha le mani legate o ci sono in ballo interessi troppo grandi (certamente è anche per questo). Ma per come lo considerano i suoi pari. La falsa intervista de "la zanzara" è un fascio di fotoelettrica sulla situazione. I poteri (vaticano, governo) lo considerano una merdaccia, un Fantozzi. Se davvero lui non fosse un inetto totale e stesse mettendo un po' - dico almeno un po' - di paura ai malavitosi delle alte sfere, questi lo tratterebbero con molto più rispetto, o quanto meno con cautela e circospezione. Invece è evidente che lo ritengono inoffensivo, e se guardiamo ai risultati, è difficile non convergere sulla stessa conclusione.

Stavo pensando la stessa cosa...
E per associazione di idee mi torna in mente "il giorno della civetta"...
Don Mariano Arena stima e rispetta il capitano Bellodi, mentre quello che arriva dopo di lui è un semplice quaqquaracquà...
Ecco Marino è un quaqquaraqquà... Sennò è in qualche modo colluso, il che è pure peggio.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da holubice il Lun 5 Ott - 4:46

Paolo ha scritto:Circa le favole, io l'avevo già scritto per altro, mio padre era contrario a raccontarle, o meglio a far credere che siano vere, perchè il bambino non deve essere educato con l'inganno e tanto più non devi far credere al bambino che possa esistere realmente un mondo fantastico con personaggi fantastici. Io ai miei figli o sempre detto la verità: nè babbo natale nè Gesù sono mai esistiti.  wink.. Sono solo delle favole! 
Che tristezza ....!
Pensa, qui da me non erano ancora nati, che già avevo montato una piccola libreria e fatto incetta dei vari Peter Pan, Gulliver, Andersen. Ma forse, ripeto, è proprio dovuto al fatto che in casa mia certe cose mi sono mancate. Hanno lavorato giorno e notte per non farci mancare niente, ma non ci diedero quello che proprio non potevano darci.

Lettura consigliata ...



... sopratutto quella parte in cui c'è uno che conta e riconta, conta e riconta, e a furia di contare, non si ricorda più neanche che diammine contava.

Ti ho fatto incuriosire? Spero di sì ...



ok

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6100
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da holubice il Lun 5 Ott - 4:53

Minsky ha scritto:... Scusa tanto Holu, ma da quale esegesi discende la tua "morale della favola"? Io l'ho letta tutta attentamente, e l'unica conclusione che se ne può trarre, secondo me, è che se sei scemo ma hai l'aiuto dei superpoteri la spunti sempre comunque, pur non avendo il benché minimo merito (i fratelli almeno qualche piccolo sforzo l'hanno fatto, sia pure con molta fiacca). L'onestà non c'entra proprio per niente.
Ti devo/vi devo, le mie scuse. Nello specifico, la fiaba l'ho presa da questa trasposizione per i bambini ...



... che ho visto insieme ai figli. In effetti la storia, tra il video ed il libro, è stata parecchio riadattata (la morale del cartone è ben più 'marcata').

Comunque resta il fatto che il giocare pulito è, razionalmente, un comportamento 'stupido'. Perché ti fa partire sempre penalizzato. Sopratutto in un paese come il nostro, con un coscienza sotto le suole delle scarpe.

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6100
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da holubice il Lun 5 Ott - 5:00

Minsky ha scritto:Ebbene, sì. Non tanto per quello che lui fa o non fa: vai a sapere se non può toccare certe cose perché ha le mani legate o ci sono in ballo interessi troppo grandi (certamente è anche per questo). Ma per come lo considerano i suoi pari. La falsa intervista de "la zanzara" è un fascio di fotoelettrica sulla situazione. I poteri (vaticano, governo) lo considerano una merdaccia, un Fantozzi. Se davvero lui non fosse un inetto totale e stesse mettendo un po' - dico almeno un po' - di paura ai malavitosi delle alte sfere, questi lo tratterebbero con molto più rispetto, o quanto meno con cautela e circospezione. Invece è evidente che lo ritengono inoffensivo, e se guardiamo ai risultati, è difficile non convergere sulla stessa conclusione.
Il malavitoso delle alte sfere, intendo quello a capo del Governo, ha paura che dopo Parma e Livorno, la prossima città ad essere a 5 stelle potrebbe essere proprio Roma. Questa più che una smentita è una minaccia ...

Secolo: Di Battista: “Io Sindaco di Roma? Le regole del M5S me lo impediscono”



"Su “La Stampa” si legge che “più di qualcuno pensa che Ignazio Marino dovrebbe dimettersi per far spazio a un candidato sindaco che possa affrontare il nome forte del M5S che da giorni ormai circola insistentemente come un’ossessione per il Pd: Alessandro Di Battista. È lui, una delle icone mediatiche del M5S, che la folla pentastellata evoca quando assedia il Campidoglio e sogna la conquista della Capitale." (continua nel link)

Insomma, l'ordine è: state calmi, fate gli estintori delle situazioni e, sopratutto, fate passare la buriana. Che magari poi tutto torna come prima.


wall2

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6100
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da holubice il Lun 5 Ott - 5:06

Oh, ovviamente senza farsi troppe illusioni. Lo sapete chi c'era nel '93 a lanciare le monetine contro la Thema di Craxi davanti all'hotel Raphael? Sì, proprio lui ...



... ve lo avrò scritto chissà quante volte, ma ricitarlo vale sempre la pena:

"Non cacciate mai un politico corrotto. Perché ne arriverà un altro che sarà come lui, solo con lo stomaco vuoto"

(Giovenale)



triste

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6100
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Paolo il Lun 5 Ott - 10:19

holubice ha scritto:
Paolo ha scritto:Circa le favole, io l'avevo già scritto per altro, mio padre era contrario a raccontarle, o meglio a far credere che siano vere, perchè il bambino non deve essere educato con l'inganno e tanto più non devi far credere al bambino che possa esistere realmente un mondo fantastico con personaggi fantastici. Io ai miei figli o sempre detto la verità: nè babbo natale nè Gesù sono mai esistiti.  wink.. Sono solo delle favole! 
Che tristezza ....!
Pensa, qui da me non erano ancora nati, che già avevo montato una piccola libreria e fatto incetta dei vari Peter Pan, Gulliver, Andersen. Ma forse, ripeto, è proprio dovuto al fatto che in casa mia certe cose mi sono mancate. Hanno lavorato giorno e notte per non farci mancare niente, ma non ci diedero quello che proprio non potevano darci.

Lettura consigliata ...



... sopratutto quella parte in cui c'è uno che conta e riconta, conta e riconta, e a furia di contare, non si ricorda più neanche che diammine contava.

Ti ho fatto incuriosire? Spero di sì ...



ok

Perchè che tristezza? Forse non hai capito bene. Io non ho detto che da piccolo non mi raccontassero le favole. Solo che mi dicevano che erano favole. E non per questo sono meno belle. Anzi direi il contrario.

Holub se la tua cultura si fonda sui libri che consigli di leggere ......capisco tante cose di te !

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Minsky il Gio 15 Ott - 21:46


_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13439
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Rasputin il Gio 15 Ott - 21:48

In questo caso si tratta probabilmente della bolletta (Intesa anche come macchia sulle mutande)

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Minsky il Gio 15 Ott - 22:05

Rasputin ha scritto:In questo caso si tratta probabilmente della bolletta (Intesa anche come macchia sulle mutande)


_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13439
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Rasputin il Gio 15 Ott - 22:09

Ahiocapí, dicevo in questo caso

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da holubice il Lun 19 Ott - 9:44

Paolo ha scritto:Perchè che tristezza? Forse non hai capito bene. Io non ho detto che da piccolo non mi raccontassero le favole. Solo che mi dicevano che erano favole. E non per questo sono meno belle. Anzi direi il contrario.
Holub  se la tua cultura si fonda sui libri che consigli di leggere ......capisco tante cose di te !
Ed io capisco perché tu non capisca che l'essenziale è invisibile agli occhii ...



crying

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6100
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da holubice il Lun 19 Ott - 9:51

Giornale: la valigetta atomica di Marino



"La cittadinanza romana è inquieta, medita accoglienza all'aeroporto. Non del tipo riservato dai tifosi romanisti al nuovo attaccante Dzeko.
Ignazio Marino torna con una valigetta speciale, un po' più uguale delle altre, una dalla quale pare abbia cominciato a non separarsi mai. All'interno, il file del frutto della passione estiva cui, raccontano, avrebbe dedicato nottate insonni e sacrificato più di un'immersione. Il precoce libro di memorie. Accanto alla preziosa pennetta , i variopinti quaderni nei quali, come ha confidato in una strabiliante intervista resa a Concita De Gregorio, annota da mesi «nomi, circostanze, dettagli». Minuzioso resoconto di incontri e dialoghi, «ora per ora, momento per momento». L'altrettanto ricca pennetta di Concita, grondando simpatia, ha immortalato questa decina di quaderni, non di più, da par suo. Vergati in inchiostro verde (Ignazio scrive come Togliatti, ma questo lo annotiamo noi), essi regnano «nell'angolo più discreto del suo studio»." (continua nel link)



Sembra che il libro esca per natale. Molti di quegli appunti, da quanto so, sono in anteprima sul tavolo del Procuratore Pignatone.

Ci stiamo incazzando con il medico che ci ha detto di avere un cancro. Non con il cancro stesso, ma con chi tenta, o ha tentato, di estirparcelo.

Torneremo ad avere quello che ci meritiamo.


boxed

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6100
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Minsky il Lun 19 Ott - 15:08

holubice ha scritto:...
Cazzate, se mi è consentito il dire. Non è con un libro di memorie che si estirpa la corruzione.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13439
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Paolo il Lun 19 Ott - 15:28

holubice ha scritto:
Paolo ha scritto:Perchè che tristezza? Forse non hai capito bene. Io non ho detto che da piccolo non mi raccontassero le favole. Solo che mi dicevano che erano favole. E non per questo sono meno belle. Anzi direi il contrario.
Holub  se la tua cultura si fonda sui libri che consigli di leggere ......capisco tante cose di te !
Ed io capisco perché tu non capisca che l'essenziale è invisibile agli occhii ...

crying

C'è una fondamentale differenza tra le due considerazioni. Non credere, o comunque non ingannare facendo credere alle favole è un fatto oggettivo. Per definizione la favola è un racconto fantastico che non è in alcun caso reale. Credere invece nell'invisibile (come lo definisci tu) è del tutto soggettivo. Se ti va lo puoi fare. Ma non trovo corretto che tu basandoti su di una valutazione del tutto soggettiva condizioni le menti di chi deve dipendere da te per apprendere la realtà spacciandogli falsità per cose vere.


Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Minsky il Lun 19 Ott - 21:13

AGI ha scritto:Marino in Procura nega tutto
"False le firme sugli scontrini"


20:43 19 OTT 2015

Roma, 19 ott. - Il sindaco dimissionario di Roma Ignazio Marino, è stato sentito per 4 ore dal procuratore aggiunto Francesco Caporale e dal pm Roberto Felici, che indagano sulla legittimità di scontrini e spese per motivi istituzionali e di rappresentanza. L'indagine è stata aperta sulla base degli esposti presentati da Fratelli di Italia e da M5S.
Marino ha respinto ogni ipotesi di illecito e ha spiegato, fornendo una cospicua documentazione, di non aver commesso alcuna irregolarità nelle spese effettuate con la carta di credito, assegnatagli dall'amministrazione comunale.
Accompagnato dal suo difensore, il professore Enzo Musco, Marino è giunto negli uffici della Procura alle 16 circa per rendere dichiarazioni spontanee ai Pm. Ha lasciato il palazzo di giustizia dopo oltre quattro, evitando di incontrare i giornalisti.
A riprova della propria buona fede, Marino ha evidenziato ai magistrati che "alcuni giustificativi di spesa risultano addirittura firmati" quando era all'estero. "E se era all'estero - ha sottolineato in un comunicato il suo legale - non poteva evidentemente trovarsi in Campidoglio a firmare i giustificativi".
Non solo, ma "nella quasi totalita' dei casi i giustificativi recano quale data dell'apparente sottoscrizione del sindaco lo stesso giorno dell'evento: il che è chiaramente impossibile perché - rileva ancora il legale - implicherebbe che il sindaco, terminata la cena, sia rientrato in Campidoglio a sottoscrivere il giustificativo".
Il sindaco dimissionario "non ha mai utilizzato il denaro pubblico per finalità estranee a quelle consentite", ha ribadito Musco, che ha spiegato anche la questione legata all'uso della carta di credito. "Marino ha inteso precisare - si legge in un comunicato - che non ha mai richiesto la carta di credito, che gli è stata invece attribuita dagli Uffici, che non è stato lui a richiedere il riallineamento del plafond della carta da 10 a 50mila euro, come era nella precedente amministrazione e che la seconda carta di credito, attribuita al Capo del Cerimoniale, è stata richiesta per facilitare i pagamenti in occasione di eventi pubblici".
Marino ha voluto rendere dichiarazioni spontanee ai magistrati "per sgombrare il campo da ogni possibile strumentalizzazione della vicenda". Il suo legale Enzo Musco ha fatto sapere che nel corso della sua audizione, Marino ha colto l'occasione per "rivendicare con il giusto orgoglio il merito di essere riuscito ad ottenere donazioni private a favore del Comune di Roma per oltre 10 milioni di euro e di avere intrapreso opere importantissime per l'immagine della città come, a titolo esemplificativo, la riedificazione delle colonne del Foro di Traiano". Marino ha poi chiarito "che la sua decisione, una volta conosciuta questa vicenda, di donare al Comune una somma corrispondente alle spese di rappresentanza dall'inizio del suo mandato, lungi dal costituire un atto di debolezza o, peggio ancora, di ammissione di colpevolezza, ha rappresentato il simbolico gesto di ribellione di una persona onesta".
"Il sindaco Ignazio Marino - ha detto ancora Musco - si è presentato in Procura in veste di persona informata sui fatti per spiegare che non ha commesso alcun caso di malversazione". Il legale ha inoltre sostenuto che "tutte le sottoscrizioni a suo nome in calce ai giustificativi di spesa non sono autentiche. Nella quasi totalità -ha affermato Musco- dei casi i giustificativi ricollegano la causale della cena alla tipologia dell'ultimo appuntamento della giornata programmato nell'agenda del sindaco. Intanto, salvo cambi di programma dell'ultima ora, Marino sarà domani all'udienza, davanti al giudice Anna Criscuolo, per l'esame della richiesta di giudizio abbreviato avanzata dall'ex direttore generale di Ama, Giovanni Fiscon e da altri quattro imputati minori di 'Mafia Capitale'.
Marino, che ha già firmato l'atto di costituzione di parte civile di Roma Capitale in questo procedimento, ha mantenuto ferma l'intenzione, manifestata nei giorni scorsi, di presenziare all'udienza. Fiscon, che gli avvocati Salvatore e Federico Sciullo intendono difendere dall'accusa di corruzione aggravata dall'aver agevolato l'associazione di tipo mafioso diretta da Massimo Carminati, ha chiesto, in particolare, di accedere al rito alternativo condizionato all'audizione di una ventina di testimoni, in buona parte vecchi e nuovi dirigenti di Ama (come gli ex presidenti Daniela Valentini, Domenico Tudini, Giovanni Hermanin, Giorgio Benvenuti e l'attuale numero uno Daniele Fortini) oltre all'ex ad della stessa società municipalizzata dei rifiuti Franco Panzironi, all'ex sindaco Gianni Alemanno e al prefetto Goffredo Sottile, che verrebbe citato nella veste di commissario del governo per l'emergenza Rifiuti di Roma dal 2012 al gennaio del 2015.
Tra gli altri imputati che compariranno domani figurano anche Raffaele Bracci e Fabio Gaudenzi, che rispondono di uno specifico episodio di usura, mentre Salvatori Emanuela, ex responsabile del coordinamento amministrativo per l'attuazione del Piano Nomadi, ed Emilio Gammuto, collaboratore di Salvatore Buzzi nella gestione delle cooperative, sono accusati di corruzione.

A me pare che in sostanza abbia solo detto che le spese non sono state da lui giustificate, non che non ha speso lui i soldi. Molto probabilmente qualche suo tirapiedi si è preso la briga di farlo al suo posto, per risparmiargli la "fatica", e adesso ne approfitta per fare un (maldestro) scaricabarile. Oppure sono io che ho capito male il senso della notizia?

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13439
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Rasputin il Lun 19 Ott - 21:30

Minsky ha scritto:
A me pare che in sostanza abbia solo detto che le spese non sono state da lui giustificate, non che non ha speso lui i soldi. Molto probabilmente qualche suo tirapiedi si è preso la briga di farlo al suo posto, per risparmiargli la "fatica", e adesso ne approfitta per fare un (maldestro) scaricabarile. Oppure sono io che ho capito male il senso della notizia?

A me pare che il senso sia il solito, e per fare un cross posting virtuale, comincio a capire perché da voi rom e sinti proliferano: non sono poi tanto diversi da personaggi del genere, hanno solo la sfortuna di giocare in serie B

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale e inintenzionale.

La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49088
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Minsky il Mar 20 Ott - 8:09

Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:
A me pare che in sostanza abbia solo detto che le spese non sono state da lui giustificate, non che non ha speso lui i soldi. Molto probabilmente qualche suo tirapiedi si è preso la briga di farlo al suo posto, per risparmiargli la "fatica", e adesso ne approfitta per fare un (maldestro) scaricabarile. Oppure sono io che ho capito male il senso della notizia?

A me pare  che il senso sia il solito, e per fare un cross posting virtuale, comincio a capire perché da voi rom e sinti proliferano: non sono poi tanto diversi da personaggi del genere, hanno solo la sfortuna di giocare in serie B

Ma certo. Però non è solo questione di "serie A" o "serie B", la cialtroneria in Cialtronia è un'arte, una disciplina molto simile alla teologia, come struttura e come sfondo culturale.

Esemplare, per esempio, il testo delle motivazioni con cui a suo tempo furono revocati gli arresti (domiciliari) all'allora sindaco di Venezia, Orsoni, indagato per corruzione e finanziamenti illeciti in riferimento alla vicenda MOSE (grassettati miei per evidenziare le meraviglie dialettiche dell'opera):
«
Questo è il parere (favorevole) della Procura della Repubblica di Venezia alla richiesta di revoca degli arresti domiciliari a carico del sindaco Giorgio Orsoni e alla contestuale manifestazione di consenso all’istanza di applicazione pena (patteggiamento). Di seguito riportiamo il testo integrale firmato da Luigi Delpino (procuratore), Carlo Nordio (procuratore aggiunto), Stefano Buccini e Stefano Ancillotto (sostituti procuratori). Successivamente il giudice per le indagini preliminari Alberto Scaramuzza, basandosi su questo documento, revocherà i domiciliari.

Le dichiarazioni rese nell’interrogatorio del 9 giugno appaiono esaurienti e, pur in un’ottica difensiva, ragionevoli.

1) Nella sostanza, il Prof. Orsoni riconduce la sua candidatura ad un'iniziativa del Partito Democratico, alla ricerca di una personalità credibile e idonea ad aggregare un vasto consenso politico. Questa circostanza è verosimile, e coerente con la logica del sistema. È, infatti, noto che al momento della selezione dei potenziali amministratori, i partiti mirano ad accaparrarsi adesioni di personalità politicamente contigue, pur non inserite nella loro struttura interna, al fine di catturare un supplemento di visibilità e di conseguente successo elettorale. E la figura del Prof. Orsoni si prestava - per notorietà mediatica, competenza professionale ed esperienza amministrativa - meglio di qualunque altra ad avvicinare al Partito Democratico molte persone estranee alla sua tradizione politica e ideologica. Di converso, e simmetricamente, è perfettamente credibile che l'indagato non avesse alcun interesse a prendere l'iniziativa per un'avventura che, senza dare garanzie certe di successo, avrebbe costituito un forte sviamento di clientela e di reddito, e una fonte di aggressioni e polemiche consustanziali alle spregiudicate contese elettorali.

2) Quanto alla decisione di accettare finanziamenti provenienti dal Consorzio, il Prof. Orsoni l'attribuisce ad insistenze reiterate e pressanti del Partito Democratico, avanzate dai suoi responsabili politici e contabili, Zoggia, Marchese e Mognato. Queste richieste sarebbero state accolte dall'indagato con riluttanza e soltanto dopo una sorta di intimazione ultimativa. In difetto, avrebbe dovuto provvedere con risorse personali. Anche questa argomentazione è credibile e coerente, non essendo plausibile che un candidato del prestigio del Prof. Orsoni si dovesse dedicare a raccattare fondi con iniziative personali diffuse e petulanti, com'è tradizione nella raccolta di finanziamenti leciti e non. Ben più ragionevole è l'ipotesi che sia stata la stessa struttura del partito ad accollarsi questa gravosa funzione, salvo poi rivolgersi al candidato, una volta inseritolo nella mediatica elettorale, per integrar le risorse e affrontar le spese. In altre parole, una volta spesa la propria immagine in una competizione di risonanza nazionale, il candidato era quasi obbligato ad accedere alle consuetudini funeste dei finanziamenti neri, adeguatamente rappresentategli con argomentazioni serrate dai tre responsabili del partito, come unico mezzo per conseguire il successo finale.

3) Sulla consistenza e l'impiego dei finanziamenti illeciti, è altrettanto credibile che il Prof. Orsoni, pur essendone a conoscenza, non ne abbia tenuto la contabilità e gestito la destinazione. Prima di tutto, perché la sua tradizione accademica e professionale era estranea alla complessa strategia di una gestione finanziaria che presuppone esperienza specifica, abilità relazionale, e spregiudicatezza di approcci. In secondo luogo, perché tutte le sue energie erano rivolte a consolidare e sfruttare la propria immagine di competenza e probità, e sarebbero state disperse, e forse compromesse, se si fossero dispiegate nel compito, più grossolano e meccanico, di sollecitar benefici. Infine, perché è proprio nella tradizione dei partiti demandare a persone diverse dai candidati il compito difficile e spesso ingrato, di procurarsi le risorse per finanziare attività. Se non nei limiti, come nel caso di specie, di sfruttare conoscenze personali per farsi intermediari nell'interesse del Partito.

4) Quanto alla consegna da parte del contributo dal Mazzacurati all'Orsoni, le versioni dei due protagonisti differiscono solo in apparenza e possono in realtà ritenersi coincidenti. Entrambi, infatti, ammettono che il contributo fu versato al fine di sovvenzionare una campagna elettorale che si presentava movimentata e costosa, e che dopo un iniziale versamento vi furono diverse sollecitazioni del candidato sindaco al presidente del Consorzio per finanziamenti ulteriori. Nondimeno, l'erogante riferisce di consegna a casa di Orsoni mentre quest'ultimo nega di aver mai maneggiato denaro. La divergenza è facilmente superabile laddove si ammetta, come una consolidata consuetudine suggerisce e conferma, che tra persone di mondo questi affari si regolano con portamenti concludenti e discreti, senza formule sacramentali e atteggiamenti grossolani. È dunque perfettamente plausibile che la «consegna a domicilio» riferita dall'ing. Mazzacurati sia stata la semplice collocazione di una busta anodina in una stanza qualunque con vereconda indifferenza, seguita dalle consuete reciproche manifestazioni di cavalleresche cortesie. Del resto, nessuna persona ragionevole può pensare che un tale incontro, comprensibilmente imbarazzante per entrambi, si sia concluso con una metodica verifica contabile di una frusciante mazzetta. È inoltre ammessa dall'indagato la circostanza relativa ai contatti con il segretario di Mazzacurati, Federico Sutto, persona la quale, a detta di tutti i chiamanti in correità, era l'addetto alla consegna di somme di denaro decise dal Consorzio. In conclusione, l'articolata e sofferta versione resa dall'imputato, da un lato si configura come ammissione di responsabilità penale in ordine al reato contestatogli, e dall'altro ne mitiga la gravità, riconducendo gli episodi al loro reale connotato: la mera esecuzione di una strategia di finanziamento occulto elaborata dai vertici del partito cui lo stesso non si è opposto ed anzi - sia pur per una propria debolezza - si è prestato, confidando sulla maggior autorevolezza che aveva nei confronti di Mazzacurati. Con il riscontro oggettivo, di fondamentale rilevanza, che a seguito di quei contributi il Pd potette finanziare le iniziative promozionali che aveva minacciato di sospendere se il Prof. Orsoni non vi avesse provveduto, anche con risorse personali. La proposta di applicazione concordata della pena trova il parere favorevole di questo Ufficio. Essa costituisce peraltro, una prima e fondamentale conferma della ricostruzione di un consorzio di illiceità che codesto ill.mo Giudice ha dettagliatamente descritto nell'ordinanza di custodia cautelare, ed è coerente con il venire meno della ragioni cautelative che avevano determinato la richiesta e l'applicazione della misura restrittiva: il pericolo di reiterazione del reato (tanto piu' attuale quanto piu' prossime le nuove elezioni) è, infatti, eliminata dalla volontà di autoesclusione da ogni carica politica e amministrativa manifestata dal Prof. Orsoni; circostanza che a sua volta elimina il rischio di inquinamento della prova legato alla valenza influente della carica ricoperta. Da ultimo, va considerato, che il reato contestato è soggetto a termini di prescrizione estremamente (e irrazionalmente) brevi, e che pertanto il rischio di una sua estinzione per decorso del tempo è reale. La composizione così proposta risponde pertanto non solo a ragioni di equità, ma anche di economia processuale e di ragionevolezza.
»

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13439
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Justine il Mar 20 Ott - 8:14

holubice ha scritto:
Paolo ha scritto:Perchè che tristezza? Forse non hai capito bene. Io non ho detto che da piccolo non mi raccontassero le favole. Solo che mi dicevano che erano favole. E non per questo sono meno belle. Anzi direi il contrario.
Holub  se la tua cultura si fonda sui libri che consigli di leggere ......capisco tante cose di te !
Ed io capisco perché tu non capisca che l'essenziale è invisibile agli occhii ...



crying

Se la realtà fosse "buona", qualsiasi cosa s'intenda per ciò, non occorrerebbero appunto le favole a inventarla

_________________
[...] l'aeroporto c'è, no non c'è, pregasi indagare sulle differenze tra orari di percorrenza e orari sulle tabelle, la fermata si chiama aeroporto ma non è un aeroporto, differenze tra curare e guarire, cantanti lirici londinesi comunisti, 180% dei cinesi [...] (Jess)

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15314
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

http://amarantha.neocities.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ignazio

Messaggio Da Minsky il Mer 4 Nov - 20:34






_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13439
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum